Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 31/12/2012 @ 09:04:08, in scuola, visitato 940 volte)
ЕТНОСИ Borsa di studio per Rom qualificato miglior studente in tre università

"Da bambina volevo diventare un medico e aiutare i malati. Sia perché mi piace aiutare le persone, gli altri - ma anche perché questa professione è molto redditizia", afferma Antonia Valentinova, che ha ricevuto un premio come studente candidato di maggior successo medico.

E' stata adottata simultaneamente in tre facoltà di medicina - Sofia, Pleven e Varna, con un punteggio molto alto. Ha scelto di studiare nella capitale. In preparazione per gli esami, Antonia viene aiutata dal programma di borse di studio per gli studenti di medicina e medici laureati rom - una iniziativa del progetto "Rom Salute" - programma di borse di studio Roma Education Fund e dell'Open Society Institute di Budapest, con i partner Amalipe e Promedia. Il progetto mira a sostenere l'istruzione superiore degli studenti rom, nelle specialità di medicina, farmacia, ostetricia, radiologia, riabilitazione e gestione della salute.

[...] Oggi Antonia è convinta che il suo successo sia dovuto principalmente al sostegno avuto dal programma. "Esplorando il mondo della medicina, da loro ho imparato molto. Siamo stati e continuiamo ad essere una buona squadra con insegnanti e colleghi, anche quelli in altre università," dice un'altra ragazza. Sicuramente il sogno diventa più grande.

Antonia ha ricevuto una borsa di studio che copre costo di iscrizione, libri di testo e articoli di cancelleria. Oltre a questo il supporto per gli studenti delle scuole superiori mediche e professionali e collegi e medici laureati, il programma funge da mentore sul campo, per giovani accademici e professionali e la loro formazione.

Sono stati premiati durante una cerimonia dei partecipanti al progetto il vice ministro della sanità, Desislava Dimitrova, e il vice ambasciatore degli Stati Uniti, Brian Dalton. Antonia si definisce una donna fortunata. Il suo messaggio a colleghi ed amici è la sua frase preferita di Louis Pasteur: "La felicità aiuta la mente ben preparata."

Il progetto ha ricevuto premi e studenti mentori - ". Yordanka Filaretova" Prof. Ivaylo Tarnev coinvolti nel programma sin dal suo inizio, ostetrico-ginecologo dottor Krassimir Kamburova Romanov e Galia, professore presso il Medical College / Salute

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/12/2012 @ 09:03:27, in media, visitato 1234 volte)

Amisnet.org A cura di Marzia Coronati - 13 dicembre 2012 (Immagine di Napoli Monitor)

Alla fine degli anni '80 Danilo Dolci, educatore, poeta e attivista della nonviolenza italiana, lanciò un'iniziativa per la costituzione di un manifesto sulla comunicazione. Spaventato dal nuovo modo di comunicare dei media e del potere da essi generato, Dolci propose di ridefinire il significato di comunicazione, intesa come possibilità aperta a tutti di parlare e strumento di crescita e creatività di una persona. Il manifesto sulla comunicazione non violenta di Dolci ci guiderà nell'approfondimento di Terranave di questa settimana, dedicato al comunicare e alle alternative alla comunicazione di massa. In particolare parleremo di due scuole di pensiero: la comunicazione non violenta e la comunicazione ecologica. In chiusura Lianka Trozzi nella sua rubrica "A testa in giù" ci darà alcuni suggerimenti per realizzare regali di natale sostenibili.

"Oggi più che mai saper distinguere trasmettere da comunicare è un'operazione non solo mentalmente essenziale alla crescita democratica del mondo: la creatività di ognuno, che si esplicita nel comunicare, se comunitariamente valorizzata, acquista un enorme potere ora per grandissima parte sprecato". Comunicare, legge della vita. Bozza di manifesto. Danilo Dolci

