Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 24/01/2012 @ 09:06:14, in Italia, visitato 1296 volte)

Segnalazione di Alessandro Morazzini

PAESE SERA

Dal 2004 la onlus di Medicina Solidale e delle Migrazioni cura a Tor Bella Monaca gli strati più sofferenti della società. I partiti di centrosinistra in un sit in sotto il policlinico di Tor Vergata chiedono che il servizio venga spostato dalle strade del quartiere all'interno del Policlinico di Tor Vergata. Questioni di igiene, dicono. A loro Lucia Ercoli responsabile del sevizio risponde. "Provo una grande pietà" DI M. CARTA

"Noi siamo un ospedale del popolo. Per chi ci contesta provo solo pietà". Con poche semplici parole, Lucia Ercoli, responsabile della Onlus di Medicina Solidale e delle migrazioni, commenta il sit in promosso dall'Api, dal Pd e dall'Idv per chiedere lo spostamento del servizio dai locali dell'ex Centro anziani 'Ai pini' in via Amico Aspertini (Tor Bella Monaca) al Policlinico di Tor Vergata. Secondo il consigliere municipale dell'Api, Valter Mastrangeli "non è ammissibile che, in un appartamento abbandonato di circa 100 mq, senza sicurezza e senza controlli, si vadano a curare malattie particolari: infettive, Hiv, tossicodipendenza e, nello stesso tempo, vi sia una zona per l'ostetricia, pediatria e ginecologia''.

Nata nel 2004 all'interno della parrocchia di Santa Maria del Redentore, a Tor Bella Monaca, la Onlus di Medicina Solidale e delle Migrazioni, patrocinata dal Policlinico di Tor Vergata, è un servizio sanitario rivolto alle fasce più bisognose della città: stranieri, senzatetto, famiglie sull'orlo dell'indigenza, soprattutto donne e bambini. "Abbiamo circa 80 pazienti al giorno – precisa la Ercoli, che assieme a un' equipe di medici e psicologi volontari si prende cura dei malati– di cui un buon 30% sono italiani. Ogni anno curiamo circa 15000 persone". Da quando nel settembre del 2009 il sindaco Alemanno assegnò i locali comunali dell'ex Centro anziani 'Ai Pini', al servizio di Medicina Solidale, tante sono state le proteste per il quartiere. Il municipio in più di una occasione ha espresso parere contrario a questa decisione del sindaco, così come i partiti di opposizione. Uno schieramento trasversale che parte dal Pd passando per Idv, Api e Lista Civica fino ad arrivare anche a Forza Nuova, che in maniera autonoma, in passato, ha contestato la struttura.



"Nessuno di questi signori però è mai venuto a vedere cosa realmente facciamo" dice la Ercoli citando un manifesto a firma Pd in cui si chiedeva la chiusura "del centro dei clandestini". "Queste persone devono fare pace col cervello e chiedersi di cosa abbia veramente abbia bisogno la gente e non montarla sull'onda della paura verso gli stranieri" incalza la Ercoli. "A chi parla di luogo inadatto – prosegue la Ercoli - ribadisco che qui vengono rispettati tutti i protocolli. Questo è un servizio ad accesso diretto, totalmente gratuito, previsto anche dai piani sanitari: esistono i centri di cura primari, o case della salute, basate sull'integrazione fra sociale e sanità. Qui viene gente che in molti casi ha difficoltà a rivolgersi alle strutture convenzionali, che già ora, come nel caso del Pronto Soccorso del Policlinico di Tor Vergata, sono al collasso. Curo un bambino e lo mando via nudo perché non ha neanche i vestiti? O curo un mal di stomaco di una persona che non mangia da tre giorni e poi lo lascio morire di nuovo di fame?"

Grazie anche al numero sempre crescente di volontari, da circa tre anni la Onlus si occupa della distribuzione di 300 pacchi viveri al mese, mentre da qualche mese, in collaborazione con il centro sociale el Che di Tor Bella Monaca, ha avviato dei corsi di danza per bambini con problemi psichici "Se la prendono con noi perché siamo una delle poche cose che funziona a Tor Bella Monaca. Questo è un ospedale del popolo, perché rispondiamo ai bisogni primari delle persone. Una volta il partito comunista aveva le case del popolo, forse se le è scordate - riflette la Ercoli che conclude - Alimentare la paura dello straniero è idiota. Mi chiedo se chi si professa di sinistra abbia mai letto Gramsci o abbia mai sentito parlare di internazionalizzazione. Dicono di essere contro le ingiustizie e poi impediscono di curarsi alle persone che muoiono in mare per i nostri respingimenti. Provo solo una grande pena".

di Marco Carta - Giovedì, 12 Gennaio 2012

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/01/2012 @ 09:54:46, in Kumpanija, visitato 1037 volte)

Da Czech_Roma

Annega violinista del Concordia, dopo aver aiutato i bambini ad indossare i giubbotti di salvataggio Italy, 19.1.2012 21:19, (ROMEA)

 Sandor Feher: video da Youtube

Una delle persone recentemente identificate come vittime del capovolgimento della nave Concordia, è il trentottenne violinista Sandor Feher. Il ministero degli esteri ungheresi ne ha confermato la nazionalità.

Sandor Feher, la prima vittima dell'incidente identificata ufficialmente, lavorava sulla nave come violinista. L'Associated Press riferisce che sua madre l'ha identificato in Italia.

Si dice che il violinista abbia aiutato a fornire di giubbotti di salvataggio i bambini che piangevano durante l'evacuazione. Sia poi tornato in cabina per recuperare il suo violino. Il pianista Joszef Balog avrebbe confermato che indossava anche lui un giubbotto di salvataggio mentre decideva di tornare in cerca del suo strumento.

