Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Daniele (del 16/05/2006 @ 10:39:04, in Europa, visitato 1866 volte)

6 maggio 2005, di Otto Pohl - riassunto

Gli zigani ottengono uno strumento legale nella lotta per i diritti.

Miskolc, Ungheria – Per i zigani dell'est Europa, come Agnes Krappai, la vita sembra non migliorare mai. Lei vive in una zona povera di questa città ungherese, in una casa senza acqua corrente.

Il suo vicino lava un tappeto in strada, riuscendo a fare uscire acqua da un pozzo con la pompa a mano. "È una crisi costante, se c'è una cosa simile", dice la signora Krappai.

Ma adesso alcuni leader dei zigani, o rom, stanno pensando ad un nuovo modo per cercare di ottenere l'uguaglianza: la lotta per i diritti civili dei neri americani. Sempre più, i rom stanno sollecitando di garantire i loro diritti, e fanno ciò dove pensano che avranno la migliore possibilità di riuscita – tra i nuovi membri est europei dell'U.E. e quelli che stanno cercando di influenzare l'Europa occidentale con interpretazioni rigide delle loro nuove leggi antidiscriminatorie.

La strategia dei rom è stata ricompensata in ottobre, quando una corte bulgara per il distretto di Sofia si pronunciò a loro favore in un caso di segregazione a scuola. "Questa è Brown contro il Ministero dell'educazione in Europa", ha detto Dimitrina Petrova, direttore esecutivo dell'European Roma Rights Center, ricordando la delibera del 1954 della Suprema corte secondo la quale il sistema ufficiale del "separato ma uguale" della segregazione razziale nella scuola era incostituzionale.

"Questo è un puro modello americano", ha detto la signora Petrova, il cui gruppo ha proposto l'azione legale. "Non è un diritto se non puoi difenderlo in una corte di giustizia".

Un appello è in corso, ma il governo bulgaro ha già iniziato ad emanare cambiamenti nella politica statale dell'educazione, e la fondazione Romani Baht, il gruppo bulgaro per i diritti che ha discusso il caso, ha detto che sono stati programmati altri 50 casi di segregazione scolastica in autunno.

Nel 2002, la fondazione ha proposto un'azione legale contro un bar di Stara Zagora, Bulgaria, per aver rifiutato di servire un rom.

La fondazione ha vinto, e da allora ha intentato azioni legali contro i proprietari di night club, ospedali e altre società, accusandoli di rifiutare riassumere o di servire i rom.

I casi citati di leggi antidiscriminazione emanate per preparare la Bulgaria ad entrare nell'U.E., che spera di fare l'anno prossimo.

Alcuni di quelli che lavorano in nome dei rom dicono che questi sforzi offrono un modello per aiutare altri gruppi che combattono la discriminazione.

Gorge Soros, il miliardario che è uno dei più grandi benefattori dei gruppi per i diritti dei rom, promette che "tale sforzo sarà fatto con le minoranze musulmane" d'Europa una volta che le conquiste dei rom siano state garantite.

Comunque, la legge europea è basata sulla legge civile, il che significa che una decisione della corte non diventa automaticamente legge dello stato – e che le vittorie in tribunale ottenute nelle campagne di vertenze strategiche, non hanno necessariamente effetti di ampia portata.

Ancora, Panayote Dimitras, direttore esecutivo del settore Grecia dell'Helsinki Monitor, un gruppo per i diritti umani che opera anche nei balcani, ha detto di aver citato sentenze della corte dall'Europa orientale nei casi rom in Grecia.

La sig.ra Petrova ha detto di sperare che le conquiste fatte nell'Europa dell'est si diffondano anche nell'Europa occidentale, dove i rom combattono per i loro diritti.

Gli sforzi dei rom vanno oltre le sfide legali. A dicembre, Gyorgy Macula, un giovane ufficiale della polizia di Budapest, ha fondato l'Associazione della polizia rom a Budapest. Egli l'ha modellata sulla Associazione della polizia nazionale nera, un'associazione fondata in Illinois nel 1972 per aiutare gli ufficiali neri negli Stati Uniti a combattere le pratiche di imposizione della legge razzista e creare una relazione più positiva con le comunità minoritarie.

