Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 11/04/2008 @ 09:26:27, in scuola, visitato 1715 volte)

Da Vita

Nella giornata internazionale dei Rom, si è aperta oggi a Bratislava la conferenza "Education and training of Roma children and youth: the way forward" alla quale ha preso parte anche una delegazione italiana, composta da Raffaele Ciambrone, dirigente del ministero della Pubblica Istruzione, Arcangelo Patone, della segreteria della Sottosegretaria di Stato ai Diritti e Pari Opportunità, Donatella Linguiti, i Consiglieri nazionali dell'Opera Nomadi, il portavoce Rom del campo di Triboniano a Milano Costantin Marin, rumeno, Kasim Cizmic, portavoce Rom bosniaco del campo di Pontina Nuova a Roma e la sociologa Maria Rosaria Chirico, autrice del "Progetto-Ferrero", il primo in Italia ad occuparsi della scolarizzazione delle comunità Rom abusive.

L'incontro, promosso dal Consiglio d'Europa, ha l'obiettivo di condividere politiche e pratiche educative che possano aumentare la qualità e la partecipazione dei ragazzi Rom nel processo formativo dei paesi europei in cui vivono. Tre temi in particolare saranno il focus della discussione di oggi e domani: l'ambiente socio-educativo dei giovani e dei bambini, il ruolo e la responsabilità dei principali attori (dai livelli istituzionali a quelli scolastici fino alle famiglie e comunità di appartenenza); modelli e pratiche efficaci che sono compatibili con le politiche antidiscriminazione e i diritti umani; rinforzare e implementare le politiche educative: il contributo dei governi internazionali e delle organizzazioni non governative.

Tra i relatori alla conferenza molti i rappresentanti dell'Est Europa (Romania, Bulgaria, Slovacchia, Croazia), Gabriele Mazza, direttore del dipartimento su scuola, educazione e lingue del Consiglio d'Europa, il ministro degli Affari sociali e della salute della Finlandia, Pekka Haavisto e Anita Botosova, plenipotenziario del governo slovacco per le comunità Rom.
Come sottolineato da Thomas Hammarberg della commissione sui diritti umani del Consiglio d'Europa "l'esistenza del problema è di per sé il problema" ed è necessario lavorare anche sulla pre-scolarizzazione e l'ambiente familiare nel quale vivono i ragazzi e giovani Rom. Fondamentale secondo Miranda Vuolasranta, vice presidente del Forum dei Rom, Sinti e Camminanti europei, è l'approccio delle politiche europee: "Nothing for Roma, without Roma" ha più volte ripetuto Vuolasranta, ribadendo la necessità di tenere conto anche del punto di vista dei Rom su educazione e formazione, delle pratiche da mettere in gioco e capire in che modo i Rom possano sentire come loro esigenza l'accesso al processo educativo del paese in cui vivono.

"L'Opera Nomadi crede che siano le istituzioni a far da protagoniste nel processo di integrazione scolastica dei Minori Rom/Sinti in Italia che vede diecine di migliaia Rom non solo non scolarizzati ma nemmeno vaccinati e la gran parte di minori Rom/Sinti italiani non consegue nemmeno la licenza media inferiore" - sostiene Massimo Converso, Presidente Nazionale Opera Nomadi - "È perciò fondamentale che la delegazione veda presenti congiuntamente il Governo Italiano ed i rappresentanti del popolo Rom. Preoccupa invece che la partecipazione a tale Convegno ufficiale sulla scolarizzazione dei minori Rom/Sinti sia scaturita dalla sinergia fra Opera Nomadi e Ministeri e non da un rapporto consolidato fra Consiglio d'Europa e Governo Italiano, rapporto che ha mosso i primi passi soltanto oggi".

