Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 29/09/2008 @ 00:05:41, in Kumpanija, visitato 1775 volte)

Da Mundo_Gitano

 in inglese e spagnolo

Siviglia. 28 settembre 2008 - Mario Maya (Spagna 1937-2008) riconosciuto come uno fra i più grandi ballerini, compositori e coreografi nella storia del flamenco, è morto ieri nella sua casa a Siviglia circondato dai familiari. Maya era nato da una famiglia Rom di Granada ed aveva iniziato da ragazzino la sua carriera nelle Zambras del Sacromonte. Ha dedicato tutta la sua vita al flamenco, ha ricevuto dozzine di premi e girato il mondo con i suoi spettacoli. La sua prolifica carriera include la creazione degli spettacoli "Camelamos Naquerar" ("Vogliamo parlare" in Calo) e "Ay! Hondo" che furono cruciali nel enunciare la repressione e le discriminazioni storiche che i Gitani hanno sofferto in Spagna.

I suoi funerali, tenutisi ieri nella città di Siviglia, hanno visto la partecipazione di centinaia di persone e sono previsti eventi in diverse nazioni per commemorarlo.

Per chi capisce lo spagnolo, questo articolo uscito su EL PAIS

 
Di Fabrizio (del 26/09/2008 @ 14:51:24, in Kumpanija, visitato 3557 volte)

Sono passati circa dieci anni (giorno più, giorno meno) dalla dipartita di Carlo Cuomo, figura chiave nella vita politica e associativa milanese e anche nazionale. Ho ritrovato questo articolo sul vecchio sito dell'Opera Nomadi Milano (da lui presieduta per anni), incredibile come dieci anni dopo sia ancora attuale. Da rileggere con attenzione.

Zingari, cioè Rom di Carlo Cuomo

Per l'italiano medio, "normale", anche se democratico e di sinistra, la parola "zingaro", la vista nel proprio quartiere di una famiglia di zingari (la roulotte, i moltissimi bambini, le donne con le gonne lunghe) provocano inquietudine, diffidenza, qualche ribrezzo.

Nessun'altra minoranza etnica suscita un così forte e totale sentimento di "sgradevolezza", nessuna è altrettanto misconosciuta, ignorata. Noi, i "gagé" - i non zingari - non sappiamo niente di queste comunità, di questo piccolo popolo che vive tra di noi da più di cinque secoli. Ma crediamo di sapere. Al posto della conoscenza mettiamo un mito e crediamo che il mito sia conoscenza.

"Sono molti, moltissimi - pensano i "gagé" -, dilagano, ci invadono; sono vagabondi senza arte né parte, nomadi disordinati; sono pigri e ladri; maltrattano e sfruttano i loro bambini; non sono una realtà etnica, sono una realtà malavitosa; sono infidi, violenti, pericolosi; sono - come recitava il titolo di un vecchio film sui borgatari romani - "sporchi, brutti e cattivi". Nel nostro immaginario collettivo questo mito negativo convive, a sprazzi - complice un po' di mediocre cinema e mediocrissima letteratura e tanti ambigui nostri desideri -, con un mito diverso, opposto, che esprime fascinazione: "Sono liberi, "figli del vento"; sono musicisti straordinari; le loro donne sono voluttuose e i loro uomini fieramente virili; non si piegano alle false lusinghe della civiltà e del progresso; loro sì, che sono felici!" La diversità basta non vederla com'è, basta esorcizzarla nei sogni delle nostre nevrosi, delle nostre paure, dei nostri ambigui desideri.

Prevale, comunque, fortemente, il primo mito, quello negativo. Ogni fatto di cronaca viene accolto se conferma il mito, rimosso se lo contraddice. Se Brambilla ruba, conferma semplicemente che ci sono i ladri; se uno zingaro ruba, conferma che gli zingari sono tutti ladri; se un bambino viene stuprato in una famiglia borghese di Milano o venduto a Napoli o prostituito ad Amsterdam c'è allarme per la sorte e il destino dell'infanzia; se un bambino zingaro viene "ceduto" per svaligiare appartamenti, si rafforza la nostra certezza che gli zingari maltrattano e sfruttano i loro bambini. Eccetera. Non bisogna stupirsi. Già nell'Ottocento (e ancora oggi...) quanta parte dell'opinione pubblica rimuoveva il funzionamento strutturale della finanza e dell'industria capitalistica per vedere solo il finanziere ebreo o, nella Francia cattolica, la "banque protestante"? E Lenin definiva l'antisemitismo "il socialismo degli imbecilli"... Non si tratta, badate bene, di un mito negativo passivo. Esso viene agito. Questo nostro "sguardo" sulla realtà zingara ha drammatiche conseguenze pratiche su di loro.

Sulla localizzazione delle loro comunità, per esempio. I campi attrezzati dai Comuni (pochi, bruttissimi) bisogna cercarli lungo le ferrovie, le tangenziali, i canali, le periferie più abbandonate, lontani dalle linee di trasporto, dai servizi, dai negozi, dalle scuole. Lontani dai luoghi della "gente per bene". Gli stessi zingari, per i loro insediamenti spontanei, scelgono di sfuggire al nostro "sguardo" e di stare lontani e nascosti. "Popoli delle discariche", scrive Leonardo Piascre. Popoli che le nostre sinistre paure collocano nelle nostre discariche. Di fatto, per gli zingari vige l'apartheid.

