Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 26/07/2011 @ 09:35:49, in media, visitato 1136 volte)

Capisco che la mia domanda può sembrare retorica, ma ieri l'altro, con l'incendio della stazione Tiburtina ancora in corso, i media hanno prima ventilato che la responsabilità dipendesse da un attentato dei NOTAV e a sera davano la colpa ad un furto di rame da parte (naturalmente!) di Rom. Per stavolta si sono dimenticati degli estremisti islamici...

Il tutto mentre l'attentato di Oslo viene comunemente attribuito al gesto di "un pazzo". E non mi è chiaro perché, se fossero stati musulmani sarebbe stata strategia del terrore con collegamenti internazionali, se l'attentatore è cristiano lui debba essere l'unico responsabile, e pure fuori di testa.

La domanda è, quindi, vi fidate ancora di questo mondo dell'informazione?

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/07/2011 @ 09:39:32, in lavoro, visitato 1209 volte)

Da Roma_Daily_News

Hurriyetdailynews.com

Circa 6.000 musicisti lavoravano a Sulukule, quartiere di Istanbul densamente popolato da Rom, che una volta era centro di intrattenimento. I residenti furono trasferiti dall'area circa due anni fa.

Un'agenzia statale si prepara a lanciare un progetto volto ad offrire più posti di lavoro alla comunità rom in Turchia. Mentre i rappresentanti della comunità danno il benvenuto alla proposta, si aspettano che i lavori siano a loro "familiari"

Istanbul, 20/07/2011 - L'Agenzia Turca per l'Impiego, o İş-Kur, ha annunciato un nuovo progetto inteso a creare più opportunità di lavoro per i membri della comunità rom turca.

Il progetto si focalizzerà specificamente sulle province con alti tassi di popolazione rom, ha detto Mustafa Biçerli, direttore capo di İş-Kur.

"Ora stiamo trattando con organizzazioni rom di 16 città differenti, come Çanakkale, Edirne, İzmir e Tekirdağ," ha detto Biçerli all'agenzia Anatolia. "I Rom sono tra gli svantaggiati nel trovare un lavoro, ma vogliamo cambiare questa situazione."

Il progetto mira a creare corsi di formazione professionale per i membri della comunità rom e fornire posti di lavoro garantiti ai partecipanti.

"La maggior parte dei Rom lavora senza sicurezza sociale. E' importante offrire loro lavoro anche in altri settori," ha detto Biçerli.

Il tasso di disoccupazione tra i Rom turchi è del 97%, secondo Şükrü Pündük, presidente dell'Associazione di Solidarietà e per il Mantenimento della Cultura dei Rom di Sulukule.

"La maggior parte dei Rom sono musicisti, ed il resto raccoglie cartoni dalla spazzatura," ha detto al telefono Pündük all'Hürriyet Daily News.

Circa 6.000 musicisti lavoravano a Sulukule, quartiere di Istanbul densamente popolato da Rom, che una volta era centro di intrattenimento, dice Pündük, aggiungendo che i residenti furono trasferiti dall'area quando questa venne compresa in un processo di rigenerazione urbana nel 2009.

Lavorare in settori familiari

"Tutti quanti lavoravano là hanno perso il lavoro e da allora non hanno più trovato nulla. Erano musicisti, per questo è importante trovare settori dove possano svolgere il loro lavoro. E' importate anche per la nostra cultura," ci ha detto Pündük.

Concorda Erdem Gürümcüler della EDROM, o Federazione Rom di Edirne.

"Siamo molto lieti che İş-Kur voglia dare avvio ad un progetto simile. Dovrebbero creare anche opportunità di lavoro per le nostre donne e i giovani," ci ha detto Gürümcüler.

"I Rom sono gran lavoratori e se viene loro offerta l'opportunità faranno del loro meglio," ha aggiunto. "Non sono solo musicisti e ballerini, ma è importante notare che in questi campi hanno una lunga storia e necessitano più opportunità di lavoro nella musica e nelle aree dell'intrattenimento."


Da Roma_Daily_News

Cingeneyiz.org

Gökmen Dunar, presidente dell'"Associazione Solidarietà, Sopravvivenza e Promozione Cultura dei Rom di Izmir Fayton", ha emesso una dichiarazione alla stampa sulla sua esperienza all'Ospedale Rieducativo e di Ricerca a Tepecik. Vi si è recato per verificare con i propri occhi, se le lamentele udite a proposito di pazienti rom discriminati a causa della loro identità etnica fossero corrette o meno.

