Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : conflitti (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 19/10/2008 @ 08:58:56, in conflitti, visitato 1567 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

 14 ottobre 2008 | 17:13 | Source: Beta, Glas Srpske - BANJA LUKA - Sono state scoperte in un cimitero cattolico a Bosanski Dubocac due tombe collettive contenenti i corpi di Rom uccisi a Skelane e Srebenica.

L'ordine dell'eccidio sarebbe stato dato da alcuni generali dell'Armata Croata, tra cui Ante Prkacin, lo sostiene Nijaz Causevic Medo, ex alto ufficiale dell'Armata Croata, come riportato da Glas Srpske, giornale di Banja Luka.

"Ho informato Marko Grabovac, presidente dell'Unione per la Ricerca dei Soldati Catturati e dei Civili Dispersi, di Brod, sulla posizione delle tombe. Sono pronto, se mi sarà garantita la sicurezza, a testimoniare sul fatto davanti ai tribunali della Bosnia Erzegovina." il giornale riporta le parole di Causevic, che attualmente risiede a Slavonski Brod in Croazia.

Slavko Krulj, Procuratore Distrettuale di Doboj, dice che il suo ufficio sta lavorando senza interruzione per localizzare le due tombe, che si ritiene contengano i corpi di circa 200 Rom di Skelane e Srebenica, trasportati lì prima dell'esecuzione da due/quattro autobus.

Testimoni ricordano che gli autobus arrivarono nella città di Brod, da lì sparirono tutte le tracce dei passeggeri.

Una squadra operativa sulle persone scomparse dalla Repubblica Srpska ha informazioni su un autobus che riuscì ad attraversare il ponte tra Brod in Bosnia Erzegovina e la sua omonima in Croazia, mentre gli altri tre rimasero sul suolo bosniaco.

In quel periodo, le forze armate croate avevano occupato il municipio di Brod in Bosnia Erzegovina.

I testimoni, incluso Causevic, ricordano che le autorità croate proibirono all'autobus di passare attraverso il suo territorio.

Causevic dice che più tardi fece deviare gli autobus verso Dubocac, così che potessero essere trasferiti via traghetto sul fiume Sava attraverso la Croazia.

"Ho sentito che neanche là permisero agli autobus di passare attraverso la Croazia. Invece, tutti i passeggeri vennero tirati giù dagli autobus ed uccisi," ricorda Causevic.

Quattro anni fa furono portati alla luce 59 corpi, si ritiene di Rom da Srebenica e Skelane dello stesso bus.

Tra le salme c'erano gli scheletri di 23 bambini, mentre le altre vittime erano per lo più donne.

 
Di Fabrizio (del 13/10/2008 @ 09:22:41, in conflitti, visitato 1350 volte)

Da Romano Them

11 ottobre 2008 – In reazione all'assegnazione al diplomatico finnico Martti Ahtisaari del Premio Nobel per la Pace, Romano Them ha detto che i Rom kosovari non hanno ragione per unirsi al coro di chi si congratula. "I successi di Ahtisaari nel portare la pace in altre parti del mondo sono innegabili, ma nel caso dei Rom del Kosovo la sua azione è stata un completo fallimento." ha aggiunto l'organizzazione.

Ritornando alla mediazione dell'ex Ministro degli Esteri finlandese, dell'accordo internazionale di pace che pose fine alla guerra contro la Jugoslavia, Romano Them ha ricordato che immediatamente in seguito si stima che circa 100.000 Rom furono cacciati dal Kosovo e le loro proprietà distrutte. Sette anni dopo, quando Martti Ahtisaari assunse la guida del gruppo internazionale di trattativa, che aveva l'intento di raggiungere un accordo sullo status della provincia, egli decise di limitare gli sforzi alle due comunità più grandi, escludendo tutte le altre.

"Per Ahtisaari ed il resto della comunità internazionale, noi Rom del Kosovo praticamente non esistevamo," ha detto un rappresentante di Romano Them. "Ci hanno visto come una sorta di gente povera e miserabile, con un basso livello di civilizzazione, ma non avevamo mai vissuto sotto le tende o nei caravan." Ha inoltre spiegato che i Rom erano una parte integrale nella società del Kosovo. "Rispettavamo le leggi e il sistema in atto," ha detto.

