Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 18/10/2009 @ 09:02:30, in Europa, visitato 1400 volte)

Da Romanian_Roma

COMUNICATO STAMPA - 13 ottobre 2009, Chisinau

Il Centro Nazionale Rom è preoccupato sul modo in cui le entità legali della Moldavia amministrano i dati personali. A tale proposito alcune banche raccolgono dati della vita privata dei cittadini e li rendono pubblici, infrangendo seriamente il diritto alla riservatezza.

Il diritto al pari trattamento di fronte alla legge è universale e garantito ad ogni cittadino, ma sfortunatamente non è sempre rispettato in Moldavia. In alcune ricerche condotte dal Centro è stato provato che vengono raccolti dati personali sull'etnia, spesso non usati correttamente e persino in maniera discriminatoria. Un esempio è che alcune banche rifiutano prestiti ai Rom.

I Rom sono etichettati come una minoranza etnica che spesso è di fronte a discriminazione in quasi tutte le sfere della vita sociale. Anche se statistiche su ciò sono necessarie allo stato per i programmi di sviluppo ed integrazione dei Rom,  il modo di usarle e le analisi critiche causano timore che queste politiche provochino pratiche discriminatorie.

A tal proposito alcune banche in Moldavia raccolgono dati personali, inclusi l'etnia, delle persone che richiedano prestiti, che susseguentemente sono piazzati pubblicamente nella cosiddetta "lista nera" e divulgati ad altre istituzioni finanziarie, infrangendo perciò l'articolo 6 della Convenzione.

Uno di questi casi è dato dal fatto che la Banca Commerciale Agroindbank ha reso pubblica una lista nera che includeva tra gli altri Artur Cerari, etichettato come "Barone dei Rom di Moldavia", con allegata la seguente raccomandazione: "Nelle circostanze create in relazione ai clienti della lista allegata, BC "Moldova Agroindbank" raccomanda di procedere con la massima precauzione in qualsiasi transazione commerciale o di astenersi da qualsiasi relazione d'affari riguardo a loro" (http://forum.md/Discuss.aspx?id=696735&page=6).

Questa informazione è stata postata sul sito della BC  "Moldova Agroindbank" per oltre due anni, durante i quali la Repubblica di Moldavia ha firmato la Convenzione per la Protezione degli Individui riguardo al Processo Automatico dei Dati Personali, adottato la Legge sulla protezione dei dati personali nel 2007 e creato un'autorità nazionale per controllare il processo dei dati personali.

A questo scopo, il Centro Nazionale Rom ha chiesto al Centro Nazionale per la Protezione dei Dati Personali di indicare con quale limite/volume possano essere raccolti i dati personali e poi resi pubblici, nei casi summenzionati, ledendola privacy dei 150.000 cittadini che si sono dichiarati Rom e volessero ricevere supporto finanziario dalle banche.

Per ulteriori informazioni, potete contattare il presidente del Centro Nazionale Rom:
Mr. Nicolae Radita, Tel. 227099 or 069553363 or by e-mail: raditsa_nicolae@mail.md


PS: Invece in Italia

 
Di Fabrizio (del 21/10/2009 @ 09:25:37, in Europa, visitato 1347 volte)

Da Mundo_Gitano

ABC.es Madrid, 14 ottobre 2009

Ad un decennio dal conflitto armato nei Balcani, la Germania sta pianificando il rimpatrio di migliaia di rifugiati provenienti dalla regione, la maggior parte di origine rom, una decisione definita dai critici come "mostruosa", mentre il Governo ha difeso questa misura affermando che la situazione nella regione è già stabile, secondo i responsabili tedeschi.

Ci sono circa 14.000 rifugiati in Germania provenienti dal Kosovo, e 10.000 di loro sono di questo gruppo etnico. Non è mai stato regolato lo status legale della maggior parte di questi rifugiati.

Così, il Ministero degli Interni progetta di trattare 2.500 casi di rimpatrio due volte all'anno, per essere sicuro che il Kosovo non risulti sovraccaricato da un influsso repentino dei ritorni. L'anno scorso, almeno 900 kosovari sono tornati nella regione, mentre già si sta provvedendo a programmi simili per i rifugiati dalla Bosnia, secondo quanto riporta il giornale tedesco "Süddeutsche Zeitung".

In aggiunta, la Germania pagherà 750 euro a chiunque farà ritorno e coprirà le spese di viaggio, informa il giornale "Russia Today", che informa come le autorità abbiano promesso di mantenere una "ragionevole composizione etnica" tra loro.

Il Ministero degli Interni della Germania ha detto che l'accordo di rimpatrio verrà firmato a settimane, ed un suo portavoce, Stefan Paris, ha dichiarato a Berlino che l'accordo sarà in linea con la legislazione internazionale, perché trattando la questione dei rifugiati siano considerati tutti gli aspetti umanitari.

Una volta firmato, l'accordo sancirà che il Kosovo, di principio, accetterà tutte le persone che abbiano documenti d'identità della regione o che antecedentemente abbiano vissuto sul suo territorio.

Nel contempo, la deputata del partito di sinistra "Die Linke", Ulla Jelpke, ha definito il progetto come "mostruoso", dato che i deportati avranno di fronte a sé "la povertà assoluta" ed "un'alienazione giornaliera" dalla maggioranza albanese nel Kosovo.

Inoltre, il gruppo per i diritti umani Chachipe, focalizzato su questa etnia, ha condannato il processo di rimpatrio, affermando che il governo tedesco è stato molto ottimista nel descrivere la situazione in Kosovo. "I Rom sono stati espulsi dal Kosovo e, in dieci anni, la comunità internazionale non è stata capace di creare le condizioni per un ritorno in forma sicura", ha indicato il gruppo.

"I loro interessi sono stati sacrificati e abbandonati nel tentativo di pacificare gli antagonismi tra albanesi e serbi del Kosovo e ora, si chiede il loro ritorno perché la comunità internazionale possa dire che il Kosovo si è convertito in un posto multietnico che merita essere un paese indipendente", ha affermato il gruppo.

Nel frattempo, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR), dopo aver visitato la regione all'inizio di quest'anno, ha detto che il Kosovo è ancora suscettibile alle tensioni etniche e che le condizioni per vivere nella zona sono molto povere. L'agenzia ha raccomandato che i rifugiati tornino solamente in forma volontaria.

 
Di Fabrizio (del 23/10/2009 @ 09:04:02, in Europa, visitato 1236 volte)

Da Romanian_Roma

21 ottobre 2009, BERLINO (JTA) - Circa 70.000 reclami dei sopravvissuti all'Olocausto, rifiutati dalla Sicurezza Sociale Tedesca, stanno per essere riaperti.

Un gruppo di controllo stabilito dalla Conferenza sui Reclami e dal Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali tedesco controllerà i reclami rigettati sin dal 2002, con il reclamo più vecchio processato per primo, secondo quanto dichiarato martedì dalla Conferenza sui Reclami.

La ri-valutazione segue ad anni di pressioni e tre decisioni del tribunale quest'estate, che liberalizzavano i criteri di pagamento per la legge del 2002 sulle "pensioni del ghetto", che si applica ai sopravvissuti ai ghetti occupati od incorporati dai nazisti per il "lavoro volontario e remunerato".

La Conferenza sui Reclami, che non processa o amministra i reclami, si è unita ad altre organizzazioni dei sopravvissuti, per chiedere dei cambiamenti, dato che "l'interpretazione inconsistente o eccessivamente letterale dei criteri di eleggibilità da parte delle autorità tedesche, portava ad un esteso diniego dei reclami."

