Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/12/2010 @ 08:57:22, in Europa, visitato 1422 volte)

Da Roma_Francais

Textes: Hervé de Chalendar

REPORT - Rom: ritorno, sotto la neve, nelle bidonvilles di Strasburgo

Alcuni sono rialloggiati in ostello, altri negli appartamenti. Altri infine dormono sempre in rifugi indegni: da una settimana è stato lanciato il piano "grande freddo" e siamo tornato a vedere i Rom di Strasburgo.

Tre mesi fa (L'Alsace del 4 settembre), non c'erano che tende. Ed il sibilo delle auto era attenuato, filtrato attraverso le foglie delle siepi selvatiche. Il campo è sempre là, a Strasburgo-Koenigshoffen, inserito tra la bretella autostradale e lo stadio del calcio. Ma le tende non sono più occupate, sono state rimpiazzate da tre baracche costruite con materiali di recupero.

"Le abbiamo costruite noi, per i bambini," racconta Samir, 20 anni. Dentro, i pannelli di legno sono ricoperti da pezzi di tessuto. Una stufa sta bruciando tutto il legno a disposizione.

Cinque persone vivono dormendo in questa baracca: "I miei genitori, io e le due piccole," enumera Samir. Questa famiglia è arrivata in Francia nel 2001. Vive di elemosina ed assegni familiari. Sono le 13.30. Vasil e Simana, 9 e 7 anni, ripartono verso la scuola.

Due giorni prima della nostra visita, le prefetture alsaziane avevano attivato il piano "grande freddo". Quel giorno, la temperatura era di poco sopra lo zero. La neve si attacca ai vestiti stesi sulle corde.

"E gli altri?"

Una dozzina di Rom vivono in questo campo, senza elettricità e con un solo idrante, poco più lontano, per il rifornimento dell'acqua. Samir, annuncia una grande novità: "Una signora del comune verrà a parlare con noi..." Se proponesse un ostello? "Sarà complicato: non si può fare da mangiare, i bambini vanno a scuola qui..." La "signora" in effetti arriva, accompagnata da un'altra. Tutti si ritirano nella baracca. Poi Samir esce tutto contento: "Francamente, va bene!" Ha proposto un appartamento sino al 31 marzo, in una struttura associativa, verso Lingolsheim. La famiglia metterà un lucchetto alla baracca e stasera la lascerà. "E gli altri?" Risposta: "Oggi a voi..."

Appartamento proposto a questa famiglia di cinque, ma anche a Gaby, 17 anni, e suo figlio di cinque mesi. Eccola, appunto, col suo bambino in braccio. Quando viene a conoscenza che il padre del bambino non ha diritto all'appartamento, rifiuta l'aiuto offerto dal sindaco... E ritorna nel campo dove "alloggia", dall'altro lato dello stadio. Allatta mentre cammina, in un paesaggio innevato. Cinque roulotte con i vetri di plastica rattoppati col nastro adesivo sono radunate attorno a degli alberi rachitici. Qui sopravvivono una ventina di persone (di cui la metà sono minori). "Qui ho il riscaldamento, la legna, tutto...", assicura timidamente la madre. La situazione si sistemerà poco dopo: con l'aiuto di una associazione, la coppia e il bambino verranno rialloggiati in un monolocale.

"La Romania, è morta!

"E io?" si interroga Nicola, suo vicino, padre anche lui di due bambini piccoli. "Io, sono qui da vent'anni e non mi offrono niente?" Se gli si parla del suo paese d'origine, si infuria: "Mai! La Romania, è morta!"

Passaggio in un terzo campo, sempre a Koenigshoffen. E' quasi deserto. Ci sono solo tre roulotte. Dentro una di queste, Ramona, 22 anni, è solo di passaggio: è da due mesi in un ostello, con suo marito, suo figlio (sette mesi) e sua figlia (4 anni). Viene qui solo per preparare i pasti. Ma oggi, non c'è più gas... "La bombola costa 27 €, non posso!" Ogni mattina, Ramona fa l'elemosina sullo stesso pezzo di marciapiede di Strasburgo. "Tutti sono abbastanza gentili con me..."

In Francia da due anni, segue corsi di francese e si scusa per il disordine... Racconta di aver fatto domanda per l'auto impresa e di vivere di piccoli commerci. Sorride, con fiducia...

 
Di Fabrizio (del 28/12/2010 @ 09:55:11, in Europa, visitato 1923 volte)

Da Roma_Francais

24 heures Raphaël Ebinger | 21.12.2010 | 00:00

Il problema dell'aumento della comunità rom per le strade di Losanna e nei centri d'accoglienza notturni pressa le autorità comunali. A punto tale che l'incaricato del dicastero degli affari sociali, Jean-Christophe Bourquin, ha deciso di mantenere il silenzio. Eppure, i giorni scorsi il rifugio di Vallée de la Jeunesse, gestito dal suo ufficio, non poteva ospitare tutti i Senza Fissa Dimora (SDF). Alcuni Rom sono stati costretti allora a dormire all'aperto.

La questione della mancanza di posti nei rifugi però fa reagire la Losanna politica. Con l'obiettivo possibile di proibire l'accattonaggio. Questa misura, depositata sotto forma di postulato oltre un anno fa, sarà discussa in consiglio comunale il prossimo 18 gennaio. La sua attuazione potrebbe regolare, tra l'altro, la popolazione rom.

Questa comunità è in effetti responsabile della situazione vissuta nei centri d'accoglienza. "La tendenza era già verso la piena occupazione, - riconosce Michel Cornut, capo del servizio sociale della città - Questo inverno, il netto aumento dei Rom ha teso la situazione. L'apertura urgente di letti supplementari a Vallée de la Jeunesse le ultime settimana non è sufficiente a ripianarla." Attualmente, i Rom occupano la maggioranza dei 35 posti letto.

La soluzione di UDC, Lausanne Ensemble e dei Verdi, consiste dunque nell'interdizione dell'accattonaggio. L’UDC chiede una proibizione totale, mentre il fronte che riunisce i Verdi a Lausanne Ensemble vorrebbe che fosse studiato un più vasto piano d'azione.

"Occorre che il comune prenda rapidamente in mano la situazione, aumentando la capacità d'accoglienza delle strutture d'accoglimento, - dichiara dal conto suo Alain Hubler, presidente di A Gauche toute! - è intollerabile lasciare le persone dormire all'aperto." Una soluzione che potrebbe non risolvere la situazione. "Mettere più letti a disposizione attirerebbe una popolazione più numerosa e da più lontano - stima Michel Cornut. - Ci mancherebbero sempre dei letti."