Secondo l'organizzazione, l'esclusione dei Rom dai negoziati sullo status ha avuto ampie conseguenze sulla posizione dei Rom nel Kosovo odierno. Difatti, la Costituzione che fu adottata dal Parlamento del Kosovo a febbraio, è ampiamente costruita sulle proposte incluse nel rapporto preparato dal gruppo di internazionale di trattativa. "Il fatto che la maggiore ambizione di Ahtisaari era di soddisfare le richieste conflittuali degli Albanesi e dei Serbi del Kosovo, ha portato alla negazione degli interessi delle altre comunità, in particolare i Rom, che non avevano nessun partito ad appoggiarli," ha spiegato un altro rappresentante di Romano Them.

Come conseguenza, la posizione di seconda o terza classe dei Rom kosovari è oggi sancita per legge. Romano Them ha citato come esempio i recenti reclami dei rappresentanti delle organizzazioni Rom della società civile a Prizren, che hanno sostenuto che la bozza del nuovo statuto della municipalità non ha alcun interesse per i Rom. "La mancanza di chiare garanzie sulla rappresentanza politica dei Rom a livello municipale e sull'uso della lingua romanì discende dalla nuova legge sull'auto-governo e dalla costituzione del Kosovo", ha detto Romano Them.

Viene quindi giudicato cinico il tentativo della comunità internazionale di rimandare i Rom in Kosovo, dopo averli deprivati delle garanzie essenziali per la loro sussistenza.

 
Di Fabrizio (del 30/09/2008 @ 09:26:58, in conflitti, visitato 2013 volte)

Da Mundo_Gitano (come accennato in post precedenti, in Colombia e in buona parte delle Americhe, i Rom sono ancora semi-nomadi)

pubblicato su Indymedia Colombia

Colombia, Accampamento Rom

NOMADISMO, SPOSTAMENTO FORZATO E RIPARAZIONE COLLETTIVA: IL CASO DEL POPOLO ROM
por YOSKA BIMBAY [1] lunedì 22 settembre 2008 at 6:14 PM
prorrom@gmail.com
Idee liberate per affrontare il rompicapo della riparazione collettiva ed integrale del popolo Rom

"I nostri spostamenti derivati dal conflitto armato non appaiono sicuramente nelle statistiche. I morti che ha messo il nostro popolo a causa delle guerre non contano per nessuno. I nostri dispersi per le guerre continuano sotto silenzio. La precarizzazione crescente dei nostri livelli di vita prodotta dalle violenze segue totalmente inosservata" [2].

In Colombia si inizia a riconoscere, almeno teoricamente, che il conflitto armato interno ha generato gravi impatti sul popolo Rom. Significa che questo riconoscimento, certamente ancora molto precario, è un primo passo perché lo stato colombiano pensi seriamente alla possibilità di includere i Rom nei suoi programmi di riparazione collettiva e simbolica.

Quanto scritto sopra discende da ciò che è espresso in un documento elaborato dalla Commissione Nazionale di Riparazione e Riconciliazione (CNRR) in cui, riferendosi ai soggetti della riparazione, menziona esplicitamente il popolo Rom. In particolare vi si legge: "che la riparazione tenga in considerazione i gruppi particolarmente vulnerabili come le comunità ed i popoli indigeni, le comunità afrodiscendenti ed il popolo Rom [3]." Anche se l'allusione, nel contesto del documento, è abbastanza periferica, trascina per il popolo Rom un'enorme importanza e può vedersi come un bilancio a favore del processo di riconoscimento dei suoi diritti collettivi.

Inoltre, in un importante studio della Procura Generale della Nazione [4], portato a conoscenza nel giugno 2007, in cui si esprimono i criteri per arrivare alla riparazione collettiva ed integrale dei gruppi etnici, il popolo Rom è incluso come uno dei soggetti collettivi di cui tener conto.

Che il popolo Rom, in maniera adeguata, sia tenuto in conto nei processi di riparazione collettiva e simbolica, in circostanze simili a quelle dei popoli indigeni, afrodiscendenti e razziali, è una scommessa politica che senza dubbio segnala un percorso per dare giustizia storica ad un popolo che è stato abitualmente e sistematicamente escluso dalle politiche pubbliche e dai programmi sociali governativi.

Col peso di essere invisibile per l'insieme del paese, il popolo Rom iniziò ad essere visto dagli attori armati, tanto illegali che legali, i quali con la voragine di violenza politica che scatenarono, lo colpirono in maniera negativa nella propria integrità etnica e culturale.

