Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 31/03/2008 @ 15:33:11, in musica e parole, visitato 1492 volte)

Ricevo da Tommaso Vitale

Mercoledì 2 aprile ore 18.30

Teatro Franco Parenti - Via Pier Lombardo 14, Milano

Racconto Italiano
Gli immigrati nelle periferie: percorsi di un cammino rom

Incontro con MILENA MAGNANI

autrice di IL CIRCO CAPOVOLTO
Giangiacomo Feltrinelli Editore

Legge

Andrea Lupo

con accompagnamento musicale di

David Sarnelli

Qui di seguito il link alla scheda del libro http://www.feltrinellieditore.it/giornalisti/SchedaLibro?id_volume=5000950

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/03/2008 @ 09:07:56, in Italia, visitato 1439 volte)

sabato 5 aprile
via s. Martino 20 - Rho (MI)
(dietro alla stazione FS)

dalle 18.30: presentazione del libro "Voci dal silenzio" (poesia rom) con intervento di Tommaso Vitale (docente universitario di sociologia)...

dalle 20.30: "CENA BALCANICA" *piatti tipici della tradizione balcanica: maiale allo spiedo, cevapi slivonica (su prenotazione)

dalle 22.30: Live I MUZIKANTI www.myspace.com/imuzikanti

Festa organizzata con i rom del campo di via Sesia per far conoscere la cultura di questo popolo e per mandare un messaggio forte e chiaro: solidarietà e conoscenza reciproca sono le condizioni per costruire un percorso reale di integrazione.

Il ricavato dell'iniziativa verrà destinato per l'acquisto di un pulmino che servirà per mandare i ragazzi del campo alla scuola media.

www.sosfornace.org - sosfornace@inventati.org
www.operanomadimilano.org - mauriziopagani@operanomadimilano.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/03/2008 @ 08:55:30, in media, visitato 1764 volte)

Da Osservatorio sui Balcani

28.03.2008 scrive Franco Juri



Sullo sfondo i fumi di una termocentrale. In primo piano alcuni bambini rom che raccontano la favola di Cappuccetto Rosso. Un modo per raccontare ai più piccoli la difficile vita delle minoranze in Kosovo
Esattamente tre anni fa veniva proiettato a Gorizia il documentario RealitieS Kosova/o di Eva Ciuk, regista e giornalista triestina, di madre lingua slovena, nota per il suo impegno civile e umanitario a favore delle minoranze e delle realtà sociali più emarginate.

A tre anni da quella esperienza che l'aveva portata a conoscere in prima persona le minoranze dimenticate del Kosovo, e che aveva fatto seguito ad un documentario realizzato nel 2002 in Salvador e dedicato alla condizione della donna in America centrale, Eva Ciuk torna sul tema Kosovo, riproponendo un segmento particolare di quanto la coinvolse nel suo viaggio del 2005 nella provincia, quasi a voler affrontare questa volta le pieghe di una società satura di contraddizioni e in continua ebollizione alla vigilia e dopo la sua indipendenza. Per rifletterci su.

Eva lo fa anche questa volta seguendo le tracce di una minoranza perennemente discriminata e ai margini della provincia/stato che a malapena la sopporta: i rom, o meglio, i bambini rom.

Il cortometraggio, combinazione di documentario e cartone animato, dal titolo "Chi è cappuccetto rosso?", ci racconta il modo in cui i bambini rom-kosovari - dimenticati in una baraccopoli all'ombra della mostruosa ciminiera fumante di una termocentrale alla periferia di Priština - vivono la popolare favola.

La novità della proposta è proprio nella rilettura che la sceneggiatrice e regista ne fa, offrendola questa volta anche ad un pubblico molto più giovane, quello delle scuole . L'alito feroce del lupo invade la fiaba e, nonostante la serenità dei piccoli rom, ci ricorda quanto sia lungo e tortuoso il percorso dei diritti umani e minoritari in quelle terre. Ma anche altrove, molto più vicino a noi. Un percorso su cui riflettere attentamente.

