Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...



Per progetto di prossimo finanziamento, la redazione di MAHALLA cerca traduttori dall'italiano all'inglese.
Per chiarimenti e contatti, inviare un'email. Grazie
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : lavoro (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/04/2014 @ 09:06:37, in lavoro, visitato 148 volte)

Chiedevo pareri settimana scorsa. Ho raccolto qualche MI PIACE su Facebook e basta, come va di moda in questi periodi di afasia, in cui tutti ci sono, ma ancora non hanno capito perché. Più articolato un tweet da U VELTO:

    @info_mahalla @Ass_21_luglio noi siamo convinti della bontà del progetto, ma le questioni poste dovrebbero portarci ad una seria discussione

che comunque non fornisce molti elementi.

Così il sospetto è che queste prime (chiamiamole) risposte, siano il corrispettivo di un PAT PAT sul testolone: Bravo ragazzo, ma perché non parliamo delle solite cose trite e ritrite? Facciamo finta di niente, e tra un po' nessuno si ricorderà niente. PILLOLA ROSSA o PILLOLA BLU?

Allora ci riprovo, che al solito mi tocca da fare tutto da solo. Al mio autismo aggiungo un po' di peperoncino, quello tipico di Mahalla, vedendo se qualcuno si sveglia.

Io credo che la questione della mediazione abbia assunto un aspetto MERAMENTE CULTURALE, e vada riportata coi piedi per terra per evitare fallimenti o fraintendimenti futuri.

Il primo dato di fatto, era il SOSTANZIALE ESAURIMENTO delle politiche di mediazione del passato. Tra gli aspetti di questa crisi:

  • l'abbandono a se stessi dei mediatori passati;
  • lo svilimento del ruolo, che non avendo mai avuto competenze e orari ben definiti, non si è mai tramutato in una professione, né tantomeno ha generato introiti interessanti per i mediatori, che quindi hanno finito per vederlo come una soluzione (personale) di ripiego.

Il fatto che non sia facile avere un quadro del destino, della storia di questi mediatori, e nel contempo un bilancio dei risultati ottenuti, mette un'ipoteca su come continuare.

L'altro aspetto critico è che questi mediatori, chiusi in un ruolo ibrido che nel mondo del lavoro è difficilmente classificabile, in passato erano soprattutto persone mature di riferimento per la comunità, oggi vanno caratterizzandosi come giovani rom e sinti, che potrebbero entrare nel mondo degli studi (da quelli primari a quelli universitari) e del lavoro.

IMPORTANTE: non è solo un parametro economico. In che ambiti opera un mediatore? Lui per prima vive la ghettizzazione, nel campo e con i suoi abitanti, e rapportandosi col mondo esterno solo attraverso figure di riferimento altrettanto mediate. Un muratore, un facchino, ma anche uno studente, non solo hanno più possibilità di carriera, ma sono obiettivamente meno isolati dalla società maggioritaria (e reale).

Però, anche se si ripete che occorrerebbe investire in istruzione e formazione lavoro, da tempo s'è formata una strana alleanza tra burocrati europei e autonominatisi rappresentanti di rom e sinti (che questi rappresentanti siano gagé, come nel passato, o rom e sinti come sta succedendo ultimamente, non cambia la logica). Un effetto collaterale di questastrana alleanza, è che la mediazione da luogo a congressi, convegni, tavole rotonde...  La mediazione diventa un po' come l'università nella società nostra: non più un trampolino verso un miglioramento personale e sociale, ma parcheggio per giovani che il mercato del lavoro non può e non vuole assorbire (o non sa come farlo).

Tutti questi aspetti mi portano a concludere che l'opportunità non sta nella carriera di mediatore culturale, ma nell'organizzazione dei corsi e di tutta la campagna per formare queste figure perché, se ormai abbiamo imparato che i campi-sosta sono ghetto e business, dovremmo coerentemente dare un occhio ad altri aspetti similari dello zingarificio italiano ed europeo.

Ciliegina finale: candidata alle elezioni europee troviamo proprio la responsabile italiana di ROMED2-ROMACT, e allora questa candidatura potrebbe essere meno folkloristica che nelle tante volte passate, anche se da scommettitore non sarei sicuro che Tsipras possa essere il cavallo più adatto alla corsa verso Bruxelles.

