\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Kosovo
Di Fabrizio (del 21/10/2009 @ 09:25:37, in Europa, visitato 1185 volte)

Da Mundo_Gitano

ABC.es Madrid, 14 ottobre 2009

Ad un decennio dal conflitto armato nei Balcani, la Germania sta pianificando il rimpatrio di migliaia di rifugiati provenienti dalla regione, la maggior parte di origine rom, una decisione definita dai critici come "mostruosa", mentre il Governo ha difeso questa misura affermando che la situazione nella regione è già stabile, secondo i responsabili tedeschi.

Ci sono circa 14.000 rifugiati in Germania provenienti dal Kosovo, e 10.000 di loro sono di questo gruppo etnico. Non è mai stato regolato lo status legale della maggior parte di questi rifugiati.

Così, il Ministero degli Interni progetta di trattare 2.500 casi di rimpatrio due volte all'anno, per essere sicuro che il Kosovo non risulti sovraccaricato da un influsso repentino dei ritorni. L'anno scorso, almeno 900 kosovari sono tornati nella regione, mentre già si sta provvedendo a programmi simili per i rifugiati dalla Bosnia, secondo quanto riporta il giornale tedesco "Süddeutsche Zeitung".

In aggiunta, la Germania pagherà 750 euro a chiunque farà ritorno e coprirà le spese di viaggio, informa il giornale "Russia Today", che informa come le autorità abbiano promesso di mantenere una "ragionevole composizione etnica" tra loro.

Il Ministero degli Interni della Germania ha detto che l'accordo di rimpatrio verrà firmato a settimane, ed un suo portavoce, Stefan Paris, ha dichiarato a Berlino che l'accordo sarà in linea con la legislazione internazionale, perché trattando la questione dei rifugiati siano considerati tutti gli aspetti umanitari.

Una volta firmato, l'accordo sancirà che il Kosovo, di principio, accetterà tutte le persone che abbiano documenti d'identità della regione o che antecedentemente abbiano vissuto sul suo territorio.

Nel contempo, la deputata del partito di sinistra "Die Linke", Ulla Jelpke, ha definito il progetto come "mostruoso", dato che i deportati avranno di fronte a sé "la povertà assoluta" ed "un'alienazione giornaliera" dalla maggioranza albanese nel Kosovo.

Inoltre, il gruppo per i diritti umani Chachipe, focalizzato su questa etnia, ha condannato il processo di rimpatrio, affermando che il governo tedesco è stato molto ottimista nel descrivere la situazione in Kosovo. "I Rom sono stati espulsi dal Kosovo e, in dieci anni, la comunità internazionale non è stata capace di creare le condizioni per un ritorno in forma sicura", ha indicato il gruppo.

"I loro interessi sono stati sacrificati e abbandonati nel tentativo di pacificare gli antagonismi tra albanesi e serbi del Kosovo e ora, si chiede il loro ritorno perché la comunità internazionale possa dire che il Kosovo si è convertito in un posto multietnico che merita essere un paese indipendente", ha affermato il gruppo.

Nel frattempo, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR), dopo aver visitato la regione all'inizio di quest'anno, ha detto che il Kosovo è ancora suscettibile alle tensioni etniche e che le condizioni per vivere nella zona sono molto povere. L'agenzia ha raccomandato che i rifugiati tornino solamente in forma volontaria.