Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 30/06/2009 @ 09:24:43, in media, visitato 1267 volte)

Da Roma_Daily_News

ISTANBUL - Un progetto intitolato "Giovani Cineasti Internazionali", promosso l'anno scorso dal Consolato Generale USA ad Istanbul e che fornisce istruzione sulla cinematografia a studenti di sei città turche. sta dando i primi risultati. Gli studenti di Edirne, che partecipano al progetto, hanno girato un film che presenta la vita dei cittadini rom nella loro città.

26/06/2009 - I giovani registi del futuro hanno preso parte al progetto [...] iniziato a luglio dell'anno scorso.

Lo scopo di questo programma era di promuovere una maggiore comprensione e consapevolezza tra i giovani di Turchia sulle questioni relative alla democrazia, diritti umani, tolleranza e diversità, questione femminile e crescita economica attraverso film e video creati da giovani. Quindi agli studenti è stato chiesto di fare dei film su questi argomenti. Gli studenti della città nord occidentale di Edirne, che in futuro vorrebbero diventare registi, hanno scelto i Rom che vivono nella città come tema dei loro film.

I giovani, che hanno ignorato tutti gli ammonimenti di tenersi lontano dai quartieri rom perché pericolosi, hanno girato due film che presentano la posizione dei cittadini rom nella vita sociale ed i problemi che affrontano nella vita giornaliera in città.

Parlando con l'agenzia di notizie Anatolia, Nefin Dinç membro del dipartimento comunicazioni della New York University e responsabile per il progetto, ha detto che è comune alla Turchia e agli Stati Uniti ed è stato supportato dal Dipartimento di Stato USA.  Ha detto che la città nord occidentale di Edirne, Artvin sul Mar Nero, le città nel centro dell'Anatolia di Sivas e Konya, e quelle sud orientali di Mardin e Hatay sono state scelte tra altre città turche per lo sviluppo del progetto. "72 studenti di queste sei città anno frequentato le classi del progetto. Attualmente i film sono in fase terminale. Abbiamo iniziato l'anno scorso a luglio e fatto un totale di 21 giorni di lezione in ogni città. Gli studi riguardavano argomenti come la sceneggiatura, la fotografia, il suono, le luci e l'editing", ha detto Dinç.

Sezen Çobanoğlu, membro della squadra che ha girato i film sul quartiere di Edirne più popolato dai Rom, Menzilahir, ha detto che come parte del progetto, hanno voluto fare un film che porti un messaggio sociale e per questo hanno scelto la gente che vive nel quartiere rom.

Abbiamo scoperto un mondo differente

Ha detto che hanno tentato di rimuovere i pregiudizi della società contro quella gente. "I cittadini rom sono esclusi dalla società, e noi abbiamo voluto mostrare questo fatto nei film. Ci siamo focalizzati sul concetto degli ALTRI nei nostri film, per mostrare l'effetto degli ALTRI nella società. Abbiamo programmato di rimuovere i pregiudizi sociali. Anche se la gente lì intorno ci ha ammonito dicendo che il quartiere era pericoloso, e che non potevamo entrarci senza avere lì amici tra i 15 e i 20 anni, siamo andati là e abbiamo fatto amicizie. All'inizio avevamo paura, ma là abbiamo scoperto un mondo differente," ha detto Çobanoğlu.

Un altro studente della squadra, Batuhan Kurt, ha espresso la propria felicità per essere parte del progetto. "Ero appassionato sul dirigere un film e questo progetto mi ha incoraggiato. Abbiamo imparato le scale della ripresa e la sceneggiatura durante il corso, e le abbiamo applicate. Ci siamo fatti degli amici nel quartiere dei Rom. Ci hanno aiutato, ci siamo davvero divertiti," ha detto Kurt.

Alcuni di quei 72 studenti [...] andranno negli Stati Uniti per apprendere ancora. Inoltre, gli studenti delle sei città si riuniranno il prossimo gennaio e valuteranno le loro produzioni.

I film girati saranno esposti nei festival filmici di Istanbul e Diyarbakir.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/06/2009 @ 09:48:51, in Europa, visitato 1355 volte)

Da Czech_Roma (Se ne era parlato QUI)

The Prague Post Le vittime dell'incendio doloso ancora senza casa - La burocrazia impedisce alle famiglie rom di accedere ai fondi pubblici Posted: June 24, 2009 By Wency Leung, Staff Writer

Kudrik, sua madre Božena Bandurová, la figlia Pavlína ed altri quattro dividono un  piccolo riparo temporaneo. (foto di Vladimir Weiss)

Anna Siváková è scoppiata in lacrime quando ha visto le due stanze che la città di Vítkov ha assegnato alla sua famiglia.

