Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 30/06/2007 @ 09:50:52, in casa, visitato 1835 volte)

Una baraccopoli del Ventunesimo secolo. Nella banlieu di Parigi

Quasi 4mila persone vivono in estrema povertà alla periferia della capitale francese. Ma ottanta persone potranno presto avere una casa vera.

I grandi tendoni della celebre compagnia circense Cirque Du Soleil svettano sulla spianata di Saint-Denis, alla periferia nord di Parigi. Ogni sera centinaia di persone si riuniscono lì dentro per ammirare, naso all'aria, le spericolate ed eleganti acrobazie degli artisti. Nessuno immagina che al di là del recinto metallico che circonda il circo, lo show è ben diverso. Nessuna sfavillante scenografia, nessun costume variopinto, poca spensieratezza e molte preoccupazioni per i 600 gitani che cercano di sopravvivere nella loro misera baraccopoli. E non sono i soli: in tutto circa 4mila persone conducono questa vita ai margini di Parigi. Diverse associazioni cercano di addolcirla almeno un po': Medici del mondo offre assistenza sanitaria, Emmaus e la Fondazione Abbé Pierre si occupa della fornitura di alimenti, mentre ATD Quarto Mondo promuove la lettura.

«Niente contratto di lavoro, se non paghi»

Marco è arrivato in Francia cinque anni fa, dalla Romania. Da gennaio 2007, con l'ingresso del suo Paese nell'Ue, è formalmente un cittadino comunitario, ma ha comunque bisogno di un permesso di lavoro. Ci mostra un contratto preliminare che gli ha preparato una ditta di pulizia vetri. Ma un volontario di origini rumene si dimostra scettico. «È molto difficile – spiega – ottenere un contratto senza pagare una somma di denaro in cambio. Nella maggior parte dei casi il datore di lavoro trattiene la prima busta paga in nome di uno scambio di favori.» Ma Marco ci crede ancora: gli manca solo il certificato di residenza per ottenere il prezioso permesso. Alcune associazioni si occupano di espletare queste procedure burocratiche per i gruppi nomadi del villaggio, come gli zingari. Ma i rumeni sono considerati una comunità stanziale e quindi non possono beneficiare di questo servizio.
La maggioranza dei rumeni che vivono in questi accampamenti di fortuna provengono dalle aree di Arad e Timisoara, nella Romania occidentale. Hanno dovuto lasciare il loro Paese per sfuggire a una vita fatta di miseria e discriminazione.
Una manciata di monete da 5 centesimi è stata impilata in un angolo della capanna in cui vive Maria. In meno di dieci metri quadrati abitano quattro persone. Maria non ha il tempo di spiegarci perché è emigrata in Francia. Ha altre preoccupazioni. «Abbiamo diritto a qualche contributo?» chiede. I volontari le dicono di rivolgersi a un assistente sociale. «Resteremo qui fino a quando non ne avranno abbastanza di noi» dice con voce stanca, mentre si alza per andare a raccogliere dei fiori. Più tardi la incrociamo nella metropolitana: vende mazzolini di fiori a due euro ciascuno.

Chi fa le leggi?

Maria ci assicura che non deve pagare nulla per vivere nella sua capanna, ma un volontario ci spiega che la questione è tabù. In ogni accampamento, infatti, c'è una sorta di capo: generalmente è la persona che si è insediata per prima nell'area. È lui che fa le leggi, risolve le controversie e riceve una sorta di affitto per ogni baracca. A Saint-Denis il Cirque du Soleil ha portato l'acqua fino al campo e ha anche installato dei lavandini. Ma le associazioni danno per certo il fatto che “il capo” fa pagare due euro alla settimana alle famiglie che li utilizzano.

Una nuova casa per trenta famiglie

Non lontano da Saint-Denis il Comune di Aubervilliers ha avviato un programma di integrazione per dare una casa a trenta famiglie. L'iniziativa, sostenuta sia dal Consiglio regionale che da quello locale, mira a smantellare le baraccopoli e ha un costo di 1,2 milioni di euro, di cui solo il 7% proviene dalle casse statali. Si tratta di un progetto innovativo perché associa all'offerta abitativa il rilascio di permessi di lavoro.
Gli operai stanno effettuando gli ultimi ritocchi ai prefabbricati che alla fine di giugno verranno messi a disposizione delle 82 persone coinvolte nel progetto, in maggioranza zingari. «Abbiamo condotto una battaglia con lo Stato durata due anni per ottenere i permessi di lavoro e di residenza per i destinatari, molti dei quali lavorano in nero» afferma il consigliere cittadino Claudine Péjoux.
In attesa di traslocare, Elena Radasanu vive in un caravan preso a noleggio dal Comune di Aubervilliers per un euro al giorno. Come lei decine di altre persone, per un totale di quindici roulotte. Qui le condizioni di vita sono decisamente migliori rispetto a Saint-Denis. Una recinzione circonda il campo e all'entrata un servizio di sicurezza permette l'ingresso solo alle persone registrate. «Siamo tranquilli. Qui non ci sono armi, droga, prostituzione ed è proibito fare affari» spiega Elena. Sposata e con due bambini, è una degli 82 beneficiari del programma di integrazione.


