\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Germania
Di Fabrizio (del 26/01/2011 @ 09:49:56, in Europa, visitato 1987 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

wsws.org by Elisabeth Zimmermann

19/01/2011 - Il villaggio di Mayen, vicino alla città di Coblenza nello stato tedesco della Renania-Palatinato, è governato da un'amministrazione socialdemocratica (SPD). Una famiglia rom originaria del Kosovo viveva a Mayen dal 1999. Nonostante la grave malattia di una dei suoi componenti, la signora Borka T., l'intera famiglia è stata deportata in Kosovo in condizioni inumane, all'inizio di dicembre. Appena un mese dopo, la signora T. è morta di emorragia cerebrale.

Alle prime ore del 7 dicembre, la polizia ha portato via dalla loro casa a Mayen la signora Borka T. con suo marito e loro figlio Avdil di 14 anni. Furono dati loro solo 30 minuti per raccogliere un po' di loro cose personali.  Furono scortati dalla polizia all'aeroporto di Düsseldorf e con altri rifugiati deportati a Pristina, capitale del Kosovo.

La signora Borka era stata visitata all'aeroporto di Düsseldorf da un dottore il cui compito era dare l'ok alla sua deportazione. Lo specialista che l'aveva in cura, le aveva diagnosticato disturbi post-traumatici da stress, depressione e nevralgie. A causa di questi sintomi, riceveva farmaci e terapie regolari col supporto della Caritas. Questi fatti erano conosciuti ma sono stati ignorati dagli incaricati all'aeroporto.

Le condizioni di difficoltà della donna sono state spazzate via dall'amministrazione locale di Mayen-Coblenza, che ha ordinato la deportazione della famiglia. Il tribunale amministrativo di Treviri ha poi confermato la deportazione, ben sapendo che per la donna in Kosovo non esisteva alcuna possibilità di cura.

L'amministrazione di Mayen-Coblenza da parte sua ha negato ogni responsabilità anche dopo l'annuncio della morte di Borka T. all'inizio di quest'anno. Un portavoce ha semplicemente dichiarato che l'autorità si appoggiava sul giudizio del tribunale amministrativo di Treviri, che affermava c'erano possibilità di cura in Kosovo. Il portavoce ha smentito qualsiasi correlazione tra la mancanza di medicine e la morte della donna come assurda, dichiarando con cinismo: "L'emorragia intercranica è sempre una possibilità".

L'avvocato della famiglia, Jens Dieckmann, ha emesso il 7 gennaio un comunicato stampa, che descrive la traumatica esperienza in Kosovo della famiglia e la susseguente brutale deportazione di Borka T. e della sua famiglia:

"Nell'ottobre 1999 la signora T. arrivò in Germania con la sua famiglia. Precedentemente avevano vissuto a Mitrovica, la città del Kosovo al centro dei combattimenti (nella guerra jugoslava) che fu divisa (e rimane divisa) tra Serbi e Albanesi del Kosovo. Assistette alla distruzione  della sua casa durante la guerra e alla morte di molti tra vicini, amici e parenti. La signora T. e la sua famiglia sono membri del gruppo etnico rom e rimasero intrappolati nella guerra del fuoco incrociato tra Serbi e Albanesi. Gli Albanesi espulsero da Mitrovica la famiglia della signora T., assieme ad altri Rom, accusandoli di collaborazione coi Serbi. In seguito la famiglia fuggì dalle rovine di Mitrovica."

"Dalla fuga da Mitrovica, dove la signora T. fu testimone di case in fiamme ed innumerevoli morti e feriti, soffriva di stress post-traumatico. Perciò in Germania era sottoposta a cure specialistiche e col supporto della Caritas seguiva una terapia specifica per i traumi."

Poi l'avvocato continua descrivendo come il tribunale di Treviri ha deciso sulla deportazione, anche se era pienamente consapevole della sua condizione. Ignorando le ragioni umanitarie per negare la deportazione, la corte ha invece preferito fare affidamento sulle informazioni completamente errate del ministero degli esteri, secondo cui la donna sarebbe stata seguita da specialisti in Kosovo e avrebbe avuto cure immediate.

In realtà, le condizioni reali a Pristina erano molto differenti. Qualsiasi giustificazione da parte delle autorità tedesche di non aver potuto prevedere la mancanza di strutture sanitarie in Kosovo è completamente insostenibile.

Diversi studi e relazioni di organizzazioni di aiuto ai rifugiati, come Pro Asyl e l'UNICEF, hanno documentato la disperata situazione politica e sociale in Kosovo.

Ci sono solo circa 300.000 posti di lavoro per il 1.800.000 di abitanti del Kosovo, ed il tasso ufficiale di disoccupazione è del 45%. Per le comunità rom e askali, il tasso varia dal 95 al 100%. Virtualmente non c'è una forma di sostegno per i disoccupati, e l'assistenza medica è disponibile solo a chi possa pagare. Anche l'istruzione è correlata al pagamento delle tasse. Il sistema agricolo della provincia non è competitivo, e non esiste un settore produttivo significativo. La principale esportazione del Kosovo sono i rottami metallici.

In un rapporto del Consiglio d'Europa, il Kosovo è descritto oggi come una terra dominata dalle "mafie e dal crimine organizzato". Il comandante dell'ALK ed attuale primo ministro, Hacim Thaci, è accusato di guidare un cartello criminale coinvolto in omicidi, prostituzione e traffico di droga. (Cfr. "Washington's "humanitarian" war and the crimes of the KLA")

Quando la famiglia T. tornò a Pristina non c'erano dottori, impiegati di lingua tedesca dell'ambasciata o operatori umanitari ad incontrali. Dopo aver completato le formalità di immigrazione, la famiglia venne completamente abbandonata. "Potete andare dove volete," fu detto loro. L'unico denaro in loro possesso erano 220 euro.

