Cerca - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per jovica jovic

Di Sucar Drom (del 03/06/2009 @ 19:39:49 in Italia, visitato 2198 volte)
Dijana Pavlovic chiuderà a Mantova la campagna elettorale di Rifondazione Comunista con lo spettacolo teatrale Rom Cabaret, insieme ai musicisti Jovica Jovic e Marta Pistocchi.

Siete tutti invitati venerdì 5 giugno 2009, alle ore 21.00, presso la sede di Rifondazione Comunista a Mantova, in via Bettinelli n.12 (di fianco alla Stazione Ferroviaria). A tutti sarà offerto un piccolo rinfresco.

Lo spettacolo è nato tre anni fa come occasione di incontro tra la cultura Rom e la rappresentazione che ne ha fatto la tradizione letteraria occidentale attraverso l’immagine romantica dei mondi rom e sinti (Cervantes, Puskin, Merimée, ecc).

Di fronte alle vicende drammatiche degli ultimi due anni, che a partire dal caso di Opera sono culminate nella cosiddetta “emergenza Rom”, è nata l’esigenza di attualizzare lo spettacolo e trasformarlo in uno strumento non solo di conoscenza e di confronto, ma anche di denuncia.
È quindi diventato uno spettacolo mosaico fatto di poesie e racconti popolari e di autori Rom, di musica e canzoni popolari, di testi, di video e interviste che raccontano la condizione dei Rom oggi in Italia fatta di sgomberi e di pregiudizi. Ma tocca anche i momenti duri e drammatici della storia, come quello dello sterminio nei campi di concentramento nazisti, passando dai toni poetici a quelli amari e drammatici, senza dimenticare l’ironia e anche l’ autoironia delle barzellette Rom.

Con Marta Pistocchi (italiana) e Jovica Jovic (rom serbo) - due musicisti molto diversi tra loro per origine, provenienza e formazione professionale si incontrano nel 2006 e animati dalla passione per la musica rom dei Balcani formano un duo unico nel suo genere; i Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso, libero e vitale.

 
Di Fabrizio (del 06/03/2010 @ 18:37:31 in Italia, visitato 1949 volte)

Lunedì 8 marzo alla questura di via Montebello 26 (MILANO) alle ore 11, le autorità consegneranno al maestro Jovica Jovic , la revoca dell'espulsione dall'Italia ed il permesso di soggiorno.

Questo è un riconoscimento ad un artista che fa onore non solo al popolo Rom ed alla sua cultura, ma anche alla nazione che lo ospita.

Ringraziamo tutti gli artisti, le associazioni e le singole persone che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato e ci auguriamo che questa buona notizia possa contribuire al miglioramento della condizione di tante persone i cui meriti spesso non sono riconosciuti. In particolare il nostro augurio è rivolto al popolo Rom.

“ Seminateci bene e daremo i nostri frutti” - Jovica Jovic

Associazione culturale "Terra del fuoco"

L'appuntamento su Facebook

IMPORTANTE NOVITA': [...], il Maestro J. Jovic dopo aver ricevuto il permesso di soggiorno in questura verrà ricevuto dal Ministro dell'interno Maroni: alle ore 12 in Prefettura (corso Monforte 31), il ministro incontrerà J.J. e in questa occasione il maestro consegnerà in dono al ministro un arazzo creato dalla sartoria delle donne del campo nomadi di v. Sesia a Rho dove lui risiede e che è attualmente sotto sfratto.


+ bicchierata-rinfresco in terra del fuoco h.13.30 via morigi 8 milano

www.jovicajovic.blogspot.com

se fossimo ventenni, col petto pieni d'ideali...per esempio mantenuti , avremmo una sola certezza: NON SCENDERE A COMPROMESSI CON NESSUNO.

"noi non sappiamo perché il ministro degli interni abbia deciso di concedere il permesso di soggiorno a Jovica" dice terra del fuoco

Fa bene la Terra del Fuoco associazione per la diffusione delle arti manuali a ribadire di non essere un partito politico, e di essersi preso cura, insieme ai suoi amici del maestro Jovica soprattutto perché incarna pienamente l'arte del fare in tutti i suoi aspetti, insieme alla sua gente, dalla musica, alla lavorazione, del legno dei metalli , all'antica arte culinaria insieme a quella circense e oggi dell'arte del riciclo come pochi sanno fare.

Fa bene a ribadire che gli sta a cuore anche il destino che accomuna il popolo rom a quello italiano , da sempre migrante come loro , e come loro bistrattato e denigrato sin dai primi anni delle emigrazioni verso il nord europa e verso le terre d'america, dove i giornali dell'epoca testimoniano come gli americani descrivevano gli italiani, e poco si distanziassero dalle descrizioni che potrebbe fare un giornale medio italiano che ha dimenticato le proprie non lontane origini.

Terra del Fuoco fa anche molto bene a ribadire , anche il proprio stupore di quello che accadrà lunedì, il ministro degli interni Maroni, colui che ha scritto e approvato leggi che azzerano la vita intera di persone, famiglie e bimbi che vanno a scuola, additando un nemico: lo straniero, accoglierà il nostro amico, e gli darà il permesso di soggiorno.

Fa bene Terra del Fuoco anche a sottolineare di quanto, al di là del proprio personale pensiero sulle politiche del ministero degli interni, che lunedì verrà celebrato il maestro jovica, come esempio positivo della cultura rom.
Questo è un fatto.
Questo è un fatto importante, perché anche le persone a casa, nei loro tinelli, convinti delle loro certezze potranno forse per la prima volta leggere sui giornali che il ministro Maroni si è accorto , che un rom è onorevole di permesso di soggiorno, per essere vissuto secondo la propria cultura diffondendola attraverso la musica e connettendosi a sua volta con altri musicisti e contribuendo ancora a diffondere l'uso e l'apprendimento della fisarmonica attraverso i corsi da lui tenuti.

Quindi noi amici di Jovica e del popolo rom non possiamo fare altro che felicitarci, di vedere un piccolo pezzetto di una grande lunga strada, ancora da compiere, perché sia possibile invertire la rotta dei media che normalmente diffondono solo pessimi esempi degli stranieri che attraversano o che vivono in italia, abbiamo molto lavoro da fare , dobbiamo operare culturalmente, coscienti dello stato d'urgenza, ma coscienti che le battaglie urlate, oggi servono sempre meno,
Servono operatori e operazioni culturali che avvicinino le culture diverse e che facciano inesorabilmente emergere quanto di positivo vi sia nell'incontro fra le diversità.
Non serve storcere il naso per un battesimo cattolico, anziché intravederne una festa e un incontro fra diverse culture, o per un ministro che è ciò che è, serve agire, in tanti , e in modo costruttivo, dobbiamo essere gli anticorpi , come diceva Moni Ovadia al battesimo di Sanela, dobbiamo essere un virus che attraverso tutti i mezzi possibili a disposizione possa essere una rete in espansione di iniziative , del fare, nel fare cultura.


Inoltre: Revocato il decreto di espulsione di Jovica. Il campo di via Sesia non va smantellato

 
Di Fabrizio (del 04/02/2013 @ 17:32:08 in Kumpanija, visitato 1284 volte)

Iniziativa per La Giornata della Memoria
7 Febbraio 2013 - inizio ore 9.00
Aula Magna Liceo Manzoni - via G. Deledda 11 - Milano (MM1-2 Loreto)

Jovica Jovic non sa se sta ancora fuggendo dai nazisti, o se è rimasto senza casa, o sia semplicemente in tourneé.
Jovica Jovic oggi è un fisarmonicista di talento, conosciuto in Europa, che insegna ai bambini a suonare ad orecchio.
La sua storia parte dalla Jugoslavia degli anni '40, e la MEMORIA di allora si lega alle guerre degli anni '90, sino all'arrivo e alle incertezze in Italia.
La sua storia personale è quella del suo popolo, i Rom, testimoni mai ascoltati di eccidi lontani.
Suonerà e discorrerà col pubblico, ridendo, ragionando, sperando assieme a voi.

Progetto Memoria Storica: Il Popolo Rom e L'Olocausto - Commissione Cultura - Consiglio di Zona 2

Motivo: Mentre si parla molto delle vittime Ebree della persecuzione Nazi-Fascista nell'Olocausto, molto meno si parla di altre loro vittime: gli oppositori politici, gli omosessuali e i Rom. Questa lezione/spettacolo/concerto vuole cercare di spiegare cos'è successo e continua a succedere a quest'ultimo gruppo etnico, storicamente vessato e perseguitato.
Abbiamo voluto così fare conoscere un'altra tessera dell'enorme e terribile mosaico dell'Olocausto.

Obiettivo: Informare e sensibilizzare i giovani. Saranno invitati i ragazzi di alcune scuole della Zona 2 dalle medie ai licei, inclusi gli studenti dei Licei Manzoni e Carducci, per una lezione/spettacolo coinvolgente sull'argomento.

L'invito è soprattutto per le scuole ma l'entrata è libera per tutti.

 
Di Fabrizio (del 15/03/2009 @ 17:11:27 in musica e parole, visitato 1676 volte)

Milano 14 marzo 2009: una gradita segnalazione di Ivana K Roman

Dijana Pavlovic - Rom Cabaret, frammenti serata "Rom e Sinti: suoni e parole in movimento" - per cambiare musica! - Auditorio San Fedele, via Hoepli 3, Milano alla fisarmonica il maestro Jovica Jovic

 
Di Fabrizio (del 10/10/2008 @ 17:11:24 in musica e parole, visitato 1997 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

 Palazzolo Milanese Musica tzigana dal vivo con

I Muzikanti
Marta Pistocchi violino
Jovica Jovic fisarmonica

sabato 11 ottobre dalle 20.30

alla Trattoria 1902 via Coti Zelati 82 Palazzolo Milanese (MI)
Festa tzigana accompagnata da cena in prima serata. Dalle 22.00 inaugurazione del privè della trattoria 1902 con musiche e balli.
Menù tzigano 30 €, bevande della casa incluse. E' gradita la prenotazione.

Per raggiungerci arrivando da via Coti Zelati, oltrepassare la rete dei lavori in corso e parcheggiare all'interno della corte; da Senago superare il passaggio a livello e parcheggiare sulla strada di destra o sinistra. ACCESSO CONSENTITO SOLO AI CLIENTI DEL 1902

Vi aspettiamo!

Infoline: 02 99764689 - info@trattoria1902.it - www.trattoria1902.it

 
Di Fabrizio (del 10/10/2006 @ 10:22:08 in musica e parole, visitato 1789 volte)

Dintorni Rhom
L'ARTE, UN OCCASIONE DI INCONTRO

Chi?
Un gruppo di giovani artisti e la famiglia Milencovic

Cosa?
MOSTRA D'ARTE CONTEMPORANEA
MUZIKANTI IN CONCERTO

(con la partecipazione di Jovica Jovic e Nenat Milencovic)
BUFFET BALCANICO

Quando?
14 OTTOBRE 2006
h. 19.30: apertura evento - h. 20.00 inizio concerto - durata mostra: dal 14 al 31 ottobre 2006

Dove?
LIBERAMENTE. RHO (MI)
ingresso 1: via statuto 19 (chiuso alle 21)
ingresso 2: via castelli fiorenza (porticina)

Perché?
Pittura, scultura, fotografia, video, installazioni e musica sono i mezzi privilegiati per l'incontro, la relazione e la conoscenza dell'altro

INGRESSO LIBERO

Provincia di Milano
Comune di Rho - Assessorato alla Pace
liberamente

informazioni
www.liberamenterho.com
info@liberamenterho.com


 
Di Fabrizio (del 17/06/2008 @ 10:09:43 in Kumpanija, visitato 1495 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

ciao,
questa è una lettera aperta a tutti gli amici dei Muzikanti ed in particolare di Jovica Jovic.
Fatela girare se lo ritenete opportuno e se credete che possa aiutarci.

Alcuni di voi già sanno che Jovica sta attraversando un difficile periodo della sua vita nel quale, tra le altre cose, sta cercando di regolarizzare la propria posizione in Italia.
Il momento politico, ahinoi si sa, non è è favorevole e le difficoltà che il nostro fisarmonicista sta incontrando sono molte; nonostante ciò crediamo nella possibilità di riuscire nel nostro intento.
La richiesta inoltrata tempo fa al Ministero della Cultura per avere il musicista Jovica in Italia è difatti andata a buon fine e il ministero ha rilasciato il Nulla Osta che permette l'ingresso alla frontiera italiana; questo ottimo risultato viene vanificato però da un altro provvedimento nei confronti di Jovica, un mandato di espulsione dovuto all'accertamento della sua posizione irregolare sul territorio italiano, precedente al Nulla Osta.

Per proseguire sulla strada della regolarizzazione Jovica ha bisogno del sostegno di uno studio legale, il che implica delle alte spese che la sua famiglia non può permettersi.
Per questo ci stiamo rivolgendo a voi, nella speranza di riuscire a creare una rete di persone che vuol bene a Jovica, che ne riconosce il valore di uomo e musicista ed è disponibile a dare il proprio contributo (economico ma non solo) per sostenere la causa del miglior fisarmonicista serbo di Milano.
Vi propongo di venirci a trovare venerdì 20 giugno (questo) alle Pecore -via fiori chiari 21- noi suoneremo dalle 22, ma vi aspettiamo anche da prima. Sarà un'occasione per incontrarci, informarci, raccogliere suggerimenti e forze, ed infine ringraziarvi a suon di musica e balli.
Per chi non potesse venire venerdì ma vorrebbe comunque aiutare Jovica, e per tutti quelli che vogliono saperne di più e meglio vi invito a scrivere a questo indirizzo: Ivana ivanak011@tiscali.it, che come sempre ci aiuta e ci sostiene e ci ama e che io ringrazio con tutto il cuore.
Spero di avere una calorosa risposta da tutti voi
a venerdì
marta

 
Di Fabrizio (del 30/05/2007 @ 10:05:08 in conflitti, visitato 2654 volte)

COMUNICATO STAMPA

 

Un Ponte per... Jasenovac

 

Mostra fotografica

dal 28 maggio all' 8 giugno

alla Casa della pace della Provincia di Milano – Milano

 

 

Jasenovac. Sulle rive del fiume Sava. A un centinaio di chilometri a sud-est di Zagabria. Nome che sta a indicare, in lingua serbo-croata, “bosco di frassini”, il luogo in cui vennero commessi i crimini più efferati da parte del regime croato degli ustascia (ustasce = insorti) con a capo il Poglavnik/Führer Ante Pavelic, che appoggiò le potenze dell'Asse durante la Seconda guerra mondiale. Il luogo in cui morirono tra le 500 e 700 mila persone, in prevalenza serbi ortodossi, Rom, ebrei e croati dissidenti al regime di Pavelic.

 

 

La mostra fotografica è stata realizzata da “MOST ZA BEOGRAD – UN PONTE PER BELGRADO IN TERRA DI BARI” – Associazione culturale e di solidarietà con la popolazione jugoslava, su foto e testi forniti dal MUSEO DELLE VITTIME DEL GENOCIDIO DI BELGRADO, e tradotti con la collaborazione della cattedra di serbo-croato dell'Università di Bari, di cui è titolare la prof. Svetlana Stipcevic.

 

 

A Milano, la mostra è stata organizzata dall'associazione "UN PONTE PER...", insieme al COORDINAMENTO NAZIONALE PER LA JUGOSLAVIA, OPERA NOMADI e Associazione La Tenda (progetti balcanici di Antonio Furlan), e con il contributo della Provincia di Milano, e vorrebbe illuminare la memoria comune su una pagina buia della nostra storia.

 

 

Gli scatti sui volti di numerosi bambini e bambine forniti dal Museo delle vittime del genocidio di Belgrado testimoniano i vuoti, l'assenza, l'innocenza portata via dalle nefandezze e dalla cieca brutalità della dittatura e della guerra. Jasenovac è il segreto oscuro dell'Olocausto. Noi, dopo 60 anni, questo tabù lo vorremmo svelare. Le vittime di Jasenovac ce lo chiedono.

 

 

Il 28 maggio alle ore 18 l’inaugurazione della mostra:

ERANO SOLO BAMBINI

Jasenovac. Tomba di 19432 bambini e bambine

 

Apertura dei lavori alla presenza degli Assessori provinciali Irma Dioli, Francesca Corso, Giansandro Barzaghi.

 

 

Interverranno:

Andrea Catone (Most Za Beograd, Bari)

Jovan Mirkovic (Museo delle vittime del genocidio di Belgrado)

Giuseppe Zaccaria (giornalista de "La Stampa")

Maurizio Pagani (Opera Nomadi)

 

Coordina: Jasmina Radivojevic (Un Ponte per…)

 

 

Al termine degli interventi l'attrice Dijana Pavlovic leggerà la poesia "La Foiba" del poeta croato Ivan Goran Kovacic, accompagnata dal musicista Jovica Jovic.

 

La mostra si potrà visitare: dal 28 maggio all'8 giugno presso la Casa della Pace della Provincia di Milano, via Ulisse Dini 7 (MM2 Abbiategrasso), Milano.
 
Di Fabrizio (del 13/10/2007 @ 09:59:08 in Kumpanija, visitato 2361 volte)

Dove:  presso il Pub "Le Pecore" in Via Fiori Chiari 21, a Milano

Cosa:

Lunedì 15 ottobre ore 21 Introduzione della settimana Rom con proiezione di video, cui segue l’intervento di MONI OVADIA

Martedì 16 ottobre ore 21 Concerto dei Rhapsodija Trio e di un gruppo di musicisti rom

Mercoledì 17 ottobre ore 20.30 Proiezione del documentario OPERA GAGIA; confronto aperto al pubblico con TOMMASO VITALE, ricercatore Università Bicocca, ANTONIO BOCOLA, regista del documentario, esponenti delle comunità rom

Giovedì 18 ottobre ore 17 Favole rom per bambini gagi e rom Ore 21 Concerto del gruppo MUZIKANTI

Venerdì 19 ottobre ore 21 ROM CABARET, con Dijana Pavlovic, Marta Pistocchi, Jovica Jovic

Sabato 20 ottobre ore 21 Proiezione di immagini appena raccolte in Romania da Marilisa Cosello e Alessandro Stellari. Finale con intervento di DARIO FO

Nel locale saranno esposta per tutto il periodo una mostra fotografica e sarà visibile un’istallazione audio/video di Valeria Fondi Di Pietro.

Il programma e le eventuali variazioni sono consultabili su www.lepecore.com

 

Le ragioni:

In questi ultimi mesi sono stati effettuati 32 sgomberi di campi rom abusivi nel Milanese. Si tratta di rom rumeni che dal 1 gennaio di quest’anno sono cittadini europei e hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri di tutti gli altri cittadini europei, come noi; quindi non possono essere rispediti nel loro paese se non a determinate condizioni. Si è così creata una situazione senza sbocco: sgomberati da qui, questi uomini con le loro donne, i loro bambini e le quattro cose che hanno salvato si spostano più in là. Da un punto all’altro, da uno sgombero all’altro.

Oggi ci sono tra 5 e 600 rom che vagano per Milano e provincia vivendo come possono.

Questa scelta non è dettata, se non a parole, da ragioni di sicurezza. Infatti, non c’è dubbio che sia più sicura una situazione in cui queste comunità si trovino sotto controllo con gli uomini che non perdono il lavoro e i bambini che non perdono la scuola a causa dei continui sgomberi.

Saranno poi le forze dell'ordine e il sistema di giustizia ad occuparsi, ognuno nella propria funzione istituzionale, dei casi da loro ritenuti perseguibili.

Sarebbe saggio sospendere questa scelta che porta solo tensione e sgomberare, come avveniva fino a pochi mesi fa, solo dopo aver trovato soluzioni che rispettino la dignità e la condizione umana dei rom e poi guardare un po’ più lontano, a una strategia che costruisca un quadro di certezze per tutti, cittadini italiani e comunità rom, con una politica concordata di processi di inserimento reale nel mondo lavorativo, scolastico e sociale.  

I “campi nomadi” producono malattia, disoccupazione, devianza, induzione alla criminalità, conflitti sociali: effetti tipici del disagio sociale diffuso. Bisogna quindi abbandonare la logica dei campi e prevedere, come è avvenuto e avviene in molti altri Paesi, ma anche in Italia, inserimento sociale, lavorativo ed abitativo adeguato, come anche per i rifugiati e richiedenti asilo.

Noi crediamo che una politica responsabile e degna di un Paese civile non debba inseguire il malcontento, il disagio e anche il pregiudizio, ma costruire le condizioni di diritti e doveri uguali per tutti per una convivenza pacifica e rispettosa delle diverse culture.

Ci sembra importante prima di tutto conoscere questo popolo, la sua cultura, le sue tradizioni, anche la sua storia con le lunghe persecuzioni fino ai campi di concentramento; un popolo pacifico che non ha mai fatto una guerra ed è distribuito in tutta Europa, unico vero popolo europeo. Se si cercano i modi per comunicare con loro, si può forse avere una idea diversa da quella che si fonda sull’ignoranza e sul pregiudizio.

Questo ci aiuta a considerarli per quello che sono, esseri umani come noi, in cerca, come noi, di un po’ di benessere e di felicità che nei luoghi dai quali provengono sono loro negati. E come esseri umani non possono essere abbandonati nel degrado nel quale vengono cacciati.

Ora che arriva l’inverno le loro condizioni diventano tragiche: basti pensare ai bambini, alle donne, molte delle quali incinte. Un primo segno di umanità nei loro confronti deve essere quello di rendere la loro vita materiale meno precaria e offrendo loro un ricovero decoroso almeno per superare una stagione che sarà dura e difficile.

