Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 11/05/2012 @ 09:48:43, in scuola, visitato 952 volte)

Segnalazione di Stojanovic Vojisvav

JusticeTv Mercoledì, 09 Maggio 2012 15: :24 - Scritto da Martina Chichi

In Croazia, per la prima volta, un tribunale nazionale condanna una donna accusata di aver discriminato la comunità rom. È accaduto a Fiume, dove, due anni fa, un'esercente ha rifiutato di accogliere nel suo negozio due ragazze di origine rom che si erano presentate per svolgere un tirocinio richiesto dalla scuola secondaria superiore.

La titolare dell'esercizio aveva chiuso loro in faccia la porta del locale chiamandole "zingare". Le studentesse hanno denunciato l'episodio alla preside della scuola di economia frequentata e, dopo aver trovato un altro negozio per svolgere le ore di pratica necessarie per superare l'anno, si sono rivolte al tribunale per ottenere giustizia.

Il giudice ha condannato il gesto d'intolleranza della donna, ordinandole di pagare una pena pecuniaria. Si è trattato, secondo la pronuncia, di un caso di discriminazione su base etnica. Caso che ha destato l'attenzione dell'opinione pubblica in una città multiculturale come Fiume, dove gli episodi di intolleranza verso le comunità rom e sinti non sono affatto rari.

Le giovani sono rimaste soddisfatte. "Credo che il verdetto aprirà la strada ad altri processi e aiuterà molte persone che vengono danneggiate perché non appartenenti alla maggioranza etnica che c'è nella popolazione" ha commentato una delle ricorrenti.

È un verdetto importante per la Croazia, perché per la prima volta è un tribunale nazionale a emanare una condanna. Finora vicende legali analoghe avevano trovato seguito solo presso la Corte europea dei diritti dell'uomo.

La discriminazione scolastica in Croazia era stata oggetto, nel 2010, di una sentenza dei giudici di Strasburgo. Quattordici ricorrenti di origine rom lamentavano il fatto di aver visto inserire i propri figli in classi composte esclusivamente da ragazzi della stessa etnia. In quella occasione la Corte aveva ritenuto che formare nelle scuole elementari classi separate per i bambini rom li sottoponesse a un trattamento differente rispetto a quello degli altri alunni. Le classi separate finivano per sfavorire il grado di istruzione dei bambini, senza tenere conto delle esigenze di coloro che conoscevano male la lingua croata. La Croazia era stata condannata a risarcire per danni morali i ricorrenti, colpevole di aver discriminato la comunità rom e di non aver garantito il diritto all'istruzione.

Fa notizia, quindi, la sentenza di condanna per discriminazioni di un tribunale croato, accolta nella giurisprudenza nazionale come un significativo precedente.

 
Di Fabrizio (del 16/03/2012 @ 09:10:33, in scuola, visitato 1097 volte)

ENGAGE International Reading Association I ROM INVITATI IN LIBRERIA - Guest Blogger: Marta Strahinič

Secondo dati non ufficiali, ci sono circa 312 Rom che vivono nel comune di Metlika, la maggior parte risiede in cinque piccoli insediamenti. Tra loro, 139 sono bambini e3 giovani sino ai 15 anni di età. La maggior parte frequenta la scuola primaria con più o meno regolarità, ma pochi di loro frequentano la biblioteca.

Gli studiosi mostrano che la principale barriera per i giovani rom che iniziano la scuola, è la loro scarsa conoscenza dello sloveno. Quindi le biblioteche possono giocare un ruolo importante nel migliorare l'alfabetizzazione e la capacità di lettura dei bambini rom ancora prima che facciano il loro ingresso nella scuola.

Di conseguenza, nel 2003 mi sono attivamente coinvolta nel lavorare con i Rom. Ho tenuto i contatti con il centro di lavoro sociale Metlika, che mi ha forenito tutti i dati necessari perché iniziassi ad invitare in libreria i Rom, specialmente i giovani ed i loro genitori. Questi son stati gli inizi che sono sfociati in un progetto targhettizzato, denominato dalla biblioteca pubblica Ljudska knjižnica Metlika "I Rom invitati in biblioteca".

Abbiamo iniziato ad invitare i bambini ed il or genitori a partecipare a diversi eventi in libreria. Abbiamo tenuto conto dei loro desideri ed organizzato per loro narrazioni e spettacoli di marionette. Li abbiamo anche invitati ad eventi rivolti a tutti i bambini del comune.

Però, alcuni Rom non potevano, anche volendo, partecipare alle iniziative, per la mancanza di trasporti pubblici e solo qualcuno di loro aveva una macchina. Così la biblioteca decise il passo successivo. Nel 2005, iniziammo a d organizzare eventi negli insediamenti rom.

Ciò che accadeva in quegli insediamenti attirò una grande affluenza. I bambini accorrevano a giocare ed ascoltare i racconti, anche molti adulti si fecero avanti con gioia ad ascoltare le fiabe. Le nostre visite erano l'evento più importante per l'insediamento.