"La Scuola Italiana si contraddistingue per essere una scuola aperta a tutti e accogliente" - afferma Raffaele Ciambrone, responsabile dell'Ufficio centrale per l'integrazione scolastica degli alunni di cittadinanza non italiana. "Il diritto all'istruzione, che è un diritto universale dell'infanzia, è assolutamente tutelato. Chiunque può iscriversi a scuola, anche se non in posizione regolare di soggiorno. Non esistono classi speciali: siamo per la scuola comune. Purtroppo non abbiamo un'idea chiara di quanti siano i bambini Rom presenti in Italia, non possiamo sapere quanti siano iscritti e quanti restino invece a casa o nei campi. Di qui la necessità di realizzare un'indagine e di fare delle rilevazioni distinte e puntuali. È allo studio di un gruppo interministeriale, e dello stesso Ministero dell'Interno, un progetto per unificare tutte le banche dati esistenti e creare un sistema unico di monitoraggio".

 
Di Fabrizio (del 24/03/2008 @ 08:52:33, in scuola, visitato 1841 volte)

Praga, 17.3.2008, 19:07, (ROMEA/CTK) - Il numero di scuole preparatorie per bambini Rom sta crescendo e 164 classi per 1929 studenti sono state aperte in quest'anno scolastico, è quanto hanno riportato rappresentanti del Ministero per l'Educazione durante un seminario.

Le scuole preparatorie sono state fondate nella Repubblica Ceca tre anni fa per aiutare i bambini Rom a riuscire nella scuola elementare senza passare nelle scuole speciale per alunni con difficoltà nell'apprendimento.

Jirina Ticha del Ministero per l'Educazione ha detto a CTK che il 12% dei richiedenti era stato rifiutato l'anno scorso. Ha aggiunto che c'è bisogno di circa 300 classi preparatorie.

Ticha ha puntualizzato che solo un piccolo numero di bambini Rom frequenta gli asili d'infanzia.

Una ricerca della fondazione NROS mostra che molti bambini Rom hanno cattivi risultati perché non parlano bene il ceco e non comprendono pienamente icompiti che gli insegnanti richiedono loro. Mancano anche di conoscenza e abilità, conclude la ricerca.

Le scuole preparatorie li aiutano a rimuovere queste barriere.

L'80% dei bambini Rom che hanno frequentato le scuole preparatorie vanno alle scuole elementari standard. Dice Radka Soukupova, del consiglio governativo per gli affari Rom, che i bambini hanno migliori possibilità di rimanervi.

Secondo la ricerca di NROS, 7 bambini su 10 e metà delle bambine Rom ripetono l'anno scolastico oppure sono mandati alle scuole speciali per ritardati. Nella popolazione maggioritaria, la proporzione è di un decimo.

Soukupova dice che molti genitori Rom non motivano i ragazzi ad imparare a scuola, dato che loro stessi hanno frequentato le scuole speciali.

Afferma che il sistema di benefici sociali non contribuisce a raggiungere la migliore qualificazione possibile.

E' necessario trovare i mezzi finanziari per aiutari più bambini Rom possibile a terminare la scuola elementare e frequentare le secondarie.

"L'investimento ripagherà" dice Soukupova.

Nonostante il numero crescente di Rom che frequentano le scuole secondarie e l'università, nota che sta crescendo la differenza tra la scolarizzazione dei Rom ed il resto della società.

La maggior parte di quanti vivono nelle 300 località considerati ghetti tar i 10 milioni di Cechi sono Rom. Oltre 80.000 Rom, circa un terzo del totale, vive nei ghetti.

ROMEA/CTK

 
Di Fabrizio (del 21/03/2008 @ 09:02:34, in scuola, visitato 1444 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Le associazioni del Comitato "Rom e Sinti insieme" nel ringraziare tutti coloro che hanno dimostrato interesse e sostenuto il progetto Esmeralda 2007/08 "Anno del dialogo interculturale" informano che, grazie al ricavato del libretto "Il rom e il diavolo", sono stati realizzati altri tre racconti illustrati relativi alla storia/cultura delle minoranze Rom e Sinte, nella convinzione che sempre più sia necessario opporsi a pregiudizi e stereotipi attraverso la conoscenza e l’acquisizione di competenze per interagire in un contesto sempre più complesso e articolato.

