Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 10/04/2011 @ 09:27:49, in casa, visitato 1333 volte)

Questo è l'abstract dell'intervento presentato alla EWL-HWL Conference on Roma Women, svoltosi a Budapest il 7 Aprile 2011. Monica Rossi [1]

Un'Introduzione

Il Movimento di Lotta per la Casa è una organizzazione storica romana che si occupa del riutilizzo di spazi pubblici e privati per mezzo della pratica delle occupazioni. Questi movimenti di squatters sono in contatto con il governo della città che ha in alcuni casi riconosciuto le occupazioni per mezzo di Delibere specifiche concedendo la proprietà occupata o con l'accesso all'edilizia sociale. Il Movimento è così esteso e radicato che ha anche un membro eletto nel consiglio Municipale di Roma. Questi movimenti esistono sin dagli anni '60, quando le baraccopoli romane ospitavano 60.000 cittadini italiani senza casa. Il Movimento si è esteso nel corso degli anni, ed è stato affiancato da altre organizzazioni (ATTAC, Blocchi Precari Metropolitani ed altre), tutte impegnate nella causa dell'abitare a Roma, dove la mancanza di abitazioni e forme di povertà locale sono endemiche. Come etnografa che ha lavorato da 21 anni nelle baraccopoli romane, ho incontrato spesso questi movimenti nel corso delle mie ricerche, anche perché a partire dagli anni '80 questi gruppi hanno iniziato ad accogliere anche individui e famiglie di migranti.

Come è iniziato tutto:

Nel 2008 un gruppo di famiglie ed individui Rom rumeni, tutti provenienti da Kalarasi, si stabilisce in una grande area abbandonata nella periferia romana, lungo la via Casilina . Nel Novembre del 2008 vengono sfrattati per la prima volta. La soluzione offerta dal Comune di Roma fu quella di trasferirli in una vecchia cartiera già occupata da altri e poi abbandonata lungo la via Salaria, in condizioni di gran lunga peggiori di quelle che avevano vissuto nel campo. 
Una piccola ONG (Popica Onlus), che aveva svolto attività di volontariato presso questo gruppo, ed era allo stesso tempo in contatto con I Movimenti di Lotta per la Casa, decise di proporre ai Rom sfrattati di unirsi al Movimento, iniziando una serie di incontri comuni per verificare la fattibilità del progetto. Molti dei gruppi erano preoccupati all'idea di far accedere nelle occupazioni un'intera comunità di 90 persone, ma alla fine un gruppo di formazione più recente, i Blocchi Precari Metropolitani, accettò di fare un tentativo accogliendo I Rom in un grande complesso industriale abbandonato lungo la via Prenestina: il cosiddetto gruppo del "Metropoliz", già abitato da 110 fra italiani, marocchini, peruviani ed africani .
All'arrivo dei Rom è stato loro spiegato cosa fosse e come funzionava un'occupazione: tutte le decisioni vengono prese nell'assemblea alla quale tutti debbono partecipare, e dove ciascuno deve esprimere la propria opinione, L'assegnazione degli spazi è decisa in base ai bisogni dell'individuo o della famiglia. Le pulizie, la risistemazione ed il controllo dell'area vengono intrapresi collettivamente per mezzo di un sistema di turnazione. Sono proibiti i comportamenti aggressivi e violenti, è proibito picchiare o maltrattare donne e bambini. I bambini si recano regolarmente a scuola assieme ai bambini degli altri gruppi ed accompagnati dai loro genitori. L'idea di base è quindi quella della partecipazione diretta, secondo la quale ognuno deve assumersi la responsabilità dello spazio "Metropoliz" a livello individuale e collettivo. 

Risultati:

Dopo un anno e mezzo sono stati raggiunti i seguenti obiettivi:

1) Per la prima volta un gruppo di Rom entra in uno storico movimento locale come quello delle occupazioni, unendosi ad altri gruppi e spezzando la trappola etnica che ha portato alla creazione dei campi. Al di la dell'origine etnica, tutti gli occupanti che vivono a "Metropoliz" sono considerati come persone che condividono diritti e bisogni comuni, seguendo un percorso di autodeterminazione. Oggi vi sono almeno 5 nazionalità che vivono assieme, inclusi membri delle classi subalterne romane. Ciò ha permesso di evitare ogni forma di segregazione etnica ed ha prevenuto la nascita di rivalità o odio fra la popolazione locale e quella straniera. 
2) Per la prima volta è stato cambiato il meccanismo di leadership e rappresentanza politica fra tutti I gruppi coinvolti, compresi I Rom. Nell'esperienza di "Metropoliz" non esistono "capi" della comunità, capi famiglia o mediatori. Ognuno è responsabile per le proprie azioni e deve partecipare a tutte le riunioni e le attività collettive, esprimendo il proprio parere nelle assemblee senza considerazione del sesso, dell'origine o della posizione sociale. 
3) Nemmeno un euro è stato richiesto a privati o a istituzioni. Le persone del "Metropoliz" hanno rifiutato la logica dei bandi e quella della cementificazione. La città di Roma ha molte strutture abbandonate che potrebbero venire riutilizzate con relativamente poca spesa e secondo standard ecologici, offrendo così una soluzione al problema dell'abitare ma anche occasioni di impiego. Tutte le stanze, gli appartamenti, le zone comuni sono state risistemate dagli stessi occupanti utilizzando anche materiali riciclati e con l'aiuto tecnico del gruppo "Stalker" e di un ricercatore della Facoltà di Architettura dell'Università di Roma 3, Francesco Careru, che come me conosceva questa esperienza e l'ha sostenuta con forza.