Oggi, 65 Rom sono iscritti alla biblioteca e la visitano regolarmente. Alcuni la usano occasionalmente, soprattutto per navigare in Internet, e magari non sono iscritti. Altri si avvicinano ai libri e ai racconti solo durante gli eventi che organizziamo negli insediamenti.

Il nostro scopo - portare i libri e la biblioteca più vicino ai Rom, particolarmente ai bambini, ha avuto molto successo. Li abbiamo ascoltati ed assieme abbiamo sviluppato il progetto.

"I ROM INVITATI IN LIBRERIA" è stato scelto per il premio 2011 dell'Associazione Internazionale di Lettura per la Promozione della Lettura Innovativa in Europa. In quanto responsabile del progetto, Marta Strahinič ha ritirato il premio e presentato il progetto alla 17a Conferenza Europea di Lettura, a Mons in Belgio.

 
Di Fabrizio (del 04/02/2012 @ 09:15:11, in scuola, visitato 1383 volte)

Storie che sarebbero già inquietanti di per sé, e che legano strettamente le strade che uniscono e dividono l'Europa dell'Est a quella dell'Ovest. Ma che devono spingere ad un'ulteriore riflessione, visto che finalmente il governo sembra iniziare a muoversi sul riconoscimento della nazionalità italiana a chi nasce qui, suscitando la reazione piccata del più grande politico (nel senso di fame mediatica) italiana. Un appunto strettamente personale: è una risposta anche a chi mi ha detto che non sono argomenti che riguardano i Rom.

Da British_Roma

Negare l'istruzione ad un bambino rom viola i diritti umani - 30 gennaio 2012

D [minore] -contro- Corte d'Appello sui rifugiati

Alta Corte

Neutral Citation: IEHC 431. Sentenza emessa il 10 novembre 2011 dal giudice Gerard Hogan.

Giudizio

La probabile negazione dell'accesso all'istruzione primaria di un bambino rom serbo viola i diritti umani di base e rientra in quanto proibito dal Refugee Act 1996, quindi la decisione di espellerlo verso la Serbia dev'essere annullata.

Retroscena

Il richiedente è nato in Irlanda nel 2006, quindi non è cittadino irlandese. I genitori sono nati in Serbia, dove erano considerati come Rom. Venne fatta richiesta di asilo a nome del bimbo, richiesta rigettata nell'agosto 2009.

E' stato eccepito in suo nome che avrebbe sofferto persecuzioni al ritorno in Serbia, in quanto non avrebbe ricevuto istruzione primaria. La Corte d'Appello sui rifugiati ha trovato che, per quanto potesse ravvisarsi discriminazione nella negazione all'istruzione, questo non era sufficiente a soddisfare il requisito della persecuzione ai sensi del Refugee Act.

Informazioni sul paese d'origine, provenienti dal Comitato ONU sui Diritti dei Bambini, dalla Commissione Europea e dal dipartimento di stato USA, mostrano che i Rom in generale ed i bambini, particolarmente le bambine, sono stati soggetti a discriminazioni diffuse. Sono pochi i bambini rom che in Serbia frequentano la scuola, e quando lo fanno sono spesso mandati in scuole speciali per bambini con difficoltà d'apprendimento.

Il giudice Hogan ha riconosciuto che non tutte le violazioni delle libertà civili di base o discriminazioni, siano paragonabili alla persecuzione. Il concetto di ciò che costituisce persecuzione non si presta ad un'analisi precisa, ha detto.

Ha sottolineato che in due casi precedenti il tribunale aveva mostrato come la discriminazione in altre parti della ex Jugoslavia, in un caso contro due persone di etnia serba ed in un altro una coppia croata-serba, non costituisse persecuzione.

Prima di analizzare le conclusioni del tribunale, il giudice doveva esaminare il livello di discriminazione che si sarebbe incontrato al ritorno in Serbia, ha aggiunto. Le informazioni sul paese d'origine in questione fornivano un quadro di "pervasiva discriminazione contro i bambini rom".

Decisione

Il giudice Hogan ha sottolineato che quasi 60 anni fa in un famoso giudizio, la Corte Suprema USA dichiarò in Brown -contro- Dipartimento dell'Istruzione di Topeka che la segregazione scolastica violava il principio costituzionale dell'eguaglianza. Anche se questo non significava persecuzione, illustrava come la scuola segregata fosse un segno distintivo di una società dove i gruppi svantaggiati erano soggetti ad una discriminazione ed esclusione pervasiva che, in determinate circostanze, portava alla persecuzione.

In questo caso le statistiche mostravano come il richiedente fosse a rischio di non ususfruire nemmeno dell'istruzione di base. La questione è se l'indifferenza ufficiale non sia stata lei stessa persecutoria.

Il giudice Hogan ha citato il libro The Law of Refugee Status del prof. James Hathaway, dove la persecuzione viene definita come "la mancata attuazione dello sviluppo di un diritto, dentro una categoria che è sia discriminatoria che non fondata sull'assoluta mancanza di risorse."