Ne riparliamo settimana prossima, se il peperoncino di Mahalla non è bastato si può sempre aumentare la dose. COME SEMPRE, SENZA OFFESA.

 
Di Fabrizio (del 09/04/2014 @ 09:01:02, in lavoro, visitato 177 volte)

immagine da Didaweb-mediazione culturale

Vorrei fare ragionamenti magari antipatici, ma realistici, da continuare anche in seguito se ci fosse interesse sull'argomento.

Lo scorso gennaio veniva lanciato ANCHE in Italia il programma ROMED2-ROMACT. Qualche giorno prima, stavo parlando con una romnì, mediatrice scolastica, già sottopagata e che da qualche mese non riceveva nessuno stipendio. Forse ingenuamente, mi chiedeva come mai lei non fosse stata interpellata e chi potesse far valere i suoi diritti.

Partirò da queste due facce della stessa medaglia per alcune considerazioni:

  1. Cominciando con la mia amica: è mediatrice scolastica (non mediatrice culturale) da decenni. Per quanto abbia ormai una più che discreta professionalità, con le sue competenze non saprebbe ricollocarsi sul mercato del lavoro. Quindi è "condannata" ad un lavoro magari utile professionalmente, magari persino appagante per chi altrimenti sarebbe disoccupata.
  2. Ho conosciuto in passato mediatrici sanitarie (non mediatrici culturali), che da tempo, per esaurimento delle convenzioni, hanno smesso di esserlo. Nessuna è mai riuscita a "riciclarsi" nei campi sanitario - infermieristico - assistenziale. Incapacità loro, formazione professionale insufficiente, o il vecchi paradigma che se sei rom ti chiudono comunque la porta in faccia (al di là della tua preparazione o della tua motivazione)?
  3. La somma dei primi due punti da come risultato un quasi-lavoro, che rischia di mantenerti nel tuo ambito di sempre (che può essere il campo-sosta, o la consorticola politico-intellettuale del padrinato socio-assistenziale), e l'illusione di avere un ruolo sociale attivo nell'emancipazione del tuo gruppo (o quantomeno personale). Ma col passare del tempo, quella che potrebbe essere una palestra per affrontare la società esterna e passare ad un'occupazione che interagisca con la società maggioritaria, diventa una gabbia autoreferenziale e parimenti ghettizzante.

Il primo interrogativo è puramente STATISTICO: quanti Rom e Sinti che in passato hanno svolto ruoli (retribuiti) di mediatori, hanno mantenuto l'occupazione sino a oggi? Con quali risultati (personali e collettivi)? Se oggi non lo sono più, cosa fanno? L'attuale rilancio della figura dei mediatori (culturali o no), tiene conto dei risultati precedenti?

La seconda questione riguarda l'aspetto politico-economico: in queste politiche

  • il gagio (o il rom "gagizzato") è un CONSULENTE;
  • il rom o il sinto è un MEDIATORE.

Non è solo un gioco di parole: il CONSULENTE mercanteggia il proprio compenso (alto o basso che sia), il MEDIATORE no.

Ciò detto, qual è il compenso di un mediatore, quale il suo orario, quali i suoi compiti? Le ultime due domande, purtroppo, si prestano alle risposte più varie: i compiti ognuno li interpreta come crede, e anche l'orario finisce per essere una cosa discrezionale. Quanto al compenso, se torno alle figure conosciute in passato, per quanto in periodi meno caratterizzati dalla crisi odierna potessero far gola ad una popolazione il cui tasso di disoccupazione rimane il più alto in Europa, quanti di loro se la passavano meglio facevano comunque conto su altre fonti di ingresso. Dal punto di vista economico, la figura di mediatore non significava in alcun modo l'AUTONOMIA.

Per il momento, non entro nelle questioni dei compiti, della corresponsabilizzazione e della formazione professionale.

Il mio parere (ma discutendone sono disposto a cambiarlo) è che OGGI la mediazione culturale è un business per chi la propone, per chi organizza e gestisce la fase di START UP, piuttosto che un'opportunità lavorativa che porti all'emancipazione.

Noto anche che l'Italia, arrivando buon'ultima anche in questo caso rispetto ad altre esperienze europee, può scegliere tra scimmiottare quanto sta già accadendo altrove o viceversa provare a ribaltare questa deriva propria dell'Unione Europea.