L'idea di presentare qui questo progetto è dovuta al fatto che ho intenzione di farlo conoscere al più ampio numero di persone. Volevo mostrare come sia non ci voglia poi molto per implementare progetti che funzionino bene. Ci vuole impegno umano, scambio e condivisione delle conoscenze e delle risorse per raggiungere l'emancipazione attraverso la mutua cooperazione per un fine comune e oltre ogni appartenenza etnica. Una delle prime cose che fecero gli occupanti del "Metropoliz", fu quella di riprodurre nel cortile centrale il mosaico che si vede a Roma nella piazza del Campidoglio, sede del governo della città. Il messaggio è chiaro: siamo tutti cittadini di questa città.
Siamo dunque desiderosi di invitarvi a Roma per vedere questa esperienza con i vostri occhi. Siamo inoltre pronti ad interagire e cooperare con chiunque voglia replicare questo modello seguendo i semplici principi di autodeterminazione, autoresponsabilizzazione ed attenzione all'ambiente citati prima.

EWL-HWL Conference on Roma Women: Budapest, 7 April 2011

[a] Monica Rossi is a Visiting Research Fellow at the University of Birmingham UK, School of Government and Society

link per chi legge da Facebook

Ammassati in un capannone, separati da pannelli fatti di stracci per difendere quel minimo di privacy, in pessime condizioni igieniche e tutti sotto uno tetto con profonde infiltrazioni d'acqua. Sono le condizioni di vita di alcuni dei rom sgomberati che hanno accettato l'offerta di accoglienza del Comune di Roma secondo quanto denuncia l'associazione "21 luglio", impegnata nella capitale a favore del rispetto dei diritti dell'infanzia dei rom. In esclusiva per Redattore Sociale, il filmato realizzato all'interno della struttura con un telefonino mostra le condizioni di vita nell'ex Cartiera di via Salaria. Una struttura che ad oggi ospita circa 300 persone, di cui circa 170 minori e che secondo l'associazione non rispetta le norme minime di sicurezza. "La struttura sembra non essere in possesso dei requisiti previsti dalla legge regionale n. 41/2003 -- spiega la "21 luglio" -, che disciplina l'ambito delle strutture di accoglienza sul territorio laziale, e non rispettare le disposizioni previste dalla normativa vigente in materia edilizia, igienico-sanitaria e di prevenzione incendi". Servizio di Giovanni Augello.


HOME IS WHERE YOUR HEART IS:
THE “METROPOLIZ” EXPERIENCE IN ROME



An introduction:
The Movement of the Fight for the Right to Housing (from now on MFRH)[1] is an historical Roman organisation dedicated to the re use of abandoned public and private building with the practice of squatting. These movements of squatters are in contact with the Municipality’s Government who has in many case recognised the occupations and often by mean of specific Deliberations[2] has conceded the building or granted access to social housing. The Movement is so large and rooted in the territory that it has even an elected member in the Municipality Council of Rome.
It exists since the 1960’s, at a time when the shanty towns in Rome were hosting some 60.000 impoverished Italians. This Movement in time has enlarged and it has been joined by others organisations (ATTAC, Blocchi Precari Metropolitani and others), all dedicated to the problem of housing in Rome, where lack of housing is chronical and local poverty endemic.
As an ethnographer who is working since 21 years in Roman shanty towns I have met them very often in the course of my researches, also because since the 1980’s these groups begun to welcome also migrant individuals and families.

How it all begun:
In the year 2008 a group of Romanian Roma families and individuals of circa 100 persons, all coming from Kalarasi, settles in a large abandoned area in the eastern periphery of Rome[3] along the via Casilina. After one year, in November 2008 they have been evicted for the first time. The solution offered by the Municipality was that of being transferred in a former squatted and abandoned paper factory[4] along the via Salaria in hygienic and living conditions which were even worse than that of the encampment.
A small NGO that was volunteering with members of this group and who was also in contact with the MFRH, decided to propose to the evicted Roma to join the Movement, and begun a series of meeting with the members of the Movement. Many were afraid of having a whole community of 90 people entering the occupation, but in the end a newly formed group, the Blocchi Precari Metropolitani, accepted to try and welcomed them in a huge former factory along the via Prenestina: the so called “Metropoliz” group, already inhabited by 110 Italians, Moroccans, Peruvians and African families[5].
When the Roma arrived it was explained to them how the place worked and was organised: all decisions are taken in the assembly, which must be participated from everyone and where everyone must express his/her views. The space would be assigned on the bases of family’s needs regardless any other consideration. Common tasks such as cleaning, fixing and patrolling of the area were also undertook collectively with turns. Abusive language and behaviour is banned, it is forbidden to beat or mistreat women or children. Children must go to school together with the children of the other groups accompanied by their own parents. The base idea of the project is the direct representation, and that everyone must take responsibility for the place, individually and collectively[6].

Outcomes:
After one year and a half there have been the following results:

1) For the first time a group of Roma entered into an historical local movement such as that of MFRH joining other groups and breaking the vicious ethnic trap which led to the creation of the encampments. Regardless of ethnic origins all occupants who live there are considered as people who share common rights and comon needs, in a self determination path. Also, there are now at least five nationalities living together, including impoverished working class Romans. This has helped to break also forms of ethnic segregation and jealousies which have been often the cause for rivalry and hate among locals and foreigners poors.
2) For the first time it has changed the mechanism of leadership and political representation among all the groups involved, including the Roma. In the “Metropoliz” experience there are no community leaders, prominent members of the community, head of families or mediators. Everybody is held responsible for his/her actions and must participate to all collective decisions and tasks, expressing his/her views in the assemblies regardless their sex, origin or social position.
3) Not a single euro has been asked to Institutions ot to Companies. The “Metropoliz” people refuses the logic of the public bids and that of cementification. The city of Rome has many abandoned buildings and warehouses like this, and they could be reused with relatively little money and according to environment friendly standards thus offering solutions to many problems like that of the lack of housing and unemployment.
All the public rooms, the apartments, common areas, common services have been refurbished and fixed by the same occupants with the technical help of the group “Stalker” and that of a Researcher of the Faculty of Architecture University of Roma 3, Francesco Careri, who like me, came to knew this project and strongly supported it.