Assumere un mediatore

Resta forse una terza possibilità, che è anche parte della richiesta depositata dal socialista Jean Tschopp: l'assunzione di un mediatore. "Potrebbe spiegare le regole di vita che si applicano nei centri e nella società svizzera in generale", nota Marc Vuilleumier, che difenderà questa disposizione. L'incaricato alla sicurezza si riferisce ai Rom che hanno giocato ultimamente grosse somme di denaro a poker (24 heures di sabato e ieri). Pratiche contrarie al regolamento della struttura di Vallée de la Jeunesse e che sono valse loro un avvertimento.

"Resta da sapere quali saranno i suoi incarichi - si domanda Axel Marion, di Lausanne Ensemble. - Non deve essere il portavoce della comunità rom." Le parti sostengono piuttosto l'idea che questo mediatore sia l'anello mancante per entrare in contatto con una popolazione sconosciuta dagli attori sociali. "Dev'essere un partner per cui noi possiamo comprenderli e per farci comprendere", precisa Jean Tschopp.

 
Di Fabrizio (del 01/01/2011 @ 09:16:46, in Europa, visitato 2994 volte)

Da Roma_und_Sinti

SPIEGEL ONLINE International La battaglia infinita sul memoriale di Berlino a Rom e Sinti By Stefan Berg

Sabine Sauer / DER SPIEGEL

28/12/2010 - Il monumento ai Sinti e Rom uccisi nell'Olocausto è da anni in nuce a Berlino. Ma i battibecchi hanno accompagnato il progetto per tutto questo tempo. Adesso, con la costruzione in corso, nuove discussioni minacciano di far deragliare il memoriale.

Il 6 dicembre di solito in Europa è un giorno dedicato ai regali. Ma quest'anno a San Nicola, Bernd Neumann, commissario per gli affari culturali e i media alla Cancelleria tedesca, ha ricevuto per posta una brutta sorpresa. Era una lettera da Israele, piena di espressioni indignate, come "vergogna", "credibilità" e "separazione effettiva".

La nota di protesta era spedita a Neumann, 68 anni, in quanto custode dei monumenti e memoriali della nazione. Quando viene costruito un memoriale per le vittime della dittatura nazista, Neumann, membro dei Cristiano Democratici, è il responsabile della costruzione. E' un lavoro che richiede sensibilità, perché affronta il collocamento delle vittime nella storia e lo status odierno delle loro organizzazioni. L'erezione di un nuovo monumento è quasi sempre accompagnata da aspre battaglie ad alto livello emotivo, che a volte durano sino al giorno della cerimonia d'inaugurazione.

L'attuale controversia ruota attorno ad un memoriale per i circa 500.000 Sinti e Rom uccisi dalla Germania nazista durante la II guerra mondiale. Il monumento è in costruzione proprio di fronte al Reichstag, la sede del parlamento a Berlino, ma l'artista israeliano Dani Karavan, 80 anni, ed il committente sono stati in disaccordo per mesi. Inizialmente la controversia riguardava questioni banali come i materiali da costruzione e le spese. Ma ora ha una natura più fondamentale. L'artista è preoccupato per la "santità" del suo lavoro e sta minacciando di tirarsi fuori. Il progetto è in pericolo.

Una piccola piscina d'acqua

E' stata un'impresa complicata sin dall'inizio. Nel 1992, il governo tedesco promise ai Sinti e ai Rom un memoriale tutto loro, perché il memoriale per l'Olocausto nel cuore di Berlino era per commemorare lo sterminio degli Ebrei. Agli altri gruppi di vittime vennero promesso i loro memoriali.

Partner del governo nella costruzione del monumento è il Consiglio Centrale dei Rom e Sinti Tedeschi, ed il presidente del gruppo, Romani Rose, è stato il responsabile della chiamata di Karavan, un artista testardo ma rispettato. Il suo progetto per il memoriale - una piccola piscina d'acqua di 12 m. di diametro con in mezzo una stele sporgente - venne accettato senza nessuna gara. Ma quasi da subito, Sinti, Rom, gli storici e il governo si fecero coinvolgere in un'accesa discussione sulla formulazione dell'iscrizione in onore delle vittime. Così nel 2009, mentre la camera alta legislativa, il Bundesrat, stava commemorando la persecuzione dei Rom e dei Sinti, la polizia venne chiamata perché nelle toilette dello stesso Bundesrat avvenivano scontri trai diversi gruppi di vittime.

Ora, però, la costruzione è finalmente in corso. Il governo federale ha stanziato 2 milioni di euro per il progetto - più che sufficienti, si potrebbe pensare, per il progetto di fontana che è relativamente semplice.

Ragionamento però, che si è dimostrato non corretto. L'influente avvocato Peter Raue, appassionato d'arte, ha assunto il caso Karavan. "Quanta deviazione dalla perfezione deve sopportare l'artista?" si chiede Raue, accusando le autorità berlinesi di essere "burocratiche e sospettose". Non è questo il modo di creare opere d'arte, aggiunge in una lettera alle autorità cittadine.

"Irregolarità inaccettabili"

Non un singolo dettaglio è stato trascurato nella disputa. "Può essere garantito" che l'acciaio usato nella costruzione sia davvero antiruggine? L'acqua nella piscina sembrerà così scura come vuole l'artista? E chi supervisionerà la compagnia incaricata di costruire il monumento?

L'avvocato Raue lamenta che la città si è impegnata nella "segretezza" perché gli incaricati cittadini hanno avuto l'audacia di visitare il cantiere senza Karavan o un suo rappresentante presenti. Ci sono state polemiche sui cordoli di saldatura, terminati prima della consegna di altri segmenti e quindi a rischio di arrugginirsi. Karavan una volta si è lamentato di "irregolarità inaccettabili" ed è stato sul punto di far interrompere la costruzione da un tribunale.

In una serie di lettere tossiche, entrambe le parti si accusano a vicenda per i ritardi. I desideri speciali di Karavan, dicono i funzionari cittadini, hanno ritardato il progetto di due anni - "almeno". Raue, dal canto suo, accusa i burocrati di essere "maleducati e distruttivi" e non esclude il "collasso del progetto", aggiungendo: "L'artista ritirerà il suo nome se il lavoro non seguirà le sue specifiche".

