Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 30/09/2010 @ 09:49:06, in musica e parole, visitato 1490 volte)

Da Roma_Daily_News

 (link per chi legge da Facebook) Euronews.net

24/09/ 2010 - Connect-R è l'ultimo fenomeno ad uscire sulla scena Hip-Hop rumena. Il suo ultimo singolo "Still" è un grande successo, al numero uno nelle classifiche rumene. Cantautore, ballerino, attore e produttore, Connect-R è eclettico, mescolando rap, hip-hop, soul, R'n'B e reggae.

Ha detto ad Euronews: "Il mio nome è il mio obiettivo; collegare persone, musica, stati mentali; questo è stato il mio punto di partenza. Non ho mai studiato musica, ma suono il piano e canto senza preparazione formale, senza sforzo. Senza dubbio è qualcosa con cui sono nato, ed è un gran vantaggio, penso. Ma sono cresciuto con attorno a me un tipo di musica completamente differente: Chuck Berry, Aretha Franklin, Elvis Presley, molto rock and roll, blues e jazz. Penso che ciò che sto facendo adesso è il risultato di una fusine, tra il talento naturale di base della mia nazione e l'educazione musicale datami da mio padre."

La sua fusion è molto commerciale, e non se ne vergogna. E' parte del suo progetto.

Ma non lo ferma dal lanciare un messaggio, come quando "Burning Love" recentemente è stata nominata Canzone Rumena dell'Anno.

La notte delle premiazioni Connect-R l'ha detto forte: è uno zingaro, e ne è fiero!

"E' necessario coraggio, perché in Romania ci sono un sacco di pregiudizi contro di noi. Mi sono detto, -questo è il momento ideale per dire che uno zingaro che non si conforma agli stereotipi esiste, accidenti-. Ho voluto mostrare al mondo che non ha senso usare la parola -zingaro- come un insulto, e mostrare alla gente come me che possiamo agire differentemente."

"Mi ha colpito così spesso questo muro di pregiudizio," dice. "Guardo su YouTube e vedo migliaia di commenti, forse milioni, come, - Sì, è una bella canzone, canta bene, le parole sono buone, il messaggio vale, balla bene... peccato sia uno zingaro-. Bene, IO SONO uno zingaro."

Meccanico prima di sfondare con la musica, Connect-R non fa la vittima quando si tratta di parlare degli altri membri della sua comunità. Quando gli venne chiesto sulla controversia attorno all'espulsione dalla Francia dei Rom, ha espresso il suo disgusto non sull'atteggiamento francese, ma su quello dei deportati.

"Mi sono tenuto molto vicino alle mie radici, faccio ancora poco, ma solo un poco, oggi quando confronto il passato a ciò che sta accadendo adesso. Prima i Rom avevano tante attività differenti in tutte le arti, nella poesia, ma gli zingari di oggi sono cambiati. E' doloroso, molto doloroso da vedere. Stanno nei sobborghi delle grandi città europee e ci fanno vergognare di loro. Pochi anni fa Sarkozy appoggiò l'entrata della Romania nella UE, così non penso che quanto stia facendo ora sia premeditato. A rischio di deludere i miei compagni, appoggio quel che sta facendo, è un'eccellente iniziativa."

L'unica risposta ai problemi di oggi, insiste Connect-R, è l'istruzione. O la musica:

"C'è una leggenda che dice che Dio consegnò a tutti la propria carriera: artigiani, pittori e decoratori, dottori ed ingegneri - condivise tutto. L'ultimo in coda era lo zingaro, con le piume tra i capelli, fresco di pollaio, perché al solito era stato pigro, e chiese a Dio -cosa mi darai?-. Dio rispose -Non ho lasciato niente, sei arrivato troppo tardi!- Così lo zingaro iniziò ad andarsene, ma visto che Dio è buono, lo richiamò dicendogli: -aspetta un secondo, ho qualcosa per te-, e gli diede un violino. Dovrebbe essere come una legge. La musica è una delle nostre più grandi qualità, e dobbiamo lavorarci."

Comment this on http://euyouthspeak.org/roma/?p=14714

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/09/2010 @ 09:40:19, in Italia, visitato 1259 volte)

BRESCIAOGGI.it LA QUESTIONE NOMADI. In seguito all'approvazione in Consiglio comunale del nuovo regolamento
Galletti: "Pagheranno le utenze sono bresciani e vogliono restare" Maione: "Ma non in un campo: a Brescia non ne esisteranno più"
26/09/2010
Un'immagine di via Orzinuovi 108, dove vivono nei caravan FOTOLIVE

Pronti a firmare il patto di cittadinanza. Lo precisano i sinti del campo di via Orzinuovi 108. Restare lì tutto inverno nelle condizioni attuali del campo, però, per loro è una prospettiva nera. Per questo si dicono decisi a rispettare gli accordi che sottoscriveranno con l'amministrazione: il campo verrà bonificato e loro pagheranno regolarmente i consumi di energia e acqua e gli altri servizi comunali, stimati in duemila euro annui. Accettano il regolamento votato ieri dal consiglio comunale, ma non capiscono, e con loro anche il segretario Damiano Galletti della Cgil, perché nel giro di un anno e anche se rispetteranno i patti, debbano lasciare la città. "Si sentono bresciani - sottolinea Galletti - e ci tengono a restare. Per questo rispetteranno gli accordi. Ma cacciarli mi pare una speculazione sulla pelle di cittadini bresciani, perché tali sono. Non sono qui impropriamente".

Galletti non cerca contrapposizioni: "Lasciamo ad altri la polemica politica". Ma ci tiene a precisare alcune cose. Ad esempio "che il trasferimento di alcune famiglie a Guidizzolo è saltato non perché le prime rate al Comune, acquirente del terreno, non sono state pagate. Vero che non sono state pagate ma perché Brixia Sviluppo non aveva chiesto la Dia, la dichiarazione di insediamento abitativo al comune di Guidizzolo e perché la gente del luogo non li voleva e aveva eretto muri pur di non farli arrivare". La verità sinti è che "noi avevamo già versato 2700 euro di caparra, ma prima delle rate volevamo la sicurezza della residenza che invece non c'era". Comunque afferma il capofamiglia Quirini "se domani ci dicessero che si può andare a Guidizzolo noi saremmo ben contenti di partire".

Sono meno contenti invece quelli che dovrebbero trasferirsi nel campo di emergenza di via Borgosatollo. I rapporti con i nomadi di etnia rom non sono idilliaci. Anche se - sottolinea Galletti - di questa eventualità di trasferimento di alcune famiglie non eravamo stati informati. Lo apprendiamo ora". Ma è evidente che il sindacalista nutra dubbi sulla legittimità di un allontanamento nel giro di un anno, una prospettiva che tra l'altro non sembra il migliore degli incentivi per far pagare ora le utenze a chi in passato non si era distinto proprio per puntualità.

GALLETTI comunque mette in guardia dal trasformare la vicenda di 108 sinti in un caso di emergenza sociale, perché non lo è. "A Brescia in totale i nomadi sono solo trecento, nulla insomma che desti allarme". E pensa che non si debbano trascurare i molti segnali di integrazione: "C'è una percentuale del cento per cento di frequenza dei bambini sinti nelle scuola bresciane". E Barbara Sobardi Danesi di Arci Ragazzi esibisce una pagella media di un alunno sinti piena di bei voti. E ricorda i programmi di inserimento sociale, di doposcuola e di imprenditoria femminile che stanno funzionando.

L'assessore ai Servizi Sociali, Giorgio Maione, ricorda per contro che "è vero che i sinti non poterono trasferirsi nelle 13 casette realizzate per loro dalla vecchia amministrazione" perché quella nuova si affrettò a cambiare destinazione d'uso, destinandole a campo d'emergenza per famiglie disagiate. Ma aggiunge che "nessuno di loro aveva pagato i debiti delle utenze, condizione senza la quale non avrebbero potuto trasferirsi". E ribadisce "che i sinti trovino il modo di vivere qui, ma non in campi nomadi perché Brescia li chiude tutti".