Non solo per gli insediamenti. Certo, nessuna legge vieta loro di prendere i mezzi di trasporto, di entrare nei negozi e nei bar, di andare a scuola, di frequentare i servizi sanitari. Ma entrare in un negozio o in un bar è entrare nel territorio del sospetto, della fretta di servirti per vederti uscire; a volte, non ti servono. Se prendi un tram, la gente si scansa. Ci sono medici di base che rifiutano l'iscrizione di zingari o che, come ripiego, chiedono loro di frequentare l'ambulatorio solo determinati giorni, per "non disturbare la gente normale". Ci sono stati scioperi di genitori perché gli zingarelli non frequentassero la scuola e scuole che ne scoraggiano l'iscrizione; nelle scuole, quando va bene, c'è assistenzialismo paternalistico e solo in pochi casi c'è accoglienza vera, intelligente e rispettosa. Se uno zingaro cerca lavoro deve nascondere la propria appartenenza etnica, camuffarsi, mentire; se no, il lavoro offerto scompare d'incanto. Un bambino zingaro cresce così, sotto questo sguardo, in queste condizioni, in questo clima di fastidio, diffidenza, disprezzo. Nell'apartheid. Ed è questo che partorisce, fra gli zingari presenti in Italia, tassi di morbilità, di mortalità, di analfabetismo, di disoccupazione che sono a livello boliviano o honduregno. Ed è questo che partorisce anomia.

Le cose cambiano? Sì, un po', lentamente, faticosamente. Ma la realtà, guardata dal punto di vista degli zingari, è essenzialmente quella: il fastidio, la diffidenza, il disprezzo, l'apartheid. Immobili, permanenti, pesantissimi.

Minoranza misconosciuta, dicevamo, ignorata. Ormai sappiamo nominare gli esseri del sud e del nord, i ceceni, i turchi gagauzi, gli armeni e gli azeri, gli abkhazi, i musulmani della Bosnia, gli albanesi del Kosovo e della Macedonia, gli ungheresi della Voivodina e della Transilvania, le comunità etniche di Los Angeles una per una - ma non sappiamo riconoscere e nominare quell'arcipelago di comunità che formano, fra di noi, il popolo zingaro. Gli si nega l'identità socio-economica, etnica, linguistica, storica. Sappiamo tante cose sulla natalità e mortalità nel mondo, sulla fame, le malattie; ma ignoriamo quei pochi drammatici dati socioeconomici che riguardano donne, uomini, pochissimi anziani e moltissimi bambini che da cinque secoli vivono fra di noi. Pensiamo alla Spagna del 1492 e per noi significa scoperta dell'America, cacciata degli Ebrei e dei Mori; e rimuoviamo il bando antizingaro del 1499. Parliamo di Maria Teresa d'Austria ma non sappiamo niente del suo tentativo di etnocidio culturale degli zingari. Parliamo dell'Olocausto ma cancelliamo il loro Olocausto: 500.000 morti nei lager. Celebriamo la Resistenza ma rimuoviamo la loro partecipazione alla lotta armata. Da anni, inchiodati davanti alle nostre TV, ci indigniamo per gli eccidi nell'ex Jugoslavia; ma non ci interroghiamo mai sulla sorte degli zingari jugoslavi, su cosa significhi, nell'orrore generalizzato, l'essere zingaro musulmano, oggi, nella Bosnia o nell'Erzegovina (e quando, per sfuggire all'orrore, arrivano tra di noi, devono - per scansare la nostra ostilità nascondersi nelle discariche delle nostre periferie più degradate dove i loro bambini muoiono di freddo o nei roghi di fuochi improvvisati e da dove ordinanze sindacali e prefettizie li sgomberano brutalmente). L'apartheid, quindi, non è solo territoriale, comportamentale; è anche apartheid cognitivo: segreghiamo gli zingari nelle periferie oscure della nostra ignoranza per farli riaffiorare nei luoghi mitologici delle nostre paure.

Con questo numero del Calendario del Popolo vorremmo dare un contributo al passaggio dal mito alla conoscenza della realtà zingara e, quindi, dalle ricadute pesanti e discriminatorie del mito negativo all'azione consapevole e rispettosa che può nascere da una conoscenza razionale. Precisiamo, quindi, in apertura, alcune semplici verità.