La testimonianza di Elena Radasanu: «Vogliamo soltanto essere una famiglia normale»

In Romania c'era tanta povertà, così un bel giorno io e mio marito decidemmo di venire a cercare lavoro in Francia. Un amico ci trovò un'occupazione nel settore edilizio e il capo ci affittò una soffitta a Versailles. Ma il nostro amico tratteneva il salario di mio marito per pagare i debiti e così decidemmo di andarcene. Affittammo allora un monolocale nel sobborgo parigino di Clichy-sous-Bois per il quale pagavamo una cifra esorbitante: 800 euro. Mio marito continuò a lavorare nel settore delle costruzioni mentre io iniziai a fare la cameriera in un bar portoghese. In questo periodo divenni madre di due bambini. Tutto procedeva abbastanza bene finché il proprietario decise di vendere l'appartamento.
Dovemmo così abbandonarlo e arrivammo al campo nomadi Chemin Vert di Aubervilliers. Il capo non voleva farci entrare perché non siamo di origine gitana, ma quando mio marito sborsò per una roulotte 700 euro accettò. Una settimana dopo, però, un incendio distrusse parte del campo. Costruimmo quindi una baracca, meglio che potevamo, e vivemmo lì per due mesi, fino a quando la polizia non ci sfrattò tutti. Ma eravamo già stati scelti per il programma di integrazione di Aubervilliers. Abbiamo vissuto in una tenda vicino alla Senna per cinque mesi. Finché, lo scorso dicembre, il Comune ci ha fatto traslocare nella roulotte dove viviamo tuttora. Abbiamo a disposizione riscaldamento, acqua, elettricità, assistenza sociale, un indirizzo di posta e un contratto di affitto. L'associazione Emmaus ci ha consegnato un buono per andare ad acquistare dei mobili e io non vedo l'ora di trasferirmi nella nuova casa. Non penso più a tornare in Romania. Entro tre anni vorrei avere una casa tutta mia. Spero anche che i bambini vadano a scuola e che io e mio marito possiamo trovare un lavoro stabile. Come una famiglia normale.

Mariona Vivar Mompel - París - 26.6.2007 | Traduzione: Sara Menegatti Cerlini

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/06/2007 @ 09:25:43, in scuola, visitato 1721 volte)

By Marianna Tziantzi - da Roma_Rights

Paraskevoula Sambanis è una bellissima ragazza rom con occhi scintillanti, e domenica è stata protagonista del popolare programma televisivo "Protagonisti" di Stavros Theodorakis. La ragazza undicenne, che vive ad Aspropyrgos nell'Attica occidentale, è l'unica nella sua vasta famiglia che sappia leggere e scrivere. Non vuole maritarsi giovane, ma intende prima terminare gli studi e diventare pediatra. Ce la farà? Forse, se supererà grandi ostacoli.

La vediamo mentre poggia i suoi libri in una piccola tenda issata in un vecchio hangar, questo è il suo studio. Con i libri di testo per terra, Paraskevoula studia a gambe incrociate. A notte, continua al chiarore di una lanterna.

La telecamera vuole catturare gli aspetti più interessanti della vita nell'accampamento rom - le facce espressive, i bambini che giocano all'aperto, l'agitarsi dei corpi con la musica. Ma le immagini soo accompagnate da storie che sono tutto tranne che fotogeniche: storie di povertà, analfabetismo, fogne a cielo aperto, malasanità ed esclusione sociale.

E la scuola?

"La scuola è bruciata," rimarca Paraskevoula casualmente.

E' così, anche se la scuola non è andata a fuoco casualmente. Persone non identificate hanno appiccato le fiamme durante le vacanze di Pasqua ad aprile. Il programma mostra tre containers con le pareti carbonizzate. I tre containers una volta erano la scuola.

Qui è dove Paraskevoula e altri 50 bambini rom avevano le loro lezioni, separati dagli "altri".

Questa è la grande notizia, la sfida per ogni giornalista, ma sfortunatamente mal si coniuga col format di questo tipo di show, che si focalizza sulle personalità, non sulle notizie. Quello che potrà influenzare il futuro della giovane Paraskevoula, viene solo accennato.

La scuola rom fu creata a settembre 2005, per la pressione dei genitori che non volevano i loro figli nella stessa classe dei Rom. Ma precedentemente vennero sfondate le finestre, poi apparvero graffiti offensivi, venne rubato l'impianto di condizionamento, e questa Pasqua sconosciuti assalitori hanno terminato la lista dei sabotaggi.

Quando apre una scuola, chiude una prigione, le voci circolano. Ma cosa succede quando brucia una scuola? La notizia dell'incendio ha impiegato sei settimane per arrivare ai media. Le comunità rom non hanno blogs per pubblicizzare le loro sofferenze.

"Protagonisti" è uno show con la sua specifica attitudine, un passo rapido, un buon lavoro di telecamera e direzione. Si avvicina ai suoi soggetti con sensibilità e tenerezza. In questo caso la ragazzina era un soggetto affascinante, ma non si deve dimenticare che la vita è il protagonista più perfido di tutti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/06/2007 @ 14:17:31, in Italia, visitato 1791 volte)

Di sgombero in sgombero e di campo in campo, anche con un improbabile numero chiuso non faremo molta strada

