Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 31/10/2006 @ 20:00:11, in Europa, visitato 1626 volte)


E' uscito l'aggiornamento di ottobre 2006 di PICUM.org con le notizie e l'evoluzione politica riguardanti i diritti sociali fondamentali degli immigranti non documentati in Europa. Disponibile nel formato Word nelle seguenti lingue: inglese, tedesco, olandese, spagnolo, francese, italiano e portoghese.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 31/10/2006 @ 10:16:27, in blog, visitato 1668 volte)

Roma, appello di solidarietà ai Rom Rumeni di via Bravetta
Pubblichiamo l'appello a favore della comunità Rom Romena residente nel Residence di via Bravetta a Roma. La comunità Rom ha tenuto un'assemblea pubblica in Piazza Ara Coelli, durante l'occupazione che dura tutt'ora.
Invitiamo tutti ad ascoltare il »

Gorla Minore (VA), Sinti denunciati per "invasione di terreni"
Quindici Sinti Teich Cranaria Italiani sono stati denunciati a piede libero dai Carabinieri di Gorla Minore per il reato di "invasione di terreni", ai sensi dell'articolo 633 del Codice Penale.
La denuncia al termine di un'indagine avviata anche su segnalazioni da parte di cittadini della zona e degli amministratori locali, dopo che le famiglie sinte, nelle prime settimane di sett »

Berna (Svizzera), in forse "Equal Chances - Roma Secondary Education"
Alliance Sud - che raggruppa sei importanti organizzazioni di aiuto umanitario - sostiene il "sì" alla Legge sulla cooperazione con gli Stati dell'Europa dell'Est, in votazione il 26 novembre. Un no danneggerebbe le relazioni con l'Unione europea e indebolirebbe la base legale dell'aiuto svizzero allo sviluppo, precisa oggi l'organizzazione.
Il direttore di Caritas Svizzera, Jurg »

I Romeni, i Rom e l'Italia
Pubblichiamo questo interessante articolo di Marco Cavallotti che risponde alla provocazione contro la Romania e i Romeni, fatta dal quotidiano Il Tempo a firma di Augusto Perboni. Molto interessante il finale...
Imbecilli nazionali.
Arriva anche in Italia il nazionalismo degli
»

Opera Nomadi, commento politico all’Assemblea 2006
L’Assemblea Nazionale dei Soci è il momento più importante dell’associazione, dove tutte le Sezioni dovrebbero incontrarsi e insieme discutere per decidere la linea politica dell’associazione anche grazie agli stimoli del Consiglio Nazionale e del Presidente Nazionale. Questo nella normalità ma purtroppo l’ultima assemblea è stata un monologo da parte dell’attuale vertice nazionale che ha negato a  »

Mazara del Vallo (TP), Denis compie sei anni e continuano le fantasie sui Rom
Il 26 ottobre la piccola Denise Pipitone, la bimba rapita l'1 settembre del 2004, ha compiuto sei anni e Mazara del Vallo l'ha ricordata. Alle 10, presso il chiostro del Palazzo dei Carmelitani, si è svolta una manifestazione con la partecipazione di rappresentanze delle scolaresche cittadine.
Studenti ed alunni, con canti e messaggi, hanno espresso i sentimenti di solidarietà e di speranza  »

Lamezia Terme, i Rom e i loro bisogni
Tutto sui Rom che vivono in città: numeri, statistiche, condizioni di vita, progetti e desideri. A presentare il quadro completo della situazione Massimo Bevilacqua e Massimo Berlingieri, due giovani Rom che da anni fanno parte della cooperativa Ciarapanì guidata da Marina Galati. Al Teatro Umberto, per la prima volta, hanno preso la parola illustrando al pubblico il progetto Ric (riscoprirsi insi  »