Ormai, i funzionari della Cancelleria sono stanchi di tutta la vicenda. Sospettano anche che ci sia qualcos'altro dietro le "costanti richieste dell'artista di modifiche", vale a dire semplicemente un modo di chiedere un compenso più alto e maggiori oneri alla fine. Era stato concordato con Karavan un rimborso forfettario delle spese di viaggio, e l'israeliano avrebbe dovuto volare 10 volte in Germania per incontri e visite in loco. Ma poi ha sostenuto costi più elevati per i biglietti individuali a Berlino o, in un caso, una visita alla Filarmonica compresa di pasto per i suoi ospiti. "Assolutamente non rimborsabile"l hanno concluso i funzionari.

Aspettando un disgelo

Ma esattamente, come si fa a raggiungere la capitale tedesca spendendo poco? Volando con El Al o con Lufthansa? E all'anziano artista è permesso volare in Business Class? L'avvocato Raue e l'amministrazione di Berlino si sono scambiati dure note scritte, inizialmente su punti di saldatura e rapporti di prova, ed ora sulle offerte aeree più economiche. Il suo cliente non ha mai presentato una nota spese meno che accurata. Dati che tutto sta prendendo così tanto tempo, dice Raue, ora è determinato ad ottenere una tariffa più alta per l'artista israeliano.

Il commissario alla cultura Neumann sta facendo del suo meglio per smorzare i toni, tentando tatticamente di placare tutte le parti. Vuol vedere il lavoro completato, "d'accordo con l'artista, se possibile", sottolinea. Neumann si vede chiamato a fungere da arbitro.

La data prevista per la cerimonia d'inaugurazione, il 28 ottobre, è già passata, e non senza dispute su una nuova data. Ora le parti indicano timidamente il prossimo maggio. Rimane da vedere se ciò accadrà.

Per ora il clima invernale ha portato un'interruzione alla costruzione. Entrambe le parti aspettano un disgelo.

 
Di Fabrizio (del 07/01/2011 @ 09:47:16, in Europa, visitato 1839 volte)

Da Roma_Daily_News

Roma Holocaust

1931
Inizio dei disordini contro le due "razze straniere non-europee" in Germania (Ebrei e "zingari") da parte dell'Ufficio Informazioni NS (NS-Auskunftei) dell'"SD del Reichsführer-SS" a Monaco.

1933
Richiesta da parte dell'"Ufficio Razza e Insediamento" (Rasse- und Siedlungsamt) delle SS a Berlino per la sterilizzazione degli "zingari e mezzi zingari".

Dal 1934
Ci sono tentativi da parte delle agenzie per escludere Sinti e Rom dalle organizzazioni professionali.

15 settembre 1935
Promulgazione delle "Leggi Razziali di Norimberga" (Nürnberger Rassegesetze). Frick, ministro degli interni del Reich dice il 3 gennaio 1936: "Di regola, le razze indipendenti in Europa includono, a parte gli Ebrei, solo gli zingari". Vengono interdetti i matrimoni misti tra Sinti e non-Sinti.

Novembre 1936
Istituzione dell'"Unità di Ricerca sull'Igiene Razziale" (Rassehygieneinstitut) sotto la guida del dr. Robert Ritter al ministero degli interni del Reich.

Dal 1936
Sinti e Rom sono deportati nei campi di concentramento di Dachau, Buchenwald, Mauthausen e Ravensbrück.

Agosto 1938
Il dr. Adolf Würth, "ricercatore sulla razza" per Himmler, dice "Per noi la questione zingara è primariamente una questione di razza. Proprio come lo stato nazionalsocialista ha risolto la questione ebraica, così dovrò sistemare pure la questione zingara".

1 ottobre 1938
Assorbimento del nazionalsocialista "dipartimento di polizia zingara" a Monaco da parte del Dipartimento di Polizia Criminale del Reich (dal 27 settembre 1939: V Dipartimento dell'Ufficio Principale di Sicurezza del Reich, o RSHA /Reichssicherheits hauptamt/) sotto il comando dell'SS-Oberführer Arthur Nebe, ora superiore anche a Ritter. La deportazione di Ebrei e "zingari" è attuata da Adolf Eichmann nella Sezione IV B4. La Gestapo requisisce le proprietà di Sinti e Rom, rubate loro con la deportazione.

8 dicembre 1938
"Decreto base" di Himmler allo scopo di avviare a soluzione la questione zingara riguardo l'esistenza della razza".  Lo RSHA "accerta" l'affiliazione "zingara" sulla base dei "rapporti sulla razza" di Ritter.

Dal marzo 1939
Nel "Vecchio Reich" vengono emessi ordini per la marcatura speciale di Sinti e Rom e vengono istituite "carte d'identità razziali". Nel "Governatorato Generale vengono forniti passaporti gialli per Ebrei e "zingari" con una "J" o una "Z" nera.

21 settembre 1939
Conferenza dei capi dipartimento dei polizia della sicurezza e dei capi degli Einsatzgruppen, o gruppi di azione speciale, sotto la presidenza di Heydrich, sulla preparazione della deportazione dei "rimanenti 30.000 zingari" dal territorio del Reich verso la Polonia.

13 ottobre 1939
L'SS-Hauptsturmführer Braune informa Eichmann che l'SS-Oberführer Nebe vuole sapere "dove mandare gli zingari di Berlino".

16 ottobre 1939
Lo "SD Danube" informal'SS-Oberführer Nebe che "tre o quattro vagoni per zingari possono essere aggiunti al primo trasporto ebraico" che lascerà Vienna il 20 ottobre 1939. "I trasporti lasciano regolarmente Vienna, Mahr-Ostrau e Katowice".

17 ottobre 1939
"Decreto Confinamento" (Festschreibungserlaß) di Himmler. I 21 "uffici zingari" di Königsberg, Praga, Vienna e Monaco per Amburgo, sotto l'Ufficio Principale Sicurezza del Reich, devono erigere campi assembleari simili a quelli di concentramento in preparazione per il trasporto ai campi di sterminio.

30 gennaio 1940
Heydrich tiene una conferenza con i capi delle SS sulla deportazione di "tutti gli Ebrei nel nuovo Ostgaue e 30.000 zingari dai territori del Reich e dall'Ostmark come l'ultimo movimento di massa nel Governatorato Generale".

27 aprile 1940
Ordini di Himmler per le prime deportazioni di intere famiglie. A maggio i treni della deportazione con 2.800 Sinti e Rom tedeschi nel "Governatorato Generale" partono da Amburgo, Colonia e Hohenasperg vicino a Stoccarda.

