Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Regole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 23/02/2008 @ 08:42:24, in Regole, visitato 2902 volte)

Ricevo da Tommaso Vitale

Il ''quaderno'', curato soprattutto da Cospe e Asgi, 0 indica a cittadini stranieri e non, avvocati, magistrati, sindacati, istituzioni pubbliche e associazioni la strada da intraprendere se si vuole ricorrere al giudice

BOLOGNA - Ecco le linee guida per chi, discriminato per motivi etnici, razziali o religiosi, vuole fare causa ad esempio contro il datore di lavoro oppure contro il Comune perché magari è stato escluso dalle graduatorie per le "case popolari” o dall'accesso al pubblico impiego. Si chiama “Cause strategiche contro la discriminazione” , ed è un “quaderno” curato dal Cospe, l"organizzazione di Cooperazione per lo sviluppo dei paesi emergenti, che indica a cittadini stranieri e non, ad avvocati, magistrati, sindacati, istituzioni pubbliche e associazioni la strada da intraprendere, la normativa di riferimento e a quali organi giudiziari rivolgersi se si vuole ricorrere al tribunale per motivi discriminatori legati alla razza, all'etnia o al credo religioso. Realizzato grazie anche al contributo dell"Asgi (Associazione studi giuridici sull’immigrazione) , del Cestim (Centro studi immigrazione) , dell’Enar (Network europeo contro il razzismo) e della Regione Emilia-Romagna, il volume è stato presentato oggi a Bologna nel corso di un convegno a conclusione del progetto omonimo co-finanziato dall’Unar (l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali che sta presso il Dipartimento per i diritti e le pari opportunità).

“In Europa le cosiddette 'cause strategiche’, che altro non sono che cause legali chiamate così per indurre un cambiamento sociale, legislativo e giurisprudenziale che contribuisca a sviluppare la tutela dei diritti umani, sono già applicate da tempo - dice Marina Pirazzi del Cospe –. In Italia, invece, sono poco praticate nonostante la Costituzione, le direttive europee, il testo unico sull’immigrazione del ’98 e il decreto legislativo 215/03 siano ampiamente dotati di norme anti-discriminazion e razziale. Servirebbe inoltre un Fondo nazionale per il finanziamento delle cause strategiche, perché non è giusto che la via legale vada a gravare sulle spalle degli avvocati”. “Quello che manca nel nostro Paese è una cultura giuridica forte contro le discriminazioni per motivi etnici. Nonostante la normativa compia 10 anni, solo negli ultimi tempi ci sono state delle sentenze che sono andate in questa direzione – precisa Nazzarena Zorzella dell’Asvi –. E lo hanno fatto pur tra mille difficoltà, legate soprattutto al fatto che il recepimento delle direttive europee non ha pienamente accolto il meccanismo dell’inversione dell’onere della prova nel processo e che resta alquanto nebuloso il criterio di quantificazione del danno in caso di risarcimento”.

 
Di Fabrizio (del 25/02/2008 @ 09:08:25, in Regole, visitato 2581 volte)

Da European Jewish Congress

Il Parlamento ungherese ha votato una legge contro le affermazioni razziste.

Secondo la nuova legge votata lunedì scorso, l'uso di discorsi razzisti è punibile con sino a due anni di prigione.

"Offendere qualcuno pubblicamente con espressioni riferite al suo gruppo etnico, sociale o nazionale in Ungheria è definito come atto punibile," dice un rapporto sulla nuova legge.

La proposta, preparata e spinta dal Partito Socialista al governo, è disegnata per punire non solo i discorsi e le espressioni di odio, ma anche l'uso del saluto nazista. L'ultimo elemento sembra apparentemente diretto contro il nuovo gruppo razzista e fascista, la Magyar Garda.

La legge a lungo attesa, passata all'unanimità in Parlamento, è stata rifiutata tre volte dalla Corte Costituzionale, che ritiene la libertà di parola più importante del fermare le affermazioni razziste.

Il presidente ungherese Laszlo Solyom ha appoggiato l'opinione della Corte Costituzionale, affermando che non c'è bisogno di una nuova legge, dato che il vecchio codice legale può affrontare i crimini legati al razzismo.