"L’umanità contemporanea parla con molte voci. La questione centrale della nostra epoca è come trasformare questa polifonia in armonia, ma sappiamo che essa è edificata esclusivamente con la calce e i mattoni degli affetti umani e dell’impegno"

S. Flusty

Un proverbio africano espressione della saggezza popolare, recita : "Se volete salvare delle conoscenze e farle viaggiare attraverso il tempo, affidatele ai bambini"….… ed è proprio a tutti gli alunni delle nostre scuole, qualunque sia la loro appartenenza etnico-culturale, a cui è dovuto il nostro impegno se vogliamo costruire le basi di un’armonica convivenza.

Solo attraverso il reale ascolto di tutte le culture presenti sul territorio, la scuola può assolvere il suo mandato educativo istituzionale e non può correre il rischio di essere vissuta come luogo dove si perde la propria identità, ma, al contrario, essa deve rappresentare uno strumento importante per contrastare qualsiasi forma di razzismo e di ghettizzazione culturale.

Ognuno dei libretti, adatti per le prime classi della scuola primaria, è costituito da:

  • un racconto illustrato
  • alcune semplici informazioni di carattere storico
  • una sintetica proposta didattica

PER INFORMAZIONI

Maria Grazia Dicati
Tel: 049/9702573
e-mail madidicati2001@yahoo.it 

Comitato Rom e Sinti Insieme
Segreteria Tecnica: via don Enrico Tazzoli n°14, 46100 Mantova
Tel. 0376 360 643 fax 0376 318 839
e-mail: romsinti.insieme@libero.it

 
Di Fabrizio (del 16/03/2008 @ 08:58:33, in scuola, visitato 1644 volte)

Da Roma_Francais

"All'inizio, alcuni vengono a volte piedi nudi in pieno inverno, ma dopo alcuni mesi di scuola, l'atteggiamento dei genitori evolve ed i bambini arrivano vestiti propriamente".

Marko Urdzik, robusto direttore del Centro rom di Lipany, non sa "come misurare i progressi quando si parte da così in basso", ma ha una certezza: "l'educazione dei più piccoli è il solo mezzo di migliorare le cose" per la comunità rom di Slovacchia, una delle più povere d'Europa.

Tutti lo conoscono nel quartiere rom della borgata industriale di Lipany, chi si riassume, come spesso nell'est slovacco, in edifici rovinati, delle case di pannocchia e delle capanne.

Marko Urdzik anche lui conosce tutti: "per occuparsi dei bambini, devi conoscere la famiglia in senso largo, chi è chi, chi fa cosa, chi vuole cosa, chi non vuole niente. Alcuni non vogliono realmente nulla, neanche occuparsi dei loro bambini che osservano crescere nei détriti."

"Il più difficile, sono di abituare i bambini a scuola quando vivono con adulti che non fanno nulla", sottolinea Jozef Gorol, detto "Jozko", insegnante in un altro centro, a Stropkov. Questa città di 11.000 abitanti conta un migliaio di Rom, proporzione che riflette la demografia di questo paese diventato europeo nel 2004- circa 500.000 zingari per 5,5 milioni di abitanti.

A Stropkov come a Lipany, lo scopo è di attirare i bambini "per evitare che si trascinino da soli fuor tutto il giorno", sviluppare l'igiene di quelli che non si lavano, favorire il risveglio con il disegno, la musica o la danza, apprendere lo slovacco per quelli che parlano soltanto il romanes.

"Se non si preparano, saranno esclusi dal sistema scolastico perché non potranno adattarsi", garantisce il direttore del centro di Lipany.

Secondo un recente rapporto di Amnesty International, più del 60% fermano la loro scolarità alle primarie, il 3% raggiunge le secondarie, lo 0,3% stacca un diploma universitario.

Aladar Badyi 22 anni, arrestato "a causa delle sue cattive frequentazioni". Insegna danza e disegno al centro di Stropkov, "è la possibilità della sua vita, la sua sola felicità".