1940
Nel campo di concentramento di Lackenbach a sud di Vienna, i corpi di Sinti e Rom assassinati vengono sepolti in fosse comuni nel cimitero ebraico, gli altri verranno deportati attraverso il ghetto di Lodz nel campo di concentramento di Kulmnhof nel 1941.

Dal maggio 1941
Nella Serbia occupata si devono indossare bracciali gialli identificativi con la parola "zingaro". Nei ghetti e nei campi di concentramento della Polonia occupata, Sinti e Rom devono indossare bracciali con la lettera "Z".

7 agosto1941
Un ordine di Himmler dichiara che il "Dipartimento di Polizia Criminale del Reich userà i rapporti di razza per decidere" su ulteriori deportazioni di Rom e Sinti tedeschi nei campi concentramento. L'"Unità di Ricerca sull'Igiene Razziale" produrrà circa 24.000 "rapporti" entro la fine del 1944.

Dall'estate 1941
Sinti e Rom sono sistematicamente colpiti nelle zone orientali dai cosiddetti Einsatzgruppen come pure da unità della Wehrmacht e della Ordnungspolizei. Otto Ohlendorf , capo dell'SS Einsatzgruppe dichiarerà al processo di Norimberga: "Non c'era nessuna differenza tra zingari ed Ebrei, lo stesso ordine si applicava ad entrambi".

10 ottobre 1941
Conferenza sulla "soluzione della questione ebraica" e sugli "zingari da evacuare" nel Protettorato di Boemia e Moravia, tra i capi delle SS Heydrich, Frank, Eichmann e Günther.

Gennaio 1942
5000 Sinti e Roma dal ghetto di Lodz sono assassinati nelle camere a gas del campo di sterminio di Kulmhof. Tutte le famiglie sinte e rom della Prussia orientale, la maggior parte contadini con aziende agricole e bestiami propri, sono deportati nel campo di concentramento di Bialystok e da lì nel 1943 ad Auschwitz.

7 luglio 1942
Il Reichskommissar per l'Ostland sugli "zingari": "Intendo che siano trattati alla stregua degli Ebrei".

29 agosto 1942
Elogio per l'amministrazione militare tedesca in Serbia: là, con l'aiuto delle camere a gas, "le questioni ebrea e zingara sono state risolte".

14 settembre 1942
Thierack, ministro della giustizia del Reich, verbalizza in una discussione con Goebbels: "Riguardo allo sterminio della vita asociale, il dr. Goebbels è dell'opinione che Ebrei e zingari siano semplicemente da sterminare. L'idea dell'annientamento attraverso il lavoro è la migliore". Il 18 settembre 1942 Thierack discute con Himmler, Streckenbach e altri capi SS l'attuazione dei programmi nelle iniziative delle SS, delle fabbriche d'ami tedesche e dei campi di concentramento.

2 dicembre1942
Lettera segreta dal capo della cancelleria del partito, Martin Bormann, dal "quartiere generale del Führer" ad Himmler nell'Ufficio Principale di Sicurezza del Reich, che asserisce che "il Führer non approverebbe" che "zingari" individuali fossero esclusi dalle "attuali misure" di sterminio per "ricerche sui costumi tedeschi".

16 dicembre 1942
"Decreto di Auschwitz" di Himmler per la deportazione di 22.000 Sinti e Rom europei, inclusi gli ultimi 10.000 dai territori del Reich, nella sezione del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau denominato "campo zingaro".

Maggio 1943
Il dr. Josef Mengele diventa SS dottore del campo di Auschwitz. La sua prima azione è di mandare gassati diverse centinaia di Sinti e Rom. Continua le sue "ricerche sui gemelli", sostenuto dall'Associazione Ricerca Tedesca (Deutsche Forschungsgemeinschaft) e dall'Istituto Kaiser Wilhelm, attraverso l'uccisione di bambini ebrei e sinti. Anche in altri campi di concentramento, Sinti e Rom sono vittime di agghiaccianti esperimenti medici.

16 maggio1944
Il tentativo del comandante del campo di concentramento di mandare i rimanenti 6.000 Sinti e Rom del "campo zingari" nelle camere a gas, fallisce di fronte alla resistenza degli uomini, armati di vanghe, bastoni epietre.

2 agosto 1944
Dissoluzione del "campo zingaro" di Auschwitz-Birkenau. Dei 6.000 Sinti e Rom superstiti a luglio 1944, 3.000 sono deportati in altri campi di concentramento, gli altri 3.000 vengono uccisi nella notte tra il 2 e il 3 agosto.

Maggio 1945
Il numero di Rom e Sinti uccisi nei campi di concentramento e dagli SS Einsatzgruppen alla fine della guerra è stimato in mezzo milione. Dei 40.000 Sinti e Rom tedeschi ed austriaci registrati dai nazisti, oltre 25.000 vennero assassinati.

 
Di Fabrizio (del 16/01/2011 @ 09:36:16, in Europa, visitato 2303 volte)

Segnalazione di Dragan Vasovic - YOUTH ROMA CENTER

(la rassegna fotografica su Facebook)

La notte tra il 12 e il 13 gennaio nella parte dell'insediamento Pozega in cui vivono circa 700 Rom, sui lampioni sono apparse svastiche. Su tutti i piloni di cemento che circondano l'insediamento - nelle strade Bana Milutina e Dimitrija Tucovica, sono state dipinte svastiche con lo spray, come pure su diversi ingressi e cartelli del traffico. Oltre a ricordare un momento triste della nostra storia, su di un palo è stato scritto "ZINGARI FUORI DALLA SERBIA". I cittadini del quartiere sono inorriditi, sono davvero colpiti e hanno paura. Per la prima volta nella storia del comune di Pozega qualcosa di simile accade dopo la II guerra mondiale e non ci si aspettava che questo si sarebbe nel XXI secolo, e ricorda a tutti la parte più brutta della storia della nostra civiltà.

FATE CIRCOLARE L'INFORMAZIONE!

Notizia di contorno (tratta dalla Nazione)

Don Virgilio Annetti, parroco ad Arezzo, scrive sul giornale inviato ai fedeli: "Senza tanti pietismi torna in mente quell'uomo che tentò invano, a suo tempo, una vera pulizia etnica. Si chiamava Himmler. Dette questo ordine. Aggiungere ad ogni convoglio un vagone di rom. Sappiamo bene dove il convoglio era diretto. Verrebbe da dire: ma benedetto Himmler, perché uno solo invece che due!"

