Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 17/01/2011 @ 09:13:13, in Europa, visitato 1221 volte)

Da Roma_Francais

Par L'Express, publié le 13/01/2011

La Francia ha redatto una nota per spiegare ai propri vicini europei come occuparsi dei Rom.

La Francia ha indirizzato ai paesi membri della UE una "nota" sulla "strategia" da mettere in opera a livello europeo al fine di "promuovere i principi di uguaglianza di possibilità e dell'inclusione sociale delle popolazioni in situazioni di povertà e di esclusione, in particolare dei Rom". Gli autori sottolineano che "appartiene a ciascuno stato membro di assicurare l'inserimento economico e sociale dei suoi cittadini (...) Promuovere la libera circolazione in seno all'Unione Europea implica prima di tutto che gli stati membri d'origine si assumano pienamente questa responsabilità". Il documento sarà all'ordine del giorno del summit europeo di giugno a Bruxelles. Parigi assicurache l'adozione di questa strategia da qui a sei mesi è "un orizzonte realista".

 
Di Fabrizio (del 16/01/2011 @ 09:36:16, in Europa, visitato 2051 volte)

Segnalazione di Dragan Vasovic - YOUTH ROMA CENTER

(la rassegna fotografica su Facebook)

La notte tra il 12 e il 13 gennaio nella parte dell'insediamento Pozega in cui vivono circa 700 Rom, sui lampioni sono apparse svastiche. Su tutti i piloni di cemento che circondano l'insediamento - nelle strade Bana Milutina e Dimitrija Tucovica, sono state dipinte svastiche con lo spray, come pure su diversi ingressi e cartelli del traffico. Oltre a ricordare un momento triste della nostra storia, su di un palo è stato scritto "ZINGARI FUORI DALLA SERBIA". I cittadini del quartiere sono inorriditi, sono davvero colpiti e hanno paura. Per la prima volta nella storia del comune di Pozega qualcosa di simile accade dopo la II guerra mondiale e non ci si aspettava che questo si sarebbe nel XXI secolo, e ricorda a tutti la parte più brutta della storia della nostra civiltà.

FATE CIRCOLARE L'INFORMAZIONE!

Notizia di contorno (tratta dalla Nazione)

Don Virgilio Annetti, parroco ad Arezzo, scrive sul giornale inviato ai fedeli: "Senza tanti pietismi torna in mente quell'uomo che tentò invano, a suo tempo, una vera pulizia etnica. Si chiamava Himmler. Dette questo ordine. Aggiungere ad ogni convoglio un vagone di rom. Sappiamo bene dove il convoglio era diretto. Verrebbe da dire: ma benedetto Himmler, perché uno solo invece che due!"

Per la cronaca, il vescovo di Arezzo gli ha imposto di chiedere immediatamente perdono per il suo delirio omicida: ma può un uomo simile, le cui dichiarazioni sono state replicate entusiasticamente sui siti neonazisti (vedi QUI), essere lasciato ancora al suo posto, senza che il suo inascoltato Maestro, Rabbi Yehoshua di Nazaret, si contorca ancora sulla croce?
 

 
Di Fabrizio (del 07/01/2011 @ 09:47:16, in Europa, visitato 1617 volte)

Da Roma_Daily_News

Roma Holocaust

1931
Inizio dei disordini contro le due "razze straniere non-europee" in Germania (Ebrei e "zingari") da parte dell'Ufficio Informazioni NS (NS-Auskunftei) dell'"SD del Reichsführer-SS" a Monaco.

1933
Richiesta da parte dell'"Ufficio Razza e Insediamento" (Rasse- und Siedlungsamt) delle SS a Berlino per la sterilizzazione degli "zingari e mezzi zingari".

Dal 1934
Ci sono tentativi da parte delle agenzie per escludere Sinti e Rom dalle organizzazioni professionali.

15 settembre 1935
Promulgazione delle "Leggi Razziali di Norimberga" (Nürnberger Rassegesetze). Frick, ministro degli interni del Reich dice il 3 gennaio 1936: "Di regola, le razze indipendenti in Europa includono, a parte gli Ebrei, solo gli zingari". Vengono interdetti i matrimoni misti tra Sinti e non-Sinti.

Novembre 1936
Istituzione dell'"Unità di Ricerca sull'Igiene Razziale" (Rassehygieneinstitut) sotto la guida del dr. Robert Ritter al ministero degli interni del Reich.

Dal 1936
Sinti e Rom sono deportati nei campi di concentramento di Dachau, Buchenwald, Mauthausen e Ravensbrück.

Agosto 1938
Il dr. Adolf Würth, "ricercatore sulla razza" per Himmler, dice "Per noi la questione zingara è primariamente una questione di razza. Proprio come lo stato nazionalsocialista ha risolto la questione ebraica, così dovrò sistemare pure la questione zingara".

1 ottobre 1938
Assorbimento del nazionalsocialista "dipartimento di polizia zingara" a Monaco da parte del Dipartimento di Polizia Criminale del Reich (dal 27 settembre 1939: V Dipartimento dell'Ufficio Principale di Sicurezza del Reich, o RSHA /Reichssicherheits hauptamt/) sotto il comando dell'SS-Oberführer Arthur Nebe, ora superiore anche a Ritter. La deportazione di Ebrei e "zingari" è attuata da Adolf Eichmann nella Sezione IV B4. La Gestapo requisisce le proprietà di Sinti e Rom, rubate loro con la deportazione.

