Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 31/08/2009 @ 09:40:53, in musica e parole, visitato 1580 volte)

Da Roma_Italia

con il patrocinio dell’Istituto Slovacco

CANTO E DANZA ZIGANA
Gypsy singing and dance

Workshop condotto da: KALI CERCHEN
Gio 8 - Ven 9 - Sab 10 - Dom 11 Ottobre 2009 dalle 17.00 alle 21.00
presso I.A.L.S. Via C. Fracassini 60 Roma, (zona Flaminio)

Marian Balog
regista, drammaturgo, cantante, attore, danzatore e direttore del Romathan Theatre di Kosice, (Slovakia). Membro del trio vocale Rom Kali Cerchen.

Milan Godla
cantante, compositore, attore, poeta e drammaturgo del Romathan Theatre di Kosice. Membro del trio vocale Kali Cerchen.

Jaroslav Godla
cantante e danzatore del Romathan Theatre di Kosice. Cantante e chitarrista del trio vocale Kali Cerchen.

Per informazioni e iscrizioni:
Tel. 06 3236396 – 06 3611926
www.ials.org - promozione@ials.info
http://www.myspace.com/gypsyliana - http://www.kalicerchen.com/

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Daniele (del 30/08/2009 @ 09:34:10, in Kumpanija, visitato 1436 volte)

 (i lettori di Facebook possono vedere QUI il video in risoluzione originale)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/08/2009 @ 09:36:20, in conflitti, visitato 1474 volte)

Da Hungarian_Roma (segnalazione precedente)

NRC Handelsblad Le uccisioni dei Rom mettono in mostra le tensioni sociali in Ungheria 26 agosto 2009 10:41

Parenti di Maria Balogh, colpita a morte il 3 agosto scorso, confortano sua madre durante i funerali a Kisleta. Photo AP
Quattro neonazisti ungheresi arrestati per la grande quantità di orribili omicidi di zingari. La minoranza rom organizza la propria difesa.
By Marloes de Koning in Gyöngyöspata

Gli uomini della comunità rom di Gyöngyöspata si alternano nel pattugliare il loro quartiere. Ogni sera alle 18 girano per il villaggio in due macchine, guidando molto lentamente attraverso le strade tortuose dove vivono i Rom.

"Le case senza recinti sono le più vulnerabili" dice Tamás Bangó, un uomo grosso e ciarliero che fa parte del gruppo vigilante a Gyöngyöspata, guidando per il villaggio. "Da alla gente un senso di sicurezza sapere che siamo qua intorno."

Nove attacchi

Tra i sedili anteriori ha un bastone metallico telescopico ed un coltello. "Non li ho mai dovuti usare, ma sono pronto," dice Bangó. Sottolinea come il suo gruppo stia nei limiti della legge. L'arma più potente del gruppo è il telefono mobile.

In apparenza, qui ci sembra ci sia poco da giustificare una simile vigilanza. Nella penombra, le case isolate ai limiti del sonnolento villaggio, ad un'ora di strada a nord est di Budapest, sembra più pacifico che mai.

Ma la comunità rom in Ungheria è terrorizzata dopo la recente serie di uccisioni. Da novembre sei Rom sono stati uccisi in nove attacchi.

L'ultimo incidente è successo il  agosto, quando una donna rom, Maria Balogh, è stata uccisa nel sonno e sua figlia di 13 anni seriamente ferita, nella città di Kisleta, nell'Ungheria Orientale.

A febbraio, un padre e suo figlio di 5 anni furono colpiti a morte mentre correvano fuori dalla loro casa a cui era stato dato fuoco, a Tatarszentgyörgy nell'Ungheria Centrale.

Venerdì scorso [21 agosto ndr] la polizia ha arrestato quattro sospettati di essere dietro alle uccisioni dei Rom. Giovedì la polizia aveva detto di aver trovato il DNA di due degli uomini in diversi posti luogo di omicidi. Ha detto che gli assassinii erano motivati razzialmente e accuratamente pianificati. Secondo i media ungheresi avevano svastiche tatuate ed erano conosciuti per il loro odio verso i Rom.

Gli attacchi hanno messo in mostra e alimentato le crescenti tensioni sociali dentro l'Ungheria.

Segregazione crescente

Nella cucina della casa di János Farkas, capo dell'Autogoverno rom nella regione, un gruppo di uomini stava discutendo animatamente. "L'Ungheria sembra pacifica," diceva Farkas, un piccol uomo con baffi ispidi ed una maglietta Puma senza maniche. "Ma nel frattempo dei bambini sono stati brutalmente uccisi. Dobbiamo organizzare la nostra difesa."

