Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Carissimi, non sono stato eletto. Il risultato elettorale della lista "per la sinistra unita a Mantova" porterà una sola persona in Consiglio comunale a Mantova. Il candidato che ha ricevuto più preferenze è Fausto Banzi, assessore provinciale. Il mio risultato elettorale è stato buono, sono infatti arrivato secondo.

Ringrazio tutte le persone che mi hanno sostenuto in questa difficilissima campagna elettorale e ringrazio di cuore le tante persone che mi hanno votato domenica e lunedì. Dopo il ballottaggio tireremo le somme di questa tornata elettorale.

In questo momento è fondamentale unire tutte le forze in vista del ballottaggio che vedrà il mio candidato Sindaco, Fiorenza Brioni, confrontarsi con il candidato Sindaco del centro destra, Nicola Sodano.

Con affetto, Yuri Del Bar

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/03/2010 @ 09:40:21, in musica e parole, visitato 2421 volte)

@ltroMolise.it 2010-03-29 02:09:39 (Altre notizie su Paul Polansky e su Lety, ndr)

di LAURA CAROSELLA - Paul Polansky, poeta e romanziere americano di origini cecoslovacche, ha tenuto un recital di poesia presso il Teatro Italo Argentino di Agnone il giorno 26 marzo, durante il quale ha illustrato la sua esperienza di poeta e giornalista a contatto con le popolazioni Rom della Repubblica Ceca e del Kosovo.

Dallo sterminio durante la seconda guerra mondiale, all’avvelenamento da piombo nei campi Rom del Kosovo che ancora causa morti, Polansky fa denunce serissime e attraverso le sue poesie narra le storie di chi non ha voce.

Cos’è che ha suscitato in lei un interesse così profondo verso le popolazioni Rom ed in particolare verso i campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale? Stava cercando di risalire alle sue origini cecoslovacche eppure ha provato interesse per qualcosa di completamente diverso. Vuole raccontarci come è andata?

"Sì, stavo cercando le mie origini negli archivi della Cecoslovacchia nel 1991 e reperii un numero notevole di documenti che gli archivi raccoglievano sui campi di concentramento Rom presenti a Lety durante la Seconda Guerra Mondiale. Il direttore dell’archivio disse che nessuno avrebbe potuto consultarli per 15 anni, quindi cominciai a pressare il Governo e tramite alcune amicizie influenti sono riuscito ad avere accesso agli archivi.
Non esisteva un inventario e c’erano numerosi scatoloni pieni di documenti, così per ogni scatola e per ogni documento feci un inventario accurato e trovai moltissime informazioni attraverso le quali capii che si trattava di un campo di sterminio gestito dai cechi e non dai tedeschi. Trovai molte foto ed in particolare quella di una giovane ragazza che un Natale cercò di fuggire dal campo, dopodiché non c’erano altre informazioni su di lei così presunsi fosse stata uccisa come molti altri che cercarono di fuggire.
Attraverso delle ricerche su tutti i nomi delle persone che trovai trascritti su quei documenti (tra i quali c’erano anche 95 guardie), venni a sapere che non c’erano persone ancora in vita e pensai subito che fosse molto strano, impossibile oserei dire.
Conobbi poi uno zingaro che era stato un conducente di Taxi a New York per 8 anni e che parlava inglese molto bene , inoltre era parecchio conosciuto nella comunità Rom, così lo "assunsi" per cercare informazioni su eventuali sopravvissuti.
Girammo tutta la Cecoslovacchia chiedendo ai Rom se qualcuno conoscesse sopravvissuti della seconda guerra mondiale che provenissero da Lety: ne trovai più di un centinaio e ovviamente avevano delle storie terribili da raccontarmi, ancora peggiori di quelle raccontate dai sopravvissuti di Auschwitz. Non avevano mai narrato queste storie prima di allora, neppure ai loro figli, perché i Rom hanno un loro "codice del silenzio" e queste storie per loro costituivano quasi un marchio di disonore, ma io mi trovai nel momento giusto al posto giusto, poiché i sopravvissuti erano tutti molto anziani e capirono di non voler portare quel segreto nella tomba , volevano che la gente sapesse cosa avevano subito. Così cominciai a raccogliere tutte le loro storie. Non vollero però che io li filmassi, fotografassi o che registrassi le loro parole, avevano paura che subito dopo io sarei andato dalla polizia a denunciarli per farli riportare a Lety; erano passati tutti quegli anni eppure avevano ancora paura di essere rinchiusi nuovamente in un campo di concentramento e questa è un’ulteriore prova di che esperienza terribile fosse stata.
Trovai anche delle guardie sopravvissute e pressai il Governo ceco affinché processasse uno di loro, perché avevo le prove che egli avesse ucciso tantissime persone con le sue mani, soprattutto bambini. Diedi vita ad un caso che all’epoca ebbe molta risonanza a livello mediatico in Cecoslovacchia, ma questa guardia era ormai troppo anziana per essere processata, anche se tentò di uccidermi quando io stesso andai a trovarlo! Quando conobbi la figlia e le raccontai ciò che sapevo su suo padre mi disse che avevo appena distrutto tutti i suoi sogni, mi disse "hai distrutto la mia vita e quella dei miei figli." Ecco qual è la parte peggiore del fare un lavoro come il mio".

