Slovacchia - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : Articolo
Slovacchia
Di Fabrizio (del 09/08/2009 @ 00:45:24, in Europa, visitato 1560 volte)

Da Slovak_Roma Continua la raccolta di testimonianze femminili dal vivo, da parte di Kristína Magdolenová. E' la ripresa di una vecchia intervista che non avevo fatto in tempo a tradurre. Puntata precedente

Ingrid Lukáčová Source: Courtesy of Mecem

The Slovak Spectator 3 agosto 2009 Il razzismo è un problema degli adulti
By Kristína Magdolenová & Jarmila Vaňová - Politics & Society

Ingrid Lukáčová viene da Prešov ed attualmente vive a Košice dove lavora come direttrice di una scuola secondaria d'arte.

I tuoi cosa ti hanno incoraggiato a fare?

Soprattutto ad avere un'istruzione. Mi hanno sempre incoraggiato in questa direzione. Mi ricordo che ci sedevamo assieme in famiglia e mia madre e mio padre parlavano su cosa avremmo fatto. Mia sorella sarebbe stato dottore o avvocato, perché era la più brava. Sapeva leggere all'età di 5 anni e anche riconoscere l'alfabeto cirillico. Dato che ero più grande e studiavo il russo, lei imparava con me. Sin da subito ci si aspettava che diventassi insegnante. Mio padre voleva che mio fratello diventasse un musicista.

Perché pensi che vostra madre permetteva a te e tua sorella di studiare?

Dico sempre che mia madre ha un'intelligenza naturale, anche se non ha studiato. Ha vissuto tutta la sua vita come la gente moderna, ma non ha mai dimenticato di essere una donna rom e di vivere la vita rom tradizionale; ha mantenuto le tradizioni. Ha lavorato per tutta la vita e lavora tuttora, l'ha fatto tra i non-Rom. Si è assicurata che andassimo a prescuola e a scuola. L'ha imparato a casa sua, perché suo fratello è andato all'università, così ha imparato che l'istruzione è l'unico modo per cambiare la propria vita.

Nei tuoi studi, sia alla scuola primaria, che a quella secondaria o all'università, c'è stata qualcosa che t'ha fatto sentire che eri differente, che eri una Rom?

Si può dire che forse sono stata fortunata. Non ho mai avuto problemi simili. Mi sono capitate, ma non con le mie compagne di scuola. Anche alla scuola secondaria non ho avuto problemi perché ero tra le migliori studentesse. Anche lì, ero la sola alunna rom dell'intera scuola, e alla fine ero capoclasse. La mia insegnante era sorpresa il primo anno che 36 studenti votassero me come capoclasse.

Quindi secondo te è importante che una madre rom sia quella che guida la famiglia e garantisca l'istruzione dei bambini?

Penso che la madre sia la persona più importante. Questi mi è confermato dal fatto che anche se ho avuto un padre che aveva studiato molto, e a cui cono molto grata, se mia madre fosse stata differente da ciò che era, non sarei mai arrivata dove sono. Ed è per questo che dico che le madri rom dovrebbero essere al fondamento. Sappiamo come va tra i Rom: un uomo, se aveva lavoro, usciva di casa la mattina per andare a lavoro, tornava a casa per mangiare e questo è tutto. Portava a casa i soldi. E, sfortunatamente, le comunità rom funzionano così che il padre non si prende cura di niente.

Di dov'è tuo marito?

Mio marito è di Michalovce. E' un Rom, anche se non ne parla la lingua e non assomiglia a un Rom. E' stato un grande amore, perché ci siamo incontrati quando avevamo 18 anni. Ma mia madre subito gli disse che io studiavo e semplicemente che se mi voleva, doveva aspettare. Così aspettò, anche se nel frattempo non ci vedevamo. Ero all'università e dopo, a giugno feci gli esami di stato e ad agosto ci sposammo. Più tardi divorziammo.

Perché?

Avevo 23 anni quando mi sposai. Quell'anno nacque mia figlia. Vivevamo in casa di mia suocera. Avevo opinioni differenti sulla vita dai miei suoceri e semplicemente non andavamo d'accordo. Là successe qualcosa e mio marito perse il lavoro a Michalovce e decidemmo che si doveva tornare a Prešov o andare a Košice dove c'erano migliori opportunità. Così insegnavo a scuola anche se ero in maternità e cercavamo lavoro qui a Košice. Per mio marito questo cambio era inconcepibile. Così lasciai. Non ho mai voluto tornare indietro. Sarei potuta tornare nella casa di mia suocera. Lì avrei avuto una casa, avrei cucinato, pulito e forse avrei insegnato a bambini non-Rom in qualche villaggio. Ed allora tutto quanto d'altro sarebbe andato per quella strada. Era una decisione difficile: carriera o famiglia. Dico che trionfò la "romanipé" in me.