Soluzioni? Non ne ho, ecco il senso del discutere. A pelle, proprio guardando quanto sta GIA' ACCADENDO in Europa, ho l'impressione che quei fondi potrebbero essere spesi meglio se dedicati ad una pragmatica politica di scolarizzazione e di formazione lavoro. Ma, anche qua, discutiamone.

Se qualche lettore si fosse, a torto o ragione, impermalosito, non avevo l'intenzione di provocarlo, anche perché quando ho avuto l'occasione pure io ho partecipato a programmi di mediazione.

Approfondimenti:

#mediazioneculturale #europa

 
Di Fabrizio (del 13/02/2014 @ 09:05:50, in lavoro, visitato 205 volte)


08 febbraio 2014 - La relazione dell'Occhio del Riciclone da il punto sulla situazione dei rom nelle città italiane, in merito alle attività lavorative collegate al settore: "Occorre combinare opportunità di formazione e di reddito, creando centri di riuso e riparazione, aree di libero scambio e sportelli municipali"

ROMA - Il rapporto nazionale sul riutilizzo 2013, presentato dalla rete nazionale di operatori dell'usato e realizzato dal centro di ricerca economica e sociale "Occhio del riciclone", con il patrocinio del ministero dell'Ambiente, fa il punto sulla situazione dei rom, nelle città italiane, in merito alle pratiche e attività lavorative collegate al settore. "Siamo di fronte ad un vero e proprio know-how", racconta Gianfranco Bongiovanni, responsabile sociale del lavoro per l'organizzazione "Occhio del riciclone"- "si deve trovare il modo per formalizzare soluzioni concrete, combinando opportunità di formazione e di reddito, basterebbe seguire alcuni semplici passi, creare centri di riuso e riparazione per la raccolta e selezione dei beni usati, istituire aree di libero scambio, aprire sportelli municipali per le fasce deboli, far emergere le microimprese e costituire cooperative sociali".

Come ha fatto il comune di Torino, "che dal 2010 ha creato un'area di libero scambio dove si ritrovano Rom, comunità straniere, ex-operai, cassaintegrati. Sono due le zone in questione e una di queste è all'interno dello storico mercato del Balan, nel quartiere Borgo Dora, ed è un'area gestita dall'associazione omonima (Balan), l'altra in piazza della Repubblica, ed è l'associazione Bazar project che se ne occupa".

Riguardo a questa tematica, negli ultimi anni, "Roma ha fatto invece passi indietro nell'opportunità di includere le economie informali, all'interno di una gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti e nell'inclusione sociale di queste attività". "Il comparto dell'usato è un ammortizzatore sociale naturale, poiché chi ha mancanza di capitali la prima cosa che fa è vendere ciò che possiede oppure gli oggetti non utilizzati della propria rete di conoscenze, questi beni costituiscono una risorsa economica per il sostentamento del proprio nucleo familiare", dice Bongiovanni. Con il tempo, questi mercati, dove lavoravano i Rom, sono stati chiusi, creando così fenomeni di caporalato e taglieggiamento a operatori Rom, spingendoli tra l'altro a portare le loro mercanzie in aree non autorizzate, quindi esponendoli ancora di più al rischio di infrazioni e di ritiro della merce".

Realizzare un area legale di libero scambio in territorio romano potrebbe essere una maniera interessante per consentire una formalizzazione graduale di questo tipo di attività. "Nel rapporto sul riutilizzo 2013 ci sono delle indicazioni che possono aiutare gli amministratori locali a intraprendere dei percorsi per l'istituzione locale alla creazione di questi spazi anche con una certa celerità perché le esigenze dovute anche alla crisi economico-sociale sono sempre più pressanti", racconta Dongiovanni. "Intorno al riutilizzo stanno nascendo realtà interessanti come quelle della riconversione di spazi lavorativi, come le ex officine per la manutenzione dei treni di Roma o l'ex Maflow di Milano. Sono tante le persone che insieme ai figli, attraverso l'attività di rivendita dell'usato, riescono a mandare avanti la famiglia, come persone che volevano intraprendere una loro attività, ma che non sono riuscite a emergere a causa delle difficoltà della normativa attuale". "Senza dubbio, conclude Bongiovanni, il problema è la mancanza di spazi autorizzati dove commercializzare beni usati, al fine di poter rendere questa attività un vero e proprio progetto di vita".