Il diritto all'istruzione viene ampliamente considerato come fondamentale negli art. 42 della Costituzione, art. 2 del primo protocollo della Convenzione Europea sui Diritti Umani e art. 14 della Carta UE sui Diritti Fondamentali, come pure nella Convenzione ONU sui Diritti del Bambino. "Se a D venisse negato il diritto all'istruzione di base, verrebbe effettivamente escluso da ogni partecipazione significativa nella società serba," ha detto Hogan. Sarebbe quindi un caso più grave della discriminazione subita negli altri due casi.

Ha poi aggiunto: "Mentre questo caso ricade fuori dalla tipologia classica di persecuzione prevista dalla Convenzione di Ginevra... sembra senza dubbio impossibile evitare la conclusione che la negazione dell'istruzione di base porti ad una seria violazione dei diritti umani basici [e] porti alla persecuzione, secondo quanto previsto dall'S 2 del Refugee Act 1996."

Il testo integrale della sentenza su www.courts.ie

Michael Lynn BL, instructed by John Gerard Cullen, Carrick-on-Shannon, for the applicant; Cindy Carroll BL, instructed by the Chief State Solicitor, for the State.


Da British_Roma

L'articolo qui sopra cita il caso di un bambino rom nato in Irlanda che potrebbe soffrire di una probabile negazione dell'accesso all'istruzione di base, in caso di ritorno in Serbia. Il film a questo link, del regista britannico Antony Butts, mostra esattamente cos'è accaduto a due ragazzi, nati e scolarizzati in Germania, senza alcuna conoscenza della lingua serba, "obbligati" a vivere a Leposavic, nella zona del Kosovo controllata dai Serbi, a nord del fiume Ibar. Non solo è stata negata loro un'istruzione adeguata, ma vengono pesantemente discriminati ed aggrediti dai coetanei serbi locali. Due ragazze presentate nello stesso documentario, rimandate sempre dalla Germania a Banja Peje in Kosovo, si trovano un po' meglio. Viene mostrato perfettamente le conseguenze scioccanti del rimpatriare bambini nati e cresciuti in un paese occidentale, costretti poi a vivere nella ex Jugoslavia a causa delle origini dei genitori.

Bernard Sullivan

 
Di Fabrizio (del 20/01/2012 @ 09:37:47, in scuola, visitato 848 volte)

Da Roma_Daily_News

Cingeneyiz.org - Asilo mobile per bambini zingari 17/01/2012

L'asilo mobile creato per informare i bambini zingari sulle attività prescolari si muove per le strade del quartiere Ceyhan della città di Adana. Le autorità dicono che questo è il primo passo. L'intenzione nelle prossime fasi è di adoperare l'asilo mobile per registrare i bambini zingari alla scuola materna, per creare interesse verso la prescuola.

L'asilo mobile per cui il quartiere Şahin Özbilen è stato scelto come area pilota, data l'alta percentuale di popolazione zingara, intende creare un collegamento tra bambini e scuola. L'asilo mobile opererà ogni settimana in una strada differente.

Si dice che il primo motivo dei problemi educazionali dei bambini zingari è che le loro famiglie non li mandano a scuola. Però questa non è l'unica ragione. Comportamenti discriminatori e pregiudiziali da parte dei compagni di classe, dei genitori e degli stessi insegnanti, potrebbero causare improvvisi abbandoni scolastici da parte dei bambini zingari. Gli studiosi della questione, sottolineano la necessità di superare i pregiudizi contro gli zingari, molto comuni specialmente tra gli insegnanti, se si vuole aumentare il tasso di accessibilità dei bambini all'istruzione. Dev'essere garantito che non ci sia alcun tipo di comportamento discriminatorio a scuola, se davvero si vuole che progetti come quello della scuola mobile abbiano davvero successo.

Source: Anadolu Agency

 
Di Fabrizio (del 19/01/2012 @ 09:18:20, in scuola, visitato 1177 volte)

23 gennaio 2012 ore 16.00

Triestefilmfestival.it

LA NOSTRA SCUOLA - OUR SCHOOL
MONA NICOARĂ, MIRUNA COCA-COZMA

Stati Uniti – Svizzera – Romania / USA – Switzerland – Romania
2011, HD, col., 94'br /> v.o. rumena / Romanian o.v.

ANTEPRIMA ITALIANA - ITALIAN PREMIERE
Fotografia / Photography: Ovidiun Mărginean. Montaggio / Editing: Erin Casper. Musica / Music: Sasha Gordon. Suono / Sound: Mona Nicoară, Miruna Coca-Cozma, John M. Davis. Produzione / Produced by: Sat Mic Film. Coproduzione / Co-produced by: Pipas Films.