Gökmen Dunar ha detto nella sua dichiarazione di essere andato all'ospedale come un normale paziente rom. Dunar sostiene che i pazienti rom riconosciuti a causa del colore della loro pelle, sono pedinati dal servizio di sicurezza per paura che possano rubare qualcosa e che quando ci sono troppi pazienti rom, l'altoparlante dell'ospedale annuncia: "Si prega di fare attenzione alle vostre borse. Noi non siamo responsabili se sono rubate..."  Dunar ha detto che pure lui è stato discriminato dai dottori e dalle infermiere quando è stato riconosciuto come Rom, e quando è andato dal direttore dell'ospedale per spiegargli la situazione, questi non ha voluto parlare con lui. L'associazione ha contattato diverse fondazioni pubbliche perché dessero luogo ad un'indagine sull'ospedale.

I fatti dell'Ospedale Rieducativo e di Ricerca a Tepecik hanno suscitato vaste reazioni tra gli zingari e tutti i cittadini sensibili. La gente si aspetta che l'amministrazione dell'ospedale dia spiegazioni convincenti su questi incidenti.

Per informazioni più dettagliate:
Gökmen Dunar
Tel: (90) 535 650 98 79

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/07/2011 @ 09:07:23, in blog, visitato 1448 volte)

Luglio 2001, non ero in piazza a Genova, mi trovavo a casa mia. Da poco avevo un collegamento internet, e fu forse il primo avvenimento che seguii da casa praticamente in tempo reale (il secondo fu l'attentato alle torri gemelle, a distanza di qualche settimana): vale a dire, le notizie arrivavano con un flusso continuo tramite dirette radio, televisione, i primi siti online dei quotidiani, i forum e i gruppi di discussione.

Proprio per questo, mi ricordo alcune cose di allora:

  • la reazione di chi sentiva scosse le sue sicurezze di tranquillo democratico in pantofole (siete per sempre coinvolti, diceva qualcuno): qui siamo in Italia, queste cose non possono succedere. Magari in Argentina, o in Iraq, o in Corea. Eppure succedevano, ma il nostro cervello è più forte dei fatti e allora è come se ci fossimo autoconvinti che fosse un film. Noi, la TV, i giornali, sapevamo – ma nel contempo QUALCUNO NON VOLEVA SAPERE;
  • ma già da subito chi voleva, sapeva. Molto più dei media ufficiali, Internet iniziava a dimostrare le sua potenzialità con brutte foto scampate ai manganelli, i forum dove chi scriveva aveva visto la mattanza con i suoi occhi;
  • come conseguenza (so di dire una cosa impopolare) il permanere, l'evolversi di una forma di incomunicabilità: per cui le ragioni di chi riusciva a vedere solo un esagitato armato di estintore non riuscivano ad incontrarsi con quelle di chi descriveva il comportamento FASCISTA dello stato, e viceversa.

Cosa resta, dopo 10 anni? E' lecito (pensando ai silenzi infiniti, ad esempio, sulle strategie stragiste in Italia), aspettarsi VERITA' e GIUSTIZIA su chi fu responsabile?

Per questo, occorre rendersi che molto è stato scritto, ma tutto ciò ha soltanto mascherato un grande silenzio da parte di chi allora giocò un ruolo determinante. Non parlo dei soliti politici, della "casta", parlo degli eroi negativi di pasoliniana memoria; o meglio, vi invito a leggere questa riflessione sull'Unità.

Vorrei aggiungere ancora qualcosa sul perché Genova è stata possibile, nonostante anni di presunta democrazia in Italia

La civiltà e la democrazia di un popolo si giudicano da come tratta chi non può difendersi. Non ricordo le parole esatte e chi le abbia dette, ma il concetto è quello.

Sarebbe troppo semplice dare la colpa di quel che è successo alla polizia! Dimenticandosi che dopo Bolzaneto ci furono realmente i poliziotti che dissero che quello che era successo lì era uno schifo, o semplicemente che i poliziotti li vedo tutti i giorni, dall’altra parte del banco alle file degli immigrati per il permesso di soggiorno. Qualcuno riesce persino ad essere gentile, e non è facile, quando hai davanti tutto il giorno chi non parla l’italiano e puzza perché ha viaggiato tutta notte e forse è in coda da tre giorni per un pezzo di carta!

QUESTO E' SOLO UN LATO DELLA MEDAGLIA.

Sembrerà poca cosa rispetto a 10 anni fa: nel 2008 Mahalla e soprattutto U VELTO, provarono a denunciare un fatto simile. Avvenimento di portata minore e col difetto di vedere vittime "solo degli zingari", il tutto passò nell'indifferenza quasi assoluta dei media e della rete. Eppure, i meccanismi repressori erano molto simili, e discuterne allora forse avrebbe aiutato a riportare il discorso su quanto avvenne a Genova.

E poi, mi ricordo al campo parecchi anni fa, X..., 18 anni appena compiuti, un occhio nero, lividi e quattro denti lasciati in commissariato. D'accordo, X... non era del tutto innocente, ma avremmo dovuto capirlo che se in caserma qualcuno (chiunque) poteva essere conciato così, senza che nessuno fiatasse, prima o poi avremmo sbattuto il muso su Bolzaneto. Anche allora (e più di adesso) NON VOLEMMO SAPERE.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/07/2011 @ 09:42:06, in conflitti, visitato 916 volte)

Da Roma_Francais

La voix des rroms

"Nessuna grande nazione può restare a lungo in pace. Se non ci sono nemici esterni, se ne troverà uno all'interno delle proprie frontiere, come un corpo potente che sembra immune a qualsiasi infezione esterna, ma la la cui stessa forza lo mina dall'interno." Tito Livio.