Ieri, durante l’incontro presso il Teatro Italo Argentino, lei ha detto di aver vissuto per oltre 15 anni insieme alle popolazioni Rom come antropologo e studioso. Questa esperienza che impatto ha avuto sulla sua vita?

"Ho vissuto per 5 anni con gli zingari della Repubblica Ceca e per ben 11 anni con quelli del Kosovo come antropologo per l’appunto, raccogliendo le loro storie, imparando le loro abitudini e i loro costumi, assimilando le loro leggende e miti e tentando di trovare una differenza tra loro e me, per poi capire sempre di più che non ce ne fosse nessuna. Poi, attraverso le storie che mi raccontavano ho capito che le loro radici si trovavano in India, così sono andato in India e ho scattato molte foto, quando sono tornato e ho mostrato loro le foto scattate lì non credevano che io ci fossi stato davvero, uno di loro mi disse "Sei sicuro di essere stato in India? Conosco la donna in questa foto ed abita proprio nel villaggio qui accanto!" Non hanno mai creduto al fatto che fossi stato in India eppure lì avevo trovato i loro "cugini"!
A parte questo, vivere con loro non significa solo "studiare" i loro usi e costumi, ma soffrire con loro, subire gli stessi attacchi e gli stessi pregiudizi che la gente ha nei loro confronti, per esempio la NBC si rifiuta di parlare con me perché mi considera uno zingaro a tutti gli effetti, sono uno di loro! Girava addirittura la voce che io facessi parte di un esercito di zingari e molti, anche miei cari amici, erano curiosi di vederlo, questo mio grande "esercito", quando invece si trattava solo di due sorelle Rom che erano le mie interpreti. Eppure la NBC aveva messo in giro questo "rumor": "Paul Polansky arruolato in un esercito gitano". Io sto semplicemente cercando di salvare tanti bambini e tante persone che vivono nei campi contaminati dal piombo e la cosa peggiore di questa esperienza è il constatare che nessuno vuole salvarli, questo è il problema".

A proposito di questo, alla fine del video documentario "Gipsy Blood" che ieri lei ha proiettato in sala, c’è una forte denuncia nei confronti dell’ONU per quanto riguarda il problema dell’inquinamento da piombo nei campi Rom in Kosovo. Perché tanta indifferenza da parte di una associazione che è nata per difendere i diritti umani?

"C’è un atteggiamento innato di razzismo nei confronti degli zingari tra i componenti dell’ONU e non solo in Kosovo, inoltre l’ONU cambia il suo staff ogni 6 mesi in Kosovo, per cui io in 11 anni ho assistito a ben 22 cambiamenti di staff e tutte le persone che ho visto subentrare odiavano e odiano gli zingari. Prima la stessa cosa accadeva per le persone di colore, ora invece abbiamo persone di colore al governo, nelle istituzioni, insomma ricoprono posizioni di grande rilievo e quasi più nessuno è intollerante nei loro confronti, più che altro hanno capito che non si può essere razzisti nei loro confronti, mentre gli zingari non sono conosciuti, non sono integrati con la società, non hanno incarichi di nessun genere, sono considerati dei nomadi e questo alimenta il pregiudizio e l’intolleranza e l’intolleranza, a sua volta , è alimentata dall’ignoranza".