LE ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO:

Il Naga è un'associazione di volontariato laica e apartitica, costituita a Milano nel 1987 allo scopo di promuovere solidarietà e interventi socio- assistenziali in difesa dei diritti sanitari e legali  di immigrati temporaneamente presenti, rifugiati politici e Rom, senza alcuna discriminazione di razza, religione, partito. www.naga.it

L’Opera Nomadi si configura come un'associazione apartitica e aconfessionale; dal 1970 è elevata a Ente Morale Nazionale. L'Associazione è nata dalla consapevolezza che fosse necessario un movimento di volontari organizzato per promuovere interventi atti a togliere gli zingari o gruppi di origine nomade dalla situazione di emarginazione in cui sono relegati e per aprire la collettività nazionale alla comprensione e all'accoglienza dei diversi.  www.operanomadimilano.org.

L’associazione “Aven Amentza” – Unione Rom e Sinti, è nata nel 2004, con l’appoggio della Camera del Lavoro, per essere la voce politica e sindacale nella difesa dei diritti di queste popolazioni. Fra le tante iniziative, ricordiamo un anno e mezzo di sportello sindacale presso il campo di via Triboniano, con FILLEA Cgil, per il controllo delle buste paga e delle situazioni lavorative di numerosi Rom, soprattutto romeni e bosniaci. Informazioni: Tel. 0248409114

UNALTRALOMBARDIA Associazione il cui scopo è quello di promuovere la partecipazione diretta dei cittadini in tutti gli ambiti culturali e politici nei quali si può realizzare un impegno civile contro la guerra, contro ogni forma di ignoranza, intolleranza, violenza, censura, ingiustizia, discriminazione economica, sociale, razziale, di genere. www.unaltralombardia.it

Comitato Rom e Sinti insieme Associazione costituita dalle comunità rom e sinte di diversa etnia presenti in Italia, con lo scopo di promuovere la partecipazione diretta di esponenti di queste comunità anche in sedi istituzionali. www.comitatoromanophralipe.it 

Gruppo Abele Il Gruppo Abele di Milano  è impegnato sui problemi delle dipendenze, del carcere e dell'esclusione sociale. www.gruppoabele.org

Festa dei Popoli di Opera si occupa di organizzare eventi insieme alle comunità di immigrati presenti nel territorio del sud Milano. Informazioni: Tel. 0257602678.

Associazione Liberi L’Associazione culturale “Liberi” ha lo scopo di sviluppare una cultura incentrata sui valori della convivenza civile, del diritto alla felicità, della tolleranza, della solidarietà, della comunicazione libera e aperta e della continua ricerca di nuove frontiere nella sfera dei diritti e delle libertà individuali e collettive.

Ministero Sabaoth e Cooperativa Sociale Sabaoth Onlus, è una realtà evangelica aderente alla denominazione Ceiam (Chiesa Evangelica Internazionale e Associazione Missionaria). Da sempre operante nel sociale, offre gratuitamente un centro ascolto, uno sportello lavoro, banco alimentare, raccolta e distribuzione vestiario, corso di italiano per stranieri, assistenza psicologica e legale per stranieri, senza alcuna discriminazione di razza, fede, nazionalità o stato sociale. www.ministerosabaoth.org

 
Di Fabrizio (del 19/09/2010 @ 09:51:37 in Italia, visitato 1744 volte)

Tiscali: cronaca

"Essere rom non può essere una vergogna", così da Torino sintetizza Vesna Vuletic, fondatrice di Idea Rom, e la realtà spesso capovolge i luoghi comuni: dal Nord al Sud d'Italia, piccole storie di quotidiana integrazione crescono, all'ombra delle polemiche che puntualmente si scatenano sul destino dei rom, aspettando "politiche pubbliche adeguate".

Il progetto della sartoria Rom - In via Nomentana 952 a Roma puoi trovare un abito unico, con pizzi bianchi o ricami, tessuti orientali broccati o cascate di colore vivace: è l'Antica sartoria rom, dove donne rom dei campi nomadi della capitale confezionano abiti secondo la moda gitana di fine Ottocento, cuciti a mano e con stoffe rigorosamente in fibra naturale, seta, cotone, lana, lino, canapa. Il progetto nasce nel 1997 tra le baracche in un campo in periferia, Alessandra Carmen Rocco, italiana è laureata in lettere e canta come mezzosoprano, e organizza concerti per questo incontra molti musicisti gitani. Così conosce i campi nomadi e le donne dei campi nomadi. Donne - racconta - che hanno un desiderio: lavorare. In uno dei campi nomadi della periferia romana nasce un giorno l'idea della sartoria, le più anziane insegnano alle più giovani un'arte tramandata per secoli. Il progetto si sviluppa e cresce diventa laboratorio, sartoria, negozio, con sfilate - nel 2005 sotto l'egida di Romeo Gigli - e una cooperativa sociale che organizza corsi per chi vuole imparare quest'arte e anche di riuso e riutilizzo delle stoffe da buttare. Ora all'Antica sartoria rom, che confeziona anche costumi teatrali, lavorano 4 donne rom, guadagnano un piccolo stipendio, insegnano ad altre donne rom per dar loro un futuro. Ma i corsi sono frequentati anche da donne italiane - una cinquantina negli ultimi due anni - affascinate dalla moda gipsy. E a comprare sono soprattutto clienti italiani. Nessun finanziamento pubblico. Fanno da sole.

Bari rom assumono rom - A marzo 2008 i rom romeni del villaggio sosta comunale di strada Santa Teresa a Japigia danno il via alla cooperativa di lavoro Artezian, facchinaggio, traslochi e manutenzione del verde, e il primo settembre 2010 riescono ad assumere con contratto di lavoro un rom bosniaco di un altro campo nomadi tra Modugno e Bitonto. Da Artezian è nato anche un progetto per il riuso e riciclo di materiali e macchine da buttare e le donne del campo creano bigiotteria e abiti con materiali di scarto. "Il problema è la mancanza di un lavoro, di una fonte di reddito", spiega Maurizio Pagani, dell'Opera nomadi di Milano, sottolineando: "Su questo fronte le politiche pubbliche non hanno né investito né inciso minimamente, con interventi a carattere assistenziale e a breve termine fine a se stessi". "Si fa ruotare tutto su 'come facciamo a cacciare i nomadi', 'i campi sono ghetti'... in realtà - prosegue Pagani - il problema di base è la mancanza di lavoro, povertà, che condanna rom e sinti all'emarginazione una storia che va avanti dal dopoguerra".

Corsi a Milano - L'opera nomadi quest'anno ha organizzato corsi di sartoria con 15 donne rom dei campi nomadi abusivi; ora tutte sono diventate sarte, lavorano nei campi ma vendono ai privati, anche nei negozi milanesi dove viene molto apprezzato "la loro capacità naturale di accostare i colori". Delle tre cooperative di servizi, messe su dall'opera nomadi di Milano, solo una invece è sopravvissuta, le altre due "sono venute meno per mancanza di commesse pubbliche". Nella cooperativa sopravvissuta lavorano 8-9 persone a progetto, ma chi ha fatto questa esperienza, soprattutto i giovani, ha trovato poi lavoro fuori in ditte private di pulizia. "Anche se normalmente non dicono di essere rom", dice Pagani.

Progetto "Idea Rom" a Torino - "Essere rom non può essere una vergogna, con il nostro progetto vogliamo dire e far conoscere chi siamo davvero", così Vesna Vuletic, 48 anni, da 20 in Italia dove lavora come mediatrice culturale, racconta la nascita, un anno fa a Torino di "Idea Rom" che ora raccoglie una ventina di donne rom, e il loro obiettivo è l'outing: loro lo hanno fatto per prime e ora cercano di aiutare gli altri ad uscire allo scoperto, a non vergognarsi o temere di dire a lavoro, a scuola, all'università, di essere rom.
Per metà sono donne già integrate, inserite nel lavoro, abitano in una casa, l'altra metà del gruppo sono donne giovani, che invece vivono quasi tutte nei campi nomadi, sono disoccupate, bassa scolarità. "Ci siamo ritrovate a parlare - spiega Vesna - alcune di noi fanno le pulizie in banca, in ufficio, ma nessuna diceva di essere rom per paura del sospetto, i figli non lo dicono a scuola per paura di discriminazioni. Molte sono state combattute per anni ma adesso stanno prendendo coraggio, dichiarandosi, rilasciando interviste e anche per comunicare alla società che i rom non sono quelli sporchi, i cattivi da cacciare". Condizioni di povertà portano all'esclusione e alla microcriminalità ma questa non è la realtà della maggior parte dei rom: a Torino ad esempio delle 100 famiglie rom che ora abitano nelle case popolari, solo per 5 ci sono state problematiche. Le donne di Idea Rom così si riuniscono, parlano, vanno nei campi per promuovere il diritto di uscire allo scoperto, e hanno vinto così anche un progetto del Dipartimento delle pari opportunità per interventi di mediazione culturale. Ad ottobre a Torino inizieranno anche corsi di danze tradizionali rom, aperti naturalmente a tutti.

Il vino a Milano e i premi - Prima le mamme del quartiere milanese e le maestre aiutavano i bimbi e le famiglie rom in caso di emergenza, poi hanno voluto fare di più, così insieme a Gas, Sant'Egidio, alla cooperativa di produzione Eughenia, è nata l'idea, del vino R.O.M che sta per "Rosso di origine migrante": bottiglie di vino toscano, Sangiovese, Merlot, Shyra, per finanziare borse di studio e lavoro, un progetto grazie a cui due padri rom hanno trovato lavoro e casa. Problemi di integrazione coi rom a scuola o fuori ? "Assolutamente no - spiega Francesca - sono culturalmente diversi da noi ma va benissimo. Noi abbiamo aiutato loro ma loro hanno aiutano noi. Avere i bimbi rom nella nostra scuola è una ricchezza. Ci sono genitori di bambini che frequentano altre scuole del centro di Milano, dove non si sono né stranieri né rom che vengono qui con i loro figli perché vogliono 'mischiarli con i rom', perchè - dicono - "i loro figli non possono crescere senza conoscere altre realtà". E qualche volta, nonostante tutto, i riconoscimenti arrivano anche dall'alto: il maestro di fisarmonica Jovica Jovic, 53 anni, è un rom jugoslavo che vive nel campo nomadi di via Sesia a Milano e a marzo ha ricevuto dal ministro Roberto Maroni, appassionato di musica, un permesso di soggiorno, seppur temporaneo, per meriti artistici. Insegna a Milano, da lui, che ha suonato con Pelù e Manu Chao, vanno a studiare molte ragazze. E ogni tanto va nelle scuole, e assicurano "sarebbe un ottimo maestro per i bambini".

16 settembre 2010

 
Di Fabrizio (del 17/07/2010 @ 09:51:07 in musica e parole, visitato 1746 volte)

Di Giancarlo Ranaldi

Disegno di Wozniak da www.radiochango.com

Storie di Fisarmoniche 1 "Il Maestro Jovica Jovic".
Rho (Milano), Campo Comunale di Via Sesia.
Il Maestro Jovica Jovic, Rom di origine Serba, vanta importanti collaborazioni artistiche avendo suonato, tra gli altri, con Piero Pelù, Goran Bregovic, Vinicio Capossela, Dario Fo, Moni Ovadia, Dijana Pavlovic, ed è il leader, indiscusso, dei Muzikanti, una piccola orchestra multietnica. A marzo, raccontano le cronache, è stato ricevuto dal Ministro dell'Interno (il bieco Bobo Maroni), ricevendo dalle sue mani un "permesso di soggiorno provvisorio", con la promessa di una rapida regolarizzazione della sua condizione di Wop (With Out Passaport: così come venivano chiamati i migranti Italiani nell'America degli anni ‘50). "Per meriti artistici" disse il Ministro, intrattenendosi cordialmente con Jovica, al quale raccontò dei suoi trascorsi musicali. Oggi il campo di Via Sesia, nonostante la piccola Chiesa costruita dallo stesso Jovica, consacrata e benedetta da Sacerdoti cattolici ed ortodossi, rischia di sparire per sempre. Al suo posto una discarica e l'incertezza che accompagna il futuro delle Famiglie che lì vivevano e pregavano.

Storie di Fisarmoniche 2 "Aurel torna a suonare"
Napoli, dormitorio pubblico di Via Duomo.
Ad Aurel Serban, Rom di origine Rumena, da cinque anni a Napoli, la settimana passata avevano rubato la fisarmonica. Avevano rubato la vita e adesso si vergognava a chiedere la carità. La Società San Vincenzo dei Paoli, si è fatta carico del problema acquistando per lui una bellissima "Paolo Soprani", una delle migliori fisarmoniche presenti sul mercato. Il sorriso è tornato sul faccione buono di Aurel che ha subito imbracciato la fisarmonica, accarezzandola come si fa con una fidanzata ritrovata, ed intonando un splendido valzer. Poche note per riappacificarsi con il Mondo e riacquistare la sua dignità di vecchio orchestrale per le vie di Napoli, indossando sempre gli stessi pantaloni da palcoscenico dell'Orchestra Rumena di cui faceva parte, suonando e regalando sorrisi ai passanti.

Storie di Fisarmoniche 3 "Petru e la fisarmonica rinchiusa"
Paradiso dei Musicisti Rom.
Petru Birladeanu, Rom di origine Rumena, non riesce a trovare pace. Non si da pace per Mirela, Petronela e Ricardo che ha dovuto lasciare su questa terra e che oggi vivono nell'incertezza del proprio futuro. Si rattrista anche nel vedere la sua fisarmonica rinchiusa in una teca di cristallo, nella stazione di Montesanto a Napoli, dove due anni addietro perse la vita, vittima di camorra. Ucciso da un commando di otto aggressori, in sella a quattro scooter: "skizzati", imbottiti di cocaina, dirà un collaboratore di giustizia. L'arresto di Enrico Ricci (suo figlio Marco è stato rinviato a giudizio per aver preso parte all'omicidio di Petru) sulla stampa venne salutato come un colpo eccellente: secondo il Dda di Napoli avevano "preso" la testa di ponte del Clan dei Sarno tra i vicoli della collina napoletana. Non è passato neanche un anno ed oggi viene scarcerato "per decorrenza dei termini", libero per un difetto di forma, un banale cavillo: gli avvisi di conclusione delle indagini ai due difensori non vennero notificati correttamente, quanto basta a far decorrere i tempi fino alla scarcerazione.

… e tutti noi non riusciamo a darci pace.

 
Di Fabrizio (del 11/02/2010 @ 09:49:26 in Kumpanija, visitato 1879 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

sabato 13 febbraio 2010 h 15.00
campo rom di Rho (Milano) via Sesia 21.
Come arrivarci

Siete tutti invitati a partecipare ad un festoso incontro collettivo che vuole testimoniare l'interazione possibile fra le culture, attraverso rituali, musiche e delizie da mangiare!

Don Gino Rigoldi battezzerà Sanela, nuora del grande fisarmonicista Jovica Jovic.

Saremo in tanti credenti e non, uniti e felici di essere testimoni di uno scambio reciproco, possibile anche in un campo rom, che supera confini fra religioni, lingue, culture, colori, e pensieri diversi.

Contribuite anche voi ad arricchire il banchetto coi vostri piatti, colori e sapori... o semplicemente portando del buon vino!

Aderiscono: Moni Ovadia, Arci cultura, Naga, Terra del Fuoco milano, Aizo, Architettura delle Convivenze, la Banda Degli Ottoni, SoS Fornace, Cromosoma 21, I Muzikanti di Balval, Camilla e Ulisse, Malapizzica, Arcimetromondo, Mondorchestra,Canzoniere dei transiti, Enosud

L'appuntamento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 14/11/2011 @ 09:47:59 in musica e parole, visitato 2778 volte)

VENERDI' 18 NOVEMBRE 2011 alle ore 18
presso la Sala delle Colonne – Banca Popolare di Milano (via san Paolo 12, Milano)

I ROM DI VIA RUBATTINO Una scuola di solidarietà
Elisa Giunipero e Flaviana Robbiati (a cura di)
Presentazione di Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio
Collana Libroteca Paoline ISBN 88-315-4055-1

Milano, 19 novembre 2009: la baraccopoli di via Rubattino, occupata da circa trecento rom, viene sgomberata dalle forze dell'ordine. Un'operazione gonfiata ad arte per rassicurare i cittadini milanesi circa la presenza, guardata con diffidenza e con sospetto, dei Rom. Questa operazione crea una reazione inaspettata: i cittadini si mobilitano in favore dei rom. Famiglie milanesi aprono la porta della propria casa per dare ospitalità ad alcune famiglie che non avrebbero alternative reali alla strada. Tutto questo è avvenuto perché i pregiudizi alimentati da una informazione tendenziosa hanno lasciato il posto alla conoscenza reciproca.

Rom fa rima ancora oggi con allarme sociale e l'unica cosa che sembra restare è il dovere di schierarsi. Sui rom ci si scontra senza mai fare una proposta o indicare una possibile soluzione. Questo libro ha il grande vantaggio di guardare in faccia la realtà così com'è, senza aggiunte né proclami, allo scopo di provare a identificare una via da percorrere, pur consapevoli che non si tratta di un cammino in discesa, ma certamente, per tanti motivi, in salita. (dalla presentazione di Marco Impagliazzo)

Questo libro racconta la straordinaria avventura di incontro, solidarietà, amicizia tra un quartiere di Milano e i Rom, avventura iniziata con l'iscrizione a scuola di 36 bambini rom da parte della Comunità di Sant'Egidio. La scuola si è rivelata così il primo luogo di un'integrazione, non facile ma possibile.
La rete di simpatia, buon senso, generosità, voglia di cambiare che ha circondato i Rom di via Rubattino ha molto da dire al clima di antigitanismo che sembra crescere in Europa. Gli autori di questo libro sono tanti: maestre, genitori e alunni delle scuole, volontari, cittadini, giornalisti. Scritto come cronaca diventa testimonianza di percorsi possibili e stimolo a cercare strade di integrazione, unico futuro possibile.

A due anni esatti dallo sgombero e in occasione della Giornata dei diritti dell'infanzia, il libro viene presentato dalla Comunità di Sant'Egidio e dalle Mamme e maestre di Rubattino

Intervengono:
Maria Grazia Guida – Vicesindaco di Milano; Giangiacomo Schiavi – Corriere della Sera; Gianni Zappa – Arcidiocesi di Milano; Corrado Mandreoli – CGIL; Garofita Durusan – donna rom sgomberata da via Rubattino; Bianca Zirulia – Mamme e maestre di Rubattino.
Musiche di Jovica Jovic.

Le Curatrici

Elisa Giunipero, della Comunità di Sant'Egidio, è impegnata nelle attività a favore dei rom a Milano.
Flaviana Robbiati, maestra elementare, da trentacinque anni insegna nella scuola vicina a via Rubattino, a Milano.

 
Di Fabrizio (del 14/03/2007 @ 09:47:19 in musica e parole, visitato 1633 volte)

Stereotipi, Pregiudizi, Zingari e Zingarelle

Cervantes Puskin Mérimée Bizet
Trovatori Turchi in Italia
poesie popolari e di autori Rom

a cura di
Giuseppe Di Leva e Dijana Pavlovic

con la collaborazione di Margherita Monga

fisarmonica Jovica Jovic violino Marta Pistocchi

intervengono:
Paolo Bessegato e Claudio Migliavacca

durata 70'

19 e 20 marzo 2007 - h.19.00, Take Away, via S. Marco 33, Milano tel. 02-6552204

INGRESSO LIBERO

 
Di Fabrizio (del 08/05/2012 @ 09:46:59 in Italia, visitato 2753 volte)

Il Programma:

Qualcosa su di noi:
Via Idro si trova a Milano, in zona nord-est praticamente al termine di via Padova, non lontano dalla tangenziale est, al confine con i comuni di Sesto San Giovanni e Cologno Monzese.

Quasi in aperta campagna, al numero 62, da oltre 20 anni vi risiedono in un campo comunale circa 120 Rom Harvati, metà di loro hanno meno di 18 anni. Di lontana origine croata, sono presenti nella zona da oltre 40 anni, prima in sistemazioni di fortuna e dal 1989 lì regolarmente residenti.


Sono cittadini italiani, scolarizzati dalla metà degli anni '80, iscritti al SSN. Inizialmente era solo un prato abbandonato, dove erano piazzate le roulotte attorno ad un sentiero che lo percorre come un anello, sentiero poi asfaltato dal comune. Data la situazione di relativa tranquillità degli anni scorsi, le famiglie hanno potuto col tempo sistemare i propri spazi, rendendo il campo simile ad un piccolo campeggio. Nel villaggio ci sono anche due MONUMENTI:

  • proprio di fronte all'ingresso LA GRANDE SERRA DEL PERDUTO LAVORO, costruita quando la cooperativa LACI BUTI (Buon Lavoro nella loro lingua, la cooperativa è formata dai rom stessi diplomatisi operatori del verde agli inizi degli anni '90) coltivava piante da vendere al mercato. Ora il monumento è in disuso, perché il comune non ha più rinnovato la licenza di vendita.
  • Al centro del villaggio: il CENTRO POLIFUNZIONALE. Costruito una quindicina d'anni fa dal comune, nelle intenzioni doveva essere un centro comunitario, presidio sanitario e sociale. In tutti questi anni è stato adoperato 5-6 volte. E' intenzione degli abitanti riportarlo all'originaria funzione, già ora sarebbe possibile utilizzarlo per tenere corsi di cucito e sartoria. Inoltre potrebbe aprirsi ad iniziative e mostre in collaborazione con la zona.

Inoltre nel villaggio risiedono gli ultimi allevatori di cavalli dell'area di Milano, eredi di una lunga tradizione. Anni fa, quando nell'insediamento si erano formate diverse squadre di calcio, divise per età, era stata anche bonificata un'area per sistemarla a terreno di calcio, che fu teatro di memorabili sfide con altre squadre del quartiere.