Ma cos'è successo l'estate scorsa e perché fu così spettacolare?

Il circo dell'Espulsione dei "rom" inizia con una profanazione del paese ospitante: il saccheggio di una pasticceria di un borgo storico, sulle rive dello Cher, da parte di un gruppo di uomini mascherati identificati come "gens du voyage" e con il proiettile nel corpo di uno di loro, morto, proprietà della "forza pubblica".

Poi, nel Palazzo, la riunione, del capo di stato, del primo ministro, dei ministri della giustizia, dell'interno, dell'identità, e dei più alti responsabili della polizia e della gendarmeria.

Due giorni dopo la dichiarazione da parte del Palazzo della "guerra nazionale".

"Quelli della pasticceria" allora spariscono dai discorsi. Non ne resta che la sagoma. Vale a dire, nessuno.

O tutti. Non resta che la figura generale del nemico.

O "la canaglia".

I bambini di strada.

Perché non importa ciò che sa la "forza pubblica" ed il Palazzo ignora: dichiarare guerra alla "gens du voyage" è decidere la fine del circo. E'  decidere la propria perdita, giuridica ed operativa.

Insomma: è decidere la perdita reale dello stato.

E ci fu il grande pericolo per il "Palazzo" nel dichiarare guerra alla "gens du voyage": da una parte perdere la legittimità della propria violenza, dall'altro di perdere sul piano della violenza pura...

... Quando l'obiettivo cosciente degli autori dell'Espulsione dei rom è la salute dello stato, per sua simulazione.

Là dove aumenta il risparmio, cresce anche il pericolo.

I mezzi per questa simulazione di sovranità tramite la guerra interna in un territorio pericolosamente pacifico era, una volta la cifra in nuce definita: la messa in opera di circolari prefettizie per "zone di difesa e sicurezza".

Queste zone sono le parti di una divisione eccezionale del territorio, la cui funzione è di ottimizzare la cooperazione delle unità di difesa civile e militare, il coordinamento delle operazioni da parte del ministero, la circolazione rapida e diretta di informazioni e comandi tra il dipartimento e lo stato.

L'amministrazione di un territorio così frammentato è un'amministrazione in guerra.

Ma chi è questo nemico su cui si abbatte lo stato? Un mostro di cui ogni singola cella è il teatro d'una guerra civile (Carthill). Il suo nome burocratico: "gli accampamenti illeciti". Il suo nome sussurrato in un lapsus governativo: "i Rom".

Da dove viene questo mostro? Dalla fabbrica del governo: la Legge; dal lavoro meticoloso di piccoli gruppi di burocrati che da oltre un decennio mettono l'eccezione nella legge.

I nemici-simili dell'Espulsione dei rom sono da una parte lo stato che si salva dall'estinzione mostrandosi come un mostro miracoloso, dall'altra parte i corpi simulati detti "rom" che inghiotte e vomita. L'espulsione è la sua ruminazione.

In realtà lo stato si abbatte su se stesso. Il circo maschera il suo nulla.

Lo stato è la guerra civile. La sua simulazione, il suo coperchio, sono il limite. Sul fil di questo limite marcia tutto nudo il sovrano suonando il suo flauto. Ovunque: il pericolo di vuoto, i freddi abissi della sua caduta. Da un lato del filo, la scomparsa delle istituzioni nel nulla, la pace più pericolosa, dall'altro, l'annientamento nella violenza.

Attorno, tra la folla che alza gli occhi, i funamboli, candidati alle elezioni, guardano la sua caduta imminente e si preparano a salire sul filo...

I "rom" del governo sono quelli per cui suona dissonante il flauto.

I bambini di strada.

Non sono i Rom. Non sono questo popolo transfrontaliero in formazione: prima minoranza nazionale d'Europa ed in larga misura concentrati nell'Europa Centrale, che vuole la nazione senza frontiere.

Sono una frazione prelevata da questo numero. La frazione "accampamenti abusivi" o Baracche.

Lo strumento del prelievo è una lama affilata.  E' col filo di questo coltello che i burocrati tagliano i simulacri dove affiora il nome "rom". Questo filo è pure quello appoggia il passo titubante di un pastore che cammina su una lama. Dovunque taglia questa lama, lo spettro della guerra civile si riversa nella sua realtà: la fine del circo. Un filo che nelle loro circolari viene nominato come la principale preoccupazione: la proprietà privata.

Le sue sezioni sono le Baracche.