Feher proveniva da una famiglia di musicisti. Anche suo padre e suo nonno erano violinisti. Iniziò a suonare a sei anni e si laureò nel 1998 all'Accademia Musicale Franz Liszt di Budapest. Ha trasmesso l'arte del violino ai suoi allievi, insegnando a bambini tra i 6 e i 20 anni col metodo "ABC" sviluppato dal suo maestro, László Dénes, e da altri musicisti. Il sistema è molto conosciuto in Germania ed Ungheria, e Sandor lo descriveva come un metodo che comprende canzoni folk da tutto il mondo. Il violinista stava progettando di insegnare violino all'estero e "usare questo metodo per formare una nuova generazione di violinisti".

iDNES.cz, violinist.com, ih, translated by Gwendolyn Albert

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/01/2012 @ 09:49:19, in media, visitato 1189 volte)

Da NO(b)LOGO - Jan. 19th, 2012 at 3:49 PM

Oggi Andrea Cuomo de ilgiornale.it pubblica una NON notizia :
Quella rete di coperture tra rom che frena le indagini

Nell'articolo non un solo fatto ma una tesi finalizzata ad alimentare l'odio razziale: i rom sono omertosi e delinquono proteggendosi tra loro.

Un articolo tanto più odioso quando a Torino sono la magistratura e le forze dell'ordine che si rendono conto che la possibilità di chiamare alla propria responsabilità gli italici autori del pogrom della Cascina Cantinassa è impedita da: Un muro di omertà sul rogo delle Vallette - stampa.it (vedi anche QUI ndr.)

Ma occorre entrare nel merito dell'articolo di Andrea Cuomo per rendersi conto di come, per il giornale, vada versato veleno sulla base di niente se c'è una campagna di disinformazione da mandare avanti.

L'articolo ovviamente parte dalla giusta ondata di sdegno derivante dalla barbara uccisione del vigile Savarino con l'evidente proposito di alimentare l'odio razziale, ma invece di raccontare i fatti di milano rinvanga l'episodio simile dell'omicidio stradale di Quarto Oggiaro di qualche mese fa.

Al giornalista non passa proprio per la testa di ricordare che nel doloroso caso di Milano gli omicidi sono stati assicurati alla giustizia in tempi rapidissimi proprio grazie alla collaborazione del uomo investito per primo, rom calabrese, e degli altri della comunità di giostrai che erano presenti.

    LA TESTIMONIANZA - Gli investigatori sono arrivati ai sospettati anche grazie alla testimonianza dell'anziano giostraio colpito di striscio dall'auto poco prima della tragedia di giovedì. Agli agenti della polizia locale avrebbe fornito il numero di un cellulare di uno dei due. Hanno messo sotto controllo le celle telefoniche e hanno intercettato alcuni messaggi importanti per l'indagine.

(c'è perfino un altro articolo de ilgiornale che racconta come ci sia sta collaborazione nei campi rom).

Non passa neanche l'idea di confrontare l'episodio con quello dei giovani di Aosta, identificati dopo un mese e mezzo dall'omicidio stradale di Caselle cui erano colpevoli.

    Ma prima di approdare ad Aosta, nel garage dove era nascosta la Clio modello Ventesimo Anniversario, gli agenti della polizia municipale hanno seguito tante piste fasulle. Almeno quaranta controlli a vuoto: segnalazioni anonime ma «potenzialmente attendibili». E «informazioni confidenziali». Blitz in campi nomadi, carrozzerie, sfasciacarrozze, discariche. Dopo l’incidente sono arrivate 4 lettere misteriose. Una firmata da «Anonimo 66», spedita da fuori Torino. Una signora di Grugliasco, convinta di aver trovato il pirata, «denuncia» il suo vicino di casa: «Ha un ritmo di vita anormale, dorme di giorno e vive di notte. Ha un amico con una Clio nera». Tutti vicoli ciechi.

Mica si ricorda il giornalista che all'arresto di Romulus Mailat si arrivò grazie alla testimonianza di una romnì del campo Tor di Quinto.

Ma la vera chicca dell'articolo è ritirare in ballo l'episodio della Caffarella ed i nomi di Alexandru Isztoika Loyos e Karol Racz.
Al giornalista mica viene in mente di controllare l'esito del giudizio o gli archivi del suo giornale. Gli basta RI-SBATTERE il MOSTRO in prima pagina.

Allora ricordiamo al giornalista che i due poveri diavoli da lui tirati in ballo erano INNOCENTI e sono stati assolti per l'episodio.
Ed anche ai fini delle tesi razziste del giornalista l'episodio non va bene, il povero Karol Racz fu ritrovato dalla polizia quando tutti lo indicavano come il "mostro faccia da pugile" proprio in base alla civica segnalazione della comunità rom di Livorno che gli dava ospitalità.

Ovviamente il giornalista è molto più garantista quando gli imputati non sono Rom, e magari gli passano lo stipendio.

Per futura memoria, anche nel caso che Loyos e Racz vogliano chiedere spiegazioni al giornalista ed alla testa, una copia conforme della pagina è stata salvata.

All'ombra dell'ultimo sole
s'era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.
Venne alla spiaggia un assassino
due occhi grandi da bambino
due occhi enormi di paura
eran gli specchi di un'avventura.
E chiese al vecchio dammi il pane
ho poco tempo e troppa fame
e chiese al vecchio dammi il vino
ho sete e sono un assassino.
Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
non si guardò neppure intorno
ma versò il vino e spezzò il pane
per chi diceva ho sete e ho fame.
E fu il calore di un momento
poi via di nuovo verso il vento
poi via di nuovo verso il sole
dietro alle spalle un pescatore.
Dietro alle spalle un pescatore
e la memoria è già dolore
ed è il rimpianto di un aprile
giocato all'ombra di un cortile.
Vennero in sella due gendarmi
vennero in sella con le armi
chiesero al vecchio se lì vicino
fosse passato un assassino.
Ma all'ombra dell'ultimo sole
s'era assopito il pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/01/2012 @ 09:30:25, in Italia, visitato 1163 volte)

LeNews.eu Scritto da Mathias Mougoué

"Lo sa che lei non può stare qua?" Così si rivolse giovedì scorso un perfetto sconosciuto allo scrivente appena uscito dal supermercato una volta completata in famiglia la spesa in previsione delle festività venture. Alla domanda di comprendere il motivo di tale indignazione e virile protesta, il gruppo si sentì rispondere: "no, perché questi di colore vengono qui e chiedono l'elemosina. Non possono; o vanno a lavorare o se ne stanno a casa loro…" Si da il caso che chi vi scrive, unica persona nera tra i presenti, stava semplicemente porgendo alla sua legittima proprietaria il gettone recuperato dopo aver rimesso al suo posto il carrello di cui si era servita la famiglia per le compere. Tolto il fatto che i Neri raramente gradiscono di essere definiti "di colore", ammesso anche che il gesto poteva essere mal interpretato, rimane il dubbio su come mai un semplice passante si sente il diritto di fare le inopportune rimostranze appena descritte. Dal destinatario dell'aggressione verbale scandalizzato dal fatto di subire ancora certe oscenità dopo un ventennio di soggiorno in una L'aquila "Città di Pace" come la si suole definire non ancora rimessasi dal terremoto che la dilaniò nel 2009 e dove lo riconoscono persino i sassi arrivò una risposta altrettanto coriacea: "innanzitutto si qualifichi poi si renda conto che ha sbagliato, si vergogni, chieda scusa e sparisca!". È esattamente ciò che fece il signore (se così lo si può definire) ma non prima che la madre gli avesse dato il colpo di grazia, la risposta con più stile che onestamente da sola bastava: "è mio figlio ma vedo che a lei Firenze non ha insegnato niente..!"

