\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Ungheria
Di Fabrizio (del 01/02/2014 @ 09:08:56, in lavoro, visitato 1483 volte)

Come un villaggio ungherese lotta contro la disoccupazione tra la minoranza rom - da ETHOCИ [video in tedesco, articolo tradotto (insomma...) dal bulgaro con Google translator]

Un gruppo di Rom di un villaggio ungherese non ha altra scelta che lavorare in agricoltura: raccolta di rifiuti da compostare o la costruzione di serre. Vi è impiegato il 50% della popolazione rom.

"Abbiamo bisogno di vedere. La mattina, quando ti alzi, la prima cosa che viene in mente è se funzionerà o no. Carcere o prestazioni sociali non sono la soluzione al problema della disoccupazione. Abbiamo bisogno di un cambiamento," dice il sindaco a "Deutsche Welle".

La soluzione al problema della disoccupazione in questo paese è percepita dal governo di Viktor Orban come un modello da applicare alla strategia nazionale epr i Rom. [...] E' raro il successo di simili modelli. In un altro villaggio, a 300 km dalla capitale, la disoccupazione ha raggiunto proporzioni preoccupanti. Senza programmi per il lavoro i residenti [...] possono scegliere tra morire di fame o lavorare quasi come schiavi, senza cibo e senza le condizioni sanitarie necessarie. Chi raccoglie legna, riceve 200 euro al mese e il diritto a portare a casa un po' di legna da ardere. I Rom in Ungheria potrebbero vivere meglio grazie ai milioni versati da Bruxelles per i vari progetti, tuttavia i fondi non sono distribuiti correttamente.

Negli ultimi 25 anni, dice Alada Horvath, deputato del Partito Rom, tutte le parti hanno concordato su una cosa: l'odio verso gli zingari. Secondo lui, non è stato fatto nulla per migliorare la loro vita, ed il 90% dei 790.000 Rom ungheresi è disoccupato. Dei fondi beneficia solo quella parte di Rom vicini al governo, in questo caso del partito del primo ministro Orban.

Laszlo Bogdan non fa parte di quel partito, i suoi compaesani devono lavorare duro. Però, i frutti del loro lavoro sono per tutti. Si mostra come un piccolo villaggio da solo può far fronte ai problemi senza aiuti da parte dello stato.