© Copyright Redattore Sociale

 
Di Fabrizio (del 03/02/2014 @ 09:05:44, in lavoro, visitato 194 volte)

Giovedi 23 Gennaio 2014 "Volevo essere come gli altri" di Sabine Wagner

E perciò Niza Bislimi ha nascosto a lungo la sua provenienza, sia in Kosovo che qui in Germania. E' una Rom, per essere precisi: una Romnì. Lei conosce tutti i pregiudizi contro i Rom. Da quattro anni è avvocato specializzato in diritto dell'immigrazione. Solo ora Niza Bislimi ha dichiarato la propria origine. Cosa che, come lei sa, non compiono altri Rom che hanno fatto carriera.

Ora è avvocato, non è stato facile

Attraverso tutti gli ostacoli verso il successo

Lei conosce la discriminazione sin dall'infanzia. [...] La incontro alla Corte distrettuale di Essen. Il vestito le si adatta perfettamente. [...]. Da quattro anni Nizaqete Bislimi, detta Niza, parla apertamente della sua provenienza. [...] In questo tempo è entrata in contatto col razzismo e lo sta contrastando in occasione di manifestazioni per i diritti umani. Fin da bambina ha nascosto di essere una zingara. Voleva soltanto essere come tutti gli altri. Da allora la sua storia è buona come soggetto di un dramma: a 14 anni la fuga da Kosovo verso la Germania con l'aiuto dei contrabbandieri - la vita in un centro profughi. Per 13c anni la paura costante di essere deportata. Ha avuto una madre e quattro fratelli e sorelle molto capaci. Una famiglia tedesca l'ha aiutata a studiare nei momenti iniziali e così nelle più avverse circostanze ha imparato il tedesco, prendendo poi il diploma. Alla fine, ha ottenuto il titolo di avvocato, titolo puramente "tollerato" nello stato dello Jura.

Come avvocato, si è specializzata in diritto dell'immigrazione

Un essere umano

Avendo a lungo nascosto qui in Germania il suo essere Rom, ha avuto anche a che fare con la loro già scarsa posizione di richiedenti asilo. Dice: "Eravamo tenuti d'occhio perché indossavamo solo abiti della Caritas e vivevamo nelle baracche alla periferia della città." L'appartenere ad una minoranza etnica tanto criticata, oltre all'aspetto visivo, spiega la sua riluttanza. Cosa sarebbe successo se si fosse scoperta la sua origine? Niza Bislimi non ha una risposta a questa domanda. Quello di cui è sicura, è che senza l'appoggio di sua madre e la coesione della famiglia non ce l'avrebbe fatta. Impariamo da una grande donna e dalla sua famiglia cosa può significare per una tedesca, una kosovara, una romnì "un essere umano". Che in romanés si traduce proprio con Rom.

[...]


Lettura consigliata da Mahalla

L'Europa che c'è: un giro tra i racconti e i pensieri di intellettuali e professionisti rom nel nostro continente

 
Di Fabrizio (del 01/02/2014 @ 09:08:56, in lavoro, visitato 186 volte)

Come un villaggio ungherese lotta contro la disoccupazione tra la minoranza rom - da ETHOCИ [video in tedesco, articolo tradotto (insomma...) dal bulgaro con Google translator]

Un gruppo di Rom di un villaggio ungherese non ha altra scelta che lavorare in agricoltura: raccolta di rifiuti da compostare o la costruzione di serre. Vi è impiegato il 50% della popolazione rom.

"Abbiamo bisogno di vedere. La mattina, quando ti alzi, la prima cosa che viene in mente è se funzionerà o no. Carcere o prestazioni sociali non sono la soluzione al problema della disoccupazione. Abbiamo bisogno di un cambiamento," dice il sindaco a "Deutsche Welle".