8 dicembre 1938
"Decreto base" di Himmler allo scopo di avviare a soluzione la questione zingara riguardo l'esistenza della razza".  Lo RSHA "accerta" l'affiliazione "zingara" sulla base dei "rapporti sulla razza" di Ritter.

Dal marzo 1939
Nel "Vecchio Reich" vengono emessi ordini per la marcatura speciale di Sinti e Rom e vengono istituite "carte d'identità razziali". Nel "Governatorato Generale vengono forniti passaporti gialli per Ebrei e "zingari" con una "J" o una "Z" nera.

21 settembre 1939
Conferenza dei capi dipartimento dei polizia della sicurezza e dei capi degli Einsatzgruppen, o gruppi di azione speciale, sotto la presidenza di Heydrich, sulla preparazione della deportazione dei "rimanenti 30.000 zingari" dal territorio del Reich verso la Polonia.

13 ottobre 1939
L'SS-Hauptsturmführer Braune informa Eichmann che l'SS-Oberführer Nebe vuole sapere "dove mandare gli zingari di Berlino".

16 ottobre 1939
Lo "SD Danube" informal'SS-Oberführer Nebe che "tre o quattro vagoni per zingari possono essere aggiunti al primo trasporto ebraico" che lascerà Vienna il 20 ottobre 1939. "I trasporti lasciano regolarmente Vienna, Mahr-Ostrau e Katowice".

17 ottobre 1939
"Decreto Confinamento" (Festschreibungserlaß) di Himmler. I 21 "uffici zingari" di Königsberg, Praga, Vienna e Monaco per Amburgo, sotto l'Ufficio Principale Sicurezza del Reich, devono erigere campi assembleari simili a quelli di concentramento in preparazione per il trasporto ai campi di sterminio.

30 gennaio 1940
Heydrich tiene una conferenza con i capi delle SS sulla deportazione di "tutti gli Ebrei nel nuovo Ostgaue e 30.000 zingari dai territori del Reich e dall'Ostmark come l'ultimo movimento di massa nel Governatorato Generale".

27 aprile 1940
Ordini di Himmler per le prime deportazioni di intere famiglie. A maggio i treni della deportazione con 2.800 Sinti e Rom tedeschi nel "Governatorato Generale" partono da Amburgo, Colonia e Hohenasperg vicino a Stoccarda.

1940
Nel campo di concentramento di Lackenbach a sud di Vienna, i corpi di Sinti e Rom assassinati vengono sepolti in fosse comuni nel cimitero ebraico, gli altri verranno deportati attraverso il ghetto di Lodz nel campo di concentramento di Kulmnhof nel 1941.

Dal maggio 1941
Nella Serbia occupata si devono indossare bracciali gialli identificativi con la parola "zingaro". Nei ghetti e nei campi di concentramento della Polonia occupata, Sinti e Rom devono indossare bracciali con la lettera "Z".

7 agosto1941
Un ordine di Himmler dichiara che il "Dipartimento di Polizia Criminale del Reich userà i rapporti di razza per decidere" su ulteriori deportazioni di Rom e Sinti tedeschi nei campi concentramento. L'"Unità di Ricerca sull'Igiene Razziale" produrrà circa 24.000 "rapporti" entro la fine del 1944.

Dall'estate 1941
Sinti e Rom sono sistematicamente colpiti nelle zone orientali dai cosiddetti Einsatzgruppen come pure da unità della Wehrmacht e della Ordnungspolizei. Otto Ohlendorf , capo dell'SS Einsatzgruppe dichiarerà al processo di Norimberga: "Non c'era nessuna differenza tra zingari ed Ebrei, lo stesso ordine si applicava ad entrambi".

10 ottobre 1941
Conferenza sulla "soluzione della questione ebraica" e sugli "zingari da evacuare" nel Protettorato di Boemia e Moravia, tra i capi delle SS Heydrich, Frank, Eichmann e Günther.

Gennaio 1942
5000 Sinti e Roma dal ghetto di Lodz sono assassinati nelle camere a gas del campo di sterminio di Kulmhof. Tutte le famiglie sinte e rom della Prussia orientale, la maggior parte contadini con aziende agricole e bestiami propri, sono deportati nel campo di concentramento di Bialystok e da lì nel 1943 ad Auschwitz.

7 luglio 1942
Il Reichskommissar per l'Ostland sugli "zingari": "Intendo che siano trattati alla stregua degli Ebrei".

29 agosto 1942
Elogio per l'amministrazione militare tedesca in Serbia: là, con l'aiuto delle camere a gas, "le questioni ebrea e zingara sono state risolte".

14 settembre 1942
Thierack, ministro della giustizia del Reich, verbalizza in una discussione con Goebbels: "Riguardo allo sterminio della vita asociale, il dr. Goebbels è dell'opinione che Ebrei e zingari siano semplicemente da sterminare. L'idea dell'annientamento attraverso il lavoro è la migliore". Il 18 settembre 1942 Thierack discute con Himmler, Streckenbach e altri capi SS l'attuazione dei programmi nelle iniziative delle SS, delle fabbriche d'ami tedesche e dei campi di concentramento.

