Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : VAI : Regole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 04/04/2014 @ 09:05:20, in Regole, visitato 979 volte)

La prima volta che vidi, ero seduto accanto a loro, dei Rom durante lo svolgimento di un Consiglio di Zona fu nei primissimi anni '90, e la cosa mi fece un effetto strano: beceri, urlanti e litigiosi i consiglieri, calmi ed educati i Rom presenti in sala. Quella sera ci furono anche risvolti comici, ma non è questo il momento di scriverne.

Martedì sera, ho rivissuto la stessa sensazione, purtroppo senza gli effetti comici di allora. Per capire qual era il contendere della serata, potete leggere questo intervento che alcuni cittadini hanno letto prima dell'inizio del consiglio.

    Mercoledì sera ne ho riparlato con un rom che era presente, mentre in televisione sbirciavamo distrattamente una partita che non interessava a nessuno dei due. Lui è A.B., lo conosco da anni, incensurato, lavora e ha la fortuna di un contratto a tempo indeterminato, con la sfortuna di fare dei turni micidiali; ha anche una bella famiglia e da tempo (come molti) vorrebbe uscire dal campo. Per seguire i nostri ragionamenti, le sue parti saranno in corsivo.

Non c'era alcuna certezza che l'argomento venisse discusso, sino all'ultimo avevo anche il timore che dal campo non si presentasse nessuno - e sarebbe stato abbastanza incongruente discutere un argomento che i rom ritengono molto urgente quando loro per primi non si facevano vivi.

Ma poi, puliti e ordinati, abbiamo fatto fatto ingresso in sala.

La maggioranza in CdZ, a fatica, era dalla nostra parte; l'opposizione, con altrettanta fatica e stanchezza, del tutto contraria, per cui sin dall'inizio si assisteva a varie comunicazioni in codice. Il dibattito prosegue lentamente, i due fronti sembrano squadre che si studiano in attesa della mossa altrui. L'opposizione traccheggia, insomma tira per le lunghe, fa intendere che sul punto che ci interessa non intende arrivare alla discussione.

I cittadini possono intervenire solo a inizio seduta, non a consiglio in corso. Non è piacevole rimanere seduti in fondo senza niente da fare. Ogni tanto qualcuno dai banchi della maggioranza veniva a salutarci, o solo a controllare che non ci fossimo addormentati.

Nonostante i tentativi di tirare per le lunghe, alla fine la minoranza soccombe e deve accettare di discutere sulla mozione presentata dalla maggioranza. Ma prima di votare la mozione, c'è ancora da affrontare il dibattito: tirare nuovamente per le lunghe o tentare un assalto alla baionetta?

Le opinioni le rispetto, anche quelle diverse, ma mentre che parlavano di noi sentivo inesattezze una dopo l'altra: c'era chi parlava di scontri tra bande e con lo stesso cognome mischiava vittime e colpevoli.

Come se io mi chiamassi Provenzano e dovessi per forza essere affiliato ad un clan o condividerne le colpe.

E poi c'era una che era fissata che nei campi rom ci fosse l'aria condizionata.

Neanch'io ho mai saputo di un campo con l'aria condizionata. Qualche tempo fa nel centro di via Lombroso i rom si lamentarono che nei container d'estate si sarebbe morti di caldo, e il Giornale titolò che volevano l'aria condizionata. Da lì la voce è circolata ed è stata stravolta sino a ieri sera.

Ma io ricordo che quei consiglieri sono stai qui. Hanno visto in che condizioni viviamo. Non possono far finta di non sapere e inventarsi queste cose.

Credo che allora l'abbiano fatto apposta.

Perché mentre li stavo ad ascoltare, alle cose inventate si aggiungevano, qualcuno sottovoce e altri molto sfacciatamente, sempre più provocazioni. Tanto noi dovevamo ascoltare in silenzio.

Ad esempio, c'era uno spilungone che continuava a ripetere che chi abita nel vostro campo (tutti, indistintamente) vive nell'illegalità, e se vuole può uscirne. Ma io non capisco come si possa essere nell'illegalità, solo perché si abita in un campo comunale, assegnato dallo stesso comune. Bisogna vivere in un campo abusivo? Comunque, non ho problema a farvi leggere cosa scrive chi la pensa in quella maniera.

Sembra che per essere illegale basti essere rom. Qualcuno provava a rispondere con un semplice ragionamento: anche noi siamo persone, individui, non una cosa o una categoria politica.

Ci sono stati interventi (anche nella minoranza) che erano più ragionevoli, e man mano crescevano i toni, il presidente del consiglio (non lo invidio) provava a sanzionare gli interventi e riportare un tono civile.