Per la cronaca, il vescovo di Arezzo gli ha imposto di chiedere immediatamente perdono per il suo delirio omicida: ma può un uomo simile, le cui dichiarazioni sono state replicate entusiasticamente sui siti neonazisti (vedi QUI), essere lasciato ancora al suo posto, senza che il suo inascoltato Maestro, Rabbi Yehoshua di Nazaret, si contorca ancora sulla croce?
 

 
Di Fabrizio (del 17/01/2011 @ 09:13:13, in Europa, visitato 1368 volte)

Da Roma_Francais

Par L'Express, publié le 13/01/2011

La Francia ha redatto una nota per spiegare ai propri vicini europei come occuparsi dei Rom.

La Francia ha indirizzato ai paesi membri della UE una "nota" sulla "strategia" da mettere in opera a livello europeo al fine di "promuovere i principi di uguaglianza di possibilità e dell'inclusione sociale delle popolazioni in situazioni di povertà e di esclusione, in particolare dei Rom". Gli autori sottolineano che "appartiene a ciascuno stato membro di assicurare l'inserimento economico e sociale dei suoi cittadini (...) Promuovere la libera circolazione in seno all'Unione Europea implica prima di tutto che gli stati membri d'origine si assumano pienamente questa responsabilità". Il documento sarà all'ordine del giorno del summit europeo di giugno a Bruxelles. Parigi assicurache l'adozione di questa strategia da qui a sei mesi è "un orizzonte realista".

 
Di Fabrizio (del 19/01/2011 @ 09:17:30, in Europa, visitato 1455 volte)

Da Roma_Francais

Laprovence.com Una non-Rom ed una Rom dicono Dosta! Foto di Noémie Michel scattata ad Arles

Dosta in romanes vuol dire basta. Uno slogan che suona oggi come un grido di rivolta. L'idea è partita da Arles e dovrebbe allargarsi nei prossimi giorni a molte città francesi, tra cui Marsiglia. "Ci siamo resi conto che le proteste e le petizioni non servivano a niente di fronte alla politica di odio instillata dopo il triste discorso di Grenoble che ha stigmatizzato questa popolazione", sottolinea Tieri Breit. E' da due anni editore ad Arles di libri fotografici per bambini, ed utilizzerà le sue conoscenze per fare resistenza alle molestie e all'esclusione sofferte da tutto un popolo.

Indignazione

L'idea è di mettere sotto il naso dei cittadini immagini, ben visibili nel loro formato poster a grandezza naturale. Una foto rappresenta davanti ad una porta una Rom ed una non-rom con un pannello che riporta la parola Dosta. "E' simbolico, la porta marca la soglia, si entra o si resta fuori. Ed inoltre in pochi conoscono la parola Dosta, che li interroga", prosegue Tieri Briet. Queste foto saranno in un secondo tempo affisse sui muri delle città dove i Rom sono perseguitati ed esclusi. "Queste presenze umane, solidali, affisse sui muri di una città potranno formare poco a poco una popolazione che rifiuta in silenzio una violenza fatta ad un popolo che non ha né frontiere, né esercito". Humaniatrium (sostenuta da numerose associazioni tra cui quella della gens du voyage Samudaripen) realizzerà 60 copie di personaggi in 4 regioni della Francia. Ed è già stata contattata da cittadini inglesi, italiani o spagnoli che anche loro vogliono mostrare la loro indignazione.

Jean-Luc PARPALEIX (jlparpaleix@laprovence-presse.fr)

 
Di Fabrizio (del 23/01/2011 @ 09:59:21, in Europa, visitato 1908 volte)

Da Roma_Daily_News (NDR i link sono in inglese)

Der Spiegel By Siobhán Dowling in Alsószentmárton, Hungary

14/01/2011 - Il villaggio di Alsózentmárton è ai margini estremi d'Europa, uno degli ultimi posti in Ungheria prima del confine croato. Tutti i suoi abitanti sono Rom, tra i più marginalizzati nella UE. Ma un progetto condotto dalla chiesa intende rompere il ciclo di esclusione sociale e svantaggio educativo.

Non ci sono negozi, caffè o altre attività a Alsószentmárton. Una delle poche cose che si distingue dalle file di case ad un piano, è l'imponente chiesa bianca all'ingresso del villaggio. I bambini giocano per strada e vanno in bicicletta e le giovani donne, non molto più vecchie, spingono passeggini gridandosi saluti tra loro.

Alsószentmárton è un piccolo villaggio nell'Ungheria sud-occidentale, e tutti i suoi residenti sono Rom, tra i popoli più marginalizzati d'Europa. Vivendo qui ai margini estremi dell'Unione Europea, proprio sulla linea del confine con la Croazia, gli abitanti stanno combattendo gli effetti di decenni di svantaggio ed esclusione sociale. Un progetto guidato dal sacerdote cattolico del posto sta cercando di attenuare quella povertà e affrontare uno dei più grandi handicap della popolazione rom: la mancanza di accesso ad un'istruzione decente.

Padre József Lánko, un omone con una barba bianca, indossa un maglione di lana marrone. 55 anni, ha vissuto nel villaggio per 30, ed ha visto in prima persona le devastazioni causate dalla crisi economica seguita alla fine del comunismo. "Prima tutti avevano un lavoro, la gente di questo villaggio lavorava nelle costruzioni o nel fare le strade," spiega. "Avevano un salario minimo, ma erano certi ad ogni mese di avere i soldi, così da vivere in sicurezza." Con la caduta della cortina di ferro, da un giorno all'altro, hanno perso tutto.

"Ora vivono come accattoni," dice Lánko. "E' contro l'umana dignità, sarebbe sicuramente meglio se potessero occuparsi delle loro famiglie lavorando."

Lánko dice che qui la disoccupazione è oscillante. Per la maggior parte dell'anno è del 90%, ma scende al 60% durante la stagione della vendemmia - il villaggio è situato vicino alla famosa Via del Vino ungherese - quando la gente trova lavoro nei vigneti locali. Dice: "D'inverno qui c'è poco, le famiglie non hanno da mangiare, allora li aiutiamo per qualche giorno, gli diamo qualcosa perché non debbano morire di fame."

Rapporti difficili con i vicini

Col sostegno finanziario di Renovabis, un ente di beneficenza tedesco che finanzia progetti in Europa orientale, ora la chiesa può fornire i poveri del villaggio con raccolta di vestiti e pasti caldi giornalieri. I 1.200 residenti del villaggio sono Boyash, un gruppo distinto di Rom, la cui lingua è una forma arcaica del rumeno. Per molti, l'ungherese non è la madre lingua. Lánko ed altri operatori ecclesiali fanno anche da ponte per le barriere linguistiche, fornendo assistenza per quanto riguarda la compilazione di moduli o assistendoli nei rapporti con le banche e le organizzazioni statali.