Documentary Competition
Il film segue 3 bambini zingari che vivono in un paese rurale della Transilvania e fanno parte di un progetto pilota sull'integrazione nelle scuole rumene, dove vige ancora la segregazione. Alin, Benjamin e Dana partono per la scuola della città, pieni di ottimismo per quello che potranno imparare e per le nuove amicizie che nasceranno. Ottimismo che conservano anche quando i fondi destinati all'integrazione vengono dirottati, in modo discutibile, nella costruzione di una scuola per “soli zingari” e che comincia però a scemare quando i ragazzini si scontrano con la sfiducia di chi li circonda e con un isolamento ancora peggiore. L'artista di origini gitane e ucraine Eugene Hutz, fondatore dei Gogol Bordello e sostenitore convinto dei diritti dei Rom, ha dato il proprio contributo al film consentendo l'utilizzo del brano “Break the Spell”, contenuto nell'album dei Gogol Bordello, Trans-Continental Hustle (2010, American Recordings).
“Ho cominciato a lavorare al film nel 2005, spinta soprattutto dalla frustrazione. A metà degli anni '90, quelli di noi che si occupavano dei diritti dei Rom hanno cominciato a capire quanto fosse diffusa e cronica la segregazione, soprattutto nell'Europa orientale … Il motivo per cui ho iniziato il film è anche personale ed è il senso di colpa. In Romania, sono andata alle elementari con i Rom. Li ho visti essere buttati fuori dopo elementari e medie o semplicemente sparire dalle scuole superiori migliori, quelle che frequentavamo io e i miei amici. Da adolescente, non mi sono mai chiesta perché questo avvenisse. Al momento di cercare una scuola per i miei figli, avevo già cominciato a lavorare come attivista dei diritti umani … Ho voluto tornare indietro e capire dove abbiamo cominciato a sbagliare, e cosa dobbiamo fare di diverso.” (M. Nicoară)

 
Di Fabrizio (del 16/01/2012 @ 09:58:00, in scuola, visitato 1149 volte)

Segnalazione di Luca Klobas. Scrivevo quest'estate, sempre a proposito di un articolo del medesimo giornalista (credo):

    Un altro fenomeno preoccupante di razzismo istituzionale, che riguarda diversi paesi dell'Europa centro-orientale, è quello della segregazione scolastica dei bambini rom posti, senza ragione alcuna, in classi differenziali. Sarebbe un discorso molto lungo, che si potrebbe riprendere in seguito (magari prima di farvi stupire da un ennesimo articolo che troverete in rete), se nel frattempo volete informarvi leggete, prendendovi il tempo che vi necessita, QUI.

Il Piccolo - Classi solo per rom, scontro in Slovacchia
Per la prima volta una sentenza impone di eliminare la separazione tra i banchi. La scuola si oppone

BELGRADO
I contendenti: le autorità scolastiche e un tribunale. Il pomo della discordia: gli alunni rom di una scuola elementare in Slovacchia, quella del paesino di Sarisske Michalany. Sarà una questione che farà discutere ancora a lungo quella nata nel distretto di Presov, nel Nordest del Paese. Il caso è scoppiato con la decisione di una Corte distrettuale locale di sanzionare, per la prima volta nella storia slovacca, la pratica di un istituto scolastico di separare gli alunni di etnia rom da quelli slovacchi "puri". Alla scuola sono iscritti 430 studenti, di cui più della metà rom. Delle 22 classi attive, ben 12 sono riservate ai soli zingari. Tutte collocate su un piano diverso da quelle degli altri ragazzi, per aumentarne ancor più la distanza e l'esclusione.

Secondo la sentenza, i dirigenti scolastici hanno 30 giorni per creare classi miste ma la scuola si oppone. «Stiamo preparando un appello contro la decisione della Corte», ha dichiarato la direttrice Maria Cvancigerova al quotidiano slovacco d'indirizzo liberale "Sme". «Non discriminiamo nessuno, al contrario. Cerchiamo di aiutare i bambini rom» ha rincarato, giustificandosi col fatto che le classi "speciali" consentono di seguire meglio i rom, che spesso «non parlano slovacco, non rispettano le norme basilari d'igiene e non sono assistiti dai genitori, fattori che li condannerebbero a fallire se inseriti in classi miste», ha spiegato un'altra insegnante al giornale. La questione ora ritornerà nelle mani dei giudici – e il rappresentante del governo per la questione rom si è già schierato dalla loro parte – ma intanto i residenti "non-rom" del villaggio parteggiano compatti a favore della separazione. Minacciano di togliere i propri figli dall'istituto e di costringerli al pendolarismo pur di evitare le classi miste. Malgrado le promesse e gli sforzi delle autorità nazionali, la segregazione dei rom nel sistema educativo in Slovacchia è una consuetudine ancora molto diffusa. Secondo il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa Thomas Hammarberg, che ha pubblicato a fine dicembre un nuovo rapporto sulla Slovacchia, la segregazione prende forma attraverso «l'assegnazione sproporzionata di bambini rom a scuole speciali per bimbi con disabilità mentali o con l'inserimento degli alunni rom in classi o scuole solo per rom». Un'abitudine, come dimostra il caso di Sarisske Michalany, difficile da estirpare.