Finché non ha convocato i capigruppo, forse per calmare il dibattito, ma a questo punto i provocatori hanno alzato ancora di più la voce.

Avevano capito che stavano perdendo la partita e non sapevano più cosa fare. Così hanno provato a buttarla in caciara, sperando di fare la figura delle povere vittime. Ma a quel punto hai perso la pazienza.

Non ce l'ho fatta più. Ognuno può pensarla come crede, ma il rispetto è dovuto a tutti. Così ho risposto a voce alta che io ero più italiano di loro.

Ma è stato quello che hanno detto, o per tutto quello che avevi ascoltato prima?

Non ho neanche capito cosa avessero detto in quel momento. So che ad un certo punto anche gli altri consiglieri dicevano che era troppo, che si stava esagerando e che frasi simili non dovevano essere accettate. Ecco, è stata la goccia che ha fatto traboccare il bicchiere.

A quel punto, ti abbiamo gentilmente accompagnato fuori (A.B. è la persona più pacifica del mondo, ma se perde la pazienza sono 140 kg. scatenati. Chi lo ferma? ndr.)

Avete fatto bene. Anche se sono convinto che avevo ragione, poi mi sono fermato fuori ad aspettare. C'era un consigliere che continuava a ripetere a me e gli altri di rientrare, ma non volevamo cadere nelle provocazioni.

Devo dirti, non mi è spiaciuto sentirti rispondere a quel modo. Ma ormai mancava pochissimo ad approvare la mozione, e il rischio era di rovinare tutto all'ultimo momento. Era quello che volevano.

Insomma, alla fine la mozione è passata.

Il Consiglio di Zona ha fatto tutto il possibile, ma non ha potere in merito, può solo fare pressione in Comune, che in questi mesi è stato il vero collo di bottiglia della vostra vicenda.

Allora siamo a posto! Vero...???

Come si dice "Stai sereno".

Va bene. Domenica passi ancora a trovarci, così posso salutarti nello stesso modo?


Milano 1° aprile 2014

Al Presidente e ai Consiglieri del Consiglio di Zona 2 di Milano

Non è la prima volta che interveniamo in questa sede sulla questione di via Idro e sappiamo che potrebbe non essere l'ultima. Siamo del tutto consci che i problemi complessi non si risolvono con i proclami militareschi alla De Corato, con i continui trasferimenti di persone da un capo all'altro della città e nemmeno con gli atti amministrativi, se questi non sono sostenuti da un progetto politico e da risorse economiche e umane. E sappiamo che ci vuole del tempo.

Ma non possiamo fare a meno di segnalare, appunto, che il tempo sta passando e le misure prese finora sono lontane dall'essere adeguate. Aspettiamo che il Piano rom sinti e caminanti decolli e ci auguriamo che produca effetti positivi, sia per le comunità rom, sinti e caminanti, sia per quelle che sono maggiormente investite dalle problematiche connesse, per questioni diverse tra le quali, innanzitutto, la prossimità.

Stasera interveniamo proprio per sollecitare questo Consiglio ad affrontare, con le misure che gli sono proprie, con maggiore determinazione la situazione che si va creando anche a causa della crisi economica e nello specifico quella di via Idro, di cui stiamo segnalando da tempo i problemi. E ci permettiamo di sollecitarlo ad approvare senza esitazioni la delibera all'ordine del giorno, che riteniamo coerente con gli obiettivi che questo Consiglio ha finora perseguito.

Non avremmo altro da aggiungere se nei giorni scorsi non fosse stata qui approvata una mozione che non investe direttamente la questione in oggetto, ma la evoca, secondo il nostro parere, con ambiguità. Ci riferiamo a quella presentata dalla consigliera Sardone, che ha ottenuto un consenso molto ampio. Noi comprendiamo il disagio e i timori dei cittadini di fronte a situazioni di degrado e di devianza e comprendiamo anche le preoccupazioni del Consiglio di zona, che a quei cittadini deve cercare di rendere conto. Non è pertanto nostra intenzione sindacare la decisione di installare una barriera antiroulotte in via Trasimeno. Ma non è un caso che su questa decisione si siano gettate con un interesse sorprendente, e sospetto, la stampa e la televisione, forse opportunamente messe al corrente della vicenda. Raramente una barriera antiroulotte ha avuto tanto risalto mediatico.