La soluzione al problema della disoccupazione in questo paese è percepita dal governo di Viktor Orban come un modello da applicare alla strategia nazionale epr i Rom. [...] E' raro il successo di simili modelli. In un altro villaggio, a 300 km dalla capitale, la disoccupazione ha raggiunto proporzioni preoccupanti. Senza programmi per il lavoro i residenti [...] possono scegliere tra morire di fame o lavorare quasi come schiavi, senza cibo e senza le condizioni sanitarie necessarie. Chi raccoglie legna, riceve 200 euro al mese e il diritto a portare a casa un po' di legna da ardere. I Rom in Ungheria potrebbero vivere meglio grazie ai milioni versati da Bruxelles per i vari progetti, tuttavia i fondi non sono distribuiti correttamente.

Negli ultimi 25 anni, dice Alada Horvath, deputato del Partito Rom, tutte le parti hanno concordato su una cosa: l'odio verso gli zingari. Secondo lui, non è stato fatto nulla per migliorare la loro vita, ed il 90% dei 790.000 Rom ungheresi è disoccupato. Dei fondi beneficia solo quella parte di Rom vicini al governo, in questo caso del partito del primo ministro Orban.

Laszlo Bogdan non fa parte di quel partito, i suoi compaesani devono lavorare duro. Però, i frutti del loro lavoro sono per tutti. Si mostra come un piccolo villaggio da solo può far fronte ai problemi senza aiuti da parte dello stato.

 
Di Fabrizio (del 29/12/2013 @ 09:04:03, in lavoro, visitato 224 volte)

Romedia Foundation - 27 dicembre 2013

Pinze dentali, foto © The Pitt Rivers Museum, Oxford. Per scoprire il significato dell'immagine, continua a leggere...

    Dato che l'immigrazione dei Rom nell'Europa Occidentale continua a causare panico nei media, Damian Le Bas considera la storia dei traffici romanì e l'incredibile varietà di lavori che l'Europa e l'Asia hanno af fidato ai propri "zingari".

Sono scrittore e regista: scrivo e faccio film per vivere, la scrittura e i film sono ciò che mi danno da mangiare. Cosa che potrebbe non essere particolarmente sorprendente per qualcuno, per me lo è ancora.

Da giovane ho provato ad immaginarmi come scrittore, ma era davvero difficile da credere. Era una vaga aspirazione, non un'ambizione tangibile. E l'ambizione più sensata che potessi avere non era comunque "un'ambizione": era fare quello che facevano tutti gli altri, lavorare per mettere del cibo sulla tavola.

Da bambino, "quello che facevano gli altri" significava o la vendita di fiori, o il lavoro nelle costruzioni o sui tetti. Queste erano le scelte ragionevoli, ed anche quelli nella mia famiglia che avevano aspirazioni dovevano seguire strade sensate. Mio madre e mio padre erano artisti, ma l'arte non pagava le bollette. Tuttora continuano a vendere fiori per arrivare alla fine del mese. Così pensavo che una volta cresciuto avrei venduto fiori o fatto il carpentiere. C'erano altre opzioni che sembravano un poco più esotiche, ma comunque ragionevoli: vendita di cavalli, riparare motori o compravendita di rottami; ma l'idea di vendere parole scritte da me o di film girati da me, mi suonava realistica come quella di aprire un negozio di fiori nello spazio infinito.

Nella cultura romanì è forte l'idea che si debba fare "il proprio lavoro", "lavoro da zingari" o "romani buki" o comunque si voglia chiamarlo. Perché non dovrebbe essere così? Possiamo pensare a quanto sia comune in qualsiasi cultura stabilire un "affare di famiglia", un mestiere per cui tu e la tua Vitsa siete conosciuti e rispettati. Ma creare un negozio proprio in un lavoro che valorizza i tuoi punti di forza, non è lo stesso dell'avere un ruolo nel mondo del lavoro sulla base di ciò che gli altri si aspettano da te, o perché tu non credi di poter fare qualcosa di differente.

Fuori dalla cultura romanì, l'idea dei "lavori da zingari" probabilmente è ancora più forte. Allora, quali lavori bisogna fare? Presumo, che possano essere classificati in diverse maniere. Ci sono lavori che sono lavori, e sono utili alla società; lavori che sono lavori, e non sono utili alla società, e lavori che non sono lavori - ma attività criminali. Così, per esempio, nel primo gruppo abbiamo i lavori agricoli (nelle fattorie), nel secondo gruppo la chiromanzia e nel terzo il furto. C'è un ipotetico prisma paradigmatico tripartito generato esternamente nel vedere il lavoro romanì. O, in inglese, un outsider's way of looking al lavoro romanì.