(s.g.) - 13 gennaio 2012

 
Di Fabrizio (del 03/01/2012 @ 09:49:16, in scuola, visitato 1411 volte)

Ogni tanto tocca ripeterlo: in Mahalla amiamo le belle storie. Segnalazione di Fiorella

Giornalettismo.com di CLEMENTINA COPPINI
1 gennaio 2012 Un ragazzino Rom con tre nomi e il suo sogno di andare a scuola

C'è un bambino, si chiama Carlos, è un rom nato nel 1999. In famiglia lo chiamano Daniel ma lui a se stesso ha dato il nome di Lorenzo. Si è battezzato così. Ha fatto fino alla terza elementare nel suo paese, poi ha passato tre anni per strada nel nostro. Non va a scuola da anni, ma lui a scuola ci vuole andare. Così la sua mamma, che è una povera donna che chiede l'elemosina davanti al panificio Crippa, chiede aiuto al Nonno Francesco, il nonno civico della scuola elementare del quartiere, e alla Signora Maria Carmen, madre di una bambina alle elementari e di un bambino alle medie. La mamma di Daniel, di cui nessuno sa il nome e forse non lo sa più nemmeno lei, va alla scuola media del centro della bella cittadina del nord, ma è una stracciona e quindi non la fanno entrare dalla preside. La chiameremo Ferma, perché è una che per la nostra bella società è meglio che non si muova, perché nessuno desidera che si muova. Il suo posto è lì, come arredamento del marciapiede davanti al panificio. Osa andare alla scuola a chiedere l'elemosina di un posto per il suo Lorenzo. Le sgherre della preside hanno l'ordine di non far passare gli scocciatori, che sono i genitori poveri o stranieri o vestiti male o che hanno la fatica e la disillusione stampata addosso. Possono passare solo quelli con la faccia da studiati e con i vestiti stirati, perché quello è il genere di visitatore che non dà fastidio. Ferma ha altre tre figlie in Romania, ha 32 anni ed è già nonna. Vive in un catorcio di camper freddo d'inverno e caldo d'estate e la sua professione è chiedere la carità. Resta lì, Ferma, fuori dalla presidenza, con una specie di penoso sacchetto all'interno del quale stanno accartocciati i documenti suoi e di suo figlio. Passa un anno veloce o lento, ma il tempo scorre per vie e modi paralleli al normale per uno che è abituato a vivere davanti a una vetrina. Il pane ogni giorno è uguale, per chi non ce l'ha.

SCUOLA DI PERIFERIA - Un giorno Nonno Francesco e Maria Carmen vedono il bambino, chiedono alla madre perché non sia a scuola e decidono di andare a parlare con la preside della scuola media del centro. Qualcuno dirà "Come mai non se ne sono accorti prima?" oppure "Era il minimo che potessero fare". Però il fatto è che sono stati gli unici a vedere quel bambino e a pensare di chiedere spiegazioni a Ferma. Gli altri sono passati e basta, si sono accorti ma non è loro interessato e il minimo che potevano fare non lo hanno fatto. Nonno Francesco e Maria Carmen si presentano per parlamentare e vengono fatti passare, perché hanno le caratteristiche che rendono una persona atta a varcare la soglia dell'ufficio della responsabile dell'istituto. Con loro c'è Lorenzo, tutto pulito e ordinato, con ai piedi le scarpe da ginnastica più bianche che si siano mai viste ai piedi di un ragazzo di quell'età. Vuole fare bella impressione perché così magari lo prendono. Per lui sarebbe un privilegio, non sa che da noi è un obbligo. La preside ascolta Maria Carmen e dice che non ha posto per il bambino nella scuola del centro, ma è persona disponibile. Allora chiama la scuola media di periferia, che è più adatta a un bambino rom che lei è sicura che fino al giorno prima chiedeva l'elemosina. Invece no: Ferma non ha mai voluto che suo figlio chiedesse la carità, perché è una cosa troppo umiliante. All'altra scuola risponde la vicepreside (il preside non c'è, perché si vede che in certe zone basta il vice) che lo accetta tra i suoi alunni, non dimenticando di sottolineare come la media del centro abbia scaricato altrove il piccolo rom. Questa è solo una cattiveria gratuita. Se domani alla scuola del centro si presentano a iscrivere il pargolo due bei genitori eleganti e laureati anche nel loro caso la preside chiama la scuola decentrata. Chi potrebbe dubitarne?

NIENTE ISCRIZIONI PER GLI STRACCIONI - Ferma il pomeriggio stesso va in segreteria con il suo scartoccio di documenti, ma è una stracciona anche per la scuola del quartiere popolare e non le danno retta. Non può ritirare il modulo d'iscrizione perché non sa fare la sua firma, così torna alla roulotte pensando che non si può fare niente. Maria Carmen lo viene a sapere la mattina dopo, chiama la vicepreside, che non c'è. Richiama più volte, lascia il suo numero. Niente, non viene richiamata. Presidi e vicepresidi sono molto occupati, non hanno tempo da perdere al telefono. Maria Carmen aspetta, Daniel aspetta. I giorni passano e la scuola non chiama per dire quando il ragazzo potrà iniziare. Alcune anime pie intanto gli procurano del materiale. Quando vede quella che sarà la sua cartella – uno zaino usato che non sembra nemmeno usato, ma l'ex proprietario è un bambino che ne ha uno nuovo ogni anno, perché noi siamo una civiltà che insegna ai propri figli a buttare, e da noi la misurazione dell'usatezza è quantomai soggettiva – non riesce a credere che sia per lui, perché gli sembra troppo bella. Ora che ha il suo zaino della Seven, Lorenzo inizia a credere di potersi sedere a un proprio banco, bisogna insistere. E allora via di nuovo con le telefonate in segreteria e, per incentivare la risposta, con lo scrivere qualche mail alle persone giuste. Tempo poche ore la vicepreside si libera dei gravosi impegni, trovando il tempo per avvisare Maria Carmen che la settimana entrante Lorenzo comincia la scuola. Ferma viene convocata in segreteria con il suo scartoccio di documenti, e stavolta qualcuno aiuta questa zingara analfabeta. Così l'iscrizione viene perfezionata e tutto si smuove. Alla scuola ora pensano anche a come procurargli i libri e a come aiutarlo a recuperare il tempo perduto.