Pierre CHOPINAUD

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/07/2011 @ 09:57:15, in musica e parole, visitato 1190 volte)

Il giornale di Vicenza VIAGGIO. Una giornalista dal Nord al Sud per raccontare vite nel vento - 20/07/2011

Rom fotografati da Bianca Stancanelli sulla copertina del suo libro La vergogna e la fortuna (Marsilio)

«Questo libro è un viaggio», dice Bianca Stancanelli, giornalista siciliana, autrice de La vergogna e la fortuna, storie di rom (Marsilio, 2011). Un viaggio in quella «galassia di minoranze» che sono gli zingari, ma anche nel loro rapporto con i gagè, parola con cui la lingua rom, il romanés, indica i non-zingari. Ladri, mendicanti, imbroglioni, bugiardi: cosa c'è oltre a quello che di solito la gente pensa degli zingari? Bianca Stancanelli apre la porta del ghetto sociale recintato dai pregiudizi, con il merito di descrivere scenari nuovi, talvolta sorprendenti. Il reportage nasce, come racconta l'autrice, da una tragica domanda. Nel 2007, a Livorno, quattro bambini rom bruciano nel rogo della loro baracca. Eva, Danciu, Lenuca e Menji: 11 anni la maggiore, 4 il minore. «Tutto ciò che il pubblico ministero vuole è tenere in prigione i genitori dei bambini morti con l'accusa di abbandono e omicidio colposo. In un'altra estate, in Sicilia, un padre stordito dall'afa dimentica nell'auto arroventata suo figlio, che muore soffocato. Al padre, l'Italia offre una sgomenta solidarietà e a nessun magistrato viene in mente di aggiungere al suo strazio la pena della galera. Ma se quell'uomo fosse stato zingaro l'avremmo perdonato?»

Gli zingari in Europa, unica minoranza presente in ogni Paese, sono stimati in 8-12 milioni. Secondo l'antropologo Leonardo Piasere, l'80% è ormai stanziale. L'Onu li suddivide in rom, sinti, kalè, manouches e romanichals; l'Ue semplifica in rom e sinti. In Italia sono 160mila. «Siamo tra i Paesi che ne hanno meno e che più li odia», commenta Bianca Stancanelli.

Percorrendo l'Italia da nord a sud, l'autrice ci accompagna in case famiglia, appartamenti di periferia, carceri, loft in quartieri rinomati per raccogliere testimonianze di rom e sinti: miserabili, come le ladre recidive Susanna, Mina e Vesna, o emancipati, come lo scultore Bruno Morelli o la regista Laura Haliovic. Ogni capitolo esalta la soggettività dell'intervistato per estrarla dall'universo indistinto in cui è confinata per propria o altrui volontà. Si scansa sia il «lirismo di chi li descrive come il popolo del vento» sia la «crudezza di chi li considera un rifiuto della storia». Una missione ambiziosa, l'autrice lo sa. Non per niente una citazione di Hemingway verga l'inizio del libro: «La cosa più difficile al mondo è scrivere una prosa assolutamente onesta sugli esseri umani».

Bianca Stancanelli documenta con animo aperto e, si capisce, con il desiderio di raccogliere storie di riscatto. Talvolta ci riesce, come quando scrive del timido Baraba, ragazzo rom del campo di Ciampino impegnato nel servizio sociale, benché spesso fermato dalla polizia in via preventiva: «'Ndo vai? A rubba'?»

Altre volte il tentativo di affrancamento va a vuoto: «Susanna ha cominciato a rubare a 14 anni come scelta inevitabile. "Bello non è bello. Uno è costretto dal fatto di non avere documenti e di non poter ottenere un lavoro regolare". È una scusa per conferire una paradossale dignità alla scelta di vivere rubando? Avverto una sottile irritazione serpeggiarmi sottopelle», scrive l'autrice, «il dubbio che quell'insistenza sul pregiudizio antigitano sia, insieme, un alibi e un ostacolo». Ma dietro i furti ci sono anche le infanzie negate, come quella di Beda, classe 1990, che porta le cicatrici delle percosse: «Essere menati da tuo padre se non rubi ed essere menati dalla polizia perché rubi». Beda è scappata, ora vive in una casa famiglia e lavora in un magazzino.

L'AUTRICE analizza l'odio per gli zingari che da secoli circola e che ha trovato sfogo, oltre che in innumerevoli episodi locali di violenza, nel grande Porrajmos, il Divoramento, come gli zingari chiamano il tentativo di annientamento sistematico che fu attuato contro di loro dai nazisti. «I rom sono un popolo-termometro: misurano la febbre della società», dice Stancanelli.