 
Di Fabrizio (del 15/04/2008 @ 08:46:26, in Regole, visitato 1637 volte)

dal Daily Mail

In una città affetta dall'immigrazione dell'Est Europa, un poliziotto non è semplicemente un poliziotto.

Ma il ventisettenne Petr Torak trova di aver meno problemi di comunicazione degli altri.

E' un Rom della Repubblica Ceca, che parla cinque lingue - in altre parole, il nuovo volto della polizia nella Bretagna multi-culturale.

Torak, ufficiale di supporto comunitario a Peterborough, diventerà ad agosto un poliziotto a tutti gli effetti.

Dice: "Amo assolutamente il mio lavoro. E' quello che avrei sempre voluto fare e questo significa che posso ricompensare il paese che ha dato così tanto a me e alla mia famiglia."

Dal 2004, si ritiene siano 16.000 gli immigrati che si sono affollati in città [...]

Il problema è stato evidenziato il mese scorso dallo squallore delle "tendopoli" - dozzine di migranti senza casa e lavoro forzati a vivere nella terra di nessuno.

Una scuola, Fulbridge Primary, ha visto crescere il numero dei bambini dell'Est Europa da due a 100 negli ultimi due anni, che parlano 32 lingue differenti.

Dice ancora Torak: "Credo che le mie capacità linguistiche possano fare una gran differenza."

"Capisco la gente da una prospettiva culturale e capisco cosa stanno tentando di dire."

Torak parla inglese, ceco, polacco, slovacco e portoghese. Sta anche imparando il russo. Sua moglie Lucia, sta aspettando il loro primo figlio.

I Rom sono visti come i più poveri e meno istruiti tra i 10 milioni di cittadini della Repubblica Ceca.

Sono storicamente stati soggetti a discriminazioni e pregiudizi ufficiali e no. Durante la II guerra mondiale, oltre 7.000 Rom cechi furono uccisi nei campi di concentramento, dopo che la Germania occupò la Boemia e Moravia.

Torak aveva 18 anni ed era un promettente studente di legge quando con la sua famiglia fuggì dalla città di Liberec nel 1999.

Lui e la madre erano stati malmenati dopo che il padre, un politico, aveva protestato contro un muro costruito per separare i Rom dai Cechi.

Arrivato in GB, aveva lavorato in fabbrica prima di diventare ufficiale di sicurezza e assistente bilingue presso Tesco.

"Da quando mi ricorso ho sempre voluto essere poliziotto o avvocato," ci dice. "Quando mi è stato dato questo incarico nel novembre 2006, ero al colmo della gioia."

"Amo Peterborough. Mi sento a casa mia. E i miei colleghi mi supportano molto."

Un portavoce della Polizia del Cambridgeshire dice: "Un numero di agenti ha capacità particolari. Nel caso di Torak le sue capacità sono nel contatto diretto con membri della comunità e nel poter offrire un miglior servizio."

Sull'argomento: Repubblica Ceca e Ungheria

 
Di Fabrizio (del 30/04/2008 @ 09:08:03, in Regole, visitato 2154 volte)

Da Hungarian_Roma

Il sig. Horvath è di origine Rom, figlio di un sopravissuto all'Olocausto ed in patria è spesso stato vittima di violenze da parte della polizia e degli skinheads, incluso un accoltellamento quasi fatale. Sua moglie e suo figlio stanno chiedendo al governo canadese di fermare il suo ingiusto rimpatrio da una nazione in cui si era rifugiato.

Al termine dell'articolo, c'è una lista di cose che è possibile fare. Giovedì 1 Maggio ci sarà una dimostrazione alle 14.00 davanti al Consolato Ungherese di Toronto (425 Bloor Street East - Sherbourne subway). Abbiamo elencato altri consolati ungheresi (Calgary, Winnipeg, Vancouver) ed un'ambasciata (Ottawa) nel caso qualcuno volesse organizzare manifestazioni simili.

Grazie!

Toronto Action for Social Change, tasc@web.ca, (416) 651-5800


By Colin Perkel, Canadian Press

TORONTO - Adolf Horvath, 51 anni, è un rifugiato rom terrorizzato di essere rimandato in Ungheria si nasconde mentre sua moglie ed il figlio fanno appello al ministro federale della giustizia per riconsiderare la sua estradizione.

