Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Da SOS Fornace

Caro Cecchetti,
leggo su "La Prealpina" la tua dichiarazione in merito alla "morte cerebrale" di Zoran Milenkovic (vedi QUI ndr): "Mi accusano (SOS Fornace), di essere responsabile della morte di un rom allontanato da via Sesia. Questa persona, malata, è morta in Germania cinque mesi dopo aver lasciato Rho. Cosa c'entri io in tutto questo nessuno lo sa". Non solo tu, Cecchetti, ma anche chi ha materialmente firmato gli atti all'interno dell'Amministrazione Comunale che hanno portato all'espulsione dal campo in pieno inverno, per futili motivi, di un uomo dializzato e quasi cieco, porta il peso di un'oggettiva "responsabilità morale" in quanto è poi tragicamente accaduto. Zoran, ti ricordo, venne allontanato dal campo regolare di via Sesia dal Direttore ai Servizi alla Persona perché tu e la Lega, chiedeste le Sue dimissioni e quelle dell'Assessore Pellegrini in un tumultuoso Consiglio Comunale, dopo esservi accorti (ma dove eravate prima?) che il Piano Rom, finanziato dal Ministro dell'Interno, Maroni, prevedeva sì lo smantellamento del campo, ma anche il contestuale avvio di azioni di integrazione sociale e abitativa rivolte a 10 precisi nuclei abitanti a Rho, Zoran compreso.
Vedi, Cecchetti, a metterli in fila, tutti gli atti amministrativi che sembrano dover portare ad una fine annunciata, quella del campo nomadi, si rimane colpiti innanzitutto per la serie impressionante di abusi e omissioni, contestazioni prive di fondamento, accanimenti at personam, richieste e impegni pubblici prima sottoscritti e poi smentiti, sperpero di denaro e utilizzo improprio di fondi destinati inizialmente ad azioni di ben altro tipo che avrebbero, quelle sì, coniugato viceversa l'esigenza del principio di legalità da te impropriamente invocato col rispetto delle leggi e della giustizia sociale.
La documentazione del resto, per prendere atto di come in questa città, anche da Voi governata, s'ignorino le regole formali che garantiscono i diritti fondamentali dei cittadini "indesiderati" è lì, a disposizione, anche e soprattutto di tutti quei consiglieri comunali che sono stati eletti proprio per questo: esercitare il potere di controllo sulle azioni pubbliche di chi governa ma che, "fortuna tua e di chi è responsabile anche penalmente dei procedimenti" preferiscono, per calcoli politici come i tuoi, voltarsi dall'altra parte.

Maurizio Pagani - Presidente Opera Nomadi Milano

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/07/2010 @ 15:36:47, in musica e parole, visitato 4227 volte)

GOGOL BORDELLO (live) A seguire DAMA (Dj Set): it's not only Rock 'n' Roll Baby

martedì 13 luglio 2010 ore 21.30
Carroponte - via Granelli 1 di fianco al Centro Sarca, Sesto San Giovanni (MI)

Prezzo biglietto: 15 € (+ D.D.P)
Biglietti disponibili in Loco e sul circuito Vivaticket: www.vivaticket.it
In procinto di suonare nei maggiori open air festival europei, i Gogol Bordello saranno di nuovo a Milano per una data speciale, un live show atteso da chi è rimasto fuori dalle porte dell'Alcatraz lo scorso 25 Maggio (sold out come la data di Bolgona), un concerto che è unico al mondo, ecco come ne parla Outune.net (recensione proprio del recente live act milanese): "ti lasci portare da una marea di carne bagnata dove si è perso il senso del pudore, magliette che volano reggiseni semi abbassati e corpi in estasi danzante… un moderno baccanale ... Si suona, si balla e anche chi è on stage comincia a sentire il caldo, Eugene a torso nudo, magro e muscoloso, ricorda quella salamandra di Iggy. Il mustacchio si rende riconoscibile in mezzo alla baraonda, tra tamburi e violini si consuma un rito orgiastico. Sul palco c’è il circo".

Info Line: cell: +39 392.3244.674
mail: info@carroponte.org
Cos'è il Carroponte? Scoprilo su www.carroponte.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/07/2010 @ 09:16:24, in media, visitato 1786 volte)

Da British_Roma

Middle East Online - By Iqbal Tamimi

Un viaggio che dura da 1000 anni

Il giornalista zingaro che mi ha insegnato sugli Zingari in Medio Oriente - Jake Bowers, editore di Gypsy Roma Traveller: Non sono pigro e non vivo nel retro di un Carrozzone

02/07/2010 - La sua vita è sempre in movimento come una stella del cinema o una celebrità, se la sua fortuna fosse stata differente, avrebbe potuto essere uno di loro. Ancora, non è mai stato accolto col tappeto rosso. Ciò che rende la vita di Jake Bowers (vedi QUI ndr) totalmente differente dalle celebrità, anche se viaggia come loro, è il fatto di essere uno Zingaro. E' schiacciato in uno stampo non comodo costruito dai media per chi fa parte di gruppi minoritari. Il mio stampo è la mia kefia e quello di Jake è un carrozzone. Bowers è un Viaggiante, un Rom in pace con tutte le frontiere e confini, ed il mondo è la sua casa.

