Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 26/01/2014 @ 09:02:40, in Europa, visitato 1158 volte)

I Rom residenti a Govanhill intendono essere parte della soluzione by Catriona Stewart, Columnist/reporter. Wednesday 08/01/2014 EveningTimes

[...]

Tutti parlano dei problemi più pubblicizzati nella comunità del South Side - provvisorietà, sovraffollamento, crimine.

E' il tipo di discorsi che si ascoltano in continuazione dai residenti stanchi dei problemi di Govanhill... e della sua reputazione.

L'unica differenza è che questo gruppo è rom, la comunità regolarmente accusata di scatenare i problemi.

"I problemi c'erano già prima del nostro arrivo," dice Marcela Adamova, operatrice di sviluppo per i Rom presso Oxfam Scozia.

"Veniamo però colpevolizzati per cose non causate da noi. E' soltanto un piccolo gruppo di persone che sta dando a tutti una cattiva reputazione."

Uno dei problemi principali, ritiene Marcela, è la mancanza di comunicazione tra i residenti "storici" di Govanhill ed i Rom.

Come risposta, assieme ad Eva  - Kourova, lavoratrice di comunità, ha creato un nuovo centro comunitario in Albert Road per Rom e no.

Dice Eva: "Vogliamo che i Rom abbiano a disposizione gli stessi servizi di chiunque altro a Govanhill; un posto dove incontrarsi e parlare. Ma speriamo che anche gli altri abitanti del luogo prendano parte attiva a questo dialogo, tra i due gruppi. "

"Qui una gran parte del problema sono la mancanza di comunicazione e comprensione culturale."

I gruppi rom dalla Slovacchia e dalla Romania iniziarono ad arrivare a Glasgow, e la maggioranza di loro si insediò a Govanhill.

Il rapporto più recente, Mapping the Roma Community in Scotland, stima ci siano tra i 3.000 e i 4.000 Rom che vivono nella città.

Per una comunità piccola, l'influsso è stato enorme e la gente del posto ha trovato difficoltà nell'accogliere questi nuovi vicini.

I Rom sono stati rimproverati di scaricare rifiuti abusivamente, comportamenti antisociali e problemi alloggiativi come il sovraffollamento.

Dice Marcela, proveniente dalla Slovacchia: "Siamo arrivati a Glasgow per le stesse ragioni degli altri gruppi - un'opportunità di vita migliore. Ma voci e preconcetti possono rendere tutto difficile. Siamo una cultura di strada che gli altri trovano scomoda. A noi piace, parlare e socializzare all'aperto, è così che condividiamo le notizie e scopriamo cosa succede. Ma la gente pensa che stiamo complottando. Inoltre, per noi non è insolito avere i nostri nonni che vivono con noi o sostenere altri parenti, ma la gente si lamenta del sovraffollamento. E poi, appartamenti in cui vivano sino a 20 persone, come dice la stampa - in realtà è una cosa veramente rara. Non sono mai stata in un appartamento con così tante persone."

Madalin Caladras, un giovane di 20 anni, negli ultimi cinque ha vissuto a Govanhill.

Eva e Marcela ritengono che potrebbe lavorare con loro - il suo inglese è eccellente - ma Madalin ha altri progetti.

Madalin ritiene che la zona non sia più come quando arrivò ed ora spera di trasferirsi in Francia - parla sia inglese che francese.

Dice: "Qui mi sento stabilito; arrivai perché mio zio era qui e parlava bene della zona. Ma non è più come quando arrivai. Qua la gente combatterà per strada, è abbastanza intimidante. La mia famiglia è a Parigi e così spero presto di trasferirmi là."

Lenka Milkova ha vissuto quattro anni a Govanhill e ne ha fatto della zona la sua dimora.

Aggiunge: "Qui mi sento bene. Sono felici di stare qui. E' molto meglio che tornare indietro e sento per il bene dei miei figli che vivere qui è il mio futuro e questo la chiamo casa. Le opportunità per noi potrebbero essere migliori e mi preoccupo che i miei figli siano esposti alle discriminizioni di altri gruppi giovanili, ma vogliamo lavorare e riuscire."

Marcela dice che ora l'obiettivo è lavorare per migliorare la vita della prossima generazione di Rom.

Le scuole dell'area si sono attivate per aiutare gli alunni in classe e a rimanere a scuola.

Marcela, 33 anni, due anni fa ha anche fondato il gruppo  Romano Lav - Voce Romanì in romanes - per dare sostegno ai Rom della zona.

Dice Eva: "Sono stati spesi un sacco di soldi e di sforzi in indagini, relazioni scritte e impiegati, piuttosto che nel personale e nei servizi di prima linea. Ma il problema principale è la comunicazione, e speriamo davvero che gli abitanti di qui vengano a trovarci in Albert Road. Parlare tra noi - è l'unico modo di risolvere i problemi."

 
Di Fabrizio (del 09/01/2014 @ 09:07:48, in Europa, visitato 1039 volte)

Pubblicato il 7 gennaio 2014 su PER ESEMPIO onlus

Dal mese di novembre 2013 l'Associazione Per Esempio, in collaborazione con l'Assessorato alla Partecipazione del Comune di Palermo, sta lavorando alla realizzazione del progetto RomaShare - Best practices' exchange in Palermo, finanziato dall'European Youth Foundation del Consiglio d'Europa.

RomaShare è uno scambio di buone pratiche che intende favorire, attraverso il coinvolgimento diretto della comunità romanì di Palermo, il dialogo tra la popolazione rom, le pubbliche amministrazioni e le organizzazioni giovanili su tematiche quali lo status legale, il social housing, l'educazione e l'inclusione sociale. L'azione progettuale mira a promuovere la conoscenza e la diffusione di quegli interventi virtuosi che, rivolti ai Rom e attivati con successo in alcune realtà italiane, potrebbero essere proposti e messi in campo anche nel contesto palermitano.

In linea con tali finalità, il 23, 24 e 25 gennaio 2014 si svolgerà a Palermo, presso i locali della Real Fonderia, un seminario interamente dedicato al confronto costruttivo tra esperti locali e nazionali che, partendo dalle proprie esperienze professionali, offriranno la loro testimonianza e contribuiranno ad individuare strade percorribili ed azioni concrete in favore dei Rom residenti nella città di Palermo. I relatori che si alterneranno nelle varie sessioni dialogheranno tra loro, discutendo di status legale, di social housing e di inserimento scolastico e sociale dei Rom. L'attenzione si estenderà infine, nel corso dell'ultima giornata di lavori, sulle derive razziste e sul fenomeno della discriminazione etnica in atto nelle società contemporanee, mettendo in luce la relazione tra le forme di razzializzazione e i processi economici capitalistici.

Clicca qui per visualizzare e scaricare il programma dettagliato del seminario.
Clicca
qui per scaricare la scheda di iscrizione.