D'altronde, si va verso le elezioni e non c'è da stupirsi se forze politiche travolte da ripetuti scandali e a corto di argomenti si apprestano nuovamente a giocarsi il jolly degli "zingari", rivolgendosi non alle teste ma alle pance dei cittadini. Sappiamo bene che c'è sempre chi è disposto, pur di guadagnare qualche voto, a usare queste furbizie, senza badare ai danni che producono nel corpo vivo delle comunità, nella loro cultura. E non ci meraviglia se a farlo con più sistematicità e spregiudicatezza sono quelli che pretendono di essere i migliori italiani e i migliori cristiani. Sono vent'anni che governano, qui e altrove, e abbiamo imparato a conoscerli bene: sappiamo che è la povertà a disturbarli, non la corruzione, né, è ormai risaputo, la mafia.

E non ci meraviglia nemmeno che certa informazione, in questo caso quella incarnata dal giornalista Capuozzo, sia sempre alla ricerca di "sangue" (lo diciamo usando le virgolette), e scelga di accompagnare un'intervista a due consiglieri di una zona di Milano con immagini riprese non importa dove purché allarmanti. In Zona 2 ci saranno anche tantissime situazioni di degrado, come sostiene la consigliera Sardone, ma non è ancora la periferia di una megalopoli del sud del mondo, nonostante sia molto colorata: e se è un male o un bene ce lo diranno la storia e la demografia.

Amici di via Idro


#viaidro

 
Di Fabrizio (del 02/04/2014 @ 09:02:05, in Regole, visitato 775 volte)

26.03.2014 - Sul Corriere della Sera pubblicata la prima sentenza italiana in cui si riconosce espressamente il carattere discriminatorio del c.d. "censimento Rom" da parte dello Stato italiano

A distanza di più di 10 mesi dalla decisione del Tribunale Civile di Roma che aveva accolto il ricorso per discriminazione proposto dal sig. Salkanovic, con il supporto di Asgi, Associazione 21 Luglio e Open Society Justice Initiative, finalmente arriva la pubblicazione dell'ordinanza sul quotidiano nazionale "Il Corriere della Sera" del 19 Marzo 2014.

"Sono stati necessari oltre dieci mesi e molteplici solleciti affinché questa importante decisione giurisprudenziale trovasse oggi adeguata pubblicità sugli organi di informazione, così come ordinato dal Tribunale" affermano le associazioni ASGI e Associazione 21 Luglio che hanno seguito il caso " Ci auguriamo che la diffusione dei contenuti di questa azione aiuti a rafforzare la lotta per il rispetto della dignità umana verso una comunità che continua a rappresentare troppo spesso un capro espiatorio, vittima di una mancata e seria attuazione di una strategia d'integrazione come dimostrano i recenti fatti di intolleranza verso la comunità rom a Poggioreale(Napoli) e la continua e insensata politica degli sgomberi".

IL CASO: Nel maggio del 2008, il Governo italiano adottava la "Dichiarazione sullo stato di emergenza in relazione agli insediamenti di comunità nomadi nel territorio delle regioni Campania, Lazio e Lombardia" con cui si conferivano ai prefetti delle città di Roma, Milano e Napoli poteri straordinari "in deroga alle disposizioni di legge in vigore", tra cui l'identificazione e il censimento delle persone (minori inclusi), per adottare misure indirizzate, direttamente o indirettamente, ai Rom, Sinti e ai cittadini di paesi terzi, residenti nei c.d. 'campi nomadi'.
A seguito dell'intervento del Tribunale di Roma (ordinanza del 24.05.3012 della seconda sezione civile), i dati sensibili illegittimamente raccolti e conservati presso la banca dati del Ministero dell'Interno sono stati distrutti ed è stato liquidato il danno - determinato in via equitativa in 8.000 euro - in favore della vittima della discriminazione.
Nonostante in Italia siano spesso proprio le istituzioni a mettere in atto comportamenti discriminatori, l'ordinanza Salkanovic rappresenta, ad oggi, uno dei rari casi in cui è stato ordinato ad una Pubblica Amministrazione di risarcire il danno non patrimoniale in favore di una vittima di discriminazione in applicazione della direttiva 2000/43/CE che impone la previsione di sanzioni effettive proporzionate dissuasive - .
L'ordinanza Salkanovic rappresenta, altresì, il primo caso in cui si riconosce espressamente il carattere discriminatorio del c.d. "censimento Rom", anche se successivamente è anche intervenuta la Corte di Cassazione che ha confermato quanto disposto dal Consiglio di Stato in merito all'illegittimità ab origine dell'"emergenza nomadi" sul territorio italiano.
Secondo il Tribunale di Roma, la generale previsione di identificare tutte le persone rinvenute negli insediamenti mediante rilievi segnaletici ha determinato una discriminazione basata sulla provenienza etnica. Nello specifico, "é stata violata la dignità del ricorrente ed è stato creato un clima ostile".

Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione
Associazione 21 Luglio

 
Di Fabrizio (del 16/02/2014 @ 09:05:12, in Regole, visitato 794 volte)

12 febbraio 2014 - Corriere delle migrazioni

Asgi, Fondazione Romanì e Associazione 21 Luglio lanciano "Out of Limbo", una campagna per i diritti dei rom privi di cittadinanza

"Apolide" è colui che nessun paese del mondo riconosce come proprio cittadino. Provate per un istante a immaginare cosa vuol dire. Significa, per esempio, non poter avere mai documenti di identità: i documenti vengono rilasciati per definizione dagli Stati di appartenenza, e gli apolidi - appunto - non "appartengono" a nessun paese. Significa non avere un passaporto, che è condizione necessaria per ottenere, all'estero, un permesso di soggiorno. Significa non poter accedere a molti servizi essenziali, che di norma vengono garantiti ai cittadini (o, al più, agli stranieri regolari).

L'apolide è, potremmo dire, un "fantasma giuridico". I primi a sperimentare questa condizione di annullamento furono gli ebrei, ai quali il Terzo Reich revocò la cittadinanza tedesca: un vero e proprio atto di persecuzione propedeutico allo sterminio. Anche a seguito di quella tragica vicenda, la Comunità Internazionale adottò nel 1954 la Convenzione di New York, che garantiva protezione agli apolidi. Oggi, lo straniero che sia riconosciuto privo di cittadinanza ha diritto ad avere un permesso di soggiorno nello Stato ospitante.

Il riconoscimento dell'apolidia

Fate caso alle parole. Si è detto che, ai sensi della Convenzione di New York, ha diritto alla protezione chiunque sia riconosciuto come apolide. Ma come si fa ad essere riconosciuti, cioè ad ottenere lo status di apolide?

Qui, come si suol dire, casca l'asino. Perché, certo, in Italia gli apolidi godono di pieni diritti, hanno un regolare permesso di soggiorno, e quando vanno in Questura si vedono rilasciare persino una specie di passaporto. Ma tutto questo accade, appunto, agli apolidi riconosciuti come tali. Il problema vero è come si diventa apolidi, cioè come si fa a dimostrare la propria condizione di "persona senza cittadinanza".

La procedura di accesso allo status è disciplinata da un vecchio regolamento di attuazione sulla cittadinanza (il DPR 572/93, per essere precisi). All'art. 17, questo decreto prevede che l'aspirante apolide esibisca un certificato di regolare residenza in Italia. Ora per avere la residenza bisogna avere un permesso di soggiorno, e per avere un permesso di soggiorno bisogna munirsi di un passaporto: solo che, come abbiamo visto, il passaporto si richiede al proprio paese, e gli apolidi non hanno un "proprio paese"…

Siamo di fronte, insomma, a un "circolo vizioso" infernale: per essere riconosciuti come apolidi bisogna produrre dei documenti che un apolide non può avere, se non in casi molto rari. E' anche grazie a questa vera e propria diavoleria burocratica che, in Italia, i titolari dello status sono pochissimi: meno di mille, secondo alcune stime recenti (ne abbiamo parlato qui).

I rom e l'apolidia

Anche se non esistono dati precisi, è noto che molti apolidi provengono dalle minoranze rom della ex-Jugoslavia. E proprio tra i rom esiste anche un esteso fenomeno di "apolidia sommersa": sono cioè molte le persone che non hanno alcuna cittadinanza, e che tuttavia non riescono a farsi riconoscere lo "status" in modo ufficiale. Secondo una recente stima dell'Associazione 21 Luglio, vi sarebbero almeno 15.000 bambini rom senza cittadinanza, o comunque esposti alla perdita della nazionalità originaria.

I motivi di questa situazione sono vari. In primo luogo, molti rom nascono in Italia, e spesso i genitori hanno difficoltà a registrarli al paese di origine. In secondo luogo, le norme in materia di cittadinanza nei paesi balcanici sono complicate e restrittive: può così accadere che un bambino nato in Italia non riesca a ottenere né la cittadinanza dei genitori, né quella italiana (come noto, nel nostro paese vige un sistema di jus sanguinis, e la nascita sul territorio nazionale non dà diritto ad essere cittadini).