Merano (BZ), i Sinti chiedono di partecipare al progetto abitativo
Se la gente del quartiere protesta, i Sinti non sono da meno. La nuova struttura, ancora in fase di progetto, sembra non soddisfare le reali esigenze di spazio della decina di famiglie stanziali. «Prima di disegnare le piazzole i tecnici dovrebbero almeno censire il numero di persone da sistemare - dichiara uno dei capifamiglia, Daniele Schöpf - la proposta che ci hanno sottoposto è chiaramente in  »

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/10/2006 @ 10:29:31, in Kumpanija, visitato 1967 volte)

(Libano)

Mehdi Lebouacher

Agence France Press

GAZA: Seduta sul gradino della porta di casa, Narem aspira nervosamente una sigaretta, e sospira: "Siamo stati ballerini e cantanti. Ora siamo niente." In Europa sono denominati Zingari o Rom. A Gaza, sono i Nawar, gente con una tradizione ancestrale nella canzone e nel ballo, che si è sparsa per i secoli nel Medio Oriente.

Ma qui, l'aumento della dottrina islamica che ha accompagnato l'inizio della seconda rivolta palestinese sei anni, fa ha suonato il colpo mortale per il modo di vivere dei Nawar, li ha spinti ad elemosinare e li ha resi cittadini di seconda categoria in una società regolata da regole rigide.

"La nostra vita era la migliore. Abbiamo portato i vestiti più belli, abbiamo mangiato i piatti migliori. Abbiamo cantato Umm Kalthum, Abdel-Halim Hafez durante i matrimoni e le celebrazioni. Eravamo liberi," dice Narem, 35 anni, gettando rapidamente una sciarpa per coprire i suoi capelli scuri e fluenti ogni volta che passa un'automobile.

"Non abbiamo imparato in scuole, ma in casa. Con noi, si comincia a cantare e ballare mentre da bambini," dice. "Mia madre ha ballato, la mia nonna prima di lei e la mia bisnonna anche."

Per decadi, i Nawar hanno vagato da città a città nella striscia di Gaza e nel Medio Oriente, mostrando i loro canti e balli.

Fatima, 49 anni, era un cantante.

"Siamo andato di città in città, a Rafah, Khan Yunis, Jabaliya. Installavamo le tende e suonavamo l'oud ed i tamburi. Alcuni di noi hanno vagato fino all'Egitto, alla Siria ed al Giordano, "sospira Fatima.

"La vita era dolce come miele," bisbiglia, alzando gli occhi al cielo.

L'istituzione dell'autorità palestinese nel 1994, a seguito degli accordi di pace di Oslo fra Israeliani e Palestinesi, l'aveva resa ancora più dolce.

Convinti che presto avrebbero avuto il loro stato, i Palestinesi erano nell'umore per celebrare.

"Con l'arrivo dell'autorità palestinese, sono stati costruiti dei club in riva al mare. C'era il Sunset, il Baida," dice lo sceicco Abu Mohammed, il patriarca del quartiere Nawar di Gaza.

Ma lo scoppio della seconda rivolta palestinese nel mese di settembre del 2000, condotta da Hamas, ha cambiato tutto.

"Gli estremisti hanno bruciato e chiuso tutti i club. Hanno detto che era haram, proibito alle ragazze di ballare e cantare," dice Abu Mohammed dice, vestito in suo abito lungo consumato e sbiadito. "La nostra vita antica è sparita nell'aria sottile e non ritornerà."

Dopo l'inizio della seconda intifada, i cinema a Gaza sono stati chiusi o bruciati, vietata la vendita di alcool, i vestiti sostituiti dalle camicie lunghe-collegate e le prestazioni dei Nawar non furono più accolte favorevolmente.

"Che cosa possiamo ora fare, volare via? No, elemosiniamo nei bazar," dice Narem, rattristata dai ricordi felici.

Malgrado le difficoltà, i Nawar non desiderano andare via.

Sono stati su questa terra per i secoli e la considerano la loro patria.