  • Gli zingari non sono "molti, moltissimi", non dilagano, non ci invadono. Sono, in un Paese di circa 56 milioni di abitanti, 100/110.000 (circa il due per mille della popolazione italiana...) di cui 70/80.000 cittadini italiani e 20/30.000 cittadini stranieri provenienti, per l'essenziale, da varie parti dell'ex Jugoslavia. Sono pochi, pochissimi quindi e non tendono a concentrarsi in specifiche parti del territorio. Le loro scelte insediative si basano piuttosto su strategie di dispersione territoriale. Quasi metà di questo piccolo popolo ha meno di 15 anni, meno del 3% supera i 60 anni. Isolati nelle nostre periferie più degradate, gli zingari muoiono giovani. I tassi di morbilità e di mortalità sono alti fra gli adulti, altissimi fra i bambini. La scolarizzazione è bassa e irregolare, l'analfabetismo diretto o di ritorno diffusissimo; la disoccupazione, generalizzata. Nessun paragone è possibile con la struttura demografica, le condizioni di salute, la scolarizzazione, l'inserimento al lavoro del resto della popolazione.
  • Sono arrivati nel nostro Paese in momenti diversi: i sinti dal Nord, via terra, nei primi anni del Quattrocento; i rom nell'Italia meridionale, via mare, provenienti dalle zone grecofone del morente Impero bizantino, nella seconda metà del Quattrocento; gli harvati, dall'est, con le modifiche territoriali della prima guerra mondiale e (già allora!) con le tragedie che la seconda guerra mondiale aveva creato in Slovenia, Croazia, Istria, Dalmazia. Più recentemente, a partire dagli anni '60, la crisi economica jugoslava ha prodotto una ripresa di movimenti dall'est verso l'Italia e, infine, il precipitare della guerra, delle pulizie etniche e dei massacri un arrivo massiccio a partire dal 1991.
  • Definirli "nomadi" è sbagliato e fuorviante. Il nomadismo, con certe forme e certe sue regole, è uno dei modi di essere delle comunità zingare; sono numerosissimi invece - nel tempo storico e nello spazio geografico - i gruppi semi sedentari o compiutamente sedentarizzati, per esempio nell'Italia centrale e meridionale, in Spagna, in Ungheria, in molte parti dell'ex Jugoslavia, nell'impero bizantino e in quello ottomano, a Bassora sin dal VII secolo. Meglio definirli ("nominarli", come dicevamo sopra) zingari, come vuole una tradizione "gagé" consolidata, o, meglio, con i sostantivi Rom e Sinti, come si autodefiniscono, seguiti, volta per volta, da un aggettivo specificativo (harvati, kalderaš, xoraxané, abruzzesi, eccetera). Sono - in Italia come nel resto del mondo - un popolo, composto di tante comunità distinte. Ed è come tali che vanno riconosciuti, nominati, individuandone le diversità specifiche, comunità per comunità, e i tratti comuni.
  • Parlando di zingari, occorre tenere distinti gli aspetti giuridici da quelli antropologici. Giuridicamente, con tutte le conseguenze pratiche che ciò comporta sul piano dei diritti formali, si possono distinguere gli zingari presenti in Italia sulla base della cittadinanza: cittadini italiani (la maggioranza), cittadini della Comunità europea (francesi, spagnoli, ecc.), cittadini extracomunitari (soprattutto ex jugoslavi). Antropologicamente, però, è molto più significativo sul piano scientifico e più rispettoso della soggettività delle comunità zingare distinguere per aggregazioni e comunità etnico-linguistiche: vedi la tradizionale distinzione rom/sinti, indipendente dalla cittadinanza; i lovara, di origine ungherese-rumena ma spesso, nelle stesse comunità presenti in Italia, con cittadinanza o italiana o francese o spagnola; l'intensità di rapporti tra rom harvati, cittadini italiani, e rom sloveni, croati, istriani, dalmati, cittadini ex jugoslavi, confrontata con la freddezza di rapporti tra rom harvati e rom abruzzesi, cittadini italiani gli uni e gli altri.
  • Gli zingari sono quindi un popolo articolato in comunità, plasmato dalla sua storia - storia della difesa orgogliosa della propria identità e storia delle proprie strategie di adattamento al mutare delle situazioni, interagendo con le culture ospiti - e dalla nostra secolare ostilità, dal suo modo di rispondere, per secoli, alla storia delle nostre persecuzioni. Un popolo portatore di tradizioni e di culture: modi specifici di rapportarsi al cibo, al sesso, agli anziani e ai bambini, di definire e vivere le regole della comunità. Un popolo che parla una lingua neo-indiana, divisa in dialetti frutto dei modi diversi in cui questa lingua ha interagito, nel tempo storico e nello spazio geografico, con le parlate dei popoli incontrati e dei paesi attraversati - ma con un robusto fondo comune lessicale, morfologico, sintattico. Sono - qui e oggi - un certo modo, contraddittorio e lacerante, di tenere insieme, in un equilibrio instabile, valori e modelli di vita tradizionali con i valori e modelli che la TV, in ogni sgangherata roulotte, propone loro quotidianamente. Sono il prodotto del nostro disprezzo di oggi, che li accompagna dalla culla alla tomba; della segregazione nei nostri meschini e mediocri campi comunali; dei brutali e continui sgomberi notturni che sbattono gli "abusivi" da una discarica all'altra. E della loro resistenza-adattamento a tutto questo.

di Carlo Cuomo - tratto da "Il calendario del Popolo"

 
Di Fabrizio (del 22/09/2008 @ 18:05:00, in Kumpanija, visitato 1910 volte)

Da British_Roma

Sono estremamente dispiaciuto nell'informarvi che la nostra cara amica Sylvia Dunn è passata a miglior vita, dopo una lunga malattia. Voce grande e forte del movimento Zigano e Traveller. Fondatrice dell'Associazione delle Donne Zingare in GB, ha portato la situazione di Dale Farm nel cuore delle cronache mondiali, combattendo per i diritti dei nostri bambini e delle nostre donne. Onestamente, assieme a Len Smith, fu guida saggia e materna, una delle più forti nostre sostenitrici in Europa. Si candidò contro Michael Howard alle elezioni nazionali. Per questo e molto altro, Grazie Sylvia, per la tua guida e il tuo spirito.