Quando nel 1988 Danilo Dolci lanciava l'idea della costituzione di un manifesto sulla comunicazione, al suo appello risposero moltissimi personaggi della cultura internazione, da Chomski a Freire, da Levi Montalcini a Don Ciotti. La necessità di contrastare una comunicazione a senso unico, incapace di suscitare partecipazione e creatività, era palese a tutti. Era più che mai indispensabile fare qualcosa, prima che ci si abituasse del tutto a subire passivamente le proposte del sistema. Insomma, per riprendere in mano le nostre vite bisognava riniziare a comunicare, e non semplicemente a fare da ricettori di informazioni veicolate dall'alto. "Senza comunicare non si può pianificare democraticamente, organicamente, affrontando con
responsabilità, in modo salubre, i problemi" si legge nel Manifesto "non si devono dare responsabilità civili, soprattutto nazionali e internazionali, a persone non esperte nel vero comunicare".

Sono molti gli studiosi che oggi lavorano sulla comunicazione e sull'interazione. Nei suoi viaggi per l'Italia Terranave è atterrata a Upacchi, in provincia di Arezzo. Qui ha conosciuto Eva Lotz, facilitatrice in comunicazione ecologica. Inventata dal terapeuta Jerome Liss, il fondatore della scuola italiana di biosistemica scomparso solo poche settimane fa, questa metodologia di basa sul presupposto che per raggiungere degli scopi collettivi è necessario sapere gestire sia l'ascolto che il modo di mandare messaggi.

La comunicazione ecologia ha molti punti inc omune con la comunicazione non violenta dello psicologo statunitense Marshall Rosenberg. Con questa definizione Rosenberg intende il modo naturale di comunicare degli esseri umani. Secondo questa teoria tutti gli esseri umani vengono al mondo comunicando in un modo legato alla vita, ai propri bisogni, ai propri sentimenti, ma con il trascorrere degli anni perdono questa capacità, confondendo sempre più l'osservare con l'interpretare, il comunicare dal trasmettere.

Clicca qui per ascoltare la puntata di questa settimana di "A testa in giù", curata da Lianka Trozzi.

Ospiti della puntata:
Eva Lotz, Ecovillaggio Upacchi
Vilma Costetti, Centro Esserci

In redazione: Lianka Trozzi, Ciro Colonna

Terranave è un programma a cura di Marzia Coronati

Proponete la vostra alternativa a radioterranave@gmail.com

Terranave è trasmesso da:
Radio Popolare Roma (Roma, 103.3) domenica 9,30
Radio Flash (Torino, 97.6) giovedì 20,00
Radio Kairos (Bologna, 105,85) venerdì 15,30 – replica sabato 20,30
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) domenica 13,30
Radio Indygesta (Web Radio)
Radio Onda d'urto (Brescia, cremona, Piacenza, 99.6) mercoledì 13,00

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/12/2012 @ 09:05:43, in lavoro, visitato 899 volte)

immagine da Museumsyndicate.com: mercato dei cavalli

Tienda, per chi non orecchia lo spagnolo, è il negozio, ma suona simile a quella che noi chiamiamo Tenda, la Cerga in romanés.

In tempi di fame e di crisi, per tutti - non soltanto per Rom e Sinti, ho rispolverato un vecchio servizio di Mahalla che era finito in pensione per mancanza di annunci: una pagina di annunci economici e di lavoro, dove tutti possono postare curriculum, pubblicità e piccole segnalazioni. Intanto, già nella versione di pre-lancio ci sono 3 pagine di annunci.

E poi ditemi che non vi penso!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/12/2012 @ 09:08:03, in Europa, visitato 825 volte)

Da Roma_Benelux

Rom: la discriminazione positiva è controproducente, stima un senatore par Michel Tendil - Intégration Publié le jeudi 13 décembre 2012

L'evacuazione dei campi illegali, i villaggi d'inserimento, gli aiuti al rimpatrio... Niente di tutto ciò risolve il problema dei Rom, stima il senatore Michel Billout in un rapporto reso pubblico il 23 dicembre. Dove chiede di uscire dalle misure di discriminazione positiva ed invita l'Unione Europea a semplificare le misure di aiuto.