I Rom sono i membri del più grande gruppo minoritario d'Europa, si pensa siano tra i 10 e i 12 milioni. La maggior parte vive nell'Europa centrale e orientale, molti vivono in povertà estrema. L'Ungheria, patria di 700.000 Rom, dice di voler affrontare la questione rom durante i sei mesi di presidenza UE. Ma Budapest, per non parlare di Bruxelles, potrebbe sembrare troppo lontana in questo posto isolato.

Alsószentmárton è circondata da campi pianeggianti fin dove l'occhio può vedere, ma gli abitanti non possiedono la terra. Era un villaggio misto, ma poi la popolazione non-rom iniziò ad abbandonare la campagna negli anni '60 e '70 per andare a lavorare nelle fabbriche e nell'industria. Così i Rom poterono comperare le case a buon mercato, ma non poterono permettersi i terreni circostanti. Ora, anche se volessero allontanarsi, non potrebbero vendere le loro case.

Lánko dice che le relazioni con la più ampia comunità non-rom possono essere foriere di problemi. "Quando c'è bisogno di manodopera non specializzata, le relazioni sono molto buone, sono manodopera a buon mercato," dice. "Ma d'inverno, quando gli zingari congelano e vanno a far legna, non chiedono di chi sia. Ed allora ci sono problemi."

Dice che Alsószentmárton è afflitta dai soliti problemi che accompagnano la povertà, incluso l'alcolismo. E la gente qui soffre anche di una terribile forma di sfruttamento per cui altri Rom li caricano di tassi di interessi altissimi in maniera predatoria.

"Non possiamo davvero proteggere la gente. Nessuno mi può proteggere da me stesso," ragiona il sacerdote. Lo fa, però, cercando di aiutare la gente a chiedere normali prestiti dalle banche, perché possano scappare dai pagamenti punitivi degli usurai.

Qui la gente può vivere in relativo isolamento, a circa 230 km. da Budapest, ma si è comunque a conoscenza dell'aumento di violenze contro i Rom, incluso una serie di omicidi nel 2008 e nel 2009, e le marce dell'ormai bandita Guardia Ungherese. Né può mancare la prevalenza di retorica piena d'odio anti-Rom in Ungheria, in particolare dall'estrema destra del partito Jobbik. Lánko è caustico sulle affermazioni dei membri di Jobbik, ora il terzo partito in parlameto, che i Rom abbiano paura del lavoro, e che facciano molti figli solo per avere accesso ai generosi assegni previdenziali.

"Spazzatura," rimugina. "Loro vorrebbero lavorare qui, se ci fosse lavoro. Ed è spazzatura anche che una famiglia possa vivere con gli assegni famigliari. Perché non ci provano - questi di Jobbik dovrebbero provare a vivere con gli assegni famigliare - o con le piccole somme della previdenza. E' impossibile."

Discriminazione nell'istruzione

Mentre i lavori sono pochi e lontani tra loro, Alsószentmárton sta cercando almeno di dare ai bambini i primi strumenti per aiutarli a fuggire dal circolo vizioso dello svantaggio sociale e del ricorso alla previdenza sociale, assicurando loro un'istruzione decente. Nel villaggio ci sono due asili nido, uno statale e uno gestito dalla chiesa, ed un doposcuola, dove assistenti aiutano i bambini nel fare i compiti ed organizzare attività per loro.

L'accesso ad una corretta istruzione in Ungheria può essere estremamente difficile per i Rom. I tassi di completamento sono particolarmente bassi, con solo il 50% dei bambini rom che completa l'istruzione elementare. E gli ultimi dati forniti dal Fondo Istruzione Rom di Budapest mostrano che solo il 5% circa continua gli studi all'università.

Uno dei più grandi problemi nell'istruzione ungherese è la segregazione, sia attraverso classi separate nelle scuole, che tramite bambini rom dirottati in scuole speciali per bambini con disabilità mentali, già dal primo giorno di scuola. E' una forma di discriminazione che perpetua l'esclusione e la povertà delle comunità rom.

"Una volta che sei in educazione speciale, non stai ottenendo un'istruzione, e di sicuro non stai ricevendo un'istruzione che ti permetterà di progredire nel sistema," dice Robert Kushen, direttore dell'European Roma Rights Center di Budapest. "E non troverai un impiego."

L'organizzazione di Kushen ha già portato con successo la questione della segregazione scolastica nella Repubblica Ceca alla Corte Europea dei Diritti Umani. Ora ERRC sta monitorando anche la situazione in Ungheria, dove si stima che un bambino rom su cinque subisca trattamenti simili.

Ágnes Jovánovics è una delle poche che sono riuscite a ricevere un'istruzione. Rom del villaggio lei stessa, è ora direttrice del corso prescolare della chiesa. 44 anni, aveva lasciato presto la scuola, come quasi tutti a Alsószentmárton, come formazione era assistente alla vendita. Mentre lavorava in città, decise di tornare a scuola serale e prendere un diploma di scuola superiore.

Lánko, il prete del villaggio, le suggerì di provare a diventare insegnate di prescuola, così poteva lavorare nel nuovo nido che era stato creato. Ora supervisiona nove insegnanti d'asilo, tre dei quali non sono Rom. Lánko ridacchia: "La gente è scioccata che lì il capo è una Rom. Una Rom che dice ai non-rom cosa fare!"

Per Jovánovics la sfida più importante nel preparare i bambini alla scuola - attualmente ce ne sono 81 al centro - è assicurarsi che sappiano parlare ungherese correttamente. Però, il centro opera sia in ungherese che nel lingua boyash nativa.

Lánko dice che è molto importante mantenere stretti contatti con le famiglie dei bambini. Dice che i Rom "non possono vivere senza famiglia. Vivono in prossimità molto stretta l'un l'altro... spesso con diverse generazioni in una casa sola."

Non ci sono scuole nel villaggio, così i bambini devono prendere il bus per la vicina città di Siklós, dove andare alle elementari. Alcuni frequentano lì anche la scuola secondaria, mentre altri vanno in convitti altrove, incluso la rinomata scuola Ghandi a conduzione rom, nella città di Pecs a circa 40 km. Gli operatori della chiesa nel villaggio si assicurano che la mattina i bambini vadano a scuola. Il progetto aiuta a pagare il percorso per la scuola e il cibo dei bambini le cui famiglie non hanno soldi.

