\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Scozia
Di Fabrizio (del 26/01/2014 @ 09:02:40, in Europa, visitato 1157 volte)

I Rom residenti a Govanhill intendono essere parte della soluzione by Catriona Stewart, Columnist/reporter. Wednesday 08/01/2014 EveningTimes

[...]

Tutti parlano dei problemi più pubblicizzati nella comunità del South Side - provvisorietà, sovraffollamento, crimine.

E' il tipo di discorsi che si ascoltano in continuazione dai residenti stanchi dei problemi di Govanhill... e della sua reputazione.

L'unica differenza è che questo gruppo è rom, la comunità regolarmente accusata di scatenare i problemi.

"I problemi c'erano già prima del nostro arrivo," dice Marcela Adamova, operatrice di sviluppo per i Rom presso Oxfam Scozia.

"Veniamo però colpevolizzati per cose non causate da noi. E' soltanto un piccolo gruppo di persone che sta dando a tutti una cattiva reputazione."

Uno dei problemi principali, ritiene Marcela, è la mancanza di comunicazione tra i residenti "storici" di Govanhill ed i Rom.

Come risposta, assieme ad Eva  - Kourova, lavoratrice di comunità, ha creato un nuovo centro comunitario in Albert Road per Rom e no.

Dice Eva: "Vogliamo che i Rom abbiano a disposizione gli stessi servizi di chiunque altro a Govanhill; un posto dove incontrarsi e parlare. Ma speriamo che anche gli altri abitanti del luogo prendano parte attiva a questo dialogo, tra i due gruppi. "

"Qui una gran parte del problema sono la mancanza di comunicazione e comprensione culturale."

I gruppi rom dalla Slovacchia e dalla Romania iniziarono ad arrivare a Glasgow, e la maggioranza di loro si insediò a Govanhill.

Il rapporto più recente, Mapping the Roma Community in Scotland, stima ci siano tra i 3.000 e i 4.000 Rom che vivono nella città.

Per una comunità piccola, l'influsso è stato enorme e la gente del posto ha trovato difficoltà nell'accogliere questi nuovi vicini.

I Rom sono stati rimproverati di scaricare rifiuti abusivamente, comportamenti antisociali e problemi alloggiativi come il sovraffollamento.

Dice Marcela, proveniente dalla Slovacchia: "Siamo arrivati a Glasgow per le stesse ragioni degli altri gruppi - un'opportunità di vita migliore. Ma voci e preconcetti possono rendere tutto difficile. Siamo una cultura di strada che gli altri trovano scomoda. A noi piace, parlare e socializzare all'aperto, è così che condividiamo le notizie e scopriamo cosa succede. Ma la gente pensa che stiamo complottando. Inoltre, per noi non è insolito avere i nostri nonni che vivono con noi o sostenere altri parenti, ma la gente si lamenta del sovraffollamento. E poi, appartamenti in cui vivano sino a 20 persone, come dice la stampa - in realtà è una cosa veramente rara. Non sono mai stata in un appartamento con così tante persone."

Madalin Caladras, un giovane di 20 anni, negli ultimi cinque ha vissuto a Govanhill.

Eva e Marcela ritengono che potrebbe lavorare con loro - il suo inglese è eccellente - ma Madalin ha altri progetti.

Madalin ritiene che la zona non sia più come quando arrivò ed ora spera di trasferirsi in Francia - parla sia inglese che francese.

Dice: "Qui mi sento stabilito; arrivai perché mio zio era qui e parlava bene della zona. Ma non è più come quando arrivai. Qua la gente combatterà per strada, è abbastanza intimidante. La mia famiglia è a Parigi e così spero presto di trasferirmi là."

Lenka Milkova ha vissuto quattro anni a Govanhill e ne ha fatto della zona la sua dimora.

Aggiunge: "Qui mi sento bene. Sono felici di stare qui. E' molto meglio che tornare indietro e sento per il bene dei miei figli che vivere qui è il mio futuro e questo la chiamo casa. Le opportunità per noi potrebbero essere migliori e mi preoccupo che i miei figli siano esposti alle discriminizioni di altri gruppi giovanili, ma vogliamo lavorare e riuscire."

Marcela dice che ora l'obiettivo è lavorare per migliorare la vita della prossima generazione di Rom.

Le scuole dell'area si sono attivate per aiutare gli alunni in classe e a rimanere a scuola.

Marcela, 33 anni, due anni fa ha anche fondato il gruppo  Romano Lav - Voce Romanì in romanes - per dare sostegno ai Rom della zona.

Dice Eva: "Sono stati spesi un sacco di soldi e di sforzi in indagini, relazioni scritte e impiegati, piuttosto che nel personale e nei servizi di prima linea. Ma il problema principale è la comunicazione, e speriamo davvero che gli abitanti di qui vengano a trovarci in Albert Road. Parlare tra noi - è l'unico modo di risolvere i problemi."