Che sulla sicurezza ci si giochi ormai la fetta più consistente del consenso dei cittadini non è una gran scoperta, come non lo è il fatto che i Rom costituiscano lo spauracchio per eccellenza.
La destra lo ha sempre saputo e ne ha fatto uno dei cardini della propria agenda politica. La sinistra sembra essersene accorta da poco, ma sta tentando di recuperare il tempo perduto con buona lena.
Proprio sulla presenza dei Rom si sono consumate due svolte politiche a Milano: gli epicentri a poche centinaia di metri di distanza, incrociati gli effetti degli smottamenti.
A Palazzo Isimbardi il Presidente della Provincia tracciava la linea per la prossima lunga campagna elettorale accreditandosi come uomo d’ordine, ancor più di quanto la propria storia già non dicesse. A Palazzo Marino, con una singolare coincidenza di tempi, autorevoli esponenti dell’Ulivo presentavano una mozione che in buona sostanza chiede il numero chiuso per i rom. La mozione, approvata dalla quasi totalità del Consiglio Comunale, non solo segna una svolta per la sinistra ma anche per gli equilibri interni alla maggioranza, poiché questo documento subito sottoscritto e votato da AN e dai duri di Forza Italia, segna la sconfitta della linea dell’Assessore Moioli .
Possiamo ben dire che il tutto risale all’abile mossa del Sindaco di porre al centro dell’agenda politico-mediatica una questione sicurezza non suffragata dai dati; ma sappiamo bene che, come ha diagnosticato Jean Baudrillard, siamo nell’epoca della “sparizione della realtà”. Pertanto da oltre tre mesi l’alfa e l’omega del dibattito pubblico è la sicurezza ed è altrettanto inevitabile che al centro del mirino finisse anzitutto la presenza dei Rom.
Dell’atmosfera che circonda la loro presenza sul nostro territorio, se mai ce ne fosse stato bisogno, abbiamo avuto la conferma con quanto è accaduto ad Opera tra la fine del 2006 e i primi giorni del 2007.
Il problema indubbiamente esiste e da un decennio almeno. Le cause sono note: l’implosione dell’ex Jugoslavia e il collasso del sistema sociale rumeno –entrambi verificatisi nei primissimi anni ’90 del secolo scorso- hanno prodotto un esodo delle popolazioni “zingare” che vivevano in quei due paesi. Ma proprio perché questo fenomeno –che ha subito un’accelerazione dall’1 gennaio scorso quando la Romania è entrata a far parte dell’UE– non è una novità il fatto che venga affrontato come emergenza suscita qualche perplessità. A meno che, data l’indubbia utilità degli spauracchi e degli stereotipi, una situazione tanto deteriorata faccia comodo.
È ormai un decennio che la politica degli sgomberi e la logica dei campi produce una transumanza di disperati per Milano. Ci sono bambini che sono cresciuti tra via Triboniano, via Barzaghi, via Adda, tra baracche, case fatiscenti occupate e campi nei quali le condizioni igienico sanitarie sono peggiori di quelli degli slums di Nairobi e Lagos.
Ci sono generazioni ormai impegnate in un via vai disperato cui assistiamo anche in questi giorni: i nomadi sgomberati una decina di giorni fa da Chiaravalle sono andati in Triboniano, sgomberati da lì sono ritornati alla spicciolata di nuovo a Chiaravalle, suscitando l’ovvia quanto giustificata incazzatura –si tratta di un eufemismo– dei cittadini.
Che fare dunque? Come rispondere ai cittadini giustamente preoccupati?
Il compito di chi governa è fornire soluzioni, e anche un’opposizione responsabile che voglia candidarsi in modo credibile ad amministrare la cosa pubblica non può certo limitarsi a petizioni di principio o sterili sentimentalismi.
Quindi che fare? Si può continuare per un numero indefinito di anni con i campi e gli sgomberi?
Le due svolte politiche di cui parlavamo benché segnino un passaggio di fase, nonché provocare una frattura nel centrosinistra milanese e ridefinire i rapporti di forza all’interno della maggioranza a Palazzo Marino, non sembrano indicare soluzioni. Se non chiedere un numero chiuso di applicazione assai difficile –sia dal punto di vista pratico che da quello giuridico– e invocare spostamenti che non potranno vedere che esiti assai peggiori rispetto a quello già drammatico di Opera sette mesi orsono.
Per il resto, per ciò che conterebbe e che servirebbe, non una parola. Come se i Rom presenti sul nostro territorio fossero ontologicamente votati ad “abitare” nella sporcizia e nel degrado, come se fossero geneticamente portati al crimine e pertanto destinati a “vivere” tra uno sgombero e un campo. Non una proposta su percorsi di integrazione, non una riga sulla decine di migliaia di alloggi popolari che servono a questa città e che in una minima parte, se fossero mai costruiti, potrebbero anche servire a segnare una prima tappa di transito dei Rom in un percorso di inserimento che la grande maggioranza di loro cerca.
Una mozione, una svolta politica, ma soprattutto la parola fine sulle speranze –o illusioni– di poter sottrarre migliaia di persone a quello sfacelo dei campi, a quella condanna, mai pronunciata da alcun giudice, ad un orizzonte in cui ci sono sgomberi e presidi.

Beniamino Piantieri

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/06/2007 @ 09:59:39, in casa, visitato 1696 volte)

Da Les Rroms acteurs

A Puces de Saint-Ouen, la signora Rouillon, sindaca della città, invitava oggi all'inaugurazione del posto Django Reinhardt. Il grande Django suonava regolarmente in questa zona, ed un festival di jazz vi ha luogo tutti gli anni.

Ma Saint-Ouen, è anche la città che espelle i Rroms che vi hanno trovato un tetto, in particolare in un edificio abbandonato dell'EDF. La Sig.ra sindaca, che ha tenuto oggi questo discorso d'apertura, di diversità, di mixité sociale ecc., è la stesso che rifiuta le domande d'istruzione dei bambini rroms. Le famiglie che si sono installate in via Ardoin, nella zona dei bacini, hanno ricevuto la notifica della loro espulsione per lunedì 25 giugno. EDF, proprietaria dei luoghi occupati, aveva chiesto alla sindaca di organizzare una tavola rotonda con la prefettura per trovare una soluzione agli occupanti prima dell'applicazione della decisione d'espulsione. Silenzio radiofonico del lato del comune. I Rroms si sono riuniti giovedì scorso, ma le porte in ferro della sindaca si sono chiuse immediatamente. È il dialogo come concepito dalla Sig.ra sindaca, almeno oltre ai suoi interventi pubblici.

E mentre la cerimonia d'inaugurazione si svolgeva, ecco di fronte alla Sig.ra sindaca i bambini che rifiuta scolarizzare; venuti con animatori dell'associazione Parada, che organizza con loro diverse attività.

Lunedì mattina, questi bambini perderanno forse anche i seminari dell'associazione Parada, se l'espulsione ha luogo e le famiglie si disperderanno a destra ed a sinistra.

Si può lasciare fare?

A quando?

Ecco l'opuscolo che è stato diffuso oggi a Puces de Saint-Ouen:

SAINT-OUEN SIA REALMENTE UMANA ED INTERDIPENDENTE!

NO all'espulsione senza soluzione di rialloggiamento delle famiglie dI via Ardoin!