The idea of presenting this project here is because I strongly wanted to disseminate it, in order to show that it does not take much to implement projects which work well. It takes human commitment, common sharing of knowledge and resources to gain empowerment through mutal human cooperation, outside social and ethnic boundaries of any kind.
One of the first thing the occupants did at “Metropoliz” was that of painting the mosaic which decorates the square of Campidoglio in Rome, home of the City government. The message is that we all are citizens of this city.
We are willing to invite you in Rome to see for yourself this experience. We are also eager to interact and to cooperate with anyone who wants to replicate this model, following the simple principles of self determination, self responsibilisation and attention to environment quoted above.

Monica Rossi is a Visiting Research Fellow at the University of Birmingham UK, School of Government and Society.

EWL-HWL Conference on Roma Women: Budapest, 7 April 2011

[1] Movimento di Lotta per la Casa.

[2] See for example: Comune di Roma, Deliberation n.110/2005 and a new one (which also includes the “Metropoliz”) is at the center of meetings between the Administration and the Movements for a future official assignment.

[3] The former military Airport “F. Baracca”, who later became a large Roma dwelling under the name “Casilino 700” (destroyed in 2000), only a few meters away from another historical Roman shanty towns first inhabited by Italians and later on by Roma, “Casilino 900” (destroyed in 2009).

[4] See video on You Tube here: http://www.youtube.com/watch?v=tLAdxUYkFJQ

[5] See video on You Tube here: http://www.youtube.com/watch?v=MeqIINjcOyY&feature=feedf_more

[6] The “Metropoliz” experience is strongly supported also by the Committee “Ex Casilino 900”, a group of which I am also part, composed by Academics, NGOs, Roma, Catholic groups such as the “Comunità di base S. Paolo”, teachers and many others who have joined together to contrast the policy of Roma encampments.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/04/2011 @ 09:58:23, in sport, visitato 1174 volte)

Si chiamano "Ercolini": settanta bambini nomadi esordienti che si allenano a calcio tra sgomberi e indifferenza. Presto ci sarà anche una squadra femminile da Redattore Sociale

Nel campo rom di via Salone, c'è una nuova sfida da affrontare: fornire magliette e scarpini alla nuova squadra di pulcini ed esordienti. Sono i nuovi "Ercolini" una squadra di calcio composta dai ragazzi rom del campo di Tor di Quinto, che oggi estende il suo potenziale anche ai giovani e giovanissimi del campo di via Salone.

Avventura iniziata nel 2004, che deve il nome al presidente della squadra don Giovanni D'Ercole (Segreteria di Stato del Vaticano) e il vigore a Salvatore Paddeu, arbitro ma anche allenatore, gli "Ercolini" sono per i promotori e i sostenitori dell'iniziativa, «una valida alternativa» per chi non ha altra possibilità di vita che non sia un campo rom. Iscritti regolarmente al campionato giovanile, gli "Ercolini", per lo più giovanissimi compresi tra i 14 e i 16 anni, provengono dalla Macedonia, dall'ex Jugoslavia, ma anche dalla vicina Romania.

«Dopo 7 anni di attività al campo di Tor di Quinto, prossimo allo sgombero – spiega Paddeu – siamo ancora qua. Inizia una nuova sfida al campo di via Salone in zona Tiburtina». Sono 70, ad oggi, i giovani e giovanissimi che hanno aderito alla squadra. Quello che manca è il personale sportivo (allenatori, volontari) e il materiale (scarpini, magliette, palloni). «Presto si aggiungerà, a grande richiesta, anche la squadra femminile – scrive ancora Paddeu – allenata dal sottoscritto a causa di assenza totale di volontarie e allenatrici. Siamo sempre alla ricerca di materiale sportivo, ma il passaparola è sempre molto efficace. Inoltre, sarebbero molto utili due porte da calcio, perché le attuali sono poco stabili e molto pericolose».

La squadra degli "Ercolini", oggi è una realtà sportiva che gode di piccoli sponsor e tanta solidarietà ed è la dimostrazione pratica di come regole, educazione e normalità possano passare anche attraverso lo sport.

4 aprile 2011

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/04/2011 @ 09:41:30, in Europa, visitato 1268 volte)

Da Roma_Francais

  Giornata internazionale dei Rom: intervista con l'attivista indipendente Béla Radics

Posté par Corentin Léotard • 8 avril 2011 à 5:41

Béla Radics si autodefinisce come un attivista indipendente per i diritti dei Rom. Nel suo blog, rende conto della situazione dei Rom in Ungheria, con un occhio molto critico tanto sulle autorità ungheresi che sui rappresentanti rom.

Lei crede alla volontà della presidenza ungherese dell'Unione Europea di agire a favore di una integrazione dei Rom?

