Ungheria - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

\\ Mahalla : Articolo
Ungheria
Di Fabrizio (del 23/01/2011 @ 09:59:21, in Europa, visitato 2064 volte)

Da Roma_Daily_News (NDR i link sono in inglese)

Der Spiegel By Siobhán Dowling in Alsószentmárton, Hungary

14/01/2011 - Il villaggio di Alsózentmárton è ai margini estremi d'Europa, uno degli ultimi posti in Ungheria prima del confine croato. Tutti i suoi abitanti sono Rom, tra i più marginalizzati nella UE. Ma un progetto condotto dalla chiesa intende rompere il ciclo di esclusione sociale e svantaggio educativo.

Non ci sono negozi, caffè o altre attività a Alsószentmárton. Una delle poche cose che si distingue dalle file di case ad un piano, è l'imponente chiesa bianca all'ingresso del villaggio. I bambini giocano per strada e vanno in bicicletta e le giovani donne, non molto più vecchie, spingono passeggini gridandosi saluti tra loro.

Alsószentmárton è un piccolo villaggio nell'Ungheria sud-occidentale, e tutti i suoi residenti sono Rom, tra i popoli più marginalizzati d'Europa. Vivendo qui ai margini estremi dell'Unione Europea, proprio sulla linea del confine con la Croazia, gli abitanti stanno combattendo gli effetti di decenni di svantaggio ed esclusione sociale. Un progetto guidato dal sacerdote cattolico del posto sta cercando di attenuare quella povertà e affrontare uno dei più grandi handicap della popolazione rom: la mancanza di accesso ad un'istruzione decente.

Padre József Lánko, un omone con una barba bianca, indossa un maglione di lana marrone. 55 anni, ha vissuto nel villaggio per 30, ed ha visto in prima persona le devastazioni causate dalla crisi economica seguita alla fine del comunismo. "Prima tutti avevano un lavoro, la gente di questo villaggio lavorava nelle costruzioni o nel fare le strade," spiega. "Avevano un salario minimo, ma erano certi ad ogni mese di avere i soldi, così da vivere in sicurezza." Con la caduta della cortina di ferro, da un giorno all'altro, hanno perso tutto.

"Ora vivono come accattoni," dice Lánko. "E' contro l'umana dignità, sarebbe sicuramente meglio se potessero occuparsi delle loro famiglie lavorando."

Lánko dice che qui la disoccupazione è oscillante. Per la maggior parte dell'anno è del 90%, ma scende al 60% durante la stagione della vendemmia - il villaggio è situato vicino alla famosa Via del Vino ungherese - quando la gente trova lavoro nei vigneti locali. Dice: "D'inverno qui c'è poco, le famiglie non hanno da mangiare, allora li aiutiamo per qualche giorno, gli diamo qualcosa perché non debbano morire di fame."

Rapporti difficili con i vicini

Col sostegno finanziario di Renovabis, un ente di beneficenza tedesco che finanzia progetti in Europa orientale, ora la chiesa può fornire i poveri del villaggio con raccolta di vestiti e pasti caldi giornalieri. I 1.200 residenti del villaggio sono Boyash, un gruppo distinto di Rom, la cui lingua è una forma arcaica del rumeno. Per molti, l'ungherese non è la madre lingua. Lánko ed altri operatori ecclesiali fanno anche da ponte per le barriere linguistiche, fornendo assistenza per quanto riguarda la compilazione di moduli o assistendoli nei rapporti con le banche e le organizzazioni statali.

I Rom sono i membri del più grande gruppo minoritario d'Europa, si pensa siano tra i 10 e i 12 milioni. La maggior parte vive nell'Europa centrale e orientale, molti vivono in povertà estrema. L'Ungheria, patria di 700.000 Rom, dice di voler affrontare la questione rom durante i sei mesi di presidenza UE. Ma Budapest, per non parlare di Bruxelles, potrebbe sembrare troppo lontana in questo posto isolato.