2 dicembre1942
Lettera segreta dal capo della cancelleria del partito, Martin Bormann, dal "quartiere generale del Führer" ad Himmler nell'Ufficio Principale di Sicurezza del Reich, che asserisce che "il Führer non approverebbe" che "zingari" individuali fossero esclusi dalle "attuali misure" di sterminio per "ricerche sui costumi tedeschi".

16 dicembre 1942
"Decreto di Auschwitz" di Himmler per la deportazione di 22.000 Sinti e Rom europei, inclusi gli ultimi 10.000 dai territori del Reich, nella sezione del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau denominato "campo zingaro".

Maggio 1943
Il dr. Josef Mengele diventa SS dottore del campo di Auschwitz. La sua prima azione è di mandare gassati diverse centinaia di Sinti e Rom. Continua le sue "ricerche sui gemelli", sostenuto dall'Associazione Ricerca Tedesca (Deutsche Forschungsgemeinschaft) e dall'Istituto Kaiser Wilhelm, attraverso l'uccisione di bambini ebrei e sinti. Anche in altri campi di concentramento, Sinti e Rom sono vittime di agghiaccianti esperimenti medici.

16 maggio1944
Il tentativo del comandante del campo di concentramento di mandare i rimanenti 6.000 Sinti e Rom del "campo zingari" nelle camere a gas, fallisce di fronte alla resistenza degli uomini, armati di vanghe, bastoni epietre.

2 agosto 1944
Dissoluzione del "campo zingaro" di Auschwitz-Birkenau. Dei 6.000 Sinti e Rom superstiti a luglio 1944, 3.000 sono deportati in altri campi di concentramento, gli altri 3.000 vengono uccisi nella notte tra il 2 e il 3 agosto.

Maggio 1945
Il numero di Rom e Sinti uccisi nei campi di concentramento e dagli SS Einsatzgruppen alla fine della guerra è stimato in mezzo milione. Dei 40.000 Sinti e Rom tedeschi ed austriaci registrati dai nazisti, oltre 25.000 vennero assassinati.

 
Di Fabrizio (del 01/01/2011 @ 09:16:46, in Europa, visitato 2779 volte)

Da Roma_und_Sinti

SPIEGEL ONLINE International La battaglia infinita sul memoriale di Berlino a Rom e Sinti By Stefan Berg

Sabine Sauer / DER SPIEGEL

28/12/2010 - Il monumento ai Sinti e Rom uccisi nell'Olocausto è da anni in nuce a Berlino. Ma i battibecchi hanno accompagnato il progetto per tutto questo tempo. Adesso, con la costruzione in corso, nuove discussioni minacciano di far deragliare il memoriale.

Il 6 dicembre di solito in Europa è un giorno dedicato ai regali. Ma quest'anno a San Nicola, Bernd Neumann, commissario per gli affari culturali e i media alla Cancelleria tedesca, ha ricevuto per posta una brutta sorpresa. Era una lettera da Israele, piena di espressioni indignate, come "vergogna", "credibilità" e "separazione effettiva".

La nota di protesta era spedita a Neumann, 68 anni, in quanto custode dei monumenti e memoriali della nazione. Quando viene costruito un memoriale per le vittime della dittatura nazista, Neumann, membro dei Cristiano Democratici, è il responsabile della costruzione. E' un lavoro che richiede sensibilità, perché affronta il collocamento delle vittime nella storia e lo status odierno delle loro organizzazioni. L'erezione di un nuovo monumento è quasi sempre accompagnata da aspre battaglie ad alto livello emotivo, che a volte durano sino al giorno della cerimonia d'inaugurazione.

L'attuale controversia ruota attorno ad un memoriale per i circa 500.000 Sinti e Rom uccisi dalla Germania nazista durante la II guerra mondiale. Il monumento è in costruzione proprio di fronte al Reichstag, la sede del parlamento a Berlino, ma l'artista israeliano Dani Karavan, 80 anni, ed il committente sono stati in disaccordo per mesi. Inizialmente la controversia riguardava questioni banali come i materiali da costruzione e le spese. Ma ora ha una natura più fondamentale. L'artista è preoccupato per la "santità" del suo lavoro e sta minacciando di tirarsi fuori. Il progetto è in pericolo.

Una piccola piscina d'acqua

E' stata un'impresa complicata sin dall'inizio. Nel 1992, il governo tedesco promise ai Sinti e ai Rom un memoriale tutto loro, perché il memoriale per l'Olocausto nel cuore di Berlino era per commemorare lo sterminio degli Ebrei. Agli altri gruppi di vittime vennero promesso i loro memoriali.

Partner del governo nella costruzione del monumento è il Consiglio Centrale dei Rom e Sinti Tedeschi, ed il presidente del gruppo, Romani Rose, è stato il responsabile della chiamata di Karavan, un artista testardo ma rispettato. Il suo progetto per il memoriale - una piccola piscina d'acqua di 12 m. di diametro con in mezzo una stele sporgente - venne accettato senza nessuna gara. Ma quasi da subito, Sinti, Rom, gli storici e il governo si fecero coinvolgere in un'accesa discussione sulla formulazione dell'iscrizione in onore delle vittime. Così nel 2009, mentre la camera alta legislativa, il Bundesrat, stava commemorando la persecuzione dei Rom e dei Sinti, la polizia venne chiamata perché nelle toilette dello stesso Bundesrat avvenivano scontri trai diversi gruppi di vittime.