"Hanno una storia molto lunga," dice Allen Williams, direttore del Centro di Ricerca dei Dom per Medio Oriente ed l'Africa del Nord, un gruppo con base a Cipro.

"In ogni società, cristiana o musulmana, i Dom hanno passato con le stesse difficoltà," dice Williams. "Non hanno una voce in Medio Oriente. Per le centinaia dei anni, essere cantanti e ballerini è stato il loro ruolo tradizionale nella società.

"Quando c'è isolamento, non c'è possibilità da andare a scuola, cantare e ballare è una di quelle abilità tradizionali che imparano e si passano dai genitori ai loro bambini".

Oggi i Nawar a Gaza vivono sotto l'occhio di una società che ha sostituito le celebrazioni con la violenza e la morte.

La miseria che ha accompagnato il raffreddamento delle relazioni con l'occidente dopo che Hamas ha formato un governo in marzo, è stata esacerbata dall'offensiva di quattro mesi dell'Israele a Gaza dopo che i militanti ha catturato un soldato israeliano verso la fine di giugno.

"La prospettiva della gente qui è cambiata," dice Narem. "quando cantate davanti alla gente, vi guardano in un determinato senso. Quando elemosinate ad un mercato, vi guardano con disdegno."

"La gente qui pensa che siamo prostitute e pensano che tutti i nostri giovani siano ladri," dice Hayat, una delle figlie di Fatima.

Agitata, aggiunge "ma siamo anche figli del popolo palestinese ed abbiamo il diritto di essere rispettati e vivere come tutti."

Oggi, conservare le loro tradizioni, i Nawar si nascondono.

"Organizziamo le celebrazioni in famiglia e non un singolo sconosciuto può venire," Hayat dice. "cantiamo e balliamo per noi stessi. È meglio così."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/10/2006 @ 10:15:08, in casa, visitato 1941 volte)

Il Commissario per i Diritti Umani intervistato sugli sgomberi di Rom a Patrasso

By Niki Kitsantonis

(printed issue dated 24 October 2006)

PATRASSO - La casa di Antonis Georgopoulos, 23 anni, sua moglie e dei loro sei figli è sempre stata una tettoia senza elettricità e acqua corrente su un terreno incolto a Patrasso, il porto greco e la città scelta come capitale culturale europea dell'anno.

Ma l'agosto scorso, Georgopoulos, ritornando dal lavoro ha trovato la casa rasa al suolo dopo che le autorità avevano deciso la "ripulitura" dei due accampamenti rom, Riganokambos e Makriyiannis.

La sua famiglia da allora dorme in un furgone. Sono circa 400 i Rom che da luglio hanno perso le loro case a Patrasso, vivace centro commerciale di circa 250.000 abitanti a 220 km a ovest di Atene, conosciuto come l'ingresso occidentale della Grecia.

Quando l'Unione Europea scelse Patrasso come capitale culturale d'Europa, le autorità locali si sono impegnate nel "celebrare la diversità culturale.". Ma durante quest'anno, gli sforzi si sono focalizzati nell'attrarre artisti e musicisti stranieri, non nel promuovere la tolleranza verso una minoranza stigmatizzata.

L'opposizione pubblica ai Rom si è dipanata con le elezioni comunali di questo mese [...] Uno striscione con lo slogan "Mai più Rom a Riganokambos" emergeva tra i tanti della campagna elettorale.

In molti credono che gli sgomberi siano avvenuti nei due turni elettorali, che si sono conclusi domenica, per ottenere il voto di cittadini riluttanti a condividere la loro città con i Rom e i loro alloggi di legno grezzo.

Mentre i Socialisti vincevano le elezioni, gli sfidanti Conservatori dichiaravano la loro intenzione di ripulire la città dai Rom.

I gruppi dei diritti umani, invece, hanno protestato, anticipando una visita il mese scorso del commissario europeo sui diritti umani, Thomas Hammarberg, per ispezionare i siti.