E’ quindi l’ignoranza il motivo per cui, dalla seconda guerra mondiale ad oggi, continua a sussistere un atteggiamento xenofobo nei confronti delle popolazioni Rom?

"Sì, diciamo che per conoscere le persone bisogna viverci insieme. Sia in Spagna, che nella Repubblica Ceca, che nel Kosovo ho avuto modo di conoscere persone che avevano dei Rom come vicini di casa ed ognuna di queste persone mi ha detto "lo zingaro che abita accanto a me è un persona per bene, non ho nessun problema nei suoi confronti e mi fido di lui, ma è lo zingaro che abita dall’altra parte della città quello di cui non mi posso fidare. " Ecco vede, se li si conosce, si vive insieme a loro, non ci sono problemi, se non li si conosci e non si sa nulla di loro è lì che comincia l’intolleranza e la fobia".

Rispetto ad altri poeti di cui ho avuto modo di leggere i componimenti, ho notato che le sue poesie rifuggono da qualsiasi artificio stilistico ed adottano un linguaggio diretto e concreto riportando i fatti per come sono avvenuti, oserei dire con uno stile quasi giornalistico. Si tratta di una scelta ben precisa o del suo stile innato di scrittura?

"Quando ho cominciato la mia carriera giornalistica alle scuole superiori, la mia insegnante diceva sempre che utilizzavo troppe parole , che ero molto prolisso e che purtroppo il mio stile naturale di scrittura era quello. Il fatto è che vivendo con i Rom e ascoltando le loro storie, devo utilizzare le loro semplici parole per raccontarle a mia volta, devo essere necessariamente diretto ed utilizzo il loro stile perché voglio mostrare a tutti chi essi siano davvero. Questo è il modo in cui loro parlano, non usano molte parole per descrivere le azioni , le loro storie di vita perché non hanno ovviamente il senso della letteratura, ma solo quello della storia, quella che si narra di padre in figlio di generazione in generazione. Ogni zingaro ha un’innata capacità narrativa usando il proprio diretto, semplice ed essenziale modo di raccontare che ti colpisce, arriva dritto alle ossa. Questo è il motivo per cui io adotto il loro stile e ormai l’ho fatto mio, infatti lo utilizzo per qualsiasi cosa io scriva".

Oggi ha trascorso una giornata ricca di appuntamenti qui a Agnone, cito la visita alle scuole superiori, alla struttura che un tempo fu adibita a campo di concentramento e poi alla Fonderia delle Campane Marinelli. Che idea si è fatto di Agnone e della sua storia?

"Mi sono davvero innamorato di Agnone, sono sincero! E’ una cittadina favolosa ed ho particolarmente apprezzato il suo centro storico: tutti i palazzi, i portoni, le botteghe; amo molto questo genere di cose. Le persone sono molto gentili per quello che ho potuto constatare e sono rimasto molto stupito dagli studenti delle scuole superiori con cui questa mattina ho avuto un incontro perché ho fatto molti convegni presso le università e questi ragazzi avevano molte più domande da pormi rispetto agli studenti universitari, erano totalmente coinvolti ed interessati alle mie parole, alle mie esperienze, a ciò che raccontavo loro. Nonostante si trattasse di un argomento piuttosto difficile e drammatico, avevo l’attenzione di ogni singolo studente. Ne sono rimasto impressionato e mi sono entrati davvero nel cuore. I ragazzi dell’Istituto Alberghiero, inoltre, mi hanno addirittura preparato, insieme ai loro insegnanti, un ottimo pranzo che non dimenticherò di certo! Vorrei davvero tornare in futuro, tornare a vedere la Fonderia (Marinelli n.d.r) che oggi mi ha fatto uno splendido dono e magari, perché no, scrivere anche un libro di poesie su questa bellissima città e sulla sua storia."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/03/2010 @ 09:22:28, in musica e parole, visitato 1654 volte)

Martedì 6 aprile 2010 dalle 18.30 alle 22.00 circa
Tempio Valdese Piazza Cavour, 32 - Roma

In occasione della GIORNATA MONDIALE DEI ROM (8 Aprile), il Circolo Gianni Rodari, Arci Solidarietà, Associazione Thèm Romanò, Cooperativa Ermes, Fabulafilm e la rivista Confronti (DIALOG-ARTI) presentano il 6 Aprile, in anteprima assoluta, l’opera etnosinfonica di Santino Spinelli dedicata alla memoria della persecuzione nazifascista dei Rom e Sinti italiani. Il concerto sarà accompagnato dalla proiezione del film documentario "Tzigari. Una Storia Rom", (regia di Paolo Santoni, produzione Fabulafilm), il primo documentario italiano dedicato alle vicende delle persecuzioni dei Rom e Sinti italiani durante la seconda guerra mondiale.

