Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

da Stradanove

COLUM MCCANN È NATO A DUBLINO NEL 1965 MA VIVE DA ANNI A NEW York. E’ autore de “I figli del buio”. “La legge del fiume”, “La sua danza” (sul grande ballerino Nureyev). Abbiamo parlato con lui del suo ultimo libro, “Zoli”, e della vita e della cultura dei rom.

La prima riflessione che facciamo, dopo aver letto il suo libro, è che l’ignoranza genera il pregiudizio- sappiamo molto poco del mondo dei rom. E tuttavia che cosa c’è in comune tra il mondo che Lei rappresenta e gli zingari che vediamo chiedere l’elemosina sui treni della metropolitana, che ci infastidiscono finché non diamo loro dei soldi?

Osservazione fantastica - è vero, succede anche a me, sono stato nelle stazioni della metropolitana, sui treni, e mi sono sentito innervosito da questi zingari che ti assillano. Che rapporto c’è tra di loro e la storia di Zoli? C’è un salto significativo da fare, ma dobbiamo capire che cosa c’è dietro quegli occhi, la storia profonda che c’è dietro di loro. Ho iniziato a capire qualcosa di questo dieci anni fa, quando sono sceso nelle gallerie della metropolitana di New York per scrivere il romanzo “I figli del buio”. Pensavo che la gente senza tetto fosse così per sempre. Pensavo che fossero nati senza casa, non mi ero mai fatto tante domande. E invece non è vero, c’è una storia profonda dietro di loro. Se vogliamo che il mondo sia un posto migliore in cui vivere, dobbiamo cercare di capire la storia dei bambini che chiedono l’elemosina sul treno. La loro storia è quella di Zoli. Anche io ero pieno di pregiudizi: quando sono andato a fare ricerche in Slovacchia, ho nascosto passaporto e soldi, temevo di essere derubato. Alla fin fine ero io che cercavo di derubarli, chiedendo loro della loro storia. Certo, una sola vicenda, quella di Zoli, non rappresenta quella di tutti. I rom sono dai 10 ai 12 milioni - ce ne sono 2 milioni in Romania, 300.000 in Francia. E’ un numero straordinario. Vengo da un paese, l’Irlanda, dove ci sono 5 milioni di abitanti- gli zingari sono due volte tanto. Non ci sono romanzi che rappresentino l’Irlanda nella sua interezza, forse l’”Ulisse” ma, citando Stephen Dedalus, “me ne andrò da qui e foggerò nella fucina della mia anima la consapevolezza non creata della mia gente.” Chiunque può pensare che un romanzo rappresenti un paese, ma non è possibile. Dobbiamo essere aperti a molte storie. Dobbiamo chiederci perché odiamo i rom. Io sono un romanziere, il mio compito è quello di fare delle domande e forse con il mio romanzo i lettori guarderanno i modo diverso gli accattoni sulla metropolitana. Almeno lo spero.

Rom, zingari, gitani: qual è la parola giusta da usare? E sono divisi in gruppi, hanno tradizioni diverse secondo il luogo di provenienza?
La parola giusta è “rom” e significa “una persona”, “roma” vuol dire “la gente”, “romany” è l’aggettivo e indica anche la loro lingua. Sono le parole che usano loro per riferirsi a se stessi. Le altre due parole, zingaro e gitano, sono dei peggiorativi. Originariamente venivano tutti dall’India e hanno avuto sorti diverse, alcuni sono diventati nomadi, altri no. I rom italiani risalgono al secolo VI e non sono nomadi, vivono nelle case, sono italiani. All’interno della comunità rom ci sono tante differenze quante ce ne sono negli altri popoli, sono solo molto più poveri di altri. E sono moltissime le persone note che avevano origini rom: Pablo Picasso e Charlie Chaplin, Yul Brynner e Rita Hayworth.

Come ha iniziato ad interessarsi ai rom? E’ stato dapprima un interesse generico e poi è venuto a sapere della poetessa polacca Papusza che è in parte dietro il personaggio di Zoli?
No, non avevo alcun interesse per i rom, proprio nessuno. Ed ero ignorante per quello che li riguardava. Avevo impiegato quattro anni a scrivere il romanzo su Nureyev, avevo fatto molte ricerche, sulle guerre in Russia, sull’essere un ballerino gay - per me era stato uno sforzo ginnico dell’immaginazione ed ero stanco. Volevo andare a casa e scrivere un romanzo facile. Poi mi è venuta tra le mani la foto della poetessa Papusza: era molto bella, la sua era una storia interessante…Ero spaventato da quello che mi si prospettava eppure sentivo che dovevo farlo. Solo dopo è diventata una faccenda di coscienza sociale.

Che cosa c’è di vero e che cosa c’è di fittizio nel personaggio di Zoli?
E’ vero l’essenziale, che fosse rom, che fosse una poetessa, che fosse famosa e che fu esiliata dal suo popolo. Il resto naturalmente è fittizio.

A Zoli sembra inevitabile sia il donare la sua musica perché tutti la conoscano, sia accettare la punizione della sua gente- perché?
Direi che si tratta dell’accettazione del destino, qualunque forma esso prenda. I rom sono fatalisti. E lei fu bandita dalla sua gente perché era una profetessa: aveva capito che la storia deve essere scritta.

E’ in parte Lei stesso il personaggio di Stephen Swann, metà irlandese e metà slovacco, attratto dal mondo rom e innamorato di Zoli?
Sì, è in parte me stesso. Per quello è metà irlandese, volevo capirlo. Swann non sa del tutto chi è- decisamente sì, Swann è in parte me stesso.

Che cosa c’era dietro la politica comunista di integrare gli zingari in una società ordinata?
Dietro lo sforzo per l’integrazione c’è il profondo idealismo comunista. Dimentichiamo spesso che, pur essendo un sistema che ha avuto un fallimento così spettacolare, pur avendo la responsabilità di così tante morti, alle sue origini aveva una spinta di forte idealismo. Così attraverso gli zingari, vittime da sempre, volevano mostrare il valore del socialismo. E’ stato un po’ come il movimento di rivalutazione orgogliosa “Nero è bello” negli anni ‘70 in America. Gli zingari, a loro volta, si sentivano valorizzati- anche oggi sono molti quelli che hanno nostalgia del comunismo: avevano un lavoro, assistenza medica, c’era un grosso tentativo di integrazione. Purtroppo poi finirono per distruggerli, come tutti gli altri sistemi. Ma all’inizio ai rom sembrava il meglio che potesse loro capitare.