Di sicuro per te non è stato un periodo facile, ma la vita cambiò per te e sei di nuovo con tuo marito. Oggi come va?

Non mi spiace di essere rimasta sola per quei sette anni. Mi hanno insegnato ad essere forte, a seguire le mie mete. E realmente a passare attraverso quei momenti difficili e mostrare a me stessa che posso farcela senza un uomo attorno.  Ma d'altra parte, devo dire che siamo ancora assieme. Viviamo assieme in una famiglia anche se non siamo più sposati legalmente. Ma è una piccola differenza, siamo una famiglia completa. Questo è molto importante soprattutto tra i Rom perché quello che dirò ora, forse farà ridere, ma mi è stato confermato: Se non hai un marito, non hai la verità. Molte volte, e non solo tra i Rom, ma anche tra i non-Rom. Significa essere una donna cattiva, una donna facile o sciatta.

Questo significa che quando una donna è senza marito, perde di valore?

Certamente. Tanto tra i Rom che i non-Rom. Occorre una donna molto forte per smentirlo. Parlo per esperienza.

La maggioranza delle donne rom che raggiungono il successo o la laurea e si costruiscono una loro carriera, scelgono un partner non-Rom. Tu hai scelto un Rom. Pensavi a tutto questo sul suo essere o no un Rom?

No, non ci ho mai pensato. Ci incontravamo con non-Rom ed eravamo amici; i nostri vicini ci venivano a trovare a casa. Ma tra di noi c'era qualcosa di differente; oggi questo è difatti una situazione più estrema, e ciò non è bene.

Ho avuto molte opportunità, soprattutto all'università. Non mi importava se fossero Rom o no. Ma in me c'era sempre una barriera che mi diceva no. Non può essere. Potevamo essere amici, capirci l'un l'altra come fratello e sorella, ma niente di più intimo.

Ed ancora, d'altra parte capisco le donne che sposano un non-Rom, perché ho studiato in un'università dove c'erano studenti rom. Ma non è che le ragazze non volessero un Rom; vedevo i ragazzi rom, i miei colleghi di studio, nessuno di loro voleva una ragazza rom. Può essere triste il fatto che loro avessero un'istruzione significa che pensavano che se sposavano una non-Rom, loro stessi non sarebbero più stati Rom. Lo penso ancora. Molto pochi di quei ragazzi che hanno completato l'università hanno sposato ragazze rom, e quando l'hanno fatto, hanno sposato ragazze rom che avevano un'istruzione, perché ci sono coppie simili che non hanno niente in comune con i Rom.

Gli uomini rom hanno paura delle donne sagge e non vogliono donne intelligenti. Vogliono donne che faranno quello che dicono loro di fare. O poi ci sono quelli che vogliono donne non-Rom per stare tra i non-Rom. Quanto alla nostra famiglia, ci sono anche dei matrimoni misti.

Cosa incoraggi tua figlia a fare? Come cerchi di crescerla?

Ad avere un'istruzione. A casa parliamo il romanés, così lei sa di essere Rom [...]. Soprattutto da me ha questo sentirsi Rom. E penso di avercela fatta. Perché lei ha vissuto in un ambiente non-Rom e non ha vissuto con i Rom. A parte la sua famiglia, non conosce davvero la loro mentalità. Sto cercando di instillarle tante cose, ma in modo naturale. D'abitudine viene con me agli spettacoli, matrimoni, battesimi, sa ballare come una Romnì. Messa semplicemente, ha questa gioia con lei.

Pensi che la romanipé, così com'è, arricchisca le persone?