Perché simili punti di vista continuino a prevalere, quando chiaramente hanno un effetto negativo sull'autopercezione dei Romanì stessi e del loro potenziale (come succederebbe a chiunque), e chiaramente non riuscendo a descrivere la varietà di lavori che svolgiamo e, anche, che abbiamo sempre svolto? Sì, avete letto bene: che abbiamo sempre svolto.

Nel Pitt Rivers Museum della Oxford University, mia madre incrociò il paio di forbici dentali mostrate nell'immagine iniziale. Il cartellino che è attaccato recita:

    "Forbici dentali realizzate da ZINGARI locali. In ferro, con un lungo e sottile manico curvo: le due piccole pinze terminano con due denti su ogni lato.
    Popolo: Zingari albanesi. Località: Scutari, Albania.
    Raccolto dalla signora ME Durham, 1911. Acquisizione: tramite lei stessa, 1933"

Informazioni importanti, ma non così tanto come successivamente ha spiegato il professor Thomas Acton. Il popolo romanì ("Zingari albanesi") che realizzò quelle forbici non solo aveva fabbri di talento per realizzare strumenti medici, ma facevano anche gli odontoiatri. Questo, almeno 80 anni fa, e questi "zingari" erano dentisti.

Questo è solo un esempio della varietà che menzionavo sopra, ma almeno è un esempio didattico. Non riesco a spiegare completamente perché questa scoperta mi fece sorridere così tanto, ma in parte proverò a spiegarlo. Ho sorriso - come quando lessi per la prima volta di Helios Gomez, artista e pensatore politico che era anche gitano - perché mi fece capire che, provenendo da una famiglia romanì e con una buona contezza del mio patrimonio culturale, c'era ancora moltissimo che non conoscevo, che la maggior parte di noi non conosce, di tutta la varietà di cose che il nostro popolo ha fatto per sopravvivere. I libri di storia hanno la cura di sottolineare una delle ragioni per cui i Rom nel mondo islamico facevano mestieri come il dentista: in quanto gli altri li consideravano mestieri impuri, informazione per me del tutto secondaria. La cosa principale è che l'intraprendenza e le capacità di questi Rom li ha portati su questa strada, e questa storie di flessibilità, e di abilità, non sono abbastanza valutate nel discorso attuale sull'immigrazione romanì.

L'artista gitano e pensatore politico di sinistra, Helios Gomez

C'è un altro avvertimento da tutta questa discussione, che prospera sulla presunzione di pigrizia e irresponsabilità dei Romanì. Nella maniera più semplice: in un gran numero di angoli di solito nascosti dagli occhi selettivi della storia ufficiale, l'Europa si è arricchita col secolare lavoro dei Romanì, il problema è che non sono mai stati riconosciuti, retribuiti o rispettati come esseri umani. Grandi aziende di successo (voi sapete quali) sono nate in questo modo e continuano a prosperare su queste radici, ed il minimo che possiamo chiedere è che questo sia reso palese e rispettato come parte della storia del nostro continente.

"In ogni fatica c'è profitto, ma la mera parola porta solo alla povertà" ci dice il libro biblico dei Proverbi. E' una bella citazione con un semplicità audace, in cui potreste ritrovarvi pure voi. Io l'ho fatto. Poi ho pensato alla realtà, ad una in particolare: la schiavitù. E' improbabile che l'autore (o il compilatore) del libro dei Proverbi fosse uno schiavo: gli schiavi istruiti erano pochi e si trovavano soprattutto in Medio Oriente. Comunque, è nella fatica della schiavitù risiede il profitto, solo che al profitto non capita di andare verso chi fatica duramente.

By Damian Le Bas

 
Di Fabrizio (del 22/12/2013 @ 09:08:00, in lavoro, visitato 285 volte)

  Una Romnì non riusciva a trovare lavoro, ora dirige un negozio suo - Bratislava/Liptovsky' Mikulash, 18.12.2013 17:47, (ROMEA) Romovia.sme.sk, translated by Gwendolyn Albert

Riferisce il news server Romovia.sme.sk la storia di Jana Ferencova', una Romnì che ha vissuto per anni negli ostelli della Repubblica Ceca, prima di iniziare un'attività propria dopo essere tornata in Slovacchia (testo in slovacco). Per il secondo anno conduce un negozio di abiti di seconda mano nella città di Liptovsky' Hradek.