La famiglia rom aveva perso la sua casa in un incendio apparentemente a sfondo razziale il 19 aprile. Siváková e suo marito, Pavel Kudrik, hanno avuto diverse ustioni che li hanno tenuti in ospedale nella vicina Ostrava per quasi due settimane, mentre la figlia più piccola, Natálka di 2 anni, rimane in cura intensiva, lottando per sopravvivere.

Per Siváková, è stato come un altro incendio ritornare a Vítkov dopo il rilascio ospedaliero del 2 maggio, soltanto per raggiungere suo marito, gli altri tre bambini ed i genitori nell'affollato e misero riparo, situato dietro una clinica veterinaria accanto allo scolo dei rifiuti canini. Con i suoi letti metallici a castello e nessuno spazio per muoversi - tantomeno per far giocare i bambini o per fare i loro compiti - il posto sembra, come dice un membro della famiglia, "come una prigione".

Dopo più di un mese, la famiglia rimane nel riparo temporaneo, incapace di trovare una nuova casa, nonostante i versamenti di donazioni per aiutarla a ricostruirsi una vita. A causa della burocrazia, la famiglia deve ancora ricevere i fondi donati, e se non ci fossero determinate condizioni, questo potrebbe anche non avvenire mai.

I funzionari del municipio di Vítkov, che gestisce le donazioni, dicono che le esigenze giuridiche impediscono alla famiglia di accedere ai soldi tranne che per l'assistenza medica di Natálka e la nuova sistemazione. Inoltre, se la famiglia non dovesse trovare una sistemazione adatta entro la fine dell'anno, il consiglio comunale sarebbe tenuto, secondo la legge, a cedere i fondi al distretto della Moravia Settentrionale.

Anche se i funzionari sottolineano che ciò è improbabile, è una prospettiva che alcuni attivisti trovano oltraggiosa.

"Il conto è [inteso] solo per questa famiglia," ha detto Zdeněk Ryšavý, direttore esecutivo dell'OnG Romea, che ha trasferito le donazioni da tutto il mondo alla raccolta pubblica gestita dal comune di Vítkov. Trattenere quei fondi "non è civile", dice.

Gwendolyn Albert, attivista per i diritti umani, ha aggiunto che di essere rimasta inascoltata per una raccolta raccolta da spendere in qualcosa che non fosse lo scopo preposto: "La sola ipotesi è insultante per la famiglia e per tutti quanti abbiano donato in buona fede fondi per assistere questa gente," ha detto.

Non solo la sua famiglia non ha visto un soldo delle donazioni, Siváková ha detto che non è chiaro chi realmente li gestisca.

"Non so chi li controlli. Di certo non noi," ha detto, aggiungendo di non sapere neanche quanti soldi sono stati raccolti. "[I funzionari cittadini] non vogliono dirci l'importo esatto".

Da quanto risulta, la raccolta è ora di 757.000 Kč, ha detto Hana Klapetková, a capo del dipartimento cittadino per gli affari sociali. Secondo la legge sulle raccolte pubbliche, le autorità della città sono incaricate della gestione dei fondi.

Nota che il fallimento della famiglia nel trovare una nuova casa non dipenda dalla mancanza di sforzi dei funzionari.

"Abbiamo trovato diverse soluzioni accettabili che loro hanno rifiutato perché ritenevano la casa o troppo piccola o troppo grande. Altre volte, prima che prendessero una decisione, un altro compratore riservava la casa," dice Klapetková. "La città li sta aiutando, per quanto può".

Šarka Petrtýlová, segretaria del sindaco, ha aggiunto di essere certa che un alloggio adeguato per la famiglia può essere trovato, a Vítkov o altrove, prima della fine dell'anno. Altrimenti, ha detto, il consiglio comunale estenderà di un anno la scadenza, che riconosce essere stata stabilita arbitrariamente durante un'affrettata riunione all'inizio del mese.

"In realtà non abbiamo ponderato sul termine, che doveva essere a tre mesi da adesso, così l'abbiamo lasciato sino alla fine dell'anno," ha detto Petrtýlová.

Tuttavia ha notato che, secondo la legge, il consiglio comunale ha dovuto stabilire un termine, dopo il quale ogni somma non impiegata finirà negli uffici distrettuali.

Kumar Vishwanathan dell'OnG Vita Insieme, che è stato in stretto contatto con al famiglia, ha detto di credere che le donazioni non saranno mai trasferite negli uffici distrettuali.

Anche se concorda sul fatto che i funzionari stiano facendo del loro meglio per trovare alloggio alla famiglia, ha detto che non è stato facile a causa dell'opposizione dei futuri vicini e proprietari.

"Penso che ci siano molti pregiudizi sul vivere accanto ai Rom. La gente non vuole vivere vicino ad una famiglia rom," ha detto Vishwanathan.