Vi passa i suoi giorni anche se il suo contratto prevede soltanto due ore al giorno per 1900 corone (58 euro) al mese, nel quadro del "lavoro d'attivazione" realizzato dal governo precedente contemporaneamente ad una riduzione drastica degli aiuti sociali.

Con il fleble livello degli incitamenti finanziari, le riforme liberali hanno avuto per effetto, secondo i lavoratori sociali, di peggiorare la miseria senza ridurre la disoccupazione che riguarda il 100% dei Rom. Alcuni vivono senza luce né riscaldamento per mancato pagamento, i sindaci li espellono per ritardo nel pagare l'affitto.

Un programma di rialloggiamento è stato lanciato ma, secondo differenti studi, la vita dei Rom non ha smesso di degradarsi dalla fine del comunismo, nel 1989. Allo stesso tempo, la "percezione negativa (della società) è peggiorata a causa in particolare del loro declino sociale, della disoccupazione crescente e della loro aumentata dipendenza riguardo agli aiuti sociali", secondo una relazione della Banca mondiale

"Per troppo tempo, i Rom si sono lasciati portare dal sistema", ritiene Jozko. La sua storia mostrare tuttavia che prendere la propria vita in mano non è facile: ha abbandonato l'università dopo essere stato attaccato nella città universitaria dagli skinheads, quindi quando ha deciso di lavorare al centro di Stropkov, molti, nella sua Comunità, la hanno insultato trattandolo da "collabo".

A 26 anni, Daniel Hubac, direttore del centro di Stropkov, si dice "spesso deluso" da quelli di cui si occupa ed "a volte disperato" cper le difficoltà del suo lavoro. Alla passività dei Rom, si aggiungono, secondo lui, una "mancanza di volontà politica nonostante le grandi dichiarazioni di intenti", peggiorata dai criteri opachi di quelli che, a Bratislava, assegnano gli aiuti pubblici e separano le domande di fondi europei.

 
Di Fabrizio (del 19/02/2008 @ 18:42:41, in scuola, visitato 2873 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

La raccomandazione nr 4 (2000) del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulla scolarizzazione dei fanciulli rom/sinti in Europa afferma :

“NEI PAESI IN CUI LA LINGUA ROMANÌ È PARLATA OCCORREREBBE OFFRIRE AI FANCIULLI ROM/SINTI LA POSSIBILITÀ DI ACCEDERE AD UN INSEGNAMENTO NELLA PROPRIA LINGUA MATERNA”


Prima di presentare il testo “Leggere e scrivere in romanés”, desidero riportare due episodi : il primo ha come protagonista Baba una bambina rom e il secondo si riferisce ad Andrea un bambino non rom

Baba: “ Perché io devo imparare la lingua italiana, mentre i miei compagni non devono imparare la mia lingua?” chiedeva e, quasi per una forma di protesta non parlava più italiano e alle mie domande rispondeva in romanès.

Andrea invece era un bambino non rom : nei tempi in cui si recitavano le preghiere prima delle lezioni, avevo predisposto un foglio con la preghiera del Padrenostro in romanès, in modo da alternarla con quella in italiano.

Andrea però perdeva regolarmente il foglio (così raccontava) e dovevo ridarglielo ogni volta che si pregava in romanès.

Un giorno però il bambino non ce l’ha fatto più a raccontare queste bugie : “ Mia mamma mi strappa il foglio e non vuole che io reciti la preghiera con queste parole” mi rivelò singhiozzando e vergognandosi di fronte ai compagni

Quale può essere quindi il punto d’incontro tra la richiesta di Baba e il rifiuto dei genitori di Andrea ? Come conciliare le due posizioni ? E come rispettare anche quei bambini Sinti o Rom che ti sussurrano all’orecchio : “ Non dire agli altri che siamo perché il papà non vuole! “

La scuola, come Istituzione pubblica, si trova nella condizione di dover contemplare le diverse opinioni per rispetto del singolo alunno che non deve crescere in un contesto scolastico in contrapposizione con l’ambiente familiare; ecco quindi l’importanza della progettazione e della chiarezza da parte di una scuola diventata multiculturale.