Joe Jones

Gypsy Council
International Gypsy & Traveller Affairs
Traveller Law Research Unit
(Cardiff University)
European Romany and Traveller Forum
National Federation of Romany Gypsies & Irish Travellers

Moate farm, Stodmarsh Road, Canterbury, Kent, CT3 4AP
01227 789652/07765 174141

[...]

 
Di Fabrizio (del 12/09/2008 @ 13:46:31, in Kumpanija, visitato 1276 volte)

Da Federazione Rom e Sinti insieme

Il 18 maggio 2008 si è costituita la "Federazione Rom e Sinti insieme" con l’approvazione dello statuto e la elezione degli organi sociali, che resteranno in carica fino al 30 Aprile 2009, tale breve periodo è stata una scelta per dare la possibilità ad altre organizzazioni e singole persone di aderire alla Federazione e quindi di partecipare attivamente alla elezione degli organi sociali per il triennio 2009/2011.

Le organizzazioni Rom e Sinte e le singole persone sono invitate a prendere visione dello statuto sul blog della Federazione e formulare la richiesta di iscrizione, alla prossima assemblea del 27 Settembre 2008 si delibererà in merito alle richieste pervenute.

Continua il lavoro della federazione in Italia ed in Europa per perseguire le finalità dello statuto, in particolare per concretizzare un ruolo attivo e propositivo dei Rom e dei Sinti, il dialogo diretto con il Governo, le Istituzioni nazionali, le Istituzioni Europee, per affermare la cultura della legalità ed il contrasto agli abusi di potere.

Lo scorso 10 Luglio 2008 la federazione Rom e Sinti insieme ha promosso a Roma la sua prima iniziativa, un’Assemblea pubblica per dire BASTA alla discriminazione, alle politiche differenziate per Rom e Sinti, e chiedere l’avvio di un dialogo diretto con il Governo Italiano e le istituzioni Nazionali.

Il 12 luglio il presidente della Federazione ha inoltrato la richiesta di incontro ai Prefetti di: Napoli, Roma, Milano ed al Ministro dell’Interno Roberto Maroni.

Nel mese di Luglio due diverse delegazioni della Federazione hanno incontrato i prefetti di Milano e di Roma ed il prossimo 16 Settembre ci sarà l’incontro con il Ministro dell’Interno.

Il prossimo 16 Settembre due importanti impegni attendono la federazione:
1. Una delegazione della Federazione composta dal vice presidente Radames Gabrielli, dal segretario Graziano Halillovic e dalla consigliera Eva Rizzin saranno a Bruxelles per partecipare al primo vertice della Commissione Europea dedicato a Rom e Sinti;
2. Un’altra delegazione della federazione composta dal presidente Nazzareno Guarnieri, dal vice presidente Demir Mustafà e dal consigliere Davide Casadio incontreranno il Ministro dell’Interno Roberto Maroni.

Le delegazioni della federazione presenteranno a questi incontri proposte concrete negli obiettivi e nelle strategie.

Numerosi altri contatti sono in corso da parte della Federazione per definire di incontrare Ministri (Pari opportunità e Politiche sociali), istituzioni (Prefetto di Napoli, audizione in Commissione cultura/istruzione e Commissione politiche sociali) e partiti politici di governo e di opposizione.

 
Di Fabrizio (del 25/08/2008 @ 16:19:38, in Kumpanija, visitato 1552 volte)

Da Chiesa Evangelica Zigana in Italia

Lettera aperta per le richieste negli ultimi anni
Vicenza, 24 gen. 08
Gentile Sotto segretario Lucidi,

La Missione Evangelica Zigana (M.E.Z) è un ente morale senza scopo di lucro[1] legalmente riconosciuta dal governo italiano.

Diffusa in Italia intorno agli anni 80, la M.E.Z trovò il proprio impulso nel risveglio religioso francese nel 48, opera che non si è mai arrestata, e che oggi risulta essere altamente diffusa in tutto il territorio nazionale con lo scopo di raggiungere in particolare le popolazioni sinte e rom ma offrendo il messaggio evangelico a tutte le persone che si vogliono avvicinare al signore senza alcuna distinzione. In questi vent’anni moltissime persone si sono convertite al vangelo partecipando assiduamente ai culti religiosi.

La Missione oltre a svolgere il suo compito religioso e spirituale per mezzo della parola di Dio si è dimostrata efficace anche dal punto di vista sociale, poiché numerosi sinti e rom attraverso la fede sono riusciti ad esercitare un riscatto morale all’interno della società.

Molti membri della Missione stanno iniziando personalmente un impegno per contrastare le discriminazioni subite dalle popolazione sinte e rom, la finalità è la costituzione di organizzazioni senza scopo di lucro con l’obbiettivo di rendere le società sinte protagoniste sociali pensanti, anche attraverso la promozione di politiche di interazione, di partecipazione diretta e di mediazione culturale.