Per la prima vota, c'è anche una rappresentanza rom a Bruxelles. Dopo l'ingresso dell'Ungheria nell'U.E. nel 2004, ha eletto due rom nel parlamento europeo.

Ancora non c'è un movimento unitario rom e non c'è un leader come il Rev. Dr. Martin Luther King Jr. ad aiutare a crearne uno, né figure galvanizzanti come Malcolm X o Rosa Parks.

E non tutte le cause legali hanno successo. La Corte europea per i diritti umani a Strasburgo ha bocciato la causa di 18 bambini rom cechi non handicappati.

Le stime sono che più del 75% di bambini rom nella Repubblica ceca sono messi in scuole speciali. L'azione legale è stata ripresentata.

Si dice che i rom siano emigrati dall'India in Europa più di 1000 anni fa, portando modi nomadi, pelle scura, cultura insulare e strani costumi che hanno spianato la strada per una marginalizzazione permanente.

I nazisti consideravano i rom una razza inferiore, raggruppandoli con ebrei e i disabili, e ne uccisero mezzo milione nei campi di concentramento nella II guerra mondiale.

Anche oggi, molto resta oscuro a proposito dei rom. Non c'è accordo neanche sul loro numero in Europa. Stime li collocano fra i 7 e i 15 milioni, e dal 5 al 10% della popolazione in molti Paesi dell'Europa orientale.

In Ungheria, la lotta per abolire la segregazione razziale nelle scuole è arrivata qui a Miskolc, una delle regioni più povere dell'U.E.

Andras Ujlaky, presidente della fondazione per le opportunità per i bambini, un'associazione ungherese che si interessa della scolarità dei rom, recentemente ha visitato qui i leader della comunità rom per discutere l'integrazione di una scuola nelle vicinanze di una gran quantità di squallidi edifici dove vive la sig.ra Krappai. Il sig. Ujlaky ha bevuto il caffé mentre mentre si sedeva su un divano consunto nella piccola, pulita casa di un leader della comunità e ha parlato dei progetti per i bambini per rifiutare di essere messi nella scuola di tutti i rom.

Se i bambini hanno difficoltà per il trasporto, ha detto, pensa di intentare un'azione legale per discriminazione, sperando di sollecitare un riesame procedurale che chiuderebbe la scuola per soli rom.

"Ora che la legge è fatta dovremmo usarla", ha detto il sig. Ujlaky.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/05/2006 @ 09:50:03, in casa, visitato 1910 volte)

Due notizie da: Kosovo_Roma_News

2 maggio 2006 - I Rom vogliono un municipio a Mitrovica Sud

I Rom sfollati da Mitrovica vogliono formare una municipalità loro nei dintorni di Rasadnik a Mitrovica Sud; e ne hanno fatto esplicita richiesta ai rappresentanti dei Serbi kosovari: Goran Bogdanovic e Marko Jaksic.

I rappresentanti dell'Associazione dei Rom del Kosovo e dell'Assemblea per la Protezione dei Diritti dei Rom, hanno chiesto in un incontro pari diritti a Serbi ed Albanesi.

Habib Hajdini, per l'Associazione, dice che Rasadnik aveva 8.892 residenti prima della guerra, di cui il 99,7% erano Rom. "Quindi i numeri di Rasadnik incontrano i criteri per formare una nuova municipalità".

Nella Mahala di Mitrovica Sud vivevano circa 8.000 Rom prima della guerra. Era la seconda area più grande abitata da Rom nei Balcani.

I residenti del campo di Plementin ottengono alloggi a Magura

PRISTINA, 9 maggio 2006 (KosovaLive) - Diciassette famiglie rifugiate nei container collettivi di Plemetin/Plementina, hanno ricevuto lunedì le chiavi di nuovi appartamenti nel villaggio di Magura village, nel comune di Lipjan.