Non ci posso credere. La presidenza ungherese e l'Unione Europea pretendono di prendere decisioni riguardo all'integrazione dei Rom, senza la partecipazione degli stessi, senza loro rappresentanza. Basta pensare che ci sono circa dai 12 ai 15 milioni di Rom in Europa e soltanto una rappresentante dei Rom al Parlamento Europeo. E' insensato! In Ungheria, i programmi d'integrazione dei Rom esistono solo sulla carta. Noi, i Rom coinvolti, ancora non sappiamo niente riguardo alla prossima strategia dell'Unione Europea.

Viktor Orban è credibile in questo ruolo?

A mio avviso, Viktor Orban non è credibile in questo settore. Al Parlamento Europeo, si fa passare come un uomo sensibile e sociale, ma a casa, in Ungheria, prende misure contro i Rom, misure che li spingono in una povertà ancora più profonda, verso una carestia mortale. Lui ed il suo governo favoriscono la retorica fascista dell'estrema destra dandogli uno spazio illimitato. Con messaggi in codice, con insinuazioni, svolgono in realtà la stessa retorica anti-Rom del partito Jobbik.

Per voi è una buona soluzione una strategia d'integrazione su scala europea?

Potrebbe essere una buona soluzione, ma non così, senza la partecipazione dei Rom. L'Europa non ha il diritto di prendere decisioni riguardo gruppi di persone senza chiedere l'opinione di milioni d'interessati, escludendoli dai processi decisionali, dall'attuazione delle leggi e dei programmi. Sarebbe la profanazione della democrazia e dei diritti umani fondamentali!

Si fida delle autorità ungheresi per giudicare in maniera equa e trasparente i quattro presunti autori degli attacchi anti-Rom?

Non sono in grado di fidarmi della giustizia ungherese. Nel corso della mia vita, ho visto molte volte le decisioni razziste e le sentenze anti-Rom che ha preso. Per di più, molte persone pensano che questa serie di omicidi è avvenuta su controllo politico. Pensiamo che i veri colpevoli non siano stati identificati e che il responsabile principale sia ancora sconosciuto. E' triste, ma penso che questo processo non sarà altro che un drammatico spettacolo.

Lei è molto critico verso i rappresentanti della minoranza rom, verso Florian Farkas [rappresentante nazionale del governo autonomo minoritario rom], per esempio, che lei tratta da marionetta del Fidesz. Perché?

La "Legge Elettorale delle Minoranze" è antidemocratica sotto diversi aspetti, a livello locale, regionale ma anche nazionale. La legge non permette la partecipazione all'elezione dei rappresentanti indipendenti che s'impegnano e sono disposti ad agire per la loro gente. Prevede che solo i membri di partiti o organizzazioni possano partecipare alle elezioni come rappresentanti. La maggioranza dei rappresentanti dei Rom sono politici pagati e diretti dall'attuale governo. Per esempio, Florian Farkas è uno dei leader della politica rom governativa, in qualità di commissario ministeriale di supervisione di aiuto ai Rom. Ma nel contempo, è deve anche rappresentare gli interessi della comunità rom come presidente dell'Autogoverno Nazionale Rom. Come può conciliare queste due posizioni? Dovrà controllare se stesso? Dovrà discutere con se stesso? Protestare contro le somme dei fondi stanziati per i Rom o contro le stesse decisioni? E' una situazione politica schizofrenica!

Secondo lei, questi rappresentanti dei Rom hanno la volontà, ed il potere, di migliorare la situazione dei Rom in Ungheria?

No, non lo penso. E' noto che la rappresentanza parlamentare delle minoranze nazionali ed etniche in Ungheria, non è stata regolata negli ultimi vent'anni, e quindi tutti i governi hanno conseguentemente violato la Costituzione (dal 1989). Secondo la percentuale della popolazione rom in Ungheria - circa l'8% - ci si aspetterebbe che i Rom avessero una ventina di rappresentanti democraticamente eletti al Parlamento ungherese. Invece, ci sono solo tre rappresentanti di origine rom, il cui compito non è la rappresentazione reale e fedele dei Rom, ma seguire rigorosamente la politica del loro partito di appartenenza.

Lei denuncia un "etno-business". Cosa intende con questa formula?

Secondo il diritto ungherese, è considerato Rom chi si dichiara tale. Su questa base, si sono create molte false organizzazioni rom, per ottenere soldi pubblici, ma non per una vera attività di protezione di interessi... che non sono destinati a loro.

Le divisioni in seno alla comunità rom (culturali e politiche) sono un freno alla loro integrazione nella società ungherese?

Penso che il principale ostacolo all'integrazione sia l'elite politica tradizionale.

Ritrovate il blog di Béla Radics: International Roma/Gypsy Blog from Hungary B. Radics


Contrappunto: Rita Izsák, capo del gabinetto del ministro all'inclusione sociale, Zoltán Balog:

La situazione è molto difficile, ma non bisogna incolpare lo stato ungherese che fa molto per l'integrazione dei Rom. Abbiamo messo in campo dei programmi di lotta contro la povertà e particolarmente contro la povertà infantile, ed un programma per l'alloggio. Se io stessa sono arrivata a questo posto, è grazie ad una borsa di studio dello stato ungherese, che mi ha permesso di andare all'Università. Mi dispiace che le persone in causa non si rendano conto di tutto ciò che si fa per loro. Bisogna capire che la questione dell'integrazione dei Rom è molto complessa e che i risultati delle nostre misure non possano dare frutti che a lungo termine. E non dubito della volontà del primo ministro Orbán di agire in questo senso. Siamo ad un momento storico, perché tutti gli attori sono mobilitati.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/04/2011 @ 09:54:15, in conflitti, visitato 1081 volte)

Cosa lega Pisa a Napoli (ed i campi rom di contorno)

Assemblea contro la guerra a Viareggio il 7 aprile 2011
Intervento del delegato rsu del comune di Pisa Federico Giusti (9 Aprile 2011)

Per nessuna ragione avrei rinunciato a inviarvi un contributo alla discussione di questa sera che ha come filo conduttore il tema della guerra.
Sarò estremamente schematico, a tratti anche provocatorio, ma sarebbe un grave errore affrontare la tematica di questa sera solo da un punto di vista ideologico o di analisi geo politica.