"C'è a Patrasso un problema reale" dice Hammarberg in un'intervista telefonica. "Molte famiglie sono state sfrattate senza essere state adeguatamente informate o con una reale alternativa."

Le espulsioni avvenute a Patrasso quest'estate, sono un "modello" comune a tutta la Grecia. Nel 1997, circa 2.000 Rom furono espulsi da un quartiere di Salonicco, la seconda città della Grecia, dov'erano accampati sulle rive del fiume Gallikos per tre anni prima di essere rilocati in un'ex caserma. Nel 2003, circa 200 Rom furono rimossi dal quartiere periferico di Maroussi ad Atene, per costruire il complesso olimpico dei giochi 2004.

Attualmente circa 200 Rom si trovano di fronte a un vasto sgombero a Votanikos, nel centro di Atene, un'area destinata alla costruzione di uno stadio da calcio e della prima moschea della capitale nel 2009.

Hammarberg aggiunge che altrove in Europa, 109 Rom sono stati espulsi a luglio dal villaggio albanese di Elbasan e 200 dal villaggio di Dorozhny a Kaliningrad, Russia occidentale, a giugno.

Dato che non esistono dati ufficiali sui Rom in Grecia, le OnG e il Consiglio d'Europa stimano che ce ne siano tra i 200.000 e i 300.000 in centinaia di accampamenti nel paese, e almeno la metà in stato di estrema povertà. Le condizioni sono altrettanto precarie per molti tra gli 8 e i 10 milioni di Rom in Europa, un terzo di questi in Romania e Bulgaria.

Hammarberg enfatizza la necessità di un intervento statale per assicurare che i Rom a Patrasso e altrove siano trattati equamente.

"Il fatto che decisioni abusive siano prese a livello locale non assolve il governo centrale dalle sue responsabilità," dice.

Abet Hasman, vice sindaco di Patrasso e a capo dell'unità dei servizi sociali municipali che ha ordinato i recenti sgomberi, dice che accoglierebbe con favore una mediazione governativa.

La municipalità sta affittando appartamenti per 18/22 delle 70 famiglie sgomberate, dice Hasman "nell'attesa che il governo approvi le rate perché possano acquistare una casa loro."

Questa versione è contestata da Panayiotis Dimitras, del Greek Helsinki Monitor [...]. "La maggior parte dei Rom autoctoni dorme all'aperto, ha lasciato Patrasso o sta cercando casa," dice, "quindi dove sono questi che sono stati rilocati?"

Alla famiglia Georgopoulos, per esempio, non ha è stato offerto nessun alloggio. Invece, dicono, le autorità hanno offerto loro €200, o $250, per la perdita della loro casa.

Nel contempo, le pattuglie di polizia stanno controllando l'area e forzando gli ultimi residenti a lasciare il sito. Durante una visita a Riganokambos di 30', un reporter ha visto due camion che caricavano quello che rimaneva dell'accampamento.

Ci hanno minacciato di arresto se non lasciavamo le nostre tettoie," dice Brigis Danopoulos, 16 anni, dopo una notte di detenzione. [...]

Per le famiglie sgomberate, le difficoltà finanziarie non sono l'unico problema. Georgios Michalakopoulos e la sua famiglia ora sono nella quarta casa in due mesi da quando sono stati allontanati da Riganokambos. "Gli affittuari non vogliono Zingari nelle loro case," dice Michalakopoulos, 50 anni, che ora divide un appartamento a Patrasso con sua moglie e le tre figlie.

Secondo Yiannis Halilopoulos, presidente dell'Unione degli Zingari Greci, l'ignoranza accresce il problema.

"Le radici del razzismo contro gli Zingari non sono profonde" dice Halilopoulos, che ritiene che una campagna per educare i bambini a scuola sui Rom eroderebbe i pregiudizi, "Chiamarci Rom ci fa sentire stranieri," dice. "Noi siamo Greci."