Quello che nel libro non è chiaro è di che cosa vivessero.
La comunità di Zoli era formata da musicisti ambulanti e vivevano di quello, della loro musica. Gli altri facevano lavoretti qua e là, quello che capitava, dove capitava. Vivevano di quello che la gente dava loro.

Li descrive come una comunità molto chiusa: come è riuscito a farsi accettare e riuscire a parlare con loro?
Nella situazione moderna, in Slovacchia, sono abituati a parlare con estranei, poliziotti, assistenti sociali, medici. Dapprima pensavano fossi uno di loro. Ad un livello più semplice il fatto è che sono andato là e ho dormito con loro, nelle baracche: sono rimasti molto sorpresi che qualcuno volesse fermarsi a dormire con loro. Quanto tempo ho passato con loro? Un totale di circa due mesi, in genere circa quattro giorni con ogni gruppo, in Slovacchia e Ungheria.

E’ recente la notizia della sterilizzazione di donne rom che hanno dato l’autorizzazione sotto gli effetti dell’anestesia: dopo gli sforzi per l’integrazione come si considera questa violazione dei diritti umani?
Viviamo in un mondo complicato: in Svizzera portavano via i bambini ai genitori rom, in Slovacchia li inserivano nelle scuole per ritardati. Il processo di integrazione è fallito, per la loro ignoranza, per la nostra ignoranza, per incapacità di fare e rispondere a delle domande, per inabilità ad essere empatici. Accade in tutta l’Europa di oggi. La parola che i rom usano per l’Olocausto è porraimos. Loro dicono che porraimos prosegue ancora oggi per loro- ed è finito nel 1945!

Che cosa ha apprezzato di più nella comunità rom?
La loro socievolezza, la facilità con cui offrono amicizia, la loro curiosità che li porta a fare tante domande. Quello che è necessario è che imparino a dire la loro storia in una maniera che abbia rilievo.

Secondo Lei, qual è il futuro della lingua rom, delle loro tradizioni, della loro musica?
Penso che la loro cultura diventerà più forte con le nuove iniziative, con le università in cui si fanno ricerche e si insegna la lingua e la cultura rom: ce n’è una a Trieste, una nel Texas…La lingua è difficile, sarà un lavoro lungo, ma come si fa a dire? Negli anni ‘50 sembrava impossibile che si arrivasse ad accettare i gay. Forse tra venti o trent’anni saranno in molti a vantarsi di essere per tre quarti rom!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/11/2007 @ 09:16:34, in media, visitato 1506 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

"Mi sento un rom porterò l’Italia in giro nel mondo"

La straordinaria dichiarazione appare in un titolo dell’edizione di domenica 25 di un noto quotidiano.

A rilasciarla è Lapo Elkann (per chi non avesse familiarità con le famiglie più ricche del mondo, ricordiamo che si tratta del figlio di Margherita Agnelli. FIAT).

In definitiva, il maturo e ipertatuato giovanotto, ci rivela che, trasferendosi da New York a Shanghai (in una campina?), si occuperà di promuovere la Triennale di Milano nel mondo. “Sono, insiste, uno zingaro dell’arte”.

Tocca all’intervistatore ricordargli che, coi suoi quattrini, “potersi definire zingaro è un grosso privilegio”.

E lo sanno bene tutti i Rom che perdono il lavoro non appena il padrone scopre l’indirizzo del campo in cui vivono.

Che c’entra dunque questa fesseria con la realtà, quella in particolare che gli zingari autentici vivono in questo periodo proprio in Italia?

Nulla, niente, zero.

Questa è la vera notizia. Di come, cioè, in certi ambienti, moda, marketing, e altro, si faccia un uso sfacciato e superficiale d’una realtà sicuramente ignorata, se non disprezzata, ma sfruttata a livello d’immagine. Dietro queste parole, di Rom non ce ne sono. C’è solo una diversità sconosciuta ma comoda da usare. Tanto, sotto le finestre ben protette di questa gente di roulotte non ne compariranno mai.

26 novembre 2007 Ernesto Rossi

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/11/2007 @ 09:25:27, in lavoro, visitato 1710 volte)

Da Osservatorio sui Balcani

Espulsi dai Paesi Ue migliaia di rumeni si trovano ad affrontare condizioni difficili una volta rientrati in Romania. Una traduzione tratta dal periodico on-line dedicato al sud est Europa BIRN
Di Calin Cosmaciuc, 20 novembre 2007, BIRN (tit. orig. Deported Romanians to Get More Support at Home)


Traduzione a cura della redazione

Il governo rumeno ha annunciato un piano per affrontare la questione dell'ingente migrazione di forza lavoro rumena verso altri paesi Ue, verificatasi quest'anno. L'esecutivo avrebbe messo a disposizione risorse rilevanti e proverà ad affrontare con un approccio nuovo i problemi sociali di lunga durata del paese.

Gli osservatori però si chiedono se le autorità di Bucharest e nel resto del Paese siano all'altezza del compito.

Quando i migranti fanno ritorno a casa è spesso difficile per loro rintegrarsi nella società a causa della mancanza di programmi governativi, poche opportunità di lavoro e, in alcuni casi, perché oggetto di una vera e propria discriminazione.

Secondo la rete televisiva rumena Realitatea negli ultimi 18 mesi circa 23.000 cittadini romeni sono stati espulsi dai paesi dell'Ue. Alla maggior parte di questi, in particolare di origine rom, è stato vietato di far rientro nell'Ue nei prossimi 5 anni: hanno infatti subito condanne per piccoli crimini quali furti o irregolarità nel dichiarare la propria residenza in uno stato membro.

L'Italia è stato il paese dell'Ue che più di recente ha lanciato una campagna per espellere dal proprio territorio i rumeni asserendo che rappresentano una minaccia per la sicurezza pubblica. Queste misure sono seguite ad un'ondata di crimini violenti la cui responsabilità è stata attribuita a immigrati provenienti dalla Romania. Tra questi lo stupro e l'omicidio della quarantasettenne Giovanna Reggiani.

Solo nell'ultimo mese, a Roma, 177 rumeni hanno ricevuto un decreto di espulsione, anche se il numero di persone che se ne è poi realmente andato è più basso. “Quarantanove persone sono state espulse dall'Italia in novembre, per la maggior parte perché occupavano abusivamente proprietà private o perché non erano in possesso di tutta la loro documentazione”, affermano fonti interne al ministero degli Interni romeno.