Nonostante la mancanza di statistiche credibili ci sono molti segni che la divisione tra Rom e non-Rom in Ungheria si stia ampliando.

"La segregazione sta aumentando," ha detto János Ladányi dell'Università Corvinus di Budapest, esperto di Rom. Sotto il comunismo tutti in Ungheria avevano un lavoro e le differenze sociali erano sensibili. Ma dagli anni '90 molti occupati con bassa professionalità sono stati espulsi dalle città verso i cosiddetti "villaggi ghetto", riducendo inoltre le loro possibilità di trovare lavoro.  In questa categoria gli anziani ed i Rom sono sovra-presenti.

Mentre la popolazione ungherese sta invecchiando ed assottigliandosi, la giovane popolazione rom è in crescita, dice Ladányi. In cima ai problemi strutturali viene la discriminazione e la rapida ricerca di un capro espiatorio. La crisi economica serve soltanto ad aumentare il problema.

Nelle elezioni parlamentari europei di giugno, il partito Jobbik di estrema destra ha sfiorato il15% del voto ungherese. La sua campagna elettorale si è incentrata su un duro approccio verso la "criminalità zingara".

La Magyar Garda, un gruppo paramilitare collegato  Jobbik, recentemente vietato, marcia regolarmente nei quartieri rom nelle sue uniformi bianche e nere. Secondo l'European Roma Rights Centre il gruppo sta agendo anche in alcune zone della Romania, dove la minoranza ungherese sta avendo problemi coi Rumeni (vedi QUI ndr).

"Sono inarrestabili," ha detto Tomás Polgár aka Tomcat. Polgár è l'anima di Bombagyar (fabbrica della bomba), il blog più popolare di Ungheria. Si guadagna da vivere stampando, tra l'altro, t-shirt. L'ultima commissione era della Magyar Garda. Mostra una t-shirt nera con un grande leone d'argento, mentre dei giovani dalle spalle ampie e coi capelli corti vagano per l'ufficio.

"Gli zingari devono solo rimproverare se stessi," dice Polgár. "Sono criminali e sono una minaccia per noi, la maggioranza. Fanno più bambini, ci stanno superando."

Polgár dice che non vede nell'uccidere la risposta. Gli Ungheresi che sono superiori devono prendere i Rom per mano come bambini ed "insegnargli come comportarsi". Ma nel breve termine vede più violenza, con incidenti da ambo le parti. "E' una guerra," dice.

Viktória Mohácsi, Rom ungherese e sino a giugno membro del parlamento europeo, concorda. "Mi sento come se fossi in guerra," ha detto con le lacrime agli occhi. Proprio quella mattina aveva ricevuto un'altra minaccia di morte. "Ricevo più di mille lettere di minacce ogni giorno."

I Rom si stanno auto-organizzando, dice Mohácsi, e stanno usando le veglie per le vittime morte per farlo. "I leader rom mi chiamano e dicono di volersi organizzare contro i neonazisti. Ma cosa ci si aspetta da me: una donna di 40 kg. senza armi o denaro?"

Anche se, ammette, non ci sono molte scelte. "Possiamo o armarci o scappare."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/08/2009 @ 09:29:02, in casa, visitato 1290 volte)

Elisabetta segnala tre articoli sulla situazione a Pavia. Mi rimane la curiosità di sentire il parere di Rom e Sinti

Il secolo dei "campi" è finito
Pavia è città dell'eterno ritorno, dell'eterno errore. Essendo un meccanismo archetipico non conosce colore politico. Siamo ancora qui a discutere di "campo nomadi", di ghetti progettati congiuntamente e
con il consenso dei ghettizzati a spese di tutti i cittadini. Nella città dei Saperi non si riesce a concepire altro che lo stereotipo, il ritorno ossessivo degli stessi concetti, degli stessi errori. La giunta (Pdl) lo vuole fare, ma non sa dove; le voci citano qualche quartiere e questi per voce di esponenti del Pd fanno sapere che "no pasaran". Lo spettacolo è deprimente, i pensieri tristi, lo spettacolo di infima qualità. Eppure basterebbe ragionare sulle parole e conferire ai Sinti e Rom lo status di cittadini, come si fa per qualsiasi altro cittadino. Ma parlare di "nomadi" è troppo attraente, fa sentire tutti competenti: tu sei nomade e io ho invece le radici. E' differenza che di per sé basta a marcare un abisso e la costrizione in un ruolo blindato di centinaia di concittadini. Nel febbraio scorso ho scritto una lettera al quotidiano locale; ho espresso ciò che penso: nomadi non ce ne sono. Mi sembra che nulla sia cambiato da allora; gli stessi equivoci, le stesse misere parole, la stessa politica che non sa essere altro che il portavoce della medietà senza coscienza, senza preparazione e senza linguaggio significativo e aderente alla storia e alla memoria. Una medietà antropologica più che politica: questa dimensione sembra perduta (per sempre?). In questa città non ci devono essere nemici (che devi farti amico) - o nodi d'incaglio - che non siano i "nomadi" (anche se nomadi non sono), i quali, servendo perfettamente l'incapacità della politica d'essere protagonista e illuminata, devono persistere ad essere artatamente tali. Di seguito è l'articolo che "La Provincia pavese" dedica oggi, 27 agosto 2009, al tema "campo nomadi") e a seguire il mio intervento del 28 febbraio 2009.
Irene Campari