Orgogliosa delle sue radici rom

Tutti nel gruppo del doposcuola conoscono Jovánovics. Bambini con i volti dipinti corrono a salutarla e dirle delle loro attività. Oggi, circa 30 bambini sono stati divisi in gruppi per raccontarsi dei diversi continenti, i cui membri sono identificati da sciarpe di differenti colori. Poi a turno partono le performance. Fuori nel cortile, il diciassettenne Tomás sta cucinando in una pentola gigante patate e paprika. Sta studiando da cuoco e dice che un giorno vorrebbe lavorare come uno del villaggio.

Jovánovics dice che tutti i bambini vogliono imparare. "Devono farlo, altrimenti non hanno prospettive," aggiunge.

D'altra parte, non è sempre facile persuadere i Rom che l'istruzione sia qualcosa a cui aspirare. Dice che la prima volta che decise di studiare, fu molto difficile per gli altri del villaggio - inclusa sua madre stessa, comprendere perché lei, una Rom "in tutto e per tutto" voleva avere un'istruzione. Ma Jovánovics rispose a sua madre che era una cosa che voleva fare e finalmente è riuscita, dicendo "Se vuoi, puoi farlo."

La motivazione di Jovánovics ha aiutato anche altri nel villaggio a seguire i suoi passi. Suo figlio sta studiando italiano all'università, ed un'altra giovane sta completando la laurea in educazione e spera di diventare un'insegnante.

Jovánovics è orgogliosa delle proprie radici rom e dice che l'istruzione non le cambierà. "Nelle famiglie zingare ci sono buone tradizioni," dice, aggiungendo che non vuole abbandonare ciò che ha ottenuto dai suoi genitori. "Altrimenti, chi sarei? Al di là di quanto possa studiare, sono una zingara."

 
Di Fabrizio (del 26/01/2011 @ 09:49:56, in Europa, visitato 1820 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

wsws.org by Elisabeth Zimmermann

19/01/2011 - Il villaggio di Mayen, vicino alla città di Coblenza nello stato tedesco della Renania-Palatinato, è governato da un'amministrazione socialdemocratica (SPD). Una famiglia rom originaria del Kosovo viveva a Mayen dal 1999. Nonostante la grave malattia di una dei suoi componenti, la signora Borka T., l'intera famiglia è stata deportata in Kosovo in condizioni inumane, all'inizio di dicembre. Appena un mese dopo, la signora T. è morta di emorragia cerebrale.

Alle prime ore del 7 dicembre, la polizia ha portato via dalla loro casa a Mayen la signora Borka T. con suo marito e loro figlio Avdil di 14 anni. Furono dati loro solo 30 minuti per raccogliere un po' di loro cose personali.  Furono scortati dalla polizia all'aeroporto di Düsseldorf e con altri rifugiati deportati a Pristina, capitale del Kosovo.

La signora Borka era stata visitata all'aeroporto di Düsseldorf da un dottore il cui compito era dare l'ok alla sua deportazione. Lo specialista che l'aveva in cura, le aveva diagnosticato disturbi post-traumatici da stress, depressione e nevralgie. A causa di questi sintomi, riceveva farmaci e terapie regolari col supporto della Caritas. Questi fatti erano conosciuti ma sono stati ignorati dagli incaricati all'aeroporto.

Le condizioni di difficoltà della donna sono state spazzate via dall'amministrazione locale di Mayen-Coblenza, che ha ordinato la deportazione della famiglia. Il tribunale amministrativo di Treviri ha poi confermato la deportazione, ben sapendo che per la donna in Kosovo non esisteva alcuna possibilità di cura.

L'amministrazione di Mayen-Coblenza da parte sua ha negato ogni responsabilità anche dopo l'annuncio della morte di Borka T. all'inizio di quest'anno. Un portavoce ha semplicemente dichiarato che l'autorità si appoggiava sul giudizio del tribunale amministrativo di Treviri, che affermava c'erano possibilità di cura in Kosovo. Il portavoce ha smentito qualsiasi correlazione tra la mancanza di medicine e la morte della donna come assurda, dichiarando con cinismo: "L'emorragia intercranica è sempre una possibilità".

L'avvocato della famiglia, Jens Dieckmann, ha emesso il 7 gennaio un comunicato stampa, che descrive la traumatica esperienza in Kosovo della famiglia e la susseguente brutale deportazione di Borka T. e della sua famiglia:

"Nell'ottobre 1999 la signora T. arrivò in Germania con la sua famiglia. Precedentemente avevano vissuto a Mitrovica, la città del Kosovo al centro dei combattimenti (nella guerra jugoslava) che fu divisa (e rimane divisa) tra Serbi e Albanesi del Kosovo. Assistette alla distruzione  della sua casa durante la guerra e alla morte di molti tra vicini, amici e parenti. La signora T. e la sua famiglia sono membri del gruppo etnico rom e rimasero intrappolati nella guerra del fuoco incrociato tra Serbi e Albanesi. Gli Albanesi espulsero da Mitrovica la famiglia della signora T., assieme ad altri Rom, accusandoli di collaborazione coi Serbi. In seguito la famiglia fuggì dalle rovine di Mitrovica."

"Dalla fuga da Mitrovica, dove la signora T. fu testimone di case in fiamme ed innumerevoli morti e feriti, soffriva di stress post-traumatico. Perciò in Germania era sottoposta a cure specialistiche e col supporto della Caritas seguiva una terapia specifica per i traumi."

Poi l'avvocato continua descrivendo come il tribunale di Treviri ha deciso sulla deportazione, anche se era pienamente consapevole della sua condizione. Ignorando le ragioni umanitarie per negare la deportazione, la corte ha invece preferito fare affidamento sulle informazioni completamente errate del ministero degli esteri, secondo cui la donna sarebbe stata seguita da specialisti in Kosovo e avrebbe avuto cure immediate.

In realtà, le condizioni reali a Pristina erano molto differenti. Qualsiasi giustificazione da parte delle autorità tedesche di non aver potuto prevedere la mancanza di strutture sanitarie in Kosovo è completamente insostenibile.

Diversi studi e relazioni di organizzazioni di aiuto ai rifugiati, come Pro Asyl e l'UNICEF, hanno documentato la disperata situazione politica e sociale in Kosovo.