L’evento, che rientra all’interno del Progetto "La memoria della persecuzione dei Rom e Sinti italiani" sostenuto dalla Comunità Europea all’interno del Programma sulla cittadinanza attiva, avverrà sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

L'evento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 30/03/2010 @ 09:02:29, in Italia, visitato 1754 volte)

La proposta di un corso di educazione alla cittadinanza nasce in un particolare momento storico dove le persone vivono con difficoltà, contraddizioni e resistenze la convivenza civile con gli altri.
Le conquiste raggiunte sul piano della legalità e dei principi costituzionali sembrano ormai appartenere ad un passato, lontano non solo per collocazione temporale, ma anche per percezione valoriale. Non si guarda più alla condizione di cittadino e cittadina come esito di un percorso "faticosamente" intrapreso dalla società per l'affermazione della democrazia anche nel nostro Paese, ma più come dato scontato, acquisito, definito. Il percorso verso l'affermazione di una convivenza all'insegna della democrazia e della civiltà non può mai ritenersi concluso, richiede a tutti noi di essere costantemente alimentato, riappropriato e rilanciato perché il principio di cittadinanza non si limiti ad una parola, spesso scritta ed usata nel linguaggio corrente ma dal significato volubile e non collettivamente costruito e condiviso. Altresì occorre assumere con responsabilità le "fatiche" che la convivenza civile e democratica ci presenta oggi. Appare quindi necessario interrogarsi sul valore e sul significato delle parole che usiamo, parole che ancor prima di essere pronunciate vanno ascoltate e comprese, partendo da noi stessi. Ed è dalle parole che possiamo trovare la forza per generare possibilità di cambiamento. Se ciò non accade corriamo il rischio di "brutalizzare" le esistenze di tutti, oltre che cercare facili capri espiatori nei gruppi minoritari così come nei singoli che vivono condizioni di grave marginalità sociale.

Gli obiettivi del corso sono: fornire un livello di conoscenze e competenze necessarie per svolgere il ruolo di cittadini attivi nella società, rafforzare il senso di appartenenza alla società civile, promuovere nei cittadini una comprensione dei fenomeni di discriminazione e tutela delle minoranze culturali, contribuire a mantenere vivo un interesse alle tematiche riguardanti l'educazione alla cittadinanza. Il corso propone una metodologia attiva e partecipativa che si articolerà con brevi introduzioni sull'argomento e successivo sviluppo in lavori di gruppo ed esercitazioni. Coordinatori dei gruppi: Roberto Cobelli (insegnante e supervisore presso Università Cattolica di Brescia), Cleopatra Giazzoli (educatore e formatore presso Istituto Centrale di formazione, Dipart. Giustizia Minorile di Castiglione delle Stiviere), Milena Perani (insegnante e supervisore presso Università Cattolica di Brescia). Il corso è rivolto ai cittadini nei loro diversi ruoli sociali e professionali: educatori, insegnanti, animatori, studenti, pensionati. La presenza di diverse fasce di età favorirà l'eventuale confronto intergenerazionale fra i partecipanti. Le iscrizioni si ricevono entro il 6 aprile nei seguenti modi: consegnando la scheda di iscrizione presso la Scuola dell'Infanzia, la Scuola Primaria, la Scuola Secondaria di primo grado e la Parrocchia di Guidizzolo, inviando una mail a: roberto.cobelli@unicatt.it , telefonando a: 0376.819324; 347.5895061. Ai partecipanti che avranno seguito tutti gli incontri verrà rilasciato un attestato di frequenza valido come credito formativo da parte del Centro di Educazione degli Adulti di Castel Goffredo. Propongono il corso le associazioni di Guidizzolo: Altrimondi e Pico de Jaca , Centro di Educazione Degli Adulti di Castel Goffredo, Istituto Centrale di Formazione di Castiglione delle Stiviere, Istituto di Cultura Sinta di Mantova.