Senza essere un inventario esaustivo e solo in maniera indicativa, si può dire che tra i principali impatti che il conflitto armato interno ha provocato al popolo Rom, c'è quanto segue:

Si configurano territori del paese in cui i Rom esercitano le loro attività economiche tradizionali, alle quali per paura - derivate effettivamente da fattori obiettivi o fondate su fattori soggettivi - non circolano più o non lo fanno con frequenza ed intensità precedente. Diversi patrigruppi familiari, per timore delle azioni dei gruppi paramilitari che costantemente ricorrevano alle estorsioni per lasciarli lavorare o che apertamente rubavano loro mercanzie e prodotti, hanno optato per diminuire l'intensità, l'ampiezza e la frequenza dei loro itinerari, sin quasi a ridurla al minimo, così le reti ed i percorsi che pazientemente erano state costruite nell'esercizio dell'itinerare ancestrale sono rimaste inattive. Questa situazione è stata fatta propria da alcune kumpeniyi, associazioni di patrigruppi familiari Rom, come una forma di confinamento, che impedendo la mobilità si è tradotto negativamente sulle attività economiche tradizionali. Paradossalmente, mentre il numero dei senza casa nel paese è cresciuto in poco tempo in maniera esponenziale, i Rom che per natura si spostano da un luogo all'altro, non possono più farlo come in precedenza.

La vasta mobilità geografica del popolo Rom, imprescindibile per la realizzazione dei suoi principi e delle più importanti attività economiche, essendo di fatto notevolmente ridotta, si è presto trasformata in una crescente precarizzazione economica dei patrigruppi familiari, cosa che ha causato un allarmante impoverimento socioculturale, dovuto tra l'altro alla diminuzione del flusso degli ingressi monetari richiesti per il complimento delle cerimonie e rituali inerenti alla sua vita culturale, soprattutto relazionati alla lealtà, prestigio e status, hanno causato rotture ed indebolimenti dei suoi valori identitari.

Senza alcun dubbio non sono stati pochi gli spostamenti non volontari eseguiti da alcuni patrigruppi familiari come conseguenza del conflitto armato interno che equivocamente furono spiegati e compresi, tanto dalle istituzioni nazionali come dalla società maggioritaria, a partire dal tradizionale itinere che ha caratterizzato il popolo Rom. E così vari casi di spostamenti forzati di cui sono stati vittime distinti patrigruppi familiari, alla fine sono stati confusi con le dinamiche proprie di itinere e mobilità del popolo Rom. Questi spostamenti forzati, che sono avvenuti senza visibilità dalle istituzioni, hanno inciso nel debilitamento delle rete sociali di solidarietà, sovraccaricando i dispositivi di reciprocità e mutuo aiuto messi in moto per accogliere i patrigruppi familiari coinvolti.

Per un popolo quantitativamente piccolo come quello dei Rom, con una popolazione in Colombia che secondo il Censimento Generale DANE del 2005 si stima in 4.832, ci si aspetta che la perdita di vite umane abbia impatto profondo sulla vita sociale e culturale, perdite che, resta inteso, aumentano progressivamente quando si presentano casi di morti violente e sparizioni forzate commesse dai gadyé (i non Rom), questo perché non solo le possibilità di fare giustizia scappano dall'orbita della Romaní Kriss, il proprio sistema giuridico, ma perché l'immaginario socialmente costruito prodotto dai ricordi accumulati nella memoria collettiva del popolo Rom sulle persecuzioni incessanti di cui è stato vittima per mano dei gadyé in diversi momenti storici e diverse parti del mondo, finiscono per rinforzare la marginalità, sostenuta dal timore verso le leggi e le istituzioni degli "altri", si espande. Gli assassinati ed  dispersi riportati all'interno dei patrigruppi familiari, indicano che tanto le Águilas Negras come i paramilitari delle Autodefensas Unidas de Colombia (AUC) con gli insorti, hanno la loro parte di responsabilità.

Nel maggio 2002 si diffuse, soprattutto nei circoli del movimento associativo internazionale del popolo Rom, una notizia [5] che confermava il timore generalizzato di una kumpania ubicata nel nord-est del paese, dovuto alle minacce, minacce ed estorsioni di cui erano oggetto alcuni patrigruppi familiari per mano delle strutture paramilitari delle Autodefensas Unidas de Colombia (AUC). Alcuni degli Shere Romengue, autorità tradizionali, si videro forzati a pagare somme di denaro, si suppone in cambio di sicurezza e tranquillità. Altri, che rifiutarono di pagare queste estorsioni perché materialmente non potevano o non volevano farlo, dovettero spostarsi verso un'altra kumpeniyi in Venezuela. Questa situazione si mantenne, con qualche intermittenza, almeno per due anni.