La costruzione è stata co-finanzata dal governo, dall'UNMIK e da altri. Oltre ai Rom, hanno beneficiato del progetto cinque famiglie albanesi. Durante la cerimonia di consegna, il vice primo ministro Lutfi Haziri ha detto che l'impegno del governo per assegnare case ad appartenenti alle minoranze si è compiuto e che il problema delle altre famiglie sarà risolto entro il 20 maggio.

La cerimonia ha visto la contestazione di alcune famiglie albanesi, che vivono anche loro nei container, per non aver ottenuto alloggio.

Il campo di Plemetin/Plementina è stato installato dopo la guerra ed ospita 122 famiglie con circa 500 persone, che vivono  in condizioni estreme.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2006 @ 11:10:22, in Italia, visitato 1661 volte)

Ancora vandali alla stazione Tiburtina - così inizia un articolo di sabato del TEMPO:

di FEDERICO LO GIUDICE STAZIONE Tiburtina eterna prigioniera del degrado. Sporcizia, microcriminalità, baraccopoli di zingari e bivacco per drogati e ubriachi...

l'articolo non cita più gli zingari, ma se ne ricorda all'ultimo:

...Se fino a qualche settimana fa, proseguono i due esponenti di destra, i cittadini potevano credere alle "giustificazioni" del primo cittadino, oggi possiamo pubblicamente dire che lo scorso 8 marzo con la decisione n. 54 la giunta comunale ha stanziato ben 3.700.000,00 euro per la manutenzione ordinaria e per la gestione dei campi nomadi. A questo punto possiamo constatare- concludono Del Prete e Malcotti- che i finanziamenti per la sicurezza dei cittadini romani non ci sono, mentre esistono per i nomadi».

Credo che sia la solita zuppa elettorale in cui il giornale romano si ficca volentieri. E a proposito di elezioni, stanziamenti e vandalismi, rileggetevi LA MANGIATOIA (chiedendovi di chi è la colpa)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2006 @ 10:08:47, in Kumpanija, visitato 1595 volte)

Il network Celebrating Cultural Diversity da il proprio benvenuto alla comunità dei Nomadi e Viaggianti dell'East Sussex, come parte integrante ed attiva della propria organizzazione e appoggia la loro lotta per la casa.

Da: British_Roma

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2006 @ 09:41:08, in Europa, visitato 1781 volte)

Alla fine ce l'hanno fatta!

Bernd Neumann, attuale ministro per la cultura e i media ha approvato la costruzione del monumento dell'olocausto di Sinti e Rom, con il testo richiesto da Romani Rose, presidente del Consiglio Centrale dei Sinti e dei Rom di Germania.

Non solo è stato cancellato l'odioso termine "Zigeuner", ma è stato aggiunto un ulteriore testo riferito ai soli Rom ed una cronologia sulle loro persecuzioni e genocidio

L'artista Dani Karavan (op. cit.) concordacon queste aggiunte. Il suo monumento di "specifica struttura che si sviluppa su larga scala" diviene ancora più impressionante.

RADOC/9-v-06

Da: Roma_und_Sinti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2006 @ 12:20:20, in media, visitato 1911 volte)

Una serie di immagini sull'argomento: Rom post-Sovietici. L'autore è Andrew Miksys.

Dalla recensione, cliccare sull'immagine di sinistra per vedere la sequenza.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2006 @ 10:00:49, in Europa, visitato 2014 volte)

Mr. Valery Novoselsky.
Editor of Roma Virtual Network.

Currently in Brussels

Carissimi,

Quanti di voi vogliano discutere le tematiche relative al Decennio per l'Inclusione Rom, possono aggiungersi al forum di discussione:

http://www.idebate.org/discussion/view_forum.php?id=54

Ovviamente, è necessario registrarsi. Se ci fosse bisogno di chiarimenti su questioni tecniche, potete contattarmi a nov_val@zahav.net.il.