Ha aggiunto che, mentre non ha obiezioni sulla gestione cittadina delle donazioni, la famiglia rimane in difficoltà finanziarie, dato che i genitori hanno bisogno di denaro per andare e tornare dall'ospedale di Ostrava per visitare Natálka. Secondo i funzionari cittadini, la famiglia vive di previdenza sociale.

"Sinora hanno sostenuto un sacco di spese," ha detto Vishwanathan. "Per loro è un drenaggio di risorse."

Nel contempo Kudrik, il padre di Natálka, ha detto che la sua preoccupazione più grande è di curare la figlia, che avrà bisogno di trattamenti medici per il resto della vita. L'assicurazione di stato sta coprendo la maggior parte delle spese mediche per Natálka.

Gli attentatori non sono ancora stati identificati. Ciononostante, Kudrik dice di volere che la famiglia resti a Vítkov, dove i suoi bambini vanno a scuola. D'altra parte è a conoscenza che se non verrà trovato nessun alloggio in città, la famiglia dovrà cercare una sistemazione da qualche altra parte.

"Non c'è niente di chiaro su questo punto," dice.

- Martina Čermáková contributed to this report.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/06/2009 @ 09:46:17, in Regole, visitato 1140 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Strasburgo, 26 giugno 2009: Ieri, la Corte Europea dei Diritti Umani ha emesso il suo giudizio sul caso Beganović contro la Croazia, riguardo il violento pestaggio di Darko Beganović, un Rom, da parte di un gruppo di sette persone e del fatto che le autorità croate non abbiano condotto indagini efficaci e perseguito gli esecutori.

La Corte ha sostenuto che i tribunali e le autorità inquirenti croate non hanno risposto all'esigenza di efficacia dei meccanismi di legge previsti dall'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti Umani e le Libertà Fondamentali (ECHR) che proibisce la tortura ed i trattamenti inumani e degradanti. L'inefficacia da parte degli inquirenti ha fatto cadere la denuncia contro gli esecutori per il tempo trascorso.

La parte lesa fu brutalmente picchiato in compagnia di cinque amici da parte di un gruppo di sette giovani il 24 aprile 2000. I sette lo colpirono fin quando non cadde a terra e poi continuarono a farlo. Quando il pestaggio terminò e Beganović si rialzò, venne colpito alla testa con una tavola di legno, cosa che gli causò la perdita della coscienza. Come risultato del violento pestaggio di gruppo, Beganović sostenne ferite su tutto il corpo, inclusa una commozione.

La denuncia interna del crimine venne compilata il 12 giugno 2000 dalla parte lesa contro i sette individui. Tuttavia, a causa dell'inattività e dell'errata gestione da parte delle autorità inquirenti, la denuncia andò in proscrizione il 23 aprile 2004.

Come risultato, ERRC ed il suo partner, l'avvocato croato Lovorka Kušan, denunciarono il caso alla Corte Europea dei Diritti Umani il 9 novembre 2006, citando, tra l'altro, la violazione dell'articolo 3 della ECHR, basata sulla mancanza da parte delle autorità croate di prendere le appropriate e necessarie misure nel procedimento contro i sette esecutori.

Il signor Beganović è stato risarcito con 1.000 euro per danni non pecuniari; inoltre la corte ha stabilito un rimborso di 6.250 euro per costi e spese.

[...]

For further information, contact:
Lydia Gall , ERRC Legal Advisor, lydia.gall@errc.org , + 36.1.413.2200

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 28/06/2009 @ 09:07:54, in blog, visitato 1551 volte)

Milano, continuano gli sgomberi elettorali: oggi è toccato ai Rom di viale Forlanini, per strada anche un neonato
A Milano continuano gli sgomberi elettorali e così, dopo due notti di pressing sui rifugiati di piazza Oberdan, stamattina è toccato gruppetto di Rom accampati nell’area dell’ex-caserma di viale Forlanini. R...

Schio (VI), perché si va a colpire i più deboli?
A proposito dell'articolo apparso il 17 giugno su "Il Giornale di Vicenza" a pag. 21 dal titolo "Il deposito dei nomadi con tanto di ferro e bici. L’elicottero dei Carabinieri scova u...

Roma, siamo Rom, non siamo nomadi: ci prendiamo la casa
Ieri circa 100 Cittadini rumeni, appartenenti alla minoranza rom, della comunità di via di Centocelle, insieme alle associazioni “no embedded” che lavorano nel campo e ai Blocchi precari metrop...

Irlanda del Nord, sempre più violenti gli attacchi dei neonazisti contro i Rom
A Belfast, le autorità hanno disposto il trasferimento, in via provvisoria, dei 115 rumeni, appartenenti a 20 famiglie rom, evacuati nella notte di martedì scorso dopo l’ultimo attacco neonazista, il più violento degli ultimi mesi...