Questo, in poche parole, il vissuto di un insediamento storico. Sia chiaro, i problemi non sono mai mancati e non mancano tuttora. Ma nei decenni passati, la comune volontà degli abitanti, delle varie amministrazioni comunali, dei cittadini e dei volontari di zona, avevano fatto sì che questo fosse conosciuto come un campo modello nella realtà milanese. L'abbandono degli ultimi anni, la mancanza di manutenzione e di politiche sociali, assieme alla volontà delle ultime amministrazioni di procedere ad una progressiva chiusura del campo, hanno portato ad un progressivo deteriorarsi della situazione.

Da questo è nato un progetto partecipato di riqualificazione dell'insediamento, accompagnato da un lungo confronto tra gli stessi abitanti e le forze politiche e sociali della zona, per dare finalmente sicurezze a chi risiede in zona da decenni ed all'insediamento un carattere di villaggio solidale pienamente inserito nell'area del costituendo Parco della Media Valle del Lambro. Il progetto spazia in diversi ambiti: da quello del lavoro, all'abitare, alla scuola, all'interazione col quartiere e con la città. E' anche il senso della partecipazione per la prima volta della comunità di via Idro alla festa VIA PADOVA E' MEGLIO DI MILANO, in quanto componente degli storici quartieri di Crescenzago-Gobba-Adriano. Sperando, con il contributo di artisti, cantanti, musici, scrittori e vari testimoni, di offrirvi un panorama ricco ed interessante di questa cultura, vi aspettiamo tutti il 19 e 20 maggio.

Programma

Sabato 19 maggio

  • dalle 10.00 alle 12.00: Ti costruisco una storia: laboratori per bambini - Preparazione con i bambini dei costumi e delle scenografie dello spettacolo teatrale del pomeriggio. Laboratorio curato da Stefania Benedetti, Mela Tomaselli, Karisa Kahindi (a cura di associazione AB)
  • dalle 10.30 alle 11.30: Il tempo dell'incertezza: comunità stanziali e sgomberate a confronto - Letture di brani dei libri METROPOLI PER PRINCIPIANTI (Gianni Biondillo) e di I ROM DI VIA RUBATTINO - UNA SCUOLA DI SOLIDARIETA' (a cura di Elisa Giunipiero e Flaviana Robbiati), effettuate dagli autori e con la presenza dei protagonisti. (a cura di Martesana 2 e Comunità rom di via Idro)
  • dalle 16.00 alle 17.00: Racconterò una fiaba che mi hanno raccontato - "L'anim-attrice" Stefania Benedetti condurrà per mano il pubblico attraverso un racconto del popolo rom (a cura di associazione AB)
  • dalle 19.00 alle 20.00: The million dollar Kid - Proiezione del documentario (40’ circa) sui Traveller in Irlanda, alla presenza del regista Gian Maria Carrara, presso il centro polifunzionale. Interazione con gli ultimi allevatori di cavalli della città, che risiedono proprio in via Idro (a cura di Vivere in Zona 2 e Comunità rom di via Idro)
  • dalle 21.00 alle 23.30: Musiche randagie – Antonio Ricci, Valeria Lista, Rosa Maurelli, Rosanna Casè e Piero Leodi. - Pietro Marazza e Paola D'Alessandro. - OSPITE SPECIALE: Alessio Lega (a cura di Comunità rom di via Idro e Anpi Crescenzago)

Domenica 20 maggio

  • dalle 10.30 alle 11.30: Non siamo nomadi, siamo cittadini? - presentazione del libro VICINI DISTANTI, CRONACHE DA VIA IDRO (a cura di Fabrizio Casavola). L'autore intervisterà alcuni protagonisti del libro su problemi, speranze, racconti, promesse, riguardo la loro presenza quarantennale in zona 2, da ascoltarsi nelle loro piazzole di sosta, sorbendosi un caffè (a cura di Vivere in Zona 2 e Comunità rom di via Idro)
  • dalle 15.00 alle 18.00: I nipoti di Zampanò - Clown, trampolieri, mangiafuoco, fachiri e giocolieri... grandi e piccini faranno un balzo indietro nel tempo, com'era una volta lo spettacolo itinerante, in compagnia degli artisti del Circo Ciccioli (a cura di Vivere in Zona 2)
    tra le 18.00 e le 18.30: arrivo della Biciclettata poetico meticcia con performance poetica (a cura di Teatro degli Incontri)
    dalle 18.30 alle 21.00: Video e suoni con Annese e Finessi – DALLE TERRE DI NESSUNO, 2009, 53', documentario di Elvio Annese - “Se un giorno d'inverno un suonatore di fisarmonica...” Un film di Valerio Finessi con Jovica Jovic. Due sguardi sui mutamenti urbani (a cura di City ART)
    dalle 21.30 alle 22.30: Dopocena con Ratko - Cabaret con Luca Klobas (Zelig). Consigli, suggerimenti, opinioni e dritte per neoarrivati e lungodegenti, su come sopravvivere all'Italia e agli italiani (a cura di Vivere in Zona 2)

Inoltre, durante tutta la durata della festa: per i più piccini, giro del villaggio di via Idro a dorso di pony.

Il villaggio vedrà l'esposizione di ZigZart: un evento di urban art con 10 installazioni che si relazionano con la realtà urbana, estrapolando significati dai luoghi toccati, danno visioni creative cercando di costruire relazioni e istigare processi trasformativi. Il villaggio nomade è un luogo urbano, un possibile terreno comune, dove sperimentare convivenze e relazioni tra culture diverse, tessere fili tra una realtà concreta degli abitanti del villaggio e il mondo circostante. (evento a cura di Sitart)

 
Di Fabrizio (del 18/10/2010 @ 09:43:05 in scuola, visitato 1582 volte)


i corsi di fisarmonica, metodo ad orecchio, tenuti dal maestro Jovica Jovic

NON E' NECESSARIO CONOSCERE LA MUSICA, SI PUO' COMINCIARE DA ZERO!

Il corso sarà indicativamente al giovedì, dalle cinque e mezza alle sei e mezza.

Corsi pomeridiani individuali e di gruppo
- corso base e avanzato;
- vasto repertorio di musica balcanica;
- corso canto e balli balcanici.

La pagina Facebook

 
Di Fabrizio (del 19/02/2011 @ 09:40:03 in musica e parole, visitato 1610 volte)

DOMENICA 20 FEBBRAIO 2011 - Dalle ore 19 concerto e jam session:
Via Bellezza 16A, Milano

MUZIKANTI DI BALVAL di JOVICA JOVIC
RAFFAELE KOHLER e la sua tromba
MALAPIZZICA


Ciao carissimi, vi scriviamo per invitarvi tutti, e speriamo sarete in molti, ad una serata speciale che si terrà domenica prossima, 20 febbraio all'Arci Bellezza di Milano. Lì i MUZIKANTI di Balval, RAFFAELE KOHLER e i MALAPIZZICA daranno luogo ad un grande concerto solidale pensato per autofinanziare il viaggio che porterà il maestro Jovica Jovic ed alcuni componenti del gruppo, alla Fiera InMensa che si terrà a Cosenza dal 15 al 20 marzo (vedi allegato), dove potranno sostenere i valori dell'integrazione, dello scambio socio culturale fra le variegate etnie che popolano, arricchendolo, il nostro Paese. Tutto questo grazie a quel meraviglioso veicolo che è la loro musica e che rappresenterà virtualmente il nostro abbraccio amichevole ai fratelli immigrati.

La serata avrà inizio verso le 19 con un simpatico aperitivo etnico, proseguirà con una breve presentazione del progetto, per poi esplodere in un turbinio di danze ed emozioni dai Balcani fino al nostro profondo Sud!

L'ingresso sarà libero previo possesso della tessera Arci che si potrà acquistare anche sul luogo. Sarà chiesto un gentile e libero contributo per il buffet e il sostenimento delle spese.

Sperando che vinciate la pigrizia della domenica sera, vi aspettiamo numerosi e confidiamo nella vostra disponibilità per diffondere la notizia dell'evento.

Grazie anticipatamente

Stefania, Barbara e Augusta

 
Di Fabrizio (del 03/11/2011 @ 09:39:26 in scuola, visitato 1988 volte)

Istituto di cultura Rom Museo del Viaggio (Nella foto: l'albero delle pentole. Realizzzione di Mirko Bezzecchi)

IL POPOLO ROM CULTURA, LINGUA, POLITICHE SOCIALI, USI E COSTUMI, STORIA, INFANZIA

CALENDARIO 2011

3 novembre 2011
La cultura romanì tra passato e presente di Mirko e Giorgio Bezzecchi

10 novembre 2011
Comunità zigane e politiche pubbliche di Maurizio Pagani e Giorgio Bezzecchi

1 dicembre 2011
La musica zigana di Jovica Jovic

15 dicembre 2011
Uno sguardo antropologico sull'infanzia rom di Sophie Alice Sarcinelli

DALLE 17.00 ALLE 19.00
AL MUSEO DEL VIAGGIO IN VIA IMPASTATO, 7 MILANO ROGOREDO
MM3 SAN DONATO

"Lingua e cultura Rom"

Il ciclo d'incontri di Cultura Romanì, curato da Giorgio Bezzecchi e Maurizio Pagani (entrambi con una ricca e ventennale esperienza maturata all'interno dell'Opera Nomadi e in collaborazione con A.P., università e centri di ricerca culturali), sarà volto ad approfondire il tema delle Politiche Pubbliche e gli aspetti culturali dei diversi gruppi rom e sinti.
Gli incontri avranno una frequenza bisettimanale per un totale complessivo di 50 ore. E' possibile iscriversi anche a uno o più cicli d'incontro di proprio interesse.

Il corso si avvarrà della partecipazione di studiosi e docenti universitari che operano da diversi anni nel Settore, proponendo approfondimenti di ricerca tematici.

Gli incontri tematici avranno come relatori filologi, antropologi, pedagogisti, sociologi, ma anche artisti e figure del popolo Rom e Sinto.
Il corso è rivolto a insegnanti, educatori, mediatori, assistenti sociali, amministratori e impiegati pubblici, studiosi, ricercatori…. e a chiunque abbia voglia di approfondire questo tema.

"Musica zigana"

Il Maestro Jovica Jovic, proporrà un corso di cultura musicale con l'uso e la conoscenza di alcuni strumenti musicali tipici e l'insegnamento della fisarmonica. Jovica è senz'altro oggi, unanimemente, riconosciuto come uno dei più valenti musicisti nato e formatosi all'interno delle comunità Rom.Autore e protagonista di numerose performance artistiche, metterà a disposizione il suo talento musicale e la grande generosità umana per accostarsi e approfondire la conoscenza e l'insegnamento della musica zigana, attraverso lezioni frontali e di gruppo.
Gli incontri avranno una frequenza bisettimanale per un totale complessivo di 50 ore.
Il corso è rivolto a coloro che intendono approfondire la propria conoscenza musicale.

I DOCENTI:

  • GIORGIO BEZZECCHI – presidente della cooperativa Romano Drom, è un Rom Harvato, esperto di processi e politiche di mediazione culturale. Da molti anni è uno dei massimi dirigenti dell'Opera Nomadi. Vive e lavora a Milano.
  • MAURIZIO PAGANI - dirigente dell'Opera Nomadi, da molti anni è attivamente impegnato in azioni di promozione sociale delle comunità zingare e studio delle politiche pubbliche. Vive e lavora a Milano.
  • SOPHIE ALICE SCARPINELLI - dottore in antropologia presso l'Ehess di Parigi - École des Hautes Études en Sciences Sociales - si occupa di antropologia dell'infanzia.
  • JOVICA JOVIC - Musicista Rom Dal 1971 al 1996 ha fatto il musicista in vari paesi d'Europa. Dal 1996 vive stabilmente in Italia e continua ad esercitare la professione di musicista.
  • MIRKO BEZZECCHI - Anziano della famiglia Bezzecchi, Rom harvato, è l'unico della sua famiglia di origine ad essere sopravvissuto al Porrajmos. E' cittadino italiano di origine slovena.
 
Di Fabrizio (del 08/03/2009 @ 09:39:16 in Italia, visitato 1841 volte)

Rom e Sinti: un libro da leggere, una cena da gustare, una festa da provare

sabato 14 marzo
Auditorium San Fedele via Hoepli 3 a b MILANO (mappa)

h. 18.00
Presentazione del libro a cura di Giorgio Bezzecchi, Maurizio Pagani e Tommaso Vitale, I rom e l’azione pubblica. Pagine: 288. ISBN: 978-88-7039-0377. Milano, Teti Editore

Fra gli autori saranno presenti:
Giorgio Bezzecchi (Opera Nomadi di Milano),
Alberto Giasanti (Università di Milano Bicocca),
Maurizio Pagani (Opera Nomadi di Milano)
Antonio Tosi (Politecnico di Milano)
Amun Sleem (Presidente della Domari Society di Gerusalemme).
Tommaso Vitale (Università di Milano Bicocca)

Discutono:
Giacomo Costa s.J.
Moni Ovadia

h. 20.00
Buffet a cura della Cooperativa Romano Drom.

h. 21.00 (Cine Teatro San Fedele)
Overture: Breve esibizione del maestro di fisarmonica Jovica Jovic e presentazione del suo ultimo album Impronte nomadi (edizioni musicali Opera Nomadi di Milano/SIAE).

Monologo: Dijana Pavlovic

Concerto: Roberto Durkovic e musicisti rom (special guest: Enrico Nascimbeni)

Nel corso della serata saranno raccolti fondi a sostegno della Domari Society, associazione di Dom (i gruppi zigani del Medio Oriente) per solidarietà con le famiglie zigane nella Striscia di Gaza.

Organizzato da: Opera Nomadi, Fondazione Culturale San Fedele, Aggiornamenti sociali, Popoli, Consorzio SiR (Solidarietà in Rete)

Aiuto!!!
Cerchiamo un aiuto per pubblicizzare l'evento.
Cerchiamo persone che durante la serata ci aiutino a raccogliere i fondi in solidarietà

INFO: segreteria@operanomadimilano.org

 
Di Fabrizio (del 04/03/2011 @ 09:34:50 in Italia, visitato 1475 volte)

Link per chi legge da Facebook

Intendo dire, evitando gestacci e scurrilità che magari verrebbero naturali. Vediamo la performance di Dijana Pavlovic e Jovica Jovic in questa impresa quasi impossibile.

Tratto da "L'almanacco del Gene Gnocco" del 20 febbraio 2011

 
Di Fabrizio (del 31/01/2012 @ 09:32:46 in musica e parole, visitato 3101 volte)

per principianti e di perfezionamento
La nuova sede dei CORSI DI FISARMONICA del maestro Jovica Jovic
"SUONI SONORI", via Curtatone 12, Milano (MM3 Porta Romana/Crocetta)

Il metodo di apprendimento è "a orecchio", l'insegnamento consiste in un approccio diretto allo strumento, che non prevede la lettura dello spartito, né il solfeggio: la conoscenza dei bottoni e l'apprendimento delle melodie avvengono gradualmente e direttamente sullo strumento. Questo percorso permette di godere fin dai primi passi del magnifico suono della fisa. Gli elementi armonici e ritmici vengono acquisiti man mano che la pratica avanza, raggiungendo traguardi sempre più ambiziosi e soddisfacenti.

Per informazioni scrivete QUI, e ci metteremo in contatto con voi!

 
Di Fabrizio (del 27/02/2010 @ 09:31:13 in Kumpanija, visitato 1721 volte)

Segnalazione di Ivana

 link per chi legge da Facebook

13/2/2010 - discorso di Moni Ovadia al campo rom di Rho, al battesimo di Sanela, la nuora del maestro Jovica Jovic.

preghiamo tutte le PERSONE di firmare la petizione per la regolarizzazione del grande musicista!

grazie

 
Di Fabrizio (del 14/05/2010 @ 09:30:59 in casa, visitato 2201 volte)

Segnalazione di Paolo Teruzzi

Sos fornace

La vicenda del campo regolare di via Sesia sta arrivando a una conclusione che con ogni probabilità si consumerà con una serie di sgomberi prima della fine dell’estate. Attualmente nell’area sono rimasti sette nuclei familiari e nei giorni scorsi i conflitti interni alla maggioranza tra la Lega Nord e il sindaco hanno fatto emergere con chiarezza il destino di queste persone.

Il 15 aprile scorso il Comune ha inviato una lettera a due famiglie con la quale le accusa di aver consumato indebitamente la corrente allacciandosi abusivamente alla centralina comunale – quella che serve a fornire energia elettrica all’impianto di illuminazione dell’area – chiede il rimborso di somme spropositate per il consumo effettuato e dichiara la violazione del regolamento del campo [che prevede come sanzione l'allontanamento]. Le famiglie in questione sono quella di Jovica Jovic, il famoso musicista che ha ricevuto un permesso di soggiorno straordinario da Maroni il marzo scorso e quella di suo figlio Petar.
Quanto contestato è totalmente pretestuoso perché fin dal loro ingresso al campo le persone in questione hanno fatto domanda per avere un contatore autonomo [senza ricevere alcun riscontro]. Il fatto che utilizzassero la corrente pagata dal Comune è dovuto a un errore dell’amministrazione, infatti, l’estensione del campo era stata ridimensionata rispetto al progetto originario perché i cantieri della TAV – che passa li vicino – avevano occupato abusivamente una parte del terreno destinato alla costruzione del campo. Questo ha comportato una riduzione del numero di moduli abitativi con la conseguenza che a Jovica e Petar sono stati assegnati due prefabbricati che all’inizio avrebbero dovuto ospitare le associazioni che avevano firmato la convenzione per la gestione del campo [Caritas e Opera Nomadi] e che avrebbero utilizzato, quindi, delle utenze intestate al comune. Ovviamente, l’amministrazione si è accorta dell’errore solo adesso che ha intenzione di sgomberare queste famiglie.

Recentemente Zucchetti ha ribadito che "la presenza dei rom a Rho è una presenza ostile", ma che ci sono "nuclei che vogliono uscire da certe modalità" e per questo ha firmato un accordo con la prefettura per dare la casa a 4 famiglie residenti in via Sesia. Noi pensiamo che anche l’attuale Sindaco sia una presenza ostile per Rho visto che pensa più agli interessi suoi e dei suoi amici – come ampiamente dimostrato dalle vicende del Rebora, del Piano Alfa e del PGT – invece che a quelli della città, ma ciò non toglie che debba garantire un’abitazione a tutte le famiglie di via Sesia e, soprattutto, alla famiglia di Johnny Milenkovic – un cittadino italiano di etnia rom sgomberato ingiustamente dalle case di via Magenta l’inverno scorso – evitando, però, di elargire l’ennesima prebenda ai suoi amici della Compagni delle Opere, ma garantendo la trasparenza e l’imparzialità nell’erogazione del contributo attraverso una regolare gara d’appalto.

 
Di Daniele (del 09/02/2010 @ 09:30:53 in musica e parole, visitato 2270 volte)

La Repubblica Milano.it


Jovica Jovic è un maestro di fisarmonica di fama internazionale. "È incredibile, vivo in Italia da quarant’anni, sono sempre stato in regola e amato da tutti. Ma da due anni sono costretto a nascondermi, a vivere come un clandestino. Eppure non ho mai fatto niente di male". La sua unica colpa è di avere un visto scaduto di Luca De Vito

Jovica Jovic

La sua fisarmonica ha 39 anni. Jovica Jovic l’ha acquistata appena arrivato in Italia, a Stradella, nel 1971. Per essere precisi è una fisarmonica cromatica, uno di quei modelli introvabili con i bottoni al posto della tastiera, difficilissima da suonare. Jovic è un serbo di etnia rom e a guardarlo sembra un elegante pensionato sulla cinquantina, sorridente e dai modi gentili. Ma, suo malgrado, ha una doppia vita. Quella ufficiale, che vive sui palchi di mezza Italia a fianco di artisti internazionali e assieme alla sua band “ I Muzikanti”. E quella da clandestino, cominciata nel 2007 e passata a nascondersi fra un accampamento e l’altro. Con un’unica colpa: avere un visto scaduto.

VIDEO Il racconto di Jovica

«È incredibile - racconta - vivo in Italia da quarant’anni, sono sempre stato in regola e amato da tutti. Ma da due anni sono costretto a nascondermi, a vivere come un clandestino. Eppure non ho mai fatto niente di male». Jovic accetta di parlare nel chiuso di un garage del centro, perché «nelle mie condizioni le precauzioni non sono mai troppe». Insieme con lui, alcuni amici italiani che lo hanno conosciuto grazie alla sua attività artistica. Mauro Poletti, dell’associazione Terra del fuoco, segue da anni Jovica nella sua carriera di musicista. «La società dice Paoletti ha un atteggiamento schizofrenico nei confronti del maestro Jovic. Da una parte lo celebra come artista di fama internazionale: basti pensare che ha suonato per anni al binario 21 nel giorno della memoria della Shoah, e che ha collaborato con artisti del calibro di Piero Pelù, Moni Ovadia e Dario Fo. Dall’a ltra lo persegue come illegale e clandestino».

La vita del signor Jovic sembra un film di Kusturica, fatta di viaggi e colpi di scena, anche se il presente per adesso è amaro. Nato a Belgrado nel ‘52, ha imparato a suonare la fisarmonica ascoltando suo nonno, senza spartiti e senza metronomi. Un metodo che utilizza per insegnare ai trenta allievi del suo corso che tiene nella sede di “Terra del fuoco”, un corso di perfezionamento al quale può partecipare soltanto chi ha già una buona conoscenza della fisarmonica. In Italia ha lavorato e suonato senza problemi fino al 2007, quando è stato bloccato all’aeroporto di Roma e - a causa di un visto non rinnovato - rinchiuso in un Cpt, da cui è uscito solo per le sue precarie condizioni di salute e grazie all’a iuto di un medico.