“Quando nel 2005 sono stata in Kosovo – scrive Eva Ciuk - per le riprese del documentario “RealitieS KosovA/O – voci di minoranze dimenticate” - produzione della KAIROS, Centro produzione video di Gorizia – mi ha colpito la serenità e l’allegria dei bambini e delle bambine del campo sfollati interni di Plementina/e, vicino a Pristina. Abbiamo stretto amicizia con i rappresentanti del campo ed abbiamo deciso di portare la testimonianza dei bambini del campo nelle scuole della nostra regione. Così abbiamo posizionato la nostra telecamera e sullo sfondo che era tutt'altro che da fiaba i bambini ci hanno raccontato Cappuccetto Rosso.”

La presentazione goriziana del progetto, completato dalla proiezione di fotografie scattate dagli stessi bambini rom e sinti nei campi del Friuli Venezia Giulia dal titolo "Autobiografia dal campo" nonché dal virtuosismo musicale di Alessandro Simonetto e Roberto Daris, è stata organizzata da Osservazione- centro di ricerca azione contro la discriminazione e patrocinato da Kinemax-Transmedia, l' Ufficio per la pace della provincia di Gorizia e l' Unione dei Circoli Culturali Sloveni. Prima di essere presentato nella sua versione slovena a Gorizia, il progetto, nella versione italiana, era stato ospitato a Trieste dal Teatro Miela.

In Slovenia i rom sono trattati meglio che in Italia

A Gorizia si è voluto dire qualcosa di più anche sulle comunità rom e sinti che vivono in Italia e in Slovenia. Il confronto è stato inevitabile quando è intervenuto uno degli ospiti più attesi della serata: Jože Horvat –Muc, presidente dell'Union Romanì Slovenia, una delle principali organizzazioni dei Rom in quel paese. Com'è per i rom la Slovenia del dopo-Strojan? C'è ancora discriminazione e intimidazione, come nei giorni neri di due anni fa, quando una folla minacciosa scacciò, senza che le autorità lo impedissero, la numerosa famiglia rom degli Strojan dalle sue case di legno, successivamente rase al suolo, nei boschi di Ambrus?

A sentire Horvat in questi ultimi tempi molti sono i passi che lo stato ha intrapreso non solo per normalizzare la situazione della comunità rom slovena ma anche per offrire a questa possibilità di sviluppo finora inedite. La lezione Strojan - triste per tutti- ha quindi fruttato? Il presidente dell'Union Romaní preferisce non sbilanciarsi e, pur ricordando che la discriminazione esiste ancora, preferisce, optando per il politicamente corretto, sottolineare i tanti progressi fatti.

La Slovenia tutela i rom in base all'articolo 65 della Costituzione, varato già nel 1990, e ad una serie di leggi tra cui anche una apposita votata in parlamento circa un anno fa. La situazione tradizionalmente migliore per i rom sloveni è quella del Prekmurje, regione al confine con l'Ungheria e l'Austria, dove la comunità è ben integrata e organizzata e dove la convivenza multietnica è pressoché esemplare, a differenza di altre regioni slovene più restie ad accettare la convivenza con queste comunità.

In sala a Gorizia c'erano pure i redattori del programma romanì che ora anche la TV pubblica slovena si accinge a trasmettere regolarmente. Sono circa 10 mila i rom e sinti in Slovenia (quelli dichiarati tali molto meno), concentrati soprattutto nel Prekmurje, nella Dolenjska, in Bela Krajina, nella Gorenjska e nella zona di Lubiana. Horvat ha ribadito con orgoglio che il Prekmurje, la regione in cui l'Union Romanì ha sede, è stata considerata anche dall'Unione mondiale dei rom, un esempio per tutta l' Europa.

E l' Italia dove vivono circa 150 mila tra rom e sinti? Nel 1999, quando si varò la legge a favore dei gruppi minoritari, le comunità rom e sinti italiane vennero da essa escluse su esplicita richiesta della Lega Nord. La cosa più triste però – come a Gorizia ha ricordato Lorenzo Monasta di Osservazione - è che il ricatto xenofobo e anti-zingaro leghista ha dato i suoi frutti mentre al governo c'era una coalizione di centrosinistra. L'Italia dovrà imparare dalla vicina Slovenia?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 29/03/2008 @ 09:25:32, in blog, visitato 1476 volte)

Lamezia Terme (CZ), cittadinanza di carta
«Noi tutti vorremmo che non si parlasse più del campo Rom di Scordovillo, perché vorremmo che non esistesse una realtà del genere: non vogliamo esser...