Nel deserto dei valori non c'è pietà - parte 1
Caro amico di destra, ieri ho capito che governerete per i prossimi trent’anni. Mi è bastato ascoltare, per cinque minuti, i commenti della gente davanti alla nave dei profughi in arrivo sulle coste italiane...

Roma, non è una questione di ordine pubblico
Questa mattina [ndr sabato scorso] rom che due giorni fa avevano occupato l’ex deposito Heineken in via dei Gordiani 40, per reagire alla minaccia di sgombero, hanno deciso di tornare al campo di via di Centocelle...

Rom(a), nomadi o monadi? prospettive antropologiche
Martedì 23 giugno, alle ore 11.00, presso la sala Odeion, facoltà di Lettere e Filosofia, dell’Università La Sapienza di Roma, sarà presentato il libro “Rom(a), nomadi o monadi? prospettive antropologiche”, curato da Matteo...

Roma, la guerra del cemento tra condoni e l'espansione della Capitale
Un no deciso ai vincoli che il ministero dei Beni culturali vuole mettere sull’area compresa tra Laurentina e Ardeatina. Un sì, altrettanto netto, al miglioramento del Piano regolatore e, soprattutto, alla riqualificazione delle periferie di Roma...

Lazio, una legge regionale a favore dello spettacolo viaggiante
"Finalmente una legge che riconosce e valorizza lo spettacolo viaggiante e le attività degli artisti di strada che operano nella nostra Regione". Lo affermano in una nota Peppe Mariani (Lista Civica per il Lazio) presidente della...

Reggio Calabria, una famiglia rom rifiuta la casa perchè ha paura
In una nota, Demetrio Costantino - Presidente Comitato Interprovinciale per il Diritto alla Sicurezza – fa il punto sulla questione degli alloggi destinati alle famiglie Rom:...

Roma, a breve una legge sul reddito minimo garantito nel Lazio
“Tra pochi giorni sarà finalmente operativa la legge sul reddito minimo garantito nella nostra Regione”. Č quanto fa sapere in una nota Peppe Mariani (in foto), presidente della commissione Lavoro, politiche giovan...

Como, abbandonata nella neve: il j'accuse contro i vigili
Confusione su chi abbia fatto cosa, non sulla sostanza. Davanti al giudice delle indagini preliminari Luciano Storaci, la 64enne Stela Anton (in foto), Cittadina rumena appartenente alla minoranza rom, ha ribadito per filo e per segno quanto già raccontato al pm nel corso dell’in...

Bolzano, il Gipsy festival
Saranno i Gipsy Kings l'attrattiva principale del Gipsy festival, manifestazione di cultura rom, che si terrà a Bolzano il 26 e 27 giugno. Saranno numerosi i cantanti e ballerini che si alterneranno sul palco, provenienti da tutta Europa. Tra questi, anche Negrita, artista fran...

Radames Gabrielli è il nuovo presidente della federazione
Radames Gabrielli, neo Presidente della federazione “Rom e Sinti Insieme”, si è detto molto onorato di essere stato eletto alla guida dell’associazione che da due anni ha iniziat...

Mantova, una serata di cultura sinta
La Missione Evangelica Zigana, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Sinta, invita tutti all’evento culturale che si terrà a Mantova, lunedì 29 giugno 2009, dalle ore 20.30, in viale Learco Guerra (località Migliaretto)...

Nel deserto dei valori non c'è pietà - parte 2
A nulla è servito ricordare che cinquant’anni fa i marocchini eravamo noi. Che i nostri uomini nelle stazioni svizzere avevano sale d’aspetto separate. Che i tedeschi o i francesi dicevano degli italiani esattamente le stesse cose che oggi noi diciamo dei curdi. Che d...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/06/2009 @ 09:05:48, in Italia, visitato 1443 volte)

Dopo la vittoria di Ferdi Berisa al Grande Fratello, uno sguardo al mondo dei reality show. Tra gli aspiranti partecipanti, un sinto

L'Espresso LOCAL di Ilaria Urbani
Il candidato tipo
Marco Marfè? Me lo dicono tutti che gli assomiglio, ma credo di essere più colto di lui
Il più anziano Ho una sfilza di notti al pianobar. Canterò Stand by me e Light my fire dei Doors

«Mammà, forse ad ottobre mi chiamano per la trasmissione. Mi hanno fatto pure girare il video». Trema Alessandro, 29 anni, al telefono col madre, racconta i dettagli del provino con un autore di X Factor ieri alla Villa Comunale. Capello da cowboy, pantaloni borchiati e andatura alla Marco Marfè, l´aspirante popstar di piazza Cavour che nella vita fa il rappresentate di panifici, sente di avercela fatta con il suo repertorio tradizionale: "Perdere l´amore" di Ranieri e "Chesta Sera" di Monica Sarnelli.

