\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Lettera aperta di Maurizio Pagani, presidente di Opera Nomadi Milano, al Capogruppo della Lega Nord al Comune di Rho Fabrizio Cecchetti
Di Fabrizio (del 08/07/2010 @ 09:44:41, in Italia, visitato 1915 volte)

Da SOS Fornace

Caro Cecchetti,
leggo su "La Prealpina" la tua dichiarazione in merito alla "morte cerebrale" di Zoran Milenkovic (vedi QUI ndr): "Mi accusano (SOS Fornace), di essere responsabile della morte di un rom allontanato da via Sesia. Questa persona, malata, è morta in Germania cinque mesi dopo aver lasciato Rho. Cosa c'entri io in tutto questo nessuno lo sa". Non solo tu, Cecchetti, ma anche chi ha materialmente firmato gli atti all'interno dell'Amministrazione Comunale che hanno portato all'espulsione dal campo in pieno inverno, per futili motivi, di un uomo dializzato e quasi cieco, porta il peso di un'oggettiva "responsabilità morale" in quanto è poi tragicamente accaduto. Zoran, ti ricordo, venne allontanato dal campo regolare di via Sesia dal Direttore ai Servizi alla Persona perché tu e la Lega, chiedeste le Sue dimissioni e quelle dell'Assessore Pellegrini in un tumultuoso Consiglio Comunale, dopo esservi accorti (ma dove eravate prima?) che il Piano Rom, finanziato dal Ministro dell'Interno, Maroni, prevedeva sì lo smantellamento del campo, ma anche il contestuale avvio di azioni di integrazione sociale e abitativa rivolte a 10 precisi nuclei abitanti a Rho, Zoran compreso.
Vedi, Cecchetti, a metterli in fila, tutti gli atti amministrativi che sembrano dover portare ad una fine annunciata, quella del campo nomadi, si rimane colpiti innanzitutto per la serie impressionante di abusi e omissioni, contestazioni prive di fondamento, accanimenti at personam, richieste e impegni pubblici prima sottoscritti e poi smentiti, sperpero di denaro e utilizzo improprio di fondi destinati inizialmente ad azioni di ben altro tipo che avrebbero, quelle sì, coniugato viceversa l'esigenza del principio di legalità da te impropriamente invocato col rispetto delle leggi e della giustizia sociale.
La documentazione del resto, per prendere atto di come in questa città, anche da Voi governata, s'ignorino le regole formali che garantiscono i diritti fondamentali dei cittadini "indesiderati" è lì, a disposizione, anche e soprattutto di tutti quei consiglieri comunali che sono stati eletti proprio per questo: esercitare il potere di controllo sulle azioni pubbliche di chi governa ma che, "fortuna tua e di chi è responsabile anche penalmente dei procedimenti" preferiscono, per calcoli politici come i tuoi, voltarsi dall'altra parte.

Maurizio Pagani - Presidente Opera Nomadi Milano