Non è invece consigliabile intervenire in modo estemporaneo, in quanto il nostro intervento didattico potrebbe essere sottovalutato, se non ostacolato dagli stessi rom/sinti soprattutto per azioni relative alla lingua e cultura romanì, ma anche dagli altri genitori preoccupati per il rallentamento del programma scolastico.

Il testo “ Leggere e scrivere in romanés” vuole essere un attestato di riconoscimento, attraverso il codice scritto, di una lingua orale antichissima, una lingua ancora utilizzata da alcuni gruppi, ma che rischia di scomparire non solo per il mancato riconoscimento legislativo, ma anche per scelta di coloro che vogliono o che sono costretti a mascherare/rinnegare la loro vera identità.

Il testo non si propone l’insegnamento del romanès, ma soprattutto la valorizzazione della lingua madre per i bambini rom e sinti, il riconoscimento della loro diversità linguistica e la comprensione da parte dei compagni e dei docenti per eventuali difficoltà ed incertezze in lingua italiana, seconda o terza lingua per gli alunni Sinti e Rom.

Come riportato dalla collega di Roma può diventare uno stimolo: “Gli alunni che venendo a scuola sanno di trovare qualcosa, anche poco, che fa riferimento al loro mondo "fuori" e che, anzi, li aiuta a comprenderlo e valorizzarlo meglio (e questo vale per tutti gli alunni di origine diversa da quella italiana) e che avvertono la curiosità degli autoctoni alla conoscenza e allo scambio, trovano una diversa e più forte motivazione alla frequenza e all'apprendimento anche quando questo prevede percorsi lunghi, a volte differenziati o difficoltosi

Il testo riporta i vocaboli in Romanés harvato ma, visto gli obiettivi più di carattere educativo che cognitivo, può essere utilizzato anche nelle classi dove frequentano bambini rom e sinti di altri gruppi.

Interessante la riflessione della collega M. Cristina Fazzi : ”Va precisato, nel merito, che il romanes usato nel testo citato è quello dei Rom Harvati etnia a cui non appartengono gli alunni che frequentano la nostra scuola, pur tuttavia ci sono molte similitudini e soprattutto la metodologia di impostazione dei testi ha offerto una forte motivazione a rimuovere quella forte ostilità che questi bambini provano nel socializzare la loro lingua così come altri aspetti della loro cultura al punto che per loro è tornato facile, spontaneo e coinvolgente "ritradurre" tutti i vocaboli non "congruenti"

Giorgio Bezzecchi, mediatore culturale rom dichiara : “…….. una particolare ATTENZIONE ALLA CULTURA ED ALLA LINGUA DEI ROM E DEI SINTI non soltanto incoraggerà la frequenza, ma potrà fornire agli stessi un valido aiuto perché acquistino una piena coscienza culturale dell’oggi e del domani….

…. GIOCARE IN ROMANES



Anche questo sussidio, come il testo in romanés vuole essere un ulteriore contributo per la valorizzazione della lingua dei Rom e dei Sinti e quindi veniva utilizzato alternandolo con altre tombole in lingua italiana

E’ risultato un ottimo strumento didattico che permetteva :
agli alunni non rom di capire le difficoltà dei bambini rom quando dovevano chiedere all’insegnante di mostrare l’immagine, non conoscendo le parole della tombola in italiano,
agli alunni rom di essere competenti e sicuri nell’individuare l’immagine pronunciata in romanès, constatando che anche gli alunni non rom si trovavano nelle loro medesime condizioni, non conoscendo le parole in romanés


Il mettersi ognuno al posto dell’altro e constatare le reciproche difficoltà, contribuiva a creare condizioni più favorevoli per la comprensione e la socializzazione tra alunni; spesso il bambino rom diventava un vero ed unico protagonista di fronte ai suoi compagni, per i suggerimenti e il supporto all’insegnante relativamente alla corretta pronuncia del vocabolo in romanés.

Oltre a queste finalità educative, il gioco serviva anche per l’insegnamento individualizzato, in particolare per le esercitazioni di analisi e sintesi di brevi e facili parole.