Da ora in poi, il tipo di pagamento ricevuto per il lavoro nei ghetti - denaro, cibo o vestiti - non sarà più un fattore decisivo, anche se la remunerazione non è stata fornita direttamente al richiedente. Inoltre, verranno coperti anche i ghetti in Transnistria.

Soltanto quanti già ricevono una pensione possono ricorrere in forma scritta se ritengono di doverla aggiornare.

Ulteriori informazioni (in inglese ndr) disponibili su Claims Conference Web site.

 
Di Fabrizio (del 28/10/2009 @ 17:29:18, in Europa, visitato 1824 volte)

Da Czech_Roma

Praga, 23.10.2009, 18:06

La Corte Costituzionale ha rigettato il ricorso compilato da Helena Ferenčíková, la donna rom che aveva accusato l'ospedale di Vítkov di averla sterilizzata contro la sua volontà, vicenda che si era conclusa con le pubbliche scuse ma senza alcun indennizzo finanziario. Un tribunale aveva giudicato il suo diritto ad un indennizzo come soggetto ad uno statuto di limitazioni che era scaduto. ČTK riporta che ora la Corte Costituzionale ha sostenuto questo verdetto. Nel 2005 il primo caso era stato portato in tribunale da una donna rom sterilizzata senza il suo assenso.

Sia il Tribunale Regionale di Ostrava che l'Alta Corte di Olomouc avevano entrambe stabilito che i dottori avevano commesso un atto illegale con la sterilizzazione senza consenso esplicito della signora Ferenčíková, cheall'epoca aveva 19 anni. Le loro azioni violavano tanto la sua integrità fisica che la sua privacy. Però i tribunali avevano aggiunto che il diritto ad un indennizzo finanziario è soggetto ad uno statuto triennale di limitazioni, scaduto nell'ottobre 2004. Il ricorso della Ferenčíková era stato presentato al Tribunale Regionale solo nel 2005.

Nel reclamo costituzionale, l'avvocato di Ferenčíková ha sottolineato la gravità della violazione dei diritti umani che ne consegue, reclamando che "l'applicazione dello statuto generale delle limitazioni ha privato la querelante della protezione dei suoi diritti fondamentali e della dignità". Il reclamo dimostra che c'è stata violazione delle buone morali nel negare un indennizzo con la scusa che lo statuto delle limitazioni era scaduto. L'avvocato ha anche ricordato che col tempo, i verdetti riguardanti queste limitazioni si erano volti ad una maggiore flessibilità.

Però i giudici hanno trovato senza sostanza le obiezioni di Ferenčíková. "La Corte Costituzionale trova che i tribunali giudicanti hanno deciso sul caso correttamente, spassionatamente ed in pieno accordo con la legge," riporta Justice Vlasta Formánková nella motivazione della decisione. Justice Formánková ha anche notato che nel 2008 le variazioni dei precedenti verdetti riguardanti casi simili, sono state unificate dalla Camera Grande della Corte Suprema, perché fossero rimesse in linea con la precedente decisione nel caso Ferenčíková.

I dottori sterilizzarono Ferenčíková alla nascita del suo secondogenito. Obiettarono di aver agito nel suo interesse, dato che si trattava del suo secondo parte cesareo. L'ospedale replica anche che lei concordò con l'operazione, fu istruita sul suo significato e porta a testimonianza la sua firma sulla documentazione. Ma Ferenčíková risponde che causa il parto in corso, non capì esattamente cosa le stavano facendo firmare. Non voleva essere sterilizzata, ma voleva avere altri bambini.

Gli attivisti dei diritti umani dicono che dozzine di donne rom sono state sterilizzate in circostanze simili nella regione di Ostrava. Il problema iniziò ad essere discusso nella Repubblica all'inizio dell'autunno 2004, quando l'European Roma Rights Center pubblicò i propri sospetti sulle sterilizzazioni forzate. A marzo di quest'anno la Corte Costituzionale aveva rigettato anche il ricorso compilato da un'altra vittima rom di trattamenti simili, Iveta Červeňáková, [...]

Secondo gli attivisti dei diritti umani, il caso più recente di una donna rom sterilizzata contro la sua volontà nella Repubblica Ceca è successo nel 2007. Quest'anno, Michael Kocáb, Ministro per i Diritti Umani e per le Minoranze, ha portato la questione all'attenzione del gabinetto Fischer, dicendo che doveva essere riaperto il fascicolo delle sterilizzazioni non volute delle donne rom.

ROMEA, ČTK, translated by Gwendolyn Albert

 
Di Fabrizio (del 30/10/2009 @ 09:11:58, in Europa, visitato 1755 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Il Centro Arte Rom riunisce artisti per promuovere la cultura e l'arte rom. Tutti gli interessati possono spedire il loro CV, segnalare le loro pagine web o mandare cataloghi con le loro opere.

E' un invito a tutti i pittori rom di tutto il mondo e specialmente ai Rom di Europa. Unitevi al nostro progetto e mostrate il lato positivo dei Rom.

Grazie,

Roma Art Center
Mr. Kasum Cana
10000 Zagreb, Avenija.Marina Drzica 4.
Republic of Croatia
Tel/Fax: 00385 1 6008 612
Mob: 00385 91 253 71 54
E-mail: romacana@yahoo.com

 
Di Fabrizio (del 01/11/2009 @ 09:35:34, in Europa, visitato 1497 volte)

Da Slovak_Roma (Continuo la traduzione della "saga" di Kristína Magdolenová. Puntata precedente QUI)

The Slovak Spectator 12 ottobre 2009 - by Kristína Magdalenová e Jarmila Vaňová

DENISA Gáborová, assistente comunitaria per l'educazione medica, ha 35 anni e quattro bambini. Si è sposata a 17 [...]; ma dopo la nascita dell'ultimo figlio è tornata a scuola, dove ha studiato e si è poi impiegata come assistente medico.

Come ti sei sposata? Quando hai incontrato tuo marito?

Tra i Rom accade così: una famiglia arriva; chiedono se loro figlio può uscire con me. I miei genitori erano d'accordo e io pure. Per un po' siamo usciti assieme e poi ci siamo sposati.

L'avevi mai visto prima o era la prima volta che vi incontravate?

No, non l'avevo mai visto prima in vita mia. Ma con lui sono felice. Mi ascolta e con lui ho tutto ciò che ho bisogno. E' istruito, lavora ed i nostri bambini sono cresciuti bene.

E dov'era l'amore?

Al principio non c'era, mi piaceva soltanto. Più tardi ho iniziato ad amarlo.

Siete usciti assieme per molto tempo?

Sei mesi. Ero incinta di un mese e lui mi faceva ancora frequentare la scuola. Così sono riuscita a terminarla, perché anche lui era istruito. Non mi ha proibito di terminare gli studi. Lo ammiro per questo. Perché, sai, nella nostra comunità se una Romnì lavora, tra gli altri Rom ci sono dei dubbi. E non solo mio marito non mi ha fermato, ma mi ha supportato. E lo fa tuttora.

Ti sei sposata finendo in una famiglia che aveva valori differenti di quelli di casa vostra. Per te, qual è stata la cosa più difficile?

Per me la parte più difficile era familiarizzare con i Rom dell'insediamento. Non intendo la famiglia di mio marito, perché sono allo stesso livello; hanno completato gli studi. Comunque, erano cresciuti tra i Rom, mentre io sin da piccola sono cresciuta tra i non-Rom. Ho frequentato una scuola non-Rom, e mi ci sono voluti dieci anni per prendere confidenza con la vita nell'insediamento.

Questo significa che tu venivi da un mondo differente e che tu, come donna rom, dovevi prendere confidenza con i Rom?