Kind regards,

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Daniele (del 13/05/2006 @ 10:59:35, in musica e parole, visitato 3069 volte)
Da Music club
Concerti

VILLA ARCONATI
10/07/2006 •MILANO (MI) VILLA ARCONATI
Info:
FESTIVAL DI VILLA ARCONATI•PARCO DI VILLA ARCONATI•BOLLATE•MI•INFO: 02/35005501•www.insiemegroane.it

AREZZO WAVE
12/07/2006 •AREZZO (AR) AREZZO WAVE
Info:
AREZZO WAVE•0575/401714•0575/401722•VIALE GRAMSCI•STADIO COMUNALE•AREZZO•www.arezzowave.com

Traffic-Torino
13/07/2006 •TORINO (TO) Traffic-Torino
Info:
Traffic-Torino Free Festival•Parco della Pellerina•TORINO•INFO: 800015475•www.trafficfestival.com

Udin&Jazz
17/07/2006 •UDINE (UD) Udin&Jazz
Info:
Udin&Jazz•Piazzale del Castello•udine•INFO: 0432/523989•www.euritmica.it
Gogol Bordello / Gipsy Punks Eugene Hutz e i suoi Gogol Bordello Il terzo cd "Gipsy Punks" è disponibile anche in Italia dopo l'exploit del loro leader a Venezia Registrato da Steve Albini a New York in un glorioso suono analogico, "Gipsy Punks" di Eugene Hutz e i suoi Gogol Bordello è un album di quindici tracce che espande la fusione dei generi, dal gipsy punk e stomp slavo con un tocco di metal e dub style, che pagano tributo al classico suono della Giamaica. Il cantante/autore e visionario Eugene Hutz ed il resto del collettivo Gogol Bordello hanno raggiunto in questi anni un nuovo livello di intensità musicale e di testi nella loro continua crociata dedita a costruire un ponte tra la gipsy music, il rock 'n' roll e altri generi di musica ribelle dal flamenco al Perestroika punk che è sbocciato nell'Europa dell'Est intorno alla metà degli anni '80. La reputazione internazionale della band è cresciuta velocemente grazie al suddetto ponte e mix tra i generi; Gipsy Est Europeo e cultura occidentale per non parlare dello spettacolo dal vivo che evoca visoni circensi e atmosfera surreale. Eugene Hutz è inoltre spalla di Elijah Wood nel film Everything Is Illuminated della Warner Bros, adattamento del famoso ed acclamato romanzo di Jonathan Safran Foer , "Ogni cosa è illuminata"; la pellicola è stata in concorso alla 62ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, nella sezione "Orizzonti" www.gogolbordello.com - SUONA: 10 LUGLIO MILANO - VILLA ARCONATI 11 LUGLIO TO BE ANNOUNCED 12 LUGLIO AREZZO - AREZZO WAVE 13 LUGLIO TORINO – TRAFFIC FESTIVAL 17 LUGLIO UDINE - CASTELLO 18 LUGLIO TO BE ANNOUNCED INFO: RUMBLE FISH Live Via G. Mora, 14 20123 Milano Tel. 02/36533507 Fax 02/2613274 Via Grazzano 83 33100 Udine Tel. 0432/508323 Fax 0432/292924 info@rumblefishlive.com - www.rumblefishlive.com
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/05/2006 @ 10:33:49, in media, visitato 2133 volte)
Con un linguaggio diretto e discorsivo, in quest'intervista emerge un netto panorama sul mondo dell'informazione in Bulgaria, i limiti attuali, i legami con i poteri, le paure e le gelosie che riguardano gli operatori. Niente di nuovo, in verità, in un quadro che ricorda da una parte altre situazioni dei Balcani, e qualche cosa dell'Italia di oggi.

09:00 Lun 08 Maggio 2006 - di Polina Slavcheva

Toma Nikolaeff è direttore della prima e unica Agenzia d'Informazione Rom Defacto (RIA Defacto), fondata il 9 settembre 2003. Nel 2004 l'agenzia ricevette numerose minacce anonime (vedi ndr.) e chiuse per riprendere l'attività il novembre dell'anno scorso. Prima di divenire direttore di Defacto, Nikolaeff è stato fondatore e presidente della Fondazione Comunità Rom e del Consiglio Nazionale dei Partiti e Organizzazioni Rom. E' stato membro delle Forze Democratiche Unite. E' fondatore e presidente del secondo partito rom registrato in Bulgaria, il Movimento Unico Centrale "Salvezza" ed è eletto nell?Unione Internazionale dei Rom (IRU).