 
Di Fabrizio (del 03/01/2014 @ 09:08:19, in Europa, visitato 1011 volte)

Damian Draghici, funzionario rom, dice che la Gran Bretagna dovrebbe essere più preoccupata dai "furti dei banchieri, invece che dai mendicanti del suo paese By MARTIN ROBINSON - Daily Mail

[...] Damian Draghici, consigliere del primo ministro rumeno, ritiene che i migranti del suo paese debbano avere la possibilità di stabilirsi nel Regno Unito.

Rom, 43 anni, dice di aspettarsi che siano in pochi a muoversi verso la GB, quando si aboliranno il 1 gennaio le restrizioni sul movimento di Rumeni e Bulgari in Europa.

Draghici dice che non gradirebbero la Gran Bretagna per il troppo freddo, e prevede che questo inverno solo 2 o 3.000 potrebbero recarsi nel Regno Unito.

"I mendicanti rom per le strade sono evidenti, perché sono visibili, chiedono una sterlina o un euro e per questo ci danno fastidio. Eppure alcune persone nelle banche stanno rubando miliardi di euro, ma nessuno li vede3 perché sono al 60 piano" ha detto al Times.

"Il 70% dei Rom che hanno lasciato la Romania negli ultimi 10 anni sono integrati. Hanno figli che vanno a scuola e si comportano da cittadini e contribuenti attivi."

Ha aggiunto che i gruppi che in diverse occasioni l'anno scorso si erano accampati in Park Lane sono stati "l'eccezione".

[...]

La Romania conta circa due milioni di Rom e ce ne sono 750.000 in Bulgaria, anche se molti sono già partiti per l'Europa Occidentale da quando quei paesi hanno aderito alla UE nel 2007.

Draghici dice che il rigido clima britannico terrà lontano i migranti, e si aspetta che dopo il 1 gennaio saranno circa in 3.000 ad entrare in GB

I migranti da questi paesi in arrivo in GB per Capodanno potrebbero mettere una pressione enorme su case, scuole ed ospedali, avvertiva un importante rapporto la scorsa settimana.

Dice uno studio dell'Institute for Public Policy Research, di centro-sinistra, che la maggior parte dei nuovi arrivati si insedierebbero a Londra e nel Sud-Est - quindi sarebbero i servizi pubblici di quelle aree i più interessati.

Viene detto che la Gran Bretagna settimana prossima potrebbe vedere un aumento di comportamenti antisociali, accattonaggio aggressivo, pernottamenti all'addiaccio e criminalità.

E che i tanto annunciati cambiamenti di David Cameron a regole e benefici sono "altamente simbolici" e produrranno poca o nessuna differenza.

Cameron ha evitato di richiedere alla UE di estendere i controlli, nonostante i sondaggi mostrino un grande appoggio pubblico per tale richiesta.

 
Di Fabrizio (del 02/01/2014 @ 09:05:45, in Europa, visitato 1049 volte)

Il "villaggio attrezzato" della Cesarina, a Roma - ASSOCIAZIONE 21 LUGLIO lunedì, 30 dicembre, 2013

"Veniamo trattati come "pacchi", spostati da una parte all'altra della città senza essere interpellati, e nel timore di essere dimenticati all'interno di un centro segregato, dove gli spazi sono angusti e asfittici, le condizioni igienico-sanitarie difficili e dove ci è proibito ricevere visite".

Si sono rivolte direttamente al Commissario Europeo per i Diritti Umani Nils Muizhnieks alcune delle famiglie rom che nelle scorse settimane sono state trasferite dal "villaggio attrezzato" della Cesarina al centro per soli rom di via Visso, a Roma.

Con la lettera a Strasburgo, i rom vogliono portare all'attenzione del Commissario la "grave condotta da parte dell'Amministrazione di Roma" nei loro confronti dopo che, il mese scorso, lo stesso Muizhnieks aveva esortato la Giunta Marino ad individuare "soluzioni abitative ordinarie" per rom e sinti nella Capitale.

Il 16 dicembre, i 180 rom della Cesarina sono stati trasferiti nel centro di accoglienza per soli rom di via Visso 12, denominato "Best House Rom" e dove già vivono altri 180 rom. Nella lettera al Commissario le famiglie rom denunciano come all'interno del "villaggio attrezzato" le condizioni di vita fossero effettivamente "inaccettabili", a causa di "condizioni alloggiative totalmente inadeguate e dei ripetuti episodi vessatori" ai quali erano sottoposte.

La soluzione individuata dall'Amministrazione capitolina, tuttavia, è stata il trasferimento nell'ennesimo luogo di segregazione per soli rom. Un trasferimento, secondo le famiglie rom firmatarie, avvenuto peraltro senza alcuna consultazione adeguata.

"Contestiamo fortemente la totale assenza di consultazioni e il fatto che non si sia esplorata alcuna ulteriore alternativa rispetto all'unica opzione messa a disposizione dal Comune, che riteniamo inadeguata dato che replica una condizione di segregazione, essendo riservata a soli rom", si legge nella lettera al Commissario Muizhnieks.

"Inoltre - proseguono i rom - non solo veniamo trattati come "pacchi", spostati da una parte all'altra della città, ma ci ritroviamo anche in una condizione di estrema incertezza riguardo al futuro nostro e dei nostri figli".

Nelle intenzioni del Comune, il trasferimento sarebbe una misura temporanea in attesa del rifacimento del "villaggio attrezzato" della Cesarina. Tuttavia, scrivono i rom al Commissario, nessuna tempistica sulla loro permanenza nel centro è stata loro comunicata dall'Amministrazione né tantomeno sull'inizio dei lavori di rifacimento del "campo".

Tutto ciò alimenta "il nostro timore di venire dimenticati all'interno di un centro segregato e inadeguato per chissà quanto tempo, come già successo ad altre persone rom che in precedenza sono state trasferite in questo e in altri centri di accoglienza per soli rom della città di Roma".

Nella risposta alla lettera di novembre inviata da Strasburgo al sindaco Marino, l'Assessore al Sostegno Sociale e Sussidiarietà Rita Cutini aveva garantito al Commissario Muizhnieks che "la volontà e i passi intrapresi dalla nostra amministrazione vanno nella direzione di una piena attuazione delle indicazioni contenute nella Stratega nazionale di Inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti, abbandonando definitivamente l'approccio emergenziale in favore di una gestione di sistema del fenomeno".

Nella loro lettera, però, i rom mettono in evidenza un'altra realtà: "Come le ha recentemente scritto l'Assessore Cutini, anche noi - scrivono i rom a Muizhnieks - le inviamo il nostro invito a venire a visitarci nel nuovo centro per riscontrare di persona la condizione in cui siamo stati costretti dalle autorità della città di Roma: spazi angusti e asfittici, proibizione di ricevere visite, condizioni igienico-sanitarie difficili, regolamenti vessatori".

LEGGI ANCHE:

 
Di Fabrizio (del 16/12/2013 @ 09:08:13, in Europa, visitato 1233 volte)

di Valeriu Nicolae

su Amazon

Dumitru G. è un benestante uomo d'affari rumeno di successo.