Una settimana fa l’ultimo episodio di questa vita clandestina: il Comune di Rho - dove Jovic, con la sua famiglia, viveva negli accampamenti di via Magenta - gli ha recapitato un “avviso di imminente accertamento” sui suoi documenti. «Solo grazie a un nostro presidio - spiega Andrea Papoff, del centro sociale Fornace - siamo riusciti a impedire lo sgombero di Jovica e dei suoi parenti». E Jovic aggiunge preoccupato: «Le case accanto alla mia le hanno buttate giù, lasciando sulla strada tre famiglie. I miei parenti temono lo sgombero da un giorno all’altro. Mia moglie aspetta da mesi la possibilità di operarsi a un braccio e anch’io dovrei sottopormi a un intervento all’intestino».

Nonostante i consigli degli amici, però, Jovic si ostina a fumare. Fra le sue dita, un mozzicone che regge una torretta di cenere pericolante. «Prima o poi smetto», assicura, accennando un sorriso poco convinto. Poi torna serio e aggiunge con quella sua voce un po’ roca e un po’ lamentosa: «Mi appello a tutti gli artisti e a tutti gli intellettuali con cui ho lavorato. Vorrei poter rimanere in Italia e continuare con la mia vita di artista onesto. Il mio sogno? Un permesso di soggiorno ad honorem, per il contributo artistico che sto dando al vostro Paese»

[6 febbraio 2010]

 
Di Fabrizio (del 06/01/2012 @ 09:30:51 in lavoro, visitato 1421 volte)

SARTORIA JELESAN (clicca sull'immagine per vedere un campione della produzione)

Le produzioni di Jelena e Sanela, figlia e nuora di Jovica JOVIC
Vi presentiamo qui di seguito le produzioni della sartoria Rom di Jelena e Sanela, rispettivamente figlia e nuora del maestro di musica Jovica Jovic.

Tutti i prodotti si possono acquistare con recapito a domicilio ed i prezzi sono comprensivi della spedizione:

  • sacchettini con lavanda profumata per armadi e cassetti € 5;
  • sacchetti rettangolari imbottiti con semi di miglio, da scaldare e mettere sul collo (antidolorifici) € 10;
  • borse a tracolla (sia in cotone che in lana), tutte double-face € 12;
  • borse portatorte o portateglie € 12;
  • grembiuli € 15;
  • tovaglie da € 20 a € 25 a seconda della misura;
  • trapunte matrimoniali patchwork double-face da € 80 a € 100 a seconda della misura;
  • trapuntine per bambini e bebè patchwork double-face € 50.

Info & acquisti: Cristina Simen 347.4297939 - cristinasimen@yahoo.it

 
Di Fabrizio (del 28/04/2010 @ 09:28:29 in musica e parole, visitato 2236 volte)
Circolo Arci Magnolia
mercoledì 5 maggio 2010 alle ore 21.00

Concerto tributo per il cinquantenario della scomparsa di Fred Buscaglione

Liberi Gruppi, la trasmissione di Radio Popolare dedicata alla musica emergente, celebra Fred Buscaglione, il re dello swing in salsa tricolore a cinquant'anni dalla sua scomparsa con un grande live.

Mercoledì 5 Maggio alle ore 21 saliranno sul palco del Circolo Magnolia di Milano le cinque migliori band selezionate durante l'ultima edizione di Liberi Gruppi che insieme ad alcuni ospiti illustri reinterpreteranno i più famosi successi del dritto di Chicago.

Muzikanti di Balval con Jovica Jovic, Roberto Dell'Era, I Calamari, Vallanzaska e Tonino Carotone saranno i pezzi da novanta del live che si concluderà con un dj set dei conduttori della trasmissione Liberi Gruppi, Jam e Ketty.

Apriranno la serata le band emergenti Junior Sprea e Dreama, Revo Fever, Black House, Airin + Selton, Party Tonite più due ospiti speciali: Riz Samaritano e Mister Casckè

Inizio concerto ore 21. Ingresso 5 euro con tessera ARCI

Gianpiero Jam Kesten e Ketty Passa conducono Liberi Gruppi, la trasmissione di musica emergente di Radio Popolare. In onda ogni venerdì alle 15:35 su 107,6 FM.

liberi-gruppi@radiopopolare.it
L'appuntamento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 09/06/2010 @ 09:25:27 in musica e parole, visitato 1783 volte)

sabato 12 giugno 2010 alle ore 22.00
Centro Sociale Sos Fornace Via San Martino 20 Rho, Milano
Le melodie raminghe del maestro Jovica Jovic tornano a far ballare la Fornace. Assieme a lui sul palco anche i Gypsy sound System da Ginevra, un progetto musicale che da più di cinque anni seduce un pubblico universale, da New York a Melbourne, con musica folk, popolare, tzigana, meticcia e multiculturale.

 Un video dei Gypsy sound System da Youtube

L'appuntamento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 09/03/2011 @ 09:24:10 in musica e parole, visitato 1565 volte)

Dietro un anonimo cancello della periferia romana si apre un piccolo mondo colorato, pieno di bambini. Un piccolo mondo in cui si sono rifugiate alcune famiglie Rom espulse dai campi in cui stavano, espulse dal mondo esterno, quello che sta oltre il cancello. «Metropolis», così è stato battezzato lo spazio in cui vivono, occupato dopo anni di abbandono, è un'ex concessionaria di automobili, di fatto un grande capannone al cui interno è sorto un piccolo villaggio coperto, con casette costruite dai Rom stessi.

Ci entriamo con Militant A, rapper di Assalti frontali che nel nuovo cd Profondo rosso (esce venerdì) racconta anche di loro, dell'occupazione di questo posto, della scuola dove incontra quotidianamente i bambini festanti che ci attorniano, compagni di scuola dei suoi figli. L'uscita del cd è quasi contemporanea al secondo sciopero dei migranti denominato Un giorno senza di noi che, dopo l'esordio dell'anno scorso, torna ad interrogarci sulle non-regole dell'economia liberista, che sfrutta manodopera a basso costo offrendo in cambio emarginazione e clandestinità. «Il primo Marzo - sottolinea Militant A - è un giorno di lotta per il diritto al lavoro, alla casa, alla scuola, che sono diritti di tutti e sono più che mai a rischio per tutti, non solo per gli immigrati».

L'emarginazione sociale è un mostro che divora le vite delle persone fregandosene del loro passaporto, ma una cosa è certa: colpisce sempre i più deboli e fra i più deboli Rom e immigrati ci sono sempre. «Queste persone - continua il rapper romano - sono umanamente ricche, riescono ad avere una forza per andare avanti che è incredibile rispetto alle condizioni in cui spesso sono costretti a vivere.

In loro possiamo ritrovare l'umanità che noi abbiamo perso». Sono Cool questi Rom è una canzone che Militant A ha dedicato a questa gente, a questa occupazione, nata per rispondere a un disagio ignorato dalle istituzioni: «Alemanno ha speso 30 milioni di euro in un anno e mezzo per non risolvere nulla, ha solo cacciato questa gente dai posti dove vivevano».

Anche rispetto alle poche forme di assistenza nei confronti dei Rom, Militant A ha qualcosa da dire: «L'assistenzialismo è un business per chi lo fa e che costa alla collettività 1.000 euro al mese per ogni famiglia Rom. Con quei soldi ci si potrebbe pagare l'affitto di una casa, ma lasciare il problema irrisolto è utile alla propaganda politica della destra e serve a mantenere l'affare dell'assistenza. Questa sistemazione invece non costa un euro a nessuno e recupera anche un luogo abbandonato al degrado da anni».

Profondo rosso è, come sempre quando si parla di Assalti frontali, un album pieno di realtà e di argomenti concreti, come nel caso di Lampedusa lo sa, dedicata ai migranti africani ma soprattutto alla gente dell'isola.

IL CONCERTO A LAMPEDUSA «Noi siamo stati a Lampedusa - ci racconta - per un concerto contro i Cie, che sono una vergogna in sé e in cui i migranti, grazie a una legge del governo, possono rimanere rinchiusi, senza aver commesso alcun reato, non più due ma sei mesi. Proprio allora ci fu l'episodio del mercantile turco Pinar che aveva salvato dei migranti dal mare e che venne bloccato da una corvetta militare italiana per quattro giorni. In quell'occasione morì una giovane emigrata incinta.

Noi siamo stati al funerale e c'erano tanti lampedusani, gente di grande dignità e umanità, che ben conosce e condivide il dramma dei disperati che approdano sulle coste dell'isola. Anche qui: se i miliardi di euro che si spendono per i Cie, per tenere in gabbia chi arriva sulle coste italiane in cerca di un futuro, venissero spesi per l'accoglienza, non sarebbe meglio per tutti?

Ma per cambiare le cose bisogna partire dal basso, da noi stessi, trovare i modi per unirsi e lottare per diritti che riguardano tutti nello stesso modo. Io con Assalti frontali racconto queste storie e le canzoni nascono spesso da esperienze concrete, come questa con i Rom o quella di Lampedusa, le manifestazioni degli studenti, etc.

Per me il Rap è raccontare quello che vivo ma anche comunicare un immaginario diverso da quello dominante, perché l'immaginario fa la differenza, è il punto di partenza per costruire una realtà diversa». 1 marzo 2011


Nel frattempo, con Jovica Jovic alla fisarmonica e Marta Pistocchi al violino...

 
Di Fabrizio (del 22/04/2010 @ 09:24:04 in Italia, visitato 1971 volte)

Segnalazione di Gianluca Tarasconi

TU TAJ ME IO E TE
DIRITTI DEL POPOLO ROM E CONVIVENZA

LA SCUOLA LA CASA LA FAMIGLIA
I BAMBINI DI RUBATTINO E ALTRE STORIE
NOI NON CI STANCHIAMO.
SI STANCHERANNO PRIMA LORO.
Che cosa succede nel cuore di un bambino rom che si mette la cartella sulle spalle e, un giorno dopo l'altro, va a scuola, accolto, amato e rispettato?
Che cosa succede nel cuore di uomini e donne rom che vedono rispettati i loro diritti e la loro dignità?
E che cosa succede invece quando le ruspe cancellano i diritti e la dignità?

Milano 29 Aprile 2010
Camera del Lavoro Corso di Porta Vittoria 43 - Salone Di Vittorio
dalle ore 19.30

ore 19.30 - APERITIVO SOLIDALE
Installazioni video
Musica dal vivo con i Muzikanti di Balval
Mostra "Immagini e storie dei bambini di Rubattino"

ore 20.30 - VITA DA ROM

Intervengono:
Tommaso Vitale, professore di sociologia dell'Università di Milano-Bicocca
Stefano Pasta, volontario del servizio rom della comunità di S. Egidio
Assunta Vincenti, Marialuisa Amendola, mamme Rubattino
Jovica Jovic, musicista

Introduce
Paolo Limonta, maestro elementare

Modera
Patrizia Quartieri, Consigliere Comunale e Presidente della Commissione Pari Opportunità

Comitato Zona 3 per una Scuola di Qualità


Una nota di Ernesto Rossi

Una delle cose più belle in assoluto che sono successe (stanno succedendo) in questa città negli ultimi tempi riguarda, stranamente forse, e comunque in modo inedito, i bambini rom, ripetutamente cacciati e respinti dai luoghi di fortuna in cui vivono con le loro famiglie, e conseguentemente dalla scuola, che molti di loro frequentano con grande passione.

Riguarda la rivolta civile (raramente questo termine appare così appropriato) di alcune maestre ed anche di alcuni genitori degli altri bambini, i piccoli gagè loro compagni di classe, contro l'esclusione e il rifiuto.

I bambini appartengono a tutti, rappresentano un possibile futuro: meglio e più insieme crescono, e più c'è speranza che la diversità, come spesso si sente ripetere, venga riconosciuta quella ricchezza che è, anche in natura (ma noi umani, almeno in parte poco apparteniamo a questa ‘natura', cui ci siamo sottratti, promessa, condizione, speranza di un futuro diverso).

Questa storia verrà presentata e discussa nella serata del 29 aprile in Camera del Lavoro di Milano alle 19.30: l'esperienza di Rubattino, luogo geometrico della violenza insensata (ma c'è una violenza sensata?) contro gl'inermi, che nasce, come diceva Curzio Malaparte, da "Una misteriosa paura degli inermi"e induce il "furor d'abiezione".

Ci sono bambini, altrove, che a scuola vengono lasciati senza mensa, a pane e acqua; refezione non più usata, nell'Italia democratica, nemmeno per i carcerati. Milano, essendo città accogliente e civile – e ricca - non commette di queste brutalità; ma essendo anche pratica e concreta, risolve il problema alla radice: niente scuola, niente problemi. Sapete? è il decoro, che va tutelato; bisogna difendere, con le unghie, con i denti, con uomini in assetto antisommossa, la nostra sicurezza.

A questa vicenda milanese rimane tristemente (e vergognosamente) estranea l'amministrazione della città, sindaco, vicesindaco decorato al valor incivile, assessori, consiglieri comunali, zonali, cattivi consiglieri malconsigliati: loro sono i mandanti. Che, come l'assessora competente, durante uno sgombero, proprio a Rubattino, vanno a celebrare la Giornata Mondiale dell'Infanzia. E mentre lì parlano, nemmeno gli si strozza la voce in gola.

Quella che si presenta giovedì sera in Camera del Lavoro è dunque una storia che tutti dovrebbero conoscere, per capire, imparare, ragionare. Per tirare – poi - un mezzo sospiro di sollievo: non siamo ancora perduti.

Veniteci.

 
Di Fabrizio (del 03/03/2010 @ 09:22:39 in Kumpanija, visitato 1446 volte)

Segnalazione di Cristina Seynabou Sebastiani

Repubblica.it A Jovica Jovic un permesso provvisorio dopo la denuncia di Repubblica di Luca De Vito
Jovica Jovic

Niente più decreto di espulsione per Jovica Jovic, il fisarmonicista rom di fama internazionale fino a poco tempo fa costretto a vivere da clandestino. Dopo che il caso è stato denunciato da "Repubblica" la questura di Roma ha deciso di annullare il decreto e di consegnare a Jovic un permesso provvisorio in attesa di studiare la possibilità di rilasciargliene uno definitivo, garantendogli l´opportunità di spostarsi in Europa (alcuni dei suoi figli vivono in Austria e in Inghilterra).

Lui, ora, è felicissimo: «Finalmente non devo più nascondermi». Con Jovic esultano i membri dell´associazione Terra del Fuoco, dove lui ogni mercoledì insegna fisarmonica cromatica: «È un ottimo risultato - dice Mauro Poletti - ma speriamo con sviluppi positivi: il maestro merita un permesso definitivo».

IL CASO Il musicista in fuga

Nato in Serbia nel 1953 da genitori rom, Jovic si è trasferito in Italia nel 1971. Nella sua carriera è salito sui palchi con artisti come Piero Pelù, Moni Ovadia e Vinicio Capossela. Con la sua famiglia ha vissuto a Rho nel campo nomadi di via Sesia fino al 2007, quando è iniziato il suo calvario. Bloccato all´aeroporto di Roma a causa di un visto non rinnovato è stato rinchiuso in un Cpt, da cui è uscito solo per le sue precarie condizioni di salute e con un decreto di espulsione.

Da quel momento è iniziata una doppia vita: artista in appuntamenti ufficiali da una parte (come quelli al binario 21 nella Giornata della Memoria), clandestino dall´altra. Dopo il servizio su Repubblica, associazioni e personalità si sono mosse in suo aiuto. Da Moni Ovadia a don Gino Rigoldi - che ha pure celebrato il battesimo di Sanela, nuora del musicista - in molti hanno chiesto un intervento delle istituzioni. Venerdì, dopo l´interessamento del ministero dell´Interno, la revoca dell´espulsione. E la fine di un incubo per Jovic.

(02 marzo 2010)

 
Di Fabrizio (del 21/09/2008 @ 09:22:38 in musica e parole, visitato 5208 volte)

Come imparare a suonare ad orecchio

Milano: L'approccio proposto dal maestro è completamente diverso ed insolito grazie ad una visione adogmatica in cui non esistono spartiti, manuali o metronomi. Per questa ragione il corso é aperto non solo a chi vuole apprendere la fisarmonica ma a chiunque desideri avvicinarsi ad uno strumento musicale con una modalità diversa e più libera di quella tradizionale. Questo approccio alla musica può essere applicato a qualsiasi strumento.

La “terra del fuoco” riconosce una identità di vedute con il metodo del maestro Jovica per cui promuove il suo corso e lo ospita nella sua sede.
Le modalità ed i tempi del corso sono ancora da definire.

Per informazioni o per dare la propria disponibilità, scrivere a terradelfuoco.info@gmail.com
telefono: 347 9768206 - 320 2183165

Jovica Jovic, nato in Serbia da una famiglia di musicisti Rom, all'età di 12 anni già suonava ai matrimoni ed alle feste, poi, dopo aver a lungo girato in tutta Europa, si stabilisce nel 1996 in Italia dove collabora con l'Opera Nomadi e dove ha una intensa attività sia come musicista che come maestro di musica, collabora con i Muzikanti ed ha inciso diversi dischi come solista e come membro di orchestra, tra cui uno con Piero Pelù.
Oltre alla fisarmonica suona ed insegna violino, tromba, chitarra.

Terra del Fuoco - Associazione culturale per la diffusione della manualità - Milano, via Morigi 8 - http://www.myspace.com/terra_del_fuoco

 
Di Fabrizio (del 09/10/2012 @ 09:22:33 in Italia, visitato 1053 volte)

Martedì 16 ottobre 2012 dalle 16.30
Roma, Teatro Palladium - piazza B. Romano 8 (metro Garbatella)

di Associazione 21 luglio

Il 16 ottobre 2012, giornata che ricorda la deportazione degli ebrei della città di Roma avvenuta nel 1943, l'Associazione 21 luglio organizza una serata di approfondimento, dibattito, cultura e musica per riflettere su quali siano le migliori politiche da promuovere per un superamento definitivo dei "mega campi monoetnici" all'interno dei quali negli ultimi decenni sono state concentrate in Italia le popolazioni rom e sinte.

Parteciperanno tra gli altri: Dezideriu Gergely (direttore del Centro Europeo per i Diritti dei Rom); Emma Bonino (vice presidente del Senato); Nando Sigona (ricercatore presso il Centro Studi sui Rifugiati dell'Università di Oxford); Pietro Marcenaro (presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato) e tanti altri. Concerto dei Musikanti di Balval, del maestro Jovica Jovic e del sassofonista Gabriele Coen.

La serata sarà allietata inoltre da piatti della cucina rom.

 
Di Fabrizio (del 22/10/2011 @ 09:22:22 in scuola, visitato 1447 volte)

sabato 29 ottobre dalle ore 20.00
C.S. La Fornace Via Moscova 5, Rho
 
Serata di finanziamento per la scuola d’italiano della Fornace

20.00 – Cena
Menù Balcanico Vegano
antipasto crostini con salsa yogurt e salsa ajvar
primo pasulj (crema di fagioli bianchi con spezie e bocconcini di soia)
secondo cevapcici (polpettine vegane) in salsa ajvar con patate e cipolle soffritte
contorno insalata mista di verdura fresca con salsa yogurt
dolce baklava

22.30 – Live concert Caravan Orkestar ft. Jovica Jovic

Caravan Orkestar
Una allegra e festosa carovana di musica nello stile delle fanfare balcaniche e con un pizzico di klezmer ebraico.

La Caravan Orkestar, gruppo di recente formazione (2005) propone nel proprio repertorio musiche arrangiate principalmente secondo lo stile delle fanfare balcaniche.
Lo stile e le musiche di Goran Bregovic ed Emir kusturiza fanno da cornice a brani tratti dal repertorio ebraico popolare nello stile klezmer, non disdegnando generi quali il funk e blues.
La ricerca del repertorio musicale spazia, secondo lo spirito e il nome stesso del gruppo, in differenti generi musicali per rappresentere idealmente l’itinerario di una carovana nei diversi aspetti sociali e culturali del mondo, dove, la musica popolare rappresenta nel modo migliore , vita e usanze delle diverse popolazioni che vi abitano.
Malgrado sia presente da poco nel panorama della provincia Bergamasca, ha avuto diverse occasioni per esibirsi, riscuotendo ovunque consensi.
Si segnala la partecipazione alle ultime due edizioni del carnevale organizzato dalla provincia di Bergamo e al carnevale di Trezzo sull’Adda e al Festival di Artisti di Strada di Costa di Mezzate,
Collabora assiduamente con gruppo teatrale ERBAMIL di Ponteranica.

Il gruppo a organico variabile parte da un minimo di 10 elementi ad un massimo di 25/30.
Il volume sonoro prodotto dall’organico al suo completo non può che trasmettere una sensazione irrefrenabile di movimento da parte di chi ascolta.
QUINDI….
Caravan Orkestar Trombe, tromboni, sassofoni, clarinetti e percussioni daranno vita ad una festa balcanica-slava-ebraica in perfetto stile Kusturica in un concerto tutto da ballare!!!!