Eugenio Barboglio

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Vi invitiamo a partecipare alla II° edizione della rassegna di film "HO INCONTRATO ZINGARI FELICI" (Maladilem Bachtale Romenca - da Upre Roma inno nazionale degli zingari), organizzata dall'Associazione La Conta in collaborazione con il Circolo ARCI Martiri di Turro, con l'Associazione Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti, con l'Associazione ApertaMente e con la Redazione di Mahalla – Rom e Sinti da tutto il mondo (...), che ci sarà, con ingresso gratuito, con tessera Arci, a partire da lunedì 4 ottobre 2010, alle ore 21.00 al Circolo ARCI Martiri di Turro - Via Rovetta 14 a Milano.

PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

· Lunedì 4 ottobre 2010 alle 21,00 - "Miracolo alla Scala" di Claudio Bernieri – Italia - 2009 - Presenta la serata il regista Claudio Bernieri con la partecipazione di Ernesto Rossi - Associazione "Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti" e Associazione "ApertaMente di Buccinasco" e Fabrizio Casavola studioso e scrittore di Mahalla - Rom e Sinti da tutto il mondo – Milano

· Lunedì 25 ottobre 2010 alle 21,00 - "Pretty Diana" di Boris Mitic – Serbia - 2003 – Presentano la serata Ernesto Rossi - Associazione "Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti" e Associazione "ApertaMente di Buccinasco" e Fabrizio Casavola studioso e scrittore di Mahalla - Rom e Sinti da tutto il mondo – Milano;

· Lunedì 22 novembre 2010 alle 21,00 – "Swing" di Tony Gatlif - Francia/Giappone - 2002 – Presentano la serata Ernesto Rossi - Associazione "Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti" e Associazione "ApertaMente di Buccinasco" e Fabrizio Casavola, studioso e scrittore di Mahalla - Rom e Sinti da tutto il mondo – Milano

· Lunedì 20 dicembre 2010 alle 21,00 - "Train de Vie" di Radu Mihaileanu – Francia/Belgio/Romania/Israele/Paesi Bassi - 1998 - Presentano la serata Ernesto Rossi - Associazione "Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti" e Associazione "ApertaMente di Buccinasco" e Fabrizio Casavola, studioso e scrittore di Mahalla - Rom e Sinti da tutto il mondo – Milano

Quattro film ironici e divertenti da non perdere. Quattro storie di rom, sinti, gitani e nomadi, per conoscere meglio le loro culture, le loro passioni e le loro condizioni di vita in Europa.

Vi saremo grati se vorrete dare diffusione elettronica all'iniziativa di cui sopra e/o diffondere la stessa tra le persone che possono esservi interessate.
Vi ringraziamo in anticipo.

MIRACOLO ALLA SCALA di Claudio Bernieri – Italia - 2009
Il film racconta la strada verso l' integrazione nella società milanese di una bambina rom che sogna di diventare una ballerina della Scala. E' la storia della vita dei musicisti rom che suonano sui mezzi di trasporto milanesi, ma che sognano un palcoscenico vero. La musica è la vera "mediatrice culturale" tra una tradizione e una cultura che appare sempre più come archeologia culturale "pasoliniana", prima dell'omologazione, e la società moderna, che non sa dialogare con questa cultura "altra". E' come se il mondo cinematografico di "Accattone" apparisse alla periferia delle fiction e degli spot pubblicitari.
Il film è interpretato dal musicista rom "Director" Marian Badeanu e dai suoi 2 figli, Loredana e Ciprian, con la partecipazione di decina di suonatori provenienti dal campo nomadi di via Barzaghi-Triboniano. A mezza strada tra il documentario-film e un remake di "Miracolo a Milano" di De Sica e Zavattini, è uno spaccato neorealista della dura vita dei rom milanesi, sempre in bilico tra integrazione e marginalità sociale.
Tutto incomincia quando il preside della scuola frequentata dai bambini zingari milanesi si accorge che una di loro, Loredana, ha ambizioni artistiche e sogna la Scala: Loredana racconta nel suo diario le vicende del campo.
Durate tre anni, le riprese hanno coinvolto trecento attori non professionisti che vivono - o vivevano - nel campo nomadi di via Barzaghi-Trimboniano a Milano.

PRETTY DIANA di Boris Mitic – Serbia - 2003
Nel bel mezzo di un quartiere dormitorio c'è un'enorme, dimenticata chiesa ortodossa in costruzione. La chiesa si affaccia, dall'autostrada, su di un campo di zingari fuggiti dalla guerra in Kosovo. Degli strani veicoli entrano ed escono dall'accampamento… Niente a che vedere con la mano di Dio, si tratta di pura magia gitana che mostra un eclatante esempio di attivismo sostenibile. Considerate solitamente come un prestigioso oggetto da collezionisti, le classiche automobili Citroën vengono qui trasformate in futuristiche macchine ecologiche alla Mad Max. Tutto tranne il motore viene rimosso dallo chassis, un improvvisato cassone sul retro, e il resto dipinto con colori splendenti e decorato con buffi gadgets … Così bello, che anche i bambini piccoli vogliono guidare. Uno sguardo intimo osserva quattro famiglie rom da una "favela" di Belgrado che si guadagnano da vivere vendendo cartoni e bottiglie che raccolgono con le loro "risorte" Dyane. Questi moderni cavalli sono più efficaci dei carrelli, ma cosa più importante – sono sinonimo di libertà, speranza e stile per i loro proprietari artigiani … Perfino le batterie della macchina sono usate come generatori di energia per avere luce, guardare la TV e ricaricare i cellulari! Praticamente il sogno di un alchimista …Ma la polizia non sempre trova divertenti questi strani veicoli…"
"Pretty Dyana" ha partecipato a numerosissimi festival tra i quali si ricordano: Amsterdam (IDFA), Goteborg Film Festival, Belgrade Doc&Short Film Fest, Documenta Madrid, RomaDocFest (audience award), Sarajevo Film Festival (human rights award), Dokufest Prizren (best documentary), Cinemambiente Torino, Berlin Europe in Motion, Zagreb Human Rights Film Festival, World Social Forum Porto Alegre, Bilan du cinéma ethnographique Paris, Mar del Plata Film Festival, Encuentros del Otro Cine Ecuador, Fajr Film Festival Teheran, Wiesbaden Go East Film Festival, Riddu Riddu Film Festival Tromso Norway.

SWING di Tony Gatlif – Francia/Giappone - 2002
Un viaggio nel mondo degli zingari e della loro musica. Max, un ragazzino di dieci anni, scopre di avere una passione per il jazz manouche, una musica nata dalla fusione del jazz anni Trenta e la tradizione gitana. In vacanza con la nonna, Max si reca nei quartieri degli zingari per comprare una chitarra. Conoscerà Miraldo che gli insegnerà a suonare e a comprendere la cultura manouche e si innamorerà di Swing, una ragazzina della sua età.
Se forse ama troppo il mondo che racconta, Gatlif lo conosce però assai bene, e non scivola mai nel folklore. Nel ruolo di Miraldo c'è Tchavolo Schmitt, leggendario chitarrista gitano che interpreta quasi se stesso; il film, a tratti, diviene anche un rispettoso documentario su di lui.