L'elemento Tzigano o Zingaro, dice, "si collega alla nostre tradizioni, la nostra musica, non alla nostra nazionalità."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/10/2006 @ 10:03:40, in casa, visitato 1564 volte)

Ricerca sui siti per Nomadi e Viaggianti

Una REVISIONE per valutare quanti siti siano necessari

I dati di gennaio scorso indicano che circa un quarto delle famiglie di Nomadi e Viaggianti vivono all'est, tuttavia lì esistono solo il 16% dei siti ufficiali. Ora la ricerca di East of England Regional Assembly (EERA) vuole identificare i bisogni della comunità nomade e quali passi compiere

Nel Cambridgeshire ci sono attualmente 13 siti ufficiali, inclusi Oxney Road, a Parnwell e Paston a Peterborough. Ma le comunità Nomadi e Viaggianti dicono che c'è bisogno di ulteriori luoghi di sosta e individuano un ulteriore sito a The Embankment.

Gli ultimi dati del Governo mostrano che il 24,7% di Nomadi e Viaggianti vive in aree senza autorizzazione e sono considerati senza dimora.

John Reynolds, presidente dell'Assemblea Regionale per la Pianificazione, dice: "Speriamo che i risultati di questa indagine diminuiscano il numero delle aree non autorizzate, diminuendo così i costi delle azioni di sgombero e mantenimento."

La prossima primavera verranno anche effettuate consultazioni pubbliche su questi dati.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/10/2006 @ 10:16:55, in media, visitato 1955 volte)

Carissimi,

Vorrei annunciare che dalla scorsa settimana ho lanciato un'emissione TV da satellite con annunciatori/ospiti Rom. L'autore dei programmi è Asmet Elezovski, per la produzione Evropakiri Romani Televizija (TV SUTEL).

Me kamav te dav tumen informacija kaj kotar naklo kurko lija starto Tv emisija pe satelito e Romane misafiriencar.
O autori pe emisije si o Asmet Eleozovski, productija si pe Evropakiri Romani televizija (TV SUTEL).

Potete visionare ogni settimana a partire dalle 20.00 il programma "AMEN E ROMA '" via satellite
Intel sat 10-20 1 w
Frek. 12607
Sim.rate. 10127
Fec 3/4

Tumen situmen saipe te diken i programa sako luine-ponedelnik- monday katar 8 h caso pe rach : AMEN E ROMA" ko sateliti
Intel sat 10-20 1 w
Frek. 12607
Sim.rate. 10127
Fec 3/4

I primi ospiti sono stati  Samir Mile da Parigi che ha parlato della storia dei Rom e Adam Andrasz dalla Polonia, precisamente dal Roma Muzei a Tarnow, sulla cultura romani

Avdive misfairi si o Samir Mile from Paris France thaj Adam Andrasz Poland. Pe nagluno kotor ka ovel intervju e Saimir Milesa
pe histoprija thaj cacimata vi chib. Pe dujto kotor ka ovel sikavimos pe historija thaj kultura katar o Muzejo kotar Poland Warsaw.

Vi informeremo sulle prossime trasmissioni e sui prossimi ospiti.
Pe vaver emisia ka das tumen informacija ko ka ovel misafiri, gosto.

Devlesa
Asmet Elezovski

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 26/10/2006 @ 10:48:34, in blog, visitato 1681 volte)

Firenze, DOPO la Scuola
A Firenze è iniziato ad ottobre il corso di formazione per operatori e volontari di doposcuola rivolto a minori stranieri. Il percorso formativo è organizzato dall'ArciSolidarietà Toscana e dal CESVOT (centro servizi volontariato toscana), in collaborazione con ARCI Toscana, Accoglienza Toscana, Amalipé Romano.
Il corso vuole rispondere all’esigenza di creare possibilità di confronto e di