Firenze… La città è scesa in piazza sabato e intorno a i suoi rappresentanti istituzionali più eccellenti si è sciolta lunghe le sue vie in una manifestazione che ha avuto eco anche in città come Milano e Napoli. Una spontanea e dovuta marcia a mo di risposta cittadina, civile nonché repubblicana all'odio razziale che mercoledì scorso ha colpito nella città degli Uffizi, recando un colpo non indifferente all'immagine del bel paese. Gianluca Casseri benestante cinquantenne italiano, militante di gruppi di estrema destra, mentalmente sano e con una cultura di tutto riguardo come lo dimostrano i da lui scritti libri e riviste d'area (è noto che aveva scritto anche per il sito di Casapound, che però ha dichiarato aver già rimosso i suoi articoli) si è sentito legittimato nella sua unilaterale decisione di contribuire nel senso etnico alla "pulizia" del suo paese uccidendo dei Senegalesi. In due sparatorie diverse orchestrate in due punti distinti della città, ha effettivamente centrato 5 uomini due dei quali sono morti lasciando gli altri tre in uno stato critico. Successivamente l'improvvisatosi giustiziere si è tolto la vita quasi ammettendo che in realtà l'immondizia era lui. Il suo suicidio è senz'altro l'ammissione d'una sconfitta. Ha perso perché non venga in mente a nessuno di paragonare la sua autodistruzione ad un sacrificio nel disperato tentativo di salvare l'integrità (etnica) del suo paese quasi fosse un Jan Palach dei giorni Nostri. Il martire Palach si immolò per una causa più nobile prendendo a modello i monaci Buddhisti quando il quel 16 gennaio 1969 si recò in piazza San Venceslao a Praga e si diede fuoco dopo esseri cosparso di benzina per esprimere la sua protesta nei confronti dell'Invasione sovietica del suo paese, l'allora Cecoslovacchia. Dopo il crollo del Comunismo 20 anni dopo la sua figura ricevette gli onori a lui dovuti dal presidente Václav Havel sostenitore della non violenza, leader della rivoluzione di velluto chiamato a guidare il percorso post-comunista del paese e morto guarda caso proprio ieri 18 Dicembre 2011. Quelli sono eroi non Gianluca Casseri che è esattamente il contrario: un antieroe cioè nemmeno lo stinco d'un modello attendibile per quelli che (e ce ne sono) lo stimano o lo stimavano.

Orbene, il gesto abominevole del Casseri non può non farci soffermare su un fatto cruciale che spesso e volentieri in Italia non affrontiamo con l'impegno che ci vorrebbe. Da molti anni (troppi per chi rispetta il senso civico) gli stranieri in Italia sono messi all'indice a volte per colpe che appartengono agli individui, non ad un gruppo etnico o ad una categoria di persone diverse per luogo di nascita o colore della pelle, senza che i più li difendessero ma spesso chi apostrofa gli stranieri come lo fece quel signore all'uscita de supermercato a l'Aquila lo fa con la certezza che la sua libertà glielo consente e semmai ciò fosse un reato può tranquillamente perseverare con il beneficio dell'indifferenza o dell'impunità che non vi vedono nulla di necessariamente riprovevole. Proprio in proposito su Facebook in una discussione sul razzismo in Italia ebbi a menzionare una intervista rilasciata nel 2001 al giornalista europarlamentare Paolo Guzzanti in cui ci accordammo su una realtà dolorosa: "In Italia manca l‘Educazione all'Accoglienza'". Con questo il signor Guzzanti intendeva che si insegna solo timidamente alla popolazione e soprattutto ai bambini a non essere razzisti. Che cioè quando diciamo ai bambini cose come: "il razzismo è sbagliato, i Neri sono anche loro delle persone come noi…" c'è quel "anche" di mezzo che gli comunica esattamente il contrario di quello che vogliamo far passare e quindi i bambini che solitamente nascono intelligenti ritengono di essere fortunati rispetto allo straniero al quale rimane pur sempre la possibilità di essere graziato dai "normali" e quindi accettato. Puro atto di bontà di cui congratularsi piuttosto che rispettare l'umanità che c'è in ognuno di noi aggiungendo ad esempio che non si può offendere un essere umano per le sue origini, il suo aspetto o la comunità alla quale appartiene cosi come nessuno ha il diritto di farsi giustizia da solo e di portar via una vita umana tanto la società attraverso delle convenzioni che chiamiamo "la Legge" ha già previsto su quali binari deve viaggiare la Giustizia.