Proseguono le espulsioni di Rom dai campi illegali, ma senza portare niente di duraturo, dice il senatore comunista Michel Billout in un rapporto reso pubblico il 13 dicembre. "Ogni volta che c'è uno sgombero, non si fa altro che spostare il problema da un quartiere all'altro, incrementandolo," spiega. Raggruppandoli, "finiamo col ritrovarci insediamenti di 400 Rom e oltre, sistemati in vere e proprie bidonville... Così diventa più difficile per gli attori locali trovare delle soluzioni." Secondo il senatore, la circolare 12 agosto 2012, che impone una diagnosi dei bisogni prima di qualsiasi espulsione ed una sistemazione alternativa, nel pratico non viene rispettata.

Vittime di tratta

Il senatore, il cui rapporto è stato adottato settimana scorsa dalla commissione affari europei, ha anticipato la decisone del ministro degli interni di interrompere gli aiuti finanziari ai ritorni volontari. In effetti Manuel Valls ha dichiarato venerdì 7 dicembre che questi aiuti avevano "effetti perversi", creando "un circuito tra la Romania e il nostro paese" e che per questo andavano cancellati. Di questi 300 euro per adulto e 100 euro a bambino, nel 2011 hanno beneficiato 10.608 persone, di cui una maggioranza di Rumeni, un costo compreso tra i 5 e i 10 milioni di euro per anno. Ma "hanno creato una vera boccata d'aria", dice il senatore. "Non c'è da sorprendersi quando si sa che il biglietto del bus tra Romania e Francia è di circa 60 euro", indica nel suo rapporto. In cambio, il senatore propone di destinare più fondi per l'inserimento di quanti intendano creare attività economiche di ritorno nel loro paese d'origine. Questo aiuto garantisce che "il ritorno sia una scelta effettiva, inscritta in un progetto di vita". 80 famiglie dovrebbero beneficiarne in virtù di un accordo firmato il 12 settembre durante la tappa di Manuel Valls a Bucarest.

Il senatore si difende dall'accusa di "buonismo". Secondo lui, la presenza dei Rom in Francia (tra i 15.000 e i 40.000 secondo le stime, tenuto conto dell'assenza di statistiche) non è esente da problemi. "Non nego che oggi ci siano reti criminali che operano con i Rom, ma penso che la gran parte dei Rom siano vittime dello sfruttamento della prostituzione, di reti che impieghino bambini ed adolescenti, in particolare per furti e borseggi...", tiene a precisare. Senza parlare del furto di metallo in cui queste reti si sono specializzate. Recentemente l'Osservatorio Nazionale sulla Delinquenza e le Risposte Penali (ONDRP) ha allertato sulla portata di questo fenomeno esploso negli ultimi anni, soprattutto riguardo la rete ferroviaria. Attualmente si è svolto a Montpellier un processo eccezionale a carico di una rete di 41 Rom accusati di aver rubato circa 400 tonnellate di rame tra il 2010 e il 2011...

"Riserve indiane"

Ma per Michel Billout "non si può combattere il reddito illegale senza favorire il reddito legale." Ma, secondo lui, esistono molti ostacoli. Soprattutto nel mercato del lavoro. Il senatore chiede alla Francia di eliminare tutte le disposizioni transitorie che limitano sino alla fine del 2013 l'accesso al mercato del lavoro:  titolo di soggiorno, autorizzazione al lavoro. Se degli accorgimenti sono già stati presi, come la soppressione della tassa dovuta all'Ufficio Francese dell'Immigrazione e dell'Integrazione (OFII) e l'allargamento dell'elenco dei mestieri, mantenere queste disposizioni transitorie "appare profondamente discriminatorio e difficilmente comprensibile", insorge Michel Billout che paragona nella sua relazione, i 10.000 rumeni o bulgari attivi ai "330.000 lavoratori stranieri -a basso costo- che hanno lavorato in Francia nel 2012 nel quadro delle operazione aggiudicate a prestatori stranieri." Cifre provenienti dal ministero del Lavoro, ma sminuite dallo stesso, che ora parla di 145.000 dipendenti distaccati.