Cosa rende questo Zingaro britannico così differente dai 300.000 altri Zingari GB? Jake mi ha detto "I media principali ammoniscono la gente su di noi, siamo descritti come pigri, non istruiti, che vivono nei carrozzoni, criminali, non credibili perché gli Zingari rapiscono i bambini." Bowers è uno Zingaro ed un giornalista di talento. Non è pigro, da sostentamento alla sua famiglia, paga le tasse e ha un lavoro regolare. Non è sporco, è brillante e si comporta come un vero gentleman alle conferenze dove è invitato come relatore. Da quanto ne so, non vive in un carro, anche se mi ha detto che gli piacerebbe vivere in una casa mobile trainata da un cavallo. Non ha lasciato la sua carovana perché scontento di quello stile di vita, l'ha abbandonato per amore di sua moglie che veniva da un altro ambiente e trovava difficile collegare l'asciugacapelli.

Bowers ci ha accompagnato in macchina, usando il navigatore satellitare per trovare la strada attorno a Bristol, di conseguenza non si fida delle stelle per conoscere la strada, né usa i tarocchi per prevedere il futuro, altrimenti avrebbe saputo quanto è difficile trovare un parcheggio. Non è un criminale, altrimenti non sarebbe diventato editore-capo della prima rivista di questo tipo in GB. E' un giovanotto istruito che ha buon gusto nelle arti ed una buona conoscenza delle società e della storia che mi ha chiarito su alcuni gruppi zingari nel Medio Oriente in Siria, Iraq e Turchia ed anche a Gaza in Palestina (vedi QUI ndr). Si può aver fiducia in lui perché mi è stato presentato dal mio caro amico Mike Jempson, un accademico e giornalista che ha dato un pezzo della sua vita per il giornalismo investigativo e per difendere gli sforzi dei giornalisti nel creare gruppi e sindacati che proteggano i loro diritti nel mondo.

Bowers è un giornalista che sta combattendo la cattiva immagine data dai media sugli zingari, perché sono una minoranza vittimizzata e perché è uno di loro ed è molto fiero della sua ascendenza.

La GB ospita 300.000 Zingari, anche se non sono rappresentati nei media che si diverte a bullarsi di loro. E' per questo che pubblica il Gypsy Roma Traveller, la prima rivista zingara in GB e forse nel mondo, il cui scopo è informare sulla storia, la vita e le arti degli Zingari che ancora soffrono i travisamenti dei media, come le altre minoranze.

Durante il seminario tenutosi a Bristol mercoledì 30 giugno, il secondo di una serie sponsorizzata dall'Economic and Social Research Council per indagare sulle barriere poste dai media riguardo l'assunzione dei neri e dei membri di minoranze etniche, Bowers era invitato come relatore ed ha condiviso con noi le diapositive con i titoli apparsi in una sola settimana sui principali mezzi d'informazione in GB, incluso l'ampiamente distribuito Sun, che incriminano e discriminano gli Zingari.

Ha anche condiviso con i presenti le foto e le copie dei manifesti che vietano agli Zingari l'ingresso in differenti posti, pub compresi, incolpando gli Zingari per i problemi sociali. Il punto da lui sottolineato è che gli Zingari sono uno dei più grandi gruppi di minoranza nel mondo, con una popolazione di 12 milioni, in viaggio da 1.000 anni, che soffrono tuttora gli stereotipi dei media. Ci sono gruppi minoritari che non sono rappresentati per niente dai media, ed altri che sono male rappresentati. Il razzismo dovrebbe essere affrontato dai media e tutti hanno il diritto ad essere rappresentati.

Iqbal Tamimi - Director for Arab Women Media Watch Centre in UK iqbal.tamimi@ayamm.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/07/2010 @ 09:12:51, in Italia, visitato 2100 volte)

Si avvicina lo sgombero per i rom accampati a Quaracchi. Dopo il sopralluogo della ASL che ha definito invivibile la situazione, il Comune di Sesto ha già inviato in due riprese la Polizia municipale, e solo l'intervento, fra gli altri, di don Santoro, ha impedito che le persone venissero cacciate su due piedi,senza neppure raccogliere quel poco che hanno. Per il dopo sgombero, che ormai è imminente, è pronta la consueta tradizionale soluzione: lasciare che si arrangino. Purché vadano più in là. E' da gennaio che vanno più in là, questi rom qui, hanno dormito fuori nel gelo e ora bollono nelle baracche di cartone. Pazienza…
Malgrado l'esistenza di fondi europei inutilizzati, destinati specificamente all'inclusione dei rom, i comuni dicono di aver finito i soldi e quindi di essere impotenti.
Certo, per ottenere i fondi bisogna presentare dei progetti, e per fare progetti occorre una volontà politica che, evidentemente, non c'è.
Così come ci appare tristemente latitante la chiesa… il nostro pensiero corre alle decine di strutture religiose – istituti, conventi, canoniche – abbandonate o semivuote, oltre che esenti dall'ICI, che invece di accogliere lo straniero restano sbarrate e inespugnabili.
Malgrado i tanti discorsi sulla vita sacra, sull'infanzia da proteggere, sui diritti umani… Questi sono zingari, mica umani.