Verona, cui l'autrice dedica un intero capitolo, vive l'esperienza emblematica che culmina nel campo di Boscomantico, chiuso nel 2008 per volere della neoeletta amministrazione guidata dal sindaco Flavio Tosi: allora un politico di provincia, oggi star televisiva e astro nascente della Lega. Per alloggiare le famiglie sfollate, ricorda Bianca Stancanelli, «il Centro Don Calabria lancia un appello alla "Verona che non volta le spalle": invita a offrire case per i rom, si fa garante del regolare versamento dell'affitto. Ma nella cattolicissima Verona, su 250mila abitanti rispondono in due». Altri immobili sono messi a disposizione da associazioni benefiche. «Ma riuniti dal prefetto, i sindaci del Veronese reagiscono: io non gli do la residenza, non li iscrivo all'anagrafe». Commenta l'autrice: «C'è nella violenza di quei rifiuti un eccesso di ostilità che è difficile non chiamare razzismo».

Nel 2001 un gruppo di leghisti veronesi — Flavio Tosi, sua sorella Barbara Tosi, Enrico Corsi, Luca Coletto, Matteo Bragantini e Maurizio Filippi — promuove una campagna politica con lo slogan: «Firma anche tu per mandare via gli zingari». L'operazione, denunciata in procura da movimenti a difesa dei nomadi, viene giudicata di stampo razzista in primo grado dal Tribunale di Verona nel 2004. La condanna — pur con le attenuanti, confermata in Cassazione nel 2009 — è stata sospesa. Ma in una recente intervista al quotidiano cattolico Avvenire, dopo l'udienza in Vaticano concessa dal Papa ai rom, Tosi si è preoccupato di dichiarare che quella degli zingari «è una scelta di vita che va rispettata, purché siano rispettate le regole». Per esempio, «mandino i figli a scuola». E un rom che chiede offerte suonando sul marciapiede «non è un accattone, ma un artista di strada», basta che non molesti i passanti e che sviolini prima del coprifuoco. «In questo caso, ben venga», parola del nuovo Tosi buonista.

Il problema c'è, ma la ghettizzazione non lo risolve. Un futuro giusto per tutti, secondo l'autrice, può camminare solo sulla strada dell'integrazione. Bisogna cogliere il germoglio di cambiamento che già esiste. Un segnale che viene soprattutto dalle donne. Dice Bianca Stancanelli: «È uno scenario insospettabile di femminismo gitano: la lotta di donne che vogliono cambiare la loro vita e si trovano contro la famiglia di tradizione maschilista e poi, compatta, anche la società italiana». Questa volontà di rinnovamento è speranza di un destino migliore per i giovani: «Ci sono ragazzi e ragazze che provano a incamminarsi su un percorso di legalità e, per farlo, si mettono contro il proprio clan. Se alla fine non succede nulla, perché senza uno straccio di documento nulla può succedere, tornano al campo sconfitti, umiliati. E finiscono risucchiati dall'illegalità. Penso ai bambini che trovano violenza dentro e fuori dal campo, cui la vita deve sembrare precocemente una trappola. Penso che dobbiamo salvarli, farlo presto. E sarà comunque tardi».

Lorenza Costantino

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/07/2011 @ 09:53:31, in lavoro, visitato 932 volte)

Segnalazione di Alberto Maria Melis

MODAFFERI: "VORREMMO TORNARE A GARANTIRE CONTINUITÀ LAVORATIVA"

Reggio Calabria - Non disperdere il patrimonio di competenze acquisite nel settore della raccolta dei rifiuti solidi ingombranti, la preziosa esperienza di integrazione lavorativa dei Rom a Reggio Calabria, il modello virtuoso, primo a Reggio, di riutilizzo sociale dei beni confiscati alla ndrangheta. Questo l'appello lanciato da tempo dalla cooperativa Rom 1995 guidata da Domenico Modafferi ad Istituzioni e cittadinanza quando, lo scorso anno non fu prevista la condizione di subappalto dello smaltimento dei rifiuti ingombranti nell'ultimo bando indetto dal comune di Reggio Calabria.

Rassicurazioni furono rivolte e adesso, che non si riesce più a garantire la continuità lavorativa di prima, sarebbe tempo di rassicurazioni concrete e di risposte. Qualche spiraglio si è aperto nei mesi scorsi con due delibere, concretizzatisi poi in convenzioni, dell'allora Giunta comunale Raffa, nelle quali l'esecutivo comunale di Reggio rispondeva solo in parte alle promesse formulate in più occasioni in passato. Si tratta dell'impegno di affidare il servizio di sgombero di uffici comunali o di competenza comunale, tra cui anche quelli giudiziari, ossia il servizio di raccolta e smaltimento di componenti di arredo fuori uso. Contratto sottoscritto che ha lavoro, pur se occasionalmente, ai 18 dipendenti della cooperativa per un mese circa. Si tratta di una situazione ancora afflitta da precarietà, atteso che sono gli uffici comunali a dover avanzare una richiesta affinché si possa lavorare. L'altra delibera, invece, attiene alla specializzazione dell'isola ecologica che attende di diventare punto di conferimento di rifiuti apparecchiature elettriche e elettroniche (RAEE) provenienti da rivenditori e commercianti.