[...] In vista dell'imminente estradizione, Horvath è sparito da cinque settimane.

"Ho perso mio padre" dice suo figlio Adam, 13 anni e studente a Toronto, mentre le lacrime gli rigano il volto. "Non ho futuro senza mio padre, non posso vivere senza di lui. Se andrà in Ungheria, può essere ucciso e io non lo voglio."

Horvath ha ragione di aver paura di essere rimpatriato. E' stato ripetutamente assalito e minacciato in Ungheria, dove gli abusi sui Rom sono comuni. Durante un attacco a casaq sua, gli skinheads lo colpirono e accoltellarono di fronte alla moglie terrorizzata, Erika di 36 anni, e al figlio Adam, che allora aveva 2 anni e mezzo. "Quasi l'ammazzavano," dice Erika Horvath. "Anch'io sono stata colpita."

Horvath lasciò l'Ungheria per il Canada nel 1999. Sua moglie ed il figlio ottennero lo status di rifugiati e le autorità canadesi nel 2004 decisero che a causa della sa origine rom c'era "più di una possibilità di persecuzione."

Come risultato, il Canada l'ha ritenuto "persona bisognosa di protezione," cosa che avrebbero dovuto precludere il suo ritorno in Ungheria.

Tuttavia, in risposta alla richiesta del governo ungherese di estradizione, il Ministro della Giustizia Rob Nicholson ha deciso che la cosa sarebbe dovuta essere decisa in tribunale.

Nel prendere la sua decisione, Nicholson ha contato in parte sulle informazioni dell'allora ministro dell'immigrazione, Monte Solberg, che concludeva dicendo che Horvath affrontava rischi di abusi una volta ritornato in patria. Tuttavia, Solberg ha deciso che Horvath potrebbe contare in Ungheria sulla protezione statale e quindi potrebbe essere estradato.

Dice Ronald Poulton, avvocato di Horvath: "Tutto ciò è ridicolo. E' imbarazzante che il governo canadese prenda questa decisione. Se gli succederà qualcosa, riterrò responsabile il governo canadese."

Laszlo Bakos, dell'ambasciata ungherese ad Ottawa, dice di non avere conoscenze di prima mano sui maltrattamenti, ma aggiunge che Horvath non dovrebeb aver paura di fare ritorno.  Dice: "Non ci sono casi di tortura in Ungheria."

Il mese scorso la Corte Suprema del Canada non ha dato motivi di sostenere le decisioni degli altri tribunali minori. Ciò significa che, a meno di un cambiamento del ministro della giustizia, Horvath ha esaurito ogni mezzo legale per rimanere in Canada.

Piuttosto che ricorrere contro l'estradizione, Horvath si è nascosto ed è scomparso. "Avrebbe fatto così chiunque, giusto?" dice Erika.

Aggiunge: "Onestamente, non capisco. Se qualcuno cerca protezione dal paese da cui scappa, perché vogliono rimandarlo indietro?"

Horvath ha consegnato al tribunale documenti che indicano che le richieste ungheresi tendono solo a nascondere le accuse alla polizia. Ci sono inoltre nuovi documenti che suggeriscono che l'Ungheria ha chiesto l'estradizione per accuse mai poste.

La famiglia ora prega Nicholson di terminare il processo di estradizione.

"Ho ancora incubi dove la polizia picchia la mia famiglia," Ha scritto Adam al ministero, ricordando il disegno che fece quattro anni fa dove un poliziotto rideva mentre picchiava suo padre.

"Sarò disperato per il resto della mia vita se dovrà andare."

Un portavoce del Dipartimento di Giustizia dice che Nicholson non avrebbe commentato.

I Rom sono stati spesso perseguitati in Europa, con decine di migliaia di loro morti per mano dei nazisti.

Sia il Dipartimento di Stato USA che Amnesty International hanno notato che i Rom affrontano maltrattamenti e persino torture per mano della polizia o dei razzisti.

Poulton, che ha denominato il rischio di danno al suo cliente in Ungheria "estremamente acuto," ha detto che è preoccupato per la famiglia.