Sotto i nostri occhi è palese la sconfitta del movimento contro la guerra, la sua incapacità di mobilitarsi, di creare opinione pubblica e coscienze.
La responsabilità è attribuibile solo a posizioni ondivaghe e contraddittorie che hanno attraversato per lungo e per largo i movimenti contro la guerra? Insomma, è colpa della non violenza, della scelta operata dal centro sinistra di schierarsi a favore del conflitto in Libia , o l'assenza di mobilitazioni segna la stessa sconfitta delle posizioni più radicali?

Io propendo per questa seconda ipotesi e proverò a dimostrare che l'assenza di mobilitazione non è solo imputabile alle contraddizioni del movimento contro la guerra o a scelte guerrafondaie, ma alla palese e sconcertante incapacità dei movimenti antimperialisti di proporsi in termini propositivi ed egemonici, con percorsi viziati da eccessi ideologici, da continue spaccature, dai vizi del politicismo che annienta il confronto e il dibattito dietro alle estenuanti querelle su elementi insignificanti, pronti a spaccare il capello su parole d'ordine che poi scisse da una reale progettualità diventano prive di ogni significato.

Partirei dalla militarizzazione del territorio che riguarda Pisa con l'Hub ma attanaglia anche altre aree della penisola, per esempio il napoletano. Nel novembre 2011 dovrebbe essere terminata la nuova base militare di Giugliano che sorge a pochi chilometri da una altra base (Lago Patria) e vicino al Garigliano, un deposito di scorie nucleari ad elevata pericolosità

La costruzione di questa area militare è stata preceduta da una pulizia etnica che ha cacciato via campi rom e sinti, popolazioni provenienti dalle zone di guerra del Kosovo. E' ormai accertato che dietro alle minacce, agli incendi e alle aggressioni perpetrate contro rom e sinti ci fosse la mano dei clan camorristici, gli stessi che ritroviamo invischiati nel business della base, nella costruzione dei villaggi per militari, nella edificazione di aree sottoposte in teoria a vincoli paesaggistici. Ebbene, la cacciata dei rom ha preceduto di pochi mesi la costruzione di una nuova area militare, allora come non scorgere un nesso inquietante con quanto accaduto sulla costa pisana al Calambrone? La differenza è che a Napoli avevamo i clan camorristici, al Calambrone quel tessuto sociale della destra che vede piccoli immobiliaristi, proprietari di bagni,di attività commerciali, gli stessi che non hanno mosso un dito quando c'era da difendere la costa tirrenica dal rigassificatore (una minaccia ambientale), o tutelare la Pineta dalle discariche o difendere l'occupazione degli alberghi del litorale dove i contratti a tempo indeterminato vengono progressivamente trasformati in contratti precari.

Dietro a tutto ciò opera la Confcommercio, l'organizzazione dei commercianti e vera testa di ponte della destra, associazione favorevole alla militarizzazione del territorio.

Allora si capisce che la mancata saldatura della lotta per l'ambiente con la difesa del territorio, della lotta antimilitarista con la solidarietà ai migranti, la parcellizzazione dei percorsi ha finito con il regalare alla destra, al razzismo e alla xenofobia un formidabile terreno di sperimentazione dove attuare quella rottura sociale che porta acqua al mulino della destra.

La militarizzazione dei territori avviene silenziosamente senza che nessun movimento la contrasti, del resto sta passando perfino una legge in Parlamento che istituzionalizzerà la presenza dei militari nelle scuole italiane e, allora, le visite in caserma (al tempo del duce ci portavano i balilla con il moschetto di legno) sostituiranno le viste ai musei, i percorsi didattici saranno soppiantati dai programmi di addestramento militare, insomma distruggeranno con la costituzione italiana anche ogni riferimento all'Italia antifascista e all'Italia che ripudia la guerra.

Parlavamo di analogie tra il pisano e il napoletano, infatti vicino al Calabrone (a san Piero) sorge il Cresam dove guarda caso si trovano scorie nucleari, a poche centinaia di metri la base militare Usa di camp darby, a pochi chilometri ancora sorgerà l'Hub militare da cui le Forze armate vogliono far partire tutte le missioni militari all'estero, imprese di guerra chiamate missioni umanitarie.
Ma le analogie non finiscono qui perchè a Napoli e a Livorno stazionano le centrali nucleari galleggianti, i sottomarini a propulsione nucleare che in caso di incidenti provocherebbero danni incalcolabili ben più gravi di quanto avvenuto in Giappone nel 2008.

La parcellizzazione dei movimenti, l'assenza di un punto di vista qualificante e unitario che leghi la militarizzazione del territorio al business economico che si cela dietro alle industrie di armi e alle basi militari,la problematica dell'immigrazione con le lotte dei territori, le campagne contro l'aumento delle spese militari troppe volte promesse dai sindacati e mai mantenute(addirittura la Cgil promuove il potenziamento della industria di guerra) e la difesa di pratiche diffuse come quella dell'accoglienza , questi fatti fotografano la nostra sconfitta.