TRAIN DE VIE di Radu Mihaileanu – Francia/Belgio/Romania/Israele/Paesi Bassi – 1998
Una sera del 1941 Schlomo, chiamato da tutti il matto, irrompe allarmato in un piccolo villaggio ebreo della Romania: i nazisti, fa sapere, stanno deportando tutti gli abitanti ebrei dei paesi vicini e fra poco toccherà anche a loro. Durante il consiglio dei saggi, che subito si riunisce, Schlomo tira fuori una proposta un po' bizzarra che però alla fine viene accolta: per sfuggire ai tedeschi, tutti gli abitanti organizzeranno un falso treno di deportazione, ricoprendo tutti i ruoli necessari, gli ebrei fatti prigionieri, i macchinisti, e anche i nazisti in divisa, sia ufficiali che soldati. Così riusciranno a passare il confine, ad entrare in Ucraina, poi in Russia per arrivare infine in Palestina, a casa. Il folle progetto viene messo in atto, il treno parte tra speranza e paura. Gli inconvenienti non mancano, e non sono solo quelli che arrivano da fuori (i controlli alle stazioni) ma, inaspettatamente, anche dall'interno del gruppo: Mordechai, falso ufficiale nazista, comincia a dare ordini sul serio, e, all'opposto, il giovane Yossi abbraccia l'ideologia comunista, proclama che la religione è morta e instaura nei vagoni le cellule marxiste-leniniste. A un certo punto vengono fermati da un altro treno, che però risulta pieno di zingari che avevano escogitato lo stesso stratagemma. Procedono allora tutti insieme, fino all'arrivo sulla linea di confine con le bombe che sparano dalle parti opposte. Ormai possono considerarsi salvi. Come già all'inizio, appare in primo piano il viso del matto, che informa sui successivi destini di alcuni dei protagonisti, tutti viventi tra Russia, Palestina, America. Ma poi l'immagine si allarga e il viso di Schlomo, il matto, guarda da dietro un reticolo di filo spinato. Sullo sfondo, la lugubre sagoma di un campo di concentramento.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/09/2010 @ 09:31:24, in Europa, visitato 1081 volte)

Da Roma_und_Sinti

Prensa Latina

Berlino, 23/09/2010 - Nonostante i dinieghi del cancelliere tedesco, Angela Merkel, la Germania ha continuato a deportare persone di etnia rom e sinti verso il Kosovo.

Secondo i resoconti della stampa tedesca, la deportazione di circa 10.000 Rom e Sinti [...] è basata su di un accordo col Kosovo firmato a settembre 2009.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha detto in un recente vertice UE che la Germania prevede anche di smantellare i campi nomadi, ma la Merkel ha immediatamente smentito ciò, senza menzionare il controverso accordo col Kosovo.

La Germania sta deportando un numero crescente di ex rifugiati dal conflitto nei Balcani, secondo la OnG Pro Asyl.

Secondo l'OnG, 213 persone sono state deportate nei primi quattro mesi dell'anno verso il Kosovo, che ha dichiarato la propria indipendenza nel febbraio 2008.

Interrogata da parlamentari della sinistra, l'amministrazione Merkel ha ammesso che 53 di loro erano Sinti o Rom. Nel 2009, la Germania ha deportato 51 persone in Kosovo.

Pro Asyl ha confermato che di 12.000 membri di minoranze etniche kosovare che vivono in Germania, 5.000 sono bambini e adolescenti.

"...in Kosovo affronteranno un isolamento sociale e discriminazioni diffuse," ha detto Pro Asyl, basandosi su uno studio dell'UNESCO che mostra come oltre il 70% dei minori deportati lascia la scuola.

Anche se la Germania ha negato qualsiasi rischio per i deportati in Kosovo, il Consiglio Centrale dei Sinti e Rom in Germania ha confermato le critiche. "La situazione della sicurezza in Kosovo è ancora critica," ha detto l'attivista Herbert Heuss.

Mercoledì il Consiglio d'Europa ha invitato la Germania ha fermare le deportazioni di Sinti e Rom.

Comment this on http://euyouthspeak.org/roma/?p=14697

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 29/09/2010 @ 09:29:12, in Italia, visitato 1230 volte)

Piacere di conoscervi!
Siamo i Rom e i Sinti, ma molti per ignoranza o cattiveria ci chiamano "zingari" o "nomadi".
Viviamo in mezzo a voi da circa seicento anni ma ancora in pochi ci conoscono veramente.
Probabilmente avete letto sui giornali che siamo sporchi, ladri, accattoni… ma non è così. Certo alcuni di noi sono molto poveri e alcuni hanno commesso degli sbagli. Ma non siamo tutti uguali anche se siamo tutti presi di mira da discriminazioni e in alcuni casi da razzismo vero e proprio.
In Europa siamo in dodici milioni, in Italia molto meno, circa 100.000. In maggioranza siamo Cittadini italiani dal 1871 ma alcuni di noi vengono dalla ex Yugoslavia e dalla Romania: scappati dalla guerra o dalla miseria.
Provate ad immaginare di non poter avere documenti (anche se i vostri e genitori sono nati in Italia), di non poter chiedere lavoro o continuare a studiare per questo motivo, di dover aspirare al massimo a vivere in un container o in una roulotte… di essere allontanati se entrate in un bar, di essere oggetto di battute e scherno… che vita sarebbe? La vita di molti di noi al momento.
Noi siamo i Rom e Sinti e come ogni altra minoranza abbiamo una lunga memoria storica, valori, costumi, tradizioni, arti, talenti, musica e bellezza. Abbiamo i colori di una civiltà millenaria che non hai mai preso parte ad una guerra. Tutto questo tuttavia resta confinato troppe volte negli angusti spazi che occupiamo alle periferie delle città, in ghetti che chiamano "campi nomadi".
La campagna DOSTA ("Basta" nella lingua romanes), promossa dall’UNAR, può rappresentare la possibilità di superare quel muro del pregiudizio che circonda la nostra gente.
Noi vi tendiamo una mano, metteremo in piazza frammenti della nostra cultura, vi sorprenderemo con il calore della nostra musica, le emozioni delle nostre danze e lo faremo in una serie di eventi che si snoderanno per tutta Italia, accompagnati da seminari e conferenze, mostre fotografiche e proiezioni video, momenti di riflessione in cui ci racconteremo a voi.
Venite a conoscerci. Vi aspettiamo a Mantova:

Venerdì 8 ottobre, ore 21.00, Teatro Bibiena
CONCERTO: DJANGO'S CLAN
Nel centenario della nascita di Django Reinhardt, genio della musica jazz europea, un concerto che ne ripercorre l'arte e la tecnica per vivere la musica e l'arte del più grande musicista sinto

Sabato 9 ottobre, Teatreno (piazza don Leoni, di fronte stazione fs)
- ore 10.30, SPETTACOLO TEATRALE "LETTERA" della compagnia Theatre Rom, rivolto alle scuole superiori;
- ore 17.00, Dibattito pubblico
- ore 19.30, Aperitivo
- ore 21.15, SPETTACOLO TEATRALE "LETTERA" della compagnia Theatre Rom

INGRESSO GRATUITO
E' consigliata la prenotazione, scrivere a sucardrom@sucardrom.191.it

Gli eventi sono organizzati dall’associazione Sucar Drom e dalla Federazione Rom Sinti Insieme, in collaborazione con: l'UNAR, l'Assessorato alle politiche Sociali della Provincia di Mantova, il Comune di Mantova e l'Istituto di Cultura Sinta.


LA CAMPAGNA DOSTA!
L’UNAR, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, nell’ambito delle sue attività istituzionali ed in collaborazione con le principali associazioni rom e sinte, ha lanciato per l’anno 2010 la Campagna DOSTA, una grande iniziativa di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle comunità rom in Italia.
La Campagna DOSTA ("Basta" in lingua Romanì) è stata già promossa dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea nell’ambito del terzo programma congiunto "Equal Rights and Treatment for Roma". La campagna DOSTA è stata già realizzata con successo in cinque paesi dell’Europa dell’Est: Albania, Bosnia e Herzegovina, Montenegro, Serbia, Slovenia ed Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, mentre è di prossima presentazione la campagna in Francia e Bulgaria. La Campagna non è mai stata diffusa in Italia e intento dell’UNAR sarà quello di studiare strumenti, metodologia e messaggi costruiti dalla campagna, per un loro adattamento in lingua italiana contestualizzato all’ambito storico e culturale italiano, oltre alla promozione e valorizzazione di eventi e prodotti realizzati da associazioni rom e sinte rivolte alla sensibilizzazione sulle difficoltà di inclusione sociale, abitativa, educativa e lavorativa delle comunità Rom.
La Campagna è stata pensata e condivisa con le principali reti di associazioni rom e sinte in Italia: la Federazione Rom e Sinti Insieme, la Federazione Romanì, UNIRSI. Le associazioni operano all’interno di un Tavolo di coordinamento ROM istituito e coordinato dall’UNAR e collaborano alla pianificazione della campagna e alla progettazione e realizzazione degli eventi previsti, in collaborazione con le istituzioni locali coinvolte dalle iniziative.
Obiettivo generale della Campagna è quello di favorire la rimozione degli stereotipi e pregiudizi nei confronti delle comunità rom e sinte attraverso una strategia globale di confronto e conoscenza reciproca.
Obiettivi specifici della Campagna saranno quelli di:
- favorire una migliore conoscenza della cultura Rom e del suo contributo nella storia europea attraverso mostre e spettacoli, premi, seminari e conferenze, eventi pubblici e campagne sui media;
- promuovere un confronto diretto con la realtà rom ed i rischi di discriminazione ed esclusione sociale attraverso percorsi formativi per il mondo del giornalismo e gli enti locali, tavoli di lavoro e occasioni pubbliche di dibattito