Siamo un certo numero di famiglie, per la maggior parte rroms, che abitiamo nella zona bacini, via Ardoin. Da alcuni mesi, il nostro luogo di vita è minacciato d'espulsione. Una decisione d'espulsione è stata resa infatti, in particolare a causa di "disordini di vicinanza", disordini inesistenti nei fatti, poiché non abbiamo vicini. Dopo alcuni mesi di calma, abbiamo ricevuto una notifica dell'espulsione che dovrebbe intervenire il lunedì 25 giugno. La sindaca di Saint-Ouen è restata muta dinanzi alla proposta di una tavola rotonda fatta dalla EDF, proprietaria dei luoghi, tavola rotonda alla quale parteciperebbe anche la prefettura. Ha fatto anche l'orecchio di mercante davanti le nostre domande d'istruzione dei nostri bambini, mentre secondo gli insegnanti di Saint-Ouen ci sarebbero 15 posti liberi nel CLIN, classi d'accoglienza per gli allievi non francofoni.

Riconosciamo anche gli sforzi dei servizi della sindaca, ma questi restano minuscoli: casse mobili di rifiuti sono state messe a nostra disposizione ed a volte abbiamo ricevuto abiti. Certamente, ciò ci ha permesso di rispettare meglio il nostro luogo di vita e la città, ma è sufficiente?

Non chiediamo la carità, ma il rispetto della nostra dignità umana. Se l'espulsione venisse ad avere luogo, ci troveremmo nella via con i nostri figli, le nostre persone anziane, i nostri malati... Di conseguenza, chiediamo:

1 Che nessun'applicazione della decisione d'espulsione intervenga senza che una soluzione sia trovata per il nostro rialloggiamento
2 Che la sindaca accetti le domande d'iscrizione dei nostri bambini nelle scuole di Saint-Ouen
3 Che la sindaca chieda luna tavola rotonda con tutti i servizi interessati, per trovare soluzioni durature di rialloggiamento e d'inserimento delle nostre famiglie


Attendiamo dunque una risposta a queste domande e l'apertura di un dialogo con la sindaca, poiché delle soluzioni sono possibili. Ciò che ha funzionato a Saint-Denis, Aubervilliers ed altre città della regione parigina, dovrebbe potere funzionare anche da noi, a Saint-Ouen, città umana ed interdipendente.

Le famiglie della via Ardoin ed i loro sostenitori

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 27/06/2007 @ 10:23:31, in blog, visitato 2012 volte)

Roma, il GRIS afferma: sono 7.900 i Rom e Sinti presenti nella Capitale
Nei giorni scorsi Il Giornale ha dato una notizia sorprendente: settemilanovecento Rom e Sinti vivono ufficialmente nei "campi" nella capitale. Il dato è stato certificato dal Gris (Gruppo Immigrati e Salute).
La ricerca rileva la presenza di 34 insediamenti ...

Milano, in via Triboniano è il caos
Situazione drammatica a Milano. Gli scontri e la desolazione di via Triboniano portano la città meneghina fuori dall'Europa. L'intransigenza delle Istituzioni nel sostenere un patto scellerato ha di fatto acceso la disperazione di uomini e donne, appartenenti alle minoranze Rom rumene.
Siamo all'inizio di una tragedia: o ...

Mantova, lutto colpisce le comunità sinte e rom italiane
Giovedì mattina, 21 giugno 2007, è venuta a mancare Dolores Carboni, una delle ultime testimoni del Porrajmos. Dolores Carboni è stata una delle prime sinte italiane che hanno raccontato le atrocità subite dalle popolazioni sinte e rom, durante il fascismo.
I racconti di Dolores Carboni, nata 91 anni fa a Pegognaga (MN), sono raccolti in diverse pubblicazioni, a partire dal libro "Porrajmo...

Roma, le associazioni e la discriminazione razziale
Nel quadro delle attività di sensibilizzazione e di formazione promosse dall'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) del Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, rientra, tra gli altri, il finanziamento del progetto dal titolo Contenuti e strumenti per la tutela in materia di discriminazi...

Mantova, se continueremo a vedere in quei bambini un pericolo..
Poche cose ci paiono odiose quanto il sarcasmo malevolo e generalizzato di un adulto contro bambini che non sono in grado di replicare con gli stessi strumenti. La lettera su “noi e i nomadi”, a firma Fredòn, comparsa sul quotidiano la "Gazzetta di Mantova" sabato 23 giugno, ha questa caratteristica.
Abbiamo lavorato piuttosto a lungo con i bambini del "campo" di via Learco Guerra nell’autu...

Firenze, Mercedes Frias interviene sui "patti sicurezza"
Bando sopra i Zingani e le Zingane del dì 3 novembre 1547 ab incarnatione: “L'illustrissimo ed eccellentissimo Signore il Sig.Duca di Fiorenza e per Sua Eccellentia Illustrissima li Magnifici Signori Otto di Guardia e Balia della città predetta, considerando di quanto danno sieno stati per il passato e di presente ancora sieno i Zingani e Zingane che si sono alloggiati e alloggiano appresso ...

Roma, sui letti del fiume...
"Lungo un sentiero che ci porta alla stazione colori e forme spuntano dietro una rete di telo e pareti di cartone. Entrando si scopre un piccolo villaggio composto da circa una dozzina di baracche che si affacciano con tappeti e stoffe ad uno spazio più ampio."
"Alcune persone e tanti bambini vivaci si sporgono incuriositi al nostro arrivo. Inizialmente timorosi, si lasciano ...

Gallarate (VA), coinvolgiamo i Sinti prima di decidere
"Campo nomadi", torna alla carica Ruggero Busellato, sindaco di Cavaria con Premezzo. Con una nota diffusa venerdì 22 giugno, il primo cittadino cavariese chiede conto al suo omologo di Gallarate, Nicola Mucci, delle voci circolate nelle ultime settimane circa il probabile (e ormai prossimo, dicono a Palazzo Borghi) trasferimento della comunità sinta dall’attuale sistemazione di via De M...

Rom e Sinti Insieme al XIII Meeting Internazionale Antirazzista
Le città sono attraversate oggi, più che in passato, da fenomeni sociali complessi derivanti dalla mobilità interna e internazionale. Milioni di persone sono alla ricerca di un futuro migliore o di protezione. Gli effetti dell’ingiustizia globale, delle guerre e dei conflitti tra gruppi hanno moltiplicato il numero di uomini e donne che si muovono da un punto all’altro della Terra.
Le città ...