Sì, nessun non-Rom aveva mai vissuto lì. Chiesi a mia madre: dove sono i non-Rom? Dov'è il negozio? Dov'è la scuola? E lei rispose: non importa, ti abituerai. Camminavi per un kilometro e trovavi il negozio e quando hai bambini, andranno a scuola. Qui c'è una scuola rom, così i miei bambini vanno lì. Così vivo la mia vita e sto crescendo i miei figli come i miei genitori mi hanno cresciuta.

I Rom locali ti hanno ricevuto come una Romnì di tipo differente?

Mi ridevano dietro perché quando nacquero i miei figli gli insegnavo a parlare come i non-Rom, e mi chiedevano cosa credevo di fare agendo come una non-Rom. Ma col tempo si sono abituati a me. Il peggio è stato quando al termine della maternità sono tornata a lavoro. Se la son presa con i miei bambini, li hanno rimproverati che non mi prendevo cura di loro. E mio figlio mi ha detto: "Mamma, sai cosa mi hanno detto? Che non ti prendi cura di me, che vai da qualche altra parte." E' durato per circa due anni, finche i bambini non ci hanno fatto il callo.

Nella comunità rom, la gente pensa che una moglie debba restare a casa, cucinare, badare ai figli e al marito. Ed in una famiglia non-Rom, è l'opposto. Se una donna non-Rom non lavora, è inferiore. Tra i Rom, la donna non può lavorare, solo il marito.

Cosa dicevano di tutto ciò i tuoi suoceri?

Mio suocero era contento che lavorassi, ma mia suocera aveva dei dubbi. Pensava dovessi stare a casa. Non ne era molta felice. Ma ora lo è.

Oggi vivete in una casa vostra e avete quattro bambini. Dove lavori?

Lavoro nell'ufficio regionale per la sanità pubblica, come assistente medica comunitaria.

Come hai trovato questo lavoro?

Nel 2005 c'erano le assunzioni a Kecerovce. Sono andata lì e mi hanno selezionato. Per un anno ho lavorato ad Europlus. Poi per quattro anni non lavorai. Alla fine all'ufficio regionale hanno saputo di noi, che lavoravamo lì. Ci siamo andati e ci hanno preso.

Hai preso parte a qualche tipo di  corso, o anche se non avevi la formazione adatta eri in grado di ottenere questo lavoro?

Avevo lavorato ad Europlus. Ho tre attestati da lì ed un corso di formazione di tre mesi in servizi sanitari.

Come ti sei trovata durante il corso? Quando tu - Rom dell'insediamento - eri tra tanta gente non-Rom ed istruita?

Quando ho sentito delle assunzioni, ho pensato:come dovrò vestirmi? Come dovrò parlare? Ed ho detto: mi vestirò semplicemente. Quando mi chiederanno qualcosa, risponderò loro. Questo mi diede forza: il fatto di essere passata e che c'erano cinque di noi da un villaggio. Ed hanno scelto me.

Tu lavori come assistente sanitaria e vai negli insediamenti rom. Quello che affronti è difficile da trattare?

E' abbastanza difficile. Recentemente siamo stati a Jasov a vaccinare i bambini. Un sacco di bambini non erano vaccinati contro la tubercolosi.

Quando arrivi in un insediamento, parli con i Rom nella loro lingua?

Sì, in romanés. Non mi vergogno della mia lingua nativa.

I Rom ti danno fiducia?

Credono in me, ed è un bene che lì ci sia anche una non-Rom.

Perché?

Quando una donna non-Rom viene con me, il livello di rispetto è più alto. Ed una non-Rom direbbe lo stesso: che è meglio quando una donna rom è con lei.

Tu studi nella stessa scuola di tua figlia...

Frequentiamo l'Accademia Privata Pedagogica e Sociale di Košice. Mia figlia vuole fare la maestra d'asilo. Io sono al secondo anno e lei è al primo. Prima studiava design, ma non le piaceva. E' coordinatrice nel progetto Stop. Frequenta anche dei corsi di formazione e sono contenta che le piacciano.

Le altre ragazze rom cosa dicono di lei?

Dicono che non diventerà una brava ragazza, perché diventerà vecchia e non si sposerà mai. Che non la prenderà nessuno, che va dietro agli uomini... In questo insediamento ha sofferto abbastanza, ma io le dico sempre che basta ignorarle. Una volta che inizierai a lavorare, allora vedranno. Così la appoggio.

A te come sta andando la scuola?

Sto cercando di fare quel che posso. Devo far convivere la casa, la scuola e il lavoro.

Come ti va la vita? Ti sei sposata presto e hai avuto figli. Hai dovuto arrangiare nuovi obblighi e vicini. Così, oggi a che punto sei? Sinora hai ottenuto quel che volevi?

Sono successe alcune cose ed altre no. E' vero che mi sono sposata presto e che sono andata a vivere con mia suocera. Erano cinque ragazzi in casa e lei era l'unica donna. Nell'insediamento c'è un problema con l'acqua. E l'acqua è importante. Noi eravamo quel tipo di Rom capaci di andare a prendere l'acqua, così da potere pulire e lavarci. Mia suocera è severa, ma l'ammiro. Io per età ero la seconda donna. Ci ha insegnato parecchio. Soprattutto: che dovevamo prenderci cura dei nostri mariti.

Pensi che una donna non-Rom abbia una vita più facile di una donna rom?

No, è più dura. Perché deve studiare, lavorare e prendersi cura di tutto.

Ogni donna intervistata sinora ha detto che la vita di una donna rom è più difficile di quella di una non-Rom. Perché tu pensi l'opposto?

Ho detto questo perché quando una donna non-Rom non lavora, è deficiente. Con le donne rom, è all'opposto. Particolarmente negli insediamenti.

Qual è la situazione più bella in cui ti sei trovata che ricordi?

La prima volta che andai a Bidovce non avevo idea di come la gente vivesse là. Parlammo col sindaco perché lì non avevano un pozzo. La prima visita, la gente viveva tra mucchi di rifiuti, ma quando ritornammo la terza volta, ci fu un grande cambiamento. Le case erano pulite, non c'erano più rifiuti.

Poi non ritornammo lì, per forse un sei mesi, ed ancora c'era una discarica a cielo aperto. La gente ha bisogno di qualcuno che la controlli e la educhi.

Lo fanno soltanto se provano vergogna di fronte ad altri Rom?

Sì, anche questo. Solo che devono sentirsela dentro. Non per noi, ma per loro. Continuando finché non capiscono.

Si è mai trovata in una situazione dove i tuoi parenti hanno tenuto in molta considerazione quello che facevi? Erano orgogliosi di te?

Sì. Mio suocero ebbe un incidente. Cadde da alcuni gradini e si ruppe i nervi. Andammo assieme al pronto soccorso. C'era una mia conoscente che lavorava anche all'ufficio di sanità pubblica regionale. Mi disse ciao e mio marito e mio suocero erano orgogliosi che quella gente mi conoscesse, mi salutasse e mi stimasse.

Se tu ora potessi, cosa vorresti cambiare nella tua vita? Cosa avresti fatto in modo differente?

Completare la scuola e andare all'università. Il mio sogno. Sto pensando di scrivere un libro sulla mia vita. Vorrei aiutare i Rom se potessi. Se ne avessi l'opportunità. Così non vorrei ci fossero scuole per soli-Rom. Perché questo crea differenze tra i bambini sin da piccoli.

Ma qui ci sono molte donne come te, che sanno cosa vogliono dalla vita?

Sì. Tre su una comunità di 700 membri.

Pensi  che se le donne rom fossero più attive, cambierebbe qualcosa nella comunità rom?

Sì. E questo è qualcosa che vorrei cambiare.

Se qualcuno ti chiedesse di entrare in politica... cosa diresti?