Jovica Jovic - ma penso lo conosciate bene... : - )
Balval è nato nel 1953 da una famiglia di musicisti rom. Suo padre e suo nonno erano violinisti, all’età di 9 anni ha scelto invece la fisarmonica, strumento nuovo per quei tempi. All’età di 12 anni suonava ai matrimoni e alle feste. A 18 anni ha deciso di cercare fortuna in altri paesi che potessero offrirgli maggiori possibilità della Serbia.
Dal 1971 al 1996 ha fatto il musicista in vari paesi d’Europa. Dal 1996 vive stabilmente in Italia e continua ad esercitare la professione di musicista.
Da cinque anni circa collabora con un gruppo di musica serba e balcanica, i Muzikanti. Con loro ha prodotto due dischi, e insieme a loro si esibisce in occasione di eventi pubblici e privati (feste, matrimoni, ecc). Insieme ad altri musicisti rom ha animato numerose serate in tutta Italia organizzate da Opera Nomadi, con cui collabora dal 1984.
Nella sua vita ha registrato numerosi dischi, come solista o come membro di orchestre; nel 2000 ha partecipato alla tournée di Piero Pelù, con il quale ha anche registrato un video; con Moni Ovadia ha stretto una fraterna amicizia ed insieme hanno partecipato alla mostra su De Andrè, attualmente in giro per l’Italia. Numerosi sono i suoi concerti in occasioni ufficiali, in memoria dell’olocausto con la partecipazione di enti pubblici.
La sua fisarmonica ha quasi 40 anni. Jovica Jovic l’ha acquistata appena arrivato in Italia, a Stradella, nel 1971. Per essere precisi è una fisarmonica cromatica, uno di quei modelli introvabili con i bottoni al posto della tastiera, difficilissima da suonare. Jovic è un serbo di etnia rom e a guardarlo sembra un elegante pensionato sulla cinquantina, sorridente e dai modi gentili. Ma, suo malgrado, per tanto tempo ha avuto una doppia vita. Quella ufficiale, sui palchi di mezza Italia a fianco di artisti internazionali e assieme alla sua bae l’altro. Con un’unica colpa: avere un visto scaduto. Ora il Maestro non è più clandestino.

 
Di Fabrizio (del 22/05/2009 @ 09:22:21 in musica e parole, visitato 1966 volte)

Un progetto "sponsorizzato" da UPRE ROMA è una scuola di teatro. Il testo che segue è di Dijana Pavlovic

UPRE ROMA, in italiano ALZATEVI ROM, come dice il nome stesso, è un occasione per i Rom e per i Sinti di alzare la testa raccontando se stessi, la propria cultura e la propria realtà senza tabù, i propri valori e i disagi di un inserimento sociale mancato, ma anche le proprie chiusure e la propria divisione in due, tra il loro mondo di esclusione e il mondo dei gage, al quale partecipano soltanto attraverso la televisione, e molto spesso attraverso il peggio che la televisione può offrire alla società. Per questo la modalità scelta è proprio quella teatrale, che assomiglia al luccichio e al meccanismo delle trasmissioni televisive e avvicina il sogno dei giovani, non solo rom, di essere protagonisti di "Amici" di Maria De Filippi, ma allo stesso tempo non propone quel mondo, ma un mondo sincero di sentimenti veri e profondi, ed è una vera occasione di espressione artistica. Quella espressione artistica che è necessaria per poter dialogare tra culture diverse, conoscersi non solo attraverso dati, cronaca nera e luoghi comuni, ma scambiare una parte della propria esperienza e della propria anima – capirsi. Il teatro può diventare la messa in scena dei propri vissuti, all'interno di un gruppo, con il supporto di alcuni principi di presenza scenica derivati dall'arte dell'attore e rendere armonico il rapporto tra corpo, voce, mente nella relazione con l'altro, gli altri, sé stesso e la propria creatività interpretativa.

A tutto questo si aggiunge un valore simbolico: quello di ritornare alle proprie origini e la cultura dello spettacolo viaggiante, dei circhi e di arte di strada, per poi fare uno salto di qualità e trasformarlo in un potente mezzo di comunicazione.

Oltre che promuovere la cultura rom, con questo progetto si vuole realizzare uno strumento di comunicazione e di dialogo, dare uno spazio e la possibilità di esprimersi ai giovani rom, e infine riuscire a creare una compagnia teatrale con vita autonoma in grado di offrire anche i mezzi di sostegno per chi vi partecipa. Per questo sono previste paghe e rimborsi spese per i frequentatori del corso, come motivazione per arrivare alla fine del progetto e per legare una passione a una prospettiva di una possibile vita professionale.

Il progetto consiste in tre parti:

* la selezione di adolescenti e giovani a partire da 14 anni attraverso un provino davanti a una commissione, tenendo presenti quattro discipline: canto, ballo, musica e recitazione. Si intende selezionare al massimo otto persone tra ballerini, cantanti, musicisti e attori.

* il corso di recitazione, canto, ballo e musica. Si prevede una durata di 40 ore distribuite in un mese, nelle quali i frequentatori del corso insieme agli esperti di teatroterapia (Alessandro Pecini) insegnanti professionisti della Scuola Civica Paolo Grassi (Tatiana Olear e Ambra D'Amico) affronteranno con il metodo dell'improvvisazione teatrale le proprie esperienze di vita e i temi fondamentali della propria cultura. Per gli allievi musicisti sono previsti interventi di musicisti rom (come Jovica Jovic) e non rom (come Maurizio Dehò), finalizzati all'arrangiamento della musica tradizionale e/o alla composizione di nuovi brani e testi che successivamente verranno usati nello spettacolo. Per i ballerini è previsto l'intervento di coreografi.

* preparazione e prove per uno spettacolo teatrale e il debutto. Un periodo di 20 giornate lavorative nelle quale si mette insieme il lavoro svolto nella fase precedente con la regia di Dijana Pavlovic.

Costi del progetto:

I fase: non ha costi

II fase:
Rimborso spese viaggi allievi: € 800 (€100 a attore)
Paghe allievi: € 800 (€100 a attore)
Insegnanti gettone presenza: € 2.000 (40 ore di insegnamento)
Eventuale affitto spazio: € 2.000
--------------
€ 5.600

III fase:
Paghe attori spettacolo: € 2.400 (€300 a attore)
Costi regia e assistente regia: € 4.000
Scenografia, costumi, luci, tecnico luci: € 6.000
Spazio prove (teatro): € 3.000
---------------
€ 15.400

 
Di Fabrizio (del 03/07/2010 @ 09:20:21 in musica e parole, visitato 1488 volte)


domenica 4 luglio 2010 alle ore 14.00
Circolo Arci Magnolia
- Circonvallazione Idroscalo 41, Segrate - Milano
Ingresso: gratuito

DOMENICA FINALMENTE
Lo strumento da portare sull’isola deserta: Il piano pesa troppo e con quell’umidità sarebbe sempre scordato. Meglio la fisarmonica, l’unico strumento che può raggiungerlo in completezza e malinconia. Già che ci siete, sull’isola portatevi pure Jovica Jovic, che la suona così bene da fare arrivare quelli delle isole deserte adiacenti.

CORPO DI MILLE BALERE

  • LOREDANA E FABIO (live)

dalle ore 21.30
DOMENICA FINALMENTE:

presentazione libro + dvd L'ISOLA DELLE ROSE con mostra fotografica a cura di Nda Press

  • BARBAGLABRO TRIO (live)
  • JOVICA JOVIC (live)

http://www.ndanet.it/

 
Di Fabrizio (del 16/02/2010 @ 09:18:58 in Kumpanija, visitato 2265 volte)

 link al video Muhlbauer - Battesimo di Sanela, nuora di Jovica Jovic, al "campo" rom di via Sesia, Rho (Milano), celebra Don Gino Rigoldi, partecipa anche Moni Ovadia e molti cittadini. Contro la stupidità degli sgomberi senza alternativa e della caccia al diverso.

Le immagini che seguono sono di Ivana (l'album completo su Facebook con le foto in dimensione originale)

La cappella del campo, che non ha porte per non lasciare fuori nessuno. L'ha costruita Jovica

preparativi

preparativi

raccolta di firme http://www.petizionionline.it/petizione/maestro-jovica-jovic/728

il campo pian piano si riempie

l'arrivo dei fratelli romeni!

la festa

finalmente si suona

Moni Ovadia e Jovica Jovic

13 febbraio campo rom di rho...un bel sabato multicolore... moni ovadia... don gino rigoldi... compagni, compagne, torte, musiche e danze

Grazie a tutti voi e a tutti coloro che hanno aderito e partecipato a questo bellissimo sabato al campo di rho, un puzzle composto da cittadini, associazioni,musicisti artisti che compongono la biodiversità di pensieri diversi, cultura, musica, che diviene anticorpo di una società che rischia di divenire istituzionalmente razzista...giusto per citare il brillante e stimolante intervento intervento di moni ovadia!! Oggi abbiamo creato un sito blog: www.jovicajovic.blogspot.com
...e lo stupefacente intervento di don gino rigoldi... fonte di riflessione anche per i non credenti: l'accoglienza come fonte di arricchimento ed evoluzione...

Eccoci, tutti gli amici di jovica jovic, della sua storia che mette a nudo le contraddizioni di leggi prive di lungimiranza e attinenza con lo stato reale delle cose, amici del campo rom di rho, uno dei mille e più campi ..vittime più che altro delle speculazioni dell'expò che del vociferare giornalistico sulla loro pericolosità...

Eccoci amici belli, sabato abbiamo vinto, perché non è stata una giornata arrabbiata..è stata una giornata di festa, una giornata che è catalizzato centinaia di persone, di piatti diversi, di musicisti pensatori e associazioni, per compartecipare al nostro, di tutti desiderio di cambiamento.

Eccoci amici belli, ora facciamo tutti un piccolo sforzo, divulghiamo e firmiamo la petizione per il nostro amico Jovica Jovic, grande maestro emblema dell'assurdità delle leggi che ci auguriamo tutti possa essere solo una delle prime tracce, che consentano la regolarizzazione di un qualcosa che anziché essere pericoloso, si rivela palesemente nutriente, che attraverso i suoi concerti incontri, corsi di fisarmonica, si rivela essere solo motivo di arricchimento per la nostra terra e la nostra gente...cioè tutta la gente..

Ed allora divulghiamo la possibilità di firmare la petizione, per contribuire anche alla creazione di un precedente utile ad altri che verranno...

grazie ...grazie..perché come ci ha ricordato Moni Ovadia sabato, il popolo rom... è una delle poche, forse rare realtà della terra che non ha mai pensato di dichiarare guerra a nessuno--
ed allora eccoci

www.jovicajovic.blogspot.com per sapere di più e divulgare la sua storia, e per accedere al link e firmare alla petizione che richiede alle autorità competenti la sua regolarizzazione per meriti artistici.

moltiplichiamo, le possibilità per cui le lotte diventino morivo di festa, incontro, scambio e relazione... così saremo giorno dopo giorno sempre di più!
tutte le foto o i video che avete realizzato le pubblicheremo volentieri se ce le inviaste!

grazie .
amici di Jovica

 
Di Fabrizio (del 12/03/2010 @ 09:18:33 in Italia, visitato 1640 volte)

Segnalazione di Ivana

link per chi legge da Facebook

su youtube o anche sui siti del Corriere e di Repubblica, trovate molto materiale. Qua si riassume in poco più di due minuti una lunga e intensa mattinata

E visto che in Mahalla non ci facciamo mancare niente:

Jovica riconoscimento ad un artista

Non conosco quali pensieri abbiano ispirato il Ministro Maroni allorquando ha deciso di accogliere la richiesta del musicista Jovic Jovica, e di moltissimi amici e artisti che l’hanno sostenuta, di annullamento di un’espulsione comminata mentre era in corso di rilascio un permesso di soggiorno per meriti artistici.
Mi piace però pensare o forse sperare, che questo gesto così imprevedibile e sorprendente, riveli una passione per la musica, che accomuna, anziché dividere, al di là delle sovrastrutture ipocrite del pensiero contemporaneo e dei pregiudizi da cui è pesantemente condizionato.
Conosco Jovica da molto tempo, anni ormai, che abbiamo spesso percorso insieme tra molte difficoltà e poche speranze.
Di sé stesso, della sua musica, ama spesso ripetere: “Da che sono nato nella mia vita c'è musica. Il mio bisnonno era violinista. E' morto a 106 anni, sdraiato sul letto, con la testa appoggiata al muro e il violino in mano, mentre suonava. L'abbiamo trovato così e abbiamo fatto fatica a separarlo dal violino, perché le sue dita erano rigide. Non riesco a pensare a una morte più dolce”.

Tempo fa ebbi la fortuna di visitare la “Kafana” (Taverna) che gestiva in gioventù a Pozarevac, 40 km. da Belgrado, prima della guerra.
Un luogo in cui il tempo è rimasto immobile, avvolto nelle reti di ragnatele che trattengono i ricordi, quelli belli e quelli brutti.
Un’amica comune, un giorno, andò alla ricerca nella sonnolente campagna serba della sua amatissima fisarmonica cromata, la stessa che oggi lo accompagna su tutti i palcoscenici.
Tre anni fa, insieme alla sua famiglia, ottenne una piazzuola nel campo comunale di via Sesia, a Rho.
Neanche questo fu facile o scontato, mentre oggi i nuovi amministratori locali quel campo lo vorrebbero chiudere, ricacciando tutti per strada.
Nell’esaltazione del momento qualcuno ha forse azzardato accostamenti un po’ eccessivi…lontani dal carattere umile e gentile di Jovica, paragonandolo al jazzista Django Reinhardt..
Io mi limito a pensare che una comunità, come quella rhodense, che si rivela così incapace di entusiasmarsi per la ricchezza culturale che la circonda, dimostri solo quanto sia destinata a rimanere l’ombra di sé stessa, vittima di insignificanti “ombre” politiche che la amministrano attraverso le istituzioni locali, come le ragnatele che avvolgono la lontana “Kafana” di Jovica…

Maurizio Pagani
Presidente Opera Nomadi Milano

 
Di Fabrizio (del 29/11/2011 @ 09:14:48 in musica e parole, visitato 1492 volte)

Megaevento domenica passata a Milano. Tanti gli ingredienti: storie di riscatto di piccoli musicisti che suonavano nelle metropolitane, un palco di tutto rispetto come quello del Conservatorio, un fronte inedito per la nuova santa alleanza, una riuscita campagna mediatica, commozione del pubblico... (clicca sull'immagine per leggere l'articolo)

Mancavamo solo noi, e credo che non se ne sia accorto nessuno (per fortuna). Però due righe di cronaca siamo riusciti a scriverle lo stesso:

C'era una volta, tanti e tanti anni fa, un paese chiamato Milano, dove regnava don Colmegna I, detto il buono.

La fama di don Colmegna era giunta anche all'orecchio di un suonatore zingaro di fisarmonica, Jovica Jovic (proprio quello di cui si parla spesso in Mahalla), che allora teneva corsi di fisarmonica dalle parti di via Morigi.

I corsi andavano esaurendosi, e forte della sua passione, professionalità ed esperienza, Jovica propose di tenere dei corsi presso Casa della Carità, aperti a tutti, Rom e no, perché secondo lui è stando insieme che si sconfigge il razzismo.

Don Colmegna mai rispose a Jovica, ma poco dopo iniziò il suo progetto di corsi di violino per giovani rom, gestito da un suo amico.

Probabilmente pensò che se proprio un Rom deve lavorare, non è conveniente che assuma un ruolo di responsabilità, o peggio direttivo.

Così adesso Jovica ha iniziato lo stesso i suoi corsi da un'altra parte,  senza troppa pubblicità e senza gli spot di RadioPop

 
Di Fabrizio (del 14/10/2011 @ 09:14:22 in Kumpanija, visitato 2021 volte)

Lo confesso: non amo i convegni, le frasi fatte che conosco a memoria, le polemiche che si tirano dietro. Qualche volta, qualcuno riesce a catturare la mia attenzione: martedì scorso è successo con i discorsi di Jovica Jovic e quello finale di Nicolae Gheorghe: magari non ero d'accordo su tutto, ma si respirava (ecco: RESPIRARE è il termine appropriato) una grammatica mentale romanì, indipendente dai modi di pensare e di imporre il proprio pensiero, tipici di ogni cultura maggioritaria, come è anche la nostra. Però, lo confesso : - \, non so resistere ai convegni perché ogni volta mi capita di incontrare amici vecchi e nuovi e mi incanta come in pochi minuti si ricrei tra noi un clima cameratesco.
Dopo che timidamente in Mahalla si era accennato ad Idea Rom di Torino, finalmente ci si è conosciuti di persona. Ma lasciamo che si descrivano da soli, attraverso il loro sito:

L'associazione:
IDEA ROM ONLUS è un'associazione di promozione sociale costituita nel 2009 che opera a Torino nelle sedi di via Garibaldi 13 e via Cavagnolo 7 e presso i territori con i maggiori insediamenti abitativi di famiglie Rom della città. Nel 2010 l'associazione è stata premiata con una Targa d'Onore del Presidente della Repubblica per l'opera tesa a favorire l'integrazione sociale della propria comunità.

Da chi è formata:
L'Associazione è costituita da donne Rom appartenenti alle diverse comunità presenti a Torino, alcune con esperienze professionali nel campo della mediazione culturale.

A chi si rivolge:
Idea Rom Onlus ha una forte caratterizzazione femminile perché le principali azioni hanno come attori, riferimenti e interlocutori soprattutto le donne e le giovani Rom delle diverse comunità con cui condividere ed elaborare saperi e competenze, creando e sostenendo sbocchi lavorativi e attività culturali.
Destinatarie e protagoniste degli interventi sono le famiglie Rom presenti in città, nei "campi nomadi" e negli appartamenti, coinvolte direttamente nella definizione dei bisogni, nella progettazione delle iniziative e nella loro concreta realizzazione.

Obiettivi dell'associazione:
Idea Rom Onlus, pur non rappresentando i Rom della città, cerca di promuovere progressive forme di rappresentanza diretta, formale e sostanziale, delle diverse comunità.
Tutti i progetti e le attività sono ispirati ai seguenti obiettivi:

  • favorire l'integrazione e la partecipazione attiva dei Rom (e dei Sinti, dei Kalé, dei gruppi e delle comunità viaggianti) nella società italiana ed europea, nel rispetto delle diverse identità, della pari dignità e dei valori fondamentali del vivere civile
  • contrastare i pregiudizi diffusi sui Rom e tutte le forme di discriminazione, dirette e indirette verso questa popolazione

E poi, se vi garba, ci sarebbero molte altre cose da scoprire. In Home page troverete i link:


Convegno per il 40° dell'AIZO - due interventi che mi sono goduto:

Jovica Jovic, secondo il programma, avrebbe dovuto parlare di "Lo sterminio della mia famiglia". Educato e rispettoso com'è sempre, visto che agli oratori precedenti erano stati riservati tempi biblici di intervento, ha chiesto se per lui c'erano limiti di tempo, aggiungendo "se vi stancate, ditemelo, che riprendo a suonare la fisarmonica".

Dopo i primi minuti di discorso, il moderatore della mattinata si stava visibilmente preoccupando perché Jovica continuava a parlare d'altro. Gliel'ha fatto notare, con garbo. Per tutta risposta, Jovica ha continuato, col medesimo garbo, per la sua strada. Questo il resoconto di una parte dell'intervento, riportato da Balkan-Crew:

"Io sono solo un musicista, ma la mia testimonianza è una testimonianza di vita vissuta in Bosnia, tra un campo e un altro a parlare con figli e nipoti di chi è morto a Jasenovac eppure la mia fisarmonica non parla ne di fascismo ne di razzismo, ma solo di pace. Tanti parlano per sentito dire o perché hanno studiato e pensano di poter esprimere giudizi, io quello che racconto l'ho vissuto e viene dal cuore. La Jugoslavia non c'è più e tutti a dire è colpa tua, no è colpa tua, ma la Jugoslavia non c'è più!!! Ho suonato tante volte al binario 21 a Milano, posto in cui i rom e gli ebrei e tante altre minoranze venivano deportati per i campi di concentramento e ancora adesso, dopo tanti anni e tanti morti, troviamo ancora chi vorrebbe fare le stesse politiche. Il popolo rom meriterebbe un nobel, perché ha passato le peggiori cose e non si è mai ribellato, non ha mai fatto guerra a nessuno, nonostante non ha una terra su cui vivere. Che colpa ho avuto io a nascere da una zingara e che colpa ha avuto mia figlia che è nata in Italia, è stata vaccinata, ha frequentato la scuola, eppure non può avere la cittadinanza perché non può dimostrare la residenza ? Ma come faccio a risiedere in un posto se dopo tot anni arriva l'ordine di sgombero? Ero in un campo in cui si rubava e ho cambiato la situazione. Ho fatto fare una chiesa e veniva un prete a celebrare la Santa messa. Le persone erano cambiate, non rubavano più, ma ci hanno detto di andare via e hanno distrutto la chiesa e buttato la croce nel fango. Le persone le giudichi da ciò che dicono e che fanno. Se fanno del male sono persone cattive, ma loro sono i primi giudici di loro stessi"

Insomma, ha parlato ai suoi fratelli, di qualsiasi razza fossero.

Un personaggio apparentemente all'opposto di Jovica, è il dott. Nicolae Gheorghe, che può vantare un curriculum di tutto rispetto. In Italia si esprime in un misto di rumeno, italiano, spagnolo, inglese e francese. Lui è un Rom che ragiona di alta (a volte troppo) politica, con il raro dono di rendersi immediatamente comprensibile. Gli toccava concludere il convegno, senza che i custodi ci chiudessero dentro. Questo il sunto del suo intervento finale di 3 minuti:

"L'Olocausto ancora non è stato riconosciuto come fatto politico.
La povertà del nostro popolo, la capisco sino ad un certo punto, non oltre: non siamo a chiedere l'elemosina agli altri. La nostra miseria da forza ai nuovi nazisti, dobbiamo averne conoscenza per combatterli.
La nostra terra, il ROMESTAN, ci è stato copiata ed è diventato patrimonio dei discorsi della destra. Ricordatevi: in Germania la prima misura dei nazisti fu di togliere la cittadinanza ai sinti, e la loro prima richiesta a guerra finita fu di riaverla. Allora: la cittadinanza EU, richiesta da molti, non può essere una riparazione per la mancata cittadinanza nazionale.
Siamo una nazione culturale: IL NOSTRO SIMBOLO NON E' LO STERMINIO, MA LA SOPRAVVIVENZA."