Quale la tua impressione sui media bulgari?
Molte volte ho avuto come l'impressione che quando certi colleghi scrivono di qualcosa, in realtà facciano pubblicità nascosta. Dall'altra parte, quando scoprono qualche affare sporco, non succede niente. Invece in Inghilterra, cari miei, se i giornali pubblicano storie simili, la tua carriera è assicurata. Qui l'impressione è che qualsiasi cosa si scriva, i carri continueranno per la loro strada, i cani ad abbaiare, e nessuno si metterà paura. Un'altra cosa: non mi dimenticherò mai, alla Libreria Nazionale stavo facendo una ricerca e stavo leggendo i giornali di 100 anni fa. Penso fosse una vecchia intervista di Zahari Stoyanov, dove diceva esattamente le stesse cose dei politici di oggi, con qualche termine differente. Parlava di democrazia, libertà di parola, apertura dei confini, miglioramento delle vie di comunicazione per aprire via di scambio con l'Europa. Non esistevano la EU e la NATO, se non in un'altra forma che il politico intravedeva. L'ho visto coi miei occhi, giuro, avevo la pelle d'oca.

Pensi che ci sia la censura nei media bulgari?
I media bulgari sono molto censurati. Devi sapere, sono stato piacevolmente sorpreso l'anno scorso quando Georgi Lozanov ha detto all'annuale premio giornalistico Chernorisets Hrabu che non sarebbe stato assegnato, senza specificare il perché. Il primo ministro e il vice primo ministro erano presenti e hanno accolto la notizia con un gelido sorriso. Sai perché non ci sarebbe stato il premio? A causa della censura. Devono difendere organizzazioni differenti, politici, determinate sfere.

Come sopravvivono i piccoli media come il tuo?
Ho chiesto sovvenzionamenti sia al governo che alle OnG - a Open Society Institute e a Soros Foundation Network, alla World Bank. Abbiamo anche in corso quattro o cinque progetti, incluso quello per promuovere l'integrazione EU. Ho chiesto ai ministeri 3500 LEVA (poco più di 1700 euro ndr.) per questo. Non hanno mai rifiutato di vederci o di parlarci, ma non hanno mai mollato niente. Poi dicono che i Rom sono illetterati e che non c'è nessuno a cui affidare denaro. Ci siamo appellati al Direttorato sulle Tematiche Etniche e Demografiche, per cercare aiuto nel promuovere l'integrazione EU, ma ancora aspettiamo una risposta, che sono sicuro non arriverà. Ho scritto a tutti i ministeri. Abbiamo persino offerto le nostre notizie a tutti i mezzi d'informazione: BTA, 7 Days television, Televisione Balkan Bulgarian, Nova TV, Televisione Nazionale Bulgara. Chiedevamo notizie Romani da 5 a 15 minuti a settimana. Inoltre chiedevamo ai giornali una pagina a settimana per fornire informazioni. Un manager TV o un editore devono essere pazzi nel non intravedere il potenziale guadagno. Se i Rom sapessero di un giornale con le loro notizie, e attualmente ci sono 400.000 Rom in Bulgaria, su 100.000 di quanti sanno leggere e scrivere, sarebbero 50.000 copie vendute in più. Senza parlare di quanti tra gli analfabeti guardano comunque i programmi TV.

In un comunicato stampa, dicesti che Defacto non riuscì ad ottenere un buon volume di vendite, causa mancanza di esperienza. Non pensi sia questa una delle ragioni per cui i media rifiuterebbero di darvi pagine e spazi tv?
Prima dicevano della nostra mancanza di esperienza, ora invece fanno così perché siamo diventati troppo esperti. Dopo quell'esperienza non ho mai detto una parola contro nessuno. Non apro bocca perché vedo intolleranza nei media, nel governo nelle OnG. I giornalisti non sono interessati a coprire le notizie sui Rom, anche quando ci sono fatti positivi. Le OnG sono più tolleranti, ma poi ci dicono: Non dovresti scrivere di politica. Ora, prova ad immaginare come potrebbe essere Defacto se dovesse limitarsi negli argomenti che tratta.