Programma

1 incontro: sabato 10 aprile 2010 ore 16-19
"Io e l'altro, il cittadino e lo straniero a partire da noi"
con don Paolo Gibelli, Giordano Cavallari, Caritas Diocesana, Mantova

2 incontro: sabato 17 aprile 2010 ore 16-19
"La cittadinanza: tra problemi, contraddizioni e possibilità di cambiamento"
con Elena Righetti, Istituto Paulo Freire, Milano

3 incontro: sabato 24 aprile 2010 ore 16-19
"Pratiche di cittadinanza nella scuola e nella società civile"
con Michele Gagliardo, settore formazione Gruppo Abele e Libera, Torino

4 incontro: sabato 8 maggio ore 16-19
"Pringiarasmi. Conosciamoci"
con Carlo Berini, Istituto di Cultura Sinta, Mantova

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/03/2010 @ 08:59:27, in Regole, visitato 1621 volte)

In questi giorni si sono in corso nei vari campi rom della capitale i foto segnalamenti degli abitanti.

I foto segnalamenti coinvolgono anche cittadini italiani, cittadini comunitari e cittadini provvisti di validi titoli per il soggiorno. Per tanto, essendo svolto in assenza di ogni reale esigenza di accertamento dell’identità delle persone coinvolte, il fotosegnalemento da lei disposto si presenta come un provvedimento discriminatorio e su base razziale in palese violazione dei più fondamentali diritti della persona.

Per altro, il foto segnalamento si svolge nella cornice di un Regolamento da lei stilato in qualità di Commissario Straordinario, contenente la stessa impostazione discriminatoria come è stato denunciato da diverse autorità non ultima l’Alto Commissario per i Diritti Umani dell’Onu.

Le chiediamo di voler rimuovere le disposizioni che impongono il foto segnalamento e di ripristinare il pieno rispetto dei diritti all’interno dei campi rom.

PRIMI FIRMATARI

Claudio Graziano responsabile immigrazione ARCI Roma
Giovanni Alfonsi Funzione Pubblica CGIL Roma Ovest
Elena Carulli delegata FP-CGIL
Luigi Nieri Assessore Bilancio Regione Lazio
Massimino Celoni SPI CGIL Roma Ovest
Saverio Nigro avvocato
Laura Liberto avvocata
Gabriella Telesca Avvocata
Eugenio Cicerchia
Giuseppe PANUCCIO
Serena Melandri
Patrizia Bonelli

Per aderire scrivere alla mail: inforoma@arci.it
Claudio Graziano responsabile immigrazione ARCI di Roma tel 3356984279-0641734712 www.arciroma.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/03/2010 @ 09:23:06, in casa, visitato 1855 volte)

Da Roma_Daily_News

23 marzo 2010 - SEVİM SONGÜN - ISTANBUL - Hürriyet Daily News

Molti Rom che sono stati spostati negli appartamenti del quartiere di Taşoluk forniti dall'Amministrazione dell'Edilizia di Massa (TOKİ), sono ritornati nel loro quartiere originario e nei dintorni di Sulukule per ragioni culturali e socio-economiche. Molti dicono che le spese per i [nuovi] appartamenti sono oltre le loro capacità ed anche che lì la vita non è sostenibile, perché preferiscono case col cortile da condividere con parenti e vicini

I Rom vivono una vita nomade dopo le demolizioni a Sulukule

Secondo gli osservatori e le OnG, i membri della comunità rom di Istanbul continuano a vivere come nomadi dopo la demolizione delle loro case, nonostante i nuovi appartamenti offerti dal governo.

Dopo che le case dei Rom che vivevano nel quartiere Sulukule del distretto di Fatih a Istanbul sono state distrutte, durante un progetto di trasformazione urbana guidato dal comune di Fatih negli ultimi tre anni, agli affittuari è stato permesso di spostarsi in appartamenti costruiti dall'Amministrazione dell'Edilizia di Massa, o TOKİ, nel quartiere di Taşoluk, sempre a Istanbul nel distretto di Gaziosmanpaşa.

L'iniziativa fa parte degli sforzi del governo per migliorare gli standard di vita dei Rom in Turchia, ma i membri della comunità rom di Sulukule dicono di soffrire ancora per i risultati delle demolizioni.