Anche se certamente è necessario approfondire sugli impatti che il conflitto armato ha avuto sul popolo Rom, da parte del Proceso Organizativo del Pueblo Rom (Gitano) de Colombia (PRORROM), si considera ci siano elementi di giudizio sufficienti per proporre che se non si vuole commettere una dimenticanza storica imperdonbile, i Rom non possono essere esclusi dalle iniziative che si stanno costruendo sulla riparazione collettiva e su quella simbolica, sia nel quadro della Legge di Giustizia e Pace, che negli altri scenari. L'importante, in ogni caso, è che la società colombiana e lo Stato ricordino e non dimentichino mai che il popolo Rom è stato colpito nella sua integrità etnica e culturale per l'azione dei gruppi armati.

Qualsiasi proposta di riparazione collettiva che abbia come soggetto il popolo Rom, deve fondarsi nella formalizzazione del pieno riconoscimento della sua esistenza, il che porta implicitamente al tassativo riconoscimento dei suoi diritti collettivi. In questo contesto l'istituzione di un quadro giuridico che regoli le relazioni tra lo Stato colombiano ed il popolo Rom, che vada nella direzione di eliminare per sempre le asimmetrie discriminatorie ed odiose attualmente esistenti tra i diritti costituzionali e legalmente riconosciuti ai popoli indigeni e quelli che effettivamente e realmente sono riconosciuti a questo popolo, è una premessa imprescindibile e non procastinabile che deve contemplare qualsiasi proposta di riparazione collettiva che pretenda di fare giustizia con i Rom.

Girón (Santander), 17 de septiembre de 2008

Bibliografía
COMISIÓN NACIONAL DE REPARACIÓN Y RECONCILIACIÓN, (CNRR). Recomendación de criterios de reparación y de proporcionalidad restaurativa. CNRR. Bogotá, D.C. 2007. [152p.].

PROCESO ORGANIZATIVO DEL PUEBLO ROM (GITANO) DE COLOMBIA, PRORROM. Sobre la paz y la guerra: Reflexiones de los invisibles de Colombia, presentadas en la sesión plenaria del Congreso Nacional de Paz y País el 11 de mayo de 2002. En: PRORROM. Tras el rastro de Melquíades. Memoria y resistencia de los Rom de Colombia. Colección O Lasho Drom No. 4. PRORROM. Bogotá, D.C. 2005. Pp. 147-150.

PROCURADURÍA GENERAL DE LA NACIÓN. Primero las víctimas. Criterios para la reparación integral víctimas individuales y grupos étnicos. Procuraduría General de la Nación. Agencia Canadiense para el Desarrollo Internacional. Bogotá, D.C. 2007. [325p.].

SAVETO KATAR LE ORGANIZATSI AY KUMPENIYI RROMANE ANDA´L AMERICHI (SKOKRA). ¡Un S.O.S. por los Rom de Colombia! Comunicado de prensa. Bogotá, D.C. 10 de mayo de 2002.

[1] Miembro de la Secretaría Operativa del Proceso Organizativo del Pueblo Rom (Gitano) de Colombia, PRORROM.
[2] PROCESO ORGANIZATIVO DEL PUEBLO ROM (GITANO) DE COLOMBIA, PRORROM. Sobre la paz y la guerra: Reflexiones de los invisibles de Colombia, presentadas en la sesión plenaria del Congreso Nacional de Paz y País del 11 de mayo de 2002. En: PRORROM. Tras el rastro de Melquíades. Memoria y resistencia de los Rom de Colombia. Colección O Lasho Drom No. 4. PRORROM. Bogotá, D.C. 2005. Pp. 147-150.
[3] El subrayado es nuestro. COMISIÓN NACIONAL DE REPARACIÓN Y RECONCILIACIÓN, (CNRR). Recomendación de criterios de reparación y de proporcionalidad restaurativa. CNRR. Bogotá, D.C. 2007. P. 25.
[4] PROCURADURÍA GENERAL DE LA NACIÓN. Primero las víctimas. Criterios para la reparación integral víctimas individuales y grupos étnicos. Procuraduría General de la Nación. Agencia Canadiense para el Desarrollo Internacional. Bogotá, D.C. 2007. Pp. 76-77.
[5] SAVETO KATAR LE ORGANIZATSI AY KUMPENIYI RROMANE ANDA´L AMERICHI (SKOKRA). ¡Un S.O.S. por los Rom de Colombia! Comunicado de prensa. Bogotá, D.C. 10 de mayo de 2002.