Russia, allarme razzismo
Era una donna immigrata e questo è stato sufficiente per ucciderla. Un gruppo di giovani skinheads ha tagliato la gola ad una donna del Tagikistan davanti a t...

Milano, si litiga sullo sgomero dei Rom
Si accende lo scontro politico sull'eventuale sgombero del grande “campo nomadi” di via Bovisasca a Milano e le eventuali soluzioni da trovare per gli sfol...

Pescara, un Rom in Consiglio comunale si fa blog
Perché candidare un Rom al Consiglio comunale di Pescara? Per la minoranza rom abruzzese è la dimostrazione della volontà di una partecipazione attiva, propositiva ...

Polemica su Casilino 900
In questi giorni è nato un confronto serrato tra il gruppo EveryOne e RomSintiPolitica sullo sgombero del “campo nomadi” di Casilino 900 a Roma. Nazzareno Guarnie...

Dijana Pavlovic porta in primo piano la questione rom e sinta
Dijana Pavlovic, Rom serba, è nata a Vrnjacka Banja nel 1976. Dopo aver studiato all'Accademia di Arte Drammatica di Belgrado, nel 1999 si è trasferita a Milano dove lavo...

Auschwitz, Primo Levi incontra uno "zingaro"
Lo scritto che presentiamo è di Primo Levi. È apparso per la prima volta su "La Stampa" di Torino il 2 dicembre 1979. Successivamente è stato pubblicato su "...

Casale Monferrato (AL), stelle piume e violini
Sabato 29 marzo ricomincia l’attività culturale della Comunità Ebraica di Casale per il 2008 con una apertura straordinaria del complesso...

La Romania: «L'Italia protegga i nostri cittadini, le baracche di Roma impensabili a Bucarest»
«Come lo Stato romeno ha l'obbligo di proteggere i cittadini italiani che vivono in Romania, lo stesso obbligo ha il governo italiano». Ne è convinto Adrian Cioroianu...

La Santanchè strumentalizza i Rom per farsi pubblicità
Tacchi a spillo, pantaloni e impermeabile stretto in vita, l'on. Daniela Santanchè ha voluto entrare nel "campo nomadi" di via Bovisasca che costeggia la linea...

Pescara, appello alla minoranza rom
Carissimo amico Rom, rivolgo a te un appello ed una riflessione. In questi giorni, come accade ad ogni elezione, molte persone verranno a chiederti il voto ma subito...

Alghero (SS), il Comune presenta progetti per i Rom
Due progetti finalizzati all’inclusione sociale e all’alfabetizzazione della comunità Rom presente ad Alghero sono stati presentati dall’Amministrazione ...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/03/2008 @ 08:42:26, in Italia, visitato 1478 volte)

Ricevo da Dijana Pavlovic

ciao a tutti.
Oggi (ieri ndr.) a mezzogiorno Daniela Santanchè ha deciso di farsi uno spot elettorale nel campo di Bovisa.
L'abbiamo saputo e siamo andati là un po’ prima.
Abbiamo parlato con i Rom e insieme a loro abbiamo fatto un comitato di accoglienza.
L'Onorevole è arrivata con una decina di uomini di scorta, era indignata per gli urli delle persone spaventate e agitate, è entrata nel campo, ha fatto l'intervista dicendo che tutte le cose che sono lì dentro è la roba rubata ai cittadini milanesi, e se ne andata.
Vi mando alcune foto che si commentano da sole trovate sulla pagina di Vivimilano del Corriere della Sera (www.corriere.it)
Ciao
Dijana

Visualizza le foto:

1

2

3

4

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/03/2008 @ 20:36:18, in Europa, visitato 1414 volte)

E' uscito l'aggiornamento di marzo 2008 di PICUM.org con le notizie e l'evoluzione politica riguardanti i diritti sociali fondamentali degli immigranti non documentati in Europa. Disponibile nel formato Word nelle seguenti lingue: inglese, tedesco, olandese, spagnolo, francese, italiano e portoghese.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/03/2008 @ 09:46:28, in Europa, visitato 1700 volte)