Di fronte a queste difficoltà, i rom si rivolgono agli avvocati: ma, di solito, un legale conosce solo la legge italiana, mentre qui bisogna districarsi tra le norme di paesi differenti.

Fuori dal limbo

E' proprio per affrontare questi nodi che ha preso forma in questi giorni il progetto "Out of Limbo", promosso da Associazione 21 Luglio, Asgi e Fondazione Romanì, e finanziato da Open Society Foundations. La scorsa settimana si è tenuta la prima giornata del corso di formazione che dà il via al progetto.

"Obiettivo del corso", dicono i promotori, "è quello di rafforzare le competenze legali degli operatori che lavorano con le comunità rom, in modo che possano svolgere il ruolo di "paralegali di comunità" e promuovere l'accesso allo status delle persone rom senza documenti e apolidi".

I partecipanti, tra cui figurano anche 14 attivisti rom e sinti, dovranno individuare tre casi di migranti rom privi di documenti, e dovranno assisterli nel loro accesso a uno status legale. L'obiettivo finale del progetto è quello di promuovere vere e proprie vertenze: "i casi individuati di particolare rilevanza", proseguono i promotori dell'iniziativa, "daranno luogo ad azioni legali strategiche portate avanti dagli operatori legali di ASGI e Associazione 21 luglio". L'obiettivo, insomma, è quello di trasformare gli "apolidi sommersi" in "apolidi riconosciuti". E magari anche quello di cambiare le leggi italiane, con i loro assurdi "circoli viziosi"

 
Di Fabrizio (del 13/01/2014 @ 09:04:54, in Regole, visitato 1228 volte)

I fatti del 2012

Pubblicato il 7 gennaio 2014 16.09 | di Redazione Blitz

FIRENZE - Il proprietario e speaker di Radio Studio 54, Guido Gheri, e un suo collaboratore, Salvatore Buono, hanno avuto 9 e 6 mesi di condanna per diffamazione e istigazione all'odio razziale. Dovranno risarcire 5mila euro al Comune di Firenze e 3mila euro al presidente di una casa del Popolo di Empoli.

Il processo affrontava episodi diversi, riuniti in un solo procedimento, su affermazioni fatte dai microfoni di Radio Studio 54, storica emittente fiorentina di taglio popolare. Fra gli episodi, diffamazione e istigazione all'odio razziale sono accuse relative ai commenti di Gheri e Buono sulla gestione del maxi-parcheggio a pagamento dell'ospedale di Careggi, da dove alcuni ascoltatori avevano segnalato presenza di extracomunitari e di rom e vandalismi.

Nelle loro affermazioni, i condannati tirarono in causa anche il Comune di Firenze dicendo la colpa era "di Matteo Renzi e della sua giunta che non fanno un c..." e sostenendo che nella vicina Prato, con la giunta di centrodestra, tali problemi non si verificano, anche perché nella città laniera ci sarebbe "gente che la mazzetta non la prende". Una frase che indusse il sindaco Matteo Renzi, ritenutosi offeso insieme con il Comune di Firenze, a querelare Gheri e Buono e a far costituire il Comune parte civile.

La condanna odierna per diffamazione riguarda, inoltre, anche frasi pronunciate a proposito di un ex collaboratore della radio, esperto in sicurezza sul lavoro, ingiuriato pesantemente in numerose trasmissioni. Il pm Christine von Borries aveva chiesto la condanna per i due a una sanzione pecuniaria. L'avvocato Paolo Florio, difensore di Gheri, ha definito sorprendente la sentenza e con il collega Guglielmo Mossuto, difensore di Buono, ha preannunciato appello.

 
Di Fabrizio (del 07/01/2014 @ 09:00:28, in Regole, visitato 934 volte)

Intervista a Michele Capano (avvocato, già Presidente del Comitato di Radicali Italiani) sul caso di una rom a cui è stato negato lo status di apolide e sulla sua causa in corso al Tribunale di Roma

Durata: 15' 8"
Genere: Intervista
Redattori: Andrea Billau
Licenza: Creative Commons

Scarica (Condizioni di utilizzo)
MP700975.mp3
Dopo 3 settimane i file cessano di essere scaricabili.

 
Di Fabrizio (del 25/12/2013 @ 09:04:41, in Regole, visitato 1368 volte)

Guarda chavo, il discorso è semplice:

Non ho mai conosciuto un rom o un gagio, e neanche un cane, che si chiamasse Erode. Il prete mi deve aver parlato di quella storia... non so se fosse una brava persona o no.