 
Di Fabrizio (del 14/09/2008 @ 08:43:59, in conflitti, visitato 1441 volte)

Da Czech_Roma

Rokycany, Boemia Occidentale, 8 settembre (CTK) - Il Municipio di Rokycany intende installare delle telecamere nei posti più problematici, come reazione alle tensioni in città tra i Rom e gli estremisti di destra, lo ha detto lunedì a CTK il sindaco Jan Baloun dopo un incontro con la polizia ed i rappresentanti Romanì.

Il Comune ha anche chiesto ai Rom di frequentare le riunioni della commissione per la prevenzione del crimine, che sono tenute dalla polizia una volta al mese.

I Rom locali si sono lamentati di essere esposti a minacce ed attacchi da lungo tempo a Rokycany.

La città in precedenza aveva deciso di rinforzare le pattuglie di polizia statale e municipale nelle strade.

Il Municipio ha organizzato incontri con i Rom e la polizia, in reazione alla situazione in città, che era peggiorata due settimane fa quando un gruppo di assaltatori aveva devastato un bar, frequentato da Rom, attaccando i camerieri e diversi clienti.

La polizia, tuttavia, lunedì aveva annunciato che le donne Rom che denunciavano di essere state ferite nell'incidente, avevano fabbricato la storia.

Ha detto Josef Svoboda, capo della polizia locale, che non c'erano prove che l'attacco avesse una motivazione razziale.

I Rom avevano reagito all'incidente nel bar con una dimostrazione che non era stata annunciata ufficialmente con anticipo.

Sabato scorso alcuni skinhead avevano tentato di fare una contro-manifestazione, ma la polizia l'aveva impedito.

Baloun ha anche detto che in città non ci sono problemi con i Rom locale, eccettuato alcune famiglie.

D'altra parte, ha aggiunto, ci sono gli stranieri, che costituiscono il 10% degli abitanti - circa 1.700, che hanno iniziato a creare problemi.

This story is from the Czech News Agency (CTK).

 
Di Fabrizio (del 11/09/2008 @ 09:31:23, in conflitti, visitato 1821 volte)

Da Romanian_Roma

Il budget per finanziare il Programma di Sviluppo Comunitario ad Hadareni, contea di Mures, è stato aumentato a 2,16 milioni di RON, secondo una decisione adottata dall'Esecutivo nella sessione di mercoledì 27 agosto.

[...] Così, l'Esecutivo intende incontrare gli impegni presi con l'Unione Europea riguardo i diritti umani, specialmente per la minoranza Rom, prevenendo e combattendo la discriminazione, stimolando la partecipazione dei Rom nella vita economica, sociale, educazionale e politica.

I fondi verranno stanziati dal Fondo di Riserva del Governo, come previsto nel budget statale per il 2008.

Nel villaggio di Hadareni ebbe luogo nel settembre 1993 un conflitto interetnico, iniziato con una discussione tra un Rom ed un cittadino rumeno, con quest'ultimo pugnalato ed ucciso in mezzo alla strada. L'uccisore e suo fratello, che era stato temporaneamente rilasciato di prigione, si barricarono in una casa abbandonata. Quando vennero a sapere dell'uccisione, gli abitanti del villaggio circondarono la casa e le diedero fuoco, per stanare i due. L'autore dell'uccisione fu catturato dalla folla e nonostante l'intervento del capo della polizia locale, venne colpito con diversi oggetti acuminati. Lo stesso successe a suo fratello. Furono portati in ospedale, e morirono entrambi.

Dopo questo incidente, 400-500 persone, Rumeni e Ungheresi, si riunirono nel centro del villaggio, e aizzati dalle vecchie incomprensioni avute con i Rom a causa della loro aggressività e dei recenti eventi, si diressero verso il quartiere Rom, abitato da circa 150 persone in 32 case, e diedero fuoco a 11 case. Furono accusate 11 persone per il cso "Hadareni", e la sentenza venne emessa nel luglio 1998.