Il 4 settembre 2008 noleggiò un minivan online. Pagò usando la sua VISA, ed il sistema emise una ricevuta del noleggio che dichiarava chiaramente come lui fosse la persona che aveva effettuato il noleggio del vicolo, assieme al suo indirizzo rumeno.

Il 5 settembre 2008 Dumitru G. arriva all'ufficio Europcar nell'aeroporto di Monaco di Baviera, chiedendo di ricevere la vettura.

La signorina Manske, di servizio presso 'ufficio Europcar, controllò la prenotazione e l'avvenuto pagamento. Non trovò discrepanze tra la prenotazione, il suo ID e l'indirizzo.

Rifiuta di consegnare il veicolo, motivandolo col fatto che la compagnia "non può affittare veicoli ai cittadini rumeni, perché li rubano e attraversano il confine con quelli." Negli sviluppi successivi, la posizione di Europcar verso i cittadini rumeni si è ripetuta, alla presenza della polizia aeroportuale

Dumitru G. è di pelle scura. La signorina Manske pensò che sembrava un rom e secondo le politiche della sua compagnia, il signor Dumitru era un cliente ad alto rischio.

Dumitru, come molti altri Rom rumeni, è pienamente integrato nella società rumena. Secondo una ricerca di un investigatore privato, molti dei dipendenti rumeni di imprese di successo condotte da Rom, pensano che i proprietari rom abbiano costruito la loro fortuna attraverso il furto e la violenza e che solo da poco (prima che si cominciasse a lavorare per loro) siano diventati onesti e laboriosi.

Negli ultimi 30 anni l'obiettivo principale per qualsiasi istituzione europea, ONU o governo nazionale, è stato l'istruzione e l'occupazione per i Rom.

Un numero significativo (se non la maggioranza) dei Rom che si sono integrati con successo nelle loro società nasconde la proprie radici etniche, dato che non si adattano agli stereotipi prevalenti sui Rom - ignoranti e disoccupati. Ci sono molti casi simili a quello di Dumitru G. - per queste persone il problema non ha niente a che fare con l'istruzione o il lavoro, ma col razzismo (anti-ziganismo). Persone come Dumitru G. possono i essere modelli positivi così necessari, tanto per popolazione maggioritaria che minoritaria e contribuire significativamente all'inclusione sociale dei Rom nelle società europee.

Nell'ultimo trentennio le istituzioni europee hanno equiparato i Rom con quei Rom ignoranti, non qualificati, disoccupati poveri e spesso criminali, soprattutto dai ghetti e dalle comunità romanì tradizionali. Questa parte di popolazione rom (che io chiamo i Rom Frankenstein - vedi QUI, ndr.) incontra gli stereotipi negativi della popolazione maggioritaria ed è stato l'obiettivo principale delle iniziative europee volte all'inclusione sociale dei Rom. Nessuna campagna europea di sensibilizzazione ha mai riguardato tanto i Rom integratisi con successo e neanche il più vasto gruppo dei Rom mischiati etnicamente.

Selezionare le tanto necessarie risorse umane romanì di alta istruzione è fortemente ostacolato dall'esistenza dei gruppi di destinazione e porta ad una leadership di bassa qualità e ad una rappresentazione che allontana le esistenti elite di Rom integratisi con successo.

Perciò, è minimo l'aumento dei Rom che dichiarano la loro identità etnica ed il numero di quei Rom che preferiscono nasconderla è tuttora superiore da 3 a 10 volte. I modelli di ruolo positivi sono quasi del tutto spersi e lo stigma sociale continua ad essere perpetrato dalle esistenti leadership.

Casi come quelli di Dumitru G. dovrebbero segnalare un'urgente necessitò di riforma del paradigma funzionale delle istituzioni europee.

Oltre due terzi dei Rom (secondo le statistiche del Consiglio d'Europa) non dichiarano la loro identità etnica per paura della stigma e la maggior parte dei Rom con successo professionale preferiscono non parlare della propria identità oppure nasconderla. L'anti-ziganismo rimane stridente e diffuso tra le elite politiche d'Europa, come i sondaggi continuano a dimostrare anno dopo dopo anno, che i Rom sono di gran lunga il gruppo etnico più odiato in Europa.


SPOT

Sull'argomento leggi anche: 

Con una testimonianza di Valeriu Nicolae. Clicca sull'immagine per acquistare - La recensione su Mahalla

 
Di Fabrizio (del 28/11/2013 @ 09:00:00, in Europa, visitato 1622 volte)

Sergio Bontempelli 25 novembre 2013 su Corriere delle migrazioni

Quella della "zingara rapitrice" è una falsa leggenda, ormai lo sanno (quasi) tutti. Ma pochi conoscono l'origine di questo mito, che risale all'età moderna e ha una lunga storia letteraria.

A volte i fatti di cronaca sono molto istruttivi. A volte, non sempre. Il 19 ottobre scorso, a Farsala in Grecia, i poliziotti trovano una bambina bionda in un insediamento rom. E siccome i rom - così pensano gli agenti - non possono essere biondi, la bambina sarà stata senz'altro rubata. Parte la caccia ai "veri" genitori, che vengono rintracciati nel giro di pochi giorni: si tratta di una coppia di rom bulgari, anche loro tutt'altro che biondi. La bambina non è stata rubata, ma ceduta dalla famiglia di origine, che non poteva mantenerla.
Due giorni dopo, la polizia irlandese ferma una coppia di rom a Dublino e trattiene la loro piccola figlia, anche lei "troppo bionda per essere zingara". Ma il caso si sgonfia subito: il test del Dna rivela che i due rom sono i genitori "naturali" della piccola.
Il 3 novembre, Il Messaggero riporta la notizia di una rom bulgara che avrebbe tentato di rapire un neonato a Roma. La presunta rapitrice verrebbe dai dintorni di Napoli, dal "campo nomadi di Striano". Bastano poche ore per capire che si tratta di una bufala: a seguito di una rapida verifica, l'Associazione 21 Luglio scopre che non esiste nessun "campo nomadi di Striano", mentre un articolo del giornale online Giornalettismo ridimensionava l'ipotesi del rapimento. La donna - che probabilmente non era rom - era in evidente stato confusionale, e la sua volontà di "sottrarre" il bambino è tutta da verificare.

I rom non rubano i bambini...
Tre episodi di rapimento, rivelatesi tre colossali bufale. Ancora una volta, la storia degli "zingari" che portano via i bambini si rivela per quello che è: una leggenda metropolitana.
Del resto, che i rom non rubino i neonati lo sanno tutti. O, almeno, tutte le persone serie e minimamente informate. Anche perché sul tema si è accumulata una corposa letteratura: dossier, reportage, rilevazioni statistiche, studi e ricerche sistematiche.
Ci sono per esempio i dati della Polizia di Stato sui minori scomparsi. In nessun caso si parla di bambini o adolescenti ritrovati presso famiglie rom o in "campi nomadi" (si veda qui, e per dati aggiornati al 2013 qui).
Poi ci sono inchieste giornalistiche ben fatte, reperibili anche in rete: come quella realizzata nel 2007 da Carmilla Online, dove si dimostrava che i numerosi episodi di presunto rapimento di minori erano delle bufale belle e buone. O come quella, più recente, di Elena Tebano per il Corriere, che arriva alle stesse conclusioni.
Infine, c'è la ricerca dell'antropologa fiorentina Sabrina Tosi Cambini, che ha analizzato tutti i casi di presunti rapimenti, seguendo sia le notizie diffuse dalla stampa che i verbali dei processi nelle aule di Tribunale. L'esito di questa meticolosa indagine è sempre il solito: nessuna donna rom ha mai rapito nessun bambino.