di Antonio Passanese, dal Corriere Fiorentino
Un cancello arrugginito divide il mondo reale da quello irreale. A Quaracchi, a due passi dalle industrie della Piana c'è una vera e propria favela. Ci vivono un centinaio di rom tra grossi ratti, zecche, pulci, tonnellate di immondizia, escrementi. Hanno occupato due capannoni completamente rivestiti di amianto. Le strutture cadono a pezzi ma "gli zingari che sono qui non sanno dove andare" denuncia Arianna Contini di Opera Nomadi.
C'è un rischio epidemia, hanno segnalato gli ispettori del dipartimento di prevenzione della Asi 10. Dopo il sopralluogo del 29 giugno scorso i medici hanno riscontrato "che le condizioni complessive dell'area in oggetto sono attualmente incompatibili, dal punto di vista igienico sanitario, con la permanenza di persone". Nella favela di Quaracchi non è difficile prendere la tubercolosi "e tra un po', se qualcuno non interviene, potrebbe scoppiare il colera". Cartoni e lastre di compensato dividono le improbabili camere da letto. Non c'è acqua, non c'è elettricità "la situazione è gravissima — continua Arianna Contini —, in particolare per i numerosi bambini, quasi tutti malati".
Gli oltre cento rom che oggi occupano quell'area dell'Osmannoro (di proprietà di un'azienda di Verona poi affittata alla Cir, ora fallita), fino a qualche tempo fa, erano alla ex Osmatex. "E' inutile scaricarli qui e lì come dei pacchi. Bisogna risolvere il problema alla radice", continua la rappresentante di Opera Nomadi.
Nella favela di Quaracchi i rom hanno paura. Non vogliono parlare e non vogliono farsi fotografare altrimenti "ci mandano via. Però fate vedere come stiamo vivendo". I miasmi sprigionati dalla spazzatura, che da mesi non viene raccolta, prendono allo stomaco. La zona circostante è una fogna a cielo aperto e con il caldo di questi giorni l'odore acre delle urine rende impossibile la permanenza in quell'area, anche per pochi minuti.
Il sindaco Gianassi, qualche giorno fa, ha voluto rendersi conto in prima persona della precaria situazione di Quaracchi. Dice di avere le mani legate perché "non ci sono più fondi. E poi devo anche pensare agli altri 65 rom che alloggiano nel campo di via della Madonna del Piano". Qualche giorno fa il primo cittadino ha ricevuto la nota della Asl e "adesso sto cercando di capire se il rischio epidemia ed amianto sia circoscritto a quel dormitorio abusivo o se riguarda tutta l'area". Intanto nella favela di Quaracchi la spazzatura cresce. E così anche il rischio malattie.


Ma per chiudere:

9 luglio 2010 - Comunicato stampa “Infondato il pericolo di epidemia di colera negli insediamenti rom di Sesto Fiorentino”
Intendiamo smentire con fermezza i riferimenti ad un presunto pericolo di epidemia di colera nell’insediamento spontaneo rom nell’area di Quaracchi a Sesto Fiorentino (FI) diffusi nella giornata del 6 luglio dall’Agenzia Ansa, dai quotidiani La nazione (pag.18) e Corriere Fiorentino (pag.8) e da diversi siti internet. Non esistono a tutt’oggi segnalazioni di epidemia di colera sul territorio italiano e non sono state svolte analisi specifiche nell’area di riferimento, come confermato dallo stesso Dipartimento di Igiene Pubblica della Asl.10. Ciò non significa che la situazione igienico sanitaria non sia da considerarsi preoccupante dal punto di vista igienico sanitario. La scorsa settimana Medici per i Diritti Umani ha presentato e diffuso il rapporto dal titolo “L’Europa Invisibile”, contenente tutti i dati sanitari a seguito di due anni di lavoro all’interno degli insediamenti della zona. Invitiamo pertanto gli organi di informazione ad avere maggiore cautela nel diffondere notizie che posso ingenerare inutili allarmismi nell’opinione pubblica. La drammatica condizione di vita di quelle famiglie richiede uno sforzo comune per predisporre soluzioni positive, che una cattiva informazione finisce col rendere ancora più difficili e osteggiate.
Medici per i Diritti Umani
Fondazione Michelucci
Arci Toscana
Caritas Diocesana di Firenze