Da qui bisogna ripartire e il convegno contro l'hub del 16 aprile a Pisa si prefigge un obiettivo ambizioso come quello di tenere insieme le istanze di chi lotta contro la militarizzazione dei territori con quanti obiettano contro l'aumento delle spese militari, i pacifisti con gli antirazzisti, gli antimperialisti con i genitori che si oppongono alle visite delle scuole in caserma.

O si tengono insieme questi percorsi o si intraprendono strade minoritarie e perdenti. La lotta contro la guerra oggi è pressochè inesistente perchè si pensa che opporsi alla guerra non abbia ripercussioni sulla nostra vita quotidiana. Chi del resto individua il nesso tra i tagli ai salari e alle pensioni e l'aumento delle spese militari, con un ricorso strutturale alla guerra per superare la crisi del sistema capitalistico? E una volta individuato il nesso, non pensate che serva una pratica sociale, culturale e politica di massa che non si limiti alle piattaforme giuste e alle manifestazioni minoritarie per scegliere invece percorsi ampi e condivisi ?

Usciamo allora dal minoritarismo e navighiamo in mare aperto

federico giusti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/04/2011 @ 09:51:51, in casa, visitato 1126 volte)

Pubblicato il 11/04/2011 da Virginia - di Matteo de Bellis, campaigner sull'Italia di Amnesty International, in visita in un campo rom di Milano.

Siamo in visita in uno dei campi rom che le autorità italiane vogliono smantellare in vista dell'Expo 2015, che si terrà a Milano.

In una giornata particolarmente calda, decisamente fuori stagione, nel campo di Triboniano possiamo vedere ciò che resta delle baracche recentemente smantellate, dopo che alcune famiglie avevano accettato di ritornare in Romania. Le autorità hanno immediatamente demolito le loro case per evitare nuovi arrivi nei campi.

Molti degli abitanti del campo discutono del loro futuro, quando il campo non ci sarà più. Le famiglie, principalmente provenienti dalla Romania ma anche bosniache, costituiscono la metà delle persone che vivevano qui lo scorso mese. Alcuni hanno accettato gli incentivi finanziari offerti dal governo per tornare in Romania.

Altre, 20 su un totale di 110, si trasferiranno negli appartamenti assegnati dalle autorità. Sebbene siano stati firmati dei contratti, gli alloggi offerti più tardi sono stati chiusi dal governo locale con lo slogan "Nessuna casa ai rom". Così le famiglie si sono rivolte a un tribunale. Stanno aspettando finalmente di trasferirsi, il prima possibile.

Solo poche famiglie hanno potuto trovare una soluzione abitativa nel mercato privato. Altre, soprattutto quelle con disabilità, ancora sperano nell'assegnazione di una casa popolare.

Camminiamo nel campo insieme a un operatore di un'Organizzazione non governativa locale, che conosce i nome di tutti gli abitanti. Una donna rom ci mostra la sua casa, una roulotte con un piccolo prolungamento davanti. Vive qui da qualche anno, insieme al marito e ai figli; ha un'espressione forte, ma ora è raggiante.

"Ci hanno assegnato un appartamento e ci trasferiremo nell'arco di tre settimane, siamo davvero molto contenti" – ci ha detto. "L'unico problema è che dobbiamo farlo prima della fine dell'anno scolastico e non voglio che i miei bambini all'improvviso interrompano la scuola. Li accompagneremo, ogni giorno fino a giugno, alla vecchia scuola anche se è abbastanza lontana. Mi dispiace lasciare Triboniano per i legami con i maestri e le madri dei compagni di classe dei miei bambini".

Ci viene da pensare ai bambini che sono tornati in Romania e a coloro che non hanno avuto la possibilità di completare l'anno scolastico in Italia.

Entriamo nell'area abitata dai bosniaci. Sono molto cordiali e una famiglia ci invita a sedere con loro.
L'odore di caffè e la musica da un'autoradio porta le nostre memorie a Sarajevo, anche se non ci siamo mossi dalla periferia di Milano.

Questa famiglia, che vive in Italia da quasi 30 anni, dovrà andare via prima o poi e non sa cosa farà quando il campo verrà chiuso, dato che nessuna delle alternative proposte sembra essere adatta per loro.

Mentre andiamo via ci domandiamo se forse ogni giorno non dovrebbe essere la Giornata internazionale dei rom e sinti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/04/2011 @ 09:34:55, in conflitti, visitato 1203 volte)

Da Czech_Roma

Romea.cz Krupka, 9.4.2011 22:12

La polizia ceca interrompe brutalmente raduno religioso di centinaia di persone rom
ryz, Czech Press Agency, translated by Gwendolyn Albert

Oggi per le strade della città di Krupka (15.000 abitanti) hanno tenuto una manifestazione i sostenitori del Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (Dělnická strana sociální spravedlnosti - DSSS) assieme ai neonazisti Nazionalisti Autonomi (Autonomní nacionalisté - AN) e a Resistenza Nazionale (Národní odpor - NO). Ad un certo punto, lungo il percorso del corteo neonazista, si svolgeva una manifestazione religiosa con la partecipazione di centinaia di persone, tra cui molti Rom. La polizia è brutalmente intervenuta contro di loro usando i manganelli, percuotendo anche il pastore che era in testa, secondo testimoni oculari. In totale sono state arrestate sette persone.

VIDEO
Brutální zásah Policie proti shromáždění v náboženskému Krupce
Miroslav Broz hodnotí brutální Policie zásah proti v Krupce bohoslužbě
Policejní mluvčí v Krupce: Podle analýzy Právní MV ČR Policie zasáhla v souladu se zákonem

Altri video:
http://www.youtube.com/watch?v=96T3s6w3N4U
http://www.youtube.com/watch?v=9GVkEJBUaus
http://www.youtube.com/watch?v=DMbG12Ctmek

I manifestanti di DSSS, le cui bandiere e gli altri simboli rendevano chiaro essere prevalentemente simpatizzanti di estrema destra, si erano riuniti alla stazione ferroviaria per poi marciare in città. La polizia ha stimato il loro numero in un totale di circa 150.