Le persone espulse vengono prese sotto custodia dalla polizia all'aeroporto di Bucharest. “Controlliamo le loro impronte digitali a chiediamo di raccontarci la loro specifica situazione. Più tardi vengono accompagnate a casa scortate dalla polizia o, almeno, accompagnate dalla polizia ad un autobus che li riporti a casa”, racconta un poliziotto che lavora all'aeroporto Otopeni. Le informazioni raccolte dalla polizia vengono poi passate alle autorità locali, responsabili per la situazione degli espulsi.

Lo scorso mese Bucharest ha annunciato nuove misure per contrastare i crimini commessi in Italia da immigrati rumeni, e tra queste anche iniziative a sostegno di chi viene rispedito in Romania.

La maggior parte del peso ricadrà sulle autorità locali, saranno infatti obbligate ad offrire pasti e una sistemazione temporanea a chi lo richieda, assieme a sostegno legale e psicologico. Ai rientranti verrà inoltre offerto l'inserimento in corsi di formazione lavoro. “Intendiamo trovare per loro dei posti di lavoro in Romania e contribuire in quel modo a combattere la criminalità. Dobbiamo inoltre prendere provvedimenti nei confronti di chi organizza reti illegali per reclutare lavoratori”, afferma il ministro per il Lavoro Paul Pacuraru.

Chi farà rientro volontariamente avrà la priorità nell'assegnazione di alloggi sociali. Il piano del governo prevede inoltre che le aziende che decidessero di assumerli, ricevano sovvenzioni statali. Il programma d'alloggio verrà finanziato da fondi Ue mentre le sovvenzioni alle aziende verranno dal budget statale.

Ciononostante non sarà facile trasformare questi piani in realtà. Anche se sul piano alloggi ad esempio si è trovato un accordo, il ministro Pacuraru sottolinea come sia “molto difficile per le autorità locali trovare edifici adatti”.

Le politiche governative non si rivolgono esclusivamente a chi viene espulso e non è riuscito a costruirsi una vita all'estero. Le autorità intendono spingere i lavoratori rumeni a rientrare in patria in modo da sopperire ad una crescente mancanza in loco di forza lavoro. In molti hanno lasciato infatti il Paese dopo che la Romania, ad inizio 2007, è entrata nell'Ue. In particolare a causa dei bassi salari. Più di due milioni di rumeni stanno lavorando all'estero, soprattutto in Italia e Spagna.

“Servono lavoratori nell'edilizia, nell'industria agro-alimentare, nelle fabbriche tessili. I salari non sono male ma in molti semplicemente si rifiutano di fare questo tipo di lavori”, afferma Pacuraru aggiungendo che questo è vero soprattutto per gli appartenenti alla comunità rom.

Vi sono tra il milione e mezzo e i due milioni di rom in Romania; le autorità spesso discutono dei problemi che riguardano questa comunità in termini di criminalità, ma raramente si affronta la questione della marginalizzazione di questi ultimi.

Il governo recentemente ha annunciato nuove misure a favore di una maggiore integrazione dei rom nella società rumena. Il ministro degli Interni Cristian David ha anche annunciato che preparerà un progetto da proporre alla Banca Mondiale per sostenere gli abitanti di Avrig, una cittadina della Romania centrale. Avrig ha acquisito notorietà per essere la città d'origine di Nicolae Mailat, il giovane rom che ha ucciso Antonella Reggiani. Mailat, 24 anni, viene da una famiglia povera e da ragazzino ha passato tre anni in un istituto correttivo dopo essere stato condannato per furto. Al suo rilascio, venne nuovamente arrestato per furto. La madre di Mailat, che afferma di essere stata forzata a rientrare in Romania dopo l'arresto del figlio, vive in un accampamento abusivo nella periferia della cittadina.

Afferma che non vi è nulla per lei e per la propria famiglia in Romania, dove non ha né lavoro né casa. Vuole ritornare in Italia, dove mendicava per strada con la figlia di tre anni. Anche gli attivisti delle organizzazioni rom ammettono che è molto difficile convincere chi è stato espulso a non provare a rientrare nei paesi Ue. “Queste persone hanno bisogno di più attenzione da parte delle autorità locali e di progetti validi a loro favore qui in Romania”, afferma Marian Mandache, avvocato che lavora per l'associzione Romani Criss. “Devono essere coinvolti in progetti di formazione lavoro. Certamente non è difficile trovare un lavoro, ma è difficile tenersi un buon posto di lavoro se non si è un lavoratore qualificato”.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/11/2007 @ 09:08:19, in Italia, visitato 1941 volte)

Ricevo e porto a conoscenza

Siamo un collettivo (comitato?), composto da italiani e immigrati di un campo di Rom e di romeni, dell’interland milanese. Vogliamo contrastare la campagna montante anti-Rom, anti-romeni e anti-immigrati che il governo Prodi (attraverso il cosiddetto decreto “sicurezza”), l’opposizione di centrodestra e la grande stampa stanno portando avanti. Vogliamo contrastare gli stessi effetti concreti che questa campagna e i provvedimenti del governo stanno già producendo: Famiglie rimpatriate arbitrariamente, lavoratori (in regola o in nero) licenziati, baraccopoli date alle fiamme e sgomberate, donne e uomini aggrediti da bande fasciste, bambini terrorizzati.

Vogliamo contrastare i luoghi comuni preconfezionati e divulgati da buona parte dei mezzi di comunicazione di massa, in base ai quali i Rom, i romeni e gli immigrati in generale sono dei soggetti potenzialmente dediti ad ogni sorta di crimine. Siamo in presenza di una manipolazione dell’opinione pubblica attraverso delle vere e proprie tecniche di istigazione all’odio razziale. Un esempio? Quando delitti atroci vengono compiuti da singoli italiani, vedi il caso di Omar ed Erica a Novi Ligure, oppure la Strage di Erba dei coniugi Romano, o ancora gli omicidi commessi a Guidonia da un tiratore scelto dell’esercito italiano, la rappresentazione che ne viene data è di singoli mostri o di individualità impazzite. Quando un crimine è commesso da un immigrato allora la colpa è collettiva, di nazionalità, di razza, è il caso della tragedia accaduta a Roma  con l’omicidio di Giovanna Reggiani.

Questa campagna, fa leva su un malessere legato alla crescente insicurezza sociale ed esistenziale ed ha la finalità di scagliare contro i lavoratori immigrati la rabbia dei lavoratori italiani. Ma questa crescente insicurezza che coinvolge sempre di più la massa dei lavoratori, è prodotta dal capitalismo, dai padroni e dalle politiche che in questi anni i vari governi, hanno portato avanti con i tagli alla sanità, alla scuola, alle pensioni, alla spesa sociale, con le misure di precarizzazione del lavoro e con le politiche militaristiche contro i popoli del Sud e dell’Est del mondo.

