\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Slovacchia
Di Fabrizio (del 22/12/2013 @ 09:08:00, in lavoro, visitato 1627 volte)

  Una Romnì non riusciva a trovare lavoro, ora dirige un negozio suo - Bratislava/Liptovsky' Mikulash, 18.12.2013 17:47, (ROMEA) Romovia.sme.sk, translated by Gwendolyn Albert

Riferisce il news server Romovia.sme.sk la storia di Jana Ferencova', una Romnì che ha vissuto per anni negli ostelli della Repubblica Ceca, prima di iniziare un'attività propria dopo essere tornata in Slovacchia (testo in slovacco). Per il secondo anno conduce un negozio di abiti di seconda mano nella città di Liptovsky' Hradek.

Ferencova' e suo marito hanno lavorato per tre anni nella Repubblica Ceca, cambiando tre volte l'indirizzo del negozio, ma sempre rifiutandosi di rinunciare al loro sogno. Racconta: "Mio marito e io volevamo una vita buona per i nostri figli, per questo andammo in Repubblica Ceca in cerca di lavoro. Qui [in Slovacchia] non eravamo riusciti a trovarlo."

La proprietaria, 47 anni, viene da una famiglia di nove bambini. Il padre per dare da mangiare alla famiglia lavorava con una piccola attività in proprio.

Quando lui si ammalò, trovò lavoro nella capitale, Bratislava, per la figlia più grande, come donna di pulizie. "Per noi i genitori erano un modello, e abbiamo voluto essere lo stesso per i nostri figli," insiste Ferencova', che ha solo l'istruzione primaria.

"Non è stato facile, ma ce l'abbiamo fatta," dice. Pur vivendo all'estero, poco a poco hanno iniziato a migliorare, senza mai considerare di insediarsi lì permanentemente.

Dice: "Tre anni fa stavamo lavorando a Praga. Mio marito là dirigeva una squadra di costruzioni, tutti erano in proprio. Il proprietario dell'ostello dove vivevamo nel quartiere Hloubetín mi offrì un lavoro come donna di pulizie."

Fu il punto di svolta. Lavorò all'ostello per un anno, ma nel frattempo suo marito perse il lavoro.

Il direttore dell'ostello gli offrì un lavoro come manutentore, ma la donne, con tre figli, non voleva più che i figli vivessero lì. "C'erano dei bambini di 10 anni che fumavano. Sigarette, lo capisco, ma la marijuana? Temevo soprattutto per mio figlio Daribor, che allora aveva 13 anni e già abbastanza problemi di suo," dice.

Quindi, la decisione finale era chiara - il ritorno in Slovacchia. Riassumendo: "Una volta che ero a casa ho iniziato a spedire curriculum ovunque, ma tutti mi tornavano indietro."

Impossibile trovare un lavoro con la sua sola istruzione primaria. "Non avevo referenze, ma sono capace e affidabile. Molte volte c'era una richiesta di lavoro, ma quando vedevano che ero una romanì, mi dicevano che avrebbero richiamato."

La famiglia ha campato di lavoretti nei cantieri durante il primo anno di ritorno a Liptovsky' Hradek. Ferencova' lavorava con gli uomini alla betoniera, ma poi rinunciò perché lo stipendio non era abbastanza alto.

"Chiesi ai locali affaristi Cinesi se mi aiutavano, ma non lo fecero." Disperata, la donna andava di porta in porta in cerca di un impiego.

Ferencova' sapeva che senza un lavoro, avrebbero speso in circa due mesi tutti i soldi guadagnati nella Repubblica Ceca. Un giorno decise che ne aveva abbastanza.

Iniziò a comperare ogni martedì coperte e lenzuola, e rivenderle ai Romanì del posto guadagnandoci qualcosa. Figlio e marito la accompagnava in macchina e lei negoziava il prezzo coi clienti romanì.

In internet trovò un magazzino di vestiti a Zharnovica (regione di Banska Bystrica) ed iniziò ad andare lì a cercare merci e contrattare prezzi e condizioni con i fornitori. "Naturalmente, calcolavo quanto acquistare dai fornitori e a quanto rivendere e se ne valeva la pena."

Le ci vollero tre mesi per trovare un grossista con cui venire ad un accordo. Il leasing per il negozio era un altro problema.

Ferencova' non riusciva a trovare spazi liberi in affitto attraverso i privati, Liptovsky' Hradek o Liptovsky' Mikulash. "Era come quando cercavo lavoro, ovunque mi dicevano che mi avrebbero richiamato, e questo è tutto," dice delle sue iniziali esperienze come imprenditrice.

L'ultima possibilità era il Liptovsky' Hradek Housing Office. L'esperienza le aveva insegnato di parlare solo col responsabile, quindi andò direttamente dal direttore.

Racconta: "Gli ho detto: direttore, non deve preoccuparsi del colore della pelle, non deve preoccuparsi dei soldi. Se avete spazi vuoti, metteteli a profitto dandoli a me, qual è il problema?"

La sua strategia schietta pagò. L'Housing Office le affittò uno spazio come negozio per un periodo di prova di sei mesi e un affitto anticipato di tre mesi.