Una volta hai detto che ci sono state minacce contro di voi e che questo ha causato l'interruzione delle pubblicazioni nel 2004.
Ci furono. Arrivavano tutte da gente Rom, tutta istigata dai cosiddetti Turchi.

A che scopo?
Per terrorizzarci, e smettessimo le pubblicazioni.

Perché i Turchi?
Nelle nostre prime uscite ci eravamo contrapposti specificamente al loro Movimento per i Diritti e le Libertà (MRF). Io sono nazionalista e non mi piace quando si dice che hanno tenuto la Bulgaria sotto un giogo per 500 anni. E poi ci fu la dichiarazione di Adem Kenan (capo del non registrato Partito Democratico Turco - che si riferiva alla Bulgaria come a un paese che il suo popolo aveva governato per 500 anni, e ai Bulgari come agli ex-schiavi dei Turchi).

Una volta hai menzionato che a Defacto avete bassi stipendi. Cosa fate per vivere, oltre ai giornalisti?
I casi sono diversi. Due ragazzi sono figli di imprenditori, uno dei loro genitori è nel campo delle costruzioni e l'altro ha una compagnia privata. Tutti gli altri sono figli e figlie di capi Rom, miei conoscenti, e non vogliono che il loro nome sia reso pubblico.

Qui c'è un nome – Polina Marinova.
Polina Marinova è stato tanto tempo fa! [...] Il nostro primo numero fu a marzo novembre. Ora dopo la paura scrivono sotto pseudonimo. Quel numero invece era del 4 settembre, e c'erano le prime avvisaglie.

Quindi, cominciarono pochi mesi dopo che avevate iniziato…
Per telefono. Ero in sede con un mio amico, stavamo bevendo qualcosa. Mentre ci preparavamo per andare, lui azionò l'allarme e io scendevo le scale. In alcuni punti si spensero le luci. Raggiunsi il primo piano e udii qualcuno: "Salve, Nikolai.". Risposi e cominciarono a colpirci e ad urlare: "Vi spariamo!"; erano in quattro o cinque, mai visti prima. Io e il mio amico scappammo fuori. Se il mio amico non fosse stato lì anche lui, chissà come sarebbe finita. Questo nell'aprile 2004. Pensai ad un'intimidazione e al diavolo!, bisognava continuare. Ma in molti si impaurirono. Poi ci fu un episodio simile con una giornalista russa che era in visita. Qualcuno le telefonò e le disse che sapevano dove viveva e che se continuava a lavorare con noi sporchi zingari, gliel'avrebbero fatta pagare.

Da allora quante sono state le minacce che avete ricevuto?
Chi sa dirlo… Non ricordo.

Vi minacciavano per qualcosa di particolare?
No, ci dicevano soltanto: Chi pensate di essere, [...] smettete di scrivere, vi prenderemo voi e le vostre famiglie…

Erano Bulgari o Rom?
Per quanto ricordo dal loro accento, non erano analfabeti, parlavano correttamente. Rom o Bulgari, non so dirlo. Ma so che uno dei due che è stato poi arrestato, era zingaro e probabilmente era in qualche modo collegato a  MRF. In quanto all'altro, ho la certezza che fosse del MRF. Era lui a minacciarci per telefono se non chiudevamo l'agenzia. Così, dopo queste minacce, andai in Inghilterra nell'aprile 2004 e tornai nell'ottobre 2005. Durante questo tempo, feci un bilancio personale e compresi che se avessimo continuato su quei toni, non potevamo aspettarci niente di buono - che so, scrivendo contro Maya Cholakova (Direttrice del Direttorato sulle Tematiche Etniche e Demografiche). Chi ci avrebbe finanziati per  continuare? Dissi a me stesso: se vuoi dare lavoro a più gente, lavoro e stipendi, è meglio rimanere calmi, non urlare tanto. Così, abbiamo smesso di urlare...