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ricevo da Matteo Pegoraro

9 luglio 2010 - [Alleghiamo alla presente il testo (vedi link ndr)] dell'appello diffuso da Front Line (www.frontlinedefenders.org), fondazione internazionale per la protezione dei difensori dei diritti umani nel mondo, riguardo alla persecuzione giudiziaria in corso in Italia nei confronti degli attivisti del Gruppo EveryOne (www.everyonegroup.com), e in particolare dei suoi co-presidenti Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau. A seguito infatti di un decreto penale di condanna nei confronti di Malini e Picciau per presunta "interruzione di pubblico servizio" a Pesaro nel dicembre 2008, Malini, Pegoraro e Picciau sono stati sottoposti a quasi un anno di indagini preliminari su ordine del sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Pesaro. Le indagini hanno concluso che i tre co-presidenti sarebbero colpevoli del reato previsto e punito dall'articolo 368 del codice penale italiano, ossia "calunnia", nei confronti di un assessore del Comune di Pesaro e della dirigente dei servizi sociali locali. Il tutto per aver inviato due lettere - una indirizzata alle istituzioni pesaresi e alla società civile, un'altra all'autorità giudiziaria - in cui si parlava di "abusi" perpetrati dai servizi sociali e di sottrazione illecita - a causa dell'indigenza familiare - di una minore di etnia Rom ai propri genitori biologici.
Invitiamo pertanto politici, organizzazioni umanitarie, associazioni e chiunque si batta per la libertà e soprattutto per la salvaguardia dei diritti umani e civili, a divulgare l'appello di Front Line e ad aderirvi, accedendo alla pagina http://www.frontlinedefenders.org/node/2597/action e firmando la petizione on line su www.petitiononline.com/italyhrd.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/07/2010 @ 09:01:56, in Italia, visitato 1294 volte)

COMUNICATO 9 gennaio 2010 - La Polizia Locale (8 agenti) alle h. 16.30 ca. si è recata al campo di via Cavriana per sgomberare. Alla vista dei 5 minori, alcuni in tenerissima età, ha dato 'la possibilità' di passare questa notte al campo. Lo SGOMBERO è previsto per domani mattina alle h. 7,30/8.00 ca.
Per tutti quelli che potranno essere presenti allo sgombero, l'appuntamento è per le h.6.30
Grazie. Ciao.


Con questo ns. comunicato ieri, venerdì 9, avvertivamo di ciò che questa mattina sarebbe dovuto accadere.
Ma così non è stato! Alle 6,30 'Scendiamo in campo-Gruppo sostegno Forlanini' con una decina di volontari era sul luogo per verificare che non ci fossero problemi durante le operazioni di sgombero, a tutela di tutti gli abitanti ed in particolare dei 5 bimbi,alcuni di tenerissima età, più due donne in attesa e molti anziani con patologie di difficile risoluzione proprio perché causate dalle terribili condizioni di vita del campo.

Alle 6,30 una fila composta di donne, bimbi e uomini si allontanavano dal campo con le poche masserizie trasportabili.
Basta l'avvertimento di sgombero a fare in modo che 'tolgano il disturbo', basta allertarli il giorno prima dichiarando l'immediatezza dello sgombero: avete due ore di tempo per andarvene! E' sufficiente che vedano una divisa per capire cosa sarà della loro vita per i futuri giorni…

E questa mattina la polizia locale che aveva promesso lo sgombero non si è vista, sicuramente si vedrà nei prossimi giorni, con l'Amsa per ripulire il territorio da ciò che non ha potuto essere trasportato.

In compenso verso le h. 8 si sono materializzati 3 poliziotti in borghese della Digos, che hanno identificato alcuni di noi, hanno comunicato alla questura la nostra presenza al campo e la totale assenza dei rom e hanno verificato coi superiori che l'intervento della Polizia locale non ci sarebbe stato.

La minaccia di sgombero è una nuova pratica attuata da questa giunta. Non basta sgomberarli ogni qualvolta lo si ritiene necessario per i finti motivi di sicurezza del territorio, ora lo si comunica allarmandoli, rendendo la loro vita ancora più disgraziata e poi non si effettua lo sgombero nel giorno preannunciato.

Se questa nuova pratica può allontanarli dal campo per alcuni giorni, si deve sapere che mai nessuno è stato allontanato in modo definitivo dal territorio cittadino. Che queste modalità - sgombero e rinvio dello sgombero -esasperano ulteriormente gli animi e producono ulteriore rabbia nei confronti della giunta ed in particolare del vice sceriffo De Corato che continua a fregiarsi dei finti risultati ottenuti.

Sgombero sì, sgombero no, Scendiamo in campo-Gruppo sostegno Forlanini resta al fianco dei rom e, come più volte dichiarato,fornirà loro l'occorrente perché questa vita da schifo che sono costretti a vivere non sia vissuta in solitudine, riscattando il volgare, inumano ed inutile comportamento della giunta, con la nostra più totale solidarietà ed impegno concreto.