Lo farei.

A livello regionale o più grande?

Nella grande politica. Non vorrei essere un sindaco, [...] Qui c'è moltissima invidia.

Se le donne rom si avvicinassero alla politica, cosa avrebbero da dire ai nostri rappresentanti politici o membri del Parlamento Europeo?

Negli insediamenti bisogna fare qualcosa riguardo la disoccupazione.

Pensi che dipenda da loro o dai Rom? Cosa di dovrebbe fare?

Beh, come si faceva sotto il totalitarismo. Allora le cose erano migliori per i Rom. Un Rom che non lavorava era punito. Ed ora quando un Rom va a cercare lavoro, non lo prendono. Conosco anche dei Rom che vogliono lavorare e che hanno studiato, e quando la gente li vede, non vogliono impiegarli. Questo dovrebbe cambiare.

Come va, ad esempio, con la modernità della comunità? A casa vivete una vita moderna?

Sì.

Come ti vesti a casa?

Mi piacevano un paio di pantaloni, per esempio, e mia mamma mi comprò il materiale per cucirli. I vestiti li faccio da me. O mia mamma va ad Ostrava a comperarli.

E a casa di tua suocera?

Non potevo indossare niente di corto o di elasticizzato.

E' ancora così?

Sì.

Significa che qui una donna non può esporsi?

No, non può. Nemmeno un costume da bagno è considerato appropriato qui.

E invece le ragazze? Almeno d'estate si scoprono?

Mia figlia lo fa. E' giovane. Esce vestita leggera. Le donne anziane buttano sempre un occhio a come sono vestite le giovani, ma loro non ci badano.

Quindi si mantiene il vestirsi come fatto culturale?

Sì.

Quali tradizioni culturali o tradizioni rom si mantengono nella tua famiglia?

Che una ragazza deve essere onorata se non è sposata.

E la lingua rom?

Parliamo sia lo slovacco che il romanés.

Avete qualche tradizione per Natale?

Io resto a casa, ma altri membri della famiglia vengono in visita. Dico a mio marito: andrà come voglio io. Tutti saranno a casa per la cena della vigilia e nessuno uscirà da casa. Questa è la mia tradizione.

Tuo marito ha mai fatto storie?

All'inizio l'ha fatto. Andava dai suoi genitori e mi lasciava sola a casa. Non mi arrabbiavo mai con lui. Poi ha capito che non era giusto.

Così le donne hanno ottenuto dei diritti nella vostra famiglia?

Siamo donne terribilmente orgogliose. E siamo grandi martiri; possiamo sostenere qualsiasi cosa. Tutti hanno sofferto di qualcosa nella vita. Ma noi siamo anche capaci di dimenticare.

Questo significa che le donne nella tua famiglia soffrono perché corrono dietro agli obiettivi della loro vita?

Sì. Sanno cosa vogliono dalla vita.

Le interviste con le donne rom sono parte di un progetto della Roma Press Agency e saranno pubblicate in un prossimo libro.

 
Di Fabrizio (del 03/11/2009 @ 09:41:55, in Europa, visitato 1745 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

IPSNews.net By Vesna Peric Zimonjic

BELGRADO, 28 ottobre (IPS) - I Balcani hanno il primo museo sui Rom, per raccontare la storia di uno dei gruppi etnici meno privilegiati nella regione

"Questo è praticamente il primo museo sulla cultura rom in questa parte d'Europa, volto a cancellare il pregiudizio profondamente radicato che i Rom siano illetterati o non lascino tracce della loro esistenza" ha detto Dragoljub Ackovic, direttore del museo, all'inaugurazione del 21 ottobre.

"L'idea di raccogliere scritti sui Rom e la loro vita risale a 50 anni fa, ma è stata costantemente negata anche se il gruppo arrivò nei Balcani secoli fa."

Non ci sono statistiche precise su quanti Rom vivano nella regione, ed i dati delle nazioni dell'ex Jugoslavia: Bosnia,Croazia o Serbia sono soprattutto stime. Per la Serbia, il numero può variare dai 105.000 del censimento 2002 alle stime di 600.000 delle OnG Rom.

Prima della guerra 1992-95, si riteneva ci fossero in Bosnia oltre 50.000 Rom, ma dato che non vi è stato più alcun censimento dal 1991, il loro numero rimane sconosciuto. Si stima anche che tra i 30.000 e i 40.000 Rom vivano in Croazia, anche se il censimento 2001 indicava soltanto 9.463 membri di questa comunità.

"Quando c'è il censimento i Rom sono esitanti a dichiarare la loro etnia," ha detto Ackovic a IPS. Preferiscono citare la loro provenienza locale, sperando così di mischiarsi con più successo. A parte ciò, molti di loro sono comunque analfabeti e non hanno documenti personali adatti ad essere conteggiati in un censimento."

La Serbia ha iniziato un anno fa a fornire ai Rom documenti personali adeguati e assistenza sociale di base [...]

Annunci sui media elettronici pubblicizzano la registrazione gratuita negli uffici municipali, cosicché i Rom di tutte le età, possano ottenere certificati di nascita e documenti personali, obbligatori per i maggiori di 16 anni. I certificati ed i documenti personali sono la base per entrare nel sistema socio-sanitario.

"Sta procedendo lentamente," ha detto Rajko Djuric a IPS. E' un importante attivista rom ed è l'unico membro di quest'etnia ad esser diventato membro della prestigiosa Accademia Serbia delle Scienze e delle Arti. "Tanti Rom sono analfabeti. Aprendo questo museo vogliamo mostrare che le cose sono differenti e possono cambiare, può essere d'aiuto a cancellare il pregiudizio."

Il piccolo museo di Belgrado si trova al piano terra in un salone di 75 mq che si affaccia su una strada trafficata. Ha aperto con un'esibizione intitolata "Álava e Romengo" (Mondo dei Rom), che presentava oltre 100 documenti, inclusa una copia del più antico testo scritto in lingua rom, pubblicato nel 1537 in Inghilterra, ed una copia del primo libro sui Rom pubblicato in Serbia nel 1803. Il libro intitolato "Zingari" contiene fiabe e racconti tradizionali rom.

Altri 300 libri in lingua rom possono essere letti in forma elettronica, su dieci computer in una delle sale del museo. La lingua rom, ufficialmente "romani chib", consiste in diversi dialetti, come il vlax romanì parlato da si stima 1,5 milioni di persone, seguito dai dialetti balcanici, carpatici e sinti, ognuno parlato da diverse centinaia di migliaia di persone.

Analisi della romani chib hanno mostrato che è strettamente imparentata con le lingue parlate nell'India centrale e settentrionale. Le relazioni linguistiche indicano le origini del popolo rom.

Tra questi c'è un libro di una scrittrice rom scarsamente conosciuta, Gina Ranicic, vissuta a metà del XIX secolo, e copie del giornale "Romano Lil" (Voce dei Rom), stampato a Belgrado dal 1935 sino all'occupazione tedesca nel 1941.

Ci sono anche diverse copie di un singolare dizionario tedesco-serbo-rom compilato dai Rom imprigionati nei campi attorno a Belgrado durante la II guerra mondiale, otto copie della Bibbia tradotta in romanì decenni fa, e diversi libri sulla grammatica della lingua rom.

Un tabellone sul muro illustra le rotte storiche dei Rom arrivati nei Balcani. Il primo fu un gruppo da circo che arrivò in Serbia nel 1322, dalla Grecia. Molti Rom arrivarono con l'occupazione turca dei Balcani alla fine del XIV e nel XV secolo. Vecchie registrazioni turche in Serbia mostrano che nel XVI secolo la maggior parte delle grandi città avevano "mahalas" (quartieri) rom, i cui abitanti erano "fabbri, cantanti e ballerini".