Take Action: Stop Mr. Horvath's Forced Removal to Persecution and Cruel Treatment

1. Call and write Justice Minister Rob Nicholson, ask how Canada can forcibly return a person in need of protection to the country from which he needs protection? Ask that the extradition of Adolf Horvath by halted. (613) 995-1547, Fax: (613) 992-7910, nichor@parl.gc.ca, Nichor1@parl.gc.ca

2. Call and write Hungarian Embassy (613) 230-2717, PVastagh@kum.hu, FBanyai@kum.hu, LBakos@kum.hu, and Consulate of Hungary,
hungarian.consulate@bellnet.ca (416) 923-8981.
Politely ask that they communicate to their government your desire to see them drop the extradition against Adolf Horvath, especially since the two complainants in the case against Mr. Horvath recanted their evidence, saying they only made the allegations under police pressure. PLEASE leave a message if you get the answering machine.

Embassy of the Republic of Hungary
299 Waverley Street, Ottawa, Ontario K2P 0V9
Tel.: (613) 230-2717
Fax: (613) 230-7560

Consulate General of the Republic of Hungary in Toronto
425 Bloor Street East., Suite 501, Toronto, Ontario M4W 3R4
Tel.: (416) 923-8981
Fax: (416) 923-2732
hungarian.consulate@bellnet.ca

Calgary
Honorary consul: Mr. Arthur Szabo
400, 1111 - 11th Avenue SW , Calgary, Alberta, T2R 0G5
Tel.: (403) 229-1111/ # 313
Fax: (403) 245-0569
huconsul@mac.com

Vancouver – Honorary Consulate General
Honorary consul general: Mr. André Molnár
1770 West 7th Ave. Suite 412, Vancouver, BC V6E4P5
Tel: (604) 730-7321
Fax: (604) 730-7339


Vancouver
Honorary consul: Mr. Zoltan Vass
Suite 310 - 885 Dunsmuir Street, Vancouver, BC, V6C, 1N5
Tel: (1) (604) 909-3750
Fax: (1) (604) 608-1027
E-mail: zvass@tradingpostfinancial.com


Winnipeg – Honorary Consulate
Honorary consul: Mr. Thomas Frohlinger
Suite 301, 204 Kennedy Street, Winnipeg, Manitoba R3C 1T1
Telephone: (204) 956-0490;
Fax: (204) 947-3747
frohlinger@pkf-law.com

 
Di Fabrizio (del 06/05/2008 @ 15:47:12, in Regole, visitato 1866 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Belgrado, 06 Maggio 2008 – "Inclusione Sociale ed Accesso ai Diritti Umani di Rom, Askali ed Egizi nei Balcani Occidentali" è il titolo di un progetto UNHCR finanziato dall'Unione Europea e lanciato in Serbia in collaborazione con l'UNICEF e PRAXIS col supporto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Segretariato Rom all'Agenzia per i Diritti Umani delle Minoranze, il Centro delle Risorse Umane e l'OCSE. Lo scopo principale del progetto è la registrazione gratuita nei registri civili di nascita, e la susseguente registrazione ed assistenza legale a domicilio per i Rom dispersi dal Kosovo, quelli rimpatriati dall'Europa Occidentale e tutti i Rom attualmente non registrati.

La mancanza di documenti personali è uno dei più gravi problemi nei Balcani Occidentali - conseguenza dei turbolenti anni '90. Questo problema si è aggravato ulteriormente nella fine degli anni '90, con l'arrivo dei dispersi dal Kosovo, dove molti dei registri pubblici erano stati danneggiati o distrutti. Questo problema affligge direttamente la popolazione Rom a causa delle frequenti migrazioni, povertà e marginalizzazione - la mancanza di documenti impedisce la piena interazione nella comunità locale e l'accesso ai basici diritti civili.

Secondo le stime vivono in Serbia dai 100.000 ai 500.000 Rom. Di questi, 23.000 sono ufficialmente registrati dispersi interni (IDP) dal Kosovo. Un significativo numero di loro, a causa della mancanza di documenti , non è in grado di esercitare i propri diritti basici nel campo della sanità, dell'istruzione e del lavoro.