Il Pd: «No i nomadi al Vallone»
PAVIA. Da un lato il vicesindaco Gian Mario Centinaio - Lega - ha ribadito che una soluzione per i 450 sinti bisogna trovarla, «perché comunque sono cittadini pavesi anche loro». Dall'altro lato Tullio Baruffi, presidente del circolo di Pavia nord est del Partito Democratico è pronto a dare voce ai residente del Vallone che non vogliono il campo vicino sotto casa.
Prima lettura: Sinistra e Destra, nell'eterna divisione pro-stranieri una, contro-stranieri l'altra, si stanno scambiando i ruoli.
Seconda lettura: nella più recente divisione tra il partito radicato sul territorio - la Lega - e quello assente - la generica Sinistra, inizia a farsi sentire chi non vuole essere etichettato come assente, perché la voce dei cittadini è pronto ad ascoltarla.
E poi c'è la terza lettura, che in fondo mette d'accordo tutti: prima di prendere qualsiasi decisione in merito al campo nomadi servirà il confronto con la città.
Tullio Baruffi ha raccolto il malumore del Vallone. «C'è chi sottolinea che il valore degli immobili crollerà - spiega Baruffi - chi ha paura. Il fatto è che non si può mandare tutto al Vallone. Hanno detto che li metteranno o al Carrefour o al Bivio Vela, ma comunque graviteranno dalle nostre parti. Hanno detto che si rivolgeranno ai quartieri - continua Baruffi - ma se non ci sono più con chi parleranno? Prima di prendere decisioni chiediamo che vengano a parlare con la gente. Se un 'assemblea non la faranno loro, la faremo noi». Quel «loro» si riferisce a maggioranza e opposizione.
«E' una questione delicata quella del campo nomadi - sottolinea Matteo Mognaschi, consigliere della Lega Nord - su cui dobbiamo ancora parlare al nostro interno. E' un problema che l'amministrazione di centro sinistra non ha affrontato per anni». E la posizione del circolo Pd del Vallone? «E' strano che il Pd sia così vicino alle esigenze del territorio - dice Mognaschi - è una posizione singolare. Ma sicuramente serve un confronto con i cittadini». Ed è quello che dice anche Antonio Maria Ricci, segretario cittadino del Pd. «Una sistemazione per il campo nomadi deve essere trovata - sottolinea - tanto è vero che è nel programma che abbiamo presentato per sostenere Albergati. Indipendentemente dal colore politico, bisogna parlare con i cittadini della zona dove lo si vuole insediare. Come i nomadi hanno la necessità di trovare una collocazione adeguata, i cittadini dei quartiere devono essere incontrati. Bisognerebbe aprire un tavolo con queste comunità, associazioni, amministratori e le forze politiche - aggiunge Ricci - per evitare di creare divisioni».
Marianna Bruschi , "La Provincia pavese", 27 agosto 2009


