\\ Mahalla : Articolo : Stampa
La Francia, l'Europa e i Rom. Una nota di Vittorio Agnoletto
Di Fabrizio (del 04/12/2010 @ 09:06:20, in Europa, visitato 1176 volte)

Segnalazione di Alberto Panaro

Lo scorso luglio il governo Sarkozy stabiliva la possibilità per le autorità francesi di espellere i rom non su base individuale ma sulla base della loro etnia. Il governo d'Oltralpe aveva deciso nello specifico di chiudere 300 campi rom ed espellere dal Paese i loro abitanti. La Commissione Europea aveva accusato l'esecutivo francese di violazione della normativa europea sui migranti nelle leggi nazionali; per tanto aveva dato a Parigi un ultimatum per modificare il provvedimento in linea con le normative comunitarie, pena l'apertura ufficiale della procedura d'infrazione e le conseguenti sanzioni pecuniarie. L'ultimatum europeo è scaduto lo scorso 15 ottobre. Com'è andata a finire? La Francia ha risposto nell'ultimo giorno a disposizione, assicurando di voler cambiare la legge in questione, in modo conforme alla direttiva europea 2004/38, sulla libera circolazione dei cittadini del'Unione europea, oggetto del contendere secondo la Commissione Ue. Quindi la Francia avrebbe sostanzialmente ammesso di aver autorizzato delle espulsioni illegali. La Commissione europea, quindi, ha dichiarato che non aprirà nessun procedimento penale contro la Francia, esprimendo soddisfazione per la retromarcia del governo Sarkozy e per il progetto francese per l'applicazione della direttiva europea. Viviane Reding, vicepresidente dell'esecutivo Ue, ha comunque ribadito che la Commissione intende esaminare come gli stati membri impiegano i fondi comunitari stanziati ad hoc per l'integrazione dei cittadini di etnia rom. E proprio pochi giorni dopo, il 20 ottobre, il Consiglio d'Europa è tornato nuovamente ad occuparsi della questione, votando una risoluzione contro le discriminazioni ai danni delle minoranze, nella quale è stato stralciato il riferimento al ‘caso' francese. In Europa vivono infatti tra i 10 e i 12 milioni di rom e sinti e la questione della loro integrazione e del rispetto dei loro diritti non riguarda solo Parigi. Thomas Hammarberg, commissario dei diritti umani del Consiglio d'Europa ha nuovamente ricordato le violazioni del nostro Paese: «l'Italia ha arrestato ed espulso un numero notevole di rom romeni in questi ultimi anni». Ma mentre continuano a siglarsi testi e risoluzioni che inneggiano genericamente al rispetto dei diritti del popolo rom, è evidente come i Paesi membri continuino ad essere restii ad applicare puntualmente le normative europee e i leader ad abbandonare le loro strategie di propaganda xenofoba e razzista. Tutto ciò mentre sta per concludersi il 2010, anno in cui si celebrano i 60 anni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e a poche settimane dal 2011, Anno europeo delle attività di volontariato che promuovono la cittadinanza attiva.