Rom e Sinti, Amato rinuncia alla conferenza internazionale e convoca gli esperti
Il Ministro Amato ha di fatto revocato l'annunciata conferenza internazionale che si doveva tenere giovedì 28 giugno. Al suo posto si terrà un incontro di esperti, tra cui: Santino Spinelli, Claudio Marta e Leonardo Piasere. Sarà presente ...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/06/2007 @ 09:46:19, in lavoro, visitato 2394 volte)

In queste settimane stiamo assistendo ad un deterioramento dei rapporti tra la società civile, la politica e le "comunità rom" senza precedenti. In gioco non ci sono soltanto delle diverse sensibilità o opinioni su cui impostare le proprie idee di governo delle città, magari con l'appoggio bipartisan di una parte dell'opposizione, ma un vero e proprio oltrepassare i limiti della comune e rispettosa convivenza. Quello che ferisce non è solo un modo diverso di concepire e trattare con pesi e misure differenti i rapporti tra soggetti sociali che non godono delle stesse opportunità, ma la cattiva coscienza di chi indica oggi dall'alto delle proprie responsabilità di potere "l'altro", il "rom", come mera espressione di un disagio generalizzato che la società vorrebbe in una qualche misura scrollarsi dalle spalle.

Ad un anno ormai dalla presentazione di un "piano strategico" da parte del Comune per risolvere questa “questione” i risultati raggiunti sono francamente sconfortanti.

Per la prima volta a Milano, abbiamo assistito alla realizzazione di un mega campo destinato ad accogliere c.ca 700 persone, mentre in tutto il Paese e in Europa da anni si chiede a gran forza di dare avvio ad una seria politica dell'abitazione per le comunità rom e sinte che superi l'idea del "campo nomadi" o "villaggio solidale", anche o soprattutto assegnando a chi di loro ne ha diritto delle case o aiutandoli ad averne una.

Viceversa, alle famiglie Rom che hanno avuto accesso in via Triboniano è stato chiesto di sottoscrivere un "Patto di legalità e socialità" che sottolinea di fronte all'opinione pubblica solo l’esistenza di un radicato pregiudizio che a volte sfocia in aperta discriminazione da parte delle autorità, senza alcuna reale utilità pratica. A chi altro, Le chiedo, viene richiesta una cosa analoga? O forse esiste di fronte alla legge la possibilità di un trattamento differenziale degli individui in base all'origine culturale, religiosa o quant'altro?

Le politiche sociali che per molti anni anche le giunte di centro destra hanno portato avanti in questa città, oggi si perdono nel "buco nero di via Triboniano" che tutto attrae e tutto si porta via.

Eppure i Rom e i Sinti sono "molti", circa 5 mila, per la metà italiani di nascita o di prossima cittadinanza.

Queste piccole comunità vivono da alcuni decenni nelle periferie della città, conquistandosi giorno dopo giorno il diritto di rimanerci e il rispetto dei vicini, come nel caso di via Idro dove, proprio dalle pagine del Corriere della Sera leggiamo oggi, con grande preoccupazione e sconcerto, dell’eventualità dell’arrivo degli ultimi sfollati di via Triboniano.

“Comunità” dai tanti nomi, come i Rom Harvati e i Rom Abruzzesi che hanno espresso il "meglio" della loro cultura e stile di vita moderno aprendosi al confronto con la società, consentendo l’avvio ben 14 anni fa dell’esperienza delle mediatrici culturali rom nelle scuole e nella sanità, o ancora di 3 cooperative sociali che hanno impiegato in pochi anni 50 giovani in stabili attività lavorative.

Sì, perché anche i Rom lavorano e oggi sono fortemente preoccupati di perdere il loro posto solo perché queste straordinarie esperienze rischiano di essere ignorate e messe da parte dal Comune, già dal prossimo inizio del mese di Luglio.

A cosa ci può condurre tutto ciò? Forse a far nascere delle vere e proprie banlieu nostrane impermeabili ad ogni contatto con la società? O forse davvero ci illudiamo che proclamando in modo demagogico l'applicazione di un "numero chiuso" ai Rom si possano correggere quelle profonde distorsioni che sono entrate nel modo di agire delle Istituzioni e che non facilitano anzi aggravano il contrasto alle forme di devianza e di violenza presenti anche in queste comunità?

Maurizio Pagani

Vicepresidente Opera Nomadi Milano
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/06/2007 @ 10:19:56, in Kumpanija, visitato 1743 volte)

Da Roma_und_Sinti

Alexandre Baurov proveniva da una famosa famiglia di artisti Rom russi. I suoi antenati erano noti per cantare nei cori di Mosca e San Pietroburgo.

Alexandre nacque il 23 marzo 1906. Il ragazzo ricevette le prime lezioni di chitarra da maestri del calibro di Alexei e Michael Shishkin. Ad undici anni iniziò a cantare nei cori rom. Ballava e suonava la chitarra. Ma la Rivoluzione d'Ottobre deprivò i cori del pubblico, ed il giovane Rom dovette trovarsi un nuovo lavoro.

Attorno al 1920 iniziò a lavorare come apprendista presso impianti Putilov. Dal 1925 al 1933 Alexandre studiò al Collegio di Comunicazioni Elettromeccaniche e dopo il diploma iniziò a lavorare come assistente di laboratorio all'Accademia delle Comunicazioni. Ma non lasciò la musica. Di sera si esibiva con un gruppo rom al Tatro di Varietà dello Stato di Leningrado.

Nel 1941, quando l'URSS entrò in guerra, Alexandre fu spedito al fronte. Con sé portò la chitarra. Nei pochi momenti liberi Baurov suonava per gli amici.

Grazie alle sue conoscenze tecniche, fu nominato ufficiale. Iniziò come comandante dei supporti di comunicazione del 44° battaglione. Prese parte ai combattimenti sulle alture di Pulkovo. Durante un attacco vicino Krasnoye Selo fu ferito gravemente al braccio e venne salvato dai medici.