Da Roma_Francais

LE MONDE | 24.03.08 | 15h08 . Mis à jour le 24.03.08 | 15h08 - Quaranta responsabili di associazioni d'aiuto ai Rom venuti dai paesi del Sud e dell'Est dell'Unione Europea hanno attraversato la Francia, dal 27 febbraio al 18 marzo, per condividere le loro esperienze. La politica d'integrazione dei 7 milioni di Rom della UE, che sarà oggetto d'una comunicazione della Commissione di Bruxelles a giugno, è sostenuta da incontri regolari tra le associazioni rumene e francesi.

I contatti non sono sempre fruttuosi perché le problematiche divergono. In Francia, i Rom insediati nel paese da diversi anni e divenuti francesi, hanno poco in comune con i Rom migranti (rumeni, bulgari, ungheresi) che si spostano con uno permesso per turismo. Gli accampamenti sono separati.

La gens du voyage francese fa di tutto per distinguersi dai Rom migranti. "L'amalgama ci porta sempre pregiudizio" indica Christophe Sauvé, dell'Associazione Nazionale gens du voyage cattolica, a Nantes.

In Romania, i Rom hanno uno statuto di minoranza etnica, riconosciuta come un gruppo male integrato (istruzione, lavoro, rappresentazione politica). "Questo permette a volte di identificarli e difenderli meglio", indica Nicoleta Bitu, coordinatrice del progetto dell'associazione Romani Criss.

RIUNITI DALLA DISCRIMINAZIONE

Arrivata a fine novembre con cinque mediatrici sanitarie rumene, la signora Bitu ha constatato una grande differenza d'approccio: "In Francia, le associazioni sono restate militanti. Lavorano essenzialmente per informare le comunità sui loro diritti, per proteggersi dalle espulsioni. In Romania, hanno lavorato soprattutto per far cadere i pregiudizi dei non-Rom e le apprensioni dei Rom. La nostra missione è di riempire gli obiettivi della politica nazionale d'integrazione."

La sola cosa che le riunisce è la discriminazione. Ma, che si parli del settore della sanità o dell'istruzione, i problemi d'integrazione che tentano di risolvere non sono gli stessi. "Le difficoltà della gens du voyage sono legati al nomadismo, mentre i due milioni di Rom rumeni sono sedentari da lunga data e generalmente confrontati a conflitti etnici", spiega Virgil Ciomos, presidente della fondazione Le Collège Europeo, che sviluppa dal 2001 una scuola di seconda possibilità per i Rom a Cluj (Romania).

Quanto ai Rom migranti in Francia, "le municipalità spesso stimano che non hanno legittimità a restare sul territorio nazionale e dunque ad integrarsi. Iloro figli sono raramente scolarizzati , contrariamente alla gens du voyage o ai Rom installati da lunga data", spiega Stéphane Lévêque, direttore dell'Associazione per l'accoglienza dei viaggianti (ASAV) di Nanterre.

"Il più difficile da risolvere in Romania è il problema della legge", estima Ciomos. Confrontati all'esclusione durante tutta la loro storia, i Rom rispettano il loro diritto usuale ma non sempre il diritto nazionale. L'ultimo esempio è del 15 febbraio, la cerimonia di fidanzamento tra una bambina di 6 anni ed un adolescente di 17 a Ramnicelu (est della Romania). Questo tipo di fidanzamento è tollerato dalla polizia rumena che teme che qualsiasi intervento si concluda in bagno di sangue.

"Non ho mai sentito di casi simili in Francia", assicura a sua volta Lévêque. "Non abbiamo mai avuto reclami per matrimoni combinati tra Rom, assicura la brigata della protezione dei minori a Parigi. In compenso, si incontrano a volte giovani adolescenti già "sposati".""

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/03/2008 @ 09:18:25, in blog, visitato 3724 volte)

Mahalla
Ciao Nazzareno. Qua c'è il sole. Che tempo fa a Pescara?
Nazzareno Guarnieri
Fa caldo, ma c'è tanto vento.