Per completare la mia personalissima cronaca, aggiungo anche un comunicato sicuramente più oggettivo:

COMUNICATO STAMPA
CONVEGNO "LO STERMINIO DI ROM E SINTI E LE NUOVE INTOLLERANZE"

Lunedì 10 e martedì 11 ottobre si è tenuto presso la sala Lauree della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere il Convegno dal titolo "Lo sterminio di rom e sinti e le nuove intolleranze", organizzato dall'Associazione Italiana Zingari Oggi, che da 40 anni opera a difesa dei diritti e per la promozione dei doveri della popolazione rom.

Il Convegno ha visto la partecipazione di relatori da tutta Europa, i quali hanno arricchito il dibattito con riflessioni, non solo sulla tragedia dello sterminio, ma anche sulle nuove intolleranze che stanno emergendo e sui problemi che questa minoranza quotidianamente incontra nei paesi europei.

La prima mattinata del Convegno è stata dedicata alle celebrazioni dei quarant'anni dell'Associazione, a cui hanno portato il proprio saluto, tra gli altri, il Preside della Facoltà di Lingue, l'ex sindaco Diego Novelli e l'attuale assessore alle Politiche Sociali, Elide Tisi, la quale ha anche consegnato alla Presidente dell'A.I.Z.O., Carla Osella, una targa di ringraziamento da parte del Comune di Torino per i 40 anni di proficua collaborazione.

Il resto del Convegno è stato dedicato al ricordo dello sterminio del popolo rom e sulle nuove intolleranze. Di particolare rilievo sono stati gli interventi dell'on. Letizia De Torre, che ha presentato il Rapporto sulla condizione di rom, sinti e caminanti, stilato dal Senato, facendo sorgere un vivo dibattito sui problemi della minoranza rom in Italia e le azioni intraprese dal governo, e il contributo dell'avv. Olga Marotti, dell'UNAR, la quale ha presentato gli interventi dell'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali a tutela dei diritti dei rom.
Tra gli interventi riguardanti lo sterminio perpetuato dai nazi-fascisti, tragico e commovente il resoconto sugli esperimenti compiuti dal dott. Mengele e il suo staff sui bambini detenuti nei campi, che è stato presentato dal dottor Erasmo Maiullari, docente di chirurgia pediatrica dell'Università di Torino, così come meticolosi ed interessanti gli interventi del dott. Claudio Vercelli e della dott.ssa Rosa Corbelletto, che rispettivamente hanno presentato le basi ideologiche dello sterminio di rom e sinti in Germania e dell'internamento in Italia.
Tra i relatori internazionali, di particolare interesse sono stati i contributi di Nicolae Gheorghe, attivista rom dalla Romania e di Dusan Mladen, presidente della Camera di Commercio Romani degli Stati Uniti, che ha presentato i progetti realizzati dal suo Istituto in Serbia.
L'ultima parte del convegno, dedicata alla situazione attuale ed alle intolleranze che stanno emergendo, è stata arricchita dagli interventi della prof.ssa Marcella Delle Donne, che con passione ha presentato casi di emarginazione e di integrazione, richiamando con forza la necessità di un riconoscimento della minoranza rom da parte delle istituzioni italiane ed europee, e dall'intervento delle prof.ssa Mara Francese, che ha presentato una riflessione sull'emergere di nuovi pregiudizi che, come i ghetti fecero durante la seconda guerra mondiale, impediscono la conoscenza reciproca e l'integrazione.

L'intero Convegno è stato animato dall'eclettico musicista Jovica Jovic, che ha suonato alcuni pezzi con la sua celebre fisarmonica durante i momenti di pausa. Lo stesso Jovica è intervenuto come relatore, portando la propria testimonianza sullo sterminio della sua famiglia e sulle difficoltà che oggi lui e i suoi figli incontrano nel percorso verso l'integrazione nella nostra società.

I relatori e il pubblico hanno condiviso la necessità primaria di riconoscere la minoranza rom quale minoranza italiana da parte dello Stato e di rendere più semplice l'accesso ai documenti e alla cittadinanza, requisiti fondamentali per una completa integrazione. Altro argomento più volte emerso è il ruolo dell'Unione Europea e del Consiglio d'Europa nella difesa della minoranza rom e sulla necessità di fare pressione sul governo italiano affinché si muova per avere accesso ai fondi messi a disposizione dall'UE per l'inclusione sociale.

L'alta partecipazione da parte delle istituzioni e dalla cittadinanza al Convegno realizzato dall'A.I.Z.O., oltre ad essere motivo d'orgoglio per l'Associazione, rappresenta una speranza per un incremento dell'interesse della popolazione maggioritaria nei confronti delle questioni che toccano il popolo rom e per un rafforzamento della collaborazione tra associazioni rom e gagjè e enti locali.

 
Di Fabrizio (del 04/10/2011 @ 09:13:19 in Europa, visitato 2674 volte)

10 e 11 Ottobre 2011 Università Torino, Fac. Lingue e Letterature straniere - Via Verdi 10
XXIV CONVEGNO NAZIONALE A.I.Z.O. rom e sinti
in occasione del 40° anniversario dell'Associazione Italiana Zingari Oggi.

Organizzato in concomitanza con le celebrazioni dei 40 anni dell'Associazione, il convegno, a cui parteciperanno studiosi da tutta Europa, intende ricordare una tragedia, il genocidio di rom e sinti durante la II guerra mondiale, troppo spesso dimenticata, attraverso testimonianze e resoconti storici. Il convegno darà modo, inoltre,  di riflettere sulle nuove intolleranze che stanno emergendo nella società odierna.

PROGRAMMA:

10 ottobre I PARTE h. 09,00

Saluto delle autorità

  • Dott. Piero Fassino, Sindaco di Torino
  • Dott.ssa Paola Bragantini, Presidente Circoscrizione 5
  • Prof. Paolo Bertinetti, Preside Facoltà Lingue e Letterature Straniere, Università di Torino

Presentazione del Convegno: Jonko Jovanovic, vice presidente nazionale A.I.Z.O.
Presiede: Maria Teresa Martinengo, La Stampa 40 anni di fondazione A.I.Z.O., una storia da raccontare, una passione da trasmettere
Testimonianze Kuse Mancini

h. 13,00 Pranzo

II PARTE h. 14,30

Ripresa lavori
Presiede: dott.ssa Stefanella Campana, giornalista, Vicepresidente Paralleli Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest

  • Lo sterminio dei rom e sinti d’Europa prof. Rajko Djuric, scrittore già presidente Romani Union International
  • Il Gypsy Camp ad Auschwitz e  la presenza dei rom nei lager ebrei, prof. Slawomir Kapralski sociologo, studioso dello sterminio rom (Polonia)
  • Le persecuzioni in Romania Luminita Cioaba, presidente fondazione "Ion Cioaba" (Romania)
  • "Qui non ci sono bambini" (gli esperimenti dei medici nei lager) prof. Erasmo Maiullari, docente di chirurgia pediatrica, Università di Torino
  • I crimini jugoslavi sotto il regime degli Ustasha dott. Haliti Bajram, scrittore rom (Kosovo)
  • Jasenovac, Donja Gradina, Ustica dott. Saša Aćić Coordinatore della C.I. per la verità su Jasenovac

11 ottobre III PARTE h. 9,00

  • Un viaggio nel dolore, l’esile filo della memoria dott.ssa Carla Osella, Presidente A.I.Z.O.
  • I luoghi della memoria, il Porrajmos in Polonia prof. Adam Bartosz, direttore musei di Tarnow (Polonia)
  • Il caso dei bambini jenish rapiti dalla Pro Juventute dott.ssa Silvana Calvo, Svizzera ricercatrice
  • Il mio nome è Uschi Uschi Waser, Svizzera
  • La tendenza a minimizzare il Porrajmos prof. Jan Hancock, membro del Consiglio del memoriale dell’Olocausto negli USA  Università di Austin, Texas
  • Lo sterminio della mia famiglia m.o. Jovica Jovic
  • L’internamento di una minoranza durante il fascismo dott.ssa Giovanna Boursier, storica e giornalista Rai
  • Il conflitto bellico in ex Jugoslavia e gli aspetti etnici dott. Jovan Damjanovic, Deputato Repubblica di Serbia
  • Rapporto dell’indagine sulla condizione di rom, sinti e caminanti in Italia, on. Letizia De Torre Commissione Cultura, Scienza e Istruzione Camera dei Deputati

h. 13,00 Pranzo

h. 14,30 Ripresa lavori.
Presiede: dott. Gabriele Guccione, giornalista

  • I ghetti mentali prof. Maria Teresa Mara Francese Università di Torino
  • Una comunità sotto assedio dott.ssa Gabriella De Luca presidente A.I.Z.O. di Catanzaro
  • L’intervento dell’UNAR a tutela della parità di trattamento di rom e sinti Avv. Olga Marotti, UNAR

Testimonianze
Dall’esclusione alla cittadinanza prof. Marcella Delle Donne, Università La Sapienza di Roma

h. 18,00 CHIUSURA CONVEGNO

Durante il Convegno sarà proiettato il documentario della regista Cioaba "Roma tears" (Lacrime rom).
Nei locali dell’Università sarà allestita nei giorni del Convegno una mostra fotografica: "Rom e sinti, il genocidio dimenticato"

Per raggiungere la sede del Convegno:
Dall’Autostrada Torino-Milano: uscire all’ultima uscita, imboccare Corso Giulio Cesare e proseguire verso il centro.
Dalla stazione F.S. Porta Nuova: linee GTT 68 direzione Cafasso o 61 direzione Mezzaluna, scendere alla fermata Via Po.
Per partecipare al Convegno è necessario iscriversi scrivendo a: aizoonlus@yahoo.it
Fax: 011740171
Per info: 0117496016 - 3488257600

Il Convegno è realizzato grazie al contributo della Compagnia di San Paolo di Torino.
Il servizio di catering è offerto da Nova Coop e Meeting Service.

 
Di Fabrizio (del 18/01/2011 @ 09:11:38 in musica e parole, visitato 3051 volte)

21 gennaio 2011 alle ore 19:30 Circolo ARCI BELLEZZA via Bellezza 16a MM3 Porta Romana

"Dio dacci la terra" è la serata che presenta il documentario "Se un giorno d’inverno un suonatore di fisarmonica" e il concerto dei Muzikanti.

Progetto LUOGHI

Attraverso le musiche, le memorie e il vissuto del maestro Jovica Jovic, raccontate nel documentario "Se un giorno d’inverno un suonatore di fisarmonica" di Valerio Finessi, la serata vuole essere un momento di riflessione comune sulla condizione delle popolazioni rom e sinte a Milano, che negli ultimi anni sono state vittime di continue discriminazioni, a causa della mancanza di una visione politica e amministrativa che nega i diritti e possibili percorsi di integrazione socio-economica e culturale. La serata si concluderà con il concerto dei Muzikanti, che con le loro danze ci faranno riscoprire il piacere di divertirci insieme.

Si consiglia la prenotazione della cena, 20 euro con concerto, bevande escluse. (tel. 02-58319492 - info@arcibellezza.it)

La serata avrà inizio alle 19.30 con la proiezioni del video ritratto di Jovica Jovic, musicista Rom nato a Belgrado, e del suo amore per il suono della fisarmonica. Attraverso il mestiere di musicista si ripercorre la vita di Jovica continuamente intrecciata al fare musica, che lo ha portato a confrontarsi con la diversità delle culture di molti paesi europei.
Non è facile la vita di un Rom in Italia e Jovica non fa eccezione, sette figli, una famiglia smembrata e sparsa in Europa, la fuga dalla guerra nel suo paese e la clandestinità per mancanza di documenti.

Jovica suona con i Muzikanti, un gruppo i cui componenti vengono da paesi diversi, che si esibiranno alle 22.30, dopo la cena che seguirà la proiezione del documentario.
I loro concerti sono un momento di scambio interculturale, che permettono la conoscenza di un patrimonio musicale spesso semi sconosciuto. La musica diventa così il tramite per un dialogo possibile tra le diversità.

Biografia e filmografia del regista:
Valerio Finessi è nato a Ferrara ma dal 1980 vive e lavora a Milano.Si è formato alla scuola di cinema dell’Albedo Cinematografica realizzando numerosi documentari per la Rai e enti privati e pubblici.
come filmaker ha realizzato i documentari
UNO NESSUNO CENTOMILA, IL TEATRO DELLA NECESSITA’ NECESSITA’ DEL TEATRO, IL MAGICO MONDO DI NATALE PANARO, ACQUA, IL CORAGGIO DELLA FEDE Il Cardinal Andrea Carlo Ferrari, IL CIELO DI SHTUPEL diario dal Kosovo, NESSUNO ESCLUSO, SE UN GIORNO D’INVERNO UN SUONATORE DI FISARMONICA…

Ha realizzato i film per le scuole:
LA RAGAZZA DI TEREZIN, LA VOCE DEL BOSCO, GAME OVER, 10 CORTI CONTRO IL CYBERBULLISMO

LA RICHIESTA – il corto selezionato al festival la 25 ora 2008 – la 7

Potrebbero interessarti:

I Muzikanti

 
Di Fabrizio (del 21/05/2010 @ 09:10:26 in musica e parole, visitato 1688 volte)

Desideriamo invitarvi a partecipare alla serata "MA GAVA PALAN LADI, PALAN BURA OT CROIUTI - IO SEGUIRO' QUESTO MIGRARE, QUESTA CORRENTE DI ALI", con cena con cibi da ricette popolari balcaniche e con I MUZIKANTI DI BALVAL - JOVICA JOVIC E MARTA PISTOCCHI in concerto - musiche tradizionali/popolari balcaniche e non solo, organizzata dall'Associazione La Conta - ONLUS, che ci sarà venerdì 28 maggio 2010 alle ore 20,00 presso la CGIL - Salone Di Vittorio, in Piazza Segesta 4 con ingresso da Via Albertinelli 14 a Milano.

Sarà una serata piacevole e conviviale con MUZIKANTI DI BALVAL con Jovica Jovic - fisarmonica cromatica e Marta Pistocchi - violino in concerto di musiche tradizionali/popolari balcaniche, rom e sinti, festose, gioiose e capaci dare emozioni uniche. Si potranno inoltre apprezzare i cibi da ricette popolari balcaniche, preparati con passione e cura dai nostri cuochi e, se lo si desidera, associarsi all' Associazione La Conta - ONLUS, per contribuire alla realizzazione del progetto associativo di solidarietà sociale e di valorizzazione della cultura popolare. Per la serata è richiesto a ciascuno un contributo all'Associazione di 25,00 euro.

MUZIKANTI DI BALVAL - Jovica Jovic, fisarmonica - Marta Pistocchi, violino

Due musicisti all'apparenza molto diversi tra loro che si incontrano nelle sonorità della musica balcanica: Jovica Jovic è un maestro della fisarmonica cromatica, musicista di lunga carriera e custode della tradizione popolare del suo paese d'origine, la Serbia; Marta Pistocchi violinista italiana appassionata di musica rom, ha raccolto e condivide questa preziosa eredità in un passaggio di saperi che supera i confini geografici e culturali.

I Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture, che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso, libero, vitale. Ritmi incalzanti, intervalli orientaleggianti e virtuosismi si alternano a melodie struggenti dal potere evocativo, in una combinazione di esotismo ed energia che emoziona ogni tipo di pubblico
(www.myspace.com/imuzikanti)

Per ragioni organizzative vi saremo grati se confermate la vostra presenza alla serata con cena prima possibile ma comunque entro e non oltre mercoledì 26 maggio 2010 all'indirizzo laconta@intrefree.it 

Vi saremo altresì grati se vorrete dare diffusione elettronica all'iniziativa di cui sopra e/o diffondere la stessa tra le persone che ne possono esservi interessate. Vi ringraziamo in anticipo.

 
Di Fabrizio (del 31/03/2011 @ 09:10:23 in musica e parole, visitato 2207 volte)


A Milano, il rom serbo Jovica Jovic insegna musica a domicilio. di Michela Dell'Amico

Ore 17, lezione di fisarmonica. Il maestro? Arriva a domicilio, con la sua 'fisa' a bottoni e un grande sorriso. Jovica Jovic è un rom serbo, musicista di fama internazionale, ma sempre appeso al permesso di soggiorno. Salvato dall'espulsione, un anno fa, grazie alla passione per la musica del ministro dell’Interno, Roberto Maroni (e a causa di un'ernia da curare). Insegna nelle case di Milano con il metodo 'a orecchio', quello che lui apprese dal nonno, e porta con sé le sue storia di vita rom.
GLI SGOMBERI. Vita da nomade suo malgrado, fatta di sgomberi come per tutti gli altri: la sua abitazione, nel campo di accoglienza di Rho, è stata abbattuta dalle ruspe. Distrutta anche la piccola chiesa (di cemento e mattoni) che aveva costruito con il figlio, benedetta dal parroco ortodosso come da quello cattolico, ma non dalla politica di Milano. Da circa un anno vive in affitto a Parabiago (a pochi chilometri dalla città), con la sua numerosa famiglia, anche se riuscire a sopravvivere è una scommessa che si ripresenta ogni mese.
APRIRE A UN NOMADE. «Dopo averlo conosciuto» ricorda Cristina Simen, zia di uno degli allievi di Jovica «ho visitato la sua famiglia nel campo e mi si è aperto un mondo». Ma come si apre la porta di casa a un nomade? «Non abbiamo avuto dubbi» risponde decisa nonna Paola «siamo rimasti commossi dall’umanità e dalla semplicità di questo popolo che, in fondo, non ha nulla di diverso da noi».

Il progetto: una scuola per insegnare musica

Jovica insegna a suonare la fisarmonica a domicilio: un progetto di successo

Jovica aspetta di veder realizzato il suo sogno, la promessa del ministro Maroni: una scuola tutta per sé, per insegnare a bambini, anziani e disabili. Intanto, con l’aiuto della sua amica (anche lei allieva) Cristina Simen, gira per le case dei suoi allievi milanesi: perché «chi suona non pensa mai male», garantisce, ma anzi, sviluppa le capacità del cervello.
I MUZIKANTI. «Ognuno di noi ha un nodo nella testa, perché muovere le dita delle due mani nello stesso gesto è facile, ma muoverle ognuna per conto proprio è difficile» spiega Jovica «suonando si scioglie questo nodo, si impara il ritmo e il movimento del corpo, si fa anche ginnastica. Preferisco lavorare con chi non sa nulla di musica, con chi impugna per la prima volta la 'fisa' e magari la impugna al contrario. È infatti troppa la soddisfazione nel vederli poi suonare: quel che serve è solo l'1% di talento e 99% di lavoro». Jovica vive da 40 anni in Italia, suona ai matrimoni di mezza Europa da quando ne aveva 13, e poi insieme alla sua band I Muzikanti, o con artisti come Moni Ovadia, Piero Pelù e Dario Fo. Ha partecipato a eventi simbolo per la città di Milano, suonando per anni al binario 21, nel giorno della memoria della Shoah. Eppure la sua permanenza in Italia resta sempre appesa a un filo.

Una vita da nomade e il desiderio di cittadinanza

Jovica Jovic è un rom serbo: è in Italia per la passione della musica di Roberto Maroni

Nato a Belgrado nel 1952 in una famiglia di musicisti, Jovica ha imparato a suonare ascoltando il nonno, «morto a 106 anni con il violino in mano», ricorda sorridendo. Poi ha vissuto in Austria e in Germania, infine è arrivato in Italia. Nel 1971 nella fabbrica Dallapè di Stradella costruiscono su misura per lui una fisarmonica speciale: un pezzo unico, costato otto mesi di lavoro.
PROBLEMA DOCUMENTI. «Oggi queste fabbriche sono chiuse, nessuno suona e nessuno insegna. È un vero peccato per uno strumento che l’Italia esportava nel mondo», dice con rammarico. Nel 2007, in viaggio per il funerale del padre, Jovica viene bloccato all’aeroporto di Roma e, a causa di un visto non rinnovato, è rinchiuso in un Cie (Centro di identificazione ed espulsione). Da allora inizia a escogitare soluzioni per restare in regola con i documenti, l’ultima volta concessi da Maroni per motivi di salute: è in lista d’attesa per operare un’ernia e ha seri problemi di cuore. «Vorrei la cittadinanza» spiega «magari per meriti artistici».
I rom? «Seminateci bene», dice Jovica, «perché noi daremo buoni frutti. Ci sono rom che in altri Paesi sono l’orgoglio della nazione, che si integrano e lavorano al meglio. Ma di loro non se ne parla. Si vedono sempre e solo sgomberi, furti, degrado. Chiediamo documenti, in modo da poter affittare una casa o comprare una macchina, avere un’assicurazione. Tutte cose che porterebbero soldi alla società e una vita migliore a noi. I rom sono un libro che resta chiuso: nessuno ci conosce, ma quando succede spesso l’incontro è destinato a durare»
L'ALLIEVA CRISTINA. Come quello avvenuto per caso con Cristina: «Ho preso un volantino per strada» ricorda «perché ero incuriosita dalla possibilità di imparare a suonare la fisarmonica, e così ci siamo conosciuti. Alla fine ho incontrato la sua famiglia, e lui la mia. E l'idea delle lezioni a domicilio, da dove nasce? «È un progetto che stiamo portando avanti insieme. Vorremmo trovare fondi per aprire una scuola di musica per bambini, magari anche stranieri, rom e disagiati. Coinvolgere nello studio bimbi che altrimenti non potrebbero permetterselo e magari salvarli dalla strada».