In Italia dicevamo il male riconducibile all'odio razziale ci accompagna da tanto tempo senza che ce ne preoccupiamo veramente a sufficienza prova che responsabile è il mal funzionamento del paese. La banda della Uno bianca dalla quale spicca la figura dei fratelli Savi viene ricordata per diversi crimini contro la società tra cui l'uccisione imperdonabile di due carabinieri il 4 gennaio 1991. Ma difficilmente si ricorda che il 23 dicembre 1990 cioè 12 giorni prima avevano aperto il fuoco contro le roulotte d'un campo Nomadi uccidendo 2 persone e ferendone diverse per poi ripetersi Il 18 agosto 1991 uccidendo in un agguato a San Mauro Mare Ndiaj Malik e Babou Chejkh, due operai senegalesi, lasciandone ferito un terzo, un tale Madiaw Diaw. Crimini con connotati razziali per ammissione degli stessi autori. Allora l'allarme razzismo non viene suonata ma avevamo già preso una brutta piega. Oggi, l'Europa si scopre violenta quanto l'America da cui stranamente ha sempre voluto prendere esempio e dove le armi girano come giocattoli. Si uccide in Belgio sparando pubblicamente all'impazzata come si spara nell'Università di Virginia Tech o a Hollywood (cinema a parte) uccidendo senza criterio. Certo è che non tutti gli atti di razzismo conducono all'omicidio e non tutti gli omicidi riposano su un movente razziale ma ci vogliamo una volta tanto occupare di razzismo e soprattutto della sua faccia insospettata in questo caso. Più vicino a noi il 7 dicembre scorso una sedicenne studentessa di buona famiglia del quartiere delle Vallette denunciò di essere stata stuprata da due nomadi rumeni di etnia rom. Lo fece usando queste parole: "Parlavano rumeno, le ho riconosciute quelle bestie da come puzzavano". Dichiarazione supportata dalla seguente "testimonianza" del fratello maggiorenne: "Erano zingari, le ho inseguite per un tratto di strada, poi le ho perse quelle canaglie che mi avevano stuprato la sorellina". Unico particolare i giovani che sicuramente si sono sentiti di poter dire sugli stranieri ciò che volevano mentivano. E come per confermare che avevano ragione a sentirsi protetti finché si scagliavano contro gli stranieri dalla menzogna è scaturita la automatica reazione degli immancabili giustizieri etnici: un centinaio di giovani provenienti per la maggioranza dalle stesse famiglie originarie del sud per cui venne costruito il quartiere Vallette negli anni sessanta, armati di spranghe, bastoni e bombe carta, hanno assalito il campo abusivo abitato da Rom a Torino. Dopo aver fatto allontanare i nomadi dal campo i manifestanti hanno cominciato a danneggiare strutture, camper e auto e hanno appiccato il fuoco. I soliti esponenti leghisti si sono lanciati contro "i soliti rumeni". Lo hanno fatto per vendicare una ragazza stuprata da due "zingari". La ragazza, però, ha mentito: nessuno zingaro l'ha violentata. Il sito "Agora Vox" non nasconde che potrebbe trattarsi di gente: "…con la tessera della Cgil in tasca, probabilmente gente che alle ultime elezioni comunali ha votato a sinistra ed ha scelto come Sindaco Piero Fassino, hanno avuto il tempo di organizzare la loro vendetta, che però hanno derubricato come ‘opera di giustizia‘, organizzandosi ed andando in corteo a bruciare l'accampamento rom"

Nell'edizione online de Il Fatto Quotidiano del 13 Dicembre Pino Petruzzelli scive: "Mi viene da pensare a quante campagne elettorali si sono vinte agitando al primo punto del proprio programma elettorale la "risoluzione del problema zingari". È risaputo che affrontare problemi quali la scuola o la salute o il lavoro per vincere le elezioni, non è conveniente. E allora, quando siamo a corto di idee, va bene agitare lo spettro degli zingari. In questo modo ognuno può sentirsi parte attiva perché tutti abbiamo a portata di mano la soluzione giusta al "problema zingari". Infatti prima di precisare che Thomas Hammarberg, commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, accusa l'Italia di violare i diritti umani, ci ricorda quel manifesto di Forza Nuova forse sfuggito ad alcuni in cui si riporta l'immagine di una donna distesa a terra con le gambe allargate e una macchia di sangue sui vestiti laceri. Sul manifesto si legge: "Se capitasse a tua madre, tua moglie o tua figlia? Stupratori, immigrati è giunta la vostra ora…. Chiudete i campi nomadi ed espellete i rom subito." Decisamente se all'epoca del delitto di Novi erano gli Albanesi i primi a cui si pensava in caso di violenza, oggi, invece, sono gli "zingari". Si continua a non sapere chi ha ucciso Yara Gambirasio ma per un breve periodo all'inizio si è dato la caccia al Marocchino. In generale è lo Straniero la causa di tutti mali nel momento in cui ci dovremmo tutti adoperare a trovare i rimedi alla crisi che sta per travolgere l'Italia. Scriviamo questo mentre in televisione Studio Aperto riporta una notizia fresca di due ore fa: "Una storia incredibile che viene da Verona. Un ragazzino cingalese di 13 anni è stato picchiato e preso a sprangate, e gli è stata versata una bottiglia di birra addosso, perché non ha abbassato lo sguardo davanti al branco e ha la pelle scura". Maltrattato perché straniero dunque in quel di Verona dove il sindaco Flavio Tosi è condannato in via definitiva a due mesi di carcere per propaganda di idee razziste.
Lungi da noi tuttavia l'idea di far passare un Paese intero per razzista ma si fustiga l'impunità del sistema nonché la sua incuria educativa che sdogana implicitamente i comportamenti riprovevoli e spesso non inquieta chi nelle posizioni chiave non dà l'esempio lasciando a chi viene governato la scelta di comportarsi da volpe libera in un pollaio allegro. No, non ci spingeremo fino ai livelli di Oprah Winfrey icona nera della televisione statunitense e regina indiscussa dei Talk show che quando incontrò la palestinese Rula Jebrael ex volto del TG7 bersaglio di tutti anche del suo datore di lavoro, recentemente trasferitasi negli USA dove lavora ora, le chiese "Come hai fatto a reggere 13 anni in un paese razzista come l'Italia?". No, qui non si tratta di una generalizzazione o forse si ma solo nello scopo di svegliare le coscienze perché cechi sono quelli che rinunciano a vedere. I leader che fanno degli scivoloni metodici un ingrediente del loro programma politico rischiano di portare alla deriva tutta la Nazione che gli ha affidato le redini del Potere e i Popoli che si fanno rappresentare da leader che degenerano sono colpevoli quanto i leader stessi. Stranieri, Italiani, odio, Neri, Cinesi, Indiani, Zingari, Rom… E se i vari Rumeni di Torino non si sono risparmiati nelle critiche ai giustizieri spingendo la rabbia al punto di dichiarare: "Voi italiani ci trattate come trattaste gli ebrei durante la seconda guerra mondiale" è che forse come scrive sempre Agora Vox hanno ragione di protestare contro: "una spedizione punitiva che accomuna l'Italia d'oggi alla Germania nazista… l'Italia mai ha fatto seriamente i conti con la Shoah, di cui fu purtroppo complice della Germania nazista, e quindi gli italiani non hanno avuto occasione di coltivare nel proprio animo i necessari anti-corpi come sono stati costretti a fare i Tedeschi." Conosco la Germania, un paese che ha imparato molto dal suo passato e dove le Istituzioni si discostano nettamente da ogni possibile deriva con una educazione progressista, delle sanzioni chiare ed una politica di integrazione a dir poco vincente. Dopo 20 anni in Italia mi chiedo ancora se vogliamo percorrere questa strada. Lo domando ai politici …