Dopo il ricovero ritornò al fronte con la 189^ divisione di fanteria. Più avanti fu comandante della 1^ divisione aeronautica, che forniva all'artiglieria sovietica le immagini delle linee nemiche.

Sull'istmo di Karelia fu ferito al fianco.

Il suo coraggio fu riconosciuto da premi e promozioni. Alexandre ottenne nel 1944 il grado di capitano. Fu decorato con l'Ordine della Stella Rossa e con l'Ordine del Nastro Rosso di Battaglia. Ricevette anche l'Ordine Alexandre Nevsky (molto raro e onorato) per la battaglia sull'Oder, e una Croce Polacca al Valore.

La vittoria arrivò a Lipsia, ma non lasciò il servizio militare. Dopo la vittoria andò in Germania. Dal 1949 al 1955, già luogotenente colonnello del Corpo d'Ingegneria, prese parte nel creare e lanciare i primi razzi sovietici.

Alexandre Baurov morì il 18 febbraio 1972. Testimonianze sul servizio militare di Baurov e fotografie del periodo di guerra sono ora conservate nel Museo Memoriale dell'Assedio e Difesa di Leningrado. Fu uno delle migliaia di soldati, ufficiali e partigiani Rom che presero parte alla guerra contro il nazismo.

Thanks to Nickolay Bessonov for the information

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/06/2007 @ 09:30:03, in Europa, visitato 1825 volte)

Da Mundo_Gitano

Amparo Valcarce, segretaria di Stato dei Servizi Sociali, Famiglie ed Invalidità, ha proposto oggi la creazione di una rete transnazionale europea che gestisca l'applicazione dei fondi strutturali per lottare contro la discriminazione di cui soffre la comunità gitana.

Durante le giornate Cooperazione transnazionale sulla comunità gitana ed esclusione sociale" Valcarce ha spiegato che in Europa vivono 12 milioni di gitani - 650.000 in Spagna -, che costituiscono la "minoranza etnica più numerosa" dell'Unione Europea.

Gran parte di loro vivono in situazione di povertà, esclusione sociale e soffre del rifiuto generalizzato della società.

Essendo una comunità "stabilita quasi esclusivamente in Europa", la segretaria di Stato considera che la UE è il quadro "idoneo" per sviluppare politiche pubbliche di coesione sociale a beneficio di questa etnia.

Valcarce ha affermato che la rete proposta debba includere entità con esperienza e competenza nella gestione dei fondi strutturali, specializzate nell'ambito del fondo sociale europeo ed anche quelle che lavorano con la comunità gitana.

Nel contempo ha indicato al resto dei paesi partecipanti alle giornate di fidarsi dell'esperienza spagnola nell'ambito dell'inclusione dei gitani, specialmente del programma-impiego ACCEDER, gestito dalla Fundación Secretariado Gitano.

Tra gli obiettivi da stabilirsi, ha proseguito, devono esserci il miglioramento della qualità di vita, la promozione della loro partecipazione alla vita pubblica, la miglior convivenza, il rafforzamento del movimento associativo gitano e la lotta alla discriminazione.

Da parte sua, il presidente della Fundación Secretariado Gitano, Pedro Puente, ha spiegato che è importante che si tratti la situazione della comunità gitana nel quadro dei fondi strutturali europei, poiché sarebbero "l'elemento essenziale per produrre cambi nella comunità gitana".

Puente ha chiesto ai partecipanti alle giornate che la posta in comune di avanzamento nella coesione sociale gitana tenga un carattere continuativo nel tempo.

Fuente : Actualidad Etnica

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/06/2007 @ 08:19:56, in Italia, visitato 2190 volte)

Ricevo da Tommaso Vitale

Rom: esseri umani o pacchi postali?

Siamo arrivai al limite del grottesco: Vitali mantiene la propria promessa elettorale e sgombera il campo abusivo in zona S. Paolo, tra gli applausi e le urla inferocite della gente accorsa in strada (scena davvero triste!).
Come sempre accaduto in questi tre anni (siamo al nono sgombero con abbattimento di baracchette incluso, per un costo complessivo stimato da alcuni in circa 150.000€!) dopo poche ore i Rom cercano di tornare. Ma questa volta la zona è presidiata. Inizia una lunga peregrinazione di 180 persone per la città, che li porta, tra l'altro, anche a sostare un pomeriggio intero in Piazza S. Magno, davanti al Comune.
Alla fine una loro delegazione viene ammessa a colloquio con il Sindaco, che riconferma la linea dura. A giudicare da quanto riportato dai giornali il colloquio si svolge in questi termini: "Qui non c'è più posto per voi. Quello che possiamo offrire sono i container vicino alla Grancasa (posti per 3-4 famiglie) e i biglietti per tornare i Romania".
Nulla di fatto, quindi, e la peregrinazione riprende... dove? Nei boschi al confine tra Legnano e Busto Arsizio. Risultato: Rom che per 3-4 giorni vengono sgombrati dalla Polizia Locale di Busto, fanno 100  m e  rientrano a Legnano. Al mattino vengono sgombrati dalla Polizia Locale di Legnano, fanno 100  m e rientrano a Busto... e così via!
...insomma, trattati come pacchi postali rispediti al mittente!
Di fronte a questa situazione allucinante, ancora una volta, noi di Insieme per Legnano abbiamo ribadito che la  questione non si risolve con gli slogan ("Tolleranza zero", "via i Rom da Legnano", ecc.), buoni per vincere le campagne elettorali ma non per sciogliere i problemi.
Abbiamo quindi ribadito la nostra volontà di collaborare con le forze istituzionali (Comune di Legnano e a questo punto Comuni limitrofi, Prefetture di Milano e Varese, Provincia) con le forze sociali (Caritas e altre associazioni impegnate per l'accoglienza degli stranieri) perchè, attraverso l'istituzione di un tavolo di confronto, si possa studiare e avviare un progetto che coniughi solidarietà (percorsi per l'inserimento sociale dei nuclei familiari Rom) e legalità (rispetto delle regole di convivenza civile, attraverso un patto che vincoli i beneficiari del progetto, per esempio, a rinunciare all'accattonaggio, a mandare regolarmente i figli a scuola, ecc.)
Per ora non abbiamo ottenuto risposta. Non appena possibile, porteremo questa richiesta, insieme a un nostro progetto, nelle sedi istituzionali opportune.
Se l'unica risposta che otterremo sarà ancora un secco no, chi lo avrà pronunciato se ne assumerà le responsabilità di fronte alla comunità Legnanese.