Alessandro è uno dei 2500 ragazzi accorsi da tutta Italia dall´alba all´X Factor Village (oggi se ne attendono altrettanti), tra loro anche tanti over 40, per tentare la fortuna e passare le selezioni del talent-show di Raidue che quest´anno vedrà Claudia Mori sostituire Simona Ventura. «Marco Marfè? Me lo dicono tutti che gli assomiglio - dice euforico Alessandro - ma io, con rispetto parlando, credo di essere un po´ più colto di lui. E´ vero mi piacciono Gigi D´Alessio e Nino D´Angelo, ma questo non significa niente». Alessandro si dimena tra le transenne seguito dalla troupe di X Factor che non si fa sfuggire il peperino. Una voce dall´altoparlante intanto continua a ripetere "numero, carta d´identità".

E spunta un 60enne, il siciliano Roberto di Marsala, alle spalle una sfilza di notti al pianobar tra rock e blues, anche lui a giocarsi l´ultima carta per il successo. «Canterò Stand by me e Light my fire dei Doors, sono i miei pezzi forti». Lo segue a ruota Daniela Pinto, 39 anni e capelli rosso acceso di San Giorgio a Cremano, una formazione da cantante lirica. «E´ la seconda volta che tento - spiega - l´anno scorso ero in trio con le mie sorelle. Non canterò repertorio di classica, ma un pezzo di Kate Bush».

L´età media dei partecipanti alle selezioni sembra più alta degli anni scorsi, molti cantanti esordienti saranno stati alle prese con l´esame di maturità. Lo confermano quattro mamme-candidate sui 40, tutte casalinghe tranne una che fa la segretaria. E Adriano, impiegato di 47 accompagnato dalla figlia adolescente. «Non è mai troppo tardi per sognare», dice e la figlia sorride. Tra gli under 30, Luana di Pianura, a 24 anni mamma di un bimbo che non vuole far crescere in periferia, sperando di percorrere l´autostrada per il paradiso che la porti dritta ad un contratto con una casa discografica. Seyefa, nigeriana di 23 anni, viene da Civitavecchia. «Il mio idolo? E´ Beyoncé». Angelo invece quasi 30enne di Casoria è caporalmaggiore nell´esercito, dopo le missioni in Afghanistan e Iraq, vuole sfondare nel mondo dello spettacolo. Domenico, 25 anni, viene da Lucca, nell´attesa di essere chiamato per il casting, si ferma a cantare con un gruppo di musicisti rom. La sua famiglia è di etnia sinti. Saughelli e Zorama, invece, sono già conosciuti nel panorama locale nostrano, ma da indipendenti non ci si guadagna da vivere. Anche Margot di Cava de´ Tirreni ha già una band, ma vuole diventare come Aretha Franklyn e ha ritentato la fortuna dopo un provino andato male anche ad "Amici".

Da lontano, sul palco dove ieri si è esibito Jury, star della seconda edizione del talent-show e stasera Tony Maiello e Le Officine Pan, si ode: "Siete tutti su X Factor". E´ Francesco Facchinetti, presentatore del format, che gasa la folla degli aspiranti popstar e per un attimo sembra tutto vero. Oggi si replica.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/06/2009 @ 00:14:24, in blog, visitato 1244 volte)

A proposito di un annuncio pubblicato settimana scorsa, in cui si cercava con urgenza un interprete di sinto, ricevo questo:

Mi ha chiamato una società di traduzioni pochi giorni fa, chiedendomi se potevo presentar loro una persona con perfetta conoscenza del sinto e dell'italiano. Mi sono insospettito perché non vedo la necessità, nel mondo professionale, di traduzioni sinto-italiano o viceversa (o almeno: di prestazioni continuative), così mi sono fatto passare la direzione. Mi è stato spiegato che la polizia di Milano, sezione anticrimine, aveva bisogno di traduzioni per azioni nei confronti di delinquenza di etnia sinta. Puoi immaginare che cosa ho risposto loro. Sospetto che sia la stessa società, anche se non ricordo il nome di quella che mi ha telefonato.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/06/2009 @ 09:34:42, in Europa, visitato 1537 volte)

Da Romanian_Roma (Non mi importa se le loro richieste possano apparire strampalate, finalmente dei Rom che non si nascondono!)

di Mihaela Dumitrascu – Divers.ro

22/06/09 - Uomini con cappelli e baffi e donne con gonne colorate. Non più giovani, ma determinati. Chiedono i loro diritti e non mendicano una grazia. Questo è come questa settimana si è manifestata davanti al Governo la protesta dei Rom tradizionali.

Martedì 16 giugno, circa 200 Rom tradizionali sono scesi in strada, protestando contro le politiche sulle minoranze del governo rumeno. In un promemoria indirizzato al Primo Ministro Emil Boc, i Rom hanno chiesto il rispetto dei diritti del gruppo etnico, e nel contempo hanno chiesto la restituzione dei beni confiscati alle famiglie deportate in Transnistria (vedi QUI ndr).