Mahalla
Aspettiamo 10 minuti e poi iniziamo... Nel frattempo, per chi vuole conoscere qualche dato su Nazzareno Guarnieri: QUI
Nazzareno Guarnieri
Posso aggiungere che sono impegnato a favore delle minoranze rom e sinte non solo in Abruzzo ma anche in altre regioni. Ho collaborato alla costituzione del comitato rom e sinti insieme, con il Don Calabria di Verona, con l'Opera Nomadi di Reggio Calabria, ed a numerosi altri eventi in diverse città Italiane. Recentemente ho partecipato ad una conferenza europea sui rom promossa da ERIO a Bruxelles, dove ho incontrato le due parlamentari europee Rom che forse verranno a Pescara per sostenere la mia campagna elettorale.

Mahalla
Quanti sono i Rom a Pescara?
Nazzareno Guarnieri
Circa 2000, n. 947 residenti, di cui 330 minorenni.
Mahalla
Quanti italiani e stranieri?
Nazzareno Guarnieri
In grandissima maggioranza Italiani poche decine di Rom stranieri residenti. I Rom stranieri non residenti presenti a Pescara sono circa 400.

Mahalla
Quali i principali problemi da affrontare?
Nazzareno Guarnieri
Il principale problema è la discriminazione, ma anche l'istruzione ed il lavoro.

Mahalla
Alcuni esempi pratici di discriminazione...
Nazzareno Guarnieri
Alcune persone rom sono state costrette a chiedere il cambio del cognome per poter lavorare: se ti chiami con un tipico cognome rom la discriminazione è cosa certa.

Mahalla
E nel campo dell'istruzione?
Nazzareno Guarnieri
La dispersione scolastica è molto elevata in particolare negli ultimi anni per assenza di volontà politica. Molto spesso i bambini rom arrivano alla quinta elementare e non sanno leggere e scrivere.
Mahalla
Puoi darmi una percentuale sulla dispersione scolastica?
Nazzareno Guarnieri
La percentuale della dispersione scolastica negli ultimi due anni è molto alta in particolare alla scuola media.

Mahalla
Tu proponi un programma in 6 punti, ho letto sul tuo blog.
Nazzareno Guarnieri
Sì sul blog ho riportato alcuni punti del programma elettorale che è tutto finalizzato a costruire una politica di integrazione e di interazione culturale con la minoranza Rom. Importante è che questo programma è totalmente e pubblicamente condiviso dal candidato sindaco Carlo Masci.
Mahalla
Da quanto state lavorando a questa intesa?
Nazzareno Guarnieri
Da circa un anno.
Mahalla
Com'è iniziato?
Nazzareno Guarnieri
Un anno fa si è costituito un comitato per candidare un rom al consiglio comunale di Pescara che ha lavorato con le famiglie rom per far crescere la partecipazione politica. Dopo aver preso atto che l'attuale amministrazione comunale di Pescara ignorava totalmente la questione rom, "officina società cooperativa" ha promosso la costituzione di un comitato per valutare la possibilità di candidare un Rom al consiglio comunale, per porre all'attenzione delle forze politiche la questione rom.

Mahalla
Come hanno reagito i Rom alla candidatura?
Nazzareno Guarnieri
Hanno risposto molto bene ed in questi giorni ricevo molta attenzione, ma aspetto il 14 aprile per vedere il risultato finale. Sono molto fiducioso.

Mahalla
E la lista Pescara Futura come ha vissuto "l'innesto" di un Rom?
Nazzareno Guarnieri
Con questa lista, legata ad UDC, abbiamo iniziato a dialogare dal mese di giugno 2007. Certamente ci sono state difficoltà iniziali ma, dopo aver spiegato bene il nostro progetto, la presenza di un Rom tra i candidati è stata accolta molto calorosamente da tutti.