Mantova, incontro dei tre Presidenti Sinti
Il 21 ottobre, a Mantova, prima delll'inizio del concerto di Negrita si sono incontrati i tre Presidenti Sinti: Radames Gabrieli di Nevo Drom, Bernardino Torsi di Sucar Drom e Vladimiro Torre di Them Romanò. L'incontro si è tenuto nella spazio kampina "Hantigo Sinto".
I tre Presidenti hanno discusso sulle strategie da ado

Chiari (BS), la stampa locale sulla questione dei sinti
Negli ultimi giorni la stampa locale di Brescia ha dato spazio alla vicenda delle nove famiglie sinte di Chiari che sono state "invitate" dall'Amministrazione Comunale, dopo una "buona uscita" di 18.000 euro, ad andarsene dall'area di via Roccafranca. L'area era stata attrezzata con finanziamenti della Regione Lombardia di oltre 170 mila euro (330 milioni di lire) a metà e a fi

Vicenza, il Vescovo riceve bambino rom
L’archivio della Curia di Vicenza, può vantarsi di possedere il primo mini-vocabolario rom-italiano, scritto a Vicenza. A compilarlo in copia unica per farne omaggio al Vescovo Cesare Nosiglia nel corso di un incontro ha provveduto Antonio Halilovic che vive con la famiglia, mamma, papà e cinque fratelli, nell'area di via Cricoli.
Quella di Antonio e del suo vocabolarietto rom è una storia

Exils, grazie a tutti voi!
Exils, la festa sinta a Mantova, si è conclusa ieri sera con la proiezione del film "Gadjo Dilo". Tantissime le persone che hanno partecipato ai diversi eventi succeduti in quattro giorni, indimenticabile il concerto di Negrita. Questa sera ci sarà nuovamente la proiezione del film "Exils", in prima visione a Mantova.
L'Istituto di Cultura Sinta, l'Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantov

Milano, formazione per Mediatori e Mediatrici Culturali
Il Consorzio SIS Sistema Imprese Sociali, ente accreditato dalla Regione Lombardia per la formazione e l'orientamento, in collaborazione con la cooperativa sociale Progetto Integrazione organizza un corso di formazione per Mediatori e Mediatrici Culturali.
Il corso, che rientra nel catalogo regionale per la formazione individuale e per la frequenza al quale è dunque possibile fruire del vou

Stereotipi e pregiudizi in rete
Siamo rimasti colpiti da un commento di Simona, postato all'articolo "Guerra ai bambini" su liberoblog. L'articolo, di Rocco Biondi, porta all'attenzione dei blogger la denuncia dell'Unicef: "i piccoli ammazzati senza pietà, in Libano e nella Striscia di Gaza. Come sempre sono loro a pagare il prezzo del conflitto. Dì la t

Roma, Nando Sigona riceve il premio don Luigi Di Liegro
Siamo felici di annunciarvi che alcuni giorni fa Nando Sigona, attivista e ricercatore di OsservAzione ha ricevuto il premio don Luigi Di Liegro per la ricerca sociale. L'iniziativa è stata promossa congiuntamente dalla Fondazione Internazionale don Luigi Di Liegro e dalla Provincia di Roma, questa prima edizione del Premio è stata dedicata al

Foggia, il Comune chiede un tavolo di concertazione con Governo e Regione
L’Assessore alle politiche sociali del comune di Foggia, Assunta Pinto, ha presentato alla sottosegretaria ai diritti e alle pari opportunità Donatella Linguiti le problematiche relative alla situazione "campo nomadi" e all’emergenza abitativa che interessa la città di Foggia. A tal riguardo ha chiesto, a nome del Comune la convocazione di un tavolo di concertazione con la Regione e il G

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/10/2006 @ 09:50:54, in conflitti, visitato 1869 volte)

Ustiben Report - By Grattan Puxon

Una azione di protesta viene richiesta dalla famiglia di Danny Rooney a seguito della sua recente morte in prigione.