 

 

 

A chi fosse interessato, posso fornire articoli dei quotidiani locali sugli argomenti trattati sopra.

 

A presto,
Lorenzo Radice.  
 
Insieme per Legnano

 lorenzoradice@alice.it


 

Emergenza ROM: da Legnano all'Altomilanese
Legnano (19 giu 2007) Come promesso in campagna elettorale, il neo sindaco di Legnano Lorenzo Vitali prima di definire la giunta e di risolvere le piccole tensioni interne alla maggioranza, ha voluto prendersi carico dell'emergenza ROM. Promessa mantenuta: venerdì 15 giugno, ore 7.00, è iniziato l'ennesimo sgombero.

 
Dal 2004, quando i ROM presenti sul territorio di Legnano erano una ventina, sono stati eseguiti ben nove sgomberi, il penultimo lo scorso marzo, l'ultimo, appunto, venerdì scorso: per la cronaca 180 i ROM coinvolti, dislocati in 6 diversi campi nel rione San Paolo, tra la via Liguria ed il Cimitero Parco. Come oramai di consueto, i 50 uomini della polizia sono stati accompagnati da personale della Croce Rossa e della Caritas, premuroso di prendersi carico della prima assistenza ai nomadi: donne, anziani e bambini (il più piccolo di soli 15 giorni di vita) in particolare. In poche ore lo sgombero era terminato: baracche 
abbattute, terreni ripuliti e recintati, sentieri chiusi da cumuli di terra; dopo una rapida identificazione, in quanto tutti erano muniti di regolare passaporto, i ROM si sono diretti verso piazza S.Magno, improvvisando un corteo, pacifico, silenzioso, scandito solamente dalla fisarmonica del "capofila". Una delegazione di capifamiglia, con la presenza della mediatrice culturale Diana Pavlovic, di Nicoletta Bigatti e di Giuseppe Marazzini, è stata ricevuta dal sindaco Vitali e dal suo "ex" Cozzi. Nessun "dietro-front" da parte del primo cittadino, che ha dichiarato: "Il Comune pagherà il viaggio a tutti coloro che vorranno tornare in Romania. Una ventina di persone potranno essere accolte nei container di via Jucker, per gli altri qui non c'è posto. Quindi si fa come decido io - ha chiuso Vitali- se i Rom torneranno nei boschi, ci regoleremo di conseguenza".

 
Dal primo pomeriggio di venerdì è così iniziata la "diaspora" dei 180 Rom: 35 sono stati ospitati nei container di via Jucker (ma già ieri pomeriggio erano solo 7), qualche mamma con neonati in camere di albergo, gli altri si sono dileguati tra i campi e i boschi di Legnano, al confine con i territori di Busto Arsizio (Borsano) e Villa Cortese. Il primo campo è sorto in una radura tra via Novara e via per Villa Cortese, il secondo dall'altro lato di via Novara, all'interno del parco dell'AltoMilanese, al confine tra il territorio di Legnano e quello di Busto. Passano i giorni, i campi si moltiplicano e l'emergenza si allarga anche ad altri Comuni: questo il risultato, sicuramente prevedibile e scontato, di un ennesimo sgombero senza pensare ad un serio progetto alternativo per dare una soluzione definitiva e matura al problema.

 
Un progetto di sostegno per chi vuole integrarsi (uomini e donne che lavorano, bambini che vanno a scuola), un progetto rigoroso per punire e allontanare chi non rispetta la legalità e le leggi del nostro Paese e per garantire sicurezza ai cittadini. Un progetto che deve superare le divisioni politiche, che deve unire tutte le forze cittadine, quelle politiche e quelle della società civile (le stesse che fino a qualche settimana fa non si sono certo risparmiate in campagna elettorale), che deve coinvolgere i Comuni vicini, la Provincia di Milano e quella di Varese, i cittadini dei quartieri interessati, le forze dell'ordine e le associazioni di volontariato.

 
Nove sgomberi in tre anni hanno dimostrato che questo non è certamente il metodo per risolvere il problema, anzi, serve solo ad allontanarlo e a far finta di non vederlo: ora penso sia giunto il momento di cambiare rotta, per Legnano, per i suoi cittadini e per coloro che cercano una vita migliore nel nostro Paese!
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/06/2007 @ 14:19:56, in Italia, visitato 2321 volte)
Ricevo da Maria Grazia Dicati