Le origini della leggenda: un mito letterario
Ma allora da dove nasce la bufala dei rom che portano via i bambini? Pochi sanno che si tratta di una storia vecchia di qualche secolo, e che può vantare un'origine "colta", addirittura letteraria: i primi a parlare di "zingare rapitrici" sono stati infatti i commediografi italiani e spagnoli del Cinque-Seicento. Nell'arco di qualche decennio, la trama delle loro opere è diventata leggenda di senso comune: la finzione, potremmo dire, si è fatta realtà (o, per meglio dire, il racconto è divenuto cronaca e falsa notizia). Ma andiamo con ordine.
Tutto comincia nel 1544 a Venezia. Il luogo non è casuale, perché proprio in quegli anni la Serenissima avvia una dura politica di espulsioni, bandi e atti repressivi contro gli "zingari". Mentre la gloriosa Repubblica si industria ad allontanare i rom, i veneziani frequentano il teatro, luogo di svago e di vita mondana: e come in un gioco di specchi, gli "zingari" cacciati dalla città fanno capolino sul palco.
Nel 1544 viene messa in scena La Zingana, una commedia di un certo Gigio Artemio Giancarli. Qui si racconta di una giovane rom che sottrae dalla culla un bambino, sostituendolo col proprio figlio: per quanto se ne sa, si tratta della prima traccia del mito della "zingara rapitrice". Il successo della commedia oltrepassa i confini della Repubblica: nel giro di pochi anni un drammaturgo spagnolo, Lope de Rueda, scrive la Medora, che è nient'altro che una traduzione e un adattamento della Zingana di Giancarli. E attraverso Lope de Rueda, la leggenda della "zingara rapitrice" arriva a Cervantes (l'autore del Don Chisciotte), che ne fa l'oggetto di una delle sue "Novelle esemplari", La Gitanilla.

Da opera letteraria a leggenda metropolitana
Insomma, la storia della "zingara rapitrice" nasce come trama di commedie, novelle e opere teatrali. Poi, nel giro di pochi decenni, oltrepassa l'ambito letterario: a Milano, agli inizi del Seicento, Federico Borromeo accusa i "cingari" di rapire i bambini cristiani, mentre in Spagna Juan de Quiñones, nel 1631, formula un'accusa simile in un virulento pamphlet che invoca l'espulsione dei "gitani". I giochi sono fatti: la trama romanzesca si è trasformata in accusa reale, leggenda metropolitana e falsa notizia.
A cosa si deve questa metamorfosi? Sul punto, le ricerche storiche sono ancora agli inizi, e risposte sicure non esistono. Si possono però formulare alcune ipotesi. E, come punto di partenza, occorre ricordare che i rom non erano gli unici destinatari di questa infamante accusa: altri gruppi sociali, altre minoranze erano sospettate - negli stessi anni - di "rubare i bambini".
C'erano per esempio gli ebrei, già allora discriminati e vittime di persecuzioni (perché l'antisemitismo, è bene ricordarlo, non nasce nel Novecento). Dei "giudei" si diceva sin dal medioevo che rapivano i piccoli cristiani per cibarsi del loro sangue a scopo rituale. Ovviamente non era vero, ma intere comunità ebraiche furono vittime di aggressioni, stragi, processi o condanne a morte.
Poi c'erano i vagabondi e i mendicanti, accusati spesso di rapire i bambini per portarli a chiedere l'elemosina. Piero Camporesi, storico e antropologo, racconta ad esempio la vicenda del "ritrovamento fortunoso da parte di una madre della figlia, rapitale due anni prima, mentre chiedeva l'elemosina in compagnia del suo rapitore davanti alle porte del santuario di Assisi; non solo rapita, ma resa ad arte macilenta e ulcerata sulle spalle per impietosire i fedeli".
Infine, il fenomeno dei rapimenti era diffuso nella pirateria barbaresca: corsari, avventurieri e pirati musulmani solcavano il Mediterraneo, e per guadagnare qualche soldo rapivano uomini, donne e bambini, chiedendo poi un riscatto per la loro liberazione.

Zingari, ebrei, mori, vagabondi
Ebrei, "mori" e vagabondi erano insomma protagonisti di episodi - veri, o più spesso presunti - di sottrazione di minori. Naturalmente, per capire quanto queste figure abbiano influito sull'immagine dei rom occorrerebbe compiere ricerche specifiche. Ma alcuni indizi ci segnalano che, nell'immaginario della prima età moderna, questi gruppi erano spesso confusi, o almeno accostati per similitudine.
La "zingana" della commedia del Giancarli, per esempio, parla un dialetto arabo: all'epoca si pensava che i rom fossero "egiziani", cioè arabi, mentre la teoria dell'origine indiana si diffuse solo qualche secolo dopo. Lutero, dal canto suo, affermava che il "gergo" dei mendicanti (una specie di lingua segreta diffusa nei "bassifondi" della società) aveva origini ebraiche. Dei vagabondi si diceva che erano discendenti di Caino - e per questo condannati a vagare - mentre per gli "zingari" si ipotizzava una provenienza dalla figura biblica di Cam: ma nei testi dell'epoca Cam e Caino erano spesso confusi, e i rom erano trattati come semplici vagabondi.
Insomma, è come se il mito della "zingara rapitrice" fosse nato per una sorta di "osmosi" con analoghe leggende già diffuse a proposito di altri gruppi. Per dirla in altri termini, è come se lo stereotipo degli "zingari" avesse condensato, e mescolato, le caratteristiche proprie dei "marginali": erranti come gli ebrei e i vagabondi, estranei e nemici come i "mori" musulmani.