Nomadi o no? Decidiamo sui Sinti di Irene Campari
Il tema del campo nomadi sarebbe stato argomento da affrontare nel passato entro i termini di un contesto civile che si propone una reale integrazione di gruppi solo apparentemente "diversi" da quelli radicati. Le direttive europee prevedono l'accoglimento di comunità di passaggio in luoghi attrezzati con servizi adeguati per la tutela della salute e dei diritti fondamentali. Tuttavia, le amministrazioni civiche dovrebbero decidere come considerare le comunità Sinti: sono "nomadi" o non lo sono? Quali stili di vita definiscono i cittadini "nomadi"? E' sufficiente un'autocertificazione? Il rispetto delle consuetudini delle culture e gli atteggiamenti antidiscriminatori passano tramite la chiarezza su quel punto, che deve darsi senza infingimenti o opportunismi. Una comunità che risiede in città da più di quarant'anni non può plausibilmente dirsi "nomade". Basta voler vivere in roulotte per confermarsi tali? Non mi pare altrettanto plausibile. Negli ultimi anni ho osservato piuttosto un gioco delle parti tra istituzioni locali e comunità Sinti tendente a dar per scontato quel carattere accettando la soluzione del "campo" come scontata e senza alternative. E' probabile che ci fosse una reciprocità conveniente, che però non ha fatto altro che alimentare sentimenti negativi dei cittadini pavesi "stanziali" nei confronti dei cittadini pavesi "nomadi". Da sempre presentati così, hanno attirato su di sé il pregiudizio della diversità antelitteram, quella fondata sulla proprietà della terra. Per chi è stanziale questa struttura l'habitus; chi è nomade apparterrebbe invece ad una cultura altra e sfuggente, che appare nell'immaginario antropologico come quella che minaccia i "radicati" proprietari in virtù della propria libertà dai vincoli del bene fondiario. Sarebbe ora di affrontare fino in fondo questo nodo. L'Amministrazione comunale uscente aveva stanziato 90 mila euro per un progetto
di nuovo campo per i Sinti. Non ha mai specificato dove l'avrebbe collocato.
Tantomeno lo faranno in campagna elettorale; è tema che toglie consenso. Ma rimane lì come idea territorialmente vaga, per accontentare da una parte i Sinti e dall'altra non inibirsi il favore dell'elettorato. Circa 35 mila euro sarebbero andati ad associazioni per "mediare" e fare accettare la comunità Sinti "nomade" da quella radicata. E' un circolo vizioso da interrompere. Se risiedono a Pavia da tanti anni, i figli hanno studiato qui, lavorano qui, qual è la necessità che spinge a dichiararne il "nomadismo"? I diritti sono diritti, e si realizzano anche nello spazio. I campi hanno da sempre richiamato qualche tratto più o meno marcato di "extraterritorialità", o, nei peggiori contesti, i "ghetti". Ritengo che a Pavia non si debbano più sperimentare né i primi né i secondi, come all'ex Snia. Se bisogno ci sarà di accogliere comunità indigenti di cittadini europei, saranno necessarie aree attrezzate e regolamentate per una sosta breve in attesa di soluzioni a lungo termine, per evitare che le aree dismesse diventino specchio della nostra vergogna ed incapacità di gestire l'umanità, e ciò valga anche per i rapporti tra cittadini Sinti e cittadini Rom.
Per le comunità residenti finora nei campi cittadini vedo la proposta del Prefetto Buffoni - distribuire gli insediamenti in piccole e distribuite aree - come temporanea. I cittadini europei di origine Sinti dovrebbero accedere ad abitazioni reperibili sul libero mercato. Il "nomadismo" autentico temo che si esprima con altre modalità da quelle fin qui mostrate dai nostri concittadini europei di origine Sinti. Una posizione come quella espressa disinnescherebbe anche l'uso strumentale che dei campi per le comunità Sinti potrebbe essere agevolmente fatto nell'imminente campagna elettorale.
Irene Campari, Circolo Pasolini Pavia
"La Provincia pavese", 28 febbraio 2009

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/08/2009 @ 14:51:16, in musica e parole, visitato 1336 volte)

Segnalazione di Saimir Mile

27.08.09 - 15:17

Il concerto di Madonna a Bucarest è stato segnato da un incidente: il pubblico rumeno ha fischiato la star americana che si era pronunciata contro la discriminazione verso i Rom. Madonna non ha reagito [in calce link al video]

"Sono molto contenta di essere qui," ha dichiarato Madonna ai suoi fan rumeni mercoledì sera al Parco Izvor di Bucarest. Sino allora, tutto era andato bene. Invece quando ha interrotto il suo concerto di due ore per un piccolo spot sulla non-discriminazione, i fan hanno apprezzato di meno.

"Il fatto che esista ancora molta discriminazione verso gli Zigani in Europa orientale ha attirato la mia attenzione. Ciò mi rattrista," ha confidato la cantante, accompagnata da un gruppo di musicisti zigani (vedi QUI ndr).

"Siamo tutti uguali," ha proseguito, "non bisogna discriminare ne i Rom ne le minoranze sessuali." Tra il pubblico, 60.000 persone, molti hanno allora iniziato a fischiare e urlare, altri hanno applaudito. Madonna ha resistito stoicamente e ha intonato il suo pezzo "You must love me".

Ufficialmente ci sono mezzo milione di Rom in Romania,ma in realtà ce ne sono senza dubbio di più.