Rimango convinto che la "non educazione" al rispetto dell'Altro ed il constante promuovere sguardi introspettivi come Valori siano il miglior modo di spianare la strada al razzismo e dunque si qualificano come comportamento razzista. Dopo aver visto i quattro angoli del pianeta continuo a chiedermi perché soprattutto in Italia c'è lo sforzo costante davanti ad un problema cruciale come quello che stiamo trattando di eludere la questione stendendo la colpa al resto del Mondo come per scagionarci con una scusa del tipo "anche in Francia Sarkozy se l'è presa con gli zingari e come vedete lo fanno tutti… Quindi male comune mezzo gaudio"? Non è onesto nei confronti dei figli che abbiamo da educare. In Italia dovremmo definitivamente smettere di prestare ai malintenzionati la scusa dell'ignoranza. No, in un Mondo dove nell'era di Internet, Facebook, Google, gli Smartphone, L'I-pad e Skype i suoni, le immagini, le idee e le conoscenze viaggiano di gran lunga più velocemente delle persone non gliela possiamo passare! Casseri non era un ignorante ma un delinquente! Deve cessare quel lassismo complice dei malintenzionati che ci trovano l'appiglio giusto a cui ancorare le ridicoli giustificazioni a proposito d'un fatto umanistico che in realtà li riporta indietro... L'alibi dell'ignoranza è l'eco perpetuo della compiacenza in cui si cullano i pigri o gli svogliati per non risolvere i problemi che minano la società. Nessuno può veramente sapere cosa hai nel cuore e quindi per mettere d'accordo tutti non si dicono cose con connotati razziali per stigmatizzare una comunità o offendere il rappresentante d'un gruppo etnico punto e basta! Non si dice e siamo tutti d'accordo, tutti più tranquilli altrimenti bisognerebbe inventare l'infrarosso per distinguere chi scherza da chi offende. Chi ignora da chi vuole colpire... Ecco perché quel 19 Ottobre 2001 quando mi chiese se non stavo scambiando razzismo con l'ignoranza risposi a Paolo Guzzanti: "Comunque non fa piacere" attirando la sua attenzione sul fatto che in Italia spesso lo straniero sopporta e minimizza tanto sa che in un paese dove i politici non fanno la loro parte è battaglia persa. Gli immigrati lo coltivano con il passare delle generazioni: "in questo paese sai meglio tenersi dentro alcune cose. Alcune verità danno fastidio e rischi di farti nemici. Se vuoi andare avanti e trovare lavoro fa sempre il loro gioco e non avrai problemi…" A dire il vero funziona e questo parlando di valori umani è molto grave… Poveri figli nostri!
Viene a volte facile pensare che in determinati altri paesi c'è più razzismo ma lasciamo agli altri i propri guai e pensiamo all'Italia. Poi comunque in quei paesi dove periferie scoppiano rispetto all'Italia c'è una differenza di fondo: l'Immigrato esiste; è una Entità; la legge lo sa e le decisioni politiche ne tengono conto. Ragion per cui dai partiti impopolari o populisti che ripropongono un passato a cui l'Europa progressista ha già fatto i funerali si prendono le distanze pubblicamente e gli si induce a moderarsi dandogli una battaglia senza tregua. Non è sicuro che all'estero un Calderoli può mettersi in televisione e offendere i Neri per poi vedersi descritto il giorno dopo su tutti i giornali (cosa già indecorosa per un paese) come uno a cui piace scherzare. In quale altro paese immaginiamo Berlusconi ironizzare sul colore della pelle di Obama definendolo "quello abbronzato"? E allora certo che il coro da stadio contro un giocatore Nero è giustificato fosse esso Italiano come Ballotelli o Ivoriano come Marc André Zoro che nel 2005 interruppe la partita Messina/Inter indicandoci la strada maestra per cacciare i nostri scheletri dall'armadio: educazione e tolleranza zero! L'Italia che un giorno sì e l'altro pure si compiace di essere generosa e accogliente gioca troppo spesso con una altra Italia che conosce ma protegge: l'Italia dove L'europarlamentare ungherese Viktória Mohács riferendosi ai campi profughi e Rom, dopo un viaggio rivela di aver assistito a violazioni dei diritti umani così gravi da non ricordare di averle mai viste ne prima ne altrove. Raramente si dibatte sulle platee televisive e negli ambienti politici dei lati oscuri della quotidiana frustrazione dello straniero di fronte al razzismo che non si vuole dichiarare tale (o non si deve). Beh forse lo si fa perché gli Italiani si sa sono permalosi. Ciò non toglie niente al fatto che lo Stato che non lotta contro l'Ignoranza opta per la non crescita e fa la scelta pericolosa di spianare la strada al razzismo. A Bruxelles i politici Italiani sono noti per essere inclini a far accendere le discussioni le più clamorose perché non si regolano con gli scivoloni linguistici tinteggiati di razzismo. Come è possibile che uno vada in televisione a vantarsi del fatto che nel suo ufficio troneggia orgogliosamente il busto di Mussolini senza rischiare critiche? Come mai puoi scendere alla stazione di Roma Termini la Capitale del Paese di Rita Levi Montalcini e comprare a quattro soldi a bordo strada di tutto e di più alla gloria di Mussolini e del ventennio fascista? Roba da far rabbrividire il comune dei Tedeschi che da Hitler hanno preso le distanze. Perché a Roma si e a Berlino no? Amnesty International ha rischiato questa risposta: Rinuncia politica di risolvere un problema che si pensa scandalizzi solo gli stranieri. Rendiamoci conto che la Germania che ha saldato i conti con il passato è stato il primo paese in Europa a mettere a disposizione un "Numero Verde" per la lotta al razzismo e il numero tutt'ora funziona. In quello italiano ti chiedono se ti sei assicurato che chi ti ha insultato non stesse scherzando. Che figura facciamo?