Negli ultimi anni la Missione si è trovata sempre in piu’ difficoltà nel reperire delle aree in tutt’Italia di sempre maggiori dimensioni dove poter svolgere i propri convegni religiosi. Attualmente la M.E.Z ha raggiunto i sinti e i rom in tutt’Italia, la partecipazione è molto ampia e moltissime famiglie raggiungono i convegni anche facendo tantissimi chilometri. Tali importanti momenti di preghiera ed incontro prevedono l’installazione di un tendone e l’accoglienza di roulotte e camper di fedeli provenienti da diverse parti d’Italia.

Pur avendo i permessi per professare il culto, innumerevoli sono gli ostacoli che quotidianamente troviamo presso i comuni che spesso non ci autorizzano l’uso di terreni comunali o privati per i convegni evangelici. L’esistenza di un pregiudizio diffuso nei confronti dei rom e sinti induce spesso le Istituzioni Locali a fare degli accostamenti generalizzati di un intero gruppo etnico con determinati fenomeni di criminalità, un pregiudizio che sostanzialmente ostacola la concessione dei permessi. In Francia la M.E.Z è supportata dal Governo francese che offre l’uso di aree aereoportuali dimesse per poter svolgere i convegni religiosi e permettere a tutti di partecipare ai raduni spirituali. Con la presente vorremmo sensibilizzare le autorità competenti affinché agevolino la nostra opera di evangelizzazione. In particolare chiediamo che i Prefetti possono intervenire sui Sindaci affinché sia garantito ai sinti e ai rom il diritto di professare liberamente la religione evangelica.

In attesa di un Vostro riscontro, porgiamo i più cordiali saluti

Davide Casadio e Elvis Ferrari
M.E.Z (Missione Evangelica Zigana)

 
Di Fabrizio (del 23/08/2008 @ 09:13:43, in Kumpanija, visitato 1746 volte)

Un altro racconto breve di Iryna Chumakova

Il giovane leghista di trent’anni posa sorridente ed impettito insieme con la sua donna davanti alla telecamera, con orgoglio sa di apparire in una delle più quotate tv locali, rigorosamente della Lega. In paese parleranno tutti di lui che ha partecipato all’ormai leggendaria manifestazione di Pontida, allestendo un piccolo gazebo. Una sorta di sfida tra i vari gruppi partecipanti, ogni gruppo vuol far vedere di essere valido, sia in politica, sia nel commercio sia nell’azione… parlano del volantinaggio di domani davanti a tutte le scuole della Padania, per sostenere la disuguaglianza sociale tra un cittadino Padano e un cittadino del sud, e anche per cacciare via questi folli immigrati clandestini che attentano alla sua incolumità.

"Oggi – dice davanti la telecamera - queste nuove generazioni di giovani sentono molto di più sulla propria pelle le problematiche di immigrazione, di sicurezza e vogliono vivere nella propria terra senza la paura di essere rapinati da extracomunitari che, nascosti sotto la cosiddetta "integrazione", cercando di fregarti. No... basta! lo dobbiamo impedire a tutti i costi.

la Lega è tornata di moda, ha successo tra i giovani per la comunanza di linguaggio, di mentalità, di azione. La Lega Nord è una confederazione di più movimenti politici autonomisti che attualmente ripropone il progetto di uno Stato federale e si batte per l'attuazione di norme più severe per contrastare l'integralismo islamico; enfatizza anche la lotta all'immigrazione clandestina."

Il giovane continua a parlare con maggiore tracotanza, ma all’improvviso cade a terra privo di sensi. La sua malattia, dovuta ad una malformazione del cuore congenita, ha avuto la prevalenza.

Trasportato di corsa in ospedale risulta subito un caso disperato… occorre un trapianto del cuore; lo sapeva e aspettava da tempo la disponibilità dell’organo.

…Intanto l’unico genitore in vita di Niko, ha dato il via libera alla donazione degli organi del figlio, morto proprio quella mattina in una strada lì vicina. Niko è un Rom, di una comunità Sinti, lombarda.

"Credo che la donazioni di organi - conclude il padre fra il pianto - rappresenti un'espressione di altissima solidarietà , mio figlio sarebbe d’accordo."

Dopo l’operazione riuscitissima ed una breve convalescenza, il giovane leghista torna a vivere, compra un mazzo di rose bianche e si reca al cimitero, curioso di conoscere il benefattore. Apprende cosi la verità, lascia i fiori nella tomba e torna a casa piangendo… finalmente un "cuore nero" continuerà a battere sotto la sua camicia verde.

IRYNA CHUMAKOVA

 
Di Fabrizio (del 22/08/2008 @ 18:20:43, in Kumpanija, visitato 2269 volte)

Ciao invio un articolo su Bruno Morelli, rom abruzzese, socio della "Federazione Rom e Sinti Insieme"
Maria Grazia Dicati

da Il Messaggero
di PINO VERI

AVEZZANO - Non poteva non esserci un rom di Avezzano nella "Federazione" costituitasi al Ministero degli Interni quale organo consultivo per decidere i nuovi rapporti tra rom e sinti (le due entie zingare esistenti in Italia) ed il Governo, alla luce delle recentissime raccomandazioni dell’Europa sulla vicenda.

Non poteva non esserci dal momento che i rom ad Avezzano costituiscono una nutrita "colonia" da tempo inseritasi nel tessuto marsicano, ed in stretto contatto con le altre famiglie abruzzesi e romane.