La vedova, Ann Rooney, chiede ulteriori investigazioni dopo che un rapporto afferma che Danny, 39 anni, si è impiccato mentre attendeva la sentenza.

Il giudice istruttorio ha aperto un'inchiesta.

"Non crediamo che si sia suicidato" dice la sorella, Mrs Margaret Rooney. "Non era da Danny -non ne aveva ragione."

Danny lascia la moglie Ann e otto figli, l'ultimo di nove mese.

MANIFESTAZIONE

I membri della famiglia chiamano ad una manifestazione all'esterno della prigione di Bullingdon, Bicester, Oxfordshire alle 12.00 am di venerdì 27 ottobre.

"Chiamiamo a protestare tutti i Viaggianti e chi li appoggia," - "E' importante per tutti noi."

L'Irish Travellers Movement 2006 e Gypsy & Traveller Affairs terranno un'udienza pubblica giovedì presso Stow-on-the- Wold Fair per appoggiare la manifestazione.

Nomadi e Viaggianti sono molto agitati per la morte di Danny Rooney," dice Richard Sheridan, presidente di ITM. "Non è la prima volta che in prigione accadono casi simili."

Dice che dopo il recente assalto a Tamworth da parte di un gruppo di vigilantes, dove due Viaggianti furono bruciati, cresce l'atmosfera di sfiducia nella comunità.

CONTACTS:

Margaret McCann 07765384449

Bridie Jones (IRM) 07765174141

Bullingdon Prison
01869353100
Governor: Phil Taylor

 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/10/2006 @ 12:40:32, in Italia, visitato 1647 volte)
Succede anche questo, verrebbe da dire. Cosa si prova ad essere accusati solo per il colore della pelle, ne parla Lameziaweb.biz:

"Sono una zingarella, mi chiamo Nada e ho 18 anni. L'altro giorno davanti all'ospedale un "italiano" mi ha accusato di avergli rubato il telefonino. S'è arrabbiato e s'è messo a gridare. Gli ho ripetuto tante volte che non sono stata io a prendere il suo telefono, ma lui ha continuato ad urlare e a dirmi tante brutte parole". A parlare è Nada Bevilacqua, ragazza Rom che abita nell'accampamento di Scordovillo, e che fino a qualche giorno fa era solita fermarsi davanti all'ospedale in attesa di Karin Faistnauer, ...

[cut]

Troppo facile puntare il dito contro i Rom che «non vogliono lavorare e per questo vanno a rubare; su di loro non puoi fare nessun affidamento». Questi i commenti più "soft" che si sentono in giro comunemente, le espressioni e i pensieri ripetibili insieme ai quotidiani atteggiamenti di vero razzismo perché «gli zingari sono brutti, sporchi e cattivi e tali resteranno. Per sempre». Ma il pregiudizio è il peggior male sociale: gli zingari rubano auto nel parcheggio, e chiedono in cambio soldi per restituirle ai proprietari. È vero. Ma è pure vero che la responsabilità penale di un furto è di chi lo commette, non di un'intera etnia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/10/2006 @ 10:57:41, in casa, visitato 1863 volte)

TULCEA - Il Centro Europeo per i Diritti dell'Etnia Rom e l'Associazione Rom "Egalitatea de Sanse" (Pari Opportunità) segnalano preoccupati le drammatiche conseguenze di uno sgombero da Tulcea, Romania Orientale, avvenuto l'11 ottobre 2006.

Per questa ragione, un gruppo di 150 cittadini, la maggior parte di etnia Rom, hanno perso la loro dimora come conseguenza di una decisione del tribunale di Tulcea. Ledue organizzazioni chiedono alle autorità locale di porre rimedio alla situazione che vede molti diritti messi in discussione.

Fonte: Roma_Daily_News

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


24/02/2017 @ 22:38:08
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Come una Lonely Planet... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2188 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source