Allora ben venga la marcia di Firenze contro il razzismo. Ben vengano le manifestazioni a Milano e Napoli a sostegno della comunità senegalese e nel nome della civiltà ma soprattutto come disse Il segretario del PD Bersani "bisogna punire il terrorismo razzista e la politica che è politica non può non ripartire da questo" parole che fanno eco alle dichiarazioni di Piero Fassino sindaco di Torino che così reagì alla menzogna che ha scatenato l'odio contro i Rom: «È assolutamente inaccettabile che si dia luogo a manifestazioni di linciaggio nei confronti di persone estranee ai fatti per la sola ragione che sono cittadini stranieri. Torino è una città civile che ha saputo sempre rispettare ogni persona quale che sia il luogo in cui è nata, la lingua che parla, la religione che pratica. È dovere della nostra comunità respingere chi vorrebbe precipitare la vita della nostra città nell'intolleranza, nell'odio e nella violenza». E per dirla con Andrea Mollica che pubblica su internet per conto del Giornalettismo: "la lotta al razzismo non può non essere messa al primo posto di un'agenda politica, sociale e culturale che da troppo tempo viene messa in disparte per paura della reazione popolare, che sembra quasi venire giustificata…" E se cosi è, sarà "purtroppo sempre troppo tardi per chiedere scusa agli stranieri, la valvola di sfogo preferita per i nostri fallimenti." Gli stranieri dal canto loro non hanno aspettato per suggerire come dare senso e valore alla loro presenza in Italia. Lavorano e si integrano. È il caso di uno di quei Senegalesi uccisi che voglio immaginare lungo le vie del Paradiso mentre parafrasa un canzone che ha contribuito a far amare l'Italia nel Mondo: "Lasciatemi cantare con la cartella in mano… Io sono un Italiano, un Italiano NERO!"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/01/2012 @ 09:44:17, in Italia, visitato 990 volte)

Riceviamo e pubblichiamo l'appello di Luigino Beltrami, che segue da vicino le vicende di alcune famiglie sinte di Brescia

A meno di un anno di distanza il Comune di Brescia, guidato dal vicesindaco Rolfi, è tornato a mordere la fascia più debole della società bresciana.

Prima parte
Facciamo un passo indietro nel tempo: il 14 febbraio 2011, alle ore 19:30, agenti del Comune staccarono la corrente del campo sinti di via Orzinuovi, quale punizione collettiva perché le tre famiglie Terrenghi ivi residenti non avevano rispettato l'ultimatum del Vicesindaco di mettersi ai margini della struttura (vedi newsletter n°10 del 13 aprile 2011 – Storia recente dei sinti di Brescia ). L'ordine fu disatteso perché incomprensibile secondo ogni logica, ma anche e soprattutto perché vi erano due bambini molto ammalati, bisognosi di cure da effettuarsi con l'utilizzo di strumenti elettrici, cosa impossibile ai margini del campo dove mancava la corrente.
Non appena il campo fu messo al buio, i due bambini si aggravarono a tal punto che fu necessario il ricovero in ospedale. Poco dopo uno dei due piccoli è morto.
La disperazione, la rabbia il senso pieno delle ingiustizie subite scatenarono la protesta autolesionista dei sinti che incendiarono alcune delle proprie roulotte sul ciglio della via Orzinuovi.
In seguito alle proteste e all'indignazione generale della cittadinanza, non solo locale, la corrente venne ripristinata e i Terrenghi furono trasferiti nelle baracche di via Borgosatollo, dove abitavano i rom kosovari che li accolsero fraternamente. Tutto sembrava risolto per il meglio; per tutti salvo che per il piccolo ammalato, morto alcuni giorni dopo il blackout. In merito a questa vicenda la Procura ha in seguito aperto un fascicolo.

Seconda parte
Gennaio 2012. A quasi undici mesi dal loro trasferimento nel campo di via Borgosatollo, le famiglie Terrenghi si sono ben inserite fra i rom kosovari, tutto sembra scorrere senza problemi, fatte eccezioni le frequenti visite delle Forze dell'ordine.
Ma alla vigilia dell'Epifania, gli agenti della giunta Paroli – Rolfi consegnano a Manuelito Terrenghi la comunicazione di inizio di procedimento di allontanamento dal campo per i fatti del febbraio 2011 (cioè per l'incendio di protesta autolesionista delle proprie roulotte).
Per i sinti è un brutto ritorno a un passato che si pensava non ripetibile, l'inizio di un nuovo incubo.
La decisone comunale coinvolge nuclei familiari numerosi e molti minori, tra cui i sei figli di Manuelito e i quattro del fratello Joselito (di cui il più piccolo, di soli tre anni, è affetto da stenosi all'aorta).
Vivian Clara, madre di Manuelito e Joselito, accudisce una nipote di 22 anni sordomuta.
Anche altre famiglie abitanti nel campo di via Orzinuovi hanno ricevuto lo stesso avviso di avvio delle procedure di espulsione.
Non è difficile immaginare quali saranno le conseguenze di queste espulsioni.
Per questo è importante che tutta la cittadinanza protesti contro questa azione crudele e razzista della giunta Paroli – Rolfi.

L'invito è di telefonare, mandare fax ed e-mail ai principali responsabili di questi fatti per manifestare il proprio sdegno e la propria volontà di agire per opporsi a queste continue barbarie.

Vice sindaco FABIO ROLFI
Sede: piazza Loggia 1 Tel.: 030 297.71 Fax: 030 297.8324
e-mail: frolfi@comune.brescia.it

Sindaco On. Avv. Adriano Paroli
Sede: piazza Loggia 1 Tel.: 030 297.7205 – 7206 Fax: 030 2400732
e-mail: sindaco@comune.brescia.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/01/2012 @ 09:37:47, in scuola, visitato 815 volte)

Da Roma_Daily_News

Cingeneyiz.org - Asilo mobile per bambini zingari 17/01/2012

L'asilo mobile creato per informare i bambini zingari sulle attività prescolari si muove per le strade del quartiere Ceyhan della città di Adana. Le autorità dicono che questo è il primo passo. L'intenzione nelle prossime fasi è di adoperare l'asilo mobile per registrare i bambini zingari alla scuola materna, per creare interesse verso la prescuola.