Cosa ne penso lo puoi immaginare, che la tua gente è pazza. Quello che successe tanto, tanto tempo fa, lo fate tutti gli altri giorni dell'anno. Lo so, che tu non c'entri, lo so che eri con me quando c'erano le ruspe: parlo dei tuoi amici, dei tuoi vicini, colleghi, parenti...

Pensa che un asinello l'avevo anch'io e ho dovuto venderlo. Chi l'ha comprato aveva capito chi ero, così me l'ha pagato una miseria.

Adesso, vado a curare il fuoco, forse almeno oggi ci lasciano in pace. Se vuoi favorire, sei il benvenuto.

Sai, mio figlio grande si arrangia a fare tante cose, potrebbe essere un bravo falegname... Immagina che gioia sarebbe per tutti! Non avresti delle scarpe per mio figlio piccolo?

 
Di Fabrizio (del 09/12/2013 @ 09:00:13, in Regole, visitato 872 volte)

In base alle statistiche del 2010, i Rom che risiedono a Roma sono 7.177, distribuiti in campi attrezzati, tollerati o informali. La condizione di segregazione e perenne emergenza che si vive nei campi, soprattutto in quelli tollerati o informali, impedisce loro di esercitare diritti elementari come quelli sanitari, scolastici e di residenza, in quanto cittadini dell'Unione Europea. Per renderli consapevoli dei loro diritti e delle pratiche che ne consentono l'applicazione, Popica Onlus, in partenariato con Amnesty International-Italia ha realizzato con i giovani della comunità Rom residente nella "Città Meticcia del Metropoliz" un programma di informazione (documentato dal filmato "We found the way") che ha portato alla realizzazione di un opuscolo e di un dvd ambedue intitolati Conosci i tuoi diritti. Sia il testo che il filmato sono in italiano e in rumeno. L'iniziativa è stata finanziata tramite bando internazionale dall'OSCE.

 
Di Sucar Drom (del 20/11/2013 @ 09:09:48, in Regole, visitato 1125 volte)

Giornalettismo - 19/11/2013 - Ben congegnata, fa già molte vittime


Una divertentissima bufala pubblicata dal blog Giornaledelcorriere sta facendo il giro di Facebook, con un gustoso codazzo di fessacchiotti che ci credono e si sentono scandalizzati per il tutto:

La bufala (scritta in maniera da imitare il linguaggio giornalistico, e anche molto bene) recita:

    Approvato finalmente il D.lgs. 958/2013 che la Commissione Consultiva dell'Integrazione ha richiesto per la salvaguardia delle popolazioni nomadi, le quali sono rappresentate dal 1971 dall'Unione Rom Internazionale. Questo movimento mira al riconoscimento di un'identità e di un patrimonio culturale e linguistico nazionale senza stato né territorio, cioè presente in tutti i paesi europei.
    La massima del Decreto entrato in vigore con l'ultima Gazzetta Ufficiale cita testualmente:
    "L'individuo che dimostri con la buona fede di appartenere ad un gruppo Rom (etnico e nomade) non sarà passibile di nessuna pena relativa al reato di furto (art.624 c.p.) se il valore economico del bene o denaro sottratto è inferiore a € 200, in quanto l'unico sostentamento di determinate strutture sociali deriva esclusivamente e da generazioni da tali azioni. Il soggetto dovrà altresì dimostrare sul momento di non avere regolare residenza o fissa dimora in Italia. Il presente non vale per chi possiede la cittadinanza italiana da almeno 10 anni".
    In poche parole: se uno zingaro ruba oggetti o denaro del valore inferiore a 200 Euro, non potrà essere denunciato per furto in quanto la sua azione è legata da secoli di usi e costumi del suo gruppo di appartenenza.

Ovviamente, bastano trenta secondi di ricerche su internet per scoprire che nulla di tutto ciò è vero. E ad essere interessante è anche la firma: " Ilenia Tripidosi - Corrispondente Estero" ha già firmato molte altre bufale e trollate a cui tanti hanno abboccato. D'altronde, come diceva Franz Kafka, "Tutte le mattine escono di casa un furbo e un coglione. Se si incontrano l'affare è fatto".

(no, non l'ha detto Franz Kafka; bravi!)