I ROM CHE HANNO PAURA DI NOI - Daniel è sveglio, ma deve imparare tante cose. Gli danno un insegnante di supporto. È un lunedì mattina di ottobre quando Daniel entra in classe. Ce la farà? Le difficoltà dell'affrontare la scuola media per uno che non ha nemmeno finito le elementari lo spingeranno all'abbandono? D'altronde la legge dice che le elementari non le poteva più fare. Nel paese delle eccezioni ci sono regole molto severe, imprescindibili, ferree, sebbene per alcuni soltanto. Purtroppo il ragazzo non potrà andare in mensa, non c'è posto. Con tutto quello che si butta, davvero non si può mettere qualche maccherone in un piatto per lui? No, non si può. Mangerà un panino fuori dalla classe, ma lui è abituato a stare fuori da qualcosa, a non appartenere. Almeno sarà fuori dalla sua classe, e non da una classe qualsiasi o dalla classe di un altro. Ferma lo aspetta ogni giorno fuori da scuola, non lo lascia mai andare in giro da solo. Ha paura per suo figlio, che gira bello e pulito e più ingenuo dei suoi coetanei italiani. Molto più ingenuo. Incredibile a dirsi, ma i rom hanno paura di noi. O forse non è così incredibile. Maria Carmen e una maestra elementare in pensione gli danno ripetizioni due volte alla settimana, ma la strada è lunga e l'inverno sta diventando sempre più freddo, nel camper. Daniel è a scuola, le sue scarpe bianche splendono sotto il banco. Questa storia finisce dove avrebbe dovuto cominciare, con Lorenzo che ascolta la lezione nella sua classe e ha davanti una strada lunghissima, ma ha già iniziato a mostrare di avere un'intelligenza molto brillante. Questa storia è vera, verissima e Lorenzo esiste, eccome se esiste. Studia, Lorenzo, perché, per chi deve salvare se stesso da una situazione schifosa (chi scrive lo sa per esperienza personale), ogni giorno passato a imparare è un nuovo inizio, è la speranza. È Capodanno.

 
Di Fabrizio (del 03/11/2011 @ 09:39:26, in scuola, visitato 1765 volte)

Istituto di cultura Rom Museo del Viaggio (Nella foto: l'albero delle pentole. Realizzzione di Mirko Bezzecchi)

IL POPOLO ROM CULTURA, LINGUA, POLITICHE SOCIALI, USI E COSTUMI, STORIA, INFANZIA

CALENDARIO 2011

3 novembre 2011
La cultura romanì tra passato e presente di Mirko e Giorgio Bezzecchi

10 novembre 2011
Comunità zigane e politiche pubbliche di Maurizio Pagani e Giorgio Bezzecchi

1 dicembre 2011
La musica zigana di Jovica Jovic

15 dicembre 2011
Uno sguardo antropologico sull'infanzia rom di Sophie Alice Sarcinelli

DALLE 17.00 ALLE 19.00
AL MUSEO DEL VIAGGIO IN VIA IMPASTATO, 7 MILANO ROGOREDO
MM3 SAN DONATO

"Lingua e cultura Rom"

Il ciclo d'incontri di Cultura Romanì, curato da Giorgio Bezzecchi e Maurizio Pagani (entrambi con una ricca e ventennale esperienza maturata all'interno dell'Opera Nomadi e in collaborazione con A.P., università e centri di ricerca culturali), sarà volto ad approfondire il tema delle Politiche Pubbliche e gli aspetti culturali dei diversi gruppi rom e sinti.
Gli incontri avranno una frequenza bisettimanale per un totale complessivo di 50 ore. E' possibile iscriversi anche a uno o più cicli d'incontro di proprio interesse.

Il corso si avvarrà della partecipazione di studiosi e docenti universitari che operano da diversi anni nel Settore, proponendo approfondimenti di ricerca tematici.

Gli incontri tematici avranno come relatori filologi, antropologi, pedagogisti, sociologi, ma anche artisti e figure del popolo Rom e Sinto.
Il corso è rivolto a insegnanti, educatori, mediatori, assistenti sociali, amministratori e impiegati pubblici, studiosi, ricercatori…. e a chiunque abbia voglia di approfondire questo tema.