Uno degli obiettivi del progetto è una campagna di informazione pubblica sul bisogno e sul significato della registrazione alla nascita. L'obiettivo è anche di sottolineare l'importanza dei documenti nell'accesso ai diritti economici e sociali di base. Questa campagna di informazione è rivolta alla popolazione rom ed ai rappresentanti locali e nazionali. Il progetto durerà 18 mesi e coprirà 20 municipalità dove sono stati identificati i bisogni dei cittadini rom per questa forma di assistenza.

La locale OnG PRAXIS, partner di lungo termine dell'UNHCR, si incaricherà di fornire aiuto legale e di fornire i documenti necessari.

"La repubblica di Serbia ha preso una serie di impegni all'interno del Decennio dei Rom, di cui la Serbia assumerà la presidenza a giugno. L'Obiettivo nazionale di Sviluppo del Millennio e la Strategia di Riduzione della Povertà rappresentano le basi per risolvere i problemi di molti gruppi marginalizzati. Con questo progetto, l'UNHCR si unisce agli sforzi del governo per alleviare le posizioni dei Rom - la categoria più vulnerabile della popolazione serba" dice Lennart Kotsalainen, rappresentante dell'UNHCR in Serbia.

"Ogni bambino ha il diritto ad un nome ed alla nazionalità ed il diritto alla protezione dall'essere deprivato della propria identità. La registrazione alla nascita è fondamentale per assicurare questi diritti. Il bambino che non è registrato alla nascita corre il rischio di essere tagliato fuori dalla società. Per questo l'UNICEF in coordinamento con l'UNHCR ha lanciato il progetto "Registrazione Universale alla Nascita in Serbia". Il progetto contribuirà ad una visione a lungo termine ed all'impegno del governo Serbo, che è di ottenere la registrazione alla nascita e l'accesso ai servizi universali." ha detto Maria Luisa Fornara, deputato UNICEF per la Serbia.

 
Di Fabrizio (del 31/05/2008 @ 09:34:30, in Regole, visitato 2004 volte)

Da Hungarian_Roma

THE BUDAPEST TIME

Londra, 28 maggio (MTI) Il rapporto 2008 di Amnesty International (AI) sull'Ungheria sottolinea deficienze nel sistema della giustizia criminale, particolarmente riguardo le donne che soffrono violenze.

"Pregiudizi diffusi, mancanza di volontà politica e deficienze nel sistema della giustizia criminale presentano attualmente ostacoli insormontabili per le donne che chiedono giustizia o riparazione in caso di violenze e violenza sessuale," dice il rapporto AI pubblicato mercoledì.

Il rapporto nota che il Comitato ONU sull'Eliminazione della Discriminazione contro le Donne (CEDAW) sostiene che l'introduzione degli ordini restrittivi ha fallito nel proteggere le vittime femminili di violenza domestica mentre nessuna legge punisce la violenza contro le donne. Inoltre, aggiunge, la definizione di violenza si basa sull'uso della forza piuttosto che sulla mancanza di consenso.

AI afferma che gli abitanti Rom continuano ad essere largamente discriminati. "I Rom, particolarmente le donne romani, continuano a soffrire discriminazione nell'accesso alla casa, ai servizi sanitari ed all'educazione," nota il rapporto.

Un altro corpo ONU, il Comitato contro la Tortura (CAT) è preoccupato riguardo la detenzione prima del processo.

Dice il rapporto che il periodo di detenzione prima del processo sino a 72 ore mette i detenuti in una situazione ad "alto rischio" di maltrattamenti, un particolare riguardo i gruppi minoritari e quanti non sono cittadini.

Il CAT dice anche che i richiedenti asilo spesso affrontano periodi detentivi sino a 12 mesi in "prigioni" ai confini. Dice sempre il rapporto che "Il diritto di richiesta di asilo non è pienamente garantito al confine, e ci sono rapporti di espulsioni illegali di richiedenti asilo e altri stranieri verso paesi terzi da parte delle guardie di frontiera".

E la situazione in Italia?