Defacto’s website also has an English version, at: www.defacto.hit.bg

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/05/2006 @ 10:46:11, in casa, visitato 2201 volte)

Sul recente convegno dell'8 maggio, ricevo questa cronaca da Nando Sigona (in coda, portate pazienza, aggiungo una critica di Agostino Rota Martir):

Sunto e conclusioni
La tavola rotonda “Contrastare la segregazione abitativa e l’esclusione sociale di rom e sinti in Italia”, organizzata dallo European Roma Rights Centre (ERRC) e da OsservAzione – centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti, ha avuto luogo a Roma negli spazi del MACRO (Museo di Arte Contemporanea). All’incontro hanno partecipato rappresentanti del Consiglio d’Europa, delle autorità italiane e attivisti di organizzazioni rom e sinte, oltre che di gruppi di supporto, provenienti da tutta l’Italia. Nel contributo di apertura, Claude Cahn, direttore dell’ERRC, ha sottolineato l’importanza della decisione del Comitato Europeo per i Diritti Sociali nella vertenza ERRC contro Italia. La decisione, pubblicata a fine aprile, condanna lo Stato italiano per la violazione dell’articolo 31 (diritto alla casa) insieme all’articolo E (principi di anti-discriminazione) della Carta Sociale Europea come conseguenza di politiche e prassi discriminatorie che portano alla segregazione abitativa di rom e sinti. Nella decisione, il Comitato unanimemente dichiara che:
  • La carenza di spazi di sosta per i gruppi rom e sinti itineranti costituisce una violazione dell’articolo 31(1) della Carta Revisionata, letto insieme all’articolo E;
  • Gli sgomberi forzati e le altre sanzioni ad essi associati costituiscono una violazione dell’articolo 31(2) della Carta Revisionata, letto insieme all’articolo E;
  • La mancanza di soluzioni stabili per i rom e sinti sedentari costituisce una violazione degli articoli 31(1) e 31(3), letti insieme all’articolo E.

Alla tavola rotonda, il presidente del Comitato Europeo per i Diritti Sociali, Jean-Michel Belorgey, presentando la decisione del comitato sul reclamo collettivo dell’ERRC contro l’Italia, ha sottolineato che:

  • Rispetto all’applicabilità della Carta Europea Revisionata, gli Stati che hanno ratificato la Carta hanno l’obbligo di applicarla a tutti gli individui che vivono sui rispettivi territori senza riguardo al loro status giuridico. Il fatto che alcuni rom non abbiamo un regolare titolo di soggiorno in Italia non esime lo Stato italiano dal garantire loro le protezioni sancite dalla Carta.
  • Rispetto agli obblighi degli Stati parti della Carta Sociale Europea Revisionata, gli Stati hanno la responsabilità di assicurare che tali principi siano attuati senza riguardo per il fatto che, a causa della decentralizzazione delle strutture di governo del territorio, alcune funzioni particolari siano responsabilità di Comuni e Regioni;
  • Rispetto alla raccolta di statistiche, spetta agli Stati raccogliere regolarmente dati, inclusi dati disgregati secondo l’appartenenza etnica, che riguardano la situazione di quei gruppi ritenuti discriminati.
  • Rispetto alla proibizione di ogni forma di discriminazione razziale sancito dalla Carta, l’assenza di risposte specifiche da parte dello Stato per affrontare la situazione di rom e sinti costituisce una violazione degli obblighi degli Stati parti stabiliti dalla Carta.

Henry Scicluna, il coordinatore delle iniziative per rom e sinti del Consiglio d’Europa, e Adem Bejzak, presidente di Amalipé Romanó, associazione che riunisce i rom dell’area fiornetina, hanno sottolineato
l’importanza della partecipazione dei rom nella preparazione e realizzazione delle politiche rivolte al miglioramento della loro situazione.