Alsószentmárton è circondata da campi pianeggianti fin dove l'occhio può vedere, ma gli abitanti non possiedono la terra. Era un villaggio misto, ma poi la popolazione non-rom iniziò ad abbandonare la campagna negli anni '60 e '70 per andare a lavorare nelle fabbriche e nell'industria. Così i Rom poterono comperare le case a buon mercato, ma non poterono permettersi i terreni circostanti. Ora, anche se volessero allontanarsi, non potrebbero vendere le loro case.

Lánko dice che le relazioni con la più ampia comunità non-rom possono essere foriere di problemi. "Quando c'è bisogno di manodopera non specializzata, le relazioni sono molto buone, sono manodopera a buon mercato," dice. "Ma d'inverno, quando gli zingari congelano e vanno a far legna, non chiedono di chi sia. Ed allora ci sono problemi."

Dice che Alsószentmárton è afflitta dai soliti problemi che accompagnano la povertà, incluso l'alcolismo. E la gente qui soffre anche di una terribile forma di sfruttamento per cui altri Rom li caricano di tassi di interessi altissimi in maniera predatoria.

"Non possiamo davvero proteggere la gente. Nessuno mi può proteggere da me stesso," ragiona il sacerdote. Lo fa, però, cercando di aiutare la gente a chiedere normali prestiti dalle banche, perché possano scappare dai pagamenti punitivi degli usurai.

Qui la gente può vivere in relativo isolamento, a circa 230 km. da Budapest, ma si è comunque a conoscenza dell'aumento di violenze contro i Rom, incluso una serie di omicidi nel 2008 e nel 2009, e le marce dell'ormai bandita Guardia Ungherese. Né può mancare la prevalenza di retorica piena d'odio anti-Rom in Ungheria, in particolare dall'estrema destra del partito Jobbik. Lánko è caustico sulle affermazioni dei membri di Jobbik, ora il terzo partito in parlameto, che i Rom abbiano paura del lavoro, e che facciano molti figli solo per avere accesso ai generosi assegni previdenziali.

"Spazzatura," rimugina. "Loro vorrebbero lavorare qui, se ci fosse lavoro. Ed è spazzatura anche che una famiglia possa vivere con gli assegni famigliari. Perché non ci provano - questi di Jobbik dovrebbero provare a vivere con gli assegni famigliare - o con le piccole somme della previdenza. E' impossibile."

Discriminazione nell'istruzione

Mentre i lavori sono pochi e lontani tra loro, Alsószentmárton sta cercando almeno di dare ai bambini i primi strumenti per aiutarli a fuggire dal circolo vizioso dello svantaggio sociale e del ricorso alla previdenza sociale, assicurando loro un'istruzione decente. Nel villaggio ci sono due asili nido, uno statale e uno gestito dalla chiesa, ed un doposcuola, dove assistenti aiutano i bambini nel fare i compiti ed organizzare attività per loro.

L'accesso ad una corretta istruzione in Ungheria può essere estremamente difficile per i Rom. I tassi di completamento sono particolarmente bassi, con solo il 50% dei bambini rom che completa l'istruzione elementare. E gli ultimi dati forniti dal Fondo Istruzione Rom di Budapest mostrano che solo il 5% circa continua gli studi all'università.

Uno dei più grandi problemi nell'istruzione ungherese è la segregazione, sia attraverso classi separate nelle scuole, che tramite bambini rom dirottati in scuole speciali per bambini con disabilità mentali, già dal primo giorno di scuola. E' una forma di discriminazione che perpetua l'esclusione e la povertà delle comunità rom.

"Una volta che sei in educazione speciale, non stai ottenendo un'istruzione, e di sicuro non stai ricevendo un'istruzione che ti permetterà di progredire nel sistema," dice Robert Kushen, direttore dell'European Roma Rights Center di Budapest. "E non troverai un impiego."

L'organizzazione di Kushen ha già portato con successo la questione della segregazione scolastica nella Repubblica Ceca alla Corte Europea dei Diritti Umani. Ora ERRC sta monitorando anche la situazione in Ungheria, dove si stima che un bambino rom su cinque subisca trattamenti simili.