Si tratta di Bruno Morelli, 49 anni, una maturità artistica conseguita a Roma al liceo e poi la laurea in Belle arti. E’ tornato in Abruzzo per le ferie ma, fino a ieri, è stato impegnato su più fronti: "Abbiamo lavorato a lungo assieme ai tecnici del Ministero. E devo dire di aver trovato la massima disponibilità. Dei rom sanno poco: abbiamo parlato di istruzione, di sanità, di casa. Non sono l’unico abruzzese, ce ne sono altri tre o quattro, ma, insomma, devo dire che si tratta di un confronto abbastanza serrato".

Morelli parla dell’Europa, delle raccomandazioni fatte al Governo italiano di non isolare questa comunità e dello sforzo reciproco per far si che questo non accada. Stupendo ed affascinante il suo mondo. Morelli vive tra Avezzano e Roma: in Marsica ha il suo studio nel quale dipinge.

Quadri stupendi, opere di un fascino coloristico assolutamente ineguagliabile. E l’ambiente? Tipicamente zingaro: una casa rigorosamente in periferia, fuori, abbastanza curata ma, dentro, quasi una reggia. Principesca e coloratissima: nulla di eccezionalmente ricco ma arredata con gusto da opere d’arte (sculture e quadri) di evidente ispirazione zingara.

 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 09:21:54, in Kumpanija, visitato 1551 volte)

Da Mundo_Gitano

ELTIEMPO.COM vida de hoy I bambini gitani in Colombia convivono tra la modernità ed i loro costumi ancestrali Por: JOSÉ ALBERTO MOJICA P.

Foto: Claudia Rubio / EL TIEMPO Nella casa di Geraldín, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, vivono 23 persone. Suo papà è un artigiano del rame

A Bogotá passano inosservati perché sono immersi nella società. Dicono che qui stanno meglio che in altri paesi dove sono perseguiti. Cronaca

"Sì, sono Gitana", confessò Geraldín Gómez davanti ai suoi compagni di classe, quando un'insegnante le chiese se era vero quello che si commentava nella scuola, Questo successe appena un mese fa.

"Non l'avevo detto prima perché, anche se non è un segreto, non è neanche da raccontare a tutti", dice la ragazza, 12 anni, studente di quinta della primaria.

Le sue amiche, stupite, le chiedono con curiosità se vive nelle tende, come mostrano le telenovelas e le pellicole, e poi le han chiesto di leggerle la mano.

Anche se ha ereditato le tradizioni della sua cultura millenaria dai suoi genitori e dai nonno, e domina la lingua del popolo Rom, la chiromanzia non le piace. Di più, chiarisce che si tratta di arte con cui si nasce e che lei non possiede.

Geraldín è quasi una donna, di più: una bella donna. E questo preoccupa sua padre, un uomo forte che, come la maggioranza dei maschi Gitani, si guadagna la vita come artigiano del rame.

E' uso sposarsi a 15 anni

In casa sua, dove vivono 23 persone, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, condivide una stanza con fratelli e genitori.

Per l'età e la bellezza di Geraldín, il padre confessa di pensare di ritirarla da scuola. "Lo studio va bene, però fuori, con i 'gadzhe' (non Gitani), può perdere le sue tradizioni. Inoltre, è quasi una donna e gli uomini possono infastidirla", sostiene.

E oltre al futuro, che spera per sua figlia, come comandano le leggi del popolo Rom, è che a 15 anni abbia già una famiglia, con un uomo della sua comunità.

Però lei, come in molti di questi tempi, la pensa diversamente. E questo, secondo Dalila Gómez, Coordinatrice Generale del Processo Organizzativo del Popolo Rom di Colombia (PRORROM) - che cerca di garantire i diritti collettivi del suo popolo - si è convertito in un problema.

"Anche se hanno ereditato l'idioma ed i costumi, è impossibile pretendere che siano uguali ai Gitani di altre epoche. Vivono una dualità: tra il mistico ed il mondo contemporaneo", sostiene Dalila, una delle poche Gitane in Colombia che hanno una professione precisa. E' ingegnere industriale e lavora per lo Stato.

Ha dovuto confrontarsi coi suoi genitori e con tutta la comunità quando decise che, invece di sposarsi così giovane, voleva studiare.

Oggi non è solo la leader più visibile del popolo Rom nel paese, ma si è convertita in un modello per i giovani.

Il suo mondo è il moderno

Dalila aggiunge che, da circa due decadi, i bimbi Gitani non hanno vissuto la vita itinerante dei loro antenati, che il tema della chiromanzia e dell'artigianato non li emoziona, e che le tendenze attuali come la musica e Internet sono parte della loro quotidianità.

Nonostante, Geraldín afferma che i bimbi Gitani in Colombia sono fortunati, rispetto ai loro coetanei in Europa.

Da poco, si è interessata alle notizie dall'Italia dove si è generata una polemica sulla proposta del Governo di questo paese di prendere le impronte digitali ai bambini di questa etnia al fine di evitare che mendichino.

Ed ha saputo anche che due bambine Gitane sono morte affogate in una spiaggia italiana, di fronte allo sguardo indifferente dei turisti. "Questo è inumano, e assurdo. Siamo persone come le altre, non una piaga come molti ci vedono", dice.