Opponendosi alla soluzione proposta dal tribunale rumeno, le famiglie di 3 delle vittime e quelli a cui furono bruciate le case fecero ricorso nel 2001 alla Corte Europea per i Diritti Umani (CEDO).

Il 5 luglio 2005 , il CEDO stabilì che il caso era da considerarsi chiuso per 18 dei richiedenti dopo aver raggiunto un accordo, dichiarando che l'impegno delle parti rappresentava un'equa soluzione per il caso, secondo gli standard della Corte Europea. Il Governo rumeno si  impegnò a ripagare i 18 richiedenti con una somma tra gli 11.000 e i 23.000 €u come compensazione materiale e morale.

Lo stato rumeno venne sentenziato dopo che il tribunale raggiunse la conclusione che, nel caso dei Rom di Hadareni, le autorità violarono diversi articoli della Convenzione Europea sui Diritti Umani. La Corte Europea stabilì che rappresentanti della polizia presero parte al rogo alle case dei Rom e che tentarono di nascondere i fatti. Considerando la reazione in ritardo delle autorità ed il fatto che i tribunali rumeni rifiutarono di fornire una compensazione, la Corte Europea decise che era stato violato il diritto dei reclamanti alla famiglia e alla privacy.

La Corte ha anche stabilito che l'origine etnica delle persone coinvolte in questo caso fu il fattore decisivo nello sviluppo del processo e ha sanzionato le autorità rumene per discriminazione.

DIVERS – www.divers.ro

 
Di Fabrizio (del 14/08/2008 @ 09:27:44, in conflitti, visitato 1461 volte)

Da Hungarian_Roma

By: MTI 2008-08-11 08:24

Il primo ministro ha richiesto al ministero della giustizia di fare in modo di incrementare la presenza della polizia nei piccoli insediamenti, ha detto sabato il portavoce governativo, in seguito a tre attacchi notturni a residenti Rom nei mesi scorsi.

Il portavoce Dávid Daróczi ha detto di aspettarsi una proposta per agire pronta entro la fine del mese.

L'attacco più recente ai residenti Rom è accaduto giovedì notte, nel villaggio di Pirics nell'Ungheria nord orientale, quando è stato dato fuoco a due case dove c'erano famiglie con bambini, ed è stato sparato contro chi tentava di scappare dal fuoco. Un'anziana - 63 anni - è stata colpita alla gamba mentre scappava dall'edificio in fiamme ed è stata ricoverata in ospedale.

Precedentemente, ignoti avevano fracassato le finestre di tre case nel villaggio di Galgagyörk, nell'immediato nord-est di Budapest. In questo caso, nessuno era stato ferito.

Il 3 giugno, alcune case del villaggio di Pátka, a circa 40 km a sud-ovest di Budapest, erano state incendiate. Il fuoco era divampato in una stanza dove dormivano i bambini, ma era stato estinto prima che facesse danni seri. In quel caso i residenti avevano preso tre degli attentatori, che sono stati arrestati e posti in detenzione in attesa del processo.

 
Di Fabrizio (del 29/07/2008 @ 11:12:14, in conflitti, visitato 1500 volte)

Da Ticinonews

Petardi lanciati contro il campo nomadi di Gudo, che ospita circa 200 persone. Sconosciuti gli autori. Il commento di Mauro Tettamanti

Esplosione al campo nomadi di Gudo. La carovana è stata bruscamente svegliata alle 2.00 di notte dall’esplosione di un fascio di petardi lanciato nel campo con un biglietto minatorio. Lo scrive oggi il Corriere del Ticino. Il campo ospita circa 200 persone. Secondo il portavoce del gruppo i petardi erano tenuti insieme da nastro adesivo. Sono stati accesi e quindi lanciati tra le roulottes verso le due della notte tra sabato e ieri. Per il momento restano sconosciuti gli autori.

"Purtroppo - commenta il municipale bellinzonese e membro della commissione cantonale nomadi Mauro Tettamanti - queste carovane fanno notizia solo quando si presume che abbiamo compiuto dei reati o quando sono vittime di questi episodi di intolleranza. Mi risulta che queste circa 200 persone sono presenti da diverse settimane in Ticino, prima a Galbisio e poi a Gudo, e che non abbiamo mai creato o avuto problemi”.

“Quella dei nomadi - conclude Tettamanti - è una storia che si ripete tutte le estati anche perché in Ticino mancano le strutture che per legge, ma anche solo per una questione di civiltà, dovremmo mettere loro a disposizione".