Ai lavoratori immigrati volgiamo dire che è giunta l’ora di organizzarsi e difendersi dalla compagna razzista in atto, di non nutrire nessuna aspettativa verso le istituzioni, e soprattutto di contrastare il tentativo di questo governo che (in continuità con quello Berlusconi) vuole dividere i lavoratori immigrati per linee nazionali, “etniche” e religiose. Vuole dividere per indebolire.

Ieri i “nemici” additati erano gli albanesi, poi gli islamici adesso è arrivato il turno dei lavoratori romeni e dei Rom. Non cadiamo nella trappola. Dobbiamo contrastare l’immagine che vuole identificare nell’immigrato il responsabile del peggioramento della vita e del lavoro delle persone. Possiamo farlo dando seguito alle manifestazioni auto organizzate degli immigrati del 27 e 28 ottobre scorso, svoltesi a Brescia, Roma e Como, contro il razzismo, contro la Bossi /Fini e per il permesso di soggiorno senza condizioni. Sappiamo quanto pesi la ricattabilità sulla capacità di difendersi, soprattutto quando questa si accompagna alla solitudine e al clima di sospetto, per non dire di peggio, che si è impossessato anche dei lavoratori italiani. Per questo vi chiamiamo ad una azione comune di lotta, di denuncia e di difesa delle condizioni di vita e di lavoro nell’obiettivo di trovare una via di uscita per rompere il muro di isolamento che padroni ed istituzioni hanno eretto per dividere e contrapporre i lavoratori italiani ed immigrati.

Ai lavoratori italiani vogliamo dire che il razzismo è un’arma nelle mani dei padroni per dividere e contrapporre i lavoratori al loro interno. Per scatenare un guerra tra “poveri”. Dobbiamo fare un bilancio sul peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro e di come questo peggioramento sia legato anche all’adozione  di norme razziste e specifiche contro gli “stranieri”. Le leggi contro i Rom condannano ad un “nomadismo” coatto senza servizi e diritti immigrati che non avevano mai vissuto prima questa condizione. La legge Martelli e la Turco/Napolitano ieri, la Bossi/Fini e il decreto sicurezza, oggi, hanno come obiettivo non quello di combattere la clandestinità ma di incrementarla notevolmente, in modo tale di avere un esercito di riserva composto da lavoratori immigrati clandestini, privi di diritti e garanzie. Così facendo si permette alla “razza” padrona di disporre, nella società, di manodopera ricattabilissima, da utilizzare, involontariamente, contro i lavoratori più “garantiti” per abbassare i diritti e il salario di tutti ( Un operaio edile clandestino a Milano “guadagna” 3 € l’ora per 13-14 ore al giorno, ed è già successo spesse volte che gli immigrati che hanno avuto il coraggio di denunciare la loro condizione di super sfruttamento siano stati espulsi in quanto clandestini).

Non nascondiamo che ci sia anche un problema legato al degrado ed alla emarginazione che coinvolge una piccola (molto piccola!) fetta  di immigrati dediti a piccoli espedienti, o a fenomeni di micro-criminalità. Tanto è vero che vogliamo contrastare con forza questo destino che le forze legate al mercato, alla speculazione edilizia e soprattutto alla grande criminalità, intendono riservare ai settori più emarginati e più poveri della società, rendendoli “manovali dei loro traffici”. Vogliamo trovare assieme lavoratori italiani e immigrati la via d’uscita al degrado, alla emarginazione e al peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro di tutti i proletari.

Siamo convinti che questa via, sta nell’unità della lotta per strappare le periferie all’attuale degrado, imponendo con la mobilitazione di massa, di dirottare in questa direzione le risorse statali e locali oggi catalizzate su speculazioni e affarismi più o meno legali. Sta nella battaglia per i pieni diritti degli immigrati e per la loro piena equiparazione con i lavoratori italiani. Sta nella lotta per ottenere il permesso di soggiorno senza condizioni, per un accesso garantito, alla casa, ai servizi sanitari, scolastici e previdenziali per tutti gli immigrati. Per fare questo occorre che ci si organizzi e ci si batta insieme, proletari italiani e immigrati, contro il precariato, contro la restrizione dei diritti, contro il degrado dei nostri quartieri per un protagonismo dei lavoratori, dei giovani per prendere in mano e assieme il nostro comune destino.

Per avviare questo percorso abbiamo pensato ad un incontro collettivo pubblico a cui sollecitiamo tutti, lavoratori italiani e immigrati a partecipare

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/11/2007 @ 08:52:45, in musica e parole, visitato 1871 volte)

Makfax, Strasburgo, 21.11.2007 08:40 - E' stato presentato mercoledì un compact disc con la versione romanes dell'inno europeo, iniziativa promossa dalla folk singer Esma Redzepova.

L'edizione musicale è parte della campagna di sensibilizzazione "Dosta!"(Basta) organizzata dal Consiglio d'Europa. La parola rom "Dosta!" intende porre fine ai pregiudizi portando più vicini i cittadini europei Rom e non-Rom.

Si stimano in 10 milioni i Rom in Europa, sparsi in quasi tutti gli stati. In alcune aree dell'Europa centrale ed orientale rappresentano oltre il 5% della popolazione.

Co-finanziato dalla Commissione Europea, il progetto include programmi formativi per Rom e governi a sostegno dei diritti dei Rom, e la campagna di testimonianza "Dosta!" che promuove un'immagine positiva dei cittadini rom contro gli stereotipi ed i pregiudizi comuni. Il programma Uguali Diritti e Trattamento per i Rom nell'Europa del Sud Est, lanciato nel 2006, si rivolge a Macedonia, Albania, Bosnia Herzegovina, Montenegro e Serbia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/11/2007 @ 08:27:48, in casa, visitato 1713 volte)