Sì, per me certamente. Noi non neghiamo la nostra identità come quelli che vogliono ed hanno mariti e mogli non-Rom. Ho anche amici da matrimoni misti, anche se vivono differentemente. Non posso immaginare di vergognarmi di ciò che siamo. Così non neghiamo questa identità, cerco di crescere mia figlia e provare anche a cambiare mio marito, anche quando a volte sembra impossibile. Mio marito, anche se è cresciuto in quella famiglia, ora dice che gli dispiace di non sapere il romanés. Mette musica rom più di quanto ora faccia io. Dico che questo è perché la sua famiglia ed i genitori hanno negato la loro identità. E' interessante, mi pare, che quando ci sono matrimoni o battesimi, cantano in romanés e ballano la musica rom. E per ciò che dico che questo è rinunciare e negare se stessi. Perché è lampante che siano Rom. Penso che sia importante, e che è un peccato se i Rom istruiti rinunciano alla loro identità. Ma succede ad ogni tipo di gente.

Abbiamo accennato alle tradizioni rom. Quali sono le più importanti impresse nella tua memoria? Ci sono ancora tradizioni rom?

Certamente ci sono. Le insegno a mia figlia e a mio marito, perché lui non le conosce. Natale, per esempio. Di solito, abbiamo cibo rom per cena. Dev'esserci un pezzo di gója (un tipo di salsiccia), un pezzo di pašváre (nervi di porco affumicati). Non tanto, ma abbastanza perché con questo cibo manteniamo le nostre tradizioni rom. Ci piace di più così; ne vogliamo più di una certa cotoletta, dell'insalata, dei pesci e di queste cose. Dopo, per esempio, la nascita di un bambino - una pittura sacra, un nastro, una croce, viene messo sugli occhi. E' qualcosa che faccio regolarmente. Poi gli impegni in casa di mia mamma, il mangavipen (la cerimonia)... I miei cugini, quando hanno una cerimonia rom, si legano tra loro le mani con un foulard. L'ho sempre ritenuto adeguato... Mi è sempre piaciuto.

Come si manifestava l'amore nella vostra famiglia?

Questo è un problema con i Rom. Nella nostra famiglia, non era un problema quando eravamo ancora insieme. Ma dopo che i miei genitori divorziarono, mamma aveva sempre da fare. Anche se posso dire che ha saputo sempre elogiarci. Ma non era sempre così. Forse perché eravamo cresciuti... non ci ha più coccolati come da piccoli. Posso dire che dei suoi fratelli e sorelle - erano in nove - lei era la più capace di esprimere affetto.

Si dice dei Rom che siano genitori davvero affettuosi e che siano basati sulla famiglia, ma è vero che noi, come Rom, apriamo questa comunità attorno a noi in modo che questo amore in queste famiglie non sia ben espresso?

Dico che è nascosto. Perché so per certo che questi genitori amano i loro figli. Ma non sono capaci di esprimerlo. L'hanno in qualche modo codificato. Io, per esempio, non sono di questo tipo.

Forse perché sono condizionati dal ritenere che i figli dovranno iniziare presto a prendersi cura di sé - e così i genitori inconsapevolmente li preparano per una vita difficile?

Forse sì. Se guardo indietro, la maggioranza dei Rom vizia i bambini piccoli. Da un anno di età ai tre. E poi basta. Non li accarezzano più, non esprimono più amore.

Stiamo parlando di linguaggio ed educazione. I bambini rom a scuola hanno bisogno di qualcosa a differenza dei non-Rom? Penso alla scuola primaria.

Ho studiato educazione dal primo al quarto grado. Ho insegnato per sette anni in una classe ponte, dove c'erano bambini rom e dico che è differente. Dipende dal tipo di comunità da cui arriva il bambino, ma io dico sempre che i bambini rom sono differenti nella testa dai non-Rom, in quanto vengono in un ambiente completamente estraneo di cui hanno paura. Non capiscono la lingua della maggioranza, non ne hanno le capacità comunicative ed hanno un vocabolario molto povero. Comprendono bene il romanés, che è la loro lingua madre, ma neanche tutti. In questo sono differenti. Alle scuole primarie hanno soprattutto di qualcuno che capisca il romanés e sia Rom e di cui fidarsi.

E' quindi una questione di barriera linguistica?

Sì, ma è anche culturale. I bambini non vanno a prescuola, così non ne conoscono l'ambiente. Arrivano in un ambiente completamente da quello familiare. Non lo capiscono e non capiscono cosa è loro richiesto.