Ora, però, la costruzione è finalmente in corso. Il governo federale ha stanziato 2 milioni di euro per il progetto - più che sufficienti, si potrebbe pensare, per il progetto di fontana che è relativamente semplice.

Ragionamento però, che si è dimostrato non corretto. L'influente avvocato Peter Raue, appassionato d'arte, ha assunto il caso Karavan. "Quanta deviazione dalla perfezione deve sopportare l'artista?" si chiede Raue, accusando le autorità berlinesi di essere "burocratiche e sospettose". Non è questo il modo di creare opere d'arte, aggiunge in una lettera alle autorità cittadine.

"Irregolarità inaccettabili"

Non un singolo dettaglio è stato trascurato nella disputa. "Può essere garantito" che l'acciaio usato nella costruzione sia davvero antiruggine? L'acqua nella piscina sembrerà così scura come vuole l'artista? E chi supervisionerà la compagnia incaricata di costruire il monumento?

L'avvocato Raue lamenta che la città si è impegnata nella "segretezza" perché gli incaricati cittadini hanno avuto l'audacia di visitare il cantiere senza Karavan o un suo rappresentante presenti. Ci sono state polemiche sui cordoli di saldatura, terminati prima della consegna di altri segmenti e quindi a rischio di arrugginirsi. Karavan una volta si è lamentato di "irregolarità inaccettabili" ed è stato sul punto di far interrompere la costruzione da un tribunale.

In una serie di lettere tossiche, entrambe le parti si accusano a vicenda per i ritardi. I desideri speciali di Karavan, dicono i funzionari cittadini, hanno ritardato il progetto di due anni - "almeno". Raue, dal canto suo, accusa i burocrati di essere "maleducati e distruttivi" e non esclude il "collasso del progetto", aggiungendo: "L'artista ritirerà il suo nome se il lavoro non seguirà le sue specifiche".

Ormai, i funzionari della Cancelleria sono stanchi di tutta la vicenda. Sospettano anche che ci sia qualcos'altro dietro le "costanti richieste dell'artista di modifiche", vale a dire semplicemente un modo di chiedere un compenso più alto e maggiori oneri alla fine. Era stato concordato con Karavan un rimborso forfettario delle spese di viaggio, e l'israeliano avrebbe dovuto volare 10 volte in Germania per incontri e visite in loco. Ma poi ha sostenuto costi più elevati per i biglietti individuali a Berlino o, in un caso, una visita alla Filarmonica compresa di pasto per i suoi ospiti. "Assolutamente non rimborsabile"l hanno concluso i funzionari.

Aspettando un disgelo

Ma esattamente, come si fa a raggiungere la capitale tedesca spendendo poco? Volando con El Al o con Lufthansa? E all'anziano artista è permesso volare in Business Class? L'avvocato Raue e l'amministrazione di Berlino si sono scambiati dure note scritte, inizialmente su punti di saldatura e rapporti di prova, ed ora sulle offerte aeree più economiche. Il suo cliente non ha mai presentato una nota spese meno che accurata. Dati che tutto sta prendendo così tanto tempo, dice Raue, ora è determinato ad ottenere una tariffa più alta per l'artista israeliano.

Il commissario alla cultura Neumann sta facendo del suo meglio per smorzare i toni, tentando tatticamente di placare tutte le parti. Vuol vedere il lavoro completato, "d'accordo con l'artista, se possibile", sottolinea. Neumann si vede chiamato a fungere da arbitro.

La data prevista per la cerimonia d'inaugurazione, il 28 ottobre, è già passata, e non senza dispute su una nuova data. Ora le parti indicano timidamente il prossimo maggio. Rimane da vedere se ciò accadrà.

Per ora il clima invernale ha portato un'interruzione alla costruzione. Entrambe le parti aspettano un disgelo.

 
Di Fabrizio (del 28/12/2010 @ 09:55:11, in Europa, visitato 1688 volte)

Da Roma_Francais

24 heures Raphaël Ebinger | 21.12.2010 | 00:00

Il problema dell'aumento della comunità rom per le strade di Losanna e nei centri d'accoglienza notturni pressa le autorità comunali. A punto tale che l'incaricato del dicastero degli affari sociali, Jean-Christophe Bourquin, ha deciso di mantenere il silenzio. Eppure, i giorni scorsi il rifugio di Vallée de la Jeunesse, gestito dal suo ufficio, non poteva ospitare tutti i Senza Fissa Dimora (SDF). Alcuni Rom sono stati costretti allora a dormire all'aperto.

La questione della mancanza di posti nei rifugi però fa reagire la Losanna politica. Con l'obiettivo possibile di proibire l'accattonaggio. Questa misura, depositata sotto forma di postulato oltre un anno fa, sarà discussa in consiglio comunale il prossimo 18 gennaio. La sua attuazione potrebbe regolare, tra l'altro, la popolazione rom.