Come ricorderete, infatti, non è la prima volta che le carovane di nomadi vengono prese di mira. Anni fa fa a Biasca colpi di fucile erano stati esplosi contro i nomadi accampati vicino all’autostrada.

joe.p./sacha

 
Di Fabrizio (del 30/06/2008 @ 09:13:53, in conflitti, visitato 1934 volte)

Da Czech_Roma

25-06-2008 di Dominik Jun - Diversi genitori Rom hanno preso una drastica decisione nella città di Karlovy Vary. Piuttosto che mandare i loro bambini in una scuola "controllata" da un gruppo paramilitare di estrema destra, preferiscono tenerli a casa.

Una scuola elementare di Karlovy Vary è diventata scena di un dramma insolito. Diversi attacchi ai bambini bianchi da parte dei Rom che vivono in un vicino ostello, hanno portato un partito di estrema destra, il Partito Nazionale, a formare una "Guardia Nazionale" per proteggere la scuola. Anche la polizia sta controllando la scuola, anche se a distanza. Adesso, i Rom della comunità hanno dichiarato che pure loro formeranno una pattuglia sociale per controllare l'auto nominata "Guardia Nazionale".

Nel frattempo, diversi genitori Romani hanno ritirato i loro bambini da scuola per paura di esacerbare le attuali tensioni. Milan Kovác è vice presidente del Gruppo Civico Rom di Karlovy Vary. Gli ho chiesto di spiegarmi cosa c'è dietro questa situazione:

"Nessun reclamo è stato presentato al consiglio cittadino su gente di questo insediamento che stia nocendo a qualcuno o distruggendo la proprietà. E anche la polizia ceca non ha osservato niente di particolarmente spiacevole - ciò significa che là non sta succedendo niente - qualcuno lo ha composto. La "Guardia Nazionale" è andata tra le case e distribuito volantini, così il punto è che si stavano agitando."

E cos'è realmente la cosiddetta Guardia Nazionale?

"Questa Guardia Nazionale è una creazione del Partito Nazionale, che è un partito che ha ricevuto appena lo 0,17% alle ultime elezioni. Facendo così, stanno solo tentando di rendersi più visibili. I media sono balzati su questa storia e per tutta la settimana ci hanno attaccato con falsità, disinformazione e hanno messo in bocca ai leader della nostra organizzazione parole mai dette. Tutto ciò sta dando pubblicità alla Guardia Nazionale."

"Sia che sia vero o no, ci sono stati alcuni genitori bianchi che hanno espresso gratitudine per la controversa ronda. Il crimine è un problema particolare tra le comunità Rom povere e molti Cechi bianchi si sentono spaventati. Tuttavia critiche di questo genere ai vigilantes fanno sì che la cosiddetta "Guardia Nazionale" sfrutti i pregiudizi razziali per rendere peggiore la situazione. Ma sinora, non hanno infranto nessuna legge - non hanno attaccato nessuno e dicono si essere disarmati. Ma in effetti lo sono, perché portano dei coltelli. Tuttavia, se non infrangi la legge, allora la polizia non può fare niente, ma hanno messo lo stesso dei poliziotti in incognito per controllare la situazione."

Chiaramente, misure estreme sembrano quasi normali in tempi di paura intensificata. Ma è da vedere se le comunità locali, i gruppi civici ed anche i media agiranno responsabilmente per promuovere l'integrazione a Karlovy Vary piuttosto che la segregazione.

 
Di Fabrizio (del 26/06/2008 @ 09:38:29, in conflitti, visitato 2238 volte)

Da Czech_Roma

By CTK - 25 giugno 2008

I Rom locali hanno paura tanto delle bande Romani che della Guardia Nazionale

Praga - I Rom di Karlovy Vary, Boemia occidentale, formeranno proprie pattuglie fuori dalla scuola locale in risposta alle pattuglie create dai movimenti estremisti Guardia Nazionale (GN), ha scritto martedì Lidove noviny (LN). Le ronde GN stanno iniziando a controllare la scuola contro quelli che chiamano gli attacchi dei locali bambini Romani contro gli altri studenti, martedì scorso. I bambini Romani vengono da un ostello abitato principalmente da Rom.

Settimana scorsa, i membri della GN sono andati all'ostello "per spiegare la loro posizione" ai Rom.

"Non abbiamo bisogno di nessuna pattuglia qui" ha detto al giornale un Rom del posto.