Spostarli non ha risolto i problemi

Spostare alcuni Rom a Taşoluk non ha fornito una soluzione, dato che molti di loro hanno fatto ritorno a Sulukule soltanto qualche mese dopo, avendo venduto i loro appartamenti.

"Abbiamo potuto rimanere lì [a Taşoluk] solo quattro mesi. Non era adatta per noi," dice Faruk Say, un Rom ritornato a Sulukule. Dopo che la casa di Sulukule che aveva in affitto con sua moglie e due bambini era stata demolita, Say aveva scelto di spostarsi negli appartamenti TOKİ a Taşoluk. Dice che vivere a Taşoluk era socio-economicamente difficile per loro.

"Lì per noi non c'era vita. Dopo le nove le strade sono buie. E' un quartiere solitario," dice Say. "Le spese mensili del nostro appartamento erano superiori a quel che potevamo permetterci."

"Dovremmo guadagnare 1.000 lire turche al mese per vivere negli appartamenti a Taşoluk. Ci sono molte altre spese oltre all'affitto, per esempio il gas, l'elettricità e le spese dell'appartamento," dice Say.

Quasi la metà è tornata

I Rom vivono e lavorano a Sulukule sia come musicisti che come venditori, conducendo una vita a basso reddito ed anche i loro affitti sono bassi. Pero il comune ribatte che ai Rom sono state fornite buone opportunità a Taşoluk. "Erano tutti in affitto, ma avevano anche la possibilità di acquistare l'appartamento, pagando 250 lire al mese," dice Mustafa Çiftçi, coordinatore di progetto per il comune di Fatih.

Dopo 15 anni di pagamenti mensili, avrebbero potuto essere proprietari dell'appartamento, dice Çiftçi, aggiungendo che tutti hanno ricevuto dal comune 100 lire come supporto. Però, Çiftçi deve concordare che quasi la metà dei 127 Rom mandati a Taşoluk hanno venduto o affittato l'appartamento e sono tornati a Sulukule o nei quartieri circostanti.

Però secondo Hacer Foggo, della Piattaforma Sulukule, le cifre sono inferiori. Dice che solo sei o sette famiglie sono rimaste a Taşoluk. "La maggior parte ha venduto la sua casa a partire da 5.000 lire e sono tornati nel loro vecchio quartiere. Ma ora si spostano come nomadi da una casa all'altra, perché non possono pagare l'affitto," dice.

Foggo, che lavora presso l'Associazione Zero Discriminazione, ha raccontato a Daily News che dovrebbero essere fatte ricerche a Sulukule per studiare i bisogni dei locali, prima di far partire il progetto di trasformazione urbana. "Dovrebbero essere esaminate le ragioni per cui i bambini non frequentavano la scuola o i disabili non lasciavano le loro case, e prodotti progetti sociali per migliorare la loro vita," ha detto.

Sevcan Küçükatasayar, 20 anni, ex affittuario a Taşoluk ritornato a Sulukule, dice che non potevano vivere in un appartamento. "Avevamo l'abitudine di vivere in una grande casa col giardino. Tutti i nostri parenti erano nello stesso quartiere. Ma a Taşoluk, mio padre ha aperto una casa da te, ed ha fatto bancarotta perché nessuno ci andava," dice.

Nel contempo, alcuni Rom dicono di essere felici a Taşoluk. "Quanti hanno un lavoro stabile possono viverci," dice Şahin Kumralgil, che vive a Taşolukma passa il tempo a Sulukule.

Secondo Şükrü Pündük, capo dell'Associazione Rom di Sulukule, molti dei Rom tornati a Sulukule sono  anche stanchi di parlare alla stampa ed hanno perso la speranza di un futuro migliore.

Rimozione di una sentenza discriminatoria

Il deputato di Bursa Ali Koyuncu, del partito di governo Giustizia e Sviluppo (AKP) ha anche preparato una proposta che chiede la rimozione di una sentenza con connotazioni discriminatorie, riporta l'agenzia Anatolia news. La sentenza recita: "Il Ministro degli Interni è responsabile della deportazione di zingari e nomadi stranieri."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/03/2010 @ 09:14:45, in Italia, visitato 1578 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

Finalmente pubblicate le Linee guida di accesso ai campi ROM della Croce Rossa Italiana, che hanno colmato un vuoto formativo ed informativo importante. [...]