Klassa (Bulgaria) - http://www.class. bg/view.php? id=5392

Le autorità municipali della capitale hanno annunciato i piani per la costruzione di un muro ai confini del quartiere rom di Sofia. Il muro correrà parallelo al percorso della ferrovia e le motivazioni ufficiali sono che "proteggerà contro il rumore del passaggio dei treni e dai depositi improvvisati di rifiuti [...]" Commenta Georgi Papakotshev: "La decisione di costruire un muro ai confini del quartiere rom di Fakulteta ha causato tumulto tra i residenti del quartiere. C'è una similitudine evidente con la situazione della città ceca di Ustí nad Labem nel 1999. Questa analogia racconta molto sui frequenti e xenofobici umori nei paesi post comunisti. Ma allora la Repubblica Ceca non era ancora parte dell'Unione Europea, mentre la Bulgaria ne è membro da dieci mesi... Quale prezzo pagheremo per questo muro? Bene, la Bulgaria... non sarà più a lungo "un modello esemplare Europeo" per il resto della regione meridionale dei Balcani."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2007 @ 08:05:07, in Italia, visitato 1558 volte)


Comunicato stampa dell’Opera Nomadi, sezione di Padova

Da come si recepisce dai mass media, sembra che ultimamente ci sia stata un’invasione di rom rumeni, in realtà già da qualche anno si sapeva della loro presenza soprattutto nelle grandi città: Napoli, Roma, Milano, Bologna e Firenze, dove sono costretti a vivere in baraccopoli o in campi abusivi o ammassati nei campi nomadi anche assieme ad altri rom di diversa provenienza. Restavano e restano invisibili perché poco o nulla si fa per loro: progetti di integrazione lavorativa, scolastica e abitativa.

Già all’inizio del 2006, abbiamo inviato ai Ministeri un dossier approssimativo sulla presenza dei rom rumeni in Italia, soprattutto per il fatto che andavano ad aumentare il numero delle presenze nei campi e nelle baraccopoli vere e proprie favelas che causano tragedie come quelle di Follonica, dove una bambina è morta bruciata a marzo di quest’anno, di Livorno in agosto dove sono morti bruciati 4 bambini e oggi a Bologna a Borgo Panigale in una baracca dove è morto un altro bambino di 4 anni e i suoi 2 fratellini sono rimasti gravemente ustionati.

Il numero delle presenze è senz’altro aumentato in quest’ultimo periodo, sono arrivate con mezzi di fortuna, intere famiglie povere e purtroppo, grazie alla strumentalizzazione sia politica sia dei mass media, il “razzismo da paura” e la xenofobia, che erano latenti nella gente comune, sono emersi, tanto da convincerla che proprio questa povera gente sia il pericolo maggiore per quanto riguarda la sicurezza dei cittadini. Pensiamo sia giunto il momento di spegnere il televisore, riporre i giornali e fermarci a riflettere su quanto la presenza dei rom rumeni rappresenti una minaccia concreta alla nostra società, già afflitta da problemi socio economici gravissimi. Come presupposto imprescindibile per affrontare il fenomeno e governarlo al meglio ci dovremmo domandare innanzitutto quanti sono perché, a giudicare dalla visibilità data loro dai media la risposta sarebbe tanti, più dei mafiosi, degli evasori fiscali, dei precari e dei lavoratori in nero, in realtà non esistono cifre precise. È dunque giustificato parlare di invasione e cifre allarmanti ? la nostra percezione di minaccia trova un effettivo riscontro numerico nella realtà ?.

Non è mai stato avviato un monitoraggio qualitativo e quantitativo di queste popolazioni a livello nazionale anche se, come Opera Nomadi, abbiamo presentato ai Ministeri già all’inizio di quest’anno un progetto di indagine conoscitiva sociale di tutta la popolazione rom, sinta e camminante presente in Italia che dovrebbe essere effettuata impiegando mediatori culturali Rom italiani e stranieri, Sinti e Camminanti, vista la problematica situazione in cui versano le famiglie. Un progetto per poter meglio affrontare da un punto di vista organico e organizzativo le situazioni, per portare a conoscenza delle Istituzioni le problematiche e le istanze degli invisibili ignorati e discriminati, per conoscere precisamente quanti siano i Rom, Sinti e Camminanti presenti in Italia (con un’attenzione particolare ai bambini e ragazzi in età scolare), per riuscire ad avere una visione più chiara e completa a livello nazionale. Solo attraverso una conoscenza più approfondita e uno scambio interculturale possono venire superate le paure e i pregiudizi. C’è da sottolineare il fatto che, tranne per alcune realtà, prima dell’arrivo dei rom rumeni, non si è proceduto mai alla sistemazione dei rom e sinti italiani presenti in Italia alcuni dal 1400, altri dai primi del novecento o dopo la seconda guerra mondiale e dei rom provenienti dalla ex Jugoslavia arrivati nel ns. paese a causa della guerra negli anni ‘90, che rappresentano tutti insieme, italiani e stranieri, circa lo 0,3 % della popolazione italiana. E’ mancata la volontà politica di superare il ghetto rappresentato dai campi nomadi, preferendo lasciare queste persone in condizioni di passività supportandole con l’assistenzialismo, senza favorire un percorso autonomo, di accesso alle risorse lavorative, in modo da far si che si assumessero i diritti e i doveri che comporta l’essere cittadinanza attiva.

Purtroppo la tragedia di Roma pare aver segnato un punto di non ritorno: dal 1° novembre non c’è spazio per alcuna posizione intermedia, e viene sistematicamente censurato qualsiasi tentativo di mediazione e analisi del problema: la ragione ha ceduto il passo alla pancia.

Più preoccupante dei sospetti e delle ritorsioni contro i rumeni in generale, è stata la reazione delle Istituzioni. I politici si sono affrettati a disporre provvedimenti scritti, avendo in mente come destinatario un’etnia ben precisa, e per questo motivo hanno emanato leggi speciali per un gruppo sociale definito: e quindi leggi razziali. Ecco gli sgomberi e abbattimenti indiscriminati di baracche abitate da persone senza proporre e fornire altre soluzioni (così è successo a Bologna, Roma, ecc.) persone che non conosciamo neppure, oppure ordinanze di sindaci che grazie al recente decreto si sentono in diritto di negare la residenza e di espellere dal proprio territorio chiunque non abbia un alloggio decente e un reddito minimo di sopravvivenza (come a Cittadella Comune della Provincia di Padova). Da ciò hanno tratto forza gruppi organizzati che cavalcano la paura dei cittadini e manifestano esponendo simboli che la nostra Costituzione considera fuori legge. A ben guardare, la politica dello sgombero, assomiglia al gioco delle tre carte: non appena ciascuna città avrà allontanato i propri indesiderati, vedrà arrivarne contemporaneamente altri, sgomberati da un’altra Amministrazione, e i cittadini saranno ancor più allarmati dalla presenza di facce sempre nuove. Che fare dunque, quando qualsiasi proposta di attivazione di progetti di integrazione (almeno per i bambini!) viene aggredita con rabbia irrazionale? Come trasmettere che, come dimostra l’esempio di migliaia di cosiddetti nomadi, queste persone se dotate di strumenti validi, quali percorsi mirati di inserimento lavorativo e scolastico, sono in grado, tanto quanto i nostri concittadini in condizione di svantaggio, di affrancarsi dalla miseria e dalla ghettizzazione come sta avvenendo in alcune città (purtroppo poche) dove le amministrazioni si sono dimostrate sensibili al problema?