Milano, 10 luglio 2010 - SCENDIAMO IN CAMPO-GRUPPO SOSTEGNO FORLANINI

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/07/2010 @ 09:50:39, in casa, visitato 2343 volte)

IL GIORNALE DI VICENZA SOCIALE. Nuovo sviluppo per il discusso progetto di integrazione che punta alla stanzialità di una famiglia nomade. In attesa che l'Ater liberi un alloggio, saranno ospitati al Caile, vicino al rustico Pettinà

L’accampamento attrezzato di via Lago di Vico. FOTO DONOVAN CISCATO

08/07/2010 Una casa per la famiglia Helt. Intanto provvisoria ma presto definitiva. Siamo ad una svolta decisiva in quello che è stato il primo e assai discusso progetto di inserimento sociale di un nucleo nomade, partito nel 1989 e oggetto persino di un referendum consultivo.
L'obiettivo dichiarato dal Comune è semplice: rendere definitivamente stanziali questi sinti che, a suo tempo hanno deciso di lavorare e restare in città, relegati però con le loro roulotte nell'area di sosta di via Lago di Vico.
Adesso si va "Oltre l'area", nome del nuovo progetto in collaborazione con la cooperativa Primavera Nuova, per superare la condizione di precarietà.
Un'operazione promossa in vista di una probabile assegnazione di alloggio di edilizia residenziale pubblica (ATER), visto che gli Helt sono i primi nella graduatoria. Prevede la sistemazione temporanea di alcuni dei componenti della famiglia sinti italiani in uno o più appartamenti dell'ex centro di accoglienza al Caile, un'ala del rustico Pettinà, centro civico del quartiere.
Servono alcuni interventi per riadattare la struttura, da un anno e mezzo non più utilizzata dopo l'apertura in centro di Casa Bakhita,
Il progetto prevede la sottoscrizione di un patto di corresponsabilità dove sono definite regole e impegni economici (tra cui affitto e utenze) da rispettare. Tra i punti, oltre al rispetto delle regole di buon vicinato, anche il divieto di sosta a roulotte di altre famiglie.
«Più di venti anni fa una famiglia di nomadi sinti italiani ha scelto di fermarsi a Schio. Con loro abbiamo avviato un progetto di accompagnamento e stretto un patto di impegno reciproco. Ne è nato un percorso di stanzializzazione, a volte non facile, ma che ha portato frutti importanti: con la frequenza della scuola da parte dei bambini e l'impegno nel lavoro da parte degli adulti sottolinea il sindaco Luigi Dalla Via Da quei primi passi oggi la situazione è quindi molto cambiata e ora, come la famiglia auspica da tempo, si prospetta la possibilità di un loro ingresso in un alloggio. È un passaggio importante, sia per la famiglia che per la comunità, e noi vogliamo accompagnarlo».
La messa in pratica di "Oltre l'area" sarà seguita dagli operatori della Cooperativa Primavera Nuova.
«Il progetto aggiunge l'assessore Antonietta Martino - ha l'obiettivo di far superare i disagi della sistemazione attuale rispondendo alla volontà espressa da tempo dalla famiglia di stabilirsi in un alloggio. Diamo loro questa opportunità convinti che il vivere sotto un tetto possa essere un aiuto concreto all'integrazione, oltre che un reale miglioramento della situazione legata all'area di sosta attuale».
Al Caile la sistemazione sarà dunque provvisoria ma stanziale, in attesa che si liberino gli alloggi Ater.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mauro Sartori

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/07/2010 @ 09:21:33, in Italia, visitato 1336 volte)

Del fatto avevo letto in settimana. Ecco un articolo che qualche dubbio lo solleva

IL LEVANTE - DOMENICA 11 LUGLIO 2010 07:51 DI SONIA DI MAURO

Via Martirano, zona alla periferia di Milano, è lo scenario dello "strano" furto di cui è stato vittima lo scorso 6 giugno, Igor Iezzi, segretario della Lega Nord Milano, insieme ad una giornalista con la quale organizzava un documentario sui rom.

Ancora poco chiari i fatti. Secondo il racconto del diretto interessato, il leghista Iezzo, si trovava insieme alla giornalista nel campo rom, quando, durante l'organizzazione delle riprese, sono stati avvisati della presenza dei vigili che stavano multando le loro automobili parcheggiate poco distante. Recatisi sul posto, il segretario e la giornalista, hanno appreso che in realtà i vigili erano lì perché insospettiti dall'armeggiare di alcuni rom intorno alle auto. "A me hanno spaccato il vetro e rubato due cellulari, mentre alla giornalista hanno forzato il baule portando via la borsa con tutti i documenti, un navigatore e mille euro in contati. Poi è arrivata la polizia e tutta la refurtiva è stata recuperata. Tutta tranne i mille euro che la giornalista aveva con sé perché sarebbe dovuta andare a pagare l'affitto" racconta Iezzi.

Diversa la ricostruzione dei fatti fornita da diversi giornali locali che parlano di un invito ad allontanarsi, che le due vittime avrebbero ricevuto da un rom e al quale sarebbe seguito la scoperta del furto. Solo dopo sarebbe stata chiamata la Polizia locale che avrebbe condotto una "lunga ‘trattativa' con i nomadi" fino a giungere "al ‘ritrovamento' di gran parte del bottino".

Al di là di qualche strana incongruenza, (i vigili c'erano o non c'erano?), è inevitabile porsi qualche quesito: se la Polizia ha contrattato a lungo con i nomadi, come mai si legge che "nessuno è stato riconosciuto"? e soprattutto, come mai non c'è stato alcun arresto?e le telecamere che riprendevano il campo per il documentario?