(JFH avec EVZ.RO (vidéo) et Gândul)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/08/2009 @ 09:48:17, in media, visitato 1573 volte)

Da Roma_Francais

Pathwite.com

Il film completamente nuovo di un regista ben conosciuto, Tony Gatlif, intitolato LIBERTÉ sarà presentato in prima mondiale, venerdì 28 agosto dalle 19.00 al Teatro Maisonneuve. Questa pellicola, che riguarda il destino di una famiglia zigana nella Francia occupata del 1943, mette in mostra Marc Lavoine, Marie-Josée Croze e James Thierrée nei ruoli principali.

Il destino di Taloche e degli Zigani

Inspirato da personaggi reali, LIBERTÉ racconta il destino tragico degli Zigani in Francia. E' anche una storia d'amore e d'amicizia tra due Giusti che fino alla fine tentarono di proteggere un bambino abbandonato ed una famiglia di Rom. "Ho voluto dare loro un'altra immagine di quella forgiata dal timore e l'odio, che ha condotto direttamente alle camere a gas i gitani, i manouches ed i bohémiens, popolo nomade e libero" dice il regista Tony Gatlif. LIBERTÉ ci porta sulla scia di una famiglia Zigana con il suo capo clan ed i suoi eroi, Taloche, (James Thiérrée), un bohémien fantastico ed ancora bambino nella sua testa. Nel loro periplo, saranno aiutati da due Giusti, personaggi realmente esistiti come Théodore, sindaco di un villaggio (Marc Lavoine), e Mlle Lundi, insegnante e impiegata del sindaco (Marie-Josée Croze).

Una storia da raccontare

Č a seguito di molte domande dei Rom che ha incontrato, della sua partecipazione ad un congresso internazionale dei Rom a Strasburgo ed alla lettura di un lavoro di Jacques Sigot, che Tony Gatlif ha concretizzato il suo grande desiderio di girare un film su questo popolo e dire la storia della loro deportazione. Questa pellicola riveste un carattere particolare per il regista che si interessa al questo soggetto da anni e che voleva testimoniare questo lato di storia dimenticata nei testi di storia o sui manuali scolastici.

Su Tony Gatlif

La filmografia di Tony Gatlif comprende molte pellicole che hanno ricevuto numerosi premi o che si sono distinte in occasione dei festival: Transylvania (Cannes 2006, selezione ufficiale), Exils (Cannes 2004, prezzo della messa in scena), Swing (Berlino 2002, selezione ufficiale), Vengo e Gadjo Dilo (Leopardo d'argento a Locarno nel 1997), e Latcho Drom per nominarne soltanto alcuni.

Scénario original, mise en scène et réalisation : Tony Gatlif
Avec : Marc Lavoine, Marie-Josée Croze, James Thierrée et Mathias Laliberté
Image: Julien Hirsch
Son: Philippe Welsh
Montage: Monique Dartonne

Production : Princes Productions, France 3 Cinéma, Rhônes Alpes Cinéma
Productrice exécutive : Delphine Mantoulet
Distribution : TFM
Ventes internationales : TF1 International

Festival des films du monde de Montréal
Marc Lavoine, Marie-Josée Croze et James Thierrée
dans LIBERTÉ, un film de Tony Gatlif

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/08/2009 @ 09:39:18, in media, visitato 1589 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte

Casilino900documentario Il percorso di reportage, video e fotografico, intrapreso da quattro giovani ragazzi italiani: Davide Falcioni, Ermelinda Coccia, Andrea Cottini e Anna Peretti.

MOTIVAZIONI

Quattro ragazzi che dividono un appartamento a Roma, nel quartiere Centocelle hanno deciso di imbattersi nella realtà del vicino campo Rom Casilino 900.
La loro unica motivazione è stata quella di conoscere una comunità apparentemente marginale che invece si colloca da decenni nel cuore di una delle zone periferiche più popolari della capitale.

Essendo entrati a contatto con il rappresentante del campo, Najo Adzovic dell’Associazione Nuova Vita, si è subito creata una sintonia che ha permesso loro di conoscere alcune famiglie Rom delle varie etnie presenti nell’area.

Proprio dalla conoscenza e dalla frequentazione con queste persone è nata l’idea di girare un documentario (unitamente ad un reportage fotografico), sfruttando le proprie competenze nel campo dell’audiovisivo.
Data l’immediata vicinanza dell’appartamento dei quattro ragazzi con una realtà così “lontana” il titolo (provvisorio) del documentario è “Sottocasa”.

CONTENUTI e TEMATICHE

Durante i mesi di frequentazione del Casilino 900 sono state effettuate riprese per un totale di circa 10 ore di girato. E’ stata data particolare importanza alle interviste sia alle persone che vivono nel campo Rom sia agli abitanti del quartiere per capire diversi punti di vista su una problematica sociale che ricade sul VII e VIII Municipio.