Stanislav Sivak, attivista della locale Associazione Civica Romani, ha detto che qualche settimana fa c'è stato un diverbio su cui la polizia sta investigando.

"Di certo non c'è nessuna banda romani che minaccerebbe l'area," ha detto Sivak.

"Le autorità hanno abbastanza misure con cui punire i genitori che non badano ai loro figli. Forse potrebbero tagliare alcuni benefici sociali," ha detto Sivak.

Sivak ha detto che anche i Rom hanno paura per i loro figli e vorrebbero proteggerli fuori da scuola.

Attualmente, la scuola è controllata dalla polizia.

Rappresentanti del Partito Nazionale (NS), che hanno formato la para-militare GN, sono dell'opinione che il problema è stato causato dai bambini Romani dell'ostello per chi non paga l'affitto.

"Denunceremo i ripetuti attacchi agli scolari," ha detto a CTK Pavel Sedlacek, dell'ufficio stampa del NS.

I membri della GN vogliono anche organizzare corsi gratuiti di autodifesa per i bambini locali.

C'è tensione tra i genitori degli alunni, scrive LN.

LN riporta la testimonianza di un padre: "Se qualcuno toccasse i miei figli. sarei molto duro. Ho una pistola e non esiterei ad usarla."

Tre bambini del quarto grado hanno raccontato al giornale che sono stati recentemente vittime di attacco da parte di bambini Romani.

"E' successo circa tre settimane fa. Improvvisamente siamo stati attaccati dagli Zingari," ha detto un bambino, di 10 anni.

"Uno di loro aveva un coltello e ci ha chiesto se volevamo che ci tagliassero le mani. Un altro ha colpito alla testa un mio amico. Siamo scappati," ha aggiunto.

Gli assalitori avevano dai sei ai sette anni.

Ha detto un altro bambino: "Erano più giovani, ma non è stato piacevole. Ora tutti e due ci stiamo allenando per la lotta col bastone."

Czech News Agency (CTK)

 
Di Fabrizio (del 14/05/2008 @ 18:33:37, in conflitti, visitato 1453 volte)

NAPOLI - ''La risposta che ha dato e sta dando il quartiere Ponticelli in queste ore non e' una risposta seria. Comprendo la rabbia di queste persone. Sono stato il primo a provare sconforto misto a paura e rabbia quando ho saputo che al centro di quel rapimento c'era un minore, ma tuttavia non possiamo criminalizzare un intero popolo. Non possiamo criminalizzare un intero popolo quando da anni il mio popolo, quello napoletano, viene linciato ed etichettato come popolo del malaffare''.

Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale della Campania Tonino Scala della Sinistra Democratica. ''Se non e' questa la fotografia del popolo napoletano, non puo' neanche essere questa la fotografia del popolo romeno. Mi viene da dire dov'era questo popolo quando la camorra ha ucciso i nostri bambini, quando la stessa camorra arruola i nostri figli per spacciare droga, o per vendergliela. Dov'era quando hanno ucciso l'edicolante Buglione, o il giovane pizzaiolo Riccio, o Annalisa Durante.

Semplicemente non c'era, perche' mai nessuno ha osato incendiare le case dei boss o mettere sottosopra un quartiere quando e' successo qualcosa'', aggiunge l'esponente di Sd. ''Ed invece per i rom si lanciano molotov e si chiede lo sgombero. Purtroppo noi napoletani siamo bravi a prendercela con chi sta peggio di noi con chi sta piu' a sud di noi. La stessa analisi che oggi fanno i cittadini di Ponticelli nei confronti dei rom e' direttamente proporzionale all'analisi che fanno nel mondo nei confronti dei napoletani per quanto riguarda il problema spazzatura. Il coro e' lo stesso 'arsi vivi'.

Occorre mettere in campo, se si vuol realmente risolvere il problema, parlare di sicurezza. Ma sicurezza che sia per tutti: italiani, rom, immigrati. Ma la sicurezza e la presenza dello stato da sole non bastano occorre in piu' assoldare, come diceva Bufalino, maestri. Non possono, infatti, i singoli cittadini pensare con delle ronde o con atti di violenza, come il lancio delle molotov, pensare di risolvere da soli il problema. Il problema, invece, va affrontato nella sua complessita'. Allo Stato il compito di dare risposte. Risposte serie nei confronti dell'illegalita' che sia italiana o romena'', conclude Scala.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


25/05/2022 @ 08:50:19
script eseguito in 58 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4430 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source