Ágnes Jovánovics è una delle poche che sono riuscite a ricevere un'istruzione. Rom del villaggio lei stessa, è ora direttrice del corso prescolare della chiesa. 44 anni, aveva lasciato presto la scuola, come quasi tutti a Alsószentmárton, come formazione era assistente alla vendita. Mentre lavorava in città, decise di tornare a scuola serale e prendere un diploma di scuola superiore.

Lánko, il prete del villaggio, le suggerì di provare a diventare insegnate di prescuola, così poteva lavorare nel nuovo nido che era stato creato. Ora supervisiona nove insegnanti d'asilo, tre dei quali non sono Rom. Lánko ridacchia: "La gente è scioccata che lì il capo è una Rom. Una Rom che dice ai non-rom cosa fare!"

Per Jovánovics la sfida più importante nel preparare i bambini alla scuola - attualmente ce ne sono 81 al centro - è assicurarsi che sappiano parlare ungherese correttamente. Però, il centro opera sia in ungherese che nel lingua boyash nativa.

Lánko dice che è molto importante mantenere stretti contatti con le famiglie dei bambini. Dice che i Rom "non possono vivere senza famiglia. Vivono in prossimità molto stretta l'un l'altro... spesso con diverse generazioni in una casa sola."

Non ci sono scuole nel villaggio, così i bambini devono prendere il bus per la vicina città di Siklós, dove andare alle elementari. Alcuni frequentano lì anche la scuola secondaria, mentre altri vanno in convitti altrove, incluso la rinomata scuola Ghandi a conduzione rom, nella città di Pecs a circa 40 km. Gli operatori della chiesa nel villaggio si assicurano che la mattina i bambini vadano a scuola. Il progetto aiuta a pagare il percorso per la scuola e il cibo dei bambini le cui famiglie non hanno soldi.

Orgogliosa delle sue radici rom

Tutti nel gruppo del doposcuola conoscono Jovánovics. Bambini con i volti dipinti corrono a salutarla e dirle delle loro attività. Oggi, circa 30 bambini sono stati divisi in gruppi per raccontarsi dei diversi continenti, i cui membri sono identificati da sciarpe di differenti colori. Poi a turno partono le performance. Fuori nel cortile, il diciassettenne Tomás sta cucinando in una pentola gigante patate e paprika. Sta studiando da cuoco e dice che un giorno vorrebbe lavorare come uno del villaggio.

Jovánovics dice che tutti i bambini vogliono imparare. "Devono farlo, altrimenti non hanno prospettive," aggiunge.

D'altra parte, non è sempre facile persuadere i Rom che l'istruzione sia qualcosa a cui aspirare. Dice che la prima volta che decise di studiare, fu molto difficile per gli altri del villaggio - inclusa sua madre stessa, comprendere perché lei, una Rom "in tutto e per tutto" voleva avere un'istruzione. Ma Jovánovics rispose a sua madre che era una cosa che voleva fare e finalmente è riuscita, dicendo "Se vuoi, puoi farlo."

La motivazione di Jovánovics ha aiutato anche altri nel villaggio a seguire i suoi passi. Suo figlio sta studiando italiano all'università, ed un'altra giovane sta completando la laurea in educazione e spera di diventare un'insegnante.

Jovánovics è orgogliosa delle proprie radici rom e dice che l'istruzione non le cambierà. "Nelle famiglie zingare ci sono buone tradizioni," dice, aggiungendo che non vuole abbandonare ciò che ha ottenuto dai suoi genitori. "Altrimenti, chi sarei? Al di là di quanto possa studiare, sono una zingara."

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


25/02/2024 @ 20:36:27
script eseguito in 42 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 78 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022
Gennaio 2023
Febbraio 2023
Marzo 2023
Aprile 2023
Maggio 2023
Giugno 2023
Luglio 2023
Agosto 2023
Settembre 2023
Ottobre 2023
Novembre 2023
Dicembre 2023
Gennaio 2024
Febbraio 2024

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2024 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source