\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Romania
Di Fabrizio (del 11/09/2008 @ 09:31:23, in conflitti, visitato 1673 volte)

Da Romanian_Roma

Il budget per finanziare il Programma di Sviluppo Comunitario ad Hadareni, contea di Mures, è stato aumentato a 2,16 milioni di RON, secondo una decisione adottata dall'Esecutivo nella sessione di mercoledì 27 agosto.

[...] Così, l'Esecutivo intende incontrare gli impegni presi con l'Unione Europea riguardo i diritti umani, specialmente per la minoranza Rom, prevenendo e combattendo la discriminazione, stimolando la partecipazione dei Rom nella vita economica, sociale, educazionale e politica.

I fondi verranno stanziati dal Fondo di Riserva del Governo, come previsto nel budget statale per il 2008.

Nel villaggio di Hadareni ebbe luogo nel settembre 1993 un conflitto interetnico, iniziato con una discussione tra un Rom ed un cittadino rumeno, con quest'ultimo pugnalato ed ucciso in mezzo alla strada. L'uccisore e suo fratello, che era stato temporaneamente rilasciato di prigione, si barricarono in una casa abbandonata. Quando vennero a sapere dell'uccisione, gli abitanti del villaggio circondarono la casa e le diedero fuoco, per stanare i due. L'autore dell'uccisione fu catturato dalla folla e nonostante l'intervento del capo della polizia locale, venne colpito con diversi oggetti acuminati. Lo stesso successe a suo fratello. Furono portati in ospedale, e morirono entrambi.

Dopo questo incidente, 400-500 persone, Rumeni e Ungheresi, si riunirono nel centro del villaggio, e aizzati dalle vecchie incomprensioni avute con i Rom a causa della loro aggressività e dei recenti eventi, si diressero verso il quartiere Rom, abitato da circa 150 persone in 32 case, e diedero fuoco a 11 case. Furono accusate 11 persone per il cso "Hadareni", e la sentenza venne emessa nel luglio 1998.

Opponendosi alla soluzione proposta dal tribunale rumeno, le famiglie di 3 delle vittime e quelli a cui furono bruciate le case fecero ricorso nel 2001 alla Corte Europea per i Diritti Umani (CEDO).

Il 5 luglio 2005 , il CEDO stabilì che il caso era da considerarsi chiuso per 18 dei richiedenti dopo aver raggiunto un accordo, dichiarando che l'impegno delle parti rappresentava un'equa soluzione per il caso, secondo gli standard della Corte Europea. Il Governo rumeno si  impegnò a ripagare i 18 richiedenti con una somma tra gli 11.000 e i 23.000 €u come compensazione materiale e morale.

Lo stato rumeno venne sentenziato dopo che il tribunale raggiunse la conclusione che, nel caso dei Rom di Hadareni, le autorità violarono diversi articoli della Convenzione Europea sui Diritti Umani. La Corte Europea stabilì che rappresentanti della polizia presero parte al rogo alle case dei Rom e che tentarono di nascondere i fatti. Considerando la reazione in ritardo delle autorità ed il fatto che i tribunali rumeni rifiutarono di fornire una compensazione, la Corte Europea decise che era stato violato il diritto dei reclamanti alla famiglia e alla privacy.

La Corte ha anche stabilito che l'origine etnica delle persone coinvolte in questo caso fu il fattore decisivo nello sviluppo del processo e ha sanzionato le autorità rumene per discriminazione.

DIVERS – www.divers.ro