\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Palestina
Di Fabrizio (del 30/10/2006 @ 10:29:31, in Kumpanija, visitato 2505 volte)

(Libano)

Mehdi Lebouacher

Agence France Press

GAZA: Seduta sul gradino della porta di casa, Narem aspira nervosamente una sigaretta, e sospira: "Siamo stati ballerini e cantanti. Ora siamo niente." In Europa sono denominati Zingari o Rom. A Gaza, sono i Nawar, gente con una tradizione ancestrale nella canzone e nel ballo, che si è sparsa per i secoli nel Medio Oriente.

Ma qui, l'aumento della dottrina islamica che ha accompagnato l'inizio della seconda rivolta palestinese sei anni, fa ha suonato il colpo mortale per il modo di vivere dei Nawar, li ha spinti ad elemosinare e li ha resi cittadini di seconda categoria in una società regolata da regole rigide.

"La nostra vita era la migliore. Abbiamo portato i vestiti più belli, abbiamo mangiato i piatti migliori. Abbiamo cantato Umm Kalthum, Abdel-Halim Hafez durante i matrimoni e le celebrazioni. Eravamo liberi," dice Narem, 35 anni, gettando rapidamente una sciarpa per coprire i suoi capelli scuri e fluenti ogni volta che passa un'automobile.

"Non abbiamo imparato in scuole, ma in casa. Con noi, si comincia a cantare e ballare mentre da bambini," dice. "Mia madre ha ballato, la mia nonna prima di lei e la mia bisnonna anche."

Per decadi, i Nawar hanno vagato da città a città nella striscia di Gaza e nel Medio Oriente, mostrando i loro canti e balli.

Fatima, 49 anni, era un cantante.

"Siamo andato di città in città, a Rafah, Khan Yunis, Jabaliya. Installavamo le tende e suonavamo l'oud ed i tamburi. Alcuni di noi hanno vagato fino all'Egitto, alla Siria ed al Giordano, "sospira Fatima.

"La vita era dolce come miele," bisbiglia, alzando gli occhi al cielo.

L'istituzione dell'autorità palestinese nel 1994, a seguito degli accordi di pace di Oslo fra Israeliani e Palestinesi, l'aveva resa ancora più dolce.

Convinti che presto avrebbero avuto il loro stato, i Palestinesi erano nell'umore per celebrare.

"Con l'arrivo dell'autorità palestinese, sono stati costruiti dei club in riva al mare. C'era il Sunset, il Baida," dice lo sceicco Abu Mohammed, il patriarca del quartiere Nawar di Gaza.

Ma lo scoppio della seconda rivolta palestinese nel mese di settembre del 2000, condotta da Hamas, ha cambiato tutto.

"Gli estremisti hanno bruciato e chiuso tutti i club. Hanno detto che era haram, proibito alle ragazze di ballare e cantare," dice Abu Mohammed dice, vestito in suo abito lungo consumato e sbiadito. "La nostra vita antica è sparita nell'aria sottile e non ritornerà."

Dopo l'inizio della seconda intifada, i cinema a Gaza sono stati chiusi o bruciati, vietata la vendita di alcool, i vestiti sostituiti dalle camicie lunghe-collegate e le prestazioni dei Nawar non furono più accolte favorevolmente.

"Che cosa possiamo ora fare, volare via? No, elemosiniamo nei bazar," dice Narem, rattristata dai ricordi felici.

Malgrado le difficoltà, i Nawar non desiderano andare via.

Sono stati su questa terra per i secoli e la considerano la loro patria.

"Hanno una storia molto lunga," dice Allen Williams, direttore del Centro di Ricerca dei Dom per Medio Oriente ed l'Africa del Nord, un gruppo con base a Cipro.

"In ogni società, cristiana o musulmana, i Dom hanno passato con le stesse difficoltà," dice Williams. "Non hanno una voce in Medio Oriente. Per le centinaia dei anni, essere cantanti e ballerini è stato il loro ruolo tradizionale nella società.

"Quando c'è isolamento, non c'è possibilità da andare a scuola, cantare e ballare è una di quelle abilità tradizionali che imparano e si passano dai genitori ai loro bambini".

Oggi i Nawar a Gaza vivono sotto l'occhio di una società che ha sostituito le celebrazioni con la violenza e la morte.

La miseria che ha accompagnato il raffreddamento delle relazioni con l'occidente dopo che Hamas ha formato un governo in marzo, è stata esacerbata dall'offensiva di quattro mesi dell'Israele a Gaza dopo che i militanti ha catturato un soldato israeliano verso la fine di giugno.

"La prospettiva della gente qui è cambiata," dice Narem. "quando cantate davanti alla gente, vi guardano in un determinato senso. Quando elemosinate ad un mercato, vi guardano con disdegno."

"La gente qui pensa che siamo prostitute e pensano che tutti i nostri giovani siano ladri," dice Hayat, una delle figlie di Fatima.

Agitata, aggiunge "ma siamo anche figli del popolo palestinese ed abbiamo il diritto di essere rispettati e vivere come tutti."

Oggi, conservare le loro tradizioni, i Nawar si nascondono.

"Organizziamo le celebrazioni in famiglia e non un singolo sconosciuto può venire," Hayat dice. "cantiamo e balliamo per noi stessi. È meglio così."