Vaticano, Caritas, Rom, volontari della CRI, gruppo Everyone hanno tutti partecipato alla stesura di questo prezioso documento che va oltre la semplice stesura di molteplici informative, ma rappresenta nel suo insieme e nella sua essenza piu' profonda il primo vero tentativo di condividere a livello europeo un "modus operandi" corretto che permetterà a molte persone di avvicinarsi al popolo ROM per aiutarlo davvero.

[...]

Disponibile nell'area DOCUMENTI

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/03/2010 @ 09:45:30, in Italia, visitato 1863 volte)

Ricevo da Nazzareno Guarnieri

li, 26 marzo 2010 - Se in pochi mesi nella Regione Abruzzo si sono verificate tre gravissimi episodi di violenza, con la morte di due persone ed una terza persona in pericolo di vita, per responsabilità di giovani rom,   la politica abruzzese, di centro – di destra – di  sinistra, ha il dovere di assumersi le proprie responsabilità istituzionali e programmare POLITICHE CULTURALI E SOCIALI DI INTEGRAZIONE CON LA MINORANZA ROM. 

A nulla sono valse le nostre denunce preventive e le proposte operative dei mesi scorsi, perchè quando si tratta di Rom i pregiudizi e gli stereotipi della politica verso la minoranza rom prevalgono sul rispetto di norme e principi, di diritti/doveri fondamentali, e molti si dilettano “ad accendere il fuoco” con dichiarazioni contraddistinte dalla fierezza dell'ignoranza e dall'arroganza del potere.      

L'integrazione culturale CON LA MINORANZA ETNICA ROM non si verifica per opera dello Sprito Santo, ma si costruisce con specifiche attività sociali e culturali di integrazione, che la politica HA IL DOVERE di attivare.

La scelta della politica abruzzese di una strumentale indifferenza verso la problematica rom riserva il disagio sulla quotidianità di tutti i cittadini, tale che la responsabilità morale di queste violenze è da attribuire alla politica.

Il rifiuto ad attivare strategie di interazione culturale per la minoranza rom è una illegittimità e la politica, come tutti e prima di tutti, HA IL DOVERE DI RISPETTARE le norme ed i principi.

La nostra organizzazione RomSinti@ Politica, la Cooperativa Pralipè e la Federazione romanì, organizzazione nazionale rappresentativa della popolazione rom e sinta, sollecitano gli enti locali e le istituzioni Abruzzesi ad attivare con estrema urgenza adeguati processi di integrazione culturale delle persone rom presenti sul territorio Abruzzese. 

Guarnieri Franco – Associazione RomSinti@ Politica

Guarnieri Nazzareno – Presidente Federazione romanì

Giulia Prestia – Cooperativa Pralipè

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/03/2010 @ 09:01:56, in Europa, visitato 1661 volte)

Segnalazione di Gabriel Segura

LaOpinionDeMurcia.es

Il caso di Isabel Heredia è poco comune. Questa gitana di 28 anni da qualche mese è segretaria all'immigrazione nell'esecutivo municipale del PSOE di Murcia, e lei stessa riconosce che "non è abituale incontrare gitani in politica e tantomeno donne". Senza dubbio, ha la politica nel sangue, dato che suo padre è stato militante socialista per tutta la vita e "la mia famiglia è sempre stata molto vicina al partito, per cui ho sempre prestato attenzione a questo mondo".

Riguardo al Giorno contro il Razzismo, celebrato ieri, Heredia afferma che resta ancora molto da fare e "ora con la crisi stanno crescendo le attitudini xenofobe, perché la gente non ha lavoro e cerca qualcun altro a cui dar la colpa della sua situazione". Riguardo ai gitani, [...] assicura che "anche se siamo in Spagna da oltre seicento anni, continuiamo ad essere degli sconosciuti", tanto da sottolineare che "la discriminazione viene sempre dal disconoscimento, dal non sapere chi sono i nostri vicini".