Quando gli zingari eravamo noi
Nato in età moderna, il mito dei rom rapitori di bambini ha dimostrato una sorprendente longevità: ha attraversato i secoli, arrivando pressoché intatto fino ai nostri giorni. I titoli allarmistici dei giornali delle ultime settimane, i resoconti dei fatti di Farsala e di Dublino, sembrano riecheggiare le inquietudini dei commediografi veneziani del Cinquecento.
È difficile comprendere le ragioni di questa "longevità". Certo è che il tema del "rapimento di bambini" è assai diffuso nel tempo e nello spazio: molti gruppi minoritari, molte comunità marginali e discriminate hanno prima o poi dovuto difendersi da questa infamante accusa, o da altre simili.
È capitato anche ai migranti italiani, nei decenni centrali dell'Ottocento. Dai villaggi rurali del Sud e dalle regioni appenniniche del centro-nord, intere famiglie contadine praticavano all'epoca forme di mobilità stagionale, legate ai mestieri girovaghi di musicante e suonatore. Nel XIX secolo, l'arpa dei "viggianesi" (Viggiano è un paese della Basilicata) e l'organetto dei liguri avevano risuonato nelle strade delle città europee, richiamando l'attenzione dei passanti su queste strane figure di musicisti straccioni.
I bambini che suonavano l'organetto in mezzo alla strada, si diceva, erano stati "venduti" dalle famiglie di origine a trafficanti senza scrupoli. Non erano proprio bambini rapiti, ma quasi: perché i loro genitori, poverissimi, erano spesso costretti a venderli per racimolare qualche soldo. "Il costume di mendicare di città in città col mezzo di fanciulli", scriveva la Società Italiana di Beneficenza di Parigi nel 1868, "ha dato origine ad un traffico che si pratica sotto gli occhi e colla tolleranza delle autorità": una frase che riecheggia i peggiori stereotipi sugli "zingari".
Traffico di bambini, mendicità aggressiva, offesa al decoro, furti e criminalità di strada furono i principali capi d'accusa contestati agli emigranti. E, come i rom di oggi, gli italiani di ieri subirono processi, espulsioni, condanne. Subirono, soprattutto, una degradazione della loro immagine pubblica: chi incontrava un italiano metteva mano al portafogli, per paura di subire dei furti. E nascondeva il proprio bambino.

 
Di Fabrizio (del 19/11/2013 @ 09:01:02, in Europa, visitato 939 volte)

Romeo Franz: L'Europa dev'essere libera da discriminazione e razzismo
Berlin, 11.11.2013 23:47, (ROMEA) Veronika Patochkovà, translated by Gwendolyn Albert

Quanto segue è un'intervista a Romeo Franz, 46 anni - compositore, pianista e violinista. Fondò il suo primo gruppo, Romeo Franz Ensemble, nel 1991 e nel 2012 compose il pezzo "Mare Manuschenge", in commemorazione delle vittime romanì del nazismo.

Nel 2011 Franz si è iscritto al partito dei Verdi ed è diventato attivista politico. Prima era stato presidente dell'Unione dei Sinti Tedeschi della Renania-Palatinato e membro del consiglio di amministrazione del Consiglio Centrale dei Sinti e Rom Tedeschi.

Franz è risultato sesto tra i candidati dei Verdi alle elezioni parlamentari del 22 settembre 2013. Purtroppo non ha ottenuto un seggio all'Assemblea Federale.

Qual è stato il momento o l'evento che ti hanno spinto a diventare un attivista politico, cioè, a varcare la linea di impegno in quanto comune cittadino a confronto delle opzioni offerte dalla società civile?

Da tempo ero attivo come difensore dei diritti civili e come vice-presidente dell'Unione dei Sinti Tedeschi della Renania-Palatinato. Grazie a questa attività ho accumulato una grande esperienza e ho lavorato con persone che si trovano in situazioni difficili, che avevano bisogno d'aiuto, ecc. Ho imparato molto in quel periodo. Decisi di iscrivermi ad un partito quando osservai che come membro dell'Unione potevo raggiungere solo cambiamenti limitati - non si riusciva ad andare oltre. Si è sempre nella posizione di supplicare, non si può decidere nulla da se stessi. Col tempo ho deciso che così non si poteva continuare, che così non si andava da nessuna parte. Decisi di entrare in politica. Grazie al mio lavoro nell'Unione ho avuto esperienze con molti partiti e mi sono fatta un'immagine precisa di ognuno di loro. Il partito dei Verdi era quello on cui avevo più cose in comune.

Quindi, non c'è stato un preciso momento in cui hai deciso di darti alla politica?

E' stata una decisione per gradi. Ho sempre intuito che fosse una possibilità, ad esempio quando ricercavo appoggio nei vari progetti nell'area dell'istruzione, sia per gruppi specifici che nel campo generale dell'istruzione interculturale. Per anni ho lavorato di volta in volta sulle opportunità, senza che nessuno dei miei progetti fosse approvato. A causa di ciò non sono stato in grado di realizzarli o di lavorare con le persone, con i giovani... mi era chiaro che andavo a sbattere contro un determinato muro.

Perché hai scelto i Verdi, in particolare? In Repubblica Ceca, l'ultima volta non sono riusciti ad entrare nella Camera Bassa. Potresti spiegare la tua decisione ai lettori cechi da un punto di vista tedesco?

In Germania i Verdi sono in Parlamento. Sono un partito che esiste da oltre 30 anni. In Germania hanno costruito una buona relazione con i loro votanti. Come dicevo, grazie al mio lavoro precedente ho accumulato molte esperienze, ed i Verdi fondamentalmente incontrano le mie esigenze meglio degli altri partiti, riguardo all'ambiente, ai diritti umani e delle minoranze. E' per questo che la mia decisione di unirmi a loro è stata abbastanza rapida.

Anche in Repubblica Ceca ci sono stati nove uomini e donne romanì candidati nelle liste dei Verdi.

E' la testimonianza del fatto che i Verdi sono un partito molto importante per questa minoranza, uno che apertamente e sinceramente rappresenta i loro interessi. La decisione di quei candidati ne è una prova lampante.

Prima delle elezioni, chiunque andasse sul sito dei Verdi nel tuo distretto elettorale di Ludwigshafen avrebbe visto immediatamente la tua fotografia. Eri in un buona posizione nella lista dei candidati, al sesto posto, anche se eri iscritto al partito da soli tre anni. Perché?

Può dipendere dal fatto che sono abbastanza conosciuto come musicista, e per la mia attività politica tanto in Germania che nella mia regione. Grazie al mio attivismo, ho una discreta esperienza. Penso che sia anche per questo. Un'altra cosa, di cui sono assolutamente sicuro, è che alle elezioni nel mio collegio elettorale hanno votato compattamente. Significa che nel nostro partito c'è stata una enorme accettazione e grande volontà politica di nominare un rappresentante dei Sinti come candidato al Parlamento. Due settimane dopo, quando durante la conferenza regionale ho chiesto un posto specifico nella lista dei candidati, ho ottenuto il terzo posto tra gli uomini. Significa che i Verdi hanno una grande comprensione per la minoranza sinti. La esprimono non vergognandosi di sostenere i diritti delle minoranze, mettendo rappresentanti sinti nelle loro fila, e con una grande apertura. Credo che sia un messaggio favoloso per la società.

Non pensi che i Verdi in Germania dovrebbero essere preoccupati di perdere voti, quando scelgono come candidato un Rom o un Sinto?

In Germania il partito dei Verdi non deve preoccuparsene. Il partito è conosciuto per il suo impegno nel proteggere l'ambiente e per la difesa dei diritti delle minoranze. Ogni elettore dei Verdi lo sa.