 
Di Fabrizio (del 14/10/2013 @ 09:06:09, in Regole, visitato 979 volte)

UN PRIMO RISULTATO DELLA CONSULTA ROM E SINTI DI MILANO CONTRO L'"EMERGENZA NOMADI" DECRETATA DAL GOVERNO BERLUSCONI. CANCELLATI I DATI PERSONALI DEL CENSIMENTO SU BASE ETNICA DEL 2008

La Consulta Rom e Sinti di Milano ha avviato a giugno 2013, in collaborazione con ERRC (European Roma Rights Center), un'azione legale per la cancellazione dei dati personali - un vero archivio parallelo su base etnica - e per ottenere un risarcimento per danni morali da parte delle comunità di Milano che hanno subito il censimento etnico nell'ambito della cosiddetta “emergenza nomadi" decretata dal governo Berlusconi nel maggio del 2008.

Questa "emergenza" - e tutti i suoi effetti: censimento, regolamento prefettizio - è stata definitivamente dichiarata illegittima, motivando le richieste di cancellazione dei dati e il risarcimento danni.

Il 4 ottobre il prefetto di Milano ha trasmesso all'avvocato della Consulta, Gilberto Pagani, il verbale di cancellazione dei dati, sia cartacei, sia digitali, raccolti con il censimento. Un primo importante risultato dell'azione della Consulta che ora proseguirà con la causa per il risarcimento danni di chi ha subito un censimento razziale nell'estate del 2008.

In allegato il verbale di cancellazione.

Per informazioni: 339.7608728

 
Di Fabrizio (del 03/10/2013 @ 09:05:05, in Regole, visitato 805 volte)

Osservatorio Balcani e Caucaso - Bozhidar Stanishic' 23 settembre 2013

Berlino, il Muro (Foto Context Travel, Flickr)

Il recente voto del Parlamento Europeo sulla possibile reintroduzione dei visti rappresenta un'ulteriore minaccia alla libertà di movimento in Europa e la violazione di una promessa. Il commento

Il 12 settembre il Parlamento Europeo ha votato un dispositivo di legge che rende possibile il ritorno dei visti per i cittadini dei Balcani occidentali.

I paesi più minacciati dalla possibilità di reintroduzione della misura sono la Bosnia Erzegovina, la Serbia e la Macedonia, paesi che fanno parte della cosiddetta "lista bianca" di Schengen e da poco beneficiano di un sistema agevolato di visti.

I 631 parlamentari presenti al voto hanno votato a maggioranza, 328, a favore dell'introduzione del meccanismo che permette il ritorno temporaneo del regime dei visti in situazioni d'emergenza e in casi di abuso del sistema.

Anche se questo "meccanismo di sicurezza" adottato dal Parlamento europeo non è una misura, ma solo una possibilità, esso potrà scattare su richiesta di uno o più paesi membri dell'Unione se qualcuno di loro avrà notato un aumento considerevole (superiore al 50%) delle richieste dei cosiddetti falsi richiedenti asilo.

In tale caso, il meccanismo sarà applicato per un periodo di sei mesi, con una possibile proroga per altri nove mesi. In breve: basta una lettera di uno degli stati dell'Unione poi si radunano gli esperti (che a Bruxelles non mancano mai ) e si va al voto. Il gruppo del Partito Popolare Europeo (PPE), come sempre, sarà compatto.

Tanja Fajon, eurodeputata slovena, attenta alle problematiche di quella parte del vecchio continente, oltre alla critica del meccanismo di una votazione seguita ad un dibattito burrascoso (secondo lei il voto era illegale per la limitazione dei diritti del Parlamento e avrebbe dovuto essere fatta in un altro momento), è stata chiara: "Il Partito popolare europeo, insieme alle forze populiste e conservative del Parlamento europeo, ha mostrato per l’ennesima volta di non avere alcun riguardo per la sicurezza dei cittadini europei e per la libertà di movimento, che sono uno dei diritti umani fondamentali."

Jelko Kacin, consigliere del Parlamento europeo per i Balcani, da buon impiegato dice che non bisogna esserne preoccupati. Il meccanismo, sostiene, potrà essere applicato solo fino al 2016.

La vergogna delle file di fronte ai consolati
Subito dopo aver letto la notizia della possibile reintroduzione dei visti, nel primo pomeriggio del 12 settembre, ho incontrato a Udine un mio compaesano, originario della Bosnia occidentale. Anche lui aveva sentito la stessa notizia.

"Grazie a Dio, noi siamo a posto. Tutti in famiglia ora abbiamo la cittadinanza italiana."

Cosa potevo dire a quel mio amico, un ex impiegato che in Friuli si è trasformato in piastrellista? Citargli il profeta Geremia, la sua riflessione su Gerusalemme: "Se io ti dimentico, o Gerusalemme, dimentichi la mia mano destra ogni abilità"?