Senza contare che è altresì strano che un uomo tanto ostile agli immigrati di ogni razza ed intenzionato a "continuare con gli sgomberi", come lui stesso ha più volte affermato, lasci due cellulari in macchina nelle immediate vicinanze di un campo rom.

La scarsa simpatia che Iezzo già provava per i rom è deducibile, inoltre, dalle affermazioni che hanno immediatamente seguito il furto: "Questa è la dimostrazione che i rom se ne devono andare e che non hanno alcuna intenzione di integrarsi. Dobbiamo proseguire con la politica degli sgomberi perché l'unico numero da associare alla parola nomadi deve essere lo zero".

Gli fa eco l'assessore alla Sicurezza della Provincia di Milano, Stefano Bolognini il quale afferma che il furto "dimostra ancora una volta che nonostante il contributo per l'integrazione predisposto dal ministro Roberto Maroni, questa gente preferisca delinquere piuttosto che intraprendere la strada della legalità. Il piano che prevede da qui al 2011 la chiusura dei campi nomadi - aggiunge Bolognini - deve andare avanti in modo più deciso. E coloro che non rispettano il patto della legalità devono essere espulsi con fermezza".

Solidarietà anche da parte del presidente del Consiglio regionale Davide Boni che con toni più pacati prosegue sulla scia dell'assessore milanese : "Tutta la mia solidarietà al segretario Iezzi - ha affermato - per la brutta vicenda che l'ha visto protagonista e che ancora una volta ha evidenziato come qualcuno non sappia minimamente cosa significhi vivere nel rispetto delle regole".

Se zero valgono i rom, zero varranno anche i dubbi di coloro che hanno riflettuto sull'accaduto eppure la libertà di pensiero dovrebbe essere ancora consentita.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Segnalazione di Pierluigi Umbriano

La Corte europea dei diritti umani (CEDU) ha accertato, nel caso Udorovic c. Italia, la violazione dell'art. 6, par. 1, della Convenzione che garantisce l'equità della procedura, in relazione ad una domanda giudiziaria di un cittadino italiano di etnia sinta avverso lo sgombero di un campo nomadi.

Con sentenza del 18 maggio 2010, la Corte europea dei diritti umani (CEDU) ha accertato, nel caso Udorovic c. Italia, la violazione dell'art. 6, par. 1, della Convenzione che garantisce l'equità della procedura, in relazione ad una domanda giudiziaria di un cittadino italiano sinto avverso lo sgombero di un campo nomadi.

La vicenda riguarda nello specifico un cittadino italiano, appartenente alla comunità dei Sinti, abitante in un campo nomadi di Roma. Sebbene il campo fosse stato autorizzato al comune in un primo momento, successivamente ne era stato ordinato lo sgombero, in quanto il campo non era fornito di acqua potabile e non era dotato di fognature.

Contro i provvedimenti del Comune, il ricorrente aveva quindi promosso un ricorso davanti all'autorità giudiziaria amministrativa, per l'annullamento, previa sospensiva, del provvedimento impugnato, ed altra azione davanti all'autorità giudiziaria ordinaria, ai sensi degli artt. 43 e 44, D.Lgs. n. 286 del 1998, lamentando il carattere discriminatorio dell'azione amministrativa.

Il giudizio amministrativo si era concluso con la sospensiva del provvedimento impugnato, confermata dal Consiglio di Stato; il giudizio innanzi al giudice ordinario aveva invece visto soccombere l'attore, in quanto il tribunale, con ordinanza del 12 marzo 2001, aveva ritenuto che i provvedimenti impugnati non erano discriminatori, avendo essi lo scopo di garantire la salute pubblica dei cittadini residenti vicino al campo nonché quella degli occupanti dello campo stesso (ed il giudizio dinanzi alla Corte d'Appello di Roma aveva quindi confermato la decisione di prime cure).

Il ricorrente era però ricorso alla Corte europea dei diritti umani, lamentando la discriminatorietà del provvedimento, e deducendo l'iniquità della procedura svoltasi davanti all'autorità giudiziaria ordinaria dato che il processo si era svolto in camera di consiglio e che la corte non si era pronunciata sul provvedimento amministrativo del sindaco di Roma, di alcuni anni precedente allo sgombero, che precisava le regole dei campi nomadi in città (e, in particolare, prevedeva, per le famiglie di Rom e Sinti, che coloro che avevano figli in età scolare e frequentanti corsi di istruzione obbligatori avevano il diritto di risiedere nei campi nomadi collegati alla città).

La Corte europea dei diritti umani (CEDU) ha quindi accertato, con la decisione in epigrafe, la violazione dell'art. 6, par. 1 della Convenzione, ed il diritto ad un equo processo, perché la Corte d'Appello non aveva statuito sulla parte della domanda proposta dal ricorrente riguardante proprio la decisione sindacale precedente, inerente la regolamentazione dei campi nomadi in città.