La cooperativa Rom 1995, comunque, ha compiuto passi importanti non solo dal punto di vista dei servizi erogati alla cittadinanza ma anche sotto il profilo della dimensione educativa cui da sempre aspirava con l'apertura alle scuole e alle giovani generazioni affinché conoscessero questo modello di integrazione sociale e lavorativa e di sostenibilità ambientale e questa esperienza di restituzione alla collettività di un bene sottratto a famiglie dedite al malaffare.

Dunque sottoscritto a marzo un accordo con l'assessorato all'Ambiente della Provincia di Reggio Calabria, retto da Giuseppe Neri, per favorire l'informazione in materia di educazione ambientale. La cooperativa dunque ha avviato una fruttuosa collaborazione con il Laboratorio territoriale di Educazione ambientale della Provincia di Reggio Calabria. Il protocollo d'Intesa siglato impegna alla realizzazione congiunta del progetto “La tutela dell'ambiente attraverso un percorso di integrazione sociale”, finanziato dalla Provincia e che contempla diversi ambiti: il rafforzamento delle attività della stessa cooperativa mediante una migliore gestione ambientale dei cicli lavorativi e un aumento della sicurezza per i lavoratori; la collaborazione della Cooperativa sociale Rom 1995 con il Laboratorio territoriale di educazione ambientale della Provincia di Reggio Calabria per le attività di formazione rivolte ai cittadini ed alle scuole del territorio provinciale ed all'aggiornamento periodico del sito istituzionale “infea.provincia.it” con contributi in tema di riciclo e recupero dei rifiuti e di sviluppo sostenibile; l'attuazione, all'interno della propria sede, ospitata all'interno di un bene confiscato alla 'ndrangheta percorsi informativi e visite guidate rivolte a gruppi di cittadini e a scuole del territorio.

Un riconoscimento importante alla cooperativa Rom 1995, solo un altro passo verso quella rinascita che da tempo si auspica, affinché le buone prassi non vadano disperse ma tutelate e diffuse.

Anna Foti - Lunedì 18 luglio 2011 Ore 15:01

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/07/2011 @ 09:40:18, in lavoro, visitato 892 volte)

Da Czech_Roma

ryz, translated by Gwendolyn Albert

L'azienda Frutana Gold a Frıdek-Místek opera da oltre 15 anni ed è stata premiata il mese scorso col certificato Ethnic Friendly Employer. La ditta produce e distribuisce soprattutto patate sbucciate e bollite, ma ha iniziato anche l'elaborazione di altre verdure. Pochi si rendono conto conto che oltre il 50% dei 25 dipendenti della compagnia sono Rom.

"All'inizio anche noi eravamo preoccupati, come molte ditte nella Repubblica Ceca, sull'impiegare dei Rom, ma col tempo ci siamo convinti che vogliono lavorare, che lavorano davvero onestamente e bene, se dai loro un'opportunità per mettersi alla prova. Siamo lieti di poter dare un esempio agli altri cittadini ed imprese e contribuire a migliorare la mutua convivenza," ha detto Zdeněk Majer, CEO della compagnia.

L'azienda processa ogni mese oltre 100 tonnellate di patate ed altre verdure. Quest'anno ha iniziato la produzione la sua affiliata in Slovacchia, che pure si sta sviluppando con successo.

Majer si è recato a Praga per il conferimento del premio, assieme ad un piccolo gruppo di dipendenti rom, che hanno ringraziato il loro capo. Il video della cerimonia (solo in lingua ceca) è disponibile su RomeaTV.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/07/2011 @ 09:04:34, in Europa, visitato 980 volte)

Da Bulgarian_Roma (i link sono in inglese, ndr)

East of Center - BY BARBARA FRYE - JULY 11TH, 2011

11/07/2011 - Un amico mi ha appena inviato una dichiarazione riguardo ad una recente visita in Bulgaria di una funzionaria ONU, per vedere cosa sta facendo Sofia per migliorare il miserabile destino dei Rom nel paese. Persino le persone che hanno molto a cuore questo problema, potrebbero essere perdonate per non essere tentate di leggerla. Dopo tutto, quante volte sentiamo di un'altra condanna di un paese est-europeo da parte di un osservatorio dei diritti umani, per aver lasciato languire nella miseria e nell'ignoranza una parte della sua popolazione - ed ancora mantenere l'illusione che forse quel governo si impegnerà?

Ma questa versione è particolare. Potete sentire Gay McDougall, esperta ONU su questioni delle minoranze, stracciare i confini del linguaggio diplomatico, mentre cerca di esprimere disgusto e frustrazione dopo una settimana in Bulgaria.