Un'ora più tardi mi ha chiamato un altro amico dalla Bosnia: "Che cosa vogliono da noi?" Stranamente contento perché il mio coetaneo non ha detto "che cosa volete", cercavo di consolarlo: "Tieni presente che non si tratta di una misura che è stata adottata, ma di una possibilità..." Mi ha interrotto: "Ma chi sono queste persone che, fra tutti i problemi in cui l'Europa è immersa, hanno tempo per discutere di un pugno di furbi, emarginati e qualche disperato che approfitta del regime dei visti per fare domanda di asilo?" Che cosa potevo o dovevo rispondergli?

Ho un'esperienza in materia. All'inizio del 1997, su proposta della sede italiana di un'organizzazione internazionale, sono stato al Consiglio d'Europa, a Strasburgo, per dare uno sguardo personale alla problematica del difficile ritorno dei profughi bosniaci al paese d'origine dopo la guerra. Sono tornato a casa con un'impressione più che amara: insieme agli altri relatori, compaesani esuli in diversi paesi europei, ho constatato l'ignoranza della materia da parte della stragrande maggioranza dei membri della commissione davanti a cui avevamo esposto le nostre osservazioni. Ricordo che un rappresentante romeno ha incominciato il suo commento con queste parole: "Nel mio paese c'è un proverbio: Chi ha visto un cavallo verde e un serbo onesto?"

Il mio amico ha proseguito, come se avesse intuito la mia risposta: "Quindi, i rappresentanti parlamentari di 28 paesi membri dell'Unione si sono pronunciati a favore di una misura del tutto fuori dallo spirito europeo?" Che potevo rispondergli: "Mica tutti hanno letto le opere di Massimo Cacciari o di Edgar Morin, o riescono a comprendere che l'Europa è un arcipelago, le cui isole sono pure i paesi dei Balcani occidentali..."

Lui, come se volesse dar sfogo a quella ribellione che di solito finisce fra le quattro pareti domestiche, mi ha chiesto: "Di nuovo, quindi, chi vuole viaggiare dovrà mettersi in fila davanti alle porte dei consolati? Le file, le file di nuovo! Che vergogna! In 328 hanno votato sì, 48 astenuti! Va bene, il mio rispetto a quei 238 con le palle umane!" Aggiungendo che non pensava più a sé, ma ai giovani, ha detto che secondo lui c'era qualcosa sotto, non soltanto la questione dei visti.

"Forse è l'annuncio che noi, secondo quei signori seduti sulle poltrone d'Europa che hanno alzato la mano del loro 'sì', non siamo benvenuti, né come viaggiatori né come Stati?"

Un lontano ricordo: la caduta del Muro
Tutti noi che ricordiamo la caduta del Muro, ricordiamo pure non solo i fuochi d'artificio e lo sventolare delle bandiere, ma pure le parole pronunciate, piene di promesse per un futuro migliore per tutti gli europei. Certo, promettere fa parte del mestiere del politico, perciò ricordo più volentieri la critica di Günter Grass sull'ipocrisia dell'accoglienza dei rifugiati nel periodo del dopo Muro. Secondo Grass, finita l'emergenza, finiti i nomi eccellenti dei personaggi in fuga dall'altra parte del Muro, si sono spenti i riflettori dei media, si è asciugato l'inchiostro nelle penne dei giornalisti.

Tradotto in parole povere, oggi, niente più Sacharov, né scrittori e intellettuali polacchi, ungheresi, romeni ed altri dell'ex blocco sovietico, ma persone, numeri, profughi delle guerre umanitarie, disperati senza nome.

Credo che il 12 settembre 2013 debba essere considerata una giornata vergognosa, e non solo per il Parlamento europeo. La vergogna è ancora superiore per coloro che rappresentano i partiti di destra (non dimentico i cittadini che li hanno votati) nei paesi dell'ex Est Europa. Mi pare che la memoria, là, sia diventata un lusso, forse una pillola proibita. Mi chiedo quanti a Riga, Praga, Varsavia, Budapest e altre città simbolo dell'oppressione dei regimi comunisti si ricordano della Cortina di Ferro, dell'impossibilità di viaggiare, di visitare le città occidentali. Quando i loro rappresentanti politici nell'Unione hanno alzato la mano per un "si" che minaccia milioni di cittadini dei paesi dei Balcani occidentali, da tempo paria di questa Europa promessa, si ricordavano quella marea di promesse del novembre 1989?

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


24/02/2017 @ 22:40:45
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2238 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
23/05/2016 @ 10:54:59
Di manuele
BuongiornoSiete alla ricerca di prestito per sia r...
08/04/2016 @ 10:41:57
Di manuele
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source