Mahalla
Come si svolge la tua campagna elettorale?
Nazzareno Guarnieri
Siamo un gruppo di volontari che con grandissima difficoltà economica stiamo visitando sia le singole famiglie rom, per spiegare bene la nostra iniziativa, sia amici non rom per illustrare la finalità e gli obiettivi del nostro progetto utile alla città. Oltre a questo stiamo organizzando degli incontri con il candidato sindaco e partecipando a tutte le iniziative messe in campo dal candidato sindaco. Spero molto che Livia e Victoria, le due parlamentari Europee Rom possano venire a Pescara prima delle elezioni, sarebbe molto interessante

Mahalla
Che opportunità hai di essere eletto?
Nazzareno Guarnieri
Le opportunità sono ottime, ma aspettiamo il 14 Aprile.

Mahalla
In caso di elezione, quali punti del tuo programma sono da sviluppare in breve termine, e quali a medio termine?
Nazzareno Guarnieri
Occorre sviluppare subito una strategia per abbattere la dispersione scolastica ed opportunità lavorative per i giovani. Inoltre è necessario ridurre la forte discriminazione che i rom subiscono con azioni mirate alla conoscenza al dialogo, all'incontro.
Mahalla
Quindi scuola e lavoro sono i punti + immediati?

Nazzareno Guarnieri
Sì.

Mahalla
Perché un pescarese (non rom) dovrebbe votarti?
Nazzareno Guarnieri
Bella domanda. Per conoscere meglio la mia minoranza, per una migliore convivenza sul territorio, per il rispetto delle norme e dei principi, ecc.

Mahalla
Ho cercato in Google News le parole zingari e Pescara, ci sono solo fatti di cronaca nera, come mai nessuno s'è accorto della tua candidatura?
Nazzareno Guarnieri
Alla presentazione della lista tutti i maggiori quotidiani locali hanno dedicato ampio spazio alla mia candidatura, ma per la mia campagna elettorale voglio mantenere un profilo basso per evitare facili strumentalizzazioni e lavorare molto con il porta a porta per far conoscere la nostra iniziativa. Non cerco clamori mediatici, ma cogliere un obiettivo molto difficile come quello di essere eletto al consiglio comunale di Pescara, per essere eletto occorrono circa 350 voti e non è semplice.

Mahalla
Ti riporto un recente intervento di un consigliere regionale... - PESCARA. Accoltellamenti, droga ovunque (38 chili sequestrati dall'inizio dell'anno), sparatorie da saloon tra bande di rumeni, albanesi e zingari: la città che D'Alfonso ci consegna al termine del suo primo fallimentare mandato è un far west nel quale ogni sorta di delinquente può spadroneggiare senza problemi e i cittadini sono costretti a chiudersi in casa per paura di prendersi una coltellata o una pallottola vagante . Così Alfredo Castiglione, capogruppo di An in consiglio regionale...
Nazzareno Guarnieri
Spesso la stampa vede gli zingari anche quando non ci sono. Recentemente hanno arrestato due ragazzi di Pescara provenienti da famiglie per bene Pescaresi che trasportavano 5 Kg. di droga, la stampa titolava in prima pagina che avevano arrestato i corrieri della droga dei rom, tutto falso.
Il Sindaco uscente ha totalmente ignorato la questione Rom ed in generale tutto il sociale.

Mahalla 
Come si può uscire da questa "gabbia" per cui siete tutti malavitosi e spacciatori?
Nazzareno Guarnieri
Con la partecipazione attiva, facendo ascoltare la nostra voce, avere la possibilità di parlare nelle sedi istituzionali, come per esempio un consiglio comunale. Far emergere tutte quelle positività che sono nascoste per paura della discriminazione, positività che a Pescara sono tantissime.

Mahalla
Cito dal tuo programma: la creazione di luoghi per produrre e consumare la cultura romanì, la costruzione e manutenzione di reti tra tutti i soggetti pubblici e privati presenti sul territorio e la minoranza Rom per uno scambio culturale positivo e produttivo.
Ci sono altre cose che vorresti aggiungere?
Nazzareno Guarnieri
L'obiettivo a Pescara è finalizzato ad un radicale cambiamento di metodo verso la minoranza Rom con un giusto programma di politiche sociali e culturali.
La mia elezione al consiglio comunale renderebbe più facile questo cambiamento, ma sono certo che la mia candidatura, così come è stata preparata e presentata dal candidato sindaco Carlo Masci comporterà un cambiamento di molte forze politiche.