Sfortunatamente, non tutti sono insegnanti nel vero senso del termine e molti dei miei colleghi non permettono ai bambini di svilupparsi. Li fanno sedere agli ultimi banchi e sono esclusi da tutto. Quindi questo è un problema, un grosso problema nella scuola primaria. Quando, per esempio, sostituivo una collega, la mia classe ponte veniva divisa ed io andavo a sostituire un'altra insegnante. Soltanto che io volevo avere i miei scolari nella classe, perché altrimenti non sarebbero venuti a scuola. Così succedeva che i bambini non-Rom non volevano sedersi con un bambino rom vicino e piangevano. Ho fatto la sostituzione per un mese intero. Insegnavo loro a lavorare assieme, a giocare assieme, a parlare assieme. I bambini non-rom vedevano che ero una donna rom e che parlavo il romanés. La relazione era totalmente differente. Tutti i bambini sono uguali; non hanno problemi nel stare assieme. Il razzismo è un problema degli adulti. Quei bambini in un mese erano capaci di lavorare assieme. I colleghi osservavano: 40 bambini in classe e non c'erano problemi!

Come dovrebbe essere un sistema di istruzione ideale dal grado 1 al 4 per i bambini rom?

Almeno sino alle quattro del pomeriggio, con un buon insegnante che abbia intesa e conoscenza sui Rom, ovviamente un assistente all'insegnamento andrebbe benissimo, se l'insegnante non è Rom. Il processo dovrebbe durare tutta la giornata, perché i bambini devono essere molto coinvolti in questa scuola. Ovviamente dovrebbe esserci una buona mensa, tutte le attrezzature di cui c'è bisogno a scuola. Così possono preparare e fare i loro compiti.

Cosa dici di quei genitori che vogliono i loro bambini nelle scuole speciali, solo perché è più vantaggioso per loro?

Prima di tutto, non permetterlo. Perché i genitori fanno così, si può dire, per una specie di calcolo o per rendere più facili le cose. Se c'è una scuola speciale proprio qui nell'insediamento o nel villaggio, perché dovrei prendere il bus la mattina per portarlo alla scuola regolare? Siamo andati tutti là e là andranno i miei figli. Com'è possibile prevenire ciò? Penso che dovrebbe esserci un esame psicologico per le scuole speciali, perché sono certa che metà dei bambini sono lì e non dovrebbero esserlo.

Si potrebbe dire che una simile indifferenza dello stato verso l'educazione speciale ed il numero di Rom in queste scuole in realtà demanda il problema nel futuro alle cosiddette comunità rom?

Sì, certamente. E' un tema di cui si è parlato a lungo e niente è stato fatto. E come dico, molto denaro va ancora alle scuole speciali. Non dico che ora bisognerebbe abolirle, perché ci sono alcuni bambini, sia Rom che no, che ne hanno bisogno. Ma sinora non è stato fatto niente per impedire che bambini sani vi vadano.

Sarebbe d'aiuto se i Rom avessero una propria rappresentanza politica?

Certamente. E spero che accada e che avremo un buon partito politico, perché senza di questo non succederà niente. Ne sentiamo un gran bisogno. La cosiddetta intelligentsia rom può avere 100 laureati, ma senza volontà politica non cambierà niente.

Forse il problema è anche nel fatto che molta di questa gente che formalmente agisce per i Rom e li rappresenta, non è realmente cresciuta in un ambiente rom, non ne parla la lingua, non ne conosce la storia, non conosce la cultura rom e realmente non ha sensibilità per i Rom. Ma il fatto che siano un po' più scuri di pelle, significa che questo li qualifica a sufficienza per essere percepiti come rappresentanti della comunità rom...

E' così. Quanti Rom vivono a Bratislava? O che tipo di Rom? [...] Musicisti che non vogliono avere niente a che fare con i Rom. E poi c'è un gruppo, i cosiddetti pesci grossi che non parlano romanés, come hai detto. Non sanno chi sono, ma vedono dietro questo qualcosa di differente. Soldi. Dovrebbe essere detto apertamente. O non è adatto per loro a causa della gran distanza per cui dovrebbero lasciarsi dietro la loro famiglia e tutti gli altri. Forse l'inganno risiede nel fatto che la più grande concentrazione di Rom è nella Slovacchia orientale. E allora perché tutto si trova a Bratislava?

Quindi gli uffici ed il governo plenipotenziario dovrebbero essere qui?

Beh, naturalmente. L'ufficio del plenipotenziario, i dipendenti, le cosiddette commissioni che dovrebbero essere in ogni ministero? Perché non potrebbero essere qui? Lasciatele qui nell'est, dove vivono i Rom. Lasciatele andare sul campo. Non solo noi, quelli che operano giorno a giorno, ma anche i cosiddetti pesci grossi di Bratislava che risolvono tutto a tavolino. Non sono mai stati in un insediamento rom. La penso così.