"A partire dal 2001, i Rom sono stati oggetto di diverse politiche pubbliche: le strategie del Governo, il Programma Nazionale contro l'Impoverimento e per l'Inclusione Sociali ed il Promemoria Comune per l'Inclusione Sociale," dice il documento rilasciato dal Comitato Europeo dei Rom Krisinitor (giudici ndr), iniziatori della protesta.

Le mete di queste politiche sono il miglioramento della situazione dei Rom, la riduzione dell'impoverimento e dell'esclusione sociale, la promozione continua della società coesiva ed inclusiva, tutte collegate al Piano Nazionale di Sviluppo 2007 - 2013.

Ma "dopo 17 anni di strategie, politiche di inclusione per i Rom, programmi di azione e progetti per migliorare la loro situazione, la minoranza rom continua ad affondare nel circolo vizioso dell'esclusione sociale," hanno dichiarato i sottoscrittori del Promemoria.

Così è successo che il 16 giugno, quando vengono ricordati i 67 anni dell'Olocausto Rom in Romania, circa 200 rappresentanti delle comunità tradizionali di questa minoranza etnica, si sono riuniti per protestare di fronte al Museo Grigore Antipa di Bucarest.

Le richieste dei Rom: strade, elettricità, lavoro...

Spiega Istrate Bratianu, un anziano Rom di Matasari: "Ha detto che andranno dal sindaco, installeranno l'elettricità, ci daranno assistenza per la disoccupazione, ci ritorneranno l'oro che non è stato pagato."

"Il nostro oro che è rimasto là, perché non ce lo ridanno? Era dei nostri antenati che hanno sofferto..." geme una donna vicino lui.

I Rom dicono di non avere bisogno di lavoro, ma vogliono che le loro richieste vengano prese in considerazione. "Non abbiamo bisogno di lavoro, abbiamo da lavorare. Lavoriamo il rame, facciamo pentole, ma abbiamo bisogno di aiuti per la disoccupazione. Per cinque anni non l'abbiamo ricevuta. E poi nel nostro villaggio non c'è una strada," spiega Istrate Bratianu.

Il promemoria ha proposto al governo rumeno una lista di azioni urgenti per indirizzare i problemi delle comunità tradizionali e semi-nomadi, specificando che i problemi di queste comunità non sono affrontati da nessun programma di inclusione sociale. Le richieste sono:

  • La creazione di una Commissione Nazionale per i Rom, che dovrebbe adottare un Rapporto annuale di Monitoraggio sull'Inclusione delle Comunità Tradizionali e Semi-Nomadi nelle azioni delle politiche pubbliche per i prossimi anni.
  • Trovare soluzioni per la migrazione dei Rom in Europa, installando alcuni Centri di Documentazione nei paesi dove sono emigrati dalla Romania un significativo numero di Rom, e pure alcuni Osservatori Regionali di Controllo sulla Migrazione.
  • Promulgare lo status ed il ruolo dell'istituzione del Krisinator (giudice nella "Legge Zingara"/Rromanipen), adottando l'Ordinanza di Legge n. 192/16.05.2006 sulla mediazione e la professione del mediatore.
  • Favorire il viaggiare stagionale dei Rom nomadi per le attività di artigianato, così pure il funzionamento flessibile delle fiere e la creazione di un circuito di "commercio equo" ad hoc.
  • Adattare il sistema d'istruzione rumeno ai metodi specifici per le comunità bilingue, secondo gli standard internazionali.
  • Iniziare un programma nazionale che consideri la situazione dei Rom senza casa, che comprenda la registrazione catastale delle case nei campi rom e la creazione di una rete di camping temporanei
  • Organizzare presidi medici mobili nelle comunità tradizionali e semi-nomadi.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/06/2009 @ 09:34:13, in Regole, visitato 1227 volte)

Da Roma_Francais

Créé le 22.06.09 Una Rom porta ricorre contro "la milizia"

Senza sorprese. Il tribunale d'istanza di Tolosa ha ordinato venerdì l'espulsione "immediata e senza indugi" della sessantina di Rom installati dalla fine di aprile dietro la mediateca José-Cabanis, ai piedi degli immobili appartenenti alla Comunità urbana. Fin da oggi, una trentina di loro, beneficiari dell'aiuto al ritorno volontario, sarà trasportata in autobus all'aeroporto Tolosa-Blagnac, dove due aerei della polizia aerea alle frontiere li attendono per reinviarli in Romania.