Non sono poi mancate scene di vita quotidiana del campo, popolato principalmente da bambini e adolescenti, e sequenze inerenti le tradizioni della cultura Rom come l’artigianato del rame ed i balli folkloristici.

Attraverso l’obiettivo della telecamera sono emerse varie tematiche legate alle aspettative, ai sogni e ai desideri, alle paure della gente che popola il Casilino 900: la realizzazione professionale, il possesso del permesso di soggiorno, la povertà, l’arte di arrangiarsi.

Non mancano ovviamente alcuni aspetti critici che evidenziano le contraddizioni di questo popolo, soprattutto testimoniati pubblicamente dagli abitanti del quartiere Centocelle al prefetto Pecoraro durante un incontro presso il cinema Broadway: il problema dei fumi tossici, la microcriminalità, il degrado.

Attualmente il documentario è in fase di post-produzione.

RICHIESTE E FINALITA’

E’ intenzione di tutti coloro che hanno partecipato attivamente al documentario mostrarlo (così come il reportage fotografico) presso associazioni culturali, emittenti televisive e scuole, con l’obiettivo di promuovere la cultura dell’integrazione e il dibattito, specie tra i più giovani.

Per raggiungere questa finalità si richiede un supporto sottoforma di finanziamento economico o altro in modo da garantire all’opera (completamente autoprodotta) un’adeguata distribuzione e divulgazione.

Hanno collaborato alla realizzazione del documentario:

Per il soggetto e la regia:
E. Coccia, A. Cottini, D. Falcioni, A. Peretti

Per le riprese:
E. Coccia

Per l’assistenza alle riprese e Backstage:
D. Danila

Per le interviste e il montaggio:
A. Cottini

Per le traduzioni:
N. Adzovic

Per il reportage fotografico:
D. Falcioni

Per le musiche:
G. Campioni, RossoPiceno folkrock band

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 27/08/2009 @ 12:39:18, in blog, visitato 1244 volte)

Roma, "Noi Rom respinti al parco acquatico"
Sono arrivati a Roma, da Pescara, per trascorrere una giornata al parco acquatico di via Casal Lumbroso. Ma quando hanno cercato di acquistare il biglietto di ingresso, sono stati allontanati "perché rom"...

La voce della Chiesa cattolica
"La chiesa non può tacere, deve far sentire a sua voce..." sono espressioni arcinote della comunicazione ecclesiastica. A chi è attento a questa voce, non sfugge, però, il suo andamento discontinuo, ora assordante ora fievole. Anche la voce ecclesiastica subisce le variazioni d...

Bankitalia: immigrati in aumento ma non tolgono lavoro agli italiani
La crescita della presenza straniera in Italia ''non si è riflessa in minori opportunità occupazionali per gli italiani''. E' quanto rileva uno studio di Bankitalia dedicato alle economie regionali che evidenzia in particolare l'esistenza di ''complementarietà tra gli stranieri e gli italiani più istruiti e le ...

Bolzano, è finanziato il progetto Sintengre Avarpen (il lavoro dei Sinti)
Duecentoventiduemila euro per supportare delle famiglie sinte a diventare imprenditori. Più specificatamente, dovrebbero aprire un chiosco nel parco del quartiere Firmian. Il progetto, finanziato dal Fondo sociale europeo, è di quelli destinati a far discutere. Tanto che c'è già chi fa il confronto con i fondi ...

U Velto: 500.000 volte grazie
In questi giorni U Velto, ha raggiunto la meta delle 500.000 pagine visitate, siamo orgogliosi di questo successo e per questo vogliamo ringraziarvi. L’associazione Sucar Drom ha creato questo spazio web quattro anni fa (per l’esattezza: quattro anni, tre mesi, una sett...

Schio (VI), I cappuccini: «Non dobbiamo chiedere permessi per aiutare chi soffre»
La residenza al convento dei Cappuccini di due donne della comunità sinta vicentina desta perplessità tra la comunità. L'altra sera, nel sagrato del convento dei Cappuccini, i frati hanno deciso di indire un'assemblea pubblica a fronte delle lamentele di alcuni residenti del qu...

I Sinti, culture e lingue dal Sindh all'Europa
Fare una ricerca su internet per saperne di più sui Sinti è un impresa non facile e qualche volta si scopre anche poco veritiera; questo perchè è chiaro a tutti che su internet si può aggiungere tutto quello che si pen...