All'arrivo, la signora T. subì un attacco di panico e dichiarò che non sarebbe tornata a Mitrovica. Poi la famiglia si fece due ore di taxi fino ad un fratello della signora T. nella Serbia meridionale. Là, circa 40 membri della famiglia vivono in baracche attrezzate poveramente. Ogni unità ha un angolo cottura ed una stanza dove tutti mangiano e la notte si dorme per terra. Non ci sono attrezzature adeguate per bagno o doccia.

Il figlio quattordicenne Avdil, che in Germania viveva e frequentava la scuola dall'età di tre anni, era totalmente scioccato dalla povertà che lo circondava. Non avendo alcuna conoscenza della lingua, non aveva lì alcuna possibilità di andare a scuola.

Vistasi negate cure mediche e farmaci, la signora Borka T. collassò rapidamente dopo Capodanno. Venne portata in una clinica a Kragujevac dove entrò in coma per poi morire di emorragia cerebrale.

La tragica morte della signora Borka T. è un altro schiacciante atto d'accusa del sistema tedesco di asilo e deportazione. Ogni anno, migliaia di persone che soffrono di gravi malattie vengono deportate verso i loro paesi di origine. In molti casi, hanno vissuto per anni o addirittura decenni in Germania. Dove, è stato negato loro il diritto di soggiorno permanente e vivono in uno stato di insicurezza permanente.

Molti di questi deportati sono bambini nati in Germania e cresciuti nel paese. Questi bambini sono brutalmente strappati dalle loro scuole, dall'ambiente familiare e dagli amici e deprivati di ogni prospettiva futura.

Anche per queste circostanze, era interamente di competenza dell'amministrazione di Mayen-Coblenza garantire un permesso di residenza per motivi umanitari alla famiglia T. Appena due settimane prima della deportazione di una famiglia, la conferenza dei ministri degli interni aveva emesso un decreto che rendeva possibili decisioni simili. Tuttavia, lo stato della Renania-Palatinato ha deciso di applicare il regolamento solo il 23 dicembre, a più di un mese dall'emanazione.

Nella sua lettera del 7 gennaio alla stampa, l'avvocato della famiglia ha sollevato alcune questioni vitali:

  1. Perché non ci sono stati esami medici alla signora T. immediatamente prima della sua deportazione?
  2. Perché all'aeroporto di Pristina non erano presenti specialisti o organizzazioni di soccorso, quando le autorità tedesche sapevano che quel giorno veniva deportata una donna con problemi mentali?
  3. Perché lo stato della Renania-Palatinato non si è unito al bando della deportazione di Rom verso il Kosovo, come ad esempio lo stato del Nord Reno-Westfalia? Il governo di Düsseldorf aveva preso la sua decisione sulla base primaria del parere del ministro degli esteri e delle informazioni che descrivevano la catastrofica situazione dei Rom in Kosovo.
  4. Perché non è stata fermata la pratica delle deportazioni in seguito alla decisione della conferenza dei ministri degli interni del 19 novembre 2010? Durante la conferenza, venne concordato che poteva essere rilasciato un permesso di residenza ai rifugiati che si erano integrati correttamente e sarebbero stati protetti dalle deportazioni almeno i ragazzi sino a 18 anni. Avdil ha frequentato per anni la scuola e senza dubbio aveva soddisfatto i criteri stabiliti.

Secondo il suo insegnante, Avdil era un bravo studente, laborioso e curioso, popolare tra i suoi compagni. Nondimeno, lui e la sua famiglia furono brutalmente deportati.

D'altronde, questa crudeltà burocratica è intenzionale. Le deportazioni in Kosovo sono l'obiettivo dichiarato dell'accordo firmato il 14 aprile 2010, tra il ministro tedesco degli interni Thomas de Maiziere (CDU) e la sua controparte kosovara, Bajram Rexhepi. Impegna il Kosovo ad accettare 14.000 rifugiati dalla Germania. Oltre a più di 10.000 Rom, la cifra include anche Askali, Egizi kosovari e membri della minoranza serba del Kosovo.

La maggior parte dei Rom fuggì dal Kosovo nel 1999 durante la guerra NATO contro la Jugoslavia. Se la dottrina ufficiale della NATO era di proteggere gli Albanesi kosovari dagli attacchi serbi e dalla "pulizia etnica", la guerra condotta dalla NATO e dalla UE alimentò i nazionalismi etnici e contribuì alla campagna di cacciata delle minoranze serbe, rom ed askali dal Kosovo. Alcuni fuggirono in Serbia, Macedonia e Montenegro, ma molti cercarono asilo nell'Europa occidentale o sperarono di essere riconosciuti come rifugiati dalle guerre civili. La maggior parte delle richieste asilo in Germania sono state respinte.

Ora, molti di quanti hanno fatto ingresso nel paese sono stati deportati, nonostante il freddo inverno nel Kosovo distrutto e dilaniato dalla guerra. Le persone di ritorno incontreranno povertà, esclusione sociale e carenza di alloggi. Molti che mancano di assistenza medica adeguata soffriranno di malattie e per alcuni, come la signora Borka T., la deportazione significa morte.