"La storia è una cosa, ma la vita attuale è un'altra," ha detto Dragan Djilas, sindaco di Belgrado, all'apertura del museo. La città di Belgrado, la più grande OnG Rom chiamata "8 aprile" (dal giorno internazionale dei Rom, ed organizzazioni rom internazionali hanno finanziato il museo.

"Non c'è dubbio che il contributo dei Rom alla storia e alla cultura di Belgrado è stato grande," ha detto Djilas (42) a IPS."Ma nei decenni passati le cose sono cambiate, ed oggi si sente spesso qualcuno dire: nessun bambino rom con mio figlio a scuola, cosa inimmaginabile quando sono cresciuto io."

Negli ultimi due decenni, da quando sono iniziate le guerre di disintegrazione dell'ex Jugoslavia, i nazionalismi e gli odi interetnici hanno cambiato anche il punto di vista della gente verso i Rom.

In tutta la ex Jugoslavia, i bambini rom sono mandati in scuole per bambini con ritardi mentali, anche se sono perfettamente sani. La ragione riportata dalle autorità dell'istruzione di solito è che i bambini non parlano abbastanza bene la lingua locale, ed hanno bisogno di tempo per imparare ed adattarsi ai programmi normali.

Uno sguardo della recente ricerca sui Rom al museo fornisce un'immagine cupa, anche se questa decade è stata internazionalmente proclamata come quella dei Rom e del miglioramento delle loro vite.

In Bosnia, uno studio dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione Europea (OSCE) ha trovato che il 70% della popolazione rom di 50.000, è andato disperso durante il conflitto 1992-95, il 60% dei Rom nella Bosnia attuale è illetterato, il 90% non ha assicurazione sanitaria, il 70% non è capace di vivere senza l'assegno sociale (20 dollari al mese) e l'80% non è scolarizzato.

In Serbia, uno studio simile di "8 aprile" ha trovato che la maggioranza dei Rom vive in 600 "città di cartone" attorno alle grandi città. L'aspettativa di vita per le donne è di 45 anni, 56 per gli uomini. Oltre il 70% sono analfabeti, e soltanto lo 0,4% ha studiato all'università.

"C'è una sola cosa peggiore di essere una donna in Serbia, ed è essere una donna rom," ha detto a IPS Jasna Ilic, del centro donne rom Bibija. "Quasi tutte le donne rom, che si sposano molto presto,  vivono per prendersi cura del gran numero di bambini che hanno. I genitori  non vogliono investire nella loro educazione e così andranno maritate ad un'altra famiglia, e quello che le attende è in molti casi, violenza familiare e cura senza fine degli altri."

Una ricerca dell'Istituto per gli Studi Antropologici in Croazia mostra che un quinto degli uomini rom e il 40% delle donne rom non è mai andata a scuola, e quanti l'hanno fatto, ci sono rimasti soltanto cinque anni invece di otto. Le ragazze in media si sposano a 16-17 anni ed hanno quattro figli. Soltanto un quarto degli uomini ha un impiego - soprattutto lavori temporanei. (END/2009)

 
Di Fabrizio (del 06/11/2009 @ 09:29:08, in Europa, visitato 1781 volte)

Ho seguito la storia della piccola Natálka e della sua famiglia da questa primavera. Ora che hanno di nuovo una casa, ci sono altre buone notizie. Da Czech_Roma

E' terminata l'operazione conclusiva di Natálka, ora si siede e gioca

Lo scorso aprile nella città di Vítkov, alcuni razzisti causarono bruciature sull'80% del corpo della piccola Natálka, durante un attacco incendiario. Ieri ha finalmente passato l'ultima operazione di inserimento della pelle. Michal Kadlčík, a nome dell'equipe dell'ospedale, ha detto alla Televisione Ceca che l'operazione rimpiazzava il finale 7% della pelle della bambina. Durante gli scorsi sei mesi, i chirurghi hanno sostituito la pelle ustionata di Natálka, prima con pelle artificiale e poi gradualmente con innesti di pelle vera presi dalle parti del corpo che erano state risparmiate dalle ferite.

Per il momento, Natálka rimarrà nell'unità di cura intensiva. Sua madre, Anna Siváková, gioisce per il miglioramento del suo stato di salute. "Sta già seduta e gioca. Sta anche iniziando a mangiare normalmente, ha appena pranzato," ha detto Siváková a Romea.cz. Natálka probabilmente subirà in futuro altre operazioni a membra e giunture.

Dopo lo shock iniziale e la paura seguiti all'attacco, Anna Siváková ha iniziato a credere che Natálka sarebbe sopravvissuta. "Ho creduto che avrebbe recuperato - l'ho cresciuta e so com'è, è veramente forte," ha detto Siváková a Romea.cz in una recente intervista.

Siváková spera anche che grazie al successo delle operazioni, la famiglia gradualmente possa cambiare il modo in cui sono stati obbligati a vivere da quell'attacco con le molotov. "Ora per me tutto è completamente sottosopra. Non ho tempo per me e per le altre bambine. Mi sveglio la mattina, preparo la colazione, mi vesto, prendo il treno, visito Natálka,e torno a sera tardi. Questo è ciò che faccio, giorno dopo giorno, quasi ogni giorno," dice Siváková. "So che con Natálka questa situazione sarà differente, perché lei era eccezionale prima dell'attacco... E' sempre stata avanti agli altri bambini della sua età...ad un anno già camminava. Prima dell'attacco, parlava splendidamente, pulito, senza imperfezioni, sapeva nominare tutto correttamente e pronunciare tutto, andava sul vasino da sola, mangiava da sola, beveva il te ed il succo - era molto indipendente."

Ieri, le altre tre figlie di Siváková guardavano una trasmissione della TV Ceca sulla loro sorella. "Era la prima volta che la vedevano da quell'attacco, sullo schermo, e le ha coinvolte profondamente. Ora va un po' meglio," dice Siváková.

I genitori di Natálka stanno cercando di portarla nella nuova casa che attualmente stanno sistemando. Siváková  ha detto a Romea.cz che i lavori stanno facendo rapidi progressi. Resta da terminare l'intonaco esterno, il bagno, i vani portaoggetti e le scaffalature, prima dell'imbiancatura. "Abbiamo dovuto re-intonacare tutti i muri interni e cambiare i sistemi elettrico e di scarico. Cavi e tubature ora sono a posto, Pavel oggi passerà il cemento," dice Siváková.

František Kostlán, translated by Gwendolyn Albert


Sempre da Czech_Roma, un'intervista ai genitori di qualche giorno prima. E' lunghetta, leggetela a puntate o nel fine settimana

Anna Siváková: Sperare non basta, devi credere

Questa è un'intervista con Anna Siváková e Pavel Kudrik, i genitori di Natálka, la piccola quasi bruciata viva in un attacco incendiario all'inizio di quest'anno. Abbiamo discusso con loro su cosa hanno provato dopo l'attacco, come tutta la storia li ha cambiati ed ha cambiato la vita della loro famiglia, e su tutte le conseguenze che si sono sviluppate dal caso. L'intervista è stata dolorosa, non solo per loro, ma anche per noi. Però, abbiamo concordato che fa bene condividere queste esperienze col resto del mondo, così da rivelare la piena estensione dell'orrore e della mancanza di senso della violenza commessa dai fanatici razzisti. Abbiamo discusso di sentimenti e relazioni con la signora Siváková e di questioni pratiche col signor Kudrik.

Intervista con Anna Siváková

Come ti ha coinvolto questo tentativo di uccidere la tua famiglia? Che tipo di cambiamenti ha causato nella vita ordinaria di ogni giorno?