Di: Giulia Malinconico

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/07/2010 @ 08:51:10, in Italia, visitato 3105 volte)

In alcuni casi è la sacrosanta verità. Però, anche un ladro ha una sua dignità, un suo onore. Sabato pomeriggio mi sono trovato con Jovica Jovic (chi legge la Mahalla lo conosce bene e sa che lui non ruba), perché volevo capire qualcosa di più su di un grosso furto che lui e gli altri Rom del campo di via Sesia a Rho (MI) stanno subendo, da parte della "nostra gente". Ecco cosa mi ha raccontato (leggete con calma e attenzione):

Sino a 5 anni fa, abitavamo a Lucernate, una frazione di Rho. Ci abbiamo vissuto 12/13 anni. Erano terreni nostri, comprati dai miei suoceri e dai loro figli, in tutto oltre 3.000 mq., abitati da 7/8 famiglie. Io andavo in giro per l'Europa a suonare.

All'inizio su quei terreni avevamo messo dei prefabbricati, che pian piano abbiamo rinnovato da noi. Abbiamo tirato la luce, l'acqua, abbiamo recintato. E' costato oltre 100.000 euro. Abbiamo poi pagato il condono in tre rate, altri 180.000 euro, ho ancora tutte le ricevute. Dicevano che erano area protetta, ma ora che li abbiamo lasciati, tutti quei terreni sono diventati edificabili.

Morto mio suocero, era rimasta sua moglie, che era malata di cuore, ma non le dettero il permesso di soggiorno per motivi sanitari. Anche se eravamo in Italia da più di 40 anni, praticamente 3 generazioni erano senza documenti.

A questo punto si presentò l'Opera Nomadi, con alcuni consiglieri del comune di Rho; allora la sindaca era la signora Pessina. Ci fecero più o meno questa proposta:

Noi vi aiutiamo se lasciate i terreni. Venite nel comune di Rho e vi costruiremo un campo, che sarà vostro e potrete restarci per tutto il tempo che vorrete. Ed in più ci sarebbero state opportunità di lavoro e avrebbero concesso i permessi di soggiorno. Le "unità abitative" sarebbero state composte da cucina, bagno e camera da letto.

Ci diedero un mese per riflettere. Decidemmo di firmare e aspettammo che si finisse il campo.

Ma fummo fregati una prima volta! Trovammo invece dei container di 30 mq, immagina lì dentro una famiglia di 2 adulti e 7 bambini!

Con l'Opera Nomadi e la Caritas (che gestivano il campo) andammo in Comune ed in risposta venne stilato un regolamento che tra l'altro diceva:

Ogni unità abitativa per piazzola può allargarsi a seconda delle esigenze familiari.

Venne anche deciso che i gestori avrebbero avuto un loro presidio nel campo. C'è da dire che da questo punto in avanti, l'Opera Nomadi è scomparsa, allontanata dalla gestione che è rimasta tutta alla Caritas.

Non si poteva fare più niente: piantare alberi (il campo è tutto al sole), nemmeno mettere un vaso di fiori, figuriamoci allargare lo spazio per le famiglie.

Dal Comune avanzavano 170.000 euro per terminare i lavori nel campo, ma mi ricordo solo l'arrivo di una cucina, che venne divisa per 11 famiglie, ci dissero che il resto sarebbe stato portato dopo.

Io sono entrato nel campo il 4 aprile 2007. Mi ricordo che c'era il contatore della luce che serviva tre casette e il palo della luce, che illumina tutto il campo. Mi son ritrovato a pagare 5.000 euro di arretrati! Ho fatto mettere un contatore solo per la me. Sono anche riuscito ad allargare lo spazio per la mia famiglia e quella di mio figlio.

Col cambiamento della giunta comunale, è arrivato un nuovo regolamento. Tutti i documenti precedenti li aveva l'ex sindaca.

Due parole sulla chiesetta al campo (ne parla più ampliamente il video seguente, ndr): avevo ottenuto il permesso per costruirla, ed ero felice. Era stata benedetta da otto parrocchie della zona e da un sacerdote ortodosso della Croazia. Una chiesa aperta a tutte le religioni, per distruggere il male col bene. Ce l'ho fatta ed ha avuto una caduta positiva nel campo. Adesso non riesco a farmene una ragione, che vogliano mandarci via e al posto della nostra chiesa mettere la quinta discarica di Rho! E' una grave offesa a Dio e agli uomini...

Intanto al campo le ragazze hanno seguito corsi di cucito e cucina, i giovani vanno alle scuole superiori; c'è anche chi si allena a calcio con la società del Milan.

Ma... mia figlia nata in Italia lavora da tre anni e mezzi, tramite la Caritas o la parrocchia di Rho. Guadagna 120 euro al mese. Se non andava al corso, non avrebbe trovato più posto al campo. Lo stesso, le hanno rifiutato la cittadinanza perché non aveva la residenza. Tre giorni fa era con me in macchina; ci hanno fermato e ha rischiato di finire al CIE di via Corelli.