Questa comunità è in effetti responsabile della situazione vissuta nei centri d'accoglienza. "La tendenza era già verso la piena occupazione, - riconosce Michel Cornut, capo del servizio sociale della città - Questo inverno, il netto aumento dei Rom ha teso la situazione. L'apertura urgente di letti supplementari a Vallée de la Jeunesse le ultime settimana non è sufficiente a ripianarla." Attualmente, i Rom occupano la maggioranza dei 35 posti letto.

La soluzione di UDC, Lausanne Ensemble e dei Verdi, consiste dunque nell'interdizione dell'accattonaggio. L’UDC chiede una proibizione totale, mentre il fronte che riunisce i Verdi a Lausanne Ensemble vorrebbe che fosse studiato un più vasto piano d'azione.

"Occorre che il comune prenda rapidamente in mano la situazione, aumentando la capacità d'accoglienza delle strutture d'accoglimento, - dichiara dal conto suo Alain Hubler, presidente di A Gauche toute! - è intollerabile lasciare le persone dormire all'aperto." Una soluzione che potrebbe non risolvere la situazione. "Mettere più letti a disposizione attirerebbe una popolazione più numerosa e da più lontano - stima Michel Cornut. - Ci mancherebbero sempre dei letti."

Assumere un mediatore

Resta forse una terza possibilità, che è anche parte della richiesta depositata dal socialista Jean Tschopp: l'assunzione di un mediatore. "Potrebbe spiegare le regole di vita che si applicano nei centri e nella società svizzera in generale", nota Marc Vuilleumier, che difenderà questa disposizione. L'incaricato alla sicurezza si riferisce ai Rom che hanno giocato ultimamente grosse somme di denaro a poker (24 heures di sabato e ieri). Pratiche contrarie al regolamento della struttura di Vallée de la Jeunesse e che sono valse loro un avvertimento.

"Resta da sapere quali saranno i suoi incarichi - si domanda Axel Marion, di Lausanne Ensemble. - Non deve essere il portavoce della comunità rom." Le parti sostengono piuttosto l'idea che questo mediatore sia l'anello mancante per entrare in contatto con una popolazione sconosciuta dagli attori sociali. "Dev'essere un partner per cui noi possiamo comprenderli e per farci comprendere", precisa Jean Tschopp.

 
Di Fabrizio (del 16/12/2010 @ 08:57:22, in Europa, visitato 1192 volte)

Da Roma_Francais

Textes: Hervé de Chalendar

REPORT - Rom: ritorno, sotto la neve, nelle bidonvilles di Strasburgo

Alcuni sono rialloggiati in ostello, altri negli appartamenti. Altri infine dormono sempre in rifugi indegni: da una settimana è stato lanciato il piano "grande freddo" e siamo tornato a vedere i Rom di Strasburgo.

Tre mesi fa (L'Alsace del 4 settembre), non c'erano che tende. Ed il sibilo delle auto era attenuato, filtrato attraverso le foglie delle siepi selvatiche. Il campo è sempre là, a Strasburgo-Koenigshoffen, inserito tra la bretella autostradale e lo stadio del calcio. Ma le tende non sono più occupate, sono state rimpiazzate da tre baracche costruite con materiali di recupero.

"Le abbiamo costruite noi, per i bambini," racconta Samir, 20 anni. Dentro, i pannelli di legno sono ricoperti da pezzi di tessuto. Una stufa sta bruciando tutto il legno a disposizione.

Cinque persone vivono dormendo in questa baracca: "I miei genitori, io e le due piccole," enumera Samir. Questa famiglia è arrivata in Francia nel 2001. Vive di elemosina ed assegni familiari. Sono le 13.30. Vasil e Simana, 9 e 7 anni, ripartono verso la scuola.

Due giorni prima della nostra visita, le prefetture alsaziane avevano attivato il piano "grande freddo". Quel giorno, la temperatura era di poco sopra lo zero. La neve si attacca ai vestiti stesi sulle corde.

"E gli altri?"

Una dozzina di Rom vivono in questo campo, senza elettricità e con un solo idrante, poco più lontano, per il rifornimento dell'acqua. Samir, annuncia una grande novità: "Una signora del comune verrà a parlare con noi..." Se proponesse un ostello? "Sarà complicato: non si può fare da mangiare, i bambini vanno a scuola qui..." La "signora" in effetti arriva, accompagnata da un'altra. Tutti si ritirano nella baracca. Poi Samir esce tutto contento: "Francamente, va bene!" Ha proposto un appartamento sino al 31 marzo, in una struttura associativa, verso Lingolsheim. La famiglia metterà un lucchetto alla baracca e stasera la lascerà. "E gli altri?" Risposta: "Oggi a voi..."

Appartamento proposto a questa famiglia di cinque, ma anche a Gaby, 17 anni, e suo figlio di cinque mesi. Eccola, appunto, col suo bambino in braccio. Quando viene a conoscenza che il padre del bambino non ha diritto all'appartamento, rifiuta l'aiuto offerto dal sindaco... E ritorna nel campo dove "alloggia", dall'altro lato dello stadio. Allatta mentre cammina, in un paesaggio innevato. Cinque roulotte con i vetri di plastica rattoppati col nastro adesivo sono radunate attorno a degli alberi rachitici. Qui sopravvivono una ventina di persone (di cui la metà sono minori). "Qui ho il riscaldamento, la legna, tutto...", assicura timidamente la madre. La situazione si sistemerà poco dopo: con l'aiuto di una associazione, la coppia e il bambino verranno rialloggiati in un monolocale.