Tu sei membro del consiglio governativo per le minoranze nazionali. In passato la Slovacchia è stata spesso criticata proprio per non risolvere il problema rom. La situazione è cambiata negli anni recenti?

Ho la sensazione che si sia fatto qualche passo avanti. Anche se mi aspettavo di più. Ma con l'ultimo governo personalmente non ho avuto una buona impressione. Ed è giusto dire che ora siamo fermi. Un certo gruppo ne ha approfittato. Ma riguardo all'istruzione e altre cose, tutto si è fermato.

Il problema che si presenta spesso con queste strategie, concezioni, progetti, è il fatto che non sappiamo quanti Rom ci siano qui in Slovacchia...

Non lo sappiamo perché il censimento funziona in maniera che i Rom non dichiarano il loro status di minoranza nazionale. Questo ha certamente un retroterra storico, il perché lo sappiamo, ed ovviamente molti Rom si dichiarano Ungheresi. In questo caso la maggioranza può ostruire, dicendo che non siamo in molti quando in realtà sanno quanti siamo.

Il fatto che non esistano statistiche significa che il numero dei Rom può variare, così quando riguarda i soldi del Ministro della Cultura ci sono meno Rom e quando riguarda i soldi dell'Unione Europea ce ne sono di più.

E' così che funziona. E si continuerà ad operare così perché non cambi niente. Ognuno utilizza quel che sa. Ed, ovviamente dico io, i Rom sono un buon oggetto per ottenere soldi ed è perciò che qualcuno può arricchirsi.

Se tu potessi dire ai membri del Parlamento Europeo qualcosa sui Rom in Slovacchia, cosa sarebbe?

Vorrei solo mostrare che ci sono Rom in Slovacchia che mantengono la loro cultura, tradizioni, identità e che usano la loro lingua, sono in tanti, ed è importante dire ai membri del parlamento di venire e vedere le condizioni in cui vivono i Rom, e che dovrebbero incontrare le elite rom e non le organizzazioni di non-Rom, coi non-Rom, ma con i Rom che lavorano per i Rom e che vogliono cambiare le cose in questa nazionalità, in questa nazione, così che abbiano l'opportunità di sentire i Rom stessi.

Se ci reincontrassimo tra cinque anni, proprio qui a questo tavolo, cosa vorresti che fosse differente?

Bene, spero che la posizione dei Rom sia differente: di non avere problemi con l'istruzione, che ci siano più Rom acculturati e di poter dire che il numero di persone istruite che già abbiamo eguagli quello di chi frequenterà la scuola secondaria e l'università, potendo dire con certezza che il governo ci ha aiutato. E di avere un partito politico.

Oltre ad insegnare per tre scuole in lingua romanés, sei soprattutto attiva nel terzo settore. Perché ha questo bisogno di fare qualcosa, quando già insegnare in tre scuole richiede certamente abbastanza?

Ho iniziato essendo coinvolta nelle comunità rom. Ed ora è difficile dire a queste donne, con l'occupata che sono, che non voglio più lavorare con loro, quando queste stesse donne mi chiamano per chiedermi: quando si fa qualcosa e quando ci incontriamo?

Realmente cosa fai?

Questo è davvero il network delle donne rom, Fórum pale romňa. Queste sono attività per le donne rom della comunità. Cerchiamo di aiutarle a diventare leader. A casa, nella comunità. E così si coinvolgono nelle elezioni locali. Stiamo provando a cambiare la posizione delle donne rom, almeno nella società.

In questi anni hai visto un cambiamento in queste donne?

Sicuramente. Queste donne viaggiano sino a Detva, nella Slovacchia centrale, è qualcosa di nuovo per loro. Quello ed il fatto che loro marito le lasci andare fuori di casa e famiglia e figli per due giorni. Tutto questo diverte ed ora è normale.

La società dovrebbe sapere di più sulla vita di queste donne?

Sì, naturalmente. Abbiamo fatto una piccola campagna per aiutare la gente a conoscere queste donne. Ma non era sufficiente. C'è bisogno di soldi. Anche per queste donne e soprattutto perché possano fare nella società quello che fanno così bene a casa.

Interviews with Roma women are part of a project by the Roma Press Agency and will be published in a forthcoming book.

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


28/02/2020 @ 02:58:34
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2919 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source