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/09/2010 @ 12:51:07, in Italia, visitato 2039 volte)

Care amiche e amici,

da luglio i Sinti del Quartiere Terradeo di Buccinasco sono oggetto di una indegna campagna di stampa denigratoria, basata su motivazioni fasulle.
Invio il comunicato stampa che stiamo distribuendo come Associazione, con allegato un approfondimento di ciò che abbiamo fatto e che stiamo facendo, con preghiera di pubblicazione o diffusione. [...]

Cordiali saluti da Ernesto Rossi,
presidente dell'associazione "Apertamente di Buccinasco", costituita da sinti e volontari.


Mentre infuria nel Parlamento Europeo un drammatico scontro fra il Presidente francese Sarkozy e il Presidente della Commissione UE, Barroso, per la decisione della Francia di espellere centinaia di ROM;

mentre nei grandi centri urbani del nostro Paese, a partire da Roma e Milano, da tempo, con una intensificazione negli ultimi mesi, vi sono continui sgomberi di campi abusivi e non, di Rom e Sinti:decine dall'inizio dell'anno, ripetuti sulle stesse persone, stroncando percorsi lavorativi e scolastici;

in una cittadina di prima cintura della Provincia di Milano, Buccinasco, è in corso da anni una positiva sperimentazione di INCLUSIONE SOCIALE di una minoranza etnica.

Questa minoranza è composta da 20 famiglie SINTE, per un totale di 100 persone, la metà delle quali sono minori.


Alla fine dello scorso anno, per volere congiunto dell'Amministrazione Comunale e dell'Associazione Apertamente è stato costituito un Tavolo di Lavoro presso il Comune di Buccinasco, cui partecipiamo regolarmente, presieduto oggi dall'Assessore competente.

La missione dichiarata del gruppo di lavoro è quella di monitorare ed individuare eventuali difficoltà e suggerire soluzioni ai problemi emersi all'interno della locale Comunità Sinta o fra questa ed il resto della comunità buccinaschese; e recentemente per supportare gli incontri in corso fra l'Amministrazione Comunale, la Prefettura ed il Parco Agricolo Sud.

Il fatto più eclatante, salito più volte agli onori della cronaca locale nelle scorse settimane, è stato quello delle "casette" esistenti da oltre dieci anni all'interno del Q.re Terradeo, dove abitano le famiglie Sinte, e mai normate per questioni burocratiche dalle varie Amministrazioni Comunali e Provinciali che nel tempo si sono succedute.

La Giunta Comunale di Buccinasco ha votato il 23.08.2010 un'importante Delibera di Indirizzo riguardante la stabilizzazione della Comunità Sinta.

Dal Tavolo è arrivato il suggerimento di far incontrare il Prefetto di Milano e l'Amministrazione Comunale, com'è poi avvenuto di recente, trovare una soluzione a questo annoso problema. Prossimamente sarà coinvolto anche il Parco Sud.

Ricordiamo per l'ennesima volta che il terreno, sul quale sorge il campo delle famiglie Sinte, è di proprietà del Comune, che nel 1994 con una delibera di Giunta, lo ha dato loro in uso.

Il terreno si trova nel Parco Agricolo Sud.

Nel 2005 da parte dell'allora Amministrazione Comunale vi è stato un corposo intervento, cofinanziato dalla Provincia di Milano, per migliorare le condizioni di vita dei Sinti residenti. E si è strutturato il terreno come un campeggio: ad ognuna delle 20 famiglie è stata assegnata una piazzola ed è stato firmato un regolare contratto della durata di 10 anni, rinnovabile. In questo contratto sono anche previsti precisi diritti e doveri.

La maggior parte delle 6 casette in legno, in sostituzione delle caravan, è stata costruita tra il 1994 e il 2004.

La prima richiesta di regolarizzazione delle casette da parte della Amministrazione Comunale al Parco Agricolo Sud risale al 2005.

Nel 2009 il Prefetto di Milano, nominato Commissario Straordinario per " l'emergenza nomadi dal Ministro degli Interni Maroni, ha stanziato 100.000 euro dell'apposito fondo del Ministero, per finanziare un progetto di ultimazione dei lavori da tempo previsti al Q.re Terradeo. Questo importo è gestito direttamente dalla Prefettura.

Dal mese di luglio la presentazione da parte di un Consigliere regionale di un'Interrogazione, probabile frutto di non verificate informazioni, ha prodotto una serie di articoli giornalistici, in alcuni dei quali si ventilava addirittura la chiusura del campo Sinti di Buccinasco.

Vorremmo ricordare

- che l'Associazione "Apertamente di Buccinasco" è stata formata per metà da Sinti abitanti il campo e per l'altra metà da volontari che da anni lavorano insieme a questi nostri concittadini;

- che i Sinti di Buccinasco sono da sempre Italiani, ex giostrai, come lo sono gli Orfei, i Togni, i Medrano ecc., e sono residenti in modo stabile a Buccinasco dall'inizio del 1980;

- che i bimbi sono stati tutti vaccinati nel tempo, a cura dell'Assistente sanitaria, che fa parte anch'essa del Consiglio della nostra Associazione;

- che l'istruzione dei minori e di alcuni adulti è seguita, da anni, da altri volontari coordinati da alcune insegnanti e da un'ex Preside, anch'essi facenti parte dell'Associazione, che operano in collaborazione con altri soggetti all'interno della scuola di Buccinasco, frequentata dai bambini per tutto il periodo dell'obbligo, e da quest'anno con qualche accesso alle superiori;

- che l'Associazione Apertamente collabora con le tre Parrocchie, le Caritas locali e numerose altre Associazioni di Buccinasco e partecipa regolarmente alle iniziative collettive come la Festa dei Popoli, la Festa delle Associazioni, oltre a tenere annualmente dal 2004 una Festa dei Sinti;

- che l'Associazione Apertamente è da tempo in rete con altre Associazioni che si occupano di Sinti e Rom: Casa della Carità, Naga, Caritas Ambrosiana, Padri Somaschi, Arci, ecc., le quali costituiscono da anni il Tavolo Rom. Essa collabora inoltre attivamente con l'Università della Bicocca e quella di Pavia;

- altri volontari accompagnano i giovani Sinti all'inserimento nel mondo del lavoro: in una congiuntura economica difficile per tutti, si sono conseguiti significativi risultati (e, purtroppo, abbiamo avuto persino un cassintegrato. Su questi problemi l'Associazione Apertamente collabora con lo Sportello Lavoro e cinque Agenzie Interinali, con due Cooperative Sociali, la locale Banca del Tempo e Buccinbici; con queste due ultime abbiamo realizzato alcuni Progetti finalizzati ad attivare posti di lavoro;

- Inoltre, Apertamente collabora con le Istituzioni: il Comune di Buccinasco ed i Comuni limitrofi, e con la Provincia di Milano ed il Parco Sud. Apertamente ha costituito a Buccinasco, in convenzione con quest'ultimo il Punto Parco Terradeo, che gestiamo in collaborazione con altre Associazioni.