Il video

Sabato, 26 Marzo 2011

 
Di Fabrizio (del 20/01/2014 @ 09:08:23 in Kumpanija, visitato 3324 volte)
Può esistere un'immagine più "irrispettosa" di questa, riguardo il GIORNO DELLA MEMORIA? Cosa ci fa qua e perché, lo scoprirete leggendo questo post...

di Jovica Jovic - Cari amici, c'è una cosa che da tempo mi fa stare molto male, soprattutto di questo periodo. E non è la salute, non sono i soldi... è quella parola: PORRAJMOS.

Ogni anno, l'ultima settimana di gennaio ci incontriamo, voi a sentirmi e io a suonare, per la Giornata della Memoria, e quella parola ritorna puntuale. Voi, magari, la dite perché l'avete sentita da qualcuno istruito e, come noi Rom, la ripetete perché quello che è accaduto allora fu di una tale violenza, che dopo tutti cercarono un termine per descriverlo. Gli Ebrei trovarono la parola Shoa, tra i Rom cominciò a diffondersi "porrajmos".

Quello che molti di voi non immaginano, è che la parola nella mia lingua significa STUPRO (si può usare solo per gli organi sessuali), quindi è estremamente violenta, ma del tutto inadatta ed offensiva ad essere pronunciata per descrivere gli stermini della seconda guerra mondiale. Può andare bene per qualcuno di voi, ma io non potrò mai dirla di fronte alle mie figlie, di fronte a una qualsiasi famiglia rom.

Ecco, parlerò a qualcuno di voi, sperando che mi capiate. Tenterò di essere calmo e comprensibile, e per questo devo spiegarvi alcuni termini della mia lingua (i termini in lingua romanés sono stati adattati alla grafia italiana, ndr.) :

  • PORADJOS: donna, apri le gambe.
  • PORAVESLES tu
  • PORAVASLES noi
  • PORAJMOS in tanti, assieme, come fare un'ammucchiata.

Per essere completi, esiste nella nostra lingua anche (due parole staccate) PO RAJMOS, che si può tradurre con "la signorilità", ma è ovvio che questo non ha alcuna relazione con l'uso che si dovrebbe fare della parola.

Quello che ho detto vale per la maggioranza dei Rom e dei Sinti - non pensate che il mio sia un capriccio: ho 60 anni, e sono figlio di una famiglia che ha partecipato alla II guerra mondiale, lì sono morti mio nonno, mio zio e poco dopo mio fratello che aveva contratto il tifo. La storia è raccontata nel libro Niente è più intatto di un cuore spezzato. Per me ricordare oggi quegli anni, usando quella parola, è come mancare di rispetto a loro e ucciderli nuovamente.

Tra i Rom, c'è chi non parla più il romanés, e altri che lo parlano per sentito dire, magari adattandolo alla lingua del paese dove vivono. Anche loro parlano allora di "porajmos" senza sapere di cosa si tratti. A loro non posso rimproverare molto. Ma quando ho parlato di questi miei sentimenti a Rom influenti e di cultura, mi è stato risposto pressappoco così: "Jovica, tu hai ragione. Ma ormai è tardi, è una parola che sta circolando da tempo e quello che tu chiedi non ha un valore pratico, anzi sarebbe anche impopolare". Avrà poco valore e sarà impopolare forse per loro, per me è una questione di rispetto per me e per l'affetto alla mia famiglia.

Con voi gagé le cose non sono andate molto diversamente. Ho scritto a molte persone di cultura, a molti che vivono nel mondo dell'informazione e della divulgazione. Le stesse persone che mi chiamano a suonare. Non ho avuto risposta. Durante i concerti, chiedo che se ne parli, ma non c'è mai il tempo pratico per farlo. Solo Moni Ovadia, durante la presentazione milanese del libro "La meravigliosa vita di Jovica Jovic", che ha scritto con Marco Rovelli, ha rotto infine il muro del silenzio.

Allora che termine usare, mi chiederete? Ultimamente, ho sentito adoperare SAMUDARIPEN, viene dalla parlata dei Rom Khorakhané, significa "totale omicidio". Anche i Rom Abruzzesi hanno un termine simile: MUNDARIPE'. Il termine esatto da adoperare sarebbe BARO MUNDARIMOS LE MANUCHENGO, cioè:

  • BARO = grande
  • MUNDARIMOS = omicidio totale
  • LE MANUCHENGO = dell'umanità.

Si sarebbe potuto dire LE RROMENGO, ma in questo caso si sarebbe reso omaggio solo alle vittime rom, con MANUCHENGO invece io ricordo anche gli Ebrei, gli omosessuali, i Testimoni di Geova...

Questo è tutto. Non mi importa di quanti sono stati zitti sinora, io andrò avanti finché campo a difendere le mie idee e i miei ricordi. Se volete, se avete capito, datemi una mano a far circolare questi pensieri, anche sulla stampa, anche su Facebook, dovunque. E forse, riusciremo assieme a fare un po' di luce, su tutti i defunti uccisi dal razzismo e dal fascismo

Grazie.

Nota del redattore: Sembra destino che sul Giorno della Memoria io debba incrociare la strada di Jovica: è successo nel 2011 e poi nel 2012 fu lui a stimolare le mie riflessioni. Come mai?

  1. Jovica, valente musicista, è un amico che rispetto. Conoscendolo, trovo che quell'etichetta "musicista" sia limitativa per una persona intelligente e di grande senso morale come lui.
  2. Non ha importanza (anzi, ne ha molta, ma non intendo scrivere di questo) se quanto Jovica ha affermato sopra possa essere condivisibile o di vostro gradimento. La cosa importante, per me, è che possa esprimersi sulla storia della sua famiglia, sui suoi valori, e questo non possiamo portarglielo via, come se fosse un campo o un documento.

Non so neanche dove arriveranno le sue parole, la strada è lunga e affollata da gente che ruba idee e frammenti di vita ai Rom, e tenta poi di spacciarli come se fossero una loro invenzione. In mezzo a tante grida, Jovica ha salvato la sua fisarmonica. E' ora che si salvino anche le sue idee.

Anche questo video, per terminare, potrà sembrare irrispettoso, ma almeno è allegro. Perché, ricordando questa giornata, le giovani generazioni e la loro gioia sono il nostro solo comune futuro.

 
Di Fabrizio (del 07/05/2011 @ 09:07:56 in musica e parole, visitato 2023 volte)

Don Gino Rigoldi introduce
DJANGO DEI SOBBORGHI di Sabrina Dionisio Rossi
con la partecipazione di Jovica Jovic

Interpreti:
Tommaso Pusant Pagliarini
Claudio Lobbia

Regia di:
Alberto Oliva



Sabato 14 maggio 2011 ore 21.00
Mandello del Lario - TEATRO COMUNALE "Fabrizio De Andrè"

Ingresso € 10,00 - Prevendita biglietti giovedì 12 e venerdì 13 maggio 2011 dalle ore 10.00 alle ore13.30 presso la struttura n. 1 via Manzoni 44/3 e la sera dello spettacolo dalle ore 20.00 presso la biglietteria del teatro
PATROCINIO DEL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO
___
Lunedì 16 maggio 2011 ore 21.00
TEATRO OUT OFF via Mac Mahon 16, Milano

€ 12,00 - info 02-34.53.2140 www.teatrooutoff.it
___
Mercoledì 25 maggio
TEATRO DELLA TOSSE, Genova
www.teatrodellatosse.it/
con apertura di don Gallo

 
Di Fabrizio (del 24/09/2013 @ 09:07:35 in Europa, visitato 1463 volte)

su Le parole, i pensieri - Autore: Moni Ovadia - Data: 2013-09-21 L'Unità

I paesi che si definiscono democratici, ogni giorno della loro esistenza conoscono, tollerano, accettano e persino favoriscono violazioni delle leggi, abusi del diritto, attentati ai loro ai principi fondamentali sotto lo sguardo benevolo e spesso con la complicità delle loro istituzioni nazionali e locali. Molti cittadini non danno alcun peso a questo scempio soprattutto se le ingiustizie, anche se ignobili, non li riguardano direttamente.

Costoro non pongono domande cogenti alle istituzioni per chiedere ragione delle patenti trasgressioni della legalità che umilia e offende il loro Paese. Anzi, talora, "bravi" cittadini chiedono che le istituzioni violino le leggi per servire loro interessi o privilegi particolari. Lo status di cittadino di una nazione democratica, conferisce straordinari diritti ma pretende contestuali doveri, primo fra tutti il rispetto attivo della Carta Costituzionale per dare applicazione autentica alle sue leggi e per vigilare che non vengano infrante da nessuno, tanto meno dalle Autorità. Porre domande e pretendere risposte dalle istituzioni, è lo strumento principe per esercitare tale vigilanza. Io faccio parte di quegli italiani che prendono molto sul serio il diritto/dovere di cittadinanza e non rinuncio per nessuna ragione a porre domande e a pretendere risposte.

Il diritto all'uguaglianza è garantito a tutti i cittadini di questo Paese e a tutti gli esseri umani che vi abitano? Anche ai rom e ai sinti? Allora perché continuano a venire segregati, discriminati, rinchiusi e sgomberati? Le minoranze hanno diritto a vedere riconosciute le loro prerogative e ad ottenerne la tutela? Anche i rom e i sinti? Allora perché non hanno ancora avuto lo status di minoranza linguistica com'è capitato ad altre popolazioni? Perché le pur importanti proposte di legge al riguardo, secondo l'autorevole parere di giuristi competenti, hanno scarsissime possibilità di essere votate e approvate dalle camere? Solo perché si tratta di "zingari"? La dignità della persona è dotazione originaria di ogni essere umano? Anche del rom e del sinto? Allora perché è lecito a gruppi di cittadini parlarne come di oggetti ingombranti e nocivi di cui rifiutare la vicinanza? Perché tale linguaggio non è sanzionato come incitamento all'odio e al razzismo? Le vittime di persecuzioni e genocidi hanno diritto al riconoscimento ed al risarcimento? Perché rom e sinti no?

Noi cittadini italiani che riconosciamo nel diritto di cittadinanza un valore irrinunciabile, pretendiamo risposte alle nostre domande e chiediamo che vengano presi i provvedimenti necessari per dare piena applicazione alle leggi. Non siamo più disposti a tollerare sgomberi, deportazioni, vessazioni contro i nostri concittadini rom e sinti.


PS: Moni Ovadia sarà a Milano mercoledì 25 settembre alle 18.30, con Marco Rovelli e Jovica Jovic, per la presentazione di:

 
Di Sucar Drom (del 27/11/2013 @ 09:07:28 in blog, visitato 1584 volte)

Riparte la caccia alle streghe...
Il caso greco di Maria sta facendo il giro del Mondo, innescando com'era prevedibile una caccia alle streghe contro le famiglie, appartenenti alle minoranze linguistiche sinte e rom. Lo stereotipo di rapitori di bambini è vecchio di secoli ma viene...

Linea gialla, un programma xenofobo contro i rom
Ieri sera tantissimi italiani hanno visto il programma Linea Gialla su La7 che ha trattato il caso della bambina rom in Grecia. Abbiamo trovato l'impostazione di tutto il programma, diversi interventi da studio...

UNAR, dalle discriminazioni ai diritti
La Ministra per l'Integrazione, Cecile Kyenge, e la Viceministra al Lavoro e le Politiche Sociali con delega alle Pari Opportunità, Maria Cecilia Guerra, hanno presentato ieri a Roma, presso il Teatro Orione, Via Tortona 7, la nuova edizione del Dossier...

Babel Film Festival, la terza edizione
Dal 2 al 7 dicembre 2013 si svolgerà a Cagliari la terza edizione del festival cinematografico internazionale Babel Film Festival. E' il primo concorso internazionale al mondo destinato ai film parlati in lingue minorita...

Lanciano (CH), Alexian & International Friends

La meravigliosa vita di Jovica Jovic
Pubblicata da Feltrinelli la biografia del fisarmonicista rom, scritta da Rovelli e Ovadia. Un documento straordinario e utile. "Stai zitto che chiamo gli zingari". Oppure: "Sei vestita come una zingara". Oppure: "Sei sporco come uno zingaro". Alzi la mano chi non ha mai usato...

Slovacchia, nazista diventa governatore
L'estremista anti-rom Kotleba vince il ballottaggio in Banska Bystrica. Un nazionalista dell'estrema destra, noto per i suoi atteggiamenti antirom, è stato eletto nella giunta region...

Mantova, dalle discriminazioni ai diritti
Giovedì 28 novembre 2013 ore 15.30, presso l'Aula 1 della Fondazione Università di Mantova, in via Scarsellini 2, la Provincia di Mantova, il Centro di Educazione Interculturale della Provincia e l’Associazione Artico...

Milano, un altro sgombero di massa alla vigilia dell'inverno
Lunedì 25 novembre è stato sgomberato il "fortino" di via Montefeltro-Brunetti occupato da circa 700 rom rumeni, risultato della fallimentare chiusura del campo regolare di via Triboniano e degli ultimi sgomberi di questa amministrazione...

 
Di Fabrizio (del 02/07/2010 @ 09:06:55 in Italia, visitato 1838 volte)

Rho, 29 giugno 2010. Zoran è morto, morte cerebrale, non qui a Rho, dove per quindici anni aveva vissuto con la sua famiglia, ma lontano, in Germania, dove aveva, infine, cercato rifugio. Quasi cieco, da molto tempo era sottoposto a dialisi, in cura presso l'Ospedale di Bollate fino a che, all'inizio di questo anno, venne espulso dal campo di Rho, privato della casa e degli affetti più intimi. Per mesi Zoran ha vagato senza una meta, spaventato e sempre più indebolito nella salute. Qualche giorno fa, dopo aver appreso la notizia che sua nuora e i due nipotini, anch'essi abitanti nel campo di Rho, erano stati trasportati dai Servizi Sociali in una Comunità, anziché provvedere agli interventi che nel tempo si erano resi necessari per aiutare una famiglia in difficoltà, ha avuto un tracollo. L'ultimo.

Ma le politiche razziste della Giunta Zucchetti non si fermano, anzi, si intensificano. Nei giorni scorsi è stata recapitata al musicista Jovica Jovic e ad altre famiglie del campo comunale di via Sesia una lettera in cui li si invita ad abbandonare le proprie abitazioni entro 30 giorni, perché al posto delle loro case il Comune deve mettere una discarica. Non contenti di chiudere il campo, senza offrire alcuna alternativa alle famiglie che vi abitano, l'amministrazione comunale ha voluto sottolineare che i Rom di via Sesia valgono meno della spazzatura, calpestando la loro dignità. Come hanno ricordato anche Elio e le Storie Tese sabato sera dal palco del Rho Alive, invitati dalla stessa amministrazione rhodense, "siamo vicini alla pulizia etnica". Per queste ragioni questa sera abbiamo fatto irruzione in Consiglio Comunale, portando dei sacchi della spazzatura con i nomi dei Rom che vivono in via Sesia, considerati dal Sindaco Ciellino dei rifiuti sociali.

Ma il Consiglio Comunale non si è soffermato a riflettere sulla morte di un uomo che per loro non vale nulla perché Rom. Non si è fermato a riflettere sul fatto che la dignità di cittadini in carne ed ossa e di un popolo viene calpestata. Ha preferito discutere, dopo che abbiamo abbandonato l'aula, della violenza della nostra azione, in quanto entrando in Comune avremmo inavvertitamente danneggiato una porta e della necessità di sgomberare il Centro Sociale Fornace.

Contro la violenza di un'istituzione che sta sistematicamente commettendo violazioni dei diritti umani, nelle prossime settimane proseguiremo e intensificheremo la campagna per fermare lo sgombero del campo e perché siano riconosciuti i diritti di Jovica e di tutti gli altri abitanti di via Sesia.

SOS FORNACE
sosfornace@inventati.org
www.sosfornace.org
www.myspace.com/sosfornace

 
Di Fabrizio (del 29/01/2014 @ 09:06:44 in musica e parole, visitato 2050 volte)

di Fabrizio Casavola, con la collaborazione di Jovica Jovic - Scaricatelo gratuitamente

Perché
Quello che leggerete, è già stato pubblicato negli ultimi anni, sul mio blog Mahalla ed anche da altre parti. Niente di nuovo, se non il tentativo di fare ordine e cercare il filo del discorso.

Di fatti accaduti 70 anni fa, e che spesso hanno radici più antiche.

Nessuna pretesa di un scrivere un documento storico, solo vorrei vedere allo specchio questa Memoria. Cercare, attraverso testimonianze di personaggi noti e altri che non lo sono mai stati, di capire dopo tutto questo tempo come la memoria può convivere, quanto ci appartiene e quanto invece sia distante.

Fate conto di fare una chiacchierata, seduti ad un tavolo, magari con una tazza di brodo caldo in mano. Per capirsi, per condividere. Per sapere dove si può finire. Pagine di canzoni, poesie e qualche riflessione.
La memoria è un lusso, il dialogo una necessità. Quindi, dopo averci pensato un attimo, ho pensato bene che chiunque potesse scaricare gratis questi appunti. Sperando che il lettore alla fine mi scriva... una lettera, un pensiero o una cartolina.

Ringraziamenti
La foto di copertina è di Cristina Simen, e anche quelle del campo di Rho dopo la demolizione. Le foto del campo di Rho in festa sono di Ivana Kerecki, sua anche la registrazione del video finale della festa dello Zecchino d'Oro

Voglio inoltre ringraziare: Doriana Chierici Casadio, Gaia Moretti, Carlo Stasolla, Luca Bravi, Carlo Berini, Sergio Franzese, Federico Bevilacqua e Alessandro Morazzini per i contributi e le istruttive e civili discussioni.

Infine, un ringraziamento particolare al Teatro Officina per la calda ospitalità che mi ha offerto.

Copyright Attribuzione Creative Commons 2.0
Pubblicato il 21 gennaio 2014
Lingua Italiano
Pagine 31
Formato del file PDF
Dimensioni del file 1.08 MB


La libreria di Mahalla 

e per gli amici e i lettori di Milano e dintorni, RICORDATEVI L'APPUNTAMENTO DI STASERA!

 
Di Fabrizio (del 15/06/2011 @ 09:05:54 in musica e parole, visitato 2283 volte)

martedì 21 giugno, ore 18.30
La Feltrinelli, Piazza Piemonte, Milano

Presentazione del libro
NIENTE E’ PIU’ INTATTO DI UN CUORE SPEZZATO
Insieme all’Autrice Vanna De Angelis
interviene Moni Ovadia

Musiche di Jovica Jovic

Storie di vita vera, drammi e avventure, amori e orrori – dall’olocausto rom alla rivolta degli zingari nello Zigeunerlager di Auschwitz-Birkenau - si mescolano a tradizioni, folclore e costumi in un’avvincente epopea che prende il via negli ultimi anni della seconda guerra mondiale. E che parla di ieri per raccontare anche l’oggi. Niente è più intatto di un cuore spezzato è la storia vera di Dusan e Radmila Balval, due giovanissimi rom, genitori di Joviça Jovic, il talentuoso fisarmonicista rom che collabora con Moni Ovadia, Dario Fo, Piero Pelù, Vinicio Capossela, Goran Bregoviç e altri grandi musicisti internazionali.

Dusan e Radmila Balval, due giovanissimi rom, sono i protagonisti di un racconto eccezionale che comincia quando Dusan, che ha poco più di quindici anni e un incredibile talento per il violino, vive e viaggia con la sua famiglia e altre affini - la sua kumpania - nella Serbia affidata dal Reich al generale filonazista Nediç. La kumpania si sta spostando verso sud, con la speranza di sfuggire alla violenza razzista al momento riservata agli ebrei, in una rocambolesca peregrinazione da un paese all’altro in cui i rom portano musica e abilità di calderai, maniscalchi, acrobati. Intanto, l’apocalisse della guerra incalza. Storie di vita vera, musica e miseria, amori e orrori, dall’olocausto rom alla rivolta dello Zigeunerlager di Auschwitz-Birkenau dove, alla fine di aprile del 1944, quattromila zingari (fra cui il giovanissimo Dusan) lottano contro i tedeschi per non finire nelle camere a gas. Drammi e avventure si mescolano al racconto vivido di tradizioni, folclore e costumi, in un’odissea indimenticabile.

Vanna De Angelis
Vive a Milano. Narratrice e saggista, sceneggiatrice per la radio e la televisione, ha pubblicato con successo saggi divulgativi sui processi alle donne accusate di stregoneria e sull’amazzonato e, con il nome collettivo di Gordon Russell, quattro romanzi sulla gladiatura. Tra i suoi titoli, La bambina del bosco degli elfi (Piemme 2010).

 
Di Fabrizio (del 04/02/2008 @ 09:05:18 in musica e parole, visitato 2312 volte)

Casa della Cultura via Borgogna 3,

domenica 10 febbraio 2008 ore 16.00

PER LA MEMORIA

Shoah e Porrajmos: due volti dello sterminio razziale

ore 16.00: proiezione estratto dal dvd a forza di essere vento (lo sterminio nazista degli Zingari), autori vari, edito dalla rivista “A”

ore 16.15: testimonianze di MIRKO BEZZECCHI e NEDO FIANO

ore 17.00: dialogo teatrale Due voci, lo stesso orrore: Barbara–zingara, Sara–ebrea tratto dalle testimonianze di una ragazza Ebrea e una ragazza Rom con Dijana Pavlovic nel ruolo di Barbara e con Tatiana Olear nel ruolo di Sara

con accompagnamento musicale di Marta Pistocchi–violino e Jovica Jovic-fisarmonica

saranno presenti DARIO FO e MONI OVADIA.