Ferencova' e suo marito hanno lavorato per tre anni nella Repubblica Ceca, cambiando tre volte l'indirizzo del negozio, ma sempre rifiutandosi di rinunciare al loro sogno. Racconta: "Mio marito e io volevamo una vita buona per i nostri figli, per questo andammo in Repubblica Ceca in cerca di lavoro. Qui [in Slovacchia] non eravamo riusciti a trovarlo."

La proprietaria, 47 anni, viene da una famiglia di nove bambini. Il padre per dare da mangiare alla famiglia lavorava con una piccola attività in proprio.

Quando lui si ammalò, trovò lavoro nella capitale, Bratislava, per la figlia più grande, come donna di pulizie. "Per noi i genitori erano un modello, e abbiamo voluto essere lo stesso per i nostri figli," insiste Ferencova', che ha solo l'istruzione primaria.

"Non è stato facile, ma ce l'abbiamo fatta," dice. Pur vivendo all'estero, poco a poco hanno iniziato a migliorare, senza mai considerare di insediarsi lì permanentemente.

Dice: "Tre anni fa stavamo lavorando a Praga. Mio marito là dirigeva una squadra di costruzioni, tutti erano in proprio. Il proprietario dell'ostello dove vivevamo nel quartiere Hloubetín mi offrì un lavoro come donna di pulizie."

Fu il punto di svolta. Lavorò all'ostello per un anno, ma nel frattempo suo marito perse il lavoro.

Il direttore dell'ostello gli offrì un lavoro come manutentore, ma la donne, con tre figli, non voleva più che i figli vivessero lì. "C'erano dei bambini di 10 anni che fumavano. Sigarette, lo capisco, ma la marijuana? Temevo soprattutto per mio figlio Daribor, che allora aveva 13 anni e già abbastanza problemi di suo," dice.

Quindi, la decisione finale era chiara - il ritorno in Slovacchia. Riassumendo: "Una volta che ero a casa ho iniziato a spedire curriculum ovunque, ma tutti mi tornavano indietro."

Impossibile trovare un lavoro con la sua sola istruzione primaria. "Non avevo referenze, ma sono capace e affidabile. Molte volte c'era una richiesta di lavoro, ma quando vedevano che ero una romanì, mi dicevano che avrebbero richiamato."

La famiglia ha campato di lavoretti nei cantieri durante il primo anno di ritorno a Liptovsky' Hradek. Ferencova' lavorava con gli uomini alla betoniera, ma poi rinunciò perché lo stipendio non era abbastanza alto.

"Chiesi ai locali affaristi Cinesi se mi aiutavano, ma non lo fecero." Disperata, la donna andava di porta in porta in cerca di un impiego.

Ferencova' sapeva che senza un lavoro, avrebbero speso in circa due mesi tutti i soldi guadagnati nella Repubblica Ceca. Un giorno decise che ne aveva abbastanza.

Iniziò a comperare ogni martedì coperte e lenzuola, e rivenderle ai Romanì del posto guadagnandoci qualcosa. Figlio e marito la accompagnava in macchina e lei negoziava il prezzo coi clienti romanì.

In internet trovò un magazzino di vestiti a Zharnovica (regione di Banska Bystrica) ed iniziò ad andare lì a cercare merci e contrattare prezzi e condizioni con i fornitori. "Naturalmente, calcolavo quanto acquistare dai fornitori e a quanto rivendere e se ne valeva la pena."

Le ci vollero tre mesi per trovare un grossista con cui venire ad un accordo. Il leasing per il negozio era un altro problema.

Ferencova' non riusciva a trovare spazi liberi in affitto attraverso i privati, Liptovsky' Hradek o Liptovsky' Mikulash. "Era come quando cercavo lavoro, ovunque mi dicevano che mi avrebbero richiamato, e questo è tutto," dice delle sue iniziali esperienze come imprenditrice.

L'ultima possibilità era il Liptovsky' Hradek Housing Office. L'esperienza le aveva insegnato di parlare solo col responsabile, quindi andò direttamente dal direttore.