Ci resterà addosso per il resto della vita. E' passato ora metà anno, e da quel giorno continuiamo a riviverlo. Prima dell'attacco vivevamo una vita tranquilla, tutta la famiglia assieme. Non sospettavamo neanche che cose simili fossero possibili in questo mondo. Questo starà con noi sempre, sempre. Ogni volta che vediamo Natálka, avremo questo attacco di fronte a noi.

Ora per me tutto è completamente sottosopra. Non ho tempo per me e per le altre bambine. Mi sveglio la mattina, preparo la colazione, mi vesto, prendo il treno, visito Natálka,e torno a sera tardi. Questo è ciò che faccio, giorno dopo giorno, quasi ogni giorno.

Quali furono i tuoi primi pensieri dopo l'attacco, quando eravate feriti nell'ospedale e Natálka non era con voi?

Erano sensazioni terribili, non potevo dormire, non potevo mangiare, pensavo a lei tutto il tempo, a cosa le stava succedendo, dov'era, alla sua figura... Chiedevo alle infermiere e a dottori, ma nessuno mi diceva cosa le succedeva e com'era la sua situazione. Aggiravano sempre l'argomento, perché io pure ero in cattive condizioni per le mie ustioni. Così chiesi il numero di telefono dell'ospedale dove era curata Natálka, per parlare con i dottori che la assistevano. Il suo dottore mi disse che la inducevano al sonno artificiale, a causa delle sue terribili bruciature, e mi prepararono al peggio. Mi dissero che sarebbe stato difficile per una bambina che non aveva ancora due anni di sopravvivere a bruciature così estese.

In quel momento, avevo orribilmente paura. Paura di perdere Natálka – a ciò non sarei sopravvissuta.

Dopo le paure iniziali, quando hai iniziato a sperare che si sarebbe salvata?

Non speravo: io credevo. Sperare non è abbastanza, io ho creduto che avrebbe recuperato - l'ho cresciuta e so com'è, è veramente forte. Quello che voleva "doveva essere".

Com'era Natálka prima dell'assalto?

So che con Natálka questa situazione sarà differente, perché lei era eccezionale prima dell'attacco. Ho quattro figlie, e Natálka per la sua età è la più sveglia. E' completamente speciale. E' sempre stata avanti agli altri bambini della sua età. Mi prendevano in giro e mi chiedevano dove l'avessi trovata, perché era completamente differente dagli altri bambini. Natálka ad un anno già camminava. Prima dell'attacco, parlava splendidamente, pulito, senza imperfezioni, sapeva nominare tutto correttamente e pronunciare tutto, andava sul vasino da sola, mangiava da sola, beveva il te ed il succo - era molto indipendente.

Pensi che questa eccezionalità l'abbia aiutata a sopravvivere?

Sì.

In qualche maniera a ricominciato ad essere se stessa?

Ancora non parla, perché ha un tubo nella gola, ma è già intelligente. Persino testarda. E' ancora "il generale", sa cosa vuole e l'ottiene, le infermiere ed io dobbiamo darle ciò che vuole.

Come fa a farvi capire cosa vuole?

Con gli occhi, o indicando. Se non capisco, glielo chiedo e le mostro tutto finché lei non annuisce.

Le altre tue figlie hanno sei, nove e dieci anni. Come stanno reagendo?

Male. Vogliono andare a trovare la sorellina, perché non l'hanno vista per metà di un anno, dall'assalto, ma il capo dei medici dice che al momento non è possibile.

Hanno avuto esperienze negative a scuola o nell'ambiente attorno, a causa di ciò che è accaduto?

Non gli piace quando qualcuno da fuori le chiama, o quando lo fa un estraneo. Sono sempre arrabbiate, sempre. Chiunque sia, imprecano contro di me, dicendo che non possono parlare di lei e che ladevono lasciare sola, restarsene fuori - ma le compagne di scuola delle mie figlie le trattano bene.

Tutto ciò come ha influenzato la loro psiche?

 Hanno degli incubi e non dormono bene. Il fatto che non sopportino che degli estranei dicano il loro nome, mostra quanto sono state profondamente colpite. La più grande, che già capisce cosa sta succedendo, è quella che patisce di più. Non solo non dorme più, ma incolpa se se stessa, dice che avrebbe dovuto succedere a lei e non a Natálka. Abbiamo provato a discutere con lei, a dirle che non può pensare così, che non è per niente colpa sua. Ha iniziato ad andare dallo psicoterapeuta.

Le vostre figlie sanno chi ha fatto questo e perché?

Beh... col tempo ne hanno sentito alla televisione o letto sui giornali, così sanno chi è stato e perché l'hanno fatto. All'inizio hanno cercato di ottenere più informazioni possibili da noi, non capivano. Chiedevano: Perché l'hanno fatto a noi, che non abbiamo fatto male a nessuno?

Cosa le dicevate?

Non sapevo cosa dire. Pavel neanche. Ho detto loro che avrei voluto sapere anch'io la risposta.

Come vi ha cambiati tutto ciò?

Sono più sensibile agli altri di quanto lo fossi prima, come quelli che hanno bambini seriamente malati, o che vivono le conseguenze di un alluvione. Mi commuove terribilmente ascoltare storie simili - mi interrompo e piango, mi chiedo perché debbano accadere queste cose. Per me è stato un grande cambiamento. Una persona che è stata ferita ha compassione per tutti e si coinvolge nell'altrui sfortuna.

Pensi che almeno qualcuno di quelli che vi sono attorno sia cambiato in modo simile?

Lo penso, qui in questo posto dove abbiamo la nostra nuova residenza. ma non a Vítkov. Oggi quello è il posto peggiore per miglia e miglia, in termini di relazioni con i Rom.

Com'era Vítkov prima di quell'attacco?

Prima dell'assalto in generale i locali non parlavano bene dei Rom, ma non l'hanno mai fatto verso di noi direttamente.

Hai passato un'esperienza molto seria. Quando ne parli apertamente, pensi che potrebbe aiutare perché cose simili non succedano più, o che violenze di questo tipo possano almeno diventare meno accettate dalla società rispetto ad adesso?

Non lo so, ognuno è differente, giusto? Difficile da dire. Prima noi non avevamo il minimo sospetto che potesse succedere una cosa simile. Non sapevamo del razzismo, del neo-nazismo, o di questo tipo di attacchi. La responsabilità non dovrebbe essere dei soli governo e polizia, la gente in generale dovrebbe fare ogni cosa possibile per essere sicura che cose simili non accadano più, perché è orribile. Devono capire, una volta per tutte, che anche noi siamo persone, di carne e ossa, proprio come loro. E' lo stesso se siamo bianchi o neri, il punto non è il colore. Questi razzisti vivono tra noi, mi chiedo se non si può fare nulla, ma la gente non dovrebbe giudicare sulla base del colore della pelle.

Cosa pensi degli assalitori?

Penso che non possono essere normali. Una persona normale non farebbe mai una cosa simile. Non è stata spontanea, hanno dovuto prepararla, e sapevano in anticipo che stavano per nuocere a qualcuno. Non so come chiamarli.

Cosa vi sarebbe successo se così tante persone non avessero contribuito alla raccolta dei fondi? Ci pensi talvolta, o è per te un argomento difficile?

E' molto difficile chiedere aiuto agli altri. E' un segno della loro buona volontà che potessero aiutarci. E' un grande avvenimento il loro aiuto. Non mi aspettavo che fosse raccolto così tanto denaro, che avremmo trovato un posto dove stabilirci in una nuova casa.

Sapere che ci fosse così tanta gente solidale con voi ti ha cambiato?