Mahalla
Con questo, terminerei l'intervista. Nazzareno, hai qualcosa da aggiungere?
Nazzareno Guarnieri
Il mio non è solo un progetto o una sfida, ma un laboratorio politico per la partecipazione attiva alla vita politica di Rom e Sinti. Sono molto fiducioso perché i consensi sono tanti e non nascondo che qualche volta ho paura di tanto consenso. Lavoriamo bene per questo obiettivo e speriamo bene, vedremo cosa accadrà il 14 Aprile. Grazie.

Mahalla
Grazie a te e in bocca al lupo.
Nazzareno Guarnieri
Crepi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/03/2008 @ 09:43:28, in Europa, visitato 1762 volte)

L'amministrazione della città di Soroca considera che un futuro Museo dei Rom potrebbe attrarre più turisti nella località

L'agenzia DECA trasmette che le autorità della città di Soroca hanno lanciato l'idea di creare nella località un Museo Rom.

Un futuro museo Rom potrebbe divenire un punto di attrazione per turisti locali e stranieri, considera Victor Sau, sindaco di Soroca.

Secondo Sau. oggi, tra le attrazioni turistiche di Soroca, ci sono la Fortezza di Soroca e il Lumanarea Recunostintei, come pure i castelli piazzati nel distretto che è chiamato "Le Colline Zingare".

L'idea di fondare un Museo Rom è stata lanciata in una recente riunione dell'amministrazione di Soroca con rappresentanti della locale comunità Rom.

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/03/2008 @ 08:52:33, in scuola, visitato 1582 volte)

Praga, 17.3.2008, 19:07, (ROMEA/CTK) - Il numero di scuole preparatorie per bambini Rom sta crescendo e 164 classi per 1929 studenti sono state aperte in quest'anno scolastico, è quanto hanno riportato rappresentanti del Ministero per l'Educazione durante un seminario.

Le scuole preparatorie sono state fondate nella Repubblica Ceca tre anni fa per aiutare i bambini Rom a riuscire nella scuola elementare senza passare nelle scuole speciale per alunni con difficoltà nell'apprendimento.

Jirina Ticha del Ministero per l'Educazione ha detto a CTK che il 12% dei richiedenti era stato rifiutato l'anno scorso. Ha aggiunto che c'è bisogno di circa 300 classi preparatorie.

Ticha ha puntualizzato che solo un piccolo numero di bambini Rom frequenta gli asili d'infanzia.

Una ricerca della fondazione NROS mostra che molti bambini Rom hanno cattivi risultati perché non parlano bene il ceco e non comprendono pienamente icompiti che gli insegnanti richiedono loro. Mancano anche di conoscenza e abilità, conclude la ricerca.

Le scuole preparatorie li aiutano a rimuovere queste barriere.

L'80% dei bambini Rom che hanno frequentato le scuole preparatorie vanno alle scuole elementari standard. Dice Radka Soukupova, del consiglio governativo per gli affari Rom, che i bambini hanno migliori possibilità di rimanervi.

Secondo la ricerca di NROS, 7 bambini su 10 e metà delle bambine Rom ripetono l'anno scolastico oppure sono mandati alle scuole speciali per ritardati. Nella popolazione maggioritaria, la proporzione è di un decimo.

Soukupova dice che molti genitori Rom non motivano i ragazzi ad imparare a scuola, dato che loro stessi hanno frequentato le scuole speciali.

Afferma che il sistema di benefici sociali non contribuisce a raggiungere la migliore qualificazione possibile.

E' necessario trovare i mezzi finanziari per aiutari più bambini Rom possibile a terminare la scuola elementare e frequentare le secondarie.

"L'investimento ripagherà" dice Soukupova.

Nonostante il numero crescente di Rom che frequentano le scuole secondarie e l'università, nota che sta crescendo la differenza tra la scolarizzazione dei Rom ed il resto della società.

La maggior parte di quanti vivono nelle 300 località considerati ghetti tar i 10 milioni di Cechi sono Rom. Oltre 80.000 Rom, circa un terzo del totale, vive nei ghetti.

ROMEA/CTK

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


28/02/2017 @ 06:25:52
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 930 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source