\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Repubblica Ceca
Di Fabrizio (del 26/06/2008 @ 09:38:29, in conflitti, visitato 1874 volte)

Da Czech_Roma

By CTK - 25 giugno 2008

I Rom locali hanno paura tanto delle bande Romani che della Guardia Nazionale

Praga - I Rom di Karlovy Vary, Boemia occidentale, formeranno proprie pattuglie fuori dalla scuola locale in risposta alle pattuglie create dai movimenti estremisti Guardia Nazionale (GN), ha scritto martedì Lidove noviny (LN). Le ronde GN stanno iniziando a controllare la scuola contro quelli che chiamano gli attacchi dei locali bambini Romani contro gli altri studenti, martedì scorso. I bambini Romani vengono da un ostello abitato principalmente da Rom.

Settimana scorsa, i membri della GN sono andati all'ostello "per spiegare la loro posizione" ai Rom.

"Non abbiamo bisogno di nessuna pattuglia qui" ha detto al giornale un Rom del posto.

Stanislav Sivak, attivista della locale Associazione Civica Romani, ha detto che qualche settimana fa c'è stato un diverbio su cui la polizia sta investigando.

"Di certo non c'è nessuna banda romani che minaccerebbe l'area," ha detto Sivak.

"Le autorità hanno abbastanza misure con cui punire i genitori che non badano ai loro figli. Forse potrebbero tagliare alcuni benefici sociali," ha detto Sivak.

Sivak ha detto che anche i Rom hanno paura per i loro figli e vorrebbero proteggerli fuori da scuola.

Attualmente, la scuola è controllata dalla polizia.

Rappresentanti del Partito Nazionale (NS), che hanno formato la para-militare GN, sono dell'opinione che il problema è stato causato dai bambini Romani dell'ostello per chi non paga l'affitto.

"Denunceremo i ripetuti attacchi agli scolari," ha detto a CTK Pavel Sedlacek, dell'ufficio stampa del NS.

I membri della GN vogliono anche organizzare corsi gratuiti di autodifesa per i bambini locali.

C'è tensione tra i genitori degli alunni, scrive LN.

LN riporta la testimonianza di un padre: "Se qualcuno toccasse i miei figli. sarei molto duro. Ho una pistola e non esiterei ad usarla."

Tre bambini del quarto grado hanno raccontato al giornale che sono stati recentemente vittime di attacco da parte di bambini Romani.

"E' successo circa tre settimane fa. Improvvisamente siamo stati attaccati dagli Zingari," ha detto un bambino, di 10 anni.

"Uno di loro aveva un coltello e ci ha chiesto se volevamo che ci tagliassero le mani. Un altro ha colpito alla testa un mio amico. Siamo scappati," ha aggiunto.

Gli assalitori avevano dai sei ai sette anni.

Ha detto un altro bambino: "Erano più giovani, ma non è stato piacevole. Ora tutti e due ci stiamo allenando per la lotta col bastone."

Czech News Agency (CTK)