Soltanto che spesso i Rom non hanno i livelli di qualificazione richiesti. Oltre ad un migliore accesso all'istruzione secondaria ed all'università, come "problema reale", il senatore incoraggia il ricorso a futuri posti di lavoro.

Michel Billout rifiuta ogni misura di "discriminazione positiva" che secondo lui si rivelerebbe "controproducente". Si mostra prudente riguardo ai villaggi d'inserimento, spesso presentati come una panacea: "Se si vuole creare delle riserve indiane accettabili, ci si sta sbagliando," considera. Più in generale, c'è bisogno di strategie nazionali per l'inclusione dei Rom, che Bruxelles ha chiesto a tutti gli stati membri, preferendo loro le politico del "diritto comune". Chiede in cambio all'Unione Europea di semplificare il proprio sistema di aiuti attraverso i Fondi sociali Europei. Spiega che in Francia, un consiglio generale ha dovuto mobilitare "cinque funzionari per sei mesi" per completare un documento sui finanziamenti ai villaggi d'inserimento. Complessità spesso proibitive per le associazioni e le comunità, soprattutto nei paesi d'origine: la Romania non usufruisce che del 10% dei suoi crediti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/12/2012 @ 09:00:03, in lavoro, visitato 959 volte)

strill.it Sabato 22 Dicembre 2012 19:15 Comunicato stampa dell'Opera Nomadi di Reggio Calabria:

Il 20 dicembre 2012 il Consiglio Provinciale ha approvato un importante regolamento che permette la gestione dei rifiuti non pericolosi in forma ambulante come previsto dal Testo Unico Ambientale, Dlgs 152/2006 articolo 266 comma 5.

Questo provvedimento è molto interessante per diversi motivi. Crea le condizioni perché anche i cittadini con reddito basso possano realizzare legalmente delle attività lavorative nel settore della gestione dei rifiuti destinati al riciclo. Sviluppa del lavoro con il quale dei rifiuti non pericolosi verranno riciclati, senza che questo comporti un aggravio per le tasse dei cittadini.

Il regolamento in riferimento al Testo Unico sull'Ambiente stabilisce che la licenza di un cittadino che si costituisce come ditta ambulante possa prevedere assieme alle altre attività di ambulantato esercitate anche la gestione, con modalità semplificate, di piccoli quantitativi di rifiuti non pericolosi .

In questo momento di grave crisi il regolamento consentirà a tanti ambulanti di integrare le loro attività, ma soprattutto a tutti coloro che gestiscono senza licenze i rifiuti metallici di regolarizzare questa attività che da sempre costituisce una risorsa per la raccolta differenziata.

La richiesta di questo regolamento è stata avanzata dall'Opera Nomadi nell'ambito della campagna di lotta al razzismo contro i Rom, denominata Dosta!, che è stata realizzata a Reggio Calabria dall'Ufficio Nazionale Antirazzismo il 5/6 dicembre u.s. ed è stata ospitata nella sede dell'ente Provincia.

L'associazione ha potuto avanzare questa richiesta grazie alla collaborazione offerta da Carlo Berini e da Radames Gabrielli, responsabili della Federazione Rom e Sinti insieme, i quali hanno fornito tutte le informazioni necessarie sullo stesso regolamento già applicato con successo dalla Provincia di Bolzano e sull'articolo 266 del Testo Unico sull'Ambiente che prevede una semplificazione degli adempimenti per la gestione dei rifiuti non pericolosi in forma ambulante .

La motivazione che ha spinto l'Opera Nomadi è stata la necessità di regolarizzare l'attività di gestione rifiuti metallici realizzata dai rom in tutto il territorio provinciale. Attività che ad oggi costituisce il lavoro principale di questo gruppo, ma che, fino ad oggi, non è stato possibile regolarizzare a causa delle condizioni onerose imposte dalla normativa generale di settore. L'articolo 266 offre però una via percorribile per la regolarizzazione.