"La Romania, è morta!

"E io?" si interroga Nicola, suo vicino, padre anche lui di due bambini piccoli. "Io, sono qui da vent'anni e non mi offrono niente?" Se gli si parla del suo paese d'origine, si infuria: "Mai! La Romania, è morta!"

Passaggio in un terzo campo, sempre a Koenigshoffen. E' quasi deserto. Ci sono solo tre roulotte. Dentro una di queste, Ramona, 22 anni, è solo di passaggio: è da due mesi in un ostello, con suo marito, suo figlio (sette mesi) e sua figlia (4 anni). Viene qui solo per preparare i pasti. Ma oggi, non c'è più gas... "La bombola costa 27 €, non posso!" Ogni mattina, Ramona fa l'elemosina sullo stesso pezzo di marciapiede di Strasburgo. "Tutti sono abbastanza gentili con me..."

In Francia da due anni, segue corsi di francese e si scusa per il disordine... Racconta di aver fatto domanda per l'auto impresa e di vivere di piccoli commerci. Sorride, con fiducia...

 
Di Fabrizio (del 13/12/2010 @ 09:01:28, in Europa, visitato 1415 volte)

Da Romanian_Roma

Carissimi!

Vorrei chiedervi di leggere e firmare la petizione dei Rrom che vivono fuori dalla Romania, e protestare contro la decisione delle autorità rumene.

http://www.petitiononline.com/sa3la3ta/petition.html

Vostro fratello,
Emilian Niculae.
emilian_nic@yahoo.com
Attivista dei diritti umani, Toronto, cittadino canadese.

Testo in italiano della petizione:

Al:

  • Governo rumeno,
  • Congresso USA,
  • Governo canadese,
  • Unione Europea.
  • Organizzazioni Internazionali dei diritti umani,
  • Giornali,
  • Fonti online di informazione,
  • Media rumeni,
  • Gente nel mondo.

Noi, popolo rom del mondo assieme ai residenti e cittadini di questi paesi, vogliamo esprimere la nostra seria preoccupazione e disappunto, e registrare la nostra protesta ed apprensione riguardo i nuovi incidenti di razzismo che sono perpetrati contro i Rrom in Romania dal governo rumeno attraverso la sua rappresentanza politica eletta. Alcuni, che rappresentano le istituzioni ad alto livello, stanno portando attraverso le loro apparizioni pubbliche accuse gravi e disinformanti contro il popolo rrom, da loro accusato di criminalità etnica. Alcune di queste accuse sono state rese pubblicamente dal presidente rumeno, Traian Basescu, che ha ripetutamente indirizzato accuse senza fondamento contro il popolo rrom alla nazione che lo ha eletto in carica. Protestiamo inoltre per altre forme di umiliazione rivolte ai Rrom da rappresentative parlamentari del governo rumeno. Invece di mostrare tolleranza e rispetto verso i propri cittadini rrom, stanno invece indirizzando insulti ed umiliazioni al popolo rrom, non solo i cittadini rrom di Romania, ma a tutti i Rrom nel mondo.

Anche se noi Rrom abbiamo vissuto in Romania per oltre 700 anni, ancora non siamo considerati i benvenuti. Al contrario, ci viene impedito di integrarci nella società rumena. Siamo stati marginalizzati e considerati cittadini di seconda classe. Siamo ancora condannati e obbligati a provare vergogna come creature subumane che sono considerate più al livello di animali che di esseri umani. E' stato così sin da quando siamo apparsi per la prima volta sul territorio rumeno e costretti in schiavitù in Valacchia e Moldavia.

Il governo rumeno ed i suoi rappresentanti, che hanno l'obbligo legale di lavorare costruttivamente per l'integrazione sociale del popolo rrom, stanno tentando attraverso le loro azioni e dichiarazioni di degradare il popolo rrom e di diffondere un'immagine falsa di chi siamo sui media pubblici. Così facendo, invece di migliorare la situazione, stanno incitando i cittadini rumeni contro i cittadini rrom nel creare ulteriori difficoltà per i rrom emarginati della società. Continuano a perpetrare la miseria e le ingiustizie che i Rrom hanno sofferto attraverso la loro storia in Romania, iniziando quando venne introdotta la schiavitù dei Rrom nel 1385 sino a quando venne ufficialmente abolita nel 1844. Ci viene costantemente negata la possibilità di integrarci con successo nella società maggioritaria in quanto Rrom.

La recente decisione dei legislatori rumeni di approvare una proposta di Silviu Prigoana, rappresentante del Partito Democratico Liberale (PDL), di cambiare ufficialmente la definizione etnica di Rrom nella definizione peggiorativa di "tigan", un sinonimo di "schiavo", è solo un ulteriore esempio lampante che l'attuale governo rumeno non ha rispetto per il popolo rrom, non soltanto in Romania ma anche verso tutti i Rrom nel resto del mondo, in paesi che, in maggior parte, garantiscono i loro diritti di identità etnica, dignità ed autodeterminazione [sic].