Tra loro, Eugenia Maria, che ha portato reclamo il 25 maggio, per "violenza armata di gruppo". Il 20 maggio, tre residenti che si presentano come "la milizia" del quartiere, hanno polverizzato del Grésyl, (un potente disinfettante utilizzato per pulire i bidoni vuoti) sull'accampamento dei Rom. Eugenia Maria è stata investita in pieno. "Anche se accetta di ripartire, non vuole che quest'atto resta impunito", spiega Julien Brel, il suo avvocato. W

E.D.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/06/2009 @ 09:46:01, in Europa, visitato 1427 volte)

Da Roma_Daily_News [Non entro nei giudizi politici dell'articolo (se non si capisce il giornale The Post è della Repubblica Irlandese), ma i recenti fatti di violenza a Belfast contro la comunità rom rumena, risvegliano un passato che si voleva dimenticare. Si ripropone anche la questione della fallita integrazione nelle aree ghetto cittadine - PS chiedo scusa per alcune imprecisioni nella traduzione]

ThePost.ie 21 giugno 2009 - By Tom McGurk

L'attacco razzista alla comunità rom nell'area Village di Belfast è arrivata senza sorpresa a chi conosce il luogo.

Per anni, è stata un sinonimo degli elementi degli elementi lealisti più estremi e, durante i Disordini, era dominata dal paramilitarismo lealista. Durante i peggiori giorni degli assassinii settari a Belfast, il Village era il quartier generale per alcune delle più sanguinarie bande lealiste.

Situato proprio sotto Falls Road presso l'autostrada M1 e vicino al centro cittadino, era posizionato idealmente per le uscite delle bande di assassini verso le adiacenti aree cattoliche per rapire le vittime.

Per anni, molti dei corpi delle persone che uccidevano sarebbero state trovate alla luce del mattino nelle vaste aree delle discariche che circondavano il Village.

Sempre più decrepito ed in rovina, il Village è oggi simbolico di quello che è accaduto a vaste sezioni delle comunità della classe operaia unionista del Nord, con enormi livelli di disoccupazione, bassi livelli di successo scolastico e seri abusi di alcool e droga.

Negli anni recenti, quanti potevano lasciavano il Village, col risultato che molti edifici sono stati comprati a poco prezzo dalle immobiliari per affittarli. Questo a sua volta ha portato ad un afflusso di immigrati nell'area.

Qui allora è il vecchio territorio della classe operaia unionista che, semmai, approfondisce le incertezze nella nuova dispensa politica del Nord. Sospetto che gli attacchi ai Rom a lungo perseguitati, vengano come una sorpresa, [Rom] che hanno la più grande percentuale di vittime uccise nei campi di sterminio nazisti.

D'altra parte, sono soltanto le ultime vittime degli attacchi settari nel Nord, che ha il più alto livello di crimini razziali in queste isole. Negli anni, ci sono stati persistenti attacchi alla comunità cinese a Belfast sud, ed in altri posti a Polacchi e Portoghesi.

Le origini degli ultimi attacchi risiedono nei tumulti attorno alla partita Irlanda del Nord - Polonia a marzo nel vicino Windsor Park. Dato che la comunità polacca è soprattutto cattolica, c'è voluto davvero poco per far esplodere le violenze.

Da marzo, sembra esserci stata una sistematica, se non spasmodica, campagna per "liberare" l'area del Village dagli stranieri, culminata negli attacchi di questa settimana ai Rom.

Una recente indagine del giornale The Observer puntualizza che circa il 90% dei crimini razziali nel Nord sono avvenuti nelle aree lealiste,un segnale significativo sull'eredità di cui il lealismo paramilitare, ufficiale o meno, è largamente responsabile.

Ha scritto The Observer che "questi assalti variano dalle bombe molotov contro le case dei lavoratori migranti agli sgomberi forzati delle donne di colore dalle case lealiste. In un caso i razzisti hanno sparso escrementi su una chiesa cattolica in Upper Newtownards Road a Belfast est, che era diventata il tempio per le infermiere filippine che lavorano nel vicino Ulster Hospital."

[...] Possiamo solo essere testimoni che gli spasmi morenti del bigottismo raddoppiano il cosiddetto Protestantesimo-Anglo-Sassone nel Nord e la sua infame intolleranza verso chi è diverso da sé.

Ma forse quello che è successo a Belfast settimana scorsa è ancora un altro segnale delle crescenti preoccupazioni e dello scontento sociale sulle politiche migratorie multi-razziali e multi-etniche della UE?

In tutta Europa, nelle recenti elezioni, ci sono stati significativi segnali che la razza e la migrazione stanno entrambe assumendo importanza politica, non ultima in Bretagna.

Là, migliaia di votanti laburisti della classe operaia hanno abbandonato il loro partito per eleggere due membri del Partito Nazionale Britannico (BNP). Altre migliaia si sono affollate nel Partito dell'Indipendenza del Regno Unito (UKIP).

Pochi commentatori l'hanno menzionato, ma il voto combinato di UKIP e BNP al 22,7% è stato superiore a quello che hanno preso tanto i Laburisti che i Liberali presi singolarmente, mentre è solo del 5%  inferiore a quello dei Conservatori che sono al 27,7%.