Questo si collega alla mia prossima domanda, cioè è visibile che i Verdi in Germania hanno anche altri rappresentanti di minoranza - l'esempio migliore è che uno dei co-presidenti, Cem Oezdemir, ha origini turche. Tuttavia, ci sono anche rappresentanti di minoranze che non hanno vissuto in Germania per tutto il tempo dei Sinti. Perché i Sinti sono così sottorappresentati in politica?

Questo è il punto: noi Sinti abbiamo vissuto in Germania per oltre 600 anni. Le nostre vite sono state profondamente toccate dall'Olocausto. Tuttavia, anche dopo la II guerra mondiale, non abbiamo mai ricevuto molti riconoscimenti. I Rom e Sinti tedeschi che fecero ritorno in Germania dopo la guerra, non vennero accolti a braccia aperte, al contrario, continuarono ad essere discriminati. In Germania Occidentale, i responsabili che dovevano prendersi cura dei sopravvissuti all'Olocausto erano spesso le stesse persone che in passato avevano organizzato i trasporti [verso i campi di concentramento]. Il genocidio dei Sinti venne riconosciuto solo nel 1981 dal cancelliere Helmut Schmidt, e lo fece perché Romani Rose ed altri sopravvissuti entrarono in sciopero della fame a Dachau. In quanto minoranza, abbiamo perso molto tempo perché per lungo tempo non abbiamo preso parte alla vita della società. Per prima cosa abbiamo costruito una base civile attiva. Il Consiglio Centrale dei Sinti e Rom Tedeschi, come le singole unioni statali, hanno fatto in modo che quanti fossero stati coinvolti nell'Olocausto ricevessero un indennizzo, anche se qualcuno lo sta ancora aspettando. Adesso i Sinti e i Rom tedeschi stanno lentamente acquisendo abbastanza fiducia in se stessi e la volontà di impegnarsi in politica. Ecco il bello della mia candidatura - grazie a ciò sono riuscito a convincere molti Sinti ad unirsi a partiti democratici ed essere attivi in politica.

Quanti Romanì e Sinti tedeschi conosci che abbiano preso esempio da te? Per loro sei un modello?

So di quattro Sinti e di un Rom che fanno parte di partiti tedeschi. Uno è nell'Unione Cristiano Democratica, uno con i Socialdemocratici, uno con Die Linke e due nei Verdi. Penso che sia un'ottima cosa. Ho anche una controparte in Bulgaria, che si chiama Orhan Tahir, è avvocato e membro dei Verdi. Anche lui è stato in corsa per il parlamento, dopo che sono andato a trovarlo in Bulgaria l'aprile scorso. Il segno che è giusto impegnarsi in politica è ottenere una buona risposta dalla nostra comunità. Altri che vorrebbero ottenere qualcosa si stanno unendo a noi. Ricevo email e segnalazioni su Facebook in cui la gente si congratula con me e che stanno per mettersi all'opera anche loro. Considero degna questa attenzione e credo che la mia candidatura sia stata di successo solo per questo, indipendentemente dai risultati.

Come si pongono i Romanì non-tedeschi in Germania, ad esempio, quanti vi sono immigrati dall'Europa orientale o meridionale? Ho letto da qualche parte che vuoi rappresentarli anche in politica, ma che vuoi che sia chiaro che i Romanì non-tedeschi hanno destini differenti e bisogni differenti dai Sinti e Rom tedeschi. Se tu, Sinto tedesco, parli per i Rom immigrati, non c'è il rischio di un'ulteriore omogeneizzazione?

La vedo in maniera un po' differente. Il concetto di Sinti-e-Rom esiste solo in Germania. A causa di questa doppia etichetta, si genera la sensazione che non ci siano differenze tra Romanì e Sinti, che siamo un gruppo omogeneo, ma in realtà questo è un errore. Per esempio. i Sinti tedeschi vivono in Germania da oltre 600 anni, ma i Rom tedeschi sono qui da 200 anni. Ci sono anche Romanì arrivati qui dopo la II guerra mondiale, o dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989-1990. Non sono parte dei Rom e Sinti tedeschi, ci sono molti gruppi nazionalmente differenti ed eterogenei. Ognuno di questi è una minoranza nazionale che ha vissuto in altri paesi per 800 anni - in Serbia, ad esempio. In quei paesi avevano la loro cultura romanì, proprio come in Germania abbiamo la cultura sinti. Anche la lingua è differente. La società maggioritaria deve tenere conto di queste differenze. Non è possibile equiparare automaticamente, immediatamente, le tematiche dei Rom immigrati con quelle dei Sinti tedeschi. Penso che succeda spesso e che produca ulteriore stigmatizzazione per tutti. Per questo credo sia un mio compito spiegare alla gente che ci sono differenze tra i gruppi.

Integrazione e politiche migratorie sono le tue aree, ma ciò non à immediatamente auto-esplicativo, né tu né la tua famiglia siete immigrati, sotto questo punto di vista. Non è una tua esperienza personale diretta.

Vedo il mio compito come quello di aiutare la gente, e non perché siano Tedeschi, o Romanì, o Sinti. Intendo appoggiare gli immigrati e i nuovi arrivati in Germania. Ho questo bisogno perché, grazie alla mia storia ed esperienza, ho appreso quanto sia orribile è subire il razzismo e l'esclusione dalla società. E' per questo che mi son dato l'obiettivo di lottare per tutte le minoranze che sono discriminate o spinte lontano dalla società, senza l'opportunità di parteciparvi. Personalmente non amo il termine "integrazione". Preferisco parlare di inclusione, perché questa comprende meglio quanto le minoranze o i socialmente esclusi fondamentalmente intendono raggiungere. Vogliono essere parte della società, suoi membri di diritto.

La tua famiglia e i tuoi genitori cosa dicono della tua candidatura?

La mia famiglia ama davvero cosa faccio. Sono uno dei fattori grazie a cui ho coltivato un interesse nella politica. Fondamentalmente i componenti della mia famiglia mi hanno portato a tutto ciò attraverso il loro modo di vivere - sono stati il mio modello. Il nazismo è un argomento ricorrente in casa nostra. La mia famiglia ha perso sei parenti durante l'Olocausto e - come spiegarlo? In qualche maniera siamo in obbligo verso quelle persone. Sulla base di quegli eventi ed esperienze, mi sono interessato alla politica. Per questo la mia famiglia mi appoggia in così pienamente, approva quanto faccio, e mi da forza - e questo è molto importante.

Come dicevo, anche in Repubblica Ceca ci sono stati uomini e donne in corsa per il parlamento. In conclusione, vorrei chiederti se vorresti mandare loro un messaggio.

Con molto piacere! Vorrei dire loro che considero magnifico che siano politicamente attivi. Spero che stiano assieme così da potere comunemente contribuire allo sviluppo della società europea. L'Europa dev'essere una terra per tutti e dev'essere libera da discriminazione e razzismo.

