\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Turchia
Di Fabrizio (del 29/03/2010 @ 09:23:06, in casa, visitato 2228 volte)

Da Roma_Daily_News

23 marzo 2010 - SEVİM SONGÜN - ISTANBUL - Hürriyet Daily News

Molti Rom che sono stati spostati negli appartamenti del quartiere di Taşoluk forniti dall'Amministrazione dell'Edilizia di Massa (TOKİ), sono ritornati nel loro quartiere originario e nei dintorni di Sulukule per ragioni culturali e socio-economiche. Molti dicono che le spese per i [nuovi] appartamenti sono oltre le loro capacità ed anche che lì la vita non è sostenibile, perché preferiscono case col cortile da condividere con parenti e vicini

I Rom vivono una vita nomade dopo le demolizioni a Sulukule

Secondo gli osservatori e le OnG, i membri della comunità rom di Istanbul continuano a vivere come nomadi dopo la demolizione delle loro case, nonostante i nuovi appartamenti offerti dal governo.

Dopo che le case dei Rom che vivevano nel quartiere Sulukule del distretto di Fatih a Istanbul sono state distrutte, durante un progetto di trasformazione urbana guidato dal comune di Fatih negli ultimi tre anni, agli affittuari è stato permesso di spostarsi in appartamenti costruiti dall'Amministrazione dell'Edilizia di Massa, o TOKİ, nel quartiere di Taşoluk, sempre a Istanbul nel distretto di Gaziosmanpaşa.

L'iniziativa fa parte degli sforzi del governo per migliorare gli standard di vita dei Rom in Turchia, ma i membri della comunità rom di Sulukule dicono di soffrire ancora per i risultati delle demolizioni.

Spostarli non ha risolto i problemi

Spostare alcuni Rom a Taşoluk non ha fornito una soluzione, dato che molti di loro hanno fatto ritorno a Sulukule soltanto qualche mese dopo, avendo venduto i loro appartamenti.

"Abbiamo potuto rimanere lì [a Taşoluk] solo quattro mesi. Non era adatta per noi," dice Faruk Say, un Rom ritornato a Sulukule. Dopo che la casa di Sulukule che aveva in affitto con sua moglie e due bambini era stata demolita, Say aveva scelto di spostarsi negli appartamenti TOKİ a Taşoluk. Dice che vivere a Taşoluk era socio-economicamente difficile per loro.

"Lì per noi non c'era vita. Dopo le nove le strade sono buie. E' un quartiere solitario," dice Say. "Le spese mensili del nostro appartamento erano superiori a quel che potevamo permetterci."

"Dovremmo guadagnare 1.000 lire turche al mese per vivere negli appartamenti a Taşoluk. Ci sono molte altre spese oltre all'affitto, per esempio il gas, l'elettricità e le spese dell'appartamento," dice Say.

Quasi la metà è tornata

I Rom vivono e lavorano a Sulukule sia come musicisti che come venditori, conducendo una vita a basso reddito ed anche i loro affitti sono bassi. Pero il comune ribatte che ai Rom sono state fornite buone opportunità a Taşoluk. "Erano tutti in affitto, ma avevano anche la possibilità di acquistare l'appartamento, pagando 250 lire al mese," dice Mustafa Çiftçi, coordinatore di progetto per il comune di Fatih.

Dopo 15 anni di pagamenti mensili, avrebbero potuto essere proprietari dell'appartamento, dice Çiftçi, aggiungendo che tutti hanno ricevuto dal comune 100 lire come supporto. Però, Çiftçi deve concordare che quasi la metà dei 127 Rom mandati a Taşoluk hanno venduto o affittato l'appartamento e sono tornati a Sulukule o nei quartieri circostanti.

Però secondo Hacer Foggo, della Piattaforma Sulukule, le cifre sono inferiori. Dice che solo sei o sette famiglie sono rimaste a Taşoluk. "La maggior parte ha venduto la sua casa a partire da 5.000 lire e sono tornati nel loro vecchio quartiere. Ma ora si spostano come nomadi da una casa all'altra, perché non possono pagare l'affitto," dice.

Foggo, che lavora presso l'Associazione Zero Discriminazione, ha raccontato a Daily News che dovrebbero essere fatte ricerche a Sulukule per studiare i bisogni dei locali, prima di far partire il progetto di trasformazione urbana. "Dovrebbero essere esaminate le ragioni per cui i bambini non frequentavano la scuola o i disabili non lasciavano le loro case, e prodotti progetti sociali per migliorare la loro vita," ha detto.

Sevcan Küçükatasayar, 20 anni, ex affittuario a Taşoluk ritornato a Sulukule, dice che non potevano vivere in un appartamento. "Avevamo l'abitudine di vivere in una grande casa col giardino. Tutti i nostri parenti erano nello stesso quartiere. Ma a Taşoluk, mio padre ha aperto una casa da te, ed ha fatto bancarotta perché nessuno ci andava," dice.

Nel contempo, alcuni Rom dicono di essere felici a Taşoluk. "Quanti hanno un lavoro stabile possono viverci," dice Şahin Kumralgil, che vive a Taşolukma passa il tempo a Sulukule.

Secondo Şükrü Pündük, capo dell'Associazione Rom di Sulukule, molti dei Rom tornati a Sulukule sono  anche stanchi di parlare alla stampa ed hanno perso la speranza di un futuro migliore.

Rimozione di una sentenza discriminatoria

Il deputato di Bursa Ali Koyuncu, del partito di governo Giustizia e Sviluppo (AKP) ha anche preparato una proposta che chiede la rimozione di una sentenza con connotazioni discriminatorie, riporta l'agenzia Anatolia news. La sentenza recita: "Il Ministro degli Interni è responsabile della deportazione di zingari e nomadi stranieri."