Sofia potrebbe dire le cose giuste, ma lo fa poco, dice essenzialmente McDougall. "In gran parte molte politiche sembrano rimanere solo promesse retoriche rivolte ad un pubblico esterno - impegni ufficiali non soddisfatti nella pratica. ... Le discussioni con le agenzie responsabili, come il Ministero dell'Istruzione e quello del Lavoro e delle Politiche Sociali, hanno rivelato un impegno superficiale con scarse programmazione, controllo e valutazione," dice l'esperta indipendente.

Il governo troppo spesso lascia a qualcun altro il lavoro pesante:

"Le iniziative che sono state intraprese per trasportare giornalmente i bambini a frequentare le scuole miste fuori dai ghetti rom, fornendo pasti e servizi di supporto agli studenti, sono state in gran parte realizzate da un piccolo numero di OnG rom con scarse risorse, la parte del leone di questi finanziamenti viene da fonti internazionali, accompagnati da una piccola percentuale di contributi governativi. Queste OnG sopportano gran parte del carico di attuare le politiche di desegregazione che il governo approva ma non riesce a mettere in pratica."

Anche i funzionari locali che McDougall loda per aver tentato di migliorare il destino dei Rom e di altre minoranze, sono spesso ostacolati da mancanza di fondi o di supporto da parte di Sofia.

Dovrebbe essere irrilevante, lo so, ma Gay McDougall è una donna di colore degli Stati Uniti. Secondo la sua biografia su Wikipedia, è nata nel 1947 ad Atlanta e "fu scelta per essere la prima studentessa nera ad essere integrata nell'Agnes Scott College di Decatur, Georgia."

C'è qualcosa di sorprendente per come lei descrive i giorni più bui nel Sud di Jim Crow in un'intervista del 2008, apparsa sul sito web della facoltà di legge dell'università della Virginia:

"Abbiamo creduto allora che la nostra situazione fosse unicamente tragica," scrive McDougall. "Spesso guardavamo alla comunità internazionale con la speranza che in qualche modo il mondo al di là di questo paese operasse con regole diverse. Avevamo torto e ragione nel contempo."

Non è passato così tanto tempo da quando la gente nel paese natale di McDougall (e nel mio) si sentiva libera di fare le sue osservazioni sui neri americani, che oggi si fanno sui Rom: che sono criminali, non puliti, non interessati nell'istruzione, più adatti a lavori o traffici di fatica, ecc.

Riguardo il suo viaggio in Bulgaria, si legge nella dichiarazione: "L'esperta indipendente è profondamente preoccupata per i commenti, per esempio, di alcuni funzionari di alto livello, che indicano chiaramente il loro punto di vista sulle comunità rom come elementi prevalentemente criminali nella società bulgara."

Ho raccolto confidenze di molte persone bianche dell'Europa dell'Est, che si sentivano libere di condividere con me la brutta "verità" sui Rom (e probabilmente si sentiranno in dovere di rispondere a questo post). Ma mi succedeva anche negli USA. Sono bianca, così si suppone che debba essere d'accordo. McDougall non è bianca, ma non è una Romnì, quindi forse riguardo ai "funzionari di alto livello" si riferisce alla Bulgaria. Ma a chi si pensa che stia parlando? Che dire della "gente" di questa donna soltanto 50 anni fa? Lei è una lezione di storia che vive e respira loro in faccia, se riuscissero a vederla per tempo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/07/2011 @ 09:03:07, in casa, visitato 1134 volte)

Il giornale di Vicenza 19/07/2011 NOMADI. L'assessore Giuliari ha chiesto ai tecnici del Comune di individuare un'area adatta (notizie precedenti NDR)

Il campo nomadi di via Cricoli

Il recente sequestro di un terreno agricolo in via Mantovani da parte della polizia locale di Vicenza, e i dubbi conseguenti che fosse destinato a diventare un campo nomadi, hanno riportato alla ribalta la questione dell'ospitalità alle famiglie Sinti e Rom che vivono nel capoluogo.

Si torna a parlare, in particolare, della riqualificazione dei campi di via Cricoli e di via Diaz, dove vivono rispettivamente una trentina e una decina di famiglie. Il Comune ha ricevuto un finanziamento ministeriale di 400 mila euro per i lavori, che naturalmente potranno essere avviati solo dopo che le famiglie verranno temporaneamente spostate in un altro luogo.

«Sto aspettando una proposta da parte della struttura comunale - spiega l'assessore Giovanni Giuliari - che suggerisca una soluzione, cioè un'area dove accogliere le famiglie in via temporanea. Una cosa del genere è già stata fatta quand'era assessore Sante Sarracco, allora venne utilizzata l'area in via Cairoli dove ora c'è il parcheggio». Dopo la riqualificazione, il campo di via Cricoli sarà necessariamente più piccolo «e non può essere altrimenti - dice Giuliari - altrimenti rischiano di cadere nel fiume. Alcuni nuclei hanno già trovato collocazione in un'abitazione, vedremo al momento come risolvere la cosa». L'assessore sottolinea il positivo percorso fatto con le famiglie: «Abbiamo fatto installare, e ringrazio Aim per la collaborazione, dei contatori dell'energia elettrica, uno per ciascun nucleo, in modo che ciascuna famiglia paghi ciò che è giusto. Abbiamo fatto degli incontri per dare le opportune istruzioni. Non solo: ci sono stati due inserimenti lavorativi di giovani Sinti in aziende, stanno andando molto bene. Collaboriamo con scuole e volontari per seguire i bambini, anche dal punto di vista igienico. Con le famiglie del campo abbiamo fatto un patto: basta atti contro la legge. Lo stanno rispettando. Mi aspetto che ci siano polemiche - conclude Giuliari - ma vogliamo che la nostra sia la città dell'accoglienza».