 
Di Fabrizio (del 06/11/2013 @ 09:05:07, in Europa, visitato 1115 volte)

In effetti, sulla piccola Maria, greca o bulgara che sia (apposta, non ho usato rom), ne hanno scritto tutti, da tutti i punti di vista. Razzisti, buonisti, populisti, legalitari, opinionisti... (ho dimenticato qualcuno?) hanno esposto la loro commozione PER LA RICADUTA MEDIATICA di questo caso, creando un coro di voci diversissime tra loro.

Sia detto, se si parla di opinioni, ognuno ha diritto a dire e a difendere la propria. Anche con veemenza, ci mancherebbe. Anche usando SOLITI e RITRITI strumenti retorici. Quindi: accalorandosi. TUTTO GIUSTO.

Ma poi, e questa è la retorica di chi ha assistito a molte storie simili, cala il sipario. Il pubblico torna a casa e pulisco la platea. C'è un tipo, seduto in sala regia, che si sta chiedendo cosa sia rimasto nella testa della gente di questo "spettacolo".

Avevo segnalato all'amico Giancarlo Ranaldi un link in inglese: Bulgaria insisting Romani girl be returned from Greece E lui, che magari sarà pieno di difetti ma è comunque persona sensibile e attenta, mi ha girato un commento, che vale la pena leggere:

    Quindi... le autorità Bulgare insistono per il ritorno di Maria. La Grecia non sa bene cosa fare e, per il momento, si è limitata ad arrestare gli "affidatari". Ma, allo stesso tempo, in Bulgaria hanno arrestato i "genitori biologici", che rischiano sei anni di carcere. Degli altri bambini, fratelli e sorelle di Maria, non è dato sapere e, forse, è pure meglio. I "media" Bulgari, infatti, sconvolti dalla povertà, chiedono al Governo d'intervenire, ma sarà molto difficile che Maria possa essere riaffidata ai suoi genitori e potrebbe finire in orfanatrofio (per la rieducazione?) fino al compimento del 18o anno di età. Ma povera figlia...

Intendiamoci (è sempre il testimone di storie passate a dirlo): lo scorso mese è successo qualcosa di insolito e di positivo, a Napoli, a Parigi, sulla psicosi greca (e quella irlandese), ci sono state tante persone, persone comuni intendo, che hanno espresso solidarietà e sentimenti umani verso i Rom. Niente che non faremmo per un nostro vicino, amico, per una bestia domestica, ma questa volta erano Rom. E quattro casi distinti. E' IMPORTANTE.

Ma se rileggo le riflessioni di Giancarlo, penso che poi la vita continua, anche per i Rom, quando si spengono i riflettori dell'attenzione pubblica. Se le previsioni greche possono apparire impietose, non è che negli altri ultimi casi siano migliori. Difficile, anche su queste pagine, dare conto delle evoluzioni, di tutto ciò che succede o succederà: tenetemi informato, se ce la fate, o tenetevi informati su MAHALLA INTERNATIONAL o sul suo corrispondente su Facebook.

 
Di Fabrizio (del 01/11/2013 @ 09:06:15, in Europa, visitato 1062 volte)

by John Feffer

Spesso è stato fatto il paragone tra i Rom dell'Europa centro-orientale e gli Afro Americani negli Stati Uniti. Allo stesso modo i Rom hanno patito la schiavitù, la segregazione, una discriminazione rampante, assimilazione forzata. Hanno anche svolto campagne per i diritti civili in quasi tutti i paesi dove vivono. Tuttavia, sinora sono state campagne dall'effetto limitato. Anche se alcuni Rom hanno raggiunto successo sociale, economico o politico, la comunità nel suo complesso resta ai margini.

Nel 1995, partecipai ad uno scambio tra attivisti romanì e veterani afro americani del movimento civile, a Szentendre vicino a Budapest. I due gruppi condivisero molte storie sulle rispettive storie ed esperienze. Erano storie che si muovevano spesso in un pensiero parallelo a distanza di anni. Un partecipante afro americano, ad esempio, descriveva il sit in di Greensboro del 1960, a Woolworth in Carolina del Nord. Un partecipante rom dalla Repubblica Ceca ha raccontato una storia suoi suoi recenti sforzi per organizzare dei sit-in nella sua città natale, dove diversi ristoranti hanno posto agli ingressi dei cartelli che vietano l'ingresso ai Rom.

Ricorda: "Quando proposi questo sit-in la prima volta, molti amici mi dissero che non c'era ragione per farlo." Infatti, la prima protesta si presentarono solo in dieci ai tavoli chiedendo di essere serviti. La voce si sparse in fretta. La seconda protesta le persone erano di più. "Alla terza protesta, si mostrò anche mio padre," continua l'attivista. "E vennero anche persone bianche in solidarietà."

L'organizzatore dello scambio di Szentendre era Michael Simmons, che aveva condotto il programma Est-Ovets dell'American Friends Service Committee (AFSC). Veterano dei movimenti dei diritti civili USA, Simmons andò anche in prigione per le sue prese di posizione. Lì, entro in contatto con i quaccheri e poi iniziò a lavorare per AFSC sulla relazioni USA-URSS. Gradualmente, il programma si allargò all'Europa Centro-Orientale.

Fu anche il primo che mi assunse una volta che uscii dal college, come assistente amministrativo nel 1987. Più tardi, nel 1990, viaggiai attraverso l'Europa Centro-Orientale, proprio per intervistare le persone su cosa doveva essere fatto nella regione dal programma Est-Ovest. In cima alla lista dei miei compiti era il lavoro sulle tematiche rom. Il programma di scambio a Szentendre nel 1995 fu soltanto una della serie di iniziative di AFSC per favorire un approccio da diritti civili nelle comunità rom.

Dopo aver lasciato AFSC, Michael Simmons decise di rimanere a Budapest e continuare nel suo lavoro sui diritti umani. Lo ricontattai a Filadelfia, dove aveva fatto ritorno per prendersi cura di alcune questioni personali. Parlammo di parecchie cose, ma fui particolarmente interessato al suo punto di vista sul lavoro coi Rom 20 anni dopo. Nel corso degli anni era diventato piuttosto pessimista.

Da un lato, la situazione dei Rom non era migliorata significativamente. "La situazione dei Rom è peggio di quella degli Afro Americani - non in termini di schiavitù o di mezzadria, ma in termini di realtà attuale." sottolineava. "Ci sono un paio di ragioni. Una è che in questo paese, gli Afro Americani furono capaci di costruire una società alternativa. Nella comunità Afro Americana era possibile studiare dalle elementari al dottorato, senza avere troppi contatti con i bianchi. Incontravi tutte le tue necessità all''interno della comunità, i Rom non hanno niente del genere."