Conclusioni:

L'Associazione Apertamente, per promuovere la conoscenza della vera situazione del Quartiere Terradeo di Buccinasco (Campo Sinti ) e delle avanzate sperimentazioni d'inserimento sociale in corso, si rende disponibile ad incontri di approfondimento e a promuovere visite al Terradeo, anche per facilitare la conoscenza diretta dei suoi abitanti.

L'Associazione ha approntato della documentazione cartacea, e sono inoltre disponibili numerose foto in formato digitale sullo evolversi nel tempo di questa Comunità e degli eventi negli anni realizzati e consultabile in loco su appuntamento.

Quanto sopra è a disposizione, su richiesta, di:

Amministrazioni Pubbliche, Forze politiche, Giornalisti, Associazioni culturali e di Volontariato, Operatori del settore, Direzioni Didattiche , Istituti scolastici e Università, Persone di buona volontà.

Per Associazione Apertamente di Buccinasco

Ernesto Rossi, Presidente cell. 3338628466, e-mail: meg.rossi@tin.it

Augusto Luisi, Consigliere cell. 3355324525, e-mail: luisibuc@gmail.com

Buccinasco, 20.09.2010

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/09/2010 @ 09:42:59, in Europa, visitato 1931 volte)

by Paul Polansky

[continua]

EULEX

(immagine da daylife.com) Il generale in pensione Yves de Kermabon mentre prega (spero) per salvare (spero) i bambini rom e askali di Mitrovica dai soldati francesi, dal dr. Bernard Kouchner, dall'ONU, dal governo del Kosovo e... dall'EULEX.

IL PREMIO IN-GIUSTIZIA: disgrazia questa Missione dell'Unione Europea in Kosovo sul Ruolo della Legge che rivendica il suo scopo principale nell'assistere e supportare le autorità del Kosovo sul ruolo della legge e si riserva il diritto di perseguire i seri crimini che il governo del Kosovo ignora. EULEX viene disonorata con questo premio per avere rifiutato di considerare "la negligenza di massa verso l'infanzia" nei campi di Mitrovica come un "serio crimine", nonostante le 86 morti sino ad oggi.

Dato che era risultato impossibile durante quasi undici anni di coinvolgere qualsiasi agenzia ONU o il governo del Kosovo, soprattutto il Ministro della Salute, nel salvare i bambini che muoiono di avvelenamento da piombo negli ex campi UNHCR, inviai una mail a Yves de Kermabon, capo della missione EULEX, chiedendogli un incontro per discutere su cosa EULEX potesse fare.

Ex generale francese, che una volta comandava la Legione Straniera in Cambogia e poi le forze NATO in Kosovo, Kermabon rifiutò di vedermi.

Con l'aiuto di amici impegnati nel salvare questi bambini, facemmo ricorso al suo capo UE, la baronessa Catherine Ashton, ed alla fine ottenemmo un appuntamento per vedere il procuratore capo del generale Kermabon, Theo Jacobs, e tre componenti della sua squadra. Non fu un ricevimento caloroso. Erano troppo ritrosi per ricevermi o soltanto riluttanti di dovermi vedere.

Il procuratore capo Jacobs non fece nessun tentativo di dare inizio alla riunione, così gli chiesi se avesse ricevuto il nostro promemoria legale che gli avevo inviato per posta elettronica il giorno precedente. Con riluttanza mi disse di sì ma non fece nessun commento. Così tirai fuori tutti gli altri documenti che avevo portato e iniziai a passarglieli.

Il primo era un comunicato OMS del settembre 2009 che ancora una volta chiedeva l'immediata evacuazione e cure mediche. Dissi che l'OMS ne chiedeva l'evacuazione dal novembre 2000 e che da allora aveva inviato richieste simili. Nessuna risposta da EULEX: nessuna domanda, nessun commento.

Ho poi consegnato il rapporto del difensore civico al primo ministro del Kosovo inviato ad aprile 2009, in cui il difensore civico chiedeva l'immediata evacuazione e chiedeva una risposta entro 30 giorni. Non venne mai ricevuta nessuna risposta da parte del primo ministro. Dissi che il nuovo difensore civico il giorno prima aveva visitato i campi ed avrebbe inviato un rapporto simile chiedendo l'evacuazione e cure mediche. Nessun barlume di vita da parte dei convocati EULEX seduti davanti a me.

Poi consegnai loro il rapporto di Thomas Hammarberg, il Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa, che chiedeva l'evacuazione dei campi e cure mediche. Uno dello staff di Jacobs seduto di fronte a me disse che la settimana seguente avrebbe posto maggior pressione al governo del Kosovo perché facesse qualcosa.

Allora diedi loro il rapporto di Human Rights Watch (77 pagine) e per finire un'altra copia del nostro memorandum legale di 46 pagine.

Dissi che avevamo fatto pressioni sull'UNMIK per un'evacuazione e cure mediche già dal novembre 2000 e naturalmente senza ottenere niente. Eravamo ora a febbraio 2010. Dissi che probabilmente era impossibile portare in giudizio lo staff ONU a causa della loro immunità, ma volevamo comunque farlo per gli amministratori del campo, Norwegian Church Aid e KAAD. Fornii allora loro degli esempi di "negligenza premeditata" commessa da entrambi gli amministratori del campo, enfatizzando il rifiuto di NCA di riportare le morti nel campo e mai chiedendo alimenti o trattamento medico per avvelenamento da piombo; e KAAD, che oltre a ciò aveva colpevolmente interrotto la dieta speciale per Ergin e suo fratello.

Dissi che ci doveva essere giustizia. Per quello ero venuto da loro.

Jacobs disse che un'azione sotto il loro mandato era impossibile. Loro erano lì essenzialmente per monitorare il sistema giudiziario del Kosovo. EULEX si incaricava personalmente di pochissimi seri crimini. Anche se il nostro caso fosse stato possibile sotto il loro mandato, non l'avrebbe accettato perché sarebbero occorsi anni per trovare se qualcuno fosse responsabile. Dissi che avevamo tutte le prove che servivano. Dissi che l'OMS si era offerto di fornire tutti gli elementi di prova e che io ed i nostri avvocati potevamo fornire nomi e prove della negligenza criminale.

Jacobs disse che non si trattava di un caso criminale, ma di una questione politica. Disse che l'unica maniera per noi era di mettere più pressione politica sul governo del Kosovo per risolvere questa questione politica.

Non ero d'accordo e parlai a lungo sulla storia di questo caso: il dr. Kouchner che mette i Rom su di un terreno contaminato, promettendo che sarebbero stati spostati entro 45 giorni; dissi che la squadra medica ONU aveva raccomandato l'evacuazione nel novembre 2000 e la disintossicazione in Polonia, ma che Kouchner aveva opposto il veto; dissi a Jacobs che il mio team aveva portato la famiglia di Mustafa in Germania, sottoponendo a TAC tutti i bambini, che trovò Denis di 7 anni col fegato di un sessantenne alcolizzato, a causa dell'avvelenamento da piombo secondo i dottori tedeschi; dissi di come io e il mio staff avessimo raddoppiato i livelli di piombo che causano danni cerebrali e che anche noi avessimo dovuto essere disintossicati. Menzionai come tutti stessero rimproverando ai Rom di avvelenarsi da soli smaltendo le batterie delle auto, ma che i campioni su 66 bambini del campo mostravano di avere 36 altri metalli pesanti che non si trovavano nelle batterie delle macchine. Continuai ma non vidi nessun barlume di interesse nelle persone sedute di fronte a me. Era ovvio che non mostravano alcuna compassione per la sofferenza di questa gente... questi zingari.

Parlai per 50 minuti, raccontando loro ogni tragedia che era successa nei campi dal 1999. Se fosse dipeso da loro, il meeting sarebbe finito dopo cinque minuti.