QUESTA NUOVA DECISIONE DELLE AUTORITA' RUMENE E' UN TENTATIVO DI RESTRINGERE I DIRITTI CIVILI DEI RROM RUMENI, CHE STIGMATIZZA ANCHE TUTTI I RROM NEL MONDO.

Noi, Rrom dentro e fuori dalla Romania, siamo costernati perché il governo della Romania sta violando in maniera flagrante i diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione rumena ed i patti che la Romania ha firmato per diventare un membro dell'Unione Europea che sostiene la Dichiarazione ONU sui Diritti Umani.

La Costituzione rumena, all'art.6 & 1, ripete quanto segue:

"Lo Stato riconosce e garantisce alle persone che appartengono alle minoranze nazionali il diritto di mantenere, sviluppare ed esprimere le loro identità etniche, ed i loro diritti culturali, linguistici e religiosi."

Chiediamo con forza che il governo della Romania riveda la sua politica nazionale riguardo l'integrazione rrom. Chiediamo con forza che il governo rumeno veda il popolo rrom come una nazione mondiale senza confini.

Chiediamo anche che il governo rumeno inverta la sua attuale posizione e non ci imponga la definizione di "tigan", un termine peggiorativo che ci venne applicato da estranei sulla base del nostro ruolo di non-eguali nella società rumena, durante il periodo che iniziò nel 1385 quando fummo resi schiavi nei principati rumeni di Moldavia e Valacchia e che terminò solo nel 1844 con l'abolizione della schiavitù rrom in Romania.

Chiediamo inoltre che il governo riveda questa negativa decisione politica che va contro a quanto richiesto dall'Unione Europea e dalle Nazioni Unite riguardo le minoranze etniche in uno stato membro. Se questa azione negativa avesse un seguito, proverebbe al mondo che il governo rumeno non ha interesse nell'integrazione costruttiva dei suoi cittadini rrom nella società rumena e sarebbe inoltre un insulto a tutti i Rrom.

Ancora una volta, con questa proposta, la Romania sta dimostrando alla comunità internazionale che il razzismo e la violenza contro i Rrom, che riemerge dopo la caduta del comunismo nel 1989, viene ufficialmente appoggiata e perpetrata dall'attuale governo rumeno.

Noi, Rrom dentro e fuori dalla Romania, non concordiamo con la decisione del governo rumeno, che propone di applicare alla nostra nazione una definizione etnica, che non riconosciamo e rigettiamo con forza. Siamo Rrom - non "tigani".

Chiediamo a quanti riconoscano il nostro diritto ad autodefinirci Rrom, di firmare la petizione. Vi chiediamo anche di scrivere al consolato rumeno nel vostro paese per chiedere che il governo rumeno inverta la sua decisione  di negarci una definizione etnica appropriata, quella di Rrom. Questa proposta di legge è illegale in un paese membro della UE e membro delle Nazioni Unite. E' anche un insulto alla dignità del popolo Rrom nel mondo.

 
Di Fabrizio (del 09/12/2010 @ 09:22:35, in Europa, visitato 912 volte)

Da Romanian_Roma (i link sono in inglese)

Blog Amnesty USA

Questo post è parte della nostra serie Write for Rights

03/12/2010 - Circa 100 bambini, donne e uomini, sgomberati a forza dalle loro case sei anni fa dal governo rumeno, continuano a vivere in condizioni sporche e disumane. Senza nessun altro posto dove andare, sono stipati in piccole e sovraffollate baracche di metallo, proprio accanto ad un grande impianto di depurazione. Un cartello fuori dall'impianto ammonisce "pericolo tossico", ma le autorità hanno mancato di avvertire e le famiglie rom stanno soffrendo.

Le famiglie rom vengono dalla città rumena di Miercurea Ciuc, e nonostante il fatto che le autorità hanno detto loro che lo spostamento fosse solo temporaneo, sono passati sei anni e ancora non ci sono piani per rilocarli. Le rimanenti 75 persone vivono con soltanto 4 servizi igienici, 1 rubinetto per l'acqua e baracche che non forniscono protezione dagli elementi [naturali], cosa che da serie preoccupazioni per la stagione invernale, con temperature che scendono a -25 °C (-13 °F). Inoltre, le famiglie vivono nel raggio di 300 metri dai rifiuti tossici, cosa proibita dalla legge rumena. Molti Rom hanno espresso preoccupazione per la loro salute e quella delle loro famiglie, segnalando un odore terribile che aleggia costantemente nell'aria.

E' stato violato il diritto internazionale quando i Rom sono stati sfrattati a forza sei anni fa: alle famiglie non è stata data l'opportunità di ricorrere contro la decisione dello sgombero, e non venne data loro opportunità di impegnarsi nel processo decisionale. Nessuna notificazione scritta, che specificasse la data dello sgombero, venne data in tempo utile agli interessati, nonostante la legge rumena lo richiedesse. Inoltre, le condizioni attuali di vita non soddisfano il diritto umano ad un alloggio adeguato. Sfortunatamente, questo caso non è l'unico in Romania: i Rom sono stati frequentemente vittime di discriminazioni in tutta Europa, soffrono di alloggio, istruzione, sanità, acqua e servizi igienici inadeguati. Il Decennio dell'Inclusione Rom, avviato nel 2005 da otto paesi europei col sostegno internazionale, ha messo in luce le disperate condizioni dei Rom [...] in tutta Europa. Tristemente, a metà strada dell'iniziativa, rimane ancora molto da fare per assicurare diritti umani adeguati alla popolazione rom. Potete aiutare a fare la differenza partecipando al Global Write-a-Thon di quest'anno, ed inviando lettere alle autorità rumene, chiedendo che siano prese azioni per aiutare queste famiglie rom.