Racconta: "Gli ho detto: direttore, non deve preoccuparsi del colore della pelle, non deve preoccuparsi dei soldi. Se avete spazi vuoti, metteteli a profitto dandoli a me, qual è il problema?"

La sua strategia schietta pagò. L'Housing Office le affittò uno spazio come negozio per un periodo di prova di sei mesi e un affitto anticipato di tre mesi.

 
Di Sucar Drom (del 04/12/2013 @ 09:07:55, in lavoro, visitato 227 volte)

Etichette: sintologia

Così Gianni Fava intervenendo al convegno sul tema tenutosi oggi a Milano. L'assessore alla Cultura della Lombardia ha sottolineato: "Il processo attuale di presidio va sostenuto". Trecentottandadue giostre che servono circa 105.000 persone, per una presenza annua in 8.000 fiere paesane. E', in sintesi, il ritratto delle piccole giostre in Lombardia, ovvero l'insieme delle attività dello spettacolo viaggiante, che, oltre alla rivitalizzazione delle piazze comunali, comprende le tradizionali piccole attività di spettacolo gestite in particolare da appartenenti alle minoranze linguistiche sinte e destinate in particolare ai più piccoli, dai tratti fortemente identitari per la tradizione lombarda.

"Attività di nicchia - ha detto l'assessore regionale all'Agricoltura Gianni Fava, intervenendo, oggi, in apertura dei lavori del convegno 'Spettacoli tradizionali delle giostre in Lombardia: sicurezza e valorizzazione delle attività verso Expo 2015' - e di qualità, frutto di attività che assicurano il mantenimento di un presidio fondamentale nei piccoli paesi: se le giostre abbandonano i nostri piccoli centri, le piazze dei piccoli centri rimangono vuote e perderanno sempre di più il loro carattere di incontro e sicurezza"

...continua su U VELTO

 
Di Fabrizio (del 02/12/2013 @ 09:09:06, in lavoro, visitato 203 volte)


Torino, 19 novembre 2013. Cristian Santauan, ragazzo rom rumeno, ha spiegato all'incontro "Torino Meno Rifiuti" , organizzato da Eco dalle città, la sua esperienza di recuperatore, che durante la settimana scandaglia i cassonetti e poi sabato e domenica tenta di vendere al Balon gli oggetti recuperati: abiti, scarpe, persino piatti e bicchieri. Commenta questa pratica l'assessore all'Ambiente del Comune di Torino Roberto Ronco

 
Di Fabrizio (del 30/11/2013 @ 09:08:11, in lavoro, visitato 189 volte)

I Rom a Geyve vivono di mele cotogne da MEDIAROMA

I Rom di Geyve (regione di Marmara), nonostante ogni tipo di pregiudizio e calunnie rivolte loro, usano la loro creatività per rendere la loro vita simile a quella dei fratelli e sorelle di altre parti della Turchia. Le famiglie a Geyve inviano le mele cotogne difettose coltivate nelle locali aziende agricole a compagnie di esportazione di marmellate e succhi di frutta.

I prezzi delle cotogne a Geyve sono bassi, a causa dell'abbondante raccolto. Perciò i produttori non devono aggiungere quelle difettose alla loro lista di vendita. Queste ultime sono ben sfruttate dai Rom, che le dividono dalle altre. Il tasso di disoccupazione tra i Rom di Geyve è superiore alla media nazionale del gruppo. Quindi questi Rom cercano di sfruttare ogni occasione per sopravvivere alle circostanze, facendo delle cotogne un modo di vita, almeno per ora.

Source: Geyveyoresi.com

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

ASSETTO VARIABILE

Volete collaborare ad
ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/04/2014 @ 15.42.30
script eseguito in 31 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 282 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (501)
casa (438)
conflitti (223)
Europa (982)
Italia (1406)
Kumpanija (376)
lavoro (203)
media (488)
musica e parole (443)
Regole (348)
scuola (330)
sport (96)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Ribadiamo sulla bontà delle due progettualità ROME...
16/04/2014 @ 12:16:24
Di Sucar Drom
Bravo! Esprimi con garbo quel che penso. Micalizi ...
21/03/2014 @ 11:43:28
Di Gadi Luzzatto Voghera
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2014 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source