Alla fine, Jacobs era abbastanza esasperato con me che cercavo di rendere questo un caso criminale. Continuò a dire che era una perdita di tempo. Quella era una questione politica e io dovevo trovare un modo di fare pressione sul governo del Kosovo, non su EULEX.

Alla fine gli chiesi se non fosse stato un serio crimine. Mi rispose di no. Disse che era un serio problema, ma perché lui lo definisse un serio crimine prima avrebbe dovuto investigare e questo avrebbe preso anni. Anche così, disse, sarebbe stato difficile trovare i responsabili di persona. Dissi che se questa situazione fosse avvenuta in qualsiasi città europea ed il sindaco, il capo della polizia e gli incaricati alla sanità pubblica non avessero immediatamente evacuato l'area, sarebbero finiti in prigione per negligenza verso l'infanzia. Il procuratore capo si limitò a fissare davanti a sé.

Il suo staff concordò con lui. Questa era una questione politica e dovevamo porre maggiore pressione sul governo del Kosovo. Dal 1999 al 2008 non era possibile. Ora che il Kosovo aveva l'indipendenza, dovevano mostrare di meritarsela.

La donna seduta di fronte a me continuò a ripetere che Thomas Hammarberg sarebbe venuto la settimana prossima. Era molto alterato perché il governo del Kosovo non aveva seguito le sue raccomandazioni di sei mesi prima, quando era stato lì l'ultima volta, di evacuare i campi. Disse che avrei dovuto incontrarlo durante la sua visita.

Lasciai loro due nostri DVD: Kosovo Blood e la manifestazione del campo di Osterode ad aprile 2009. Lascia anche loro due copie del mio libro UN-Leaded Blood che immediatamente loro coprirono con le loro carte, nel caso qualcuno potesse vederne la copertina.

Fui molto educato nel ringraziarli per avermi ricevuto, ma spero di aver mostrato con la mia espressione quanto frustrato io fossi dalla loro mancanza di umanità e compassione, e soprattutto dalla loro mancanza di interesse nel cercare giustizia per questa povera gente che aveva sofferto la peggiore tragedia di ogni minoranza in Europa nell'ultima decade. Così come non c'è misericordia per i nostri bambini romanì negli affari targati Mercy Corps, né nessun interesse nel salvare i nostri bambini da parte dell'OnG Save the Children... non c'è nemmeno nessun interesse nella giustizia per questi ragazzi del Dipartimento Giustizia di EULEX.


Riconoscimenti

Durante questi undici anni per portare l'attenzione sulla sofferenza e la tragedia dei Rom/Askali scaricati dall'ACNUR e dall'UNMIK su terreni contaminati, non molte persone od organizzazioni sono state con noi durante la lunga tirata. Quelli che hanno iniziato con noi e tuttora stanno contribuendo: Argentina e Miradija Gidzic, e Jacky Buzoli. Tutti e tre sono Rom e sentono una dedizione profonda per aiutare la loro gente. Sono anche stati curati per avvelenamento da piombo, a causa del loro lavoro nei campi. Nel 2005, si è aggiunta Dianne Post, un avvocato americano che non solo ha dedicato il suo tempo (gratuitamente) per difendere questi bambini rom/askali, ma ha anche offerto il proprio denaro per comprare aiuti. Lo stesso anno, Yechiel Bar Chain donò dei fondi per comprare le prime medicine per curare quanti avevamo fatto uscire dai campi. Il dr. Bader di Milwaukee, WI, si unì quell'anno per finanziare i nostri viaggi a Belgrado. Inoltre comprò un pezzo di terra per la famiglia di Jenita Mehmeti e finanziò la pubblicazione di UN-Leaded Blood e la realizzazione del documentario Gipsy Blood. Dan Lanctot che fece il film donò il proprio lavoro. Anche il dr. Klaus Runow si unì a noi nel 2005 per raccogliere i primi campioni di capelli dei bambini nel campo, registrando che [i bambini] non solo erano avvelenati da piombo, ma soffrivano anche di altri 36 metalli pesanti. Per strada sono arrivati contributi ed appoggio dalla Società per i Popoli Minacciati, JDC, Mary Ellen Salinas, Linda Johnson, Jennifer Clayton-Chen ed il suo gruppo a Monaco (Germania), Fed Didden, Nidhi Trehan, ed il dr.Sasha Maksutovic. I contributi a questo libro includono: Bernie e Suzie Sullivan, John Munden, Graham Crame e Dianne Post.

Due anni fa la nostra campagna navigava in cattive acque finché Bernie Sullivan organizzò il KMEG (Gruppo di Emergenza Medica del Kosovo) ed introdusse nuovi attivisti, in particolare Valerie Hughes che spinse il senatore irlandese David Norris a parlare (e continua a farlo) a favore dei nostri bambini zingari. Molti giornalisti e media importanti come Bild Zeitung, Aljezzera, BBC, ZDF, ARTE TV, la TV australiana (Dateline), The Sun, The Guardian, l'International Herald Tribune, ed il Washington Times hanno informato il pubblico su questi bambini che stanno morendo. Sono arrivati in aiuto due altri avvocati: Bob Golten, professore in Diritto Umanitario all'Università di Denver, che ha scritto lettere a Mercy Corps e ad NCA, richiamandole alle loro responsabilità; e Nichola Marshall, in rappresentanza dello studio legale Leigh Day di Londra, che si è unito a Dianne Post nel richiedere un risarcimento dall'ONU per i campi rom/askali.

Ironicamente, non molte organizzazioni romanì si sono unite alla nostra lotta ma recentemente due hanno vigorosamente raggiunto la causa: l'Associazione Britannica delle Donne Zingare e Patrin GB. Sono certo di essermi dimenticato di menzionare molti altri che ci hanno aiutato in questo percorso e chi ora sta contribuendo. Ma loro sanno nel loro cuore che cosa hanno fatto. Tristemente, la nostra campagna di undici anni non ha salvato molti bambini. Quando abbiamo iniziato c'era una possibilità di salvare la maggior parte di loro da danni irreversibili al cervello. Ora tutti ce li hanno. Un dottore mi ha detto che abbiamo perso un'intera generazione di bambini dei campi. Forse anche una seconda generazione dato che molti di questi bambini non vivranno abbastanza da avere dei bambini a loro volta. Ma ancora stiamo combattendo per loro, per un risarcimento e per la giustizia. Sfortunatamente, non possono mangiare la giustizia.

Titolo originale: DEADLY NEGLECT
di Paul Polansky
Prima edizione
71 pagine
Tiratura: 1.000 copie
Editore: Kosovo Roma Refugee Foundation (KRRF)
traduzione in italiano di Fabrizio Casavola


www.paulpolansky.nstemp.com
Email: pjpusa5040@yahoo.com
www.toxicwastekills.com

Fine quindicesima e ultima puntata

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/09/2010 @ 09:13:46, in media, visitato 1228 volte)

Da Polska_Roma

Košice, 20/09/2010 - Tra pochi giorni, DikTV, la prima stazione televisiva europea rom su internet, lancerà le sue trasmissioni di prova. Questa è una stazione televisiva su internet che trasmetterà solo in lingua romanì e prodotta per tutti i Rom. Il progetto televisivo su internet è volto primariamente a quei Rom che hanno una fluente lingua nativa o che la stanno apprendendo.

"Come giornalisti rom abbiamo deciso di creare questo spazio virtuale a cui invitare in visita Rom di tutto il mondo. Consideriamo fondamentale che tutti i Rom abbiano la possibilità di usare la loro lingua nativa e di vedere come vivono veramente i Rom negli altri paesi. La nostra "vision" è che i Rom possano trovare ciò che cercano sul nostro sito, quello che richiedono per sapere chi sono e la loro identità, cosicché siano orgogliosi di essere Rom," ha detto Jarmila Vaňová, direttrice dei programmi di DikTV.