 
Di Fabrizio (del 31/05/2008 @ 11:42:24, in Regole, visitato 1819 volte)

FOGGIA, venerdì 30 maggio 2008 - ORE 18.58 - La Questura di Foggia 'ha provveduto a segnalare all'autorità giudiziaria le persone che hanno fatto affiggere i manifesti': lo ha dichiarato il questore di Foggia, Bruno D'Agostino, riferendosi alla vicenda dei manifesti, già coperti, affissi in città dal movimento Forza Nuova, in cui si invitava la gente a 'liberarsi' di zingari ed extracomunitari organizzando ronde. 'Non creiamo comunque allarmismi' ha aggiunto il questore, ribadendo che fino ad ora 'non c'è stata nessuna ronda' e che la situazione 'è sotto controllo'. L'invito ad organizzare ronde 'contro gli zingari e gli extracomunitari' è stato fatto nei giorni scorsi dal movimento politico Forza Nuova. Contro l'iniziativa si sono mosse una serie di associazioni e partiti politici, tra cui Arci, Verdi, Legambiente, e Rifondazione. La segnalazione arriva dopo che nei giorni scorsi per le strade della città sono apparsi nuovi manifesti del movimento che invocano la giustizia 'fai da te'. Quella delle ronde - affermano Arci, Verdi, Legambiente e Rifondazione - è 'Una soluzione preoccupante, incostituzionale che creerebbe un clima di tensione e aumenterebbe il senso di sfiducia che il cittadino già nutre nei confronti dell'istituzione pubblica'.

redazione Teleradioerre

 
Di Fabrizio (del 04/06/2008 @ 09:00:18, in Regole, visitato 1435 volte)
http://www.forez-info.com

"Vietato alla gens du voyage". E' quanto indica un cartello all'ingresso del comune di St Martin la Plaine. Denunciando fatti di "discriminazione riguardo la comunità della gens du voyage", l'associazione SOS Racisme ha indirizzato una lettera alla Prefettura. Raggiunto al telefono, il sindaco del comune ci ha indicato che un decreto comunale datato 14 settembre 2007 proibiva definitivamente il parcheggio dei caravan sull' insieme del comune. "Un decreto comunale completamente legale", precisa Christian Fayolle, che riconosce d'altra parte "la inidoneità" di questo pannello che riguarda la libera circolazione della gens du voyage. "I cartelli saranno smontati questo pomeriggio (30 maggio ndr) ed al suo posto verrà messa un'altra segnaletica a norma e senza ambiguità," ha aggiunto il sindaco del piccolo comune.

Questo cartello vigeva dal dicembre 2007 o dal gennaio 2008.

Écrit par Hervé

 
Di Fabrizio (del 10/06/2008 @ 09:00:25, in Regole, visitato 1578 volte)

Bogotá, 2 giugno, (EFE) La Procura questo lunedì ha sollecitato che vengano riconosciuti agli afrodiscendenti ed ai gitani il diritto alla sicurezza sociale, stabilito in una legge per le minoranze etniche, adottata nel 2001 e che riguarda i popoli indigeni.

L'esclusione di entrambe le minoranze "vulnera il diritto alla salute ed all'esistenza dei suoi componenti", così ha considerato il procuratore generale, Edgardo Maya, che ha inviato la petizione alla Corte Costituzionale, per revisionare la legalità della norma a favori dei popoli minoritari.

Maya ha difeso in un comunicato gli afrodiscendenti ed i gitani: "Pure loro hanno diritto all'applicazione dei procedimenti medici secondo le particolarità etniche e culturali."

La partecipazione attiva di questi gruppi minoritari nel Sistema Generale della Sicurezza Sociale è necessaria anche per "mantenere e proteggere le proprie conoscenze e pratiche medicinali tradizionali," ha aggiunto l'alto incaricato statale.

Il Procuratore ha osservato che, in virtù di diritti come quello dell'uguaglianza, il pluralismo e la partecipazione previsti nella Costituzione, i benefici legali devono raggiungere tutte le minoranze etniche.

 
Di Fabrizio (del 14/06/2008 @ 09:21:43, in Regole, visitato 1281 volte)

Danze rom a Gjilan/Gnjilane, Sud Kosovo

Sono 12 milioni i rom che abitano in Europa. Si stima siano 500.000 nella sola Serbia, dove grazie all'assistenza legale gratuita potranno ottenere l'iscrizione anagrafica e il rilascio di documenti di identità
Fonte: UNHCR - Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

elaborazione di Osservatorio sui Balcani


Al via a Belgrado il primo progetto di assistenza legale gratuita per le comunità rom che l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati attua in Serbia e negli altri Paesi della regione.