Sì, certamente. Mi ha cambiato. Senza il loro aiuto non avremmo potuto vivere. La nostra vita si sarebbe fermata. Non saremmo stati capaci di ricominciare nell'ambiente dove viviamo ora... Mi fa sentire meglio che ci sia gente simile tutto attorno a noi, che ci sia così tanta brava gente.

Stai gestendo ogni cosa in maniera ammirevole. Dove trovi la forza? Da dove la ricavi?

Natálka mi da la forza. Non so cosa avrei fatto se non fosse per lei. All'inizio, non potevo alzarmi, non potevo stare in piedi. Mi ha aiutato vedere come Natálka cambiava nel tempo, come migliorava giorno per giorno. D'improvviso mi dissi che non potevo buttare via la mia vita, che dovevo fare qualcosa e prendermi cura di lei. Se non io, chi l'avrebbe fatto? Mi sono rialzata, proprio letteralmente. So che nessuno può prendersi cura delle mie figlie meglio di me. Mi ha rimesso in piedi.

Gente crudele

Intervista con Pavel Kudrik

Il sindaco di Vítkov nella rivista Respekt ha detto che la vostra vecchia casa andò in fiamme così rapidamente perché colpevolmente lì era immagazzinata della benzina.

Questo davvero mi ha fatto arrabbiare. Non avevamo nessuna benzina nella casa. Mio suocero non me l'avrebbe permesso, perché lì stipava la legna perla stufa. Non mi era neanche permesso di parcheggiare la macchina di fronte all'ingresso o nel granaio - dovevo parcheggiare distante. La polizia di Vítkov lo sa molto bene, perché una volta mi diedero una multa perché avevo parcheggiato in una zona dove era vietato, visto che non c'era un altro posto dove lasciare la macchina.

Stai lavorando per restaurare la nuova casa. Hai potuto conoscere meglio i tuoi nuovi vicini?

Sì, sono molto gentili e servizievoli.

Stai avendo problemi con le riparazioni?

Non posso dedicarmi ad un lavoro regolare fino a ce non ho finito le riparazioni, perché mi prendono tanto tempo e vogliamo finire il prima possibile, così Natálka potrà tornare a casa. Dal primo novembre dovremo anche iniziare a pagare l'ostello dove temporaneamente stiamo vivendo, perché da quel giorno saremo registrati all'ufficio catastale come proprietari della casa che stiamo sistemando.

Come pensi che l'attacco abbia cambiato i vostri bambini?

Penso che il cambiamento più grande è che hanno smesso di aver fiducia nella gente. Non sono sicuri se chi si avvicina abbia buone intenzioni o meno.

Qual è il tuo sentimento più forte in tutta questa vicenda?

Preoccupazione e paura per la mia famiglia. Probabilmente non mi libererò mai di questa paura. E' nella mia testa tutto il tempo, in maniera inconscia, anche se vorrei dimenticare non posso.

Cosa dici del fatto che la polizia ha arrestato i quattro uomini, li ha accusati di tentato omicidio e li tiene in custodia?

Una liberazione. Anche la mozione per bandire il Partito dei Lavoratori mi da buone sensazioni. Sembra che recentemente la polizia e l'attuale governo stiano facendo del loro meglio per agire su tutto ciò.

Cosa ne pensi di chi vi ha assalito?

Sono completamente senza cuore.

Markus Pape, František Kostlán, translated by Gwendolyn Albert

 
Di Fabrizio (del 08/11/2009 @ 09:51:09, in Europa, visitato 1398 volte)

Da Roma_Francais

Nessuna tregua invernale per i Rom

La tregua invernale delle espulsioni locative comincia oggi (2 novembre ndr) e finirà il 15 marzo. Ma le popolazioni che vivono nelle roulottes non sono interessate a questa misura. I Rom per esempio sono contrari a cambiare accampamento, cosa che peggiora la loro situazione sanitaria.

Senza libretti sanitari, ancora meno medici curanti ed per finire poco di cure. La situazione dei Rom, espulsi regolarmente dei loro accampamenti, preoccupa Médecins du monde. I volontari dell'OnG si recano nei campi e constatano in particolare che bambini non sono vaccinati contro malattie come il tetano, cosa che pone un problema di sanità pubblica.

[...]

Tra i 200 e i 400 Rom sono per esempio stati espulsi martedì dalla CRS (Compagnies Républicaines de Sécurité ndr) dai loro accampamenti di Villetaneuse a Seine-Saint- Denis che occupavano da luglio. Il 14settembre la giustizia ha dato ragione ad un società proprietaria del terreno di cui aveva chiesto l'evacuazione. 88 Rom avevano accettato una proposta di sistemazione volontaria ad agosto. Carine Juste, sindaca comunista di Villetaneuse, aveva sottolineato la partecipazione dei comuni al finanziamento dei campi d'inserimento di Seine-Saint- Denis. Ma aveva giudicato l'impegno dello Stato "non all'altezza" in un settore che impegna "la responsabilità nazionale ed europea".

L'arrivo della tregua invernale, che sospende le espulsioni tra il 1 novembre e il 16 marzo, non riguarda i Rom. Associazioni di sostegno ai gitani, gens du voyage e Rom hanno chiesto quest'ultime settimane che la tregua invernale si applichi all'habitat mobile. Vedono nella situazione attuale una discriminazione supplementare per queste popolazioni.

In Francia, 400.000 persone sono ufficialmente registrate come "gens du voyage e Rom". Un terzo è ancora nomade ed il 95% di loro sono Francesi. Il termine di Rom designa in Francia soprattutto Zigani d'origine rumena, bulgara o iugoslava. I Rom sono la più grande minoranza dell'Europa con quasi 10 milioni di persone. Sono all'origine un popolo nomade i cui antenati hanno lasciato il Nord-ovest dell'India all'inizio dell'XI secolo. Sono stati allora catturati e messi in schiavitù prima di disperdersi attraverso l'Europa.

Jean-Louis Dell'Oro

 
Di Fabrizio (del 09/11/2009 @ 09:32:38, in Europa, visitato 1648 volte)

segnalazione di Nadia Marino

di Carla OSELLA in "Pabay, nel mondo degli zingari" (ed. INTERFACE-AIZO)

Un giorno Pabaj mi telefonò dal bar emozionata: "Attilia, devi venire subito, perché è arrivata mascia (nonna) Draga dalla Germania, la devi conoscere anche tu, è una delle poche zingare che sono uscite dai lager, te ne avevo parlato tempo fa, ricordi? Vieni in fretta, ti aspetto". Che bella sorpresa poterla vedere, parlarle, ascoltare dalla viva voce un pezzo di storia, anche se tragica di un periodo che non avevo mai vissuto. Sarei corsa immediatamente al campo volando le scale, ma il giorno dopo avevo il compito in classe di matematica e quindi non potevo andare impreparata; ci pensai un attimo, poi decisi che avrei potuto rubare un po’ di tempo al sonno il giorno dopo, anche se al mattino ero sempre stanca e facevo fatica ad alzarmi.

Mascia Draga valeva bene un po’ di sonno! Quando arrivai, c’erano molti Rom accanto a lei, uomini, donne, ma, nonostante facessi degli sforzi per vederla, non ci riuscivo perché era coperta da una piccola folla. In un angolo trovai una sedia vuota e vi salii sopra per vederla. Era una donna minuta, molto anziana, con un diclò (fazzoletto) verde intenso che le copriva i capelli, aveva una maglia rossa da cui spuntava una camicetta con la gonna lunghissima, come portavano le donne del campo.