Vaňová ha sfidato tutti i Rom a compromettersi nella creazione del progetto. "Stiamo lanciando DikTV su internet senza nessun appoggio finanziario esterno, senza sovvenzioni. Facciamo tutto su base volontaria, solo per mostrare che noi Rom siamo capaci di fornire giornalismo professionale e di unirci, che siamo una nazione di gente coinvolta nel fare la storia d'Europa e del mondo, e che semplicemente non è possibile manipolarci come un giocattolo. Un modo possibile di abbattere tutti i muri che la maggioranza sta costruendo contro di noi è di unirci, imparare dalla nostra storia, conoscere la nostra lingua e cultura, semplicemente creare questo mondo virtuale che è il nostro dominio," ha dichiarato Vaňová.

Il progetto lancerà le proprie operazioni sperimentali alla fine di settembre. La televisione internet rom DikTV sarà parte di un più vasto portale che opera nella televisione internet, Quanti interessati a contattare gli organizzatori del progetto come potenziali partner o che vogliano in altre forme supportare il progetto possono scrivere a: diktv@mecem.sk 

Facebook: www.facebook.com/diktv


Da Roma_Daily_News

Gipsy Television è un'unica televisione su internet di quattro paesi del cosiddetto gruppo di Visegrad. Dato che il nostro principale obiettivo è di sostenere la minoranza nazionale romanì nei campi della politica sociale, istruzione, assistenza sanitaria, diritti umani e discriminazione. Lo strumento principale per raggiungere il nostro obiettivo è la produzione di lavori audiovisivi. Nei limiti delle nostre attività miglioreremo la consapevolezza pubblica sulle comunità zingare marginalizzate.

Vogliamo cooperare con soggetti che lavorino nel campo degli zingari, ma anche con media non-zingari. Promuoviamo la mobilità dei nostri reporter, lo scambio di esperienze, una mobilità transnazionale dei lavori audiovisivi e la creazione di reti.

E Gipsy Television si jekh unikatno romaňi internetoskeri televizija andro thema save pes rakinen andre Višgratsko štarutňi. Amaro bučikano dikhiben pes zathovel pro oda kaj the sikavas šukariben pal o manuša saven hiňi romaňi nacia /pal o roma/ andro phučibena pal o socialno politika, sikľarďipen /edukacia/ sasťipen, manušakere hakaja the pal lengero phageripen - diskriminácia. Akada savoro kamas the kerel avka kaj keraha audio vizulano buťi /šuňiben thaj dikhiben pal o internetos/. 

Kamas akala amara televizijaha the dochudel oda kaj o gadže the dhiken pro roma šukareder jakhenca, pro roma save hine čore, bi búčakere, bi khereskere - marginalizovano roma. Kamas the kerel jekhetaňi šukar buťi - varesavi kooperacia savore aver instututenca save keren buti andro media prej kalo roma /romane thaj naj romane media/. Rakinaha pes pro oda kaj amare editora šaj phirkerena odoj kaj pes vareso kerela interestantno pal o roma. Keraha amari buťi thaj jekhetaňiben /netvorko prejkalo salo slovačiko them.

http://www.gipsytv.eu 

Gipsy Television
European Roma Cultural Centre Bratislava 
Jeláová 861 
900 55 Lozorno 
Slovak Republic
ICO: 42171881
DIC: 2022856132

Ćíslo účtu: 0634014543 /0900
Slovenská sporiteľna, a. s
.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/09/2010 @ 09:33:54, in Europa, visitato 1198 volte)

RSI.ch (al link è visionabile un breve video)

Minacce ad alcuni membri della Commissione cantonale nomadi
Due denunce sono state inoltrate al Ministero pubblico


Una lettera minatoria é stata recapitata ad alcuni membri della commissione cantonale ticinese nomadi. "Ve la faremo pagare", si può leggere, tra l'altro.

In precedenza, all'inizio dell'estate, una missiva di minacce era arrivata anche al presidente della commissione, Ermete Gauro, il quale, dopodomani, sentirà i suoi colleghi per decidere che seguito dare alla vicenda.

Nel frattempo due denunce sono state inoltrate al ministero pubblico. La commissione cantonale nomadi ha il compito di approfondire le problematiche legate al periodico transito di zingari nel nostro cantone. Tra i suoi obbiettivi vi è tra gli altri formulare proposte per la messa a disposizione di aree di sosta.


Si da il caso che conosca la persona minacciata, le ho scritto per sapere cos'era successo. Ecco il suo racconto:

Ciao Fabrizio,

è successo che ho ricevuto una lettera anonima con minacce. Questo perché faccio parte della commissione cantonale nomadi il cui compito è di trovare aree di sosta e sensibilizzare la popolazione. Visto quanto sta accadendo devo ammettere che il secondo obbiettivo è ancora ben lungi dall'essere raggiunto. Non c'è molto da aggiungere se non che il clima qui è degenerato. Ormai c'è chi pensa di sfruttare lo scontento della gente deviandolo sui rom. I quali rom qui non costituiscono assolutamente un problema. Ci sono alcuni gruppi (che al massimo raggiungono il numero di 150 persone) che viaggiano e si autosostentano con il commercio di tappeti e si fermano in Ticino per qualche settimana. Dal punto di vista economico sono perfettamente autosufficienti senza dover ricorrere a pratiche quali l'elemosina o altri stratagemmi. Tempo addietro sorgeva il problema della sporcizia lasciata sui campi dopo la partenza. Sporcizia dovuta al fatto che i campi non erano attrezzati: una canna dell'acqua, niente gabinetti, ritiro dell'immondizia non organizzato. Ora benché il solo campo rimasto non sia per niente l'ideale (hanno messo qualche latrina "toitoi") anche quel problema è praticamente risolto in quanto i nomadi riescono ciononostante a lasciare il luogo in condizioni decenti. Quindi chi fomenta l'ostilità gioca sulle fantasie ancestrali dei sedentari e non poggia per nulla su fatti concreti. Hanno fatto gran rumore sull'arresto di due ragazzine minorenni rom a Chiasso e Como che portavano sul treno un trolley con dentro una cassaforte forzata ma non ancora aperta. Si trattava di ragazzine che rientravano in Italia provenienti dalla Svizzera tedesca e che di fatto non avevano nulla a che fare con il Ticino. Ti ho già scritto della pagina del "Mattino della Domenica" della Lega Bignasca del 12 corrente. Se la cosa ti è sfuggita ti metto di nuovo il link: Il Mattino online

All'inizio pochi hanno reagito. Il primo è stato il direttore della "Regione Ticino" Caratti con un editoriale forte dal titolo "Quando diremo basta?". Qualcuno di notte ha imbrattato la porta della sede della Lega e ha piantato una croce con il nome del Bignasca. C'è stata anche una manifestazione del centro sociale il Mulino. I ragazzi sono stati molto bravi hanno fatto il presidio davanti alla Lega leggendo poesie di Primo Levi e altre contro il razzismo. Reggevano un cartello "Il lavoro rende liberi? Chiedetelo a Bignasca". Un vecchietto di 87 anni (Edouard Wahl) ha camminato per un'ora in via Nassa a Lugano (la via più elegante della città) portando un cartello "Solidarietà ai Roma". Bertoli, segretario del partito socialista ha chiesto agli altri partiti di riunirsi per far fronte al degrado del clima sociale. Con qualche tentennamento e distinguo alla fine si sono riuniti per discuterne. Tra l'altro il rappresentante della Lega nel governo cantonale si è dissociato e ha deplorato la pagina del giornale del suo partito. Quanto alla lettera anonima (...) ho sporto denuncia.