Casa della Cultura, Comunità Ebraica di Milano, Comitato Rom e Sinti insieme

 
Di Sucar Drom (del 15/05/2013 @ 09:04:26 in Italia, visitato 1579 volte)

Da Sinti Italiani in viaggio per il Diritto e la Cultura

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELL'EVENTO:
22 MAGGIO ALLE ORE 12.00 A PALAZZO MARINO

SALUTI ISTITUZIONALI, PRESENTAZIONE CAMPAGNA DOSTA! E PROIEZIONE DELLO SPOT: MODERA DAVID MESSINA. DIRETTORE GENERALE UNAR CONS. MARCO DE GIORGI - COMUNE DI MILANO ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI E CULTURA DELLA SALUTE PIER FRANCESCO MAIORINO - ASSESSORE ALLA SICUREZZA E COESIONE SOCIALE, POLIZIA LOCALE, PROTEZIONE CIVILE, VOLONTARIATO MARCO GRANELLI - PRESIDENTE PROV.LE ACLI MILANO PAOLO PETRACCA - DIRETTORE CARITAS AMBROSIANA MONS. ROBERTO D'AVANZO - INTERVENTI PRESIDENTI ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI ROM E SINTI ITALIANE: DAVIDE CASADIO E DIJANA PAVLOVIC FEDERAZIONE ROM E SINTI INSIEME - VOJKAN STOJANOVIC FEDERAZIONE ROMANI' - RADAMES GABRIELLI ASSOCIAZIONE NEVO DROM - SANTINO SPINELLI FEDERARTE ROM - OSPITI D'ECCEZIONE MARCO FERRADINI, MASSIMO PRIVIERO E IL REGISTA DEL FILM "MIRACOLO ALLA SCALA" CLAUDIO BERNIERI.

23 MAGGIO 2013 MATTINA
CAMPAGNA DOSTA! PRESSO OFFICINE CREATIVE ANSALDO.

  • ORE 10.30 - PRESENTAZIONE CAMPAGNA DOSTA! E PROIEZIONE DELLO SPOT. APERTURA ISTITUZIONALE EVENTO MODERA DAVID MESSINA: DIRETTORE GENERALE UNAR CONS. MARCO DE GIORGI - COMUNE DI MILANO ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI E CULTURA DELLA SALUTE PIER FRANCESCO MAIORINO - ASSESSORE ALLA SICUREZZA E COESIONE SOCIALE, POLIZIA LOCALE, PROTEZIONE CIVILE, VOLONTARIATO MARCO GRANELLI - PRESIDENTE PROV.LE ACLI MILANO PAOLO PETRACCA - DIRETTORE CARITAS AMBROSIANA MONS. ROBERTO D'AVANZO - INTERVENTI PRESIDENTI ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI ROM E SINTI ITALIANE: DAVIDE CASADIO E DIJANA PAVLOVIC FEDERAZIONE ROM E SINTI INSIEME - VOJKAN STOJANOVIC FEDERAZIONE ROMANI' - RADAMES GABRIELLI ASSOCIAZIONE NEVO DROM - SANTINO SPINELLI FEDERARTE ROM.
    - "MIRACOLO ALLA SCALA" CON MUSICHE DEL GRUPPO SINTO "THE GIPSYES VAGANES" - A SEGUIRE DIBATTITO CON GLI ALUNNI DELLE SCUOLE E GLI STUDENTI UNIVERSITARI PARTECIPANTI ALLA PRESENZA DEI SEGUENTI OSPITI PROTAGONISTI DEL FILM: IL REGISTA CLAUDIO BERNIERI; LA PROTAGONSITA DEL FILM LOREDANA BADEANU; DAVIDE PARENZO - CONDUTTORE DE "LA ZANZARA" RADIO 24 (da confermare); ROSSELLA CICERO - DELLA SCUOLA DI DANZA DI FLAMENCO DELLA SCALA DI MILANO; IL GRUPPO MUSICALE ROM "UNZA".
  • ORE 13.30 - CHIUSURA EVENTO

23 MAGGIO POMERIGGIO
CAMPAGNA DOSTA! PRESSO OFFICINE CREATIVE ANSALDO.

  • ORE 16.00 - PRESENTAZIONE CAMPAGNA DOSTA! E PROIEZIONE DELLO SPOT; INTERVENTI DI SALUTO DEI RAPPRESENTANTI DELLE ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI ROM E SINTI, MODERA MARCO LIVIA.
    ORE 1630 - APERTURA EVENTO MUSICALE A CURA DEL GRUPPO SINTO "THE GIPSYES VAGANES"
  • ORE 18.00 - SFILATA DI MODA ROM CON MUSICHE ROMANI' A CURA DI JOVICA JOVIC MAESTRO BAL VAL E LETTURE DI POESIE A CURA DI DIJANA PAVLOVIC.
  • ORE ORE 19.00 - APERIROM, APERITIVO A BUFFET CON PRODOTTI TIPICI DELLE COMUNITA' ROM E SINTI, INTERVENTI MUSICALI A CURA DI MARCO FERRADINI E MASSIMO PRIVIERO, IL VIOLINISTA EDUARD ION E JOVICA JOVIC PRESENTAZIONE DEL LIBRO "BUTTATI GIU' ZINGARO" DI ROGER REPPLINGER CON LA PRESENZA DELL'AUTORE E DEL PUGILE ROM MICHELE DI ROCCO. IL LIBRO RACCONTA LA STORIA DI JOHANN TROLLMANN, PUGILE SINTO, CHIAMATO IL PUGILE DANZANTE PER IL SUO STILE CHE VENNE PRIVATO DAI NAZISTI DEL TITOLO DI CAMPIONE E UCCISO IN UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO.
  • ORE 20.30 - CHIUSURA Campagna Dosta!
 
Di Frances Oliver Catania (del 13/09/2013 @ 09:02:51 in Italia, visitato 2769 volte)



Pessano con Bornago
Dopo le meritate vacanze, torniamo con due incontri di sicuro interesse.

Conoscere per non discriminare, due iniziative ideate e organizzate dall’associazione La bottega che non c’è trasformeranno il territorio di Pessano con Bornago in uno spazio aperto, dove riflettere sui numerosi pregiudizi che circondano il popolo Romaní.

Due momenti di storia, letture, testimonianze, musica, che aiutano a sovvertire le abitudini, a sottrarsi ai condizionamenti, per non smettere mai di dare concretezza alla parola solidarietà, per non smettere mai di migliorare la nostra società in un continuo confronto di idee, coscienze, culture e religioni che danno significato e valore a ogni nostra scelta.

La bottega che non c'è

Venerdì 20 settembre 2013 - Ore 20.30. Sala Consiliare in Piazza della Resistenza
1. Conoscere attraverso la storia. Relatore: Ernesto Rossi, dell'Associazione ApertaMente.
2. Testimonianze dell'Associazione Mamme e Maestre di via Rubattino.
3. Testimonianze del progetto Taivé.
4. Proiezione del film documentario Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen.
5. Musica tzigana del brillante duo de l'Orchestra dei Popoli Vittorio Baldoni.

Domenica 29 settembre 2013 - Ore 16.30. Cortile della Biblioteca Comunale
6. Conoscere attraverso la poesia e la musica. Lettura di brani e poesie di Papuska e di Mariella Mehr a cura del gruppo Polvere di Storie.
7. Musica del violinista George Moldoveanu.
8. Performance di Jovica Jovic.
9. Cabaret di Luca Klobas.
10. Mostra pittorica di Rebecca Covaciu.

Durante il primo e il secondo incontro saranno allestite la Mostra fotografica della Caritas ambrosiana e un Buffet tradizionale che solleticherà i nostri palati, con tanti fragranti e appetitosi assaggi.

 
Di Fabrizio (del 10/05/2009 @ 09:02:31 in musica e parole, visitato 1364 volte)

Fondazione Serughetti
Centro Studi e Documentazione LA PORTA

Conoscere, ascoltare, gustare
una serata tzigana per ricordare Beppe Bailo

Domenica 17 maggio
presso lo Spazio Polaresco (Longuelo)


ore 18.00 Accoglienza

ore 18.15 Proiezione di "Porrajmos"
Un documentario dell'Opera Nomadi sulle persecuzioni dei Nomadi da parte di nazisti, fascisti, ustascia e sui drammi attuali. Tratto da "A forza di essere vento - Lo sterminio nazista degli Zingari" Editrice A

ore 19.00 "Abitare la città con i Rom e con i Sinti: quali politiche possibili?"
Intervengono:
Maurizio Pagani - presidente Opera Nomadi Milano
Giorgio Bezzecchi - presidente "Romano Drom"
Alfredo Alietti - sociologo Università di Ferrara

ore 20.30 Buffet Rom

a seguire, musica balcanica rom del gruppo Muzikanti di Balval
Jovica Jovic - fisarmonica
Marta Pistocchi - violino

Ingresso libero

Info:

tel. 035.219230 - fax 035.249880
email: info@laportabergamo.it
www.laportabergamo.it

 
Di Fabrizio (del 28/10/2009 @ 08:57:28 in musica e parole, visitato 2477 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

Serata di muzike balcaniche e gypsy
MUZIKANTI di BALVAL
a La Casa 139 VIA RIPAMONTI 139 Milano (mappa)
venerdì 30 ottobre 2009 alle ore 22.00

ritmi dispari, melodie zingare, danze sensuali

Jovica Jovic Balval: fisarmonica superstar
Marta Pistocchi: violino
Camilla Barbarito: voce
Christopher Martinez: chitarra
Giorgio Bonfanti: contrabbasso
Alessio Russo: cajon, darbouka

MUZIKANTI Violino, fisarmonica, voce, chitarra, contrabbasso, batteria Una piccola orkestra balcanica, eterogenea, multiforme ed in continua evoluzione, che raccoglie in sé musicisti di diverse origini e bagagli culturali di lontane provenienze. Fonte d’ispirazione primaria del loro genere è la musica Rom, espressione artistica di un popolo che sa riunire in una voce sola i diversi caratteri dell’Europa balcanica. I Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture, che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso, libero, vitale. Ritmi incalzanti, intervalli orientaleggianti e virtuosismi si alternano a melodie struggenti dal potere evocativo, in una combinazione di esotismo ed energia che emoziona ogni tipo di pubblico. Per carattere nomade e spirito libero amano le esibizioni a stretto contatto col pubblico, e sanno animare manifestazioni ed occasioni di festa. Hanno viaggiato in Italia e all'estero, si sono esibiti in numerosi festival di artisti di strada; svolgono regolare attività concertistica in locali pubblici, circoli culturali, centri sociali. Hanno collaborato con il gruppo teatrale “Poetica” insieme al quale hanno scritto e realizzato uno spettacolo sul tema del commercio equo & solidale, dal titolo “Caffè Corretto”, già presentato in diverse città italiane. Di particolare interesse ricordiamo la partecipazione al festival Cento popoli un mondo alla Cascina Monluè, la Notte Bianca 2006 di Bergamo, la mostra d'arte-concerto Dintorni Rhom a Rho, il capodanno serbo 2007 allo Cheval di Milano e la collaborazione con l'attrice rom Dijana Pavlovic insieme alla quale hanno realizzato lo spettacolo Rom Cabaret.
www.myspace.com/muzikanti
www.sanarecords.it
www.lacasa139.com

 
Di Fabrizio (del 13/07/2010 @ 08:51:10 in Italia, visitato 3420 volte)

In alcuni casi è la sacrosanta verità. Però, anche un ladro ha una sua dignità, un suo onore. Sabato pomeriggio mi sono trovato con Jovica Jovic (chi legge la Mahalla lo conosce bene e sa che lui non ruba), perché volevo capire qualcosa di più su di un grosso furto che lui e gli altri Rom del campo di via Sesia a Rho (MI) stanno subendo, da parte della "nostra gente". Ecco cosa mi ha raccontato (leggete con calma e attenzione):

Sino a 5 anni fa, abitavamo a Lucernate, una frazione di Rho. Ci abbiamo vissuto 12/13 anni. Erano terreni nostri, comprati dai miei suoceri e dai loro figli, in tutto oltre 3.000 mq., abitati da 7/8 famiglie. Io andavo in giro per l'Europa a suonare.

All'inizio su quei terreni avevamo messo dei prefabbricati, che pian piano abbiamo rinnovato da noi. Abbiamo tirato la luce, l'acqua, abbiamo recintato. E' costato oltre 100.000 euro. Abbiamo poi pagato il condono in tre rate, altri 180.000 euro, ho ancora tutte le ricevute. Dicevano che erano area protetta, ma ora che li abbiamo lasciati, tutti quei terreni sono diventati edificabili.

Morto mio suocero, era rimasta sua moglie, che era malata di cuore, ma non le dettero il permesso di soggiorno per motivi sanitari. Anche se eravamo in Italia da più di 40 anni, praticamente 3 generazioni erano senza documenti.

A questo punto si presentò l'Opera Nomadi, con alcuni consiglieri del comune di Rho; allora la sindaca era la signora Pessina. Ci fecero più o meno questa proposta:

Noi vi aiutiamo se lasciate i terreni. Venite nel comune di Rho e vi costruiremo un campo, che sarà vostro e potrete restarci per tutto il tempo che vorrete. Ed in più ci sarebbero state opportunità di lavoro e avrebbero concesso i permessi di soggiorno. Le "unità abitative" sarebbero state composte da cucina, bagno e camera da letto.

Ci diedero un mese per riflettere. Decidemmo di firmare e aspettammo che si finisse il campo.

Ma fummo fregati una prima volta! Trovammo invece dei container di 30 mq, immagina lì dentro una famiglia di 2 adulti e 7 bambini!

Con l'Opera Nomadi e la Caritas (che gestivano il campo) andammo in Comune ed in risposta venne stilato un regolamento che tra l'altro diceva:

Ogni unità abitativa per piazzola può allargarsi a seconda delle esigenze familiari.

Venne anche deciso che i gestori avrebbero avuto un loro presidio nel campo. C'è da dire che da questo punto in avanti, l'Opera Nomadi è scomparsa, allontanata dalla gestione che è rimasta tutta alla Caritas.

Non si poteva fare più niente: piantare alberi (il campo è tutto al sole), nemmeno mettere un vaso di fiori, figuriamoci allargare lo spazio per le famiglie.

Dal Comune avanzavano 170.000 euro per terminare i lavori nel campo, ma mi ricordo solo l'arrivo di una cucina, che venne divisa per 11 famiglie, ci dissero che il resto sarebbe stato portato dopo.

Io sono entrato nel campo il 4 aprile 2007. Mi ricordo che c'era il contatore della luce che serviva tre casette e il palo della luce, che illumina tutto il campo. Mi son ritrovato a pagare 5.000 euro di arretrati! Ho fatto mettere un contatore solo per la me. Sono anche riuscito ad allargare lo spazio per la mia famiglia e quella di mio figlio.

Col cambiamento della giunta comunale, è arrivato un nuovo regolamento. Tutti i documenti precedenti li aveva l'ex sindaca.

Due parole sulla chiesetta al campo (ne parla più ampliamente il video seguente, ndr): avevo ottenuto il permesso per costruirla, ed ero felice. Era stata benedetta da otto parrocchie della zona e da un sacerdote ortodosso della Croazia. Una chiesa aperta a tutte le religioni, per distruggere il male col bene. Ce l'ho fatta ed ha avuto una caduta positiva nel campo. Adesso non riesco a farmene una ragione, che vogliano mandarci via e al posto della nostra chiesa mettere la quinta discarica di Rho! E' una grave offesa a Dio e agli uomini...

Intanto al campo le ragazze hanno seguito corsi di cucito e cucina, i giovani vanno alle scuole superiori; c'è anche chi si allena a calcio con la società del Milan.

Ma... mia figlia nata in Italia lavora da tre anni e mezzi, tramite la Caritas o la parrocchia di Rho. Guadagna 120 euro al mese. Se non andava al corso, non avrebbe trovato più posto al campo. Lo stesso, le hanno rifiutato la cittadinanza perché non aveva la residenza. Tre giorni fa era con me in macchina; ci hanno fermato e ha rischiato di finire al CIE di via Corelli.

Nel frattempo man mano chi non rispettava il nuovo regolamento veniva allontanato. Basta poco per essere messi alla porta. Eravamo in 80, ora siamo rimasti in 30. Vengono allontanati vecchi, giovani, non fa nessuna differenza, tutti sotto i ponti. Uno è morto in Germania, qualcun altro va avanti e indietro tra Pero e Rho...

Adesso ci è arrivata una lettera, con tre possibilità:

  1. o ci accompagnano tutti alla frontiera (gratis!),
  2. o ci danno 4.000 euro e ci arrangiamo,
  3. donne e malati avranno assistenza per 3 mesi.

E' uscito anche un articolo sul giornale di Rho, si dice:

Distruggeremo il campo entro tre mesi. Cacceremo tutti. Su questo terreno sorgerà una discarica.

Discarica più etnia è uguale a pulizia etnica.

Io personalmente non so cosa fare. Per una casa chiedono tanti soldi d'anticipo e la busta paga. Io sono musicista, dove le trovo le buste paga?

Mi hanno detto: se tratti avrai qualcosa, se non vuoi trattare non avrai niente. Lunedì (12 luglio) mi parleranno. Se mi state leggendo, significa che è andata male, e così ho deciso di raccontare almeno la mia storia.


Spero che qualcuno possa domandarsi se sono davvero "gli zingari" i ladri in Italia. A me invece, dopo quella chiacchierata resta parecchia tristezza. Per chiudere bene questo spazio, propongo questo video suggerito da Giancarlo Ranaldi. Glielo devo (a Jovica, intendo)

Jovica Jovic a Rho: cultura o rifiuti? from Anna Pac on Vimeo.

Le parole di Jovica Jovic sono una lezione di tolleranza, di convivenza, di fratellanza, persino di identità Europea, quella che la moneta unica non ha di certo fortificato in tutti i noi, d’altronde le monete non hanno anima, forse solo portafoglio. Fermarsi ad ascoltare chi ha la possibilità di donare saggezza con le sue parole è fondamentale in una società che vive di corsa, che non aspetta, che non ha tempo per chi vorrebbe prendersi un momento per guardarsi intorno. Il maestro Jovica Jovic ha viaggiato molto e si è fermato altrettanto, la vita di un musicista rom nato in Serbia, passato dall’Austria, dall’Inghilterra e giunto in Italia è un peregrinare continuo, è muoversi in un unica terra, in un unica casa che è il mondo. Purtroppo le visioni romantiche non coincidono mai con quelle burocratiche, populiste e demagogiche di chi urla "padroni a casa propria!" e affini slogans,che fanno della paura del diverso il mezzo per avere manciate di voti. Poi si corre al capezzale degli ultimi al momento dello sgombro, con la faccia imbrattata di pietà, con le mostrine governative luccicanti e si dona un permesso di soggiorno provvisorio promettendo una regolarizzazione per meriti artistici. Jovica Jovic si fida, è un uomo di parola, di fronte ad un riconoscimento tanto ufficiale, è il ministro Maroni con cui ha parlato. Noi forse siamo diffidenti perché sappiamo di che pasta siamo fatti, perché troppo spesso dimentichiamo molto in fretta, qualsiasi sia il colore con cui dipingiamo le nostre idee o convinzioni. Sarà questa monocromia che ci rende tanto bigotti e chiusi, poco inclini al confronto e al conseguente apprendimento. Fino a che rimarremo inchiodati alle nostre convinzioni non saremo mai in grado di definirci tolleranti o accoglienti, depositando i nuovi arrivati nel sottobosco fangoso della privazione e del degrado da cui è difficile emergere legalmente, in cui si è destinati ad affondare. Ci sono immigrati che lavorano, che hanno figli nati in Italia, educati in Italia, che parlano italiano e sono perfetti sconosciuti e clandestini ai nostri occhi, sans papier senza capirne il motivo. La storia del maestro di musica Jovica Jovic è molto interessante e molteplici sono le testimonianze sulla rete; le collaborazioni musicali con Piero Pelù, Goran Bregovic e Vinicio Capossela, la collaborazione con Moni Ovadia per la mostra di De Andrè, la creazione di un’orchestra multietnica in stile musicale balcanico, stanno a dimostrare quanto sia integrato quest’uomo. La sua voce è il megafono di tutte le voci, di una comunità che chiede rispetto e cittadinanza, non continui sgombri di stampo politico e appelli abbattuti dalle ruspe e dalla sordità della giunta della sua città, Rho. Jovica Jovic ha costruito anche una chiesa, consacrata e benedetta, sul terreno che diventerà una discarica. Deliri di onnipotenza oramai permettono di prevaricare anche un baluardo italiano, la fede, o forse è solo perché vogliamo essere dei perfetti "cristiani, in chiesa propria!". Andiamo in pace e ascoltiamo Jovica!

 
Di Fabrizio (del 16/11/2007 @ 08:37:10 in musica e parole, visitato 1906 volte)

ATTENZIONE!

Grande novità per tutto il popolo turbo balcanico

amanti di sonorità orientali

danzatrici e danzatori

appassionati e incuriositi

Venerdì 16 Novembre 2007 ore 21:30
Le Pecore Pub

MUZIKANTI in concerto

Milano: Musica rom balcanica

Jovica Jovic - fisarmonica
Marta Pistocchi - violino
Davide Marzagalli - sax soprano e darbouka

Dal 16 novembre, un nuovo appuntamento al pub Le Pecore: ogni venerdì sera, i Muzikanti accoglieranno il pubblico con la loro travolgente musica.
Per ballare, cantare e divertirsi insieme, accostando culture e tradizioni differenti.


Ingresso libero.

Le Pecore
via fiori chiari 21 Milano
tel. 02875386
www.lepecore.com

 

Ricerca fotografie per jovica jovic

Nessuna fotografia trovata.

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


06/12/2022 @ 02:56:59
script eseguito in 13064 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2968 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source