Il nodo centrale, pare, siano le risorse economiche necessarie per finanziare i progetti, che oltretutto i rom “non meritano” siano essi stranieri o italiani. Ma siamo sicuri che meritino di essere considerati degli asociali subumani che non possono che essere rimandati nel loro Paese o relegati a vivere per sempre nei ghetti come sono i campi nomadi o nelle baracche? Per quanto riguarda gli stranieri extracomunitari, la legge Bossi Fini è fallita proprio per questo: le procedure di espulsione sarebbero costate un’enormità sia di denaro che di personale impiegato. L’espulsione inoltre, non dà garanzia alcuna che il flusso dei migranti si arresti, né che prenda altre destinazioni, o che le stesse persone, non avendo nulla da perdere, tornino nuovamente in Italia. Espellere non è fattibile per gli extracomunitari, figuriamoci per i rumeni, almeno che non siamo favorevoli all’introduzione di una sorta di expulsion-tax. Se in Italia stiamo fronteggiando un’emergenza umanitaria, allora agiamo di conseguenza, attivando tutte le risorse del caso. Innanzitutto si devono creare dei punti di prima accoglienza, tirando fuori dalle lamiere adulti e bambini, attivando anche Protezione Civile e personale sanitario.

Una volta stabilizzata la situazione, è doveroso iscrivere subito i minori a scuola, formando mediatori culturali rom con il compito di favorirne l’integrazione in classe e facilitare i rapporti scuola – famiglia. Un bambino che va a scuola è un bambino che non rivedremo né per strada né nei sensazionalistici articoli di cronaca in cui ci imbattiamo negli ultimi mesi.

Contemporaneamente vanno analizzate le competenze lavorative degli adulti e va attivato un piano di inserimento lavorativo che contempli anche la possibilità di costituire cooperative di recupero di materiale ferroso, cooperative edili, di pulizia e di giardinaggio, lavori tradizionalmente praticati dai rom nei Paesi di origine dai Rom/Sinti. Il reperimento di un’abitazione consona a degli esseri umani deve essere indirizzato sia verso alloggi di edilizia popolare, quando le famiglie ne abbiano i requisiti, sia rivolgendosi al mercato privato. Una terza via assai vantaggiosa per gli stessi comuni è, come insegnano altre realtà in Italia ed Europa, l’autocostruzione e l’autorecupero, ovvero il restauro di stabili inoccupati. Una volta economicamente autonome, le famiglie saranno in grado di gestire la propria vita senza alcun altro bisogno e richiesta da parte loro.

Da sottolineare che i soldi stanziati dalla Comunità Europea per l’integrazione di Rom e Sinti ci sono, ma non sono stati richiesti da nessuno (Governo e amministratori). Questi fondi esistono da anni, tanto quanto le baracche e i campi nomadi che troppo a lungo abbiamo finto di non vedere.

I Rom e i Sinti rappresentano la più grande minoranza a livello europeo con circa otto milioni di persone e, nonostante questo, nella legge 482 del 15 dicembre 1999 “norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche e storiche”, nel ns. paese le popolazione rom/sinte non sono state neanche nominate disattendendo norme, principi ed impegni internazionali e in particolare quelli della Carta Europea delle lingue regionali minoritarie in vigore dal 1° marzo 1998 che prevede esplicitamente norme “anche per le lingue sprovviste di territorio come l’yddish e lo zingaro”.

Sappiamo tutti che nessuno nasce con il pregiudizio (viene trasmesso da padre in figlio), alla cui base sta soprattutto la mancanza di conoscenza; non si riduce solo col buon senso ma con messaggi istituzionali forti che permettano alla società maggioritaria una conoscenza più approfondita di queste popolazioni e che agevolino quest’ultime nel processo di assunzione, come già espresso in precedenza, dei diritti e dei doveri di cittadinanza attiva, uscendo dalla logica assistenziale negativa a cui sono stati abituate troppo spesso e in cui si sono adagiate. E’ necessaria, quindi, una riconciliazione nazionale che chiuda le ostilità, che avvii processi e iniziative, che permetta che venga riconosciuta la ricchezza derivante dal dialogo e dallo scambio fra i diversi orizzonti culturali per una ridefinizione degli stessi.

Per concludere, la sicurezza non si ottiene con azioni repressive ma attraverso l’accoglienza, l’attenzione, l’inclusione sociale, l’accesso alle risorse e soprattutto con la conoscenza e con lo scambio interculturale.
Opera Nomadi
Sezione di Padova – ONLUS

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2007 @ 09:01:02, in scuola, visitato 1621 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Rapporto di Amnesty International sulla Repubblica Slovacca: negata ai bambini e alle bambine Rom un’istruzione secondo criteri di uguaglianza e non discriminazione

“I bambini qui sono dei ritardati mentali. C’è la tendenza a integrare i Rom nelle scuole primarie, ma per gli alunni con ritardo mentale e sociale non cambia niente. I bambini che provengono da un ambiente socialmente svantaggiato soffrono di un ritardo sociale e mentale.”
(Il preside di una scuola speciale frequentata per il 9% da bambine e bambini Rom)

Un alto numero di bambine e bambini Rom viene ancora assegnato, in modo sproporzionato, a scuole speciali, frequenta classi per persone con disabilità mentale e difficoltà d’apprendimento o viene segregato in scuole per soli Rom: è questa la denuncia contenuta in un rapporto presentato oggi da Amnesty International sulle violazioni del diritto all’istruzione dei bambini e delle bambine Rom nella Repubblica Slovacca.

Il rapporto dell’organizzazione per i diritti umani segnala che i bambini e le bambine Rom assegnati alle scuole speciali seguono programmi ridotti e non hanno praticamente alcuna possibilità di reintegrarsi nelle scuole ordinarie o proseguire nell’educazione secondaria.