La funzione religiosa all'aperto si teneva all'ingresso del complesso edilizio Maršov in via Karel Čapek, e vi partecipavano centinaia di Rom, mentre altre centinaia lo seguivano dalle loro finestre. Dopo minuti di tensione, le unità della polizia hanno brutalmente disperso la funzione, malmenando il prete che la stava svolgendo.

Secondo Jarmila Hrubešová, portavoce della polizia, questa ha basato il suo intervento contro la funzione religiosa sulle basi delle analisi legali del ministero degli interni, che afferma che seppure le riunioni religiose non abbiano l'obbligo di essere annunciate alle autorità, sono comunque soggette alla legge sulle assemblee. Hrubešová ha detto che le analisi sostengono che le manifestazioni politiche hanno priorità su quelle religiose.

Gli agenti di polizia sono brutalmente intervenuti contro i Rom che stavano semplicemente in piedi sul marciapiedi. Gli astanti sono stati respinti per far posto alla marcia neonazista.

"La polizia ha arrestato in tutto sette persone. Quattro durante gli incidenti, principalmente per non aver obbedito agli ordini della polizia," ha detto all'Agenzia Stampa Ceca la portavoce della polizia Ilona Novotná. Altri tre uomini sono stati arrestati dalla polizia prima che il corteo terminasse; un uomo è stato arrestato in mezzo alla folla dopo un discorso ed altri due sono stati arrestati dopo una rissa.

"Il primo arrestato è stato uno straniero che aveva pronunciato un discorso che mostrava intolleranza razziale. Abbiamo aspettato ad arrestarlo sinché il corteo non ha raggiunto uno spazio più comodo. Altri due sono stati arrestati per aver attaccato un pubblico ufficiale e non avergli obbedito," ha detto Novotná. L'Agenzia Stampa Ceca ha riportato che lo straniero arrestato è di nazionalità slovacca.

Tomáš Vandas, presidente del DSSS, ha tenuto un discorso ai manifestanti prima dell'inizio della marcia, durante il quale ha ammonito sul presunto "razzismo inverso" nella Repubblica Ceca.. Ha ripetuto questa teoria dopo aver marciato nel quartiere Maršov.

Centinaia di poliziotti hanno supervisionato la situazione in città, inclusi un elicotteri ed ufficiali a cavallo. "Le forze dell'ordine contavano circa 300-400 operatori in zona, e sono stati impiegati nell'azione circa 700 poliziotti," ha detto Novotná all'Agenzia Stampa Ceca. Gli agenti di polizia hanno confiscato 15 armi diverse durante le loro ricerche in loco e nelle autovetture, tra cui mazze da baseball ed un machete.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/04/2011 @ 09:32:05, in Kumpanija, visitato 1056 volte)

martedì 19 aprile alle 18.30
Sala Santa Rita Piazza Campitelli, Via Montanara 8 - Roma


Intervengono
Il Prof. Luca Bravi - Università di Firenze - Studioso della storia dei Rom e Sinti in Europa
Sonya Orfalian - Scrittrice e giornalista
Maria Emanuela Gargallo di Castel Lentini - Editrice Irradiazioni

L'appuntamento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/04/2011 @ 09:40:27, in Europa, visitato 2049 volte)

AFFARITALIANI Miss Gipsy, il concorso per bellezze zingare

Sono belle, desiderabili e non si vergognano di essere zingare. Decine di ragazze stanno partecipando ad un concorso di bellezza dedicato appositamente per loro. Dove? A Londra, in Inghilterra rom e sinti vengono chiamati gipsy e "Miss Gipsy Queen Uk" è il titolo che vincerà la più bella del popolo senza dimora. La regina avrà tremila sterline (circa 3.400 euro) da spendere nei negozi più "in" della capitale inglese. Vestiti da Harrods e da Fortnum & Mason, gioielli da Tiffany e oltre al premio in denaro è prevista anche una borsa di studio da mille sterline per finanziare la futura professione della Miss.



Lo scopo della manifestazione non è solo eleggere una bellezza travolgente, ma trovare un testimonial che aiuti gli inglesi a cambiare opinione sul mondo dei "travellers". Un'opera di contro-informazione rispetto ad un programma andato in onda su Channel 4 chiamato "Il mio grasso matrimonio Gipsy". Uno spettacolo che metteva in luce tutti i pregiudizi sul mondo dei gitani. Vestiti appariscenti, pelle abbronzata (anche artificialmente), grassi, sedentari e con il pallino del matrimonio. "Noi non siamo casalinghe obese come ci vogliono dipingere in tv", ha fatto sapere Josephine Smith, 35 anni, presidente dell'Unione Donne zingare. "Il nostro scopo è trovare qualcuno di bello e fiero delle sue radici e di ciò che è".

Impressionante il numero dei partecipanti allo spettacolo e il coinvolgimento di tutta la comunità rom del Paese. "Voglio mostrare al mondo che le donne zingare sono molto di più di quello che le persone pensano e i media dipingono", racconta Lita Boswell, 18 anni, di Durham. "Sin dal giorno in cui ho lasciato la scuola ho lavorato come modella. Le persone hanno una visione completamente distorta della realtà, siamo molto di più che casalinghe frustrate con l'ossessione per il buon matrimonio".
"Ho lasciato la scuola quando avevo 13 anni, ma ho continuato gli studi a casa, nella mia comunità. Adesso ho tre figli e sono felice", racconta Charmaine O'Neil, 20 anni, di Leicester. "La tv ci dipinge in un modo completamente sbagliato. Non ho mai indossato gonne lunghe, monete appese ai vestiti, ne passo le mie giornate sui lettini abbronzanti come molti credono che sia nostra abitudine". Rom è bello? Lo sapremo dopo l'elezione della reginetta.