Jodi Rafkin, Romania Country Specialist, ed Elizabeth Stitt, Campagna per individui a rischio, hanno contribuito a questo post.

 
Di Fabrizio (del 04/12/2010 @ 09:06:20, in Europa, visitato 1165 volte)

Segnalazione di Alberto Panaro

Lo scorso luglio il governo Sarkozy stabiliva la possibilità per le autorità francesi di espellere i rom non su base individuale ma sulla base della loro etnia. Il governo d'Oltralpe aveva deciso nello specifico di chiudere 300 campi rom ed espellere dal Paese i loro abitanti. La Commissione Europea aveva accusato l'esecutivo francese di violazione della normativa europea sui migranti nelle leggi nazionali; per tanto aveva dato a Parigi un ultimatum per modificare il provvedimento in linea con le normative comunitarie, pena l'apertura ufficiale della procedura d'infrazione e le conseguenti sanzioni pecuniarie. L'ultimatum europeo è scaduto lo scorso 15 ottobre. Com'è andata a finire? La Francia ha risposto nell'ultimo giorno a disposizione, assicurando di voler cambiare la legge in questione, in modo conforme alla direttiva europea 2004/38, sulla libera circolazione dei cittadini del'Unione europea, oggetto del contendere secondo la Commissione Ue. Quindi la Francia avrebbe sostanzialmente ammesso di aver autorizzato delle espulsioni illegali. La Commissione europea, quindi, ha dichiarato che non aprirà nessun procedimento penale contro la Francia, esprimendo soddisfazione per la retromarcia del governo Sarkozy e per il progetto francese per l'applicazione della direttiva europea. Viviane Reding, vicepresidente dell'esecutivo Ue, ha comunque ribadito che la Commissione intende esaminare come gli stati membri impiegano i fondi comunitari stanziati ad hoc per l'integrazione dei cittadini di etnia rom. E proprio pochi giorni dopo, il 20 ottobre, il Consiglio d'Europa è tornato nuovamente ad occuparsi della questione, votando una risoluzione contro le discriminazioni ai danni delle minoranze, nella quale è stato stralciato il riferimento al ‘caso' francese. In Europa vivono infatti tra i 10 e i 12 milioni di rom e sinti e la questione della loro integrazione e del rispetto dei loro diritti non riguarda solo Parigi. Thomas Hammarberg, commissario dei diritti umani del Consiglio d'Europa ha nuovamente ricordato le violazioni del nostro Paese: «l'Italia ha arrestato ed espulso un numero notevole di rom romeni in questi ultimi anni». Ma mentre continuano a siglarsi testi e risoluzioni che inneggiano genericamente al rispetto dei diritti del popolo rom, è evidente come i Paesi membri continuino ad essere restii ad applicare puntualmente le normative europee e i leader ad abbandonare le loro strategie di propaganda xenofoba e razzista. Tutto ciò mentre sta per concludersi il 2010, anno in cui si celebrano i 60 anni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e a poche settimane dal 2011, Anno europeo delle attività di volontariato che promuovono la cittadinanza attiva.

 
Di Fabrizio (del 02/12/2010 @ 09:51:49, in Europa, visitato 1120 volte)

Da Romanian_Roma

FOCUS News Agency

Bucarest, 27/11/2010 - Informa AFP, in una ricerca presentata sabato a Bucarest, che nell'ultima decade i Rumeni sono diventati più tolleranti verso i loro compatrioti rom.

"I risultati mostrano un netto aumento del livello di tolleranza verso i Rom, come pure un aumento dei contatti tra le due comunità nella vita quotidiana", ha detto ad AFP Mirel Palada, direttore della Compagnia di Ricerca Sociologica, che ha condotto la ricerca assieme all'OnG Pro Democratia.

Più di tre quarti dei 1.500 intervistati hanno detto che non si preoccuperebbero se una persona rom vivesse nella loro città. Nel 2002, solo il 62% lo affermava.

Quasi i due terzi - contro solo il 41% nel 2002 - hanno detto che non gli dispiacerebbe di essere amici con un Rom rumeno.

Inoltre appaiono in crescita i contatti tra Rom e non-rom nella vita quotidiana.

Quasi i due terzi degli intervistati hanno detto di avere un collega rom a lavoro, comparati al 27% di otto anni fa.

Ma i pregiudizi contro i Rom sono rimasti forti col 44% che afferma di associare la minoranza ai furti e l'82% che ammette di avere una fiducia limitata verso di loro.

La comunità rom rumena è la più grande d'Europa. Le cifre ufficiali dicono sia di 530.000, ma alcuni gruppi la pongono oltre i 2,5 milioni, spiegando che la maggior parte dei Rom non si dichiara per paura delle discriminazioni.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/02/2020 @ 23:11:04
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Usten Romalen!... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1570 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source