Amnesty International chiede alle autorità slovacche di affermare in modo forte e chiaro la loro determinazione a sradicare la diffusa segregazione nell’istruzione delle bambine e dei bambini Rom e di prendere misure immediate per favorire la loro effettiva integrazione.

“A prescindere dalla loro capacità individuale, molti bambini e bambine Rom ricevono un’istruzione di serie B in classi segregate. Se il governo non riesce a fornire un’istruzione adeguata a tutti i bambini e le bambine Rom, le loro prospettive d’impiego diventano scarse e si perpetua in questo modo un ciclo di marginalizzazione e di povertà” – ha dichiarato Nicola Duckworth, direttrice del Programma Europa e Asia Centrale di Amnesty International.

L’organizzazione per i diritti umani si dice preoccupata per il fatto che il modo in cui vengono effettuate le valutazioni e i criteri usati per assegnare una bambina o un bambino in una scuola o in una classe speciale possono costituire elementi di discriminazione, poiché non tengono in adeguata considerazione le differenze linguistiche e culturali. Il rapporto di Amnesty International afferma che fino al 50% delle bambine e dei bambini Rom sono stati assegnati a scuole o classi speciali in modo errato.

“Una bambina o un bambino che vivono in una baracca in mezzo al nulla, senza elettricità o acqua corrente non sapranno mai come scaricare una toilette, usare un bagno, impugnare una matita, fare un disegno o parlare slovacco. Tutto questo, però, non dovrebbe privarli del loro diritto fondamentale a un’istruzione adeguata” – ha sottolineato Duckworth.

Un’ulteriore motivo di preoccupazione per Amnesty International è costituito dall’ampia presenza di scuole e classi per soli Rom. In alcune zone orientali della Repubblica Slovacca, il 100% delle scuole è di tipo segregato. La legge prevede che i genitori abbiano il diritto di scegliere la scuola per i propri figli. Questa normativa, apparentemente neutrale, contribuisce in realtà alla segregazione: la libertà di scelta dei genitori dà spesso luogo al ritiro di bambine e bambini non Rom dalle scuole frequentate prevalentemente da Rom. La scelta dei genitori, insieme alla mancanza di trasporti scolastici gratuiti per le bambine e i bambini Rom influenza la segregazione e riduce radicalmente l’interazione tra i Rom e i loro coetanei in Slovacchia.

Sebbene insista che la segregazione non è una politica ufficiale, finora il governo di Bratislava non si è veramente impegnato a fermarla. Come ha detto un funzionario slovacco ad Amnesty International, la segregazione si ottiene facilmente ed è difficile contrastarla.

“La società civile ha la competenza e l’esperienza per contribuire a risolvere i problemi della segregazione e della discriminazione nei confronti delle bambine e dei bambini Rom. Un miglioramento degno di nota sarà possibile solo con il coinvolgimento attivo e concordato del governo slovacco e di ogni livello delle istituzioni, delle comunità Rom e delle organizzazioni non governative” – ha commentato Duckworth.

Alcune misure speciali assunte dal governo, come l’istituzione di classi preparatorie, l’assunzione di insegnanti di sostegno, gli incentivi finanziari alle scuole per integrare le bambine e i bambini Rom e un minimo di formazione per gli insegnanti che lavorano con i Rom, hanno avuto l’approvazione di Amnesty International. Tuttavia, queste misure non sono obbligatorie e in molti casi non vengono attuate a livello locale.

Il diritto all’istruzione è collegato ad altri importanti diritti umani, come il diritto a un’abitazione adeguata. Circa un terzo della popolazione Rom della Repubblica Slovacca vive in insediamenti situati fuori dalle città e dai villaggi, con scarsa o addirittura assente fornitura di acqua ed elettricità, servizi igienici, strade asfaltate e altre infrastrutture fondamentali. L’assenza di adeguati alloggi per i Rom ha un impatto notevole sulla possibilità che le bambine e i bambini Rom possano beneficiare del diritto all’istruzione. Katarina Krustenova, che vive in un insediamento nei pressi di Letanovce, nella Slovacchia orientale, ha dichiarato ai ricercatori di Amnesty International: “Abbiamo una candela… vorremmo che i nostri figli studiassero a casa, ma finisce molto presto…”.

“I Rom hanno le stesse aspirazioni del gruppo maggioritario della popolazione slovacca. Il governo deve assumersi le proprie responsabilità e promuovere, proteggere e ottenere il diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini Rom. Deve anche far sì che gli insediamenti precari e segregati dei Rom siano un ricordo del passato” – ha concluso Duckworth. “È molto importante che l’Unione europea, di cui la Repubblica Slovacca è Stato membro, sostenga il governo in tutti i suoi reali tentativi di affrontare il problema della sistematica violazione del diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini Rom. L’Unione europea potrebbe farlo fornendo la necessaria assistenza finanziaria e tecnica e assicurando la partecipazione dei Rom a tutti i livelli dell’adozione e dell’attuazione di politiche e programmi riguardanti la loro vita”.

FINE DEL COMUNICATO Roma, 15 novembre 2007

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 22/11/2007 @ 09:00:09, in blog, visitato 1608 volte)

Opera Nomadi, ancora un omicidio bianco
I responsabili vadano cercati nell’imprenditoria italiana in Romania e nella completa mancanza di programmazione di questo Governo come di quello precedente. Sono mesi che l’Opera Nomadi cerca invano di farsi ricevere al Ministero dell’Interno perché siamo certi che come i 4 omicidi bianchi a L...

Torino, nuovo incendio in un insediamento rom
Una decina di baracche di un “campo nomadi” in via Germagnano, alla periferia di Torino, sono rimaste distrutte o danneggiate in un incendio sviluppatosi ieri pomeriggio per cause non ancora accertate. L’episodio coinvolgerebbe 6-7 famiglie. Non ci sono stati feriti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ed i carabinieri della Compagnia Oltre Dora. Secondo gli a...

Roma, Ferrero e Bindi tra i bambini rom e non solo
In occasione della giornata nazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza i Ministri della Solidarietà Sociale Paolo Ferrero e delle politiche per la Famiglia Rosy Bindi visiteranno oggi pomeriggio alcune realtà significative della condizione dei minori nel nostro paese. Alle ore 14.00, presso la scuola med...

Rom e Sinti, un giorno di lutto
Oggi è la Giornata internazionale dei Diritti dei bambini, che celebra il XVII anniversario della Convenzione Internazionale sui diritti dell'Infanzia, il più organico quadro di riferimento per tutte le iniziative a difesa dei diritti dei bambini, approvato nel 1989 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite e riconosciuto in 190 p...