E' chiaro che questo provvedimento, pur essendo stato richiesto per un gruppo di persone, è rivolto a tutti i cittadini della provincia di Reggio Calabria, perché porterà benefici non solo a coloro ( rom e non ) che realizzano attività di commercio ambulante ma all'intera comunità per la questione dei rifiuti. Difatti potrà essere uno degli strumenti utili alla costruzione di un sistema-rifiuti moderno finalizzato a potenziare il riciclo ed il riuso dei rifiuti, riducendo il conferimento nelle discariche e negli inceneritori.,

Riconoscendo l'utilità di questo regolamento l'ufficio di presidenza del Consiglio provinciale ha trasmetto il provvedimento alla Regione Calabria invitando gli organi del governo regionale ad applicarlo anche a livello regionale.

Data l'importanza che questo provvedimento riveste per il nostro territorio riteniamo doveroso ringraziare per la sua approvazione tutti i Consiglieri provinciali, il presidente Dr Raffa, la Consigliera di Parità D.ssa Daniela De Blasio, il dirigente del settore ambiente Ing. Barbaro, il responsabile del procedimento Dr Postorino, ma in modo particolare il presidente del Consiglio Dr Eroi che ha accolto e promosso questa iniziativa .

Reggio Calabria, 22 dicembre 2012
Il presidente: Sig. Antonino Giacomo Marino


Sull'argomento, anche ilDispaccio.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 26/12/2012 @ 09:06:48, in lavoro, visitato 790 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/12/2012 @ 09:10:47, in scuola, visitato 952 volte)

IlSole24ore 21 DICEMBRE 2012 - 10:18 Il futuro dei consumi di Roberto La Pira Riceviamo e pubblichiamo questa testimonianza:

La temperatura in questi giorni gira intorno allo zero. Neve, freddo, nebbia. Mi telefona Florina e mi chiede un paio di scarpe n° 36, le sue si sono bagnate con la neve e non si sono più asciugate, a "temperatura ambiente" non è possibile. Da una settimana non va a scuola perché non ha le scarpe. Vive con i genitori nello scheletro di una fabbrica non terminata.

Ho della frutta e qualche panettone, vado a trovare Luminita e i suoi figli. Mi offre un caffè, entro nella baracca rischiarata dall'alcool che brucia in una lattina scoperchiata di aranciata; il sistema di sicurezza è la pentola dentro cui la lattina è posta. Albert, sette anni toglie il quaderno dallo zaino per farmelo vedere; tratti incerti, un po' troppo per un bambino che fa la seconda, ma gli brillano gli occhi quando parla dei compagni e della sua maestra. Entra anche Monica, che ha iniziato l'asilo quest'anno.
Chi sono questi bambini che vivono in baracca, senza luce, senza riscaldamento, senza acqua e spesso con poco cibo? In quale città siamo?

Siamo a Milano, periferia est, ma qualunque altra periferia andrebbe benissimo perché i luoghi disprezzati diventano casa per tanti bambini, per i loro papà e per le loro mamme, che non hanno altra possibilità se non quella di "occupare abusivamente" ciò da cui chiunque di noi si tiene assolutamente lontano.
Sono i miei amici rom che ci abitano. Anche per loro il freddo, la fame, la mancanza di elementi primari sono duri e brutti. Non vivono lì perché è la loro indole, vivono lì perché la loro povertà non consente altro. Unica speranza è che le forze dell'ordine non distruggano anche la poca protezione che una baracca può offrire. Incontro questi bambini e i loro genitori a scuola, li incontro andando a trovarli, accompagnandoli a fare le vaccinazioni, ascoltando le loro storie e i loro sogni, che sono quelli di tutti noi.

Cara Florina, le scarpe ora non le ho, ciò che arriva riparte subito, ma te le cerco in fretta. Di bambini come lei e Albert, Monica, ce ne sono tanti a Milano, arrivano a scuola con tanta fatica addosso, con tante difficoltà, ma anche con tanta voglia di farcela, e i loro genitori fanno il possibile per fare sì che la storia bella della scuola continui, e che i loro figli siano come gli altri bambini.
Storie che vanno sostenute innanzitutto guardando questi bambini con occhi diversi e apprezzando la loro fatica. Storie che, se accompagnate, rendono Milano una città più giusta e aprono strade di cittadinanza a bambini altrimenti destinati all'esclusione.

