\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Documentario al campo rom "Casilino 900"
Di Fabrizio (del 28/08/2009 @ 09:39:18, in media, visitato 2065 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte

Casilino900documentario Il percorso di reportage, video e fotografico, intrapreso da quattro giovani ragazzi italiani: Davide Falcioni, Ermelinda Coccia, Andrea Cottini e Anna Peretti.

MOTIVAZIONI

Quattro ragazzi che dividono un appartamento a Roma, nel quartiere Centocelle hanno deciso di imbattersi nella realtà del vicino campo Rom Casilino 900.
La loro unica motivazione è stata quella di conoscere una comunità apparentemente marginale che invece si colloca da decenni nel cuore di una delle zone periferiche più popolari della capitale.

Essendo entrati a contatto con il rappresentante del campo, Najo Adzovic dell’Associazione Nuova Vita, si è subito creata una sintonia che ha permesso loro di conoscere alcune famiglie Rom delle varie etnie presenti nell’area.

Proprio dalla conoscenza e dalla frequentazione con queste persone è nata l’idea di girare un documentario (unitamente ad un reportage fotografico), sfruttando le proprie competenze nel campo dell’audiovisivo.
Data l’immediata vicinanza dell’appartamento dei quattro ragazzi con una realtà così “lontana” il titolo (provvisorio) del documentario è “Sottocasa”.

CONTENUTI e TEMATICHE

Durante i mesi di frequentazione del Casilino 900 sono state effettuate riprese per un totale di circa 10 ore di girato. E’ stata data particolare importanza alle interviste sia alle persone che vivono nel campo Rom sia agli abitanti del quartiere per capire diversi punti di vista su una problematica sociale che ricade sul VII e VIII Municipio.

Non sono poi mancate scene di vita quotidiana del campo, popolato principalmente da bambini e adolescenti, e sequenze inerenti le tradizioni della cultura Rom come l’artigianato del rame ed i balli folkloristici.

Attraverso l’obiettivo della telecamera sono emerse varie tematiche legate alle aspettative, ai sogni e ai desideri, alle paure della gente che popola il Casilino 900: la realizzazione professionale, il possesso del permesso di soggiorno, la povertà, l’arte di arrangiarsi.

Non mancano ovviamente alcuni aspetti critici che evidenziano le contraddizioni di questo popolo, soprattutto testimoniati pubblicamente dagli abitanti del quartiere Centocelle al prefetto Pecoraro durante un incontro presso il cinema Broadway: il problema dei fumi tossici, la microcriminalità, il degrado.

Attualmente il documentario è in fase di post-produzione.

RICHIESTE E FINALITA’

E’ intenzione di tutti coloro che hanno partecipato attivamente al documentario mostrarlo (così come il reportage fotografico) presso associazioni culturali, emittenti televisive e scuole, con l’obiettivo di promuovere la cultura dell’integrazione e il dibattito, specie tra i più giovani.

Per raggiungere questa finalità si richiede un supporto sottoforma di finanziamento economico o altro in modo da garantire all’opera (completamente autoprodotta) un’adeguata distribuzione e divulgazione.

Hanno collaborato alla realizzazione del documentario:

Per il soggetto e la regia:
E. Coccia, A. Cottini, D. Falcioni, A. Peretti

Per le riprese:
E. Coccia

Per l’assistenza alle riprese e Backstage:
D. Danila

Per le interviste e il montaggio:
A. Cottini

Per le traduzioni:
N. Adzovic

Per il reportage fotografico:
D. Falcioni

Per le musiche:
G. Campioni, RossoPiceno folkrock band