Geraldín rispetta le intenzioni di suo padre, però spera che comprenda che i tempi sono cambiati e che lei può ottenere una professione senza smettere di essere Gitana, come ha fatto Dalila, sua zia. Tanto che vuole montare una propria accademia di danza ed essere cantante, mentre va all'università.

"Nessuno sa cosa può succedere col futuro della bimba, però io l'appoggio. Voglio che studi e abbia una vita migliore. Essere Gitano, andare da un posto all'altro, non avere nulla, è molto difficile", dice sua madre, Miryam.

Geraldín sa che ha davanti una lotta ferrea col suo destino. Non vuole ripetere la storia di sua madre, vuole diventare un professionista, senza smettere di essere una buona Gitana.

"Il futuro per i Gitani non esiste. Il futuro è oggi e ora. Aspettiamo di vedere cosa succede quando arriva il momento di decidere", dice.

Qui vivono in 5.000

In Colombia, secondo il censimento del 2005, vivono circa 5.000 gitani. Di questi, 1.446 sono minori. Sono considerati come etnia dallo Stato dal 1998.

Gli uomini vivono del commercio informale, dell'artigianato dei metalli e del rame e della riparazione di macchine pesanti. Le donne si dedicano alla chiromanzia, al cucito ed alla cura della casa.

I gitani sono originari del nord dell'India. La loro presenza in Colombia iniziò nel XIX secolo. Arrivarono in America Latina col terzo viaggio di Colombo.

Bogotá, D.C., 16 de agosto de 2008. Redacción Vida de Hoy. El Tiempo.

 
Di Fabrizio (del 18/08/2008 @ 08:41:24, in Kumpanija, visitato 2410 volte)

Da British_Roma

Ustiben report I "CHAVEYS" (RAGAZZI) DI DALE FARM ELEGGONO I LEADER DELLA GIOVENTU' By Grattan Puxon

La foto è tratta da 24dash.com

Mentre i membri del consiglio di Basildon devono discutere il mese prossimo sul rafforzamento delle azioni contro il Centro San Cristoforo di Dale Farm, questa settimana (12 agosto) i più giovani si sono riuniti nell'edificio per formare la loro organizzazione.

Sotto la guida ispiratrice degli attivisti Angie e Bluey Jones, hanno eletto il gruppo che unirà tutti i giovani della più grande comunità di Viaggianti, che da sette anni è sotto assedio. Hanno intitolato il loro nuovo gruppo Dale Farm Chaveys.

"Sono amico di tutti," ha detto Jimmy Harbour, il primo presidente dei Chaveys. "Ci sarà spazio per tutti nella nostra nuova organizzazione."

Condivide la presidenza Lily Williams, scelta tra i membri fondatori, di un'età tra i nove e i tredici anni. Hanno concordato di affiliarsi alla Gypsy Council Youth Division.

E' stato eletto un comitato di dieci, la più giovane ha nove anni e si chiama Eileen O'Brien. Eileen, che si distingue per essere nata l'8 aprile, giorno internazionale dei Rom, apporterà le sue capacità nell'uso del computer come segretaria dei media.

Motivati dalla partecipazione del pugile Romanì Billy Joe Saunders alle Olimpiadi di Pechino, i ragazzi sperano di includere la formazione pugilistica nelle attività del gruppo.

"La boxe piace a molti di noi," ha commentato il vice-presidente Tommy Connors. "Inviteremo Francy Barrett, un altro pugile olimpico del nostro gruppo, a visitarci a Dale Farm."

Katie Goldsmith, segretaria della Gypsy Council Youth Division, che ha contribuito a tenere la riunione, dice di aspettarsi molto di più quando simili gruppi giovanili saranno formati in GB.

I giovani hanno completata la giornata piantando una quercia per ricordare la fondazione dei Dale Farm Chaveys. Sperano che il loro centro ed il nuovo club siano visti come un positivo successo e di ottenere aiuto per allargare il numero dei membri e le attività

Nel contempo, Basildon ha emanato un ordine per radere al suolo San Cristoforo, lamentando che l'edificio non ha un permesso di edificazione. Tuttavia, la ditta fornitrice dice che essendo una struttura temporanea non necessita di permessi.

"Questo è il terzo centro che costruiamo nella nostra campagna per i diritti civili che dura da cinquant'anni," ha detto Richard Sheridan, presidente del Consiglio Zingaro. "Il primo venne bruciato dalla Dublin Corporation. Ma Dio volendo questo non verrà distrutto deliberatamente."

Sheridan ha detto di dover tuttavia ammettere che Basildon non ha consegnato i suoi piani per distruggere l'insediamento di Dale Farm. Se al comune verrà permesso di farlo, sarà deciso il 5 dicembre in una seduta del Tribunale d'Appello.

La formazione per il gruppo dirigente dei Chaveys verrà fornita dell'operatrice per la gioventù Caroline Flynn. Ha detto in seguito di aver visto raramente giovani così acuti ed ambiziosi.

"Hanno un grande spirito e andranno lontano," ha detto Caroline. "Dobbiamo dar loro questa possibilità."