L'asilo mobile per cui il quartiere Şahin Özbilen è stato scelto come area pilota, data l'alta percentuale di popolazione zingara, intende creare un collegamento tra bambini e scuola. L'asilo mobile opererà ogni settimana in una strada differente.

Si dice che il primo motivo dei problemi educazionali dei bambini zingari è che le loro famiglie non li mandano a scuola. Però questa non è l'unica ragione. Comportamenti discriminatori e pregiudiziali da parte dei compagni di classe, dei genitori e degli stessi insegnanti, potrebbero causare improvvisi abbandoni scolastici da parte dei bambini zingari. Gli studiosi della questione, sottolineano la necessità di superare i pregiudizi contro gli zingari, molto comuni specialmente tra gli insegnanti, se si vuole aumentare il tasso di accessibilità dei bambini all'istruzione. Dev'essere garantito che non ci sia alcun tipo di comportamento discriminatorio a scuola, se davvero si vuole che progetti come quello della scuola mobile abbiano davvero successo.

Source: Anadolu Agency

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/01/2012 @ 09:13:15, in Italia, visitato 1339 volte)

Che qualcosa stia cambiando? (segnalazione di Cosimo Palazzo)



(OMNIMILANO) Milano, 18 GEN - "Non è più tollerabile che ai cittadini stranieri senza permesso di soggiorno, che non hanno una casa in cui ripararsi la notte, venga impedita, nonostante le temperature sotto zero, l'accoglienza nelle strutture organizzate dai Comuni e dal terzo settore.

Chiediamo al Governo di farsi carico di questa situazione, individuando tempestivamente soluzioni normative che consentano agli Enti locali di garantire, in questi giorni di temperature rigide, il diritto alla vita sia di chi ha il permesso di soggiorno, sia di chi non lo ha. Continuare a girare lo sguardo e non intervenire significa attendere ulteriori tragedie". Lo ha dichiarato l'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco ajorino. "Capita molto spesso - ha spiegato l'assessore - che i cittadini stranieri senza permesso di soggiorno non si rivolgano ai centri di accoglienza per timore dell'espulsione, e siano costretti a sfidare la sorte dormendo per strada. È una situazione che limita gli sforzi del Comune e degli enti convenzionati che intendono aiutare queste persone che rappresentano la parte più fragile della società. Negli anni scorsi molte realtà del terzo settore, impegnate nell'accoglienza dei senza fissa dimora, sono state costrette a ospitare cittadini stranieri senza permesso chiudendo un occhio sulla loro condizione giuridica. Questa situazione non è più tollerabile".

"Riteniamo moralmente e giuridicamente inaccettabile - ha aggiunto Majorino - la discriminazione che nei fatti si opera tra chi è regolare e chi non lo è, condizione che decide chi ha diritto a sopravvivere al freddo e chi no. Il diritto alla vita non può essere condizionato da alcuna disposizione di legge. Al contrario, è proprio la legge che deve garantire quel diritto".

Quest'anno per il Piano Antifreddo il Comune di Milano ha stanziato 1,2 milioni di euro mettendo a disposizione, direttamente o in convenzione con enti del terzo settore, oltre 1.400 posti letto per i senza fissa dimora, incrementando sensibilmente rispetto agli anni passati il numero dei posti disponibili. Inoltre, da lunedå scorso ß stato creato in via Verziere, nel centro della città, un Punto Caldo, dove volontari distribuiscono coperte e bevande, eseguono controlli medici e trasferiscono chi lo desidera nel centro della Protezione Civile di via Barzaghi 2.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

L'articolo che segue merita due parole di introduzione. Da almeno tre mesi, la Gazzetta di Lucca denuncia lo scandalo degli sprechi di acqua pubblica in un insediamento rom in città. Durante tutto questo periodo, la testata sembra sia lo sola ad occuparsi della vicenda, ritornandovi periodicamente con toni polemici sull'incapacità dei politici, sui cittadini-contribuenti che pagano gli sprechi di tasca loro, sul fatto che il giornale è l'unico a parlarne. Un mix di arroganza e vittimismo, in puro stile italico, ma col merito indiscutibile di svolgere il ruolo di un giornale: sollevare il problema ed insistere per la sua soluzione. Che poi la testata sia di destra o sinistra (non è difficile capirlo), non cambia il ruolo che gli compete.
I Rom, al solito finiscono per essere il vaso di coccio della vicenda. Descritti (a volte in maniera implicita, altre esplicitamente) come sporchi, ladri, inaffidabili... insomma il solito campionario. Non mi risulta (ma potrei sbagliarmi) che in tutto questo periodo la testata abbia intervistato uno di loro.
Ma in questo caso, interviene la politica, per una volta intendendola nel senso esatto del termine. Dopo che il giornale ha descritto puntualmente in questi mesi le varie contrapposizioni e polemiche tra i soliti partiti, finalmente esce un pezzo più sereno, quello che lo stesso giornale definisce un cambiamento culturale.
Si tratta, in poche parole, del vecchio motto "ognuno faccia la sua parte", quindi:

  • il comune verifica le spese, ricordate LA MANGIATOIA?
  • censisce i "bisogni necessari" e la possibilità degli interessati nel contribuire alla spesa;
  • si individuano referenti di collegamento tra campo ed amministrazione pubblica.

A questo punto cosa manca? Un ultimo passaggio, indispensabile: sensibilizzare gli stessi abitanti del campo, e farli parte del comitato di gestione. Non è che perché sono Rom smettono di essere persone, con DIRITTI e DOVERI (anzi, soprattutto quando si parla di diritti e doveri)!

mercoledì, 18 gennaio 2012, 00:26 - di fabrizio vincenti

Forse qualcosa è davvero cambiato. Nella riunione di giunta di quest'oggi, come anticipato dal nostro quotidiano, è stato infatti affrontato il tema delle condizioni in cui versa il campo zingari di via delle Tagliate, che nelle scorse settimane è finito al centro dell'attenzione prima per i consumi idrici, poi per il generale stato di degrado e di insicurezza in cui versa.