La Serbia conta
Una pubblicazione Nomos/Samizdat per sostenere che un rapido percorso di integrazione europea è la soluzione migliore non solo per Belgrado, ma anche per i Balcani e l'Europa. Con contributi di Florian Bieber, Vladimir Gligorov, Tim Judah, Ivan Krastev, Wolfgang Petrit...

Il mare restituisce i corpi delle vittime, quando saranno individuate le responsabilità?
L’ASGI esprime il proprio sconcerto per le posizioni assunte dal Governo italiano, a seguito della tragedia che ha visto la morte di circa 80 persone nel canale di Sicilia. Invece di esprimere cordoglio per le vittime e sollecitare una inchiesta, anche in sede UE, sull’efficienza e la tempestività dei ...

Castel di Lama (AP), nessun perdono per chi ha ucciso mio fratello
La famiglia di Antonio Di Meo (in foto), di Castel di Lama presso Ascoli Piceno, non può umanamente concedere alcun tipo di perdono o comprensione per i giovani che hanno ucciso brutalmente il giovane studente-cameriere presso...

Venezia, pronte per essere consegnate le case ai sinti
Entro dieci giorni sarà firmato il verbale di ultimazione dei lavori di costruzione del villaggio sinti. Tutto è pronto in via Vallenari e gli operai della ditta che si occupa di realizzare le nuove abitazioni dei sinti si sono riposati solo qualche giorno per Ferragosto. I pannelli solari...

I veri eroi della Padania
Mirko ha 11 anni. Nel dicembre del 2006 subì un'aggressione razziale da parte di una ronda padana a Opera (Milano). Sua madre fu spinta a terra e umiliata. Il suo fratellino, più piccolo di due anni, da quel giorno ha problemi con il linguaggio. Lui non ha mai dimenticato. "Quando sarò grande," dice con il viso ros...

Ritorno a Berlino, i grandi ideali dell'atletica e l'omaggio al mito di Jesse Owen
Sono terminate le Olimpiadi di Berlino nell’insegna di Usain Bolt, l’atleta giamaicano che ha vinto i 100 ed i 200 metri, stracciando i record del mondo, nonché la staffetta 4x100. Il pensiero di molti andrà sicuramente alle Olimpiadi di Berlino del 1936 anche perc...

La vergogna!
“La vita umana non è mai stata trattata alla stregua di merce deperibile e vile quanto in questa nostra epoca di opprimente empietà”(Gabriel Marcel) Con le navi dei poveri del m...

Immigrati, il Vaticano contro Calderoli: ''Inaccettabili e offensive le sue parole''
"E' inaccettabile e offensivo, quasi che io sia responsabile della morte di tanti poveri esseri umani, inghiottiti dalle acque del Mediterraneo". E’ dura la replica di monsignor Antonio Maria Vegliò, presidente del Pontificio Consiglio per i Migranti, al ministro per la Semplificazione Norma...

Milano, continua il furore razzista contro le famiglie rom
Secondo un nuovo monitoraggio (ma quanto spendono per fare tutti questi censimenti?) effettuato in questi giorni dalla Polizia municipale, i Rom stimati in campi non autorizzati, baraccopoli, edifici o aree dismesse oggi sono circa 1400. Solo il 31 marzo, quindi cinque mesi fa, erano sta...

Un anno, 4 mesi e 21 giorni: viaggio dalla morte all'Italia
Italia? Č una stanza bianca e blu, la numero 1703, pneumologia 1, primo piano dell'ospedale "Cervello". Un tavolino con quattro sedie, due donne coi capelli bianchi negli altri due letti, dalla finestra aperta le case chiare del quartiere Cruillas, le montagne di Altofonte Monreale, il caldo d'ag...

I veri clandestini? Sono i leghisti
I veri clandestini in Italia sono i leghisti, e il più clandestino è il loro capo l’Umberto detto Bossoli, perché sono fuori dalla storia e dalla cultura delle nostra nazione: l’Italia. Vogliamo per una volta dir...

Fini: "No alle politiche razziste"
Č un Gianfranco Fini a tutto campo quello che sceglie la festa del Pd di Genova per il rientro sulla scena politica dopo la pausa estiva, un Fini che decide di «spogliarsi dei panni del presidente della Camera» e...

Pagnacco (Ud), la Chiesa cattolica e le minoranze sinte e rom
“Le minoranze: dinamiche per la società e per la Chiesa”. Questo il tema del convegno nazionale della Pastorale dei Rom e Sinti della Fondazione Migrantes che si svolgerà a Pagnacco (Ud) da oggi pomeriggio (fino al 30 agosto). “Spesso le minoranze - spiegano i promotori - non hanno ...