Published by Jon Land

 
USA
Di Fabrizio (del 25/07/2008 @ 09:10:01, in Kumpanija, visitato 1548 volte)

Da Czech_Roma

Dina Gottliebova Babbitt (o Dinah), è l'artista che dipinse e disegnò gli orribili disegni del dottore di Auschwitz conosciuto come Angelo della Morte, Josef Mengele. Mengele le comandò anche di dipingere i ritratti ad acquarello di diversi zingari, che erano anche loro detenuti ad Auschwitz, per catturare quello che lui chiamava il colore delle pelle zingara meglio di quanto potesse fare con la sua macchina fotografica o coi film del tempo. Una volta che i ritratti furono completi, con orrore di Dina, Mengele mandò gli zingari a morte.

Secondo il sito web del Museo di Auschwitz-Birkenau, sette di quei ritratti furono scoperti dopo la II guerra mondiale fuori dal campo di sterminio di Auschwitz, da  cui furono rimossi senza permesso legale, nei primi anni '70 e venduti al Museo di Auschwitz-Birkenau da gente che apparentemente non sapeva che l'artista, Dina Babbit, era ancora viva e viveva in California (Se questa informazione fosse stata rimossa dal sito web del Museo, ho ancora la pagina web salvata. Contattatemi per vederla su carta intestata del Museo). Il Museo chiese a Dina di andare ad Auschwitz per identificare il suo lavoro. Però, dopo che lo fece, il Museo nel le permise di portare i disegni con sé. Il rifiuto del Museo di lasciare a Dina i dipinti iniziò la sua re-incarcerazione come ostaggio del campo di sterminio di Auschwitz.

E' stata sparsa molta disinformazione sullo scopo di Dina nel chiedere indietro i suoi lavori originali. La verità è che non ha desiderio alcuno di nascondere i ritratti degli zingari dalla storia. In effetti, niente potrebbe essere oltre la verità. Una volta che fosse in possesso dei suoi ritratti, lei intende mostrarli nei musei sull'Olocausto negli Stati Uniti, dove vive libera, e nel mondo. Il Museo di Auschwitz-Birkenau mostra soltanto delle copie per ragioni di sicurezza.

E' stato chiesto: "Perché Dina non portò con sé i disegni quando se ne andò?" La ragione è che si trattava di una marcia di sterminio.

E' stata anche spedita a Dina una lettera dicendo che se qualcuno aveva diritti sui dipinti, quello era Josef Mengele. Un suggerimento nauseante. Sto cercando la lettera originale e la posterò sul sito quando la trovo.

Dina è legalmente accreditata dal Museo come la legittima proprietaria dei suoi lavori e deve firmare ogni volta una liberatoria quando vuole riprodurre i suoi lavori. Ha sempre accomodato col Museo e non ha mai preso nessuna compensazione monetaria, per ciò che le è intitolato, per la riproduzione dei suoi lavori. Ha sempre chiesto al Museo di Auschwitz-Birkenau di dare il denaro guadagnato dalla riproduzione dei suoi ritratti ad acquarello a cause che appoggino i Rom. Tuttavia ora il Museo ribatte che, avendo comprato i dipinti da altra gente, il Museo non deve tornare a Dina i suoi ritratti originali. Ora il diritto internazionale ha stabilito che il possesso di materiale illustrativo rubato non autorizza il possessore a tenerlo. Il Museo mostra solo copie dei dipinti di Dina per ragioni di sicurezza e potrebbe facilmente rappresentare la tragedia degli zingari come fa adesso, con copie dei ritratti di Dina.

Non uno ma due Atti del Congresso degli Stati Uniti sono stati scritti in appoggio di Dina. Uno è della congressista Shelley Berkley. L'altro insieme dalla senatrice Barbara Boxer e da Jesse Helms. Tutti e due divennero parte della Registrazione Congressuale nel 2003. Passarono all'unanimità.

Dina ritiene che ne lei ne i suoi soggetti zingari, avranno mai la loro libertà spirituale dal campo di sterminio di Auschwitz, fintanto che i ritratti non saranno tornati a lei così da essere esposti nei musei dell'Olocausto negli Stati Uniti ed altri paesi liberi nel mondo.

Nostra madre e noi, la sua famiglia, abbiamo provato ad avere indietro i dipinti sino dal 1973. A Dina, che ora ha 85 anni, è stata appena diagnosticata una forma maligna di cancro addominale e mercoledì 23 luglio andrà in chirurgia. La chirurgia prende sei ore ed è molto a rischio sotto tutte le circostanze.

Preghiamo il Museo di ritornare i lavori di Dina adesso. Inoltre imploriamo il Museo di non prolungare per anni questa lotta, che si risolva dopo che Dina sia passata da questa terra. Inoltre, chiediamo la comprensione e l'appoggio del popolo Rom, amici di Dina, nell'assicurare il rilascio spirituale delle vittime Rom di Auschwitz.

Imploriamo quanti ci leggano di appoggiare gli sforzi per avere indietro ora i dipinti firmando le sue pagine su Facebook o mandando una mail di appoggio a Dina al Museo di Auschwitz-Birkenau (muzeum@auschwitz.org.pl). Inoltre vi aggiungiamo il link alla pagina web di Dina Babbit http://www.dinababbitt.com/.

Grazie per la vostri bontà, empatia e supporto.

Michele Kane e Karin Babbitt
Figlie di Dina

michele@dinababbitt.com

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/05/2022 @ 23:14:57
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3509 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source