Anche il professor Claudio Marta, rappresentante per l’Italia nel gruppo di esperti sulla questione rom del Consiglio d’Europa (MGS-Rom), ha evidenziato il ruolo della partecipazione e ha chiesto un maggiore coinvolgimento di rom e sinti nei processi decisionali.

I partecipanti alla tavola rotonda hanno chiesto la creazione di un Tavolo Nazionale per Rom e Sinti per coordinare gli interventi messi in campo localmente e valutare l’impatto di norme e politiche sulla vita di
queste comunità.

Casi e testimonianze di violazioni dei diritti fondamentali di rom e sinti in Italia da parte di attori istituzionali e non sono stati presentati da Nando Sigona e Lorenzo Monasta di OsservAzione, sulla base di uno studio condotto in numerose regioni italiane. Il rapporto “Cittadinanze Imperfette” (Edizioni Spartaco, 2006), che riassume i risultati dello studio, raccoglie nel dettaglio casi di esclusione e discriminazione di rom e sinti in ambito lavorativo, scolastico e abitativo. I dati raccolti dimostrano come molte politiche e prassi adottate dalle autorità italiane si fondano su un radicato anti-ziganismo. La nozione di “nomadismo”, imposta anche su persone che nomadi non sono, ha determinato una politica di segregazione dei rom dalla società maggioritaria e ostacolato la loro partecipazione.

Persistenti e diffusi stereotipi sullo “zingaro criminale”, secondo il professor Simoni del Network Europeo di Esperti Indipendenti sui Diritti Fondamentali, hanno prodotto effetti distorti e discriminatori
nell’applicazione della giustizia in sede processuale.

Guardando a possibili strategie per il futuro, i partecipanti hanno discusso possibili forme di cooperazione tra l’UNAR, ufficio nazionale anti-discriminazione razziale, e le associazioni impegnate nella difesa
dei diritti di rom e sinti. Antonio Giuliani dell’UNAR ha discusso della trasposizione della Direttiva Europea 43/2000 nel sistema italiano, evidenziando la possibilità per le associazioni a difesa dei diritti di
rom e sinti di agire in giudizio a difesa dei diritti individuali e collettivi.

Infine, i partecipanti hanno anche chiesto all’UNAR di avviare un’ampia consultazione con associazioni e esperti al fine di dettagliare una strategia volta ad affrontare i problemi di razzismo e discriminazione
contro rom e sinti in Italia.
 


European Roma Rights Center (ERRC) è un organizzazione internazionale di pubblico interesse impegnata in numerose attività dirette a contrastare le violazioni dei diritti umani dei rom e il razzismo, in particolare attraverso azioni legali strategiche, campagne di sensibilizzazione internazionali, ricerche e raccomandazioni alle autorità, formazione di attivisti rom. Per ulteriori informazioni: http://www.errc.org

OSSERVAZIONE - centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti, è un’associazione di promozione sociale impegnata in attività dirette alla lotta all’anti-ziganismo e alla promozione dei diritti umani di rom e sinti in Italia. Per ulteriori informazioni: http://www.osservazione.org

La tavola rotonda è stata realizzata con il supporto della commissione Europea come parte del progetto transnazionale finanziato dall’ EU Community Action Programme to Combat Discrimination e realizzato da International Helsinki Federation for Human Rights (IHF), European Roma Rights Centre (ERRC) e European Roma Information Office (ERIO) nel periodo 2005-2006.

Nando Sigona
osservAzione - Centro di Ricerca Azione contro la Discriminazione di Rom e Sinti
email: postmaster@osservazione.org
web: www.osservazione.org
 


Da Agostino Rota Martir: Un amico mi ha inviato il programma di questo convegno sui Rom e Sinti...dove nessun intervento dei diretti interessati è previsto. Ma non è una novità, purtroppo!
Come sempre, parlano gli "esperti" dei Rom per i Rom... quando poi c'è la Comunità Europea che finanzia i "furbetti" non mancano mai.
Ciao Ago
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


28/02/2017 @ 06:25:38
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 926 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source