Il crescente voto britannico per gli Euroscettici ora eguaglia metà dell'elettorato, con le preoccupazioni sull'immigrazione al suo centro. (Nessuna meraviglia che ci siano preoccupazioni europee e a Downing Street sul ripassare all'Irlanda i protocolli del Trattato di Lisbona sul percorso che potrebbe aver bisogno di ritornare a Westminster).

Infatti, in tutta Europa (dove soltanto due elettori su cinque hanno votato) ci sono stati spostamenti significativi verso i partiti anti-immigrazione di destra in Danimarca, Olanda, Belgio, Austria ed Italia. Partiti stridentemente nazisti hanno registrati successi in Ungheria e negli stati Baltici.

L'austriaco Partito della Libertà ha oltre che raddoppiato i suoi voti, ottenendo il 13,1%, con una piattaforma anti-islam. Nei Paesi Bassi, il partito anti-islamico di Geert Wilders ha ottenuto il 17% dei voti, con quattro seggi e tre ne ha portati a casa l'ungherese Jobbik.

Jobbik si descrive come Euroscettico ed anti-immigrazione e vuole che la polizia ponga termine ai piccoli crimini commessi dagli zingari - ironicamente gli stessi Rom che sono sotto attacco a Belfast. I critici definiscono il partito come razzista e antisemita.

Mentre si approfondisce le recessione economica europea, creando sempre più disoccupazione e code crescenti per l'assistenza sociale, il dibattito sull'immigrazione può dirsi sospeso come importanza politica.

L'elefante nella cristalleria è che l'ampio voto anti-Lisbona dell'anno scorso da parte della classe operaia irlandese, può ben essere stato influenzato dall'immigrazione, ma tali sono le limitazioni che ci sono imposte dagli zar del politicamente corretto, che la cosa non può essere ammessa pubblicamente. In effetti, ogni domanda riguardo le più ampie implicazioni dell'immigrazione porta al riflesso pavloviano dell'accusa di razzismo.

La criminalità politica, ovviamente, cercherà sempre il punto di minor resistenza e gli sfortunati Rom di Belfast settimana scorsa sono serviti allo scopo. Ma possiamo appena ignorare il potenziale sfruttamento della destra su questo tema, non ascoltando le preoccupazioni della gente?

Per esempio, non tenere in conto del giudizio dell'Irlanda sul Trattato di Lisbona è tornare al gioco delle tre carte di Bruxelles, o, come ha scritto elegantemente sul Guardian un diplomatico UE: "Vogliamo il massimo impatto in Irlanda e il danno minimo per tutti gli altri". Vediamo qui il malessere democratico europeo in tutto il suo genio furtivo, tessere un muro di parole attorno al fatto non modificabile che lo stesso Trattato di Lisbona può essere soltanto rivotato.

Come nelle sue ambizioni multiculturali, il diritto di voto dei cittadini non è richiesto. Talvolta ci si domanda se la questione che pende sul programma europeo porti al XXI secolo, o indietro agli anni'30.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 26/06/2009 @ 09:34:48, in Italia, visitato 2446 volte)

Segnalazione di Flora Afroitaliani

Il giorno 30 giugno 2009 a Roma, alle ore 12.00, presso la sede della Rivista Carta (Sala Pintor), viale Scalo S. Lorenzo n. 67, l’Antica Sartoria Rom invita tutti alla presentazione della collezione 2009 dedicata principalmente alla linea bambina.

La Cooperativa, avendo lo scopo di perseguire l’interesse generale delle comunità romanì alla promozione umana e all’integrazione sociale, con particolare riferimento alla salvaguardia dei diritti delle donne appartenenti alle comunità suddette, ha finora avviato una serie di interventi volti all’inserimento lavorativo delle romnià nel settore della promozione e diffusione della loro cultura. L’attività sartoriale rientra in questa serie di interventi.

Oggi la cooperativa si avvale di un suo laboratorio di ricerca, progettazione e sviluppo dei modelli, realizzati dalle donne di etnia rom provenienti dai “campi nomadi” della Capitale. In laboratorio vengono messe a punto tecniche specifiche per mantenere intatta la tradizione romanì tardo-ottocentesca, ed allo stesso tempo risolvere ogni esigenza della donna d’oggi.

La qualità dei capi viene garantita dalla cura nei singoli particolari e dall’utilizzo di tessuti tutti rigorosamente in fibra naturale. Le novità lanciate ogni anno sul mercato, sono un motivo in più che spinge sempre più donne a diventare nostre clienti.

La cooperativa ringrazia tutti coloro che hanno collaborato a realizzare questa iniziativa: Ebitemp, Casa dei Diritti Sociali, Associazione Romà Onlus.

Visita il gruppo su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


28/02/2017 @ 06:29:07
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1003 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source