G.P.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/07/2011 @ 09:43:34, in scuola, visitato 1059 volte)

Terre di Mezzo

Dieci bambini di un campo nomadi a Milano diventano allievi dell'artista Adolfo Chiesa. Un laboratorio low cost e all'insegna della sostenibilità, con l'ambizione di diventare per i ragazzi, in futuro, una vera opportunità di lavoro.

Piccoli artigiani crescono, alla scuola elementare di via Palmieri. È qui che Joyce, Giada, Davide, Valentina e altri sei ragazzini rom del campo di via Chiesa Rossa frequentano le primarie. Anche se alcuni di loro hanno già superato gli 11 anni. Questo pomeriggio non sono a scuola per imparare italiano o matematica, ma per frequentare un corso di mosaico (guarda il video). Insieme a loro ci sono operatori ed educatori di Progetto A, la cooperativa che gestisce il campo nomadi alla periferia sud di Milano. "Per affrontare le difficoltà che i ragazzi hanno nell'apprendere a leggere e scrivere, abbiamo deciso di partire da un'attività manuale", spiega Davide Castronovo, il responsabile del campo. Ecco perché è nato il laboratorio, un'idea innovativa che potrebbe segnare una nuova direzione nelle politiche del Comune di Milano nei confronti dei rom. "Abbiamo intenzione di regalare un lavoro realizzato dai ragazzi alla nuova amministrazione", dice Castronovo. Un segno di buon auspicio per le collaborazioni future e un modo per abbattere quel muro che divide i ragazzi dei campi dalla città che vive al di fuori.

È un venerdì di fine giugno, l'ultima lezione del corso. "Ragazzi venite qui", chiama un uomo alto e magro, vestito con una camicia verde, a fiori. La barba incolta e il codino canuto tradiscono un animo da artista: è Adolfo Chiesa, il maestro dei bambini nel laboratorio. "In venti ore di lezione siamo riusciti già a fare quattro mosaici", annuncia soddisfatto.

La tecnica che propone Adolfo Chiesa nei suoi laboratori è innovativa. Serve una stampa della figura che si vuole realizzare e tanti tesserini di qualunque materiale: ceramica, terracotta, ma anche bottoni, pagliericcio e tutto ciò che è riciclabile. Dipende solo da ciò che si vuole realizzare. "A questo punto si smussano le tesserine del mosaico e si lavora a secco, posizionandole a testa in giù, come a ricomporre un puzzle", spiega Adolfo Chiesa. L'anima in cemento armato dei mosaici li rende perfetti come innesto architettonico. Si può guardare il lavoro in itinere, levando da sotto il mosaico la stampa. "In questo modo - prosegue il maestro di mosaico - i bambini si rendono conto di quanto stanno facendo e prendono entusiasmo". Sono vent'anni che Adolfo Chiesa viaggia in tutti i continenti a diffondere i suoi insegnamenti: "È un modo per abbellire il mondo con i rottami. E non è poco, vero?". Con il lavoro manuale, i bambini hanno in mano un oggetto fisico, una traccia duratura del loro lavoro. "Vogliamo proporre questa attività anche al campo rom, il prossimo anno, in modo che anche i genitori possano partecipare alla realizzazione dei mosaici", dice Castronovo. Chissà, un giorno per qualcuno potrebbe diventare una professione redditizia, al posto che andare a raccogliere il ferro, com'è scritto nel destino di molti ragazzi rom in tutta Italia.

Ed è pure un laboratorio low cost. Se si escludono le ore di stipendio pagate agli educatori e ad Adolfo Chiesa, i costi per i materiali non superano i 300 euro. "Dato che i lavori sono gradevoli - aggiunge il responsabile del campo rom Davide Castronovo - speriamo di poter vendere questi prodotti ad un circuito di amici sensibili a questo tipo di attività e con il ricavato rifinanziare il laboratorio per l'anno prossimo". Che sia l'inizio di un nuovo corso nei campi nomadi di Milano?

Testo: Lorenzo Bagnoli per Redattore Sociale

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


14/10/2019 @ 06:43:04
script eseguito in 162 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 560 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido l...
26/09/2019 @ 09:07:30
Di danielagrosu
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source