Ci sono solo circa 300.000 posti di lavoro per il 1.800.000 di abitanti del Kosovo, ed il tasso ufficiale di disoccupazione è del 45%. Per le comunità rom e askali, il tasso varia dal 95 al 100%. Virtualmente non c'è una forma di sostegno per i disoccupati, e l'assistenza medica è disponibile solo a chi possa pagare. Anche l'istruzione è correlata al pagamento delle tasse. Il sistema agricolo della provincia non è competitivo, e non esiste un settore produttivo significativo. La principale esportazione del Kosovo sono i rottami metallici.

In un rapporto del Consiglio d'Europa, il Kosovo è descritto oggi come una terra dominata dalle "mafie e dal crimine organizzato". Il comandante dell'ALK ed attuale primo ministro, Hacim Thaci, è accusato di guidare un cartello criminale coinvolto in omicidi, prostituzione e traffico di droga. (Cfr. "Washington's "humanitarian" war and the crimes of the KLA")

Quando la famiglia T. tornò a Pristina non c'erano dottori, impiegati di lingua tedesca dell'ambasciata o operatori umanitari ad incontrali. Dopo aver completato le formalità di immigrazione, la famiglia venne completamente abbandonata. "Potete andare dove volete," fu detto loro. L'unico denaro in loro possesso erano 220 euro.

All'arrivo, la signora T. subì un attacco di panico e dichiarò che non sarebbe tornata a Mitrovica. Poi la famiglia si fece due ore di taxi fino ad un fratello della signora T. nella Serbia meridionale. Là, circa 40 membri della famiglia vivono in baracche attrezzate poveramente. Ogni unità ha un angolo cottura ed una stanza dove tutti mangiano e la notte si dorme per terra. Non ci sono attrezzature adeguate per bagno o doccia.

Il figlio quattordicenne Avdil, che in Germania viveva e frequentava la scuola dall'età di tre anni, era totalmente scioccato dalla povertà che lo circondava. Non avendo alcuna conoscenza della lingua, non aveva lì alcuna possibilità di andare a scuola.

Vistasi negate cure mediche e farmaci, la signora Borka T. collassò rapidamente dopo Capodanno. Venne portata in una clinica a Kragujevac dove entrò in coma per poi morire di emorragia cerebrale.

La tragica morte della signora Borka T. è un altro schiacciante atto d'accusa del sistema tedesco di asilo e deportazione. Ogni anno, migliaia di persone che soffrono di gravi malattie vengono deportate verso i loro paesi di origine. In molti casi, hanno vissuto per anni o addirittura decenni in Germania. Dove, è stato negato loro il diritto di soggiorno permanente e vivono in uno stato di insicurezza permanente.

Molti di questi deportati sono bambini nati in Germania e cresciuti nel paese. Questi bambini sono brutalmente strappati dalle loro scuole, dall'ambiente familiare e dagli amici e deprivati di ogni prospettiva futura.

Anche per queste circostanze, era interamente di competenza dell'amministrazione di Mayen-Coblenza garantire un permesso di residenza per motivi umanitari alla famiglia T. Appena due settimane prima della deportazione di una famiglia, la conferenza dei ministri degli interni aveva emesso un decreto che rendeva possibili decisioni simili. Tuttavia, lo stato della Renania-Palatinato ha deciso di applicare il regolamento solo il 23 dicembre, a più di un mese dall'emanazione.

Nella sua lettera del 7 gennaio alla stampa, l'avvocato della famiglia ha sollevato alcune questioni vitali:

  1. Perché non ci sono stati esami medici alla signora T. immediatamente prima della sua deportazione?
  2. Perché all'aeroporto di Pristina non erano presenti specialisti o organizzazioni di soccorso, quando le autorità tedesche sapevano che quel giorno veniva deportata una donna con problemi mentali?
  3. Perché lo stato della Renania-Palatinato non si è unito al bando della deportazione di Rom verso il Kosovo, come ad esempio lo stato del Nord Reno-Westfalia? Il governo di Düsseldorf aveva preso la sua decisione sulla base primaria del parere del ministro degli esteri e delle informazioni che descrivevano la catastrofica situazione dei Rom in Kosovo.
  4. Perché non è stata fermata la pratica delle deportazioni in seguito alla decisione della conferenza dei ministri degli interni del 19 novembre 2010? Durante la conferenza, venne concordato che poteva essere rilasciato un permesso di residenza ai rifugiati che si erano integrati correttamente e sarebbero stati protetti dalle deportazioni almeno i ragazzi sino a 18 anni. Avdil ha frequentato per anni la scuola e senza dubbio aveva soddisfatto i criteri stabiliti.

Secondo il suo insegnante, Avdil era un bravo studente, laborioso e curioso, popolare tra i suoi compagni. Nondimeno, lui e la sua famiglia furono brutalmente deportati.

D'altronde, questa crudeltà burocratica è intenzionale. Le deportazioni in Kosovo sono l'obiettivo dichiarato dell'accordo firmato il 14 aprile 2010, tra il ministro tedesco degli interni Thomas de Maiziere (CDU) e la sua controparte kosovara, Bajram Rexhepi. Impegna il Kosovo ad accettare 14.000 rifugiati dalla Germania. Oltre a più di 10.000 Rom, la cifra include anche Askali, Egizi kosovari e membri della minoranza serba del Kosovo.

La maggior parte dei Rom fuggì dal Kosovo nel 1999 durante la guerra NATO contro la Jugoslavia. Se la dottrina ufficiale della NATO era di proteggere gli Albanesi kosovari dagli attacchi serbi e dalla "pulizia etnica", la guerra condotta dalla NATO e dalla UE alimentò i nazionalismi etnici e contribuì alla campagna di cacciata delle minoranze serbe, rom ed askali dal Kosovo. Alcuni fuggirono in Serbia, Macedonia e Montenegro, ma molti cercarono asilo nell'Europa occidentale o sperarono di essere riconosciuti come rifugiati dalle guerre civili. La maggior parte delle richieste asilo in Germania sono state respinte.

Ora, molti di quanti hanno fatto ingresso nel paese sono stati deportati, nonostante il freddo inverno nel Kosovo distrutto e dilaniato dalla guerra. Le persone di ritorno incontreranno povertà, esclusione sociale e carenza di alloggi. Molti che mancano di assistenza medica adeguata soffriranno di malattie e per alcuni, come la signora Borka T., la deportazione significa morte.

 
Di Fabrizio (del 29/01/2011 @ 09:52:37, in Europa, visitato 1894 volte)
 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/05/2022 @ 14:07:54
script eseguito in 83 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 5234 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source