Caro Fabrizio, per la lettera non ho paura ma provo disgusto. Ciao
silvana

Ah, volevo aggiungere che stasera (domenica 26 settembre ndr) dalle 17.00 alle 18.30, insieme al vecchietto di cui ti ho scritto nella mail, faremo un presidio davanti al Municipio di Locarno con un cartello "Pro Rom non Pogrom". Lo so che è una goccia in confronto al mare di ciò che andrebbe fatto.
Ciao
silvana

Eccolo qui il vecchietto Edouard Wahl che manifesta davanti al Municipio di Locarno.
ciao
silvana
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/09/2010 @ 09:09:46, in Italia, visitato 1276 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

Associazione per la difesa dei diritti dell'infanzia - www.21luglio.com

COMUNICATO STAMPA
Roma: l'Associazione 21 luglio chiede la sospensione del piano di sgomberi perché viola i diritti dell'infanzia rom

Il 30 agosto 2010, a Roma, a seguito di un rogo nell'insediamento informale de La Muratella che aveva provocato la morte di un bambino rom di tre anni, è stato convocato un vertice in prefettura sullo stato del Piano Nomadi della capitale e sullo sgombero degli "insediamenti abusivi". A conclusione del vertice è stato comunicato che nella settimana successiva sarebbe iniziato lo sgombero dei 209 insediamenti informali della capitale censiti dalla polizia municipale. Gli sgomberi dovrebbero coinvolgere almeno duemila persone, tra cui, secondo una stima dell'Associazione 21 luglio, circa 800 sarebbero minori.

"Abbiamo predisposto un piano per la chiusura progressiva degli accampamenti abusivi, offrendo accoglienza a tutti quelli che ne hanno bisogno- ha spiegato alla stampa un rappresentante dell'amministrazione comunale - Un'assistenza alloggiativa verrà garantita almeno per le donne e i bambini" (La Repubblica, 30 agosto 2010). Durante un incontro con l'Associazione 21 luglio un altro rappresentante dell'amministrazione comunale ha chiarito che l'obiettivo degli sgomberi è quello di "rincorrere gli sgomberati" per rispondere alla "pressione della pubblica opinione".

Le operazioni di sgombero sono iniziate mercoledì 8 settembre vicino il Ponte delle Valli (IV Municipio) proseguendo, secondo programma, con il ritmo di 3-4 sgomberi a settimana.

Gli osservatori dell'Associazione 21 luglio hanno seguito alcune operazioni di sgombero per individuare i tempi e le modalità di intervento. Il personale del comune di Roma ha proposto sistemazioni alternative che prevedevano la divisione delle famiglie. Alle donne e ai bambini sgomberati è stata offerta l'accoglienza all'interno dei circuiti assistenziali del comune di Roma. Secondo le informazioni raccolte dall'Associazione 21 luglio la maggior parte delle famiglie sgomberate sono state ospitate presso l'edificio dell'ex ente Cellulosa di via Salaria, 971 che già dal 12 novembre 2009 aveva accolto centinaia di rom provenienti dall'insediamento informale di Casilino 700, da altri insediamenti della capitale (Centocelle, via Labaro, via Papiria, via Naide, via Dameta) e dalla struttura di accoglienza di via Amarilli.

Il 29 giugno di quest'anno l'Associazione 21 luglio aveva segnalato in un comunicato stampa diverse violazioni dei diritti dei minori all'interno della struttura formulando raccomandazioni al sindaco della città di Roma. Successivamente un rappresentante del comune di Roma ha assicurato in un'intervista radiofonica che all'interno del centro di Via Salaria, 971 veniva garantita a tutti un'adeguata assistenza sanitaria e socio-legale e che si era provveduto a "creare separè tra uomini e donne".

L'Associazione 21 luglio ha quindi raccolto testimonianze, interviste e materiale documentale dai rom ospitati.

Attualmente gli ospiti sono circa 300, tutti rom di cittadinanza romena. I 170 minori stimati dall'associazione vivono con le loro famiglie in sei stanzoni. Non essendoci pareti divisorie ogni famiglia ha utilizzato stracci e teli di nylon per salvaguardare la propria privacy. L'aria è insalubre per il poco ricambio e la scarsa luminosità mentre vistose macchie di umidità sul soffitto testimoniano le infiltrazioni di acqua che, quando piove, allaga il pavimento. Alcune giovani mamme con figli neonati hanno affermato di non ricevere pannolini, latte in polvere ed omogeneizzati di cui necessitano. Tutti gli ospiti intervistati hanno segnalato la pessima condizione dei servizi igienici, delle docce e dei lavabo. Sono state raccolte testimonianze sui mucchi di immondizia e masserizie depositate all'esterno e non raccolte dagli addetti alle pulizie. Nelle camerate la luce viene spesso lasciata accesa tutta la notte. La sicurezza della struttura è affidata a giovani dipendenti di una cooperativa specializzata in giardinaggio senza alcuna esperienza in ambito sociale. Per i bambini mancano spazi per il gioco, per lo studio e per le attività ludico-formative. Le norme per la sicurezza sono totalmente violate ed i venti rom trasferiti dall'insediamento informale de La Muratella dopo il rogo in cui era deceduto il bambino di tre anni, corrono probabilmente gli stessi rischi di incendio di quelli che avrebbero corso nelle baracche in cui alloggiavano.

Per tutti i minori il processo di scolarizzazione era stato drasticamente interrotto nell'anno scolastico 2009-2010. Quest'anno, nella prima settimana dall'apertura delle scuole, risulta che siano solo 10 i minori frequentanti la vicina scuola di Castel Giubileo. Gli ospiti hanno riferito di non ricevere alcun tipo di assistenza sociale e/o legale.

Nel corso dei numerosi contatti con le famiglie accolte si è constatato che la struttura di accoglienza di via Salaria, 971 è probabilmente l'unica struttura del comune di Roma in cui l'accesso viene negato senza l'autorizzazione rilasciata dal V Dipartimento del Comune di Roma. Secondo le informazioni e la documentazione raccolta, la struttura sembra non essere in possesso dei requisiti previsti dalla legge regionale n. 41/2003, che disciplina l'ambito delle strutture di accoglienza sul territorio laziale, e non rispettare le disposizioni previste dalla normativa vigente in materia edilizia, igienico-sanitaria e di prevenzione incendi. In assenza di una specifica assistenza socio-legale sicuramente non vi è un chiaro percorso progettuale familiare che orienti e tuteli il futuro dei nuclei accolti.

Giova a questo punto ricordare che la Convenzione Internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza di New York dispone che:

"gli Stati devono garantire il diritto alla vita alla sopravvivenza e allo sviluppo del fanciullo" (art. 6)

"gli Stati parti devono riconoscere il diritto di ogni fanciullo a un livello di vita sufficiente per consentire il suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale e sociale (…). Gli Stati parti adottano adeguati provvedimenti, in considerazione delle condizioni nazionali e compatibilmente con i loro mezzi, per aiutare i genitori e altre persone aventi la custodia del fanciullo ad attuare questo diritto e offrono, se del caso, un'assistenza materiale e programmi di sostegno […]. ( art. 27).

Di fatto le violazione dei diritti segnalate all'interno dell'ex cartiera di via Salaria contravvengono anche l'articolo 30 della Carta Sociale Europea secondo il quale "ogni persona ha diritto alla protezione dalla povertà e dall'emarginazione sociale".

L'Associazione 21 luglio chiede al sindaco della città di Roma on. Gianni Alemanno che:

1. VENGA SOSPESO IL PIANO DI SGOMBERI in quanto non prevede una reale situazione alternativa così come previsto dalle convenzioni internazionali.

2. All'interno del Centro di Via Salaria, 971 siano pienamente rispettati i DIRITTI DEI MINORI in conformità alla Convezione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza e alle altre norme internazionali e nazionali, e in particolare che in ogni provvedimento riguardante i minorenni si tenga conto del "superiore interesse del minore" come considerazione preminente rispetto ad ogni altra;

3. Siano adottate tutte le misure necessarie perché ai minori rom presenti nella struttura di via Salaria, 971 siano garantiti LA STESSA PROTEZIONE E GLI STESSI DIRITTI riconosciuti ai minori cittadini italiani, secondo quanto stabilito dalla Convezione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza (artt. 20, 22) e dalla legislazione nazionale, con riferimento all'immediato collocamento in una struttura di accoglienza adeguata, al diritto alla salute e all'istruzione, al diritto al gioco, e siano predisposti adeguati spazi specificamente destinati ai minori.


Roma, 20 settembre 2010

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


26/02/2017 @ 08:43:34
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3377 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source