Lei parlava piano e c’era attorno silenzio, davvero strano in un ambiente sempre chiassoso e pieno di bambini, ma loro non c’erano. Infatti, quando succede qualcosa d’importante, i bambini vengono allontanati. Vidi solo Sanella seminascosta dietro la gonna di sua nonna.

A poco a poco molti Rom se ne andarono e nella baracca rimasero solo poche donne, allora Pabaj mi disse: "Vieni, che ti faccio conoscere la Mascia!".

Mi avvicinai a quella zingara un po’ intimorita, aveva qualcosa di misterioso, che non sapevo definire. Appena si accorse della mia presenza mi disse: "Vieni piccola gagì, fammi vedere il viso" e, mentre mi diceva questo, cominciò a fissarmi negli occhi. "Hai il viso buono - mi disse - perciò puoi essere amica dei Rom".

Sentii che arrossivo fino alle orecchie per quel complimento e mi sembrò di essere ancora più piccola. Nonna Draga mi fece un vero e proprio interrogatorio chiedendomi qual era il motivo per cui venivo al campo e se mi piacevano gli zingari.

Le spiegai il mio desiderio di conoscere meglio chi viveva nelle roulottes. "Tu sei la figlia dei signori delle case di pietra, cosa ci fai in mezzo a questa brutta gentaglia zingara?".

Mi colpì l’ironia con cui diceva quella frase; allora intervenne Pabaj a spiegarle che ero sua amica da molto tempo.

Avrei voluto chiederle tante cose del suo passato, della sua deportazione nel più grande campo di concentramento nazista, ma non osavo. Pabaj però leggeva le mie domande negli occhi e fece lei la domanda che mi interessava. "Le abbiamo parlato molto di te, voleva sapere qualcosa della tua giovinezza".

Un’ombra di tristezza passò sul suo viso, si strinse le mani con forza, quasi a voler scacciare il passato, e mi rispose: "Non mi piace parlare del passato, perché è stato una cosa troppo angosciante, ma forse è importante che la gente sappia che anche il popolo zingaro, come il popolo ebreo, ha pagato con oltre cinquecentomila morti la follia del nazismo. Anche per noi c’è stato l’olocausto".

Mi sedetti accanto a lei in silenzio per ascoltare una storia sconosciuta ai più. Raccontò che abitava in una piccola città della Francia, quando una notte arrivò la GESTAPO (la polizia nazista) nel campo.

"Era un piccolo campo come questo con le baracche, faceva freddo, era tardi ed eravamo tutti a letto. Sono entrati con i mitra spianati e ci hanno fatto scendere, dicendoci che ci portavano in un posto dove raccoglievano tutti gli zingari; il mio papà cercò di spiegare all’ufficiale che eravamo nomadi capitati lì per caso, che non eravamo neppure francesi, ma loro non vollero sentire nulla".

Sua madre coprì bene il fratellino più piccolo e lo mise in braccio al padre, mentre aiutava gli altri a vestirsi in fretta per evitare qualsiasi questione con i poliziotti. Poi li portarono ad una stazione, di cui lei non ricordava neppure il nome, e vennero caricati su un carro merci.

"Avevamo molta paura e anche tanta fame. Il viaggio fu molto lungo, durò parecchi giorni, finché arrivammo ad una piccola stazione polacca, in uno strano posto davanti ad un cancello di ferro dove c’era scritto in tedesco "Arbeit Macht Frei", cioè "Il lavoro rende liberi".

Guardandoci attorno, vedevamo che dagli altri vagoni scendevano dei gagé, donne con i bambini cariche di borse e valigie. Ad un certo punto si separarono: un gruppo da una parte "per le docce"- dicevano - e noi dall’altra.

Ma quando la colonna incominciò la sua lenta marcia, vidi che era composta di ammalati e di bambini. Mi sentii gelare il cuore con il presentimento che qualcosa dovesse succedere; quel giorno fu l’ultima volta che vidi la mamma".

Il racconto diventava sempre più interessante, la baracca si era di nuovo riempita di persone; chi era seduto ai piedi della mascia Draga, chi stava diritto, tutti pendevano dalle sue labbra. "Solo quando i russi giunsero al lager, seppi che mia madre era stata messa nei forni crematori, dopo essere passata dalle docce".

Mentre parlava, si asciugò con il dorso della mano le lacrime che le scendevano dal volto. "A noi hanno fatto un segno che ho ancora sul braccio". Si tirò su la manica e potei leggere bene inciso "Z24161". La nonna disse: "Vi racconto tutto ciò che ho visto e vissuto, ma non è da raccontare ai bambini; invece è importante capire che l’odio porta al razzismo e il razzismo uccide in molti modi, con la morte fisica e con quella morale". Mi spiegò come si poteva uccidere il cuore degli uomini con l’emarginazione:

"Tu sei un gagì, cosa vuoi sapere di queste cose? Tu vivi bene nella tua casa, nessuno viene a controllarti. Per noi invece non è così, quando vai a fare la spesa, ti servono prima degli altri, perché hanno timore che rubi qualcosa, o se sali sul tram, nessuno si siede vicino a te, perché sei zingaro. Si rifiutano non solo di parlarti, ma di starti accanto, quasi avessimo la peste".

Sentivo che era dura, ma la capivo, perché anch’io a scuola avevo dovuto lottare con i miei compagni per difendere gli zingari; ricordavo ancora l’episodio in cui un bambino mi aveva detto con disprezzo: "Sei solo una zingara" e io l’avevo ringraziato, perché, se avessi potuto scegliere, avrei proprio voluto essere zingara.

"Ma - riprese mascia Draga, dopo un po’ di silenzio - bisogna imparare sin da piccoli a capire che tutti hanno il diritto di vivere. Il sole sorge per tutti e la pioggia cade per tutti, tutti abbiamo fame e tutti abbiamo sete, ci sono tante cose simili per i gagé e simili per gli zingari ed anche per i neri dell’Africa, bisogna scoprirle".

Dopo un momento aggiunse: "Hai una nonna? Vai da lei e chiedile cosa vuol dire ciò che ti ho detto. Chi ha vissuto molto, ha acquistato saggezza e bisogna imparare ad ascoltare il passato per non commettere gli stessi sbagli per l’avvenire". Nonna Draga abbassò la voce quasi volesse parlare a se stessa e disse: "Non potevo ritornare in quel posto, ma ci sono andata alcuni anni fa e ho pianto di rabbia, vedendo Auschwitz diventata un museo e constatando che in mezzo alle baracche, dove sono morte migliaia di persone, i ragazzini spesso mangiano patatine fritte e bevono Coca-Cola".

Spiegò: "Ho voluto andare a vedere le baracche del settore zingaro, ma le intemperie le hanno distrutte. C’è solo uno spiazzo vuoto, però ho sempre in tasca un pezzo di pietra che ho raccolto".

Poi si alzò con maestà dalla sedia, come se fosse una regina e con voce più forte soggiunse: "Quando sarai grande, ricordati di ciò che ti disse una vecchia zingara: la pace tra i popoli nasce cercando i valori che uniscono e non le divisioni. Facciamo attenzione che il nazismo non torni in Europa, già troppi innocenti hanno pagato".

Ero rimasta senza fiato; quella piccola donna minuta, dalla voce giovane, aveva raccontato cose mai sentite. Avrei voluto abbracciarla, ma non osavo davanti a tutti i Rom, tuttavia quando l’avvicinai, lei mi strinse forte e mi fece una carezza.

"Vai, piccola gagì, oggi ho parlato troppo per la mia età".

*di Carla OSELLA
in ''Pabay, nel mondo degli zingari'' (ed. INTERFACE-AIZO)
http://www.aizo.it/masciadraga.html

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


26/05/2022 @ 13:15:52
script eseguito in 71 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 5066 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source