La giunta ha infatti concordato di non procedere a spese di ripristino di quanto devastato o malfunzionante (circa 78 mila in tempi stretti più altri 100 mila in una seconda fase) sino a quando non sarà chiara la situazione del campo stesso. Ovvero sarà definito un regolamento composto da diritti e doveri, sarà individuato un gruppo di persone che fungano da collante con l'amministrazione comunale anche sul tema dell'ordine all'interno del campo, saranno censiti i bisogni di servizi primari (luce e acqua in primis) verificando la possibilità che i singoli residenti delle piazzole possano o meno fare fronte alle spese con i propri mezzi, saranno definite operazioni per contenere eventuali sprechi nella fornitura dei servizi.

In pratica, dovrebbero essere messe in discussione pesantemente le linee che hanno ispirato la politica nei confronti del campo, basata su un assistenzialismo peloso e per niente rispettoso della dignità della persone e dei soldi pubblici come testimoniano le cifre spese sinora e lo stato in cui versa il campo. In verità, a quanto si apprende, qualche tentativo, soprattutto da parte tecnica, di provare a procedere primariamente con le riparazioni confidando di metter mano solo in un secondo momento a regolamenti e quant'altro pare sia stato fatto. E del resto lo stesso direttore generale Volpi nei giorni scorsi ha più volte cercato di ridurre la questione a una mera perdita di acqua come se la situazione penosa del campo non esistesse, oppure esistesse talmente da tanto tempo da fare ormai parte a pieno titolo della città.

Il tentativo, però, è andato a vuoto e la giunta ha chiesto precise garanzie ed un percorso definito prima di far mettere mano, nuovamente, al portafoglio comunale. Verrà costituito a breve un comitato che dovrà monitorare la situazione, nel quale dovrebbero figurare sia politici che tecnici, e individuata una o due persone che fungano da raccordo tra l'amministrazione e il campo in primo luogo per la gestione ordinata dello stesso, una tema colpevolmente abbandonato da anni. Il sindaco ha nella sostanza avallato la linea di chi chiedeva un cambio di passo sulla questione zingari dopo anni e anni di pietismo sterile. E se un passo anche culturale è stato indubbiamente compiuto, la partita, però, non è conclusa: la giunta infatti non ha prodotto un documento e dunque quanto dichiarato dovrà ora trovare riscontro negli atti e nei comportamenti politici e amministrativi, sempre che qualcuno, dall'interno nella macchina burocratica, non proceda in altra direzione. Non sarebbe la prima volta.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/01/2012 @ 09:18:20, in scuola, visitato 1129 volte)

23 gennaio 2012 ore 16.00

Triestefilmfestival.it

LA NOSTRA SCUOLA - OUR SCHOOL
MONA NICOARĂ, MIRUNA COCA-COZMA

Stati Uniti – Svizzera – Romania / USA – Switzerland – Romania
2011, HD, col., 94'br /> v.o. rumena / Romanian o.v.

ANTEPRIMA ITALIANA - ITALIAN PREMIERE
Fotografia / Photography: Ovidiun Mărginean. Montaggio / Editing: Erin Casper. Musica / Music: Sasha Gordon. Suono / Sound: Mona Nicoară, Miruna Coca-Cozma, John M. Davis. Produzione / Produced by: Sat Mic Film. Coproduzione / Co-produced by: Pipas Films.

Documentary Competition
Il film segue 3 bambini zingari che vivono in un paese rurale della Transilvania e fanno parte di un progetto pilota sull'integrazione nelle scuole rumene, dove vige ancora la segregazione. Alin, Benjamin e Dana partono per la scuola della città, pieni di ottimismo per quello che potranno imparare e per le nuove amicizie che nasceranno. Ottimismo che conservano anche quando i fondi destinati all'integrazione vengono dirottati, in modo discutibile, nella costruzione di una scuola per “soli zingari” e che comincia però a scemare quando i ragazzini si scontrano con la sfiducia di chi li circonda e con un isolamento ancora peggiore. L'artista di origini gitane e ucraine Eugene Hutz, fondatore dei Gogol Bordello e sostenitore convinto dei diritti dei Rom, ha dato il proprio contributo al film consentendo l'utilizzo del brano “Break the Spell”, contenuto nell'album dei Gogol Bordello, Trans-Continental Hustle (2010, American Recordings).
“Ho cominciato a lavorare al film nel 2005, spinta soprattutto dalla frustrazione. A metà degli anni '90, quelli di noi che si occupavano dei diritti dei Rom hanno cominciato a capire quanto fosse diffusa e cronica la segregazione, soprattutto nell'Europa orientale … Il motivo per cui ho iniziato il film è anche personale ed è il senso di colpa. In Romania, sono andata alle elementari con i Rom. Li ho visti essere buttati fuori dopo elementari e medie o semplicemente sparire dalle scuole superiori migliori, quelle che frequentavamo io e i miei amici. Da adolescente, non mi sono mai chiesta perché questo avvenisse. Al momento di cercare una scuola per i miei figli, avevo già cominciato a lavorare come attivista dei diritti umani … Ho voluto tornare indietro e capire dove abbiamo cominciato a sbagliare, e cosa dobbiamo fare di diverso.” (M. Nicoară)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

spaziomusica live music, art & culture club since 1986 - via f. faruffini 5 - 27100 - pavia

20 gen 2012 ore 22.30 - ingresso a offerta – in collaborazione con ARCI
www.myspace.com/durkovicroberto

Roberto Durkovic è nato in Italia ma ha anche sangue praghese e questo spiega la forte influenza mitteleuropea che contraddistingue la sua musica.

Da oltre 10 anni ha iniziato la collaborazione artistica con un gruppo di musicisti tzigani incontrati nei vagoni della metropolitana di Milano.

Nei suoi concerti fonde armoniosamente raffinato cantautorato italiano e musiche della tradizione tzigana con il suo gruppo “I fantasisti del metrò”.

Il viaggio artistico di Roberto Durkovic, madre italiana e padre cecoslovacco, comincia così, dopo un incontro casuale e un po’ magico con un gruppetto di rumeni. Il risultato è una musica che ha patrie diverse, o forse non ne ha affatto, e la conferma arriva dall’ultimo lavoro: «Semplicemente vita» (etichetta Storie di Note).

Preserata con proiezione del documentario Terra (E)strema a Radio-Aut.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:59:01
script eseguito in 215 ms

 

Immagine
 Sinti e Rom manifestano a Brescia... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 146 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source