Giorgio Napolitano, ''Rom e romeni non sono il male e vanno integrati''
"Modificare la legge sulla cittadinanza che è troppo restrittiva". È quanto chiede il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, intervenendo al Quirinale in occasione della celebrazione della “Giornata nazionale dell'infanzia”, in coincidenza con l'anniversario della Convenzione Onu sui diritti dei minori. Per il capo dello Stato, "bis..

Razzisti in doppiopetto, dov'è la differenza dai colleghi di destra?
Un tempo erano di sinistra. Oggi sono democratici che scimmiottano gli avversari ignari di alimentare pulsioni oscure che primao poi gli si rivolteranno contro. Il razzismo non è appannaggio esclusivo dei reazionari. Lombroso e de Lapouge erano socialisti. L'avevo definito razzismo "democratico" o "rispettabile", quel razzismo subdolo e ipocrit...

Roma, la squadra di calcio degli "Ercolini"
“Il nostro motto è essere educati”, ci tiene a precisare Salvatore Paddeu, arbitro di calcio e allenatore di una squadra di ragazzi rom del "campo nomadi" di Tor di Quinto. La sua avventura è cominciata tre anni fa, quando decise di mettere in piedi la squadra degli “Ercolini”, dal nome del presidente della squadra, Don Giovanni D’...

Accordo UE-Serbia: un evento storico
Lo scorso 25 ottobre è stato un giorno importante per le relazioni Belgrado-UE. Il Parlamento europeo ha infatto approvato un rapporto a favore di una rapida integrazione della Serbia in Europa. Questa sembra ormai essere una priorità sia a Strasburgo che a Bruxelles. “Il futuro della Serbia è nell'Unione europea”. Questo il messaggio chiave suggellato il 25 ottobre sco...

Identità negate: l’alba di Federica
Sorgerà
mai
l’alba
di Federica
in una società
sgomenta,
ostile e
nemica?!

Il chiaro
di un mattino
in cui...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/11/2007 @ 09:14:09, in musica e parole, visitato 2123 volte)

Da Macedonian_Roma

Nina Stoffers - Skopje - 14.11.2007 Sono le 5 del mattino. Un imam chiama alla preghiera. La sua voce attraverso gli altoparlanti. I cani iniziano a vagabondare ed il sole dorato si arrampica da dietro le colline di Shuto Orizari. Un anziano fuma e tossisce. Ci sono poche persone in giro a quest'ora. Le otto, Abraham si stropiccia gli occhi mentre sua sorella si alza per andare a lavoro. E' fortunata. Ha 19 anni e lavora come donna delle pulizie per una famiglia macedone.

A Shuto Orizari circa il 90% dei Rom sono disoccupati. Molti trovano lavoro nel settore informale, nel commercio e nell'industria delle costruzioni. Ma sono in pochi di fronte all'alto numero di disoccupati e a quanti lavorano nel mercato nero che caratterizza Shuto Orizari. Shutka,come è conosciuto questo sobborgo della capitale macedone Skopje, è il più grande insediamento Rom con 70.000 abitanti. Ci sono un sindaco Rom, due stazioni TV, scuole e due parlamentari Rom che siedono in Parlamento. Per una volta, i Rom qui non sono una minoranza.

Rom gangsta rap

Abraham e sua sorella vivono con i genitori e tre fratelli minori in due piccole stanze. Alle 11 Abraham si alza.Di fronte allo specchio si pettina e si mette le sue lenti a contatto blu.  Quindi va al computer e visto che è festa può dedicarsi al suo hobby: la musica. E' insolito a Shutka che qualcuno ascolti il "rap". Abraham  si autodefinisce un "gangsta rapper". Ha scritto e mixato da cinque anni. Non adopera i tipici strumenti rom come il clarinetto e il violino, ma il computer. Canta solo in inglese - non in romanes, così da poter essere ascoltato fuori da Shutka.

Nel centro, nella "strada della nuova vita", i commercianti ambulanti hanno esposto i loro banchi. Accanto ai pomodori, melanzane e meloni ci sono prodotti di imitazione in vendita a basso costo. Su banchi di vendita improvvisati, copie pirata di musica araba, bulgara e persino indiana. Ci sono macchine Daimler con targa straniera e rachitiche Lada. Ci sono 39° e l'aria luccica dal caldo e dalla polvere. Si sente il forte odore di carne bruciata e dei gas di scarico delle macchine.

Bus verso un altro mondo

Nel frattempo Abraham ha remixato le sue canzoni e predo l'autobus che di solito prende per andare a scuola. La strada collega due moschee che distano l'un l'altra meno di 300 metri. Le moschee sono quasi terminate e all'interno hanno i tappeti, mentre all'esterno i minareti sono quasi conclusi e gli altoparlanti chiamano i fedeli alla preghiera cinque volte al giorno. I richiamo sono in albanese ed in arabo, non in romanes. La situazione tra Rom e Albanesi è tesa. Abraham non vuole scendere da solo dall'autobus.

Nel contempo sta percorrendo un pacifico sobborgo ad est della città. Molti Albanesi vivono qui, non sono tanti come i Rom. Abraham sta per incontrare la coppia rom Ljatif e Fatime Demir, per chiedere loro quando potrà usare il loro studio musicale per registrare le sue canzoni. Nel 1998 hanno creato l'associazione culturale "Darhia" (Radici), che fornisce uno spazio creativo ai giovani rom. Una donna energica di circa 50 anni apre la porta con gesti di benvenuto. Fatime Demir spiega che c'è un'orchestra di mandolini molto popolare che attrae i bambini macedoni. Fatime sente che il suo lavoro aiuta a rafforzare i legami inter-etnici.

Stupido zingaro

I diritti delle minoranze e la discriminazione nella vita di ogni giorno sono i temi che Abraham rappa nelle sue canzoni. Particolarmente sul suo primo anno di scuola quando con altri ragazzi rom sedeva per lo più in fondo alla classe Quando faceva errori in macedone era rimproverato come "stupido zingaro". Se parlava bene il macedone, invece veniva chiamato gagio da Rom, la parola che loro usano per non-Rom. Attraverso la musica Abraham chiede riconoscimento e rispetto, ma lui è un'eccezione. La maggior parte dei gruppi etnici resta isolata nei propri spazi.

Funded by the 'Erinnerung, Verantwortung und Zukunft' foundation

This article was first published in the German journalist network N-ost

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


28/02/2017 @ 06:28:54
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 996 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source