"Musica zigana"

Il Maestro Jovica Jovic, proporrà un corso di cultura musicale con l'uso e la conoscenza di alcuni strumenti musicali tipici e l'insegnamento della fisarmonica. Jovica è senz'altro oggi, unanimemente, riconosciuto come uno dei più valenti musicisti nato e formatosi all'interno delle comunità Rom.Autore e protagonista di numerose performance artistiche, metterà a disposizione il suo talento musicale e la grande generosità umana per accostarsi e approfondire la conoscenza e l'insegnamento della musica zigana, attraverso lezioni frontali e di gruppo.
Gli incontri avranno una frequenza bisettimanale per un totale complessivo di 50 ore.
Il corso è rivolto a coloro che intendono approfondire la propria conoscenza musicale.

I DOCENTI:

  • GIORGIO BEZZECCHI – presidente della cooperativa Romano Drom, è un Rom Harvato, esperto di processi e politiche di mediazione culturale. Da molti anni è uno dei massimi dirigenti dell'Opera Nomadi. Vive e lavora a Milano.
  • MAURIZIO PAGANI - dirigente dell'Opera Nomadi, da molti anni è attivamente impegnato in azioni di promozione sociale delle comunità zingare e studio delle politiche pubbliche. Vive e lavora a Milano.
  • SOPHIE ALICE SCARPINELLI - dottore in antropologia presso l'Ehess di Parigi - École des Hautes Études en Sciences Sociales - si occupa di antropologia dell'infanzia.
  • JOVICA JOVIC - Musicista Rom Dal 1971 al 1996 ha fatto il musicista in vari paesi d'Europa. Dal 1996 vive stabilmente in Italia e continua ad esercitare la professione di musicista.
  • MIRKO BEZZECCHI - Anziano della famiglia Bezzecchi, Rom harvato, è l'unico della sua famiglia di origine ad essere sopravvissuto al Porrajmos. E' cittadino italiano di origine slovena.
 
Di Fabrizio (del 31/10/2011 @ 09:58:04, in scuola, visitato 1354 volte)

Scrive Agostino Rota Martir: Altra "perla" apparsa su il Tirreno di Pisa, merita leggere per intero l'articolo (ho solo il .pdf e sotto riporto l'edizione breve su web, ndr) per renderci conto della pericolosità sociale, che l'Amministrazione sta conducendo con caparbietà verso i Rom... l'assessore al sociale gradualmente e poco alla volta sta iniettando nell'opinione pubblica il virus anti rom e che purtroppo sembra assimilare bene, grazie all'impegno costante del Il Tirreno (area PD??)
Ora il loro messaggio si potrebbe tradurre così: (parole mie) l'integrazione può diventare un pericolo per la sicurezza cittadina, perché questa non scoraggia i Rom a lasciare il territorio, anzi ne attira altri! Quindi rendiamo difficile la frequenza dei bambini Rom nelle scuole cittadine...

Il Tirreno di Donatella Lascar
L'assessore: non aveva senso mantenerlo, quella struttura va chiusa

TIRRENIA. Quest'anno niente scuolabus per i bambini del campo rom della Bigattiera. Secondo Guia Giannessi, insegnate della scuola media di Marina e responsabile per l'intercultura dell'istituto, molti di questi bambini hanno smesso di andare a scuola perché non tutti i genitori hanno un mezzo per accompagnarli e la fermata dell'autobus di linea è troppo lontana dal campo per arrivare a piedi. «Molti sono venuti a scuola solo i primi giorni arrangiandosi in qualche modo - afferma l'insegnante -, sperando che poi ci sarebbe stato il pulmino come ogni anno. Quando però hanno visto che per loro questo servizio non era stato ripristinato, hanno smesso di venire. Molte mamme, che magari hanno il marito in carcere, non possono portare i bambini a scuola perché non hanno né patente, né macchina. Dei rom presenti sul territorio vengono solo quelli che risiedono all'Ittiogenico in viale D'Annunzio perché da quella strada passa l'autobus di linea. Tutto questo mette a rischio il progetto di integrazione iniziato diversi anni fa e interrompe i rapporti con le famiglie che ormai ci avevano accordato la loro fiducia». Ma per l'assessore alle politiche sociali Maria Paola Ciccone, che in questo caso è anche la dirigente scolastica dell'istituto comprensivo del litorale, la cancellazione del servizio al campo rom è dovuta alla decisione già presa da mesi di smantellare il campo e serve anche a disincentivare nuovi arrivi. «Nel momento in cui avevamo detto che il campo sulla Bigatti era doveva essere chiuso - sostiene l'assessore -, non potevamo attivare il servizio, sarebbe servito solo ad illudere chi invece deve andarsene e magari ad attivare nuovi arrivi dai comuni limitrofi. Arrivi che non sono stati autorizzati né dai comuni di provenienza e né dalla Società della Salute - afferma l'assessore Ciccone -. Comunque, nel campo ci sono genitori che hanno mezzi propri e che accompagnano i figli a scuola e la fermata dell'autobus di linea non è poi così lontana. Ci sono ragazzini che fino ad ora non hanno saltato neanche un giorno di scuola. Mentre per i piccolini delle materne stiamo cercando una soluzione con dei volontari. Il comune di Pisa sta lavorando con la Regione e i comuni di Livorno, Cascina, Santa Croce, e Cenaia, ossia quelli da cui provengono le famiglie rom che si sono aggiunte in quest'ultimo anno a quelle storiche della Bigattiera, per raggiungere un accordo su un progetto per il loro rientro».

