\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Ungheria
Di Fabrizio (del 11/04/2011 @ 09:41:30, in Europa, visitato 1262 volte)

Da Roma_Francais

  Giornata internazionale dei Rom: intervista con l'attivista indipendente Béla Radics

Posté par Corentin Léotard • 8 avril 2011 à 5:41

Béla Radics si autodefinisce come un attivista indipendente per i diritti dei Rom. Nel suo blog, rende conto della situazione dei Rom in Ungheria, con un occhio molto critico tanto sulle autorità ungheresi che sui rappresentanti rom.

Lei crede alla volontà della presidenza ungherese dell'Unione Europea di agire a favore di una integrazione dei Rom?

Non ci posso credere. La presidenza ungherese e l'Unione Europea pretendono di prendere decisioni riguardo all'integrazione dei Rom, senza la partecipazione degli stessi, senza loro rappresentanza. Basta pensare che ci sono circa dai 12 ai 15 milioni di Rom in Europa e soltanto una rappresentante dei Rom al Parlamento Europeo. E' insensato! In Ungheria, i programmi d'integrazione dei Rom esistono solo sulla carta. Noi, i Rom coinvolti, ancora non sappiamo niente riguardo alla prossima strategia dell'Unione Europea.

Viktor Orban è credibile in questo ruolo?

A mio avviso, Viktor Orban non è credibile in questo settore. Al Parlamento Europeo, si fa passare come un uomo sensibile e sociale, ma a casa, in Ungheria, prende misure contro i Rom, misure che li spingono in una povertà ancora più profonda, verso una carestia mortale. Lui ed il suo governo favoriscono la retorica fascista dell'estrema destra dandogli uno spazio illimitato. Con messaggi in codice, con insinuazioni, svolgono in realtà la stessa retorica anti-Rom del partito Jobbik.

Per voi è una buona soluzione una strategia d'integrazione su scala europea?

Potrebbe essere una buona soluzione, ma non così, senza la partecipazione dei Rom. L'Europa non ha il diritto di prendere decisioni riguardo gruppi di persone senza chiedere l'opinione di milioni d'interessati, escludendoli dai processi decisionali, dall'attuazione delle leggi e dei programmi. Sarebbe la profanazione della democrazia e dei diritti umani fondamentali!

Si fida delle autorità ungheresi per giudicare in maniera equa e trasparente i quattro presunti autori degli attacchi anti-Rom?

Non sono in grado di fidarmi della giustizia ungherese. Nel corso della mia vita, ho visto molte volte le decisioni razziste e le sentenze anti-Rom che ha preso. Per di più, molte persone pensano che questa serie di omicidi è avvenuta su controllo politico. Pensiamo che i veri colpevoli non siano stati identificati e che il responsabile principale sia ancora sconosciuto. E' triste, ma penso che questo processo non sarà altro che un drammatico spettacolo.

Lei è molto critico verso i rappresentanti della minoranza rom, verso Florian Farkas [rappresentante nazionale del governo autonomo minoritario rom], per esempio, che lei tratta da marionetta del Fidesz. Perché?

La "Legge Elettorale delle Minoranze" è antidemocratica sotto diversi aspetti, a livello locale, regionale ma anche nazionale. La legge non permette la partecipazione all'elezione dei rappresentanti indipendenti che s'impegnano e sono disposti ad agire per la loro gente. Prevede che solo i membri di partiti o organizzazioni possano partecipare alle elezioni come rappresentanti. La maggioranza dei rappresentanti dei Rom sono politici pagati e diretti dall'attuale governo. Per esempio, Florian Farkas è uno dei leader della politica rom governativa, in qualità di commissario ministeriale di supervisione di aiuto ai Rom. Ma nel contempo, è deve anche rappresentare gli interessi della comunità rom come presidente dell'Autogoverno Nazionale Rom. Come può conciliare queste due posizioni? Dovrà controllare se stesso? Dovrà discutere con se stesso? Protestare contro le somme dei fondi stanziati per i Rom o contro le stesse decisioni? E' una situazione politica schizofrenica!

Secondo lei, questi rappresentanti dei Rom hanno la volontà, ed il potere, di migliorare la situazione dei Rom in Ungheria?

No, non lo penso. E' noto che la rappresentanza parlamentare delle minoranze nazionali ed etniche in Ungheria, non è stata regolata negli ultimi vent'anni, e quindi tutti i governi hanno conseguentemente violato la Costituzione (dal 1989). Secondo la percentuale della popolazione rom in Ungheria - circa l'8% - ci si aspetterebbe che i Rom avessero una ventina di rappresentanti democraticamente eletti al Parlamento ungherese. Invece, ci sono solo tre rappresentanti di origine rom, il cui compito non è la rappresentazione reale e fedele dei Rom, ma seguire rigorosamente la politica del loro partito di appartenenza.

Lei denuncia un "etno-business". Cosa intende con questa formula?

Secondo il diritto ungherese, è considerato Rom chi si dichiara tale. Su questa base, si sono create molte false organizzazioni rom, per ottenere soldi pubblici, ma non per una vera attività di protezione di interessi... che non sono destinati a loro.

Le divisioni in seno alla comunità rom (culturali e politiche) sono un freno alla loro integrazione nella società ungherese?

Penso che il principale ostacolo all'integrazione sia l'elite politica tradizionale.

Ritrovate il blog di Béla Radics: International Roma/Gypsy Blog from Hungary B. Radics


Contrappunto: Rita Izsák, capo del gabinetto del ministro all'inclusione sociale, Zoltán Balog:

La situazione è molto difficile, ma non bisogna incolpare lo stato ungherese che fa molto per l'integrazione dei Rom. Abbiamo messo in campo dei programmi di lotta contro la povertà e particolarmente contro la povertà infantile, ed un programma per l'alloggio. Se io stessa sono arrivata a questo posto, è grazie ad una borsa di studio dello stato ungherese, che mi ha permesso di andare all'Università. Mi dispiace che le persone in causa non si rendano conto di tutto ciò che si fa per loro. Bisogna capire che la questione dell'integrazione dei Rom è molto complessa e che i risultati delle nostre misure non possano dare frutti che a lungo termine. E non dubito della volontà del primo ministro Orbán di agire in questo senso. Siamo ad un momento storico, perché tutti gli attori sono mobilitati.