Chi volesse aiutare i bambini delle baraccopoli milanesi, può scrivere a santegidio.rubattino@gmail.com

Flaviana Robbiati

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 25/12/2012 @ 09:02:34, in Kumpanija, visitato 813 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/12/2012 @ 09:09:06, in Regole, visitato 909 volte)

Da Hellenic_Roma

NEWEUROPEonline I Rom greci vincono caso sui diritti umani | DECEMBER 12, 2012 - 5:36PM | BY STANISLAVA GAYDAZHIEVA

EPA/ROBERT GHEMENT

La Corte Europea sui Diriiti Umani (CEDU) ha dichiarato oggi che le autorità greche hanno mancato di integrare i bambini rom nel normale sistema scolastico. Questo si pone anche come discriminatorio nei loro confronti.

I ricorrenti nel caso Sampani ed Altri contro la Grecia erano 140 rom, tutti di cittadinanza greca, che denunciarono in tribunale l'iscrizione dei loro figli nel XII istituto di scuola primaria di Aspropyrgos, frequentato esclusivamente da bambini della loro comunità e con un livello di istruzione inferiore a quello delle altre scuole.

La XII scuola elementare venne aperta venne aperta nel 2008, per sostituire una annessa alla X, frequentata principalmente dai bambini rom, ma aperta anche a quelli non-rom. Le venne assegnato lo stesso bacino di utenza, come gli istituti IX e X.

Tuttavia, a causa del deterioramento estivo dello stato delle strutture scolastiche, il ministero dell'istruzione ha chiesto al sindaco di Aspropyrgos ed al prefetto dell'Attica occidentale di approvare la fusione tra il XII e l'XI istituto. Il prefetto ha rifiutato per motivi sociali, culturali ed educativi.

Il difensore civico è poi intervenuto, dichiarando che la mancata applicazione del DPR n. 201/1998 - secondo il quale tutti gli alunni che risiedono nel particolare bacino di una scuola devono essere trasferiti lì - anche se non richiesto dai loro genitori- aveva avuto l'effetto di trasformare il XII istituto in una "scuola ghetto", dato che nessun alunno non-rom vi è stato iscritto.

Secondo la CEDU c'è stata una forte presunzione discriminante contro i ricorrenti, per aver iscritto ai loro figli alle classi speciali in un edificio separato dal X istituto, oltre ad una serie di incidenti a sfondo razziale provocati da genitori non-rom.

Per terminare, la corte ha ritenuto che la Grecia debba pagare 1.000 euro ad ogni famiglia ricorrente, per danni non-pecuniari e 2.000 euro, sempre a famiglia, per spese e costi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/12/2012 @ 09:05:08, in scuola, visitato 838 volte)

Il 50% dei nuovi utenti delle biblioteche appartengono alle minoranze

[...] lo dice all'agenzia "Focus" Trendafil Meretev, di "Biblioteche globali".

"Ha provocato grande interesse tra i bulgari che rom e turchi trovino le librerie un posto molto interessante," dice Trendafil Meretev. "Anche se in un primo momento è quasi un gioco, vanno lì per l'accesso ai libri e ad altri tipi di servizi forniti dalle biblioteche. Inoltre, imparano a comunicare meglio tra di loro, ed essendoci molti altri bambini, la biblioteca diventa un luogo di attività sociale per tutti gli utenti."

Ha aggiunto che un buon esempio di ruolo moderno delle biblioteche pubbliche sono i paesi nordici - Finlandia, Svezia, Danimarca ed in occidente - Inghilterra e Paesi Bassi.

"Ci sono molti esempi di biblioteche pubbliche valorizzate, in cui le persone sono realmente attive. La direzione delle nostre biblioteche lascia molto a desiderare, confrontata con quelle simile in Europa occidentale, soprattutto negli Stati Uniti. Per esempio, negli USA il 65% della popolazione frequenta le biblioteche, mentre in Bulgaria la percentuale è inferiore al 10%. Anche questo è importante," ha concluso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


24/02/2017 @ 22:41:48
script eseguito in 31 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2263 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source