Torino, svastiche contro i Rom
Nel clima razzista contro le minoranze sinte e rom che attraversa l’Italia da diversi mesi, si deve registrare l’ennesimo episodio, questa volta a Torino. Ieri nella notte alcune persone hanno attaccato uno striscione all’entrata del “campo nomadi” in strada dell'Aeroporto a Torino...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/08/2009 @ 09:44:22, in Regole, visitato 1583 volte)

Ricevo da Federazione Romanì

Comunicato 26 Agosto 2009

Due ristoranti di Silvi Marina rifiutano di far pranzare nel loro esercizio pubblico un gruppo di 14 alunni di Roma e 5 accompagnatori, perché sono di etnia Rom (vedi QUI ndr).

La denuncia pubblica della Federazione romanì per la grave discriminazione razziale subita a Silvi Marina dagli alunni rom di Roma in visita guidata in Abruzzo con il progetto scolarizzazione, attivato da XI° Dipartimento del comune di Roma e gestito da Casa dei Diritti sociali in collaborazione con l’associazione Romà onlus, aveva la finalità il sollecitare una reazione dell’opinione pubblica e della politica contro ogni forma di discriminazione razziale e razzismo, infatti tanti cittadini residenti e ospiti presenti in città hanno incontrato i ragazzi rom per manifestare la loro solidarietà, gesto che i ragazzi rom e tutto il gruppo Romano hanno molto apprezzato.

La denuncia pubblica di questo fatto era doveroso per la sua gravità in una città sempre accogliente e tollerante, per storia e cultura, come Silvi Marina, in cui vivono 32 diverse etnie, più di 1300 persone di cultura diversa (circa 10% della popolazione totale residente), compresi una decina di famiglie rom Italiani, comunitari ed immigrati.

Spiazza il silenzio dell’amministrazione comunale e di tutte le forze politiche di Silvi a fronte di un atto di discriminazione razziale tanto grave. Un silenzio preoccupante che dimostra l’assenza di una volontà politica a percepire i cambiamenti in atto e programmare la sicurezza sociale, culturale ed economica di tutti i cittadini.

Quella sicurezza tanto "propagandata" dalla politica nazionale e locale per contrastare la "paura" dei cittadini, la "paura" che è diventata lo strumento della politica per ricercare il potere e molto pericolosamente per la cancellazione di reazioni umanitarie.

Se la politica oggi non è LIBERA di esprimere pubblicamente la propria indignazione a fronte di gravi atti di discriminazione razziale e di razzismo (negare di un pasto caldo ad innocenti bambini, perché di etnia rom, è crudele) allora significa che la "fabbrica della paura" può produrre nelle persone solo la morte sociale e culturale.

Ma … non è mai troppo tardi per sperare in un intervento pubblico degli amministratori e delle forze politiche di Silvi Marina per condannare la grave discriminazione razziale subita dai bambini rom ed esprimere loro la solidarietà

Il presidente
Nazzareno Guarnieri

FEDERAZIONE ROMANI'
Sede legale e segreteria: Via Altavilla Irpinia n. 34 - 00177 Roma
Codice fiscale 97322590585 – Email: federazioneromani@yahoo.it
Tel. 0664829795 – fax 0664829795 Web: http://federazioneromani.wordpress.com
Presidenza 3277393570 - Coordinamento 3331486005 - Segreteria 3483915709

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/08/2009 @ 09:21:48, in casa, visitato 1023 volte)

Da British_Roma

Diana e Arthur Hughes, nonni e Rom,  per quattro volte non sono riusciti ad ottenere i permessi per la loro casa, ogni volta che hanno fatto appello è stato rigettato. Il motivo risiede nella mancanza di valutazione del rischio di inondazione da cui il rifiuto da parte del consiglio, anche se non risulta che l'area sia mai stata inondata. Alcuni dei loro nipoti frequentano la scuola primaria a Tintinhull e a Stanchester, il più giovane ha 3 settimane, e il più grande 21 anni ma è mentalmente handicappato, avendo l'età mentale di 4 anni e necessitando di assistenza costante. Alla famiglia è stato comunicato che gli Hughes potrebbero andare in prigione se non obbedissero all'ingiunzione dell'Alta corte. I bambini hanno bisogno di istruzione se vogliono avere una possibilità di avere lavoro quando saranno più grandi. Diana e Arthur Hughes si rendono conto dell'importanza di stabilità e della scolarizzazione per i loro 10 nipoti.

Best regards

Joseph G. Jones
Gypsy Council
joseph@jones.tf

You may want to Sign the petition

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


28/02/2017 @ 06:26:41
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 948 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source