Patto per Roma Democratica e Solidale
Appello per la città che vogliamo

È accaduto a Roma e a Milano ma sta accadendo, con diverse modalità in numerose città italiane.
Sindaci come Veltroni, si comportano da autorità assolute e decidono, supportati, spesso da governatori di Regioni e Province, quali sono le priorità da affrontare nella agenda politica della città che amministrano.
A Roma, secondo il sindaco, la priorità è rappresentata dall’allarme sociale creato dagli uomini e dalle donne recluse in campi attrezzati o abusivi.
A Roma la priorità è costituita da chi, non potendo permettersi le spese di un alloggio decente, è costretto ad abitare in baracche fatiscenti ubicate spesso in aree insalubri, dense di pericoli, lungo il Tevere e l’Aniene.
Cittadini invisibili che in alcuni casi arrivano a vivere in cave di tufo per sfuggire anche al rischio di essere catturati.
E a Roma non si combatte la povertà ma i poveri, non si cercano soluzioni che rendano per tutti e per tutte possibile progettarsi un futuro migliore ma si preparano campi di deportazione fuori dalle cinta del raccordo anulare chiamandoli anche “Villaggi della solidarietà”.
Per realizzare queste strutture, veri e propri ghetti che riportano alla memoria esperienze fosche di apartheid, il Comune avrà a disposizione 15 milioni di Euro.
Il progetto firmato anche con la Prefettura, “Patto per Roma sicura” ha finora viaggiato nelle stanze più accondiscendenti dei poteri forti, è stato supportato mediaticamente da giornali e televisioni che hanno provveduto ad un opera di “etnicizzazione” di ogni fatto di cronaca, per giustificare norme repressive e securitarie.
Ma esiste a Roma, come nelle altre città italiane una società civile, democratica, vigile e antirazzista.
Associazioni di migranti e di autoctoni, movimenti, forze sociali e politiche, singole e singoli cittadini che non vogliono cadere in questa logica.
Un universo variegato, che non condivide le risposte che si danno a domande di giustizia sociale, che ne vuole individuare altre e che vede, dietro la ricerca del capro espiatorio, tanto l’incapacità a farsi carico dei bisogni di tutte e di tutti, quanto la volontà di favorire il mercato immobiliare e le speculazioni edilizie.
A questo mondo nessuno ha mai chiesto di firmare alcun patto, di questo mondo nessuno ha voluto ascoltare le voci e trarne le dovute conseguenze.
Facciamo perciò appello, al di là delle diverse sensibilità, al di là delle diverse modalità con cui si affrontano le stesse tematiche, perché queste voci trovino un momento unico per farsi sentire in sede istituzionale, per mobilitarsi se necessario, affinché il Patto per Roma sicura venga boicottato e smentito.
Ci auspichiamo un altro patto siglato dall’amministrazione con tutte e tutti coloro che vivono a Roma, indipendentemente dalla loro provenienza e dal loro status sociale.
Un patto per una Roma democratica e solidale, che ci impegniamo a realizzare insieme.
Per discuterne insieme, e per trovare insieme soluzioni e proposte comuni, invitiamo tutte e tutti ad una assemblea pubblica che si terrà
Martedì 26 giugno dalle ore 18, presso la Casa delle Culture,
Via di S. Crisogono 45 (Trastevere nei pressi diP.zzaSonnino)
Per informazione e contatto:
Claudio Graziano: 3356984279, e mail: claudiograzianoit@yahoo.it
Hamadi zribi : 3334408921, e mail: hamadi.zribi@posta.rifondazione.it
Andrés Barreto: 3402392099, email: andresbarreto@libero.it
Francesco Careri, 347 4142500, email: careri@uniroma3.it

Hanno aderito finora:
Action; Arci Roma; Attac; Campo per la Pace Ebraico; PRC Roma; Riva Sinistra; Associazione Dhumcatu, Rdb-CUB Immigrati Roma;Annamaria Rivera;(docente Università di Bari) Maurizia Russo Spena; (Ricercatrice); Sveva Haertter (Ufficio migranti Fiom); Anna Pizzo (consigliera regione lazio), Adriana Spera (capo gruppo PRC- SE Roma), Padre Roberto Sardelli (scuola 725). AINAI (Associazione nordafricani in Italia),Filippo Miraglia rep immigrazione arci;Grazia Naletto(Associazione Lunaria); Stefano Galieni (Dip. Immigrazione PRC nazionale),Alessia Montuori (Associazione Senzaconfine), STALKER Osservatorio Nomade; Maurizio Fabbri (capon Gruppo Gruppo PRC-Se Provincia di Roma) Giada Valdannini (giornalista e studiosa di cultura rom);Vivi Valente ( Associazione Progetto Diritti), Santino Spinelli (Ambasciatore dell’Arte e della Cultura Romanì nel MondoCommissario per gli Affari Esteri dell’International Romani Union IRUVice Presidente del Parlamento dell’IRU, Delegato Italiano dell’ERTF), Luciana Menna, Valeria Belli (ass. Onlus Yakaar), Marco Brazzoduro (professore alla Sapienza); Associazione Ex-Lavanderia- Roma, La casa delle Culture, Simona Sinopoli arci, Meo Hamidovic (cooperativa Sociale Onlus Rom Bosnia Herzegovina), Pilar Saravia ass.NODI, Prof. Giulio Girardi (Teologo);Hamadi Zribi (Responsabile immigrazione PRC Roma), Prof. Bruno Bellerate (ex docente universitario), Stefania Ruggeri (Cooperativa sociale B612- Ostia),Fabio Baglioni (ASGI); Associazione sri lankesi in italia, Laura Nobili, Rosaria Gatta ARCI, Irene Castagna ARCI, Maria Giovanna Casu ARCI, Aida Nahum, Caterina PATTI Assessore con delega alle politiche dei migranti del XIX Municipio;Claudio ORTALE Capogruppo PRC-S.E. del XIX Municipio di Roma, Alfonso Perrotta (associazione interculturale villaggio globale),Gianluca Peciola (assessore XI Municipio), Roberto Morea (assessore ai servizi sociali del I municipio), Silvia Macchi (urbanista),Tiziana La Torre ARCI, Fabrizio Burattini (Segreteria Cgil Roma Sud), Giorgio Cremaschi (Segreteria nazionale Fiom), Giulia Cortellesi Lunaria, Claudio Graziano Arci, Stefano Moser alice nel mondo, Sandro Medici (Presidente del X Municipio), Ghirmai Tewelde (consigliere PRC-SE XVIII), Nando Simeone (Vice Presidente del Consiglio Provinciale di Roma), Lucio Conte (consigliere VII Municipio), Associazione Scuola Università Ricerca, Gennaro Loffredo (Associazione Maria Musu), Cristina Formica (Chiama L’Africa), nodo di Roma Rete LILLIPUT, Vittoria Pagliuca (attivista diritti umani), Mirjana Brkic ARCI, Hevi Dilara Europa levante, Associazione Chiama l'Africa onlus,…
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/02/2017 @ 08:43:05
script eseguito in 31 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3364 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source