Dall'altro, l'organizzazione politica non è realmente penetrata nella società rom. "Ci sono formazione, conferenze e seminari rom, come avevo fatto altre volte, non sapendo fare di meglio. Ma non significano niente," dice. "E così i Rom - non voglio dire che siano opportunisti, perché non hanno nessuna possibilità di lavoro - aspirano ad arrivare in una OnG a Budapest, Bruxelles, ora anche in Polonia, all'OCSE, Ginevra, New York, o una borsa di studia a Cambridge o da qualche altra parte. Ma non esiste una sforzo organizzativo sul locale. Non c'è un senso di un'organizzazione democratica comunitaria. A livello base non c'è nessun cambiamento. La condizione odierna dei Rom è la stessa del 1989, al di là delle cifre che sono state spese."

Abbiamo parlato della prima visita in Unione Sovietica, della crescita dell'estremismo di destra, e del perché si fosse trasferito a Budapest, dopo avermi detto tempo fa che non avrebbe mai potuto vivere se non a Filadelfia.

[...]

To read the interview, click here

 
Di Fabrizio (del 29/10/2013 @ 09:04:11, in Europa, visitato 1301 volte)

Mrs Jones, mamma di tutti i bimbi zingari, by SIMONETTA AGNELLO HORNBY

"Mrs Doris Jones" annunciò la segretaria, "un nuovo cliente..." e si interruppe, poi aggiunse, "Traveller, immagino" . Mi stizzii: Jones era un cognome prettamente britannico e i clienti venivano letteralmente dal marciapiede nel nostro studio, che occupava i locali di un ex negozio di mobili, al centro di Brixton.

Tutti sconosciuti: gli appuntamenti erano dati in ordine di richiesta, come alla fila dei taxi, e mai avevo ricevuto un commento sul nuovo cliente. Traveller, poi che significava? Una viaggiatrice? E come se n'e era accorta, la mia segretaria?

Ripenso a Mrs Jones leggendo ora di questi due casi di bambine, una in Grecia e l'altra in Irlanda, così poco somiglianti ai "genitori" – bionde e occhi azzurri - da suscitare il sospetto di essere state rapite. In un caso la vera mamma ha dichiarato di aver "regalato" la bambina a un'altra coppia; nell'altro caso il test del Dna ha dato ragione all'uomo e alla donna che si protestavano genitori.

Traveller, era l'ultimo nome affibbiato agli zingari. Ora in Inghilterra si preferisce chiamarli "Roma". Qualunque sia, l'appellativo, è sempre un eufemismo: la discriminazione e il sospetto reciproco continuano: gli zingari non piacciono. La gente desidera che se ne vadano: dove, non importa. Hitler, aveva le idee chiare su dove: li mandò a morire assieme agli ebrei e agli omosessuali. Noi che siamo buoni, rispettiamo la loro cultura e il loro modo di vivere, vogliamo aiutarli ad adattarsi al ventunesimo secolo, è tutto lì. Così credevo.

Mrs Jones mi ha aperto gli occhi. La matriarca del clan degli zingari del Sud-Est di Londra, tutti chiamati Jones e imparentati, era la scrivana e la portavoce della sua gente. Lei era andata a scuola da bambina perché durante la guerra era stata evacuata presso una famiglia inglese. Scriveva, compilava e ahimè firmava documenti, moduli e lettere alle autorità, dei membri del suo clan, tutti meno istruiti di lei se non analfabeti. Accompagnava la sua gente dall'avvocato e al tribunale: piccoli reati, furti, la lite andata oltre lo scazzottamento. E da quando la legge inglese ha riconosciuto i diritti dei minori e li ha protetti attraverso il sistema legale, casi di bambini. "Noi li amiamo i nostri figli, li alleviamo in modo diverso. Ce li portiamo dietro quando lavoriamo, e li affidiamo a parenti e amici se dobbiamo allontanarci per lavoro". Era fiera di essere una traveller, anche se lei in particolare, rimaneva a Londra per aiutare la sua gente. "Non stiamo bene in un posto solo, abbiamo parenti dappertutto. Ci visitiamo, molto del nostro lavoro è occasionale. Veniamo chiamati nelle fattorie, facciamo i lavori duri, trasporti, costruzione, nelle campagne. Senza costare allo Stato. Usufruiamo poco del Welfare".

I figli degli zingari appartengono alla famiglia allargate, come era in Sicilia. I minori stavano dai nonni, e venivamo mandati a vivere presso gli zii che non avevano avuto figli. A volte erano casi di vera adozione informale. In genere, erano periodi che duravano anni, ma non definitivi.

Per anni rappresentai genitori o bambini zingari introdotti da Mrs Jones in casi che andavano dai problemi scolastici - assenze ingiustificate e prolungate, i bambini non facevano i compiti, non partecipavano alle gite, sembravano emaciati, erano malvestiti - a problemi della povertà e dell'ignoranza. Riuscivamo, Mrs Jones ed io, a presentare la realtà: genitori inadeguati ma capaci di migliorare e collaborare con le autorità e a evitare l'allontanamento dalla famiglia. In altri casi, era una lotta per l'affidamento dei figli. Anche in quelle situazioni, Mrs Jones assieme agli assistenti sociali, riusciva a trovare un compromesso per il bene dei bambini. Gli adulti del clan obbedivano a Mrs Jones.

Ebbi una causa di abuso sessuale tra i travellers. Tragico, come tutti, ma isolato, tra le centinaia di cause del mio studio.

Lo Stato ha il dovere di proteggere i minori, qualunque sia la cultura a cui appartengono. Giustamente. Ma i pregiudizi permangono. Gli zingari - gli ultimi degli abitanti dell'Europa rimasti migranti, sono fortemente leali alla propria cultura e restii a mettere radici in un posto e legarsi ad uno Stato: loro sono una nazione, hanno una potentissima identità. Nel mondo di oggi non c'è la volontà di fare posto per gli zingari. Loro lo sentono e si chiudono nel proprio riccio.

Quando, come la famiglia di Mrs Jones, si fermano in un posto per l'istruzione dei figli, si sentono attaccati dalla comunità. Un volta ebbi un caso simile a quello irlandese - una bimba diversa dagli altri e, secondo la scuola, maltrattata. I servizi sociali volevano toglierla dalla famiglia. Mrs Jones spiegò che i genitori erano andati nel Galles per un periodo e l'avevano affidata agli zii, che stavano per separarsi: la bambina ne aveva risentito più dei cugini.

Non è vero che i bambini zingari sono maltrattati più degli altri bambini inglesi. E vero che hanno una educazione diversa, meno tecnologica, più domestica, e che lavorano sin da piccoli, accanto a genitori e parenti - la loro e una società chiusa e di clan. Amano i figli quanto li amiamo noi. E li proteggono, a modo loro. Noi sospettiamo di loro e viceversa. Mentono per paura di essere fraintesi. Mrs Jones firmava documenti per tutti, che era un reato. Glielo dissi. Mi rispose: "E lei che farebbe al mio posto, se non sanno scrivere?".

Col passare degli anni i clienti di nome Jones si ridussero e lei scomparve. Mi chiesi se fosse stato merito di Mrs Jones o, come temo, i Jones siano stati costretti ad andare altrove. Per me è stato un privilegio lavorare per gli zingari.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


07/04/2020 @ 20:21:46
script eseguito in 78 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3480 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source