 
Di Fabrizio (del 22/10/2011 @ 09:22:22, in scuola, visitato 1284 volte)

sabato 29 ottobre dalle ore 20.00
C.S. La Fornace Via Moscova 5, Rho
 
Serata di finanziamento per la scuola d’italiano della Fornace

20.00 – Cena
Menù Balcanico Vegano
antipasto crostini con salsa yogurt e salsa ajvar
primo pasulj (crema di fagioli bianchi con spezie e bocconcini di soia)
secondo cevapcici (polpettine vegane) in salsa ajvar con patate e cipolle soffritte
contorno insalata mista di verdura fresca con salsa yogurt
dolce baklava

22.30 – Live concert Caravan Orkestar ft. Jovica Jovic

Caravan Orkestar
Una allegra e festosa carovana di musica nello stile delle fanfare balcaniche e con un pizzico di klezmer ebraico.

La Caravan Orkestar, gruppo di recente formazione (2005) propone nel proprio repertorio musiche arrangiate principalmente secondo lo stile delle fanfare balcaniche.
Lo stile e le musiche di Goran Bregovic ed Emir kusturiza fanno da cornice a brani tratti dal repertorio ebraico popolare nello stile klezmer, non disdegnando generi quali il funk e blues.
La ricerca del repertorio musicale spazia, secondo lo spirito e il nome stesso del gruppo, in differenti generi musicali per rappresentere idealmente l’itinerario di una carovana nei diversi aspetti sociali e culturali del mondo, dove, la musica popolare rappresenta nel modo migliore , vita e usanze delle diverse popolazioni che vi abitano.
Malgrado sia presente da poco nel panorama della provincia Bergamasca, ha avuto diverse occasioni per esibirsi, riscuotendo ovunque consensi.
Si segnala la partecipazione alle ultime due edizioni del carnevale organizzato dalla provincia di Bergamo e al carnevale di Trezzo sull’Adda e al Festival di Artisti di Strada di Costa di Mezzate,
Collabora assiduamente con gruppo teatrale ERBAMIL di Ponteranica.

Il gruppo a organico variabile parte da un minimo di 10 elementi ad un massimo di 25/30.
Il volume sonoro prodotto dall’organico al suo completo non può che trasmettere una sensazione irrefrenabile di movimento da parte di chi ascolta.
QUINDI….
Caravan Orkestar Trombe, tromboni, sassofoni, clarinetti e percussioni daranno vita ad una festa balcanica-slava-ebraica in perfetto stile Kusturica in un concerto tutto da ballare!!!!

Jovica Jovic - ma penso lo conosciate bene... : - )
Balval è nato nel 1953 da una famiglia di musicisti rom. Suo padre e suo nonno erano violinisti, all’età di 9 anni ha scelto invece la fisarmonica, strumento nuovo per quei tempi. All’età di 12 anni suonava ai matrimoni e alle feste. A 18 anni ha deciso di cercare fortuna in altri paesi che potessero offrirgli maggiori possibilità della Serbia.
Dal 1971 al 1996 ha fatto il musicista in vari paesi d’Europa. Dal 1996 vive stabilmente in Italia e continua ad esercitare la professione di musicista.
Da cinque anni circa collabora con un gruppo di musica serba e balcanica, i Muzikanti. Con loro ha prodotto due dischi, e insieme a loro si esibisce in occasione di eventi pubblici e privati (feste, matrimoni, ecc). Insieme ad altri musicisti rom ha animato numerose serate in tutta Italia organizzate da Opera Nomadi, con cui collabora dal 1984.
Nella sua vita ha registrato numerosi dischi, come solista o come membro di orchestre; nel 2000 ha partecipato alla tournée di Piero Pelù, con il quale ha anche registrato un video; con Moni Ovadia ha stretto una fraterna amicizia ed insieme hanno partecipato alla mostra su De Andrè, attualmente in giro per l’Italia. Numerosi sono i suoi concerti in occasioni ufficiali, in memoria dell’olocausto con la partecipazione di enti pubblici.
La sua fisarmonica ha quasi 40 anni. Jovica Jovic l’ha acquistata appena arrivato in Italia, a Stradella, nel 1971. Per essere precisi è una fisarmonica cromatica, uno di quei modelli introvabili con i bottoni al posto della tastiera, difficilissima da suonare. Jovic è un serbo di etnia rom e a guardarlo sembra un elegante pensionato sulla cinquantina, sorridente e dai modi gentili. Ma, suo malgrado, per tanto tempo ha avuto una doppia vita. Quella ufficiale, sui palchi di mezza Italia a fianco di artisti internazionali e assieme alla sua bae l’altro. Con un’unica colpa: avere un visto scaduto. Ora il Maestro non è più clandestino.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/03/2020 @ 10:51:02
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Usten Romalen!... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4068 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< marzo 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Ciao Hai bisogno di finanziamenti per la tua casa,...
26/03/2020 @ 11:24:51
Di gian
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
21/03/2020 @ 14:35:25
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source