Tommaso Cinquemani


Intanto a Montecatini la questione si capovolge. Da La Nazione 11 aprile 2011 - "Si vuole un grande evento come Miss Italia per rilanciare l’immagine di Montecatini, ma nulla si fa per contrastare una nuova ondata di zingari, che bivaccano dietro la basilica di Santa Maria Assunta e alla stazione ferroviaria..."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Sabato 16 Aprile presso il Centro Servizi G. Alessi alle ore 11,30.

A Perugia nel programma del Festival Internazionale di Giornalismo è previsto uno dei panel più interessanti e controversi: "Rom, ospiti sgraditi". Ad Alexian Santino Spinelli, musicista, Docente Universitario della cattedra di Lingua e Cultura Romanì presso l’Università di Chieti e ambasciatore dell’arte e della cultura romanì nel mondo il compito di dimostrare che la via dell’integrazione è possibile.
Alexian sarà a Perugia per contribuire a sdemonizzare la millenaria cultura della popolazione Romanì che sui giornali viene spesso descritta come "zingari" che chiedono l’elemosina, che rubano o che non lavorano. Parlare dei Rom dovrebbe presupporre innanzitutto una maggiore conoscenza del loro mondo, affinché si possa andare aldilà dei pregiudizi. Un tema di stretta attualità, con la dura presa di posizione francese dei mesi scorsi, lo scontro con le istituzioni europee, la difficile convivenza in Italia.
Tra i relatori Luca Bravi dell’Università di Firenze, Maria Gabriella Capparelli giornalista del Tg1, Giancarlo Perego capo ufficio pastorale per rom e sinti,
L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia:
Il Concerto che l’Alexian ta le Chavè group terrà è una delle tappe del tour internazionale che l’8 aprile scorso li ha visti tra i protagonisti delle solenni celebrazioni della Giornata Internazionale della Popolazione Romanì a Belgrado dove ha tenuto un discorso in Parlmento e un concerto serale presso il Sava Center , in cartellone con lui la soprano di fama internazionale Jadranca Jovanovic..
Tra gli appuntamenti più significativi della fitta agenda di Alexian il concerto con l’orchestra Europea per la Pace a Vicenza in Piazza dei Signori il 29 maggio prossimo.

La foto è possibile scaricarla attraverso questo link:
http://www.alexian.it/chave/alexiantalechave.jpg

Per info e contatti: 340 6278489
email:spithrom@webzone.it
http://www.alexian.it

PER APPROFONDIRE
Alexian Ta Le Chave

Un gruppo familiare che tiene viva una tradizione millenaria...quella dei rom italiani.
Canti, musiche e poesie in lingua romanì per un viaggio artistico e culturale, originale, suggestivo ed emozionante.
Alexian Santino Spinelli: virtuoso della fisarmonica e vero e proprio ambasciatore della cultura Romanì. Accompagnato dai figli, Alexian presenta un coloratissimo affresco musicale degli stili musicali romanès: un fantastico viaggio nella varietà ed il grande fascino di una cultura millenaria. Musica romanì, legata da sempre ai momenti più importanti della vita: nostalgia, passione, energia, sensualità, allegria si succedono in una variopinta festa rom da ballare e da cantare.

La Famiglia Spinelli appartiene a uno dei più antichi gruppi Rom arrivati in Italia dai Balcani alla fine del 1300 (si veda la storia di Antonio Solario detto lo Zingaro in Princkarang-conosciamoci, incontro con la tradizione dei Rom Abruzzesi, Ed. italica, Pescara, 1994, pagg. 38-44), probabili discendenti dei Rom già descritti a Napoli in un documento del 1500 dove erano residenti stabilmente come viene riportato dall'odierna toponomastica (via degli zingari, piazza degli zingari...). Parlano la stessa variante della lingua romanì riportata per la prima volta dal sacerdote Florindo De Silvestri nell'opera Signorina Zingaretta del 1646 (Spinelli S., Baro Romano Drom, Meltemi, Roma, 2008, pag. 132) .
Alexian ta le chave Sono discendenti diretti di Giuseppe Spinelli e Maria Romano vissuti tra il 1700 e gli inizi del 1800. Da loro nacque Angelo Spinelli (1840) padre di Fedele Spinelli (fine 1800) a sua volta padre di Rocco Spinelli.
Gennaro Spinelli (1937) è il primogenito di Rocco. Da Gennaro e da Giulia Spinelli è nato Santino Spinelli. Da Santino e Daniela De Rentiis sono nati Gennaro, Giulia ed Evedise.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/04/2011 @ 09:51:06, in Kumpanija, visitato 1254 volte)



Intervista a Dijana Pavlovic, attrice ed attivista per i diritti dei ROM, ci racconta la sua esperienza come "International Visitor" negli Stati Uniti.

Link per chi legge da Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


05/07/2020 @ 11:17:49
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 7771 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< luglio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come č stata trasformata la mia v...
20/06/2020 @ 17:12:08
Di Giulia Chiara
BTC INVESTMENT FUNDING                            ...
19/06/2020 @ 07:15:09
Di BRC INVESTMENT FUNDING
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source