Il progetto fa parte di un programma regionale finanziato dall’Unione Europea che mira all’integrazione delle minoranze in questi Paesi, "Inclusione sociale ed accesso ai diritti umani per i rom, gli ashkali e gli egiziani dei Balcani occidentali", e verrà messo in atto in Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia e Serbia, incluso il Kosovo.

Obiettivo principale del progetto di assistenza legale è quello di aiutare le comunità rom ad ottenere la registrazione presso l'anagrafe ed il rilascio dei certificati di nascita in modo da poter richiedere i documenti di identità che possono, a loro volta, aprire la strada a nuove opportunità in campo sociale, sanitario, educativo e lavorativo.

Il programma durerà 18 mesi e sarà messo in atto da squadre mobili di operatori UNHCR e dai partner dell'Alto Commissariato, tra cui le altre agenzie delle Nazioni Unite, le ONG e le autorità locali e nazionali dei vari Paesi.

Nel progetto saranno coinvolti venti municipi serbi dove l'UNHCR, tramite il proprio lavoro sul campo con rifugiati e sfollati nel corso degli anni, ha incontrato il maggior numero di rom che non possiedono documenti di identità. Tra queste comunità rom figurano quelle fuggite dal Kosovo e quelle rimpatriate dall'Europa occidentale sulla base di accordi di riammissione oltre ai rom residenti da sempre nelle varie località.

La situazione dei rom in Serbia è andata peggiorando in particolar modo con la crisi del Kosovo, nel 1999, quando arrivarono gli sfollati in fuga dalla provincia serba e molti registri anagrafici in Kosovo furono danneggiati, distrutti o smarriti. Le comunità rom in Serbia sono inoltre relegate ai margini della società in Serbia a causa dei loro spostamenti frequenti, della loro povertà estrema e della discriminazione cui devono far fronte.

La mancanza di documenti di identità è un grave problema nei Balcani occidentali, dove crea un mondo parallelo popolato da "invisibili" esclusi dai sistemi statali. In molti casi alle autorità sono mancate la volontà o le risorse per far fronte a questi problemi. Stando alle stime disponibili, in Serbia attualmente vivono tra i 100 ed i 500mila rom. 23mila di loro sono sfollati interni provenienti dal Kosovo registrati come tali. La maggior parte di queste persone non è in grado di veder rispettati i propri diritti di base a causa della mancanza di documenti di identità.

La Serbia si è impegnata a migliorare la situazione in base agli accordi raggiunti nell’ambito del "Decennio per i Rom", un forum di cui il paese assumerà la presidenza a giugno.

L'iniziativa "Decennio per i Rom 2005-2015" venne inaugurato nel 2005 in una riunione tenutasi a Sofia a cui parteciparono i capi di Stato e di governo di 8 paesi del continente europeo e i presidenti dell'Unione europea e della Banca mondiale. L'iniziativa - promossa dalla Banca mondiale - prevede uno sforzo internazionale per migliorare le condizioni di vita e l'integrazione dei circa 12 milioni di rom che vivono in Europa. I problemi che colpiscono i rom, che costituiscono il 2% della popolazione del continente, sono già da tempo affrontate dall'OSCE, che ha messo in campo diversi progetti per la non discriminazione ed il sostegno dei rom e dei sinti.

Un punto importante del problema è infatti l'educazione scolare, considerato uno strumento fondamentale per l'integrazione di una comunità che presenta peraltro un'età media molto bassa. Infatti il 70-80% dei giovani Rom ad oggi non completa il primo ciclo di studi ed ha quindi difficoltà a trovare lavoro. Come conseguenza i Rom sono segnati dalla povertà e dalla disoccupazione dieci volte di più che gli altri popoli europei. Vi è poi l'aspetto della discriminazione: essi vengono emarginati e fatti segno, talora, anche di gesti di intolleranza e violenza. Contro tali gesti sono in atto anche programmi culturali dell'Unione Europea.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


02/07/2022 @ 21:33:45
script eseguito in 59 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4493 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< luglio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source