Isabel Heredia dice di non aver mai avuto problemi per la sua etnia, né dentro né fuori dalla politica, e qualifica come "gratificante" l'appoggio ottenuto tanto dai suoi amici come dalla famiglia e dai compagni di partito. Inoltre, sottolinea che "il governo sta impegnandosi per la conoscenza della cultura gitana, per questo ha creato l'Istituto di Cultura Gitana ed il Consiglio Statale del Popolo Gitano, misure molto positive".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/03/2010 @ 09:43:53, in Europa, visitato 1769 volte)

Da British_Roma



19/03/2010 - Abbracciare vecchie e nuove culture aiuterà l'Irlanda del Nord a prosperare nel futuro, ha detto ieri agli studenti dell'Università dell'Ulster l'Alto Commissario Canadese.

Il dottor Jim Wright era intervenuto come lettore della "Esperienza del Canada sul Multiculturalismo" all'Istituto di Ricerche Politiche e Sociali dell'Ulster (SPRI) nel campus di Jordanstown.

"L'Irlanda del Nord sta cambiando e per il meglio. Ma mentre stanno sparendo i vecchi problemi, possono emergere nuove sfide," ha detto il dottor Wright.

"L'anno corso tutti noi abbiamo letto sul trattamento di una piccola comunità Rom a Belfast (vedi QUI ndr). C'è la preoccupazione che in alcune parti dell'Irlanda del Nord quel razzismo possa diventare il nuovo settarismo. In un certo modo bisognava aspettarselo. L'Irlanda del Nord è un paese con una storia recente e senza collegamento con i nuovi immigrati - le Difficoltà hanno avuto il sopravvento. Ma mentre l'Irlanda del Nord abbracciava la pace e cercava la prosperità, diventava più attraente per gente di tutto il mondo che volevano farne la loro casa. Mentre la gente dell'Irlanda del Nord ha preso una chiara posizione contro il razzismo, possono esserci alcuni che si sentono incerti sui nuovi arrivati. Creare una società coesiva, tollerante e multiculturale non avviene in una notte, ma credo che l'esperienza canadese possa offrire all'Irlanda del Nord alcuni punti di comprensione utili. Almeno cinque-sei milioni della nostra popolazione sono nati fuori dal Canada ed ogni anno accogliamo oltre 250.000 nuovi immigrati. Siamo sotto ogni punto di vista una nazione di immigrati. Ma il Canada non pretende di essere perfetto. Siamo aperti a riconoscere le nostre continue sfide ed abbiamo imparato molte lezioni, alcune difficili, lungo la nostra strada. E siamo lieti ci condividere queste lezioni con gli altri. In questo villaggio globale in cui viviamo oggi, c'è un movimento crescente di gente attorno al mondo. Cercano opportunità di crescita per loro e le loro famiglie. Ed i paesi e le società che sono aperte alle nuove idee e talenti, avranno l'opportunità di prosperare ed essere competitivi."

Come laureato onorario dell'Università dell'Ulster, Jim Wright, la cui famiglia è originaria di Warrenpoint, ha dal 1980 uno stretto interesse con l'Irlanda del Nord. Per molti anni ha lavorato col Programma Marie Wilson Voyage of Hope attraverso il ruolo del Canada nel Fondo Internazionale per l'Irlanda.

La dottoressa Susan Hodgett, Direttrice degli Studi Canadesi presso l'Istituto di Ricerche Politiche e Sociali, ha detto:

"La democrazia multiculturale del Canada è uno dei principali argomenti di studio di diversi ricercatori dell'università. Il dottor Wright ha parlato delle tante sfide che il Canada ha dovuto affrontare negli anni. Se il Canada accoglie circa 250.000 nuovi immigrati ogni anno, siamo curiosi di conoscere come hanno gestito questo successo."

Il professore Bob Osborne, direttore dello SPRI, ha aggiunto:

"Come le istituzioni incaricate in Irlanda del Nord prendano uno sguardo più fermo su come si possano abbattere le barriere tra le due comunità etno-religiose ed assieme assicurare che i recenti immigrati divengano qui pienamente integrati nella società, diventerà una questione importante. Guardando a come le altre società hanno affrontato questioni simili, dovrebbe permettere ai chi elabora le politiche di avere un vasto contesto in cui sviluppare le loro idee e opzioni politiche. Lo SPRI è lieto di giocare il ruolo di facilitatore nello scambio di idee tra politici ed accademici."

For further information, please contact:
Press Office, Department of Communication and Development
Tel: 028 9036 6178
Email: pressoffice@ulster.ac.uk

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


24/02/2017 @ 22:40:57
script eseguito in 31 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2243 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source