Nel frattempo man mano chi non rispettava il nuovo regolamento veniva allontanato. Basta poco per essere messi alla porta. Eravamo in 80, ora siamo rimasti in 30. Vengono allontanati vecchi, giovani, non fa nessuna differenza, tutti sotto i ponti. Uno è morto in Germania, qualcun altro va avanti e indietro tra Pero e Rho...

Adesso ci è arrivata una lettera, con tre possibilità:

  1. o ci accompagnano tutti alla frontiera (gratis!),
  2. o ci danno 4.000 euro e ci arrangiamo,
  3. donne e malati avranno assistenza per 3 mesi.

E' uscito anche un articolo sul giornale di Rho, si dice:

Distruggeremo il campo entro tre mesi. Cacceremo tutti. Su questo terreno sorgerà una discarica.

Discarica più etnia è uguale a pulizia etnica.

Io personalmente non so cosa fare. Per una casa chiedono tanti soldi d'anticipo e la busta paga. Io sono musicista, dove le trovo le buste paga?

Mi hanno detto: se tratti avrai qualcosa, se non vuoi trattare non avrai niente. Lunedì (12 luglio) mi parleranno. Se mi state leggendo, significa che è andata male, e così ho deciso di raccontare almeno la mia storia.


Spero che qualcuno possa domandarsi se sono davvero "gli zingari" i ladri in Italia. A me invece, dopo quella chiacchierata resta parecchia tristezza. Per chiudere bene questo spazio, propongo questo video suggerito da Giancarlo Ranaldi. Glielo devo (a Jovica, intendo)

Jovica Jovic a Rho: cultura o rifiuti? from Anna Pac on Vimeo.

Le parole di Jovica Jovic sono una lezione di tolleranza, di convivenza, di fratellanza, persino di identità Europea, quella che la moneta unica non ha di certo fortificato in tutti i noi, d’altronde le monete non hanno anima, forse solo portafoglio. Fermarsi ad ascoltare chi ha la possibilità di donare saggezza con le sue parole è fondamentale in una società che vive di corsa, che non aspetta, che non ha tempo per chi vorrebbe prendersi un momento per guardarsi intorno. Il maestro Jovica Jovic ha viaggiato molto e si è fermato altrettanto, la vita di un musicista rom nato in Serbia, passato dall’Austria, dall’Inghilterra e giunto in Italia è un peregrinare continuo, è muoversi in un unica terra, in un unica casa che è il mondo. Purtroppo le visioni romantiche non coincidono mai con quelle burocratiche, populiste e demagogiche di chi urla "padroni a casa propria!" e affini slogans,che fanno della paura del diverso il mezzo per avere manciate di voti. Poi si corre al capezzale degli ultimi al momento dello sgombro, con la faccia imbrattata di pietà, con le mostrine governative luccicanti e si dona un permesso di soggiorno provvisorio promettendo una regolarizzazione per meriti artistici. Jovica Jovic si fida, è un uomo di parola, di fronte ad un riconoscimento tanto ufficiale, è il ministro Maroni con cui ha parlato. Noi forse siamo diffidenti perché sappiamo di che pasta siamo fatti, perché troppo spesso dimentichiamo molto in fretta, qualsiasi sia il colore con cui dipingiamo le nostre idee o convinzioni. Sarà questa monocromia che ci rende tanto bigotti e chiusi, poco inclini al confronto e al conseguente apprendimento. Fino a che rimarremo inchiodati alle nostre convinzioni non saremo mai in grado di definirci tolleranti o accoglienti, depositando i nuovi arrivati nel sottobosco fangoso della privazione e del degrado da cui è difficile emergere legalmente, in cui si è destinati ad affondare. Ci sono immigrati che lavorano, che hanno figli nati in Italia, educati in Italia, che parlano italiano e sono perfetti sconosciuti e clandestini ai nostri occhi, sans papier senza capirne il motivo. La storia del maestro di musica Jovica Jovic è molto interessante e molteplici sono le testimonianze sulla rete; le collaborazioni musicali con Piero Pelù, Goran Bregovic e Vinicio Capossela, la collaborazione con Moni Ovadia per la mostra di De Andrè, la creazione di un’orchestra multietnica in stile musicale balcanico, stanno a dimostrare quanto sia integrato quest’uomo. La sua voce è il megafono di tutte le voci, di una comunità che chiede rispetto e cittadinanza, non continui sgombri di stampo politico e appelli abbattuti dalle ruspe e dalla sordità della giunta della sua città, Rho. Jovica Jovic ha costruito anche una chiesa, consacrata e benedetta, sul terreno che diventerà una discarica. Deliri di onnipotenza oramai permettono di prevaricare anche un baluardo italiano, la fede, o forse è solo perché vogliamo essere dei perfetti "cristiani, in chiesa propria!". Andiamo in pace e ascoltiamo Jovica!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


05/12/2021 @ 08:28:15
script eseguito in 61 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3545 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
Ho visto un commento online su come UDAMA ADA abbi...
19/11/2021 @ 18:17:48
Di Maria Nowak
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source