A tale scopo sono state selezionate parole di una o due sillabe semplici, evitando vocaboli o lettere che sul piano fonetico potevano costituire un problema di pronuncia da parte dell’insegnante che non conosce la lingua romanés.

Il programma è costituito da 14 unità didattiche, corrispondenti a 14 consonanti dell’alfabeto, per ognuna delle quali sono state selezionate 8 parole per un totale di 112 vocaboli in romanés.

Il gioco è composto da :
24 cartelle con illustrazioni e parole in romanés
tessere con illustrazione e dietro la parola in romanès scritta in stampato maiuscolo
tessere con illustrazione e dietro la parola in romanès scritta in stampato minuscolo
tessere con l’ illustrazione e dietro la parola in italiano scritta in stampato minuscolo

Si può giocare a tombola sia in romanés che in italiano utilizzando le varie cartelle e le tessere corrispondenti.

Adoperando invece solo lo tessere con le illustrazioni e le parole sul retro tessera, si può giocare a memory in coppia : si capovolgono coppie di tessere con le illustrazioni e vince chi riesce a trovare il maggior numero di coppie

Finalità didattica del gioco “memory” è la corrispondenza tra stampato maiuscolo e minuscolo in romanés e la corrispondenza tra parole in romanés e parole in italiano

Concludo con un augurio che Spatzo (nella lingua dei Sinti Estrekárja significa "uccellino, passero) rivolge ai Sinti affinchè non dimentichino la lingua dei loro padri.

Purtroppo sono consapevole che si tratta di un augurio tardivo dal momento che l'abbandono della lingua materna costituisce ormai un processo irreversibile in questa fase storica.

Nel nostro mondo asservito al capitalismo ed al consumismo la gente impara le lingue solamente se queste gli servono. Forse occorre cominciare a capire che si può imparare (o re-imparare) una lingua per servire ad essa, per far sì che non muoia ma continui ad esistere come un pezzo importante dell'identità di un popolo...

 
Di Fabrizio (del 10/02/2008 @ 09:49:24, in scuola, visitato 1792 volte)

New Kosova Report

Mentre la maggioranza della popolazione albanese si lamenta della qualità dell'istruzione in Kosovo, i gruppi minoritari lottano contro ulteriori difficoltà, dalla mancanza di programmi e di libri di testo, senza accesso all'istruzione nella loro lingua.

Sehadin Shok della Missione OCSE in Kosovo dice che questo è il caso della comunità Gorani. Dice: "Negli ultimi quattro anni, hanno affrontato seri problemi nell'iscrivere i loro bambini all'istruzione primaria." Ci sono circa 8.000 Gorani in Kosovo.

Cadendo tra le crepe

Nel 2003 l'Assemblea del Kosovo ha adottato una legge sulla scuola primaria e secondaria per le minoranze linguistiche. La legge, d'altronde, non prevedeva programmi per gli studenti Serbi o i non-Serbi.

Dice Mursel Halili, insegnante gorani e rappresentante della comunità: "Sino al2003, i nostri bambini venivano istruiti in serbo e seguivano i programmi serbi."

Le Istituzioni Provvisorie di Auto Governo (PISG), il Ministero dell'Istruzione, Scienza e Tecnologia in particolare, vuole che la comunità gorani frequenti i programmi maggioritari, quindi non sono stati creati libri e programmi in serbo.

"Noi abbiamo continuato ad insegnare secondo i programmi serbi," dice Halili, "così i bambini non perderanno anni di scuola e potranno continuare verso l'istruzione superiore qui nella regione."

D'altra parte, il ministero è stato riluttante nel permettere l'uso dei programmi serbi, e negli ultimi quattro anni, gli studenti gorani non hanno potuto iniziare puntualmente l'anno scolastico. Le loro scuole sono state minacciate di chiusura nel 2007.

L'Alto Commissario OCSE per le Minoranze Nazionali, Knut Vollebaek, ha riconosciuto il problema durante la sua visita in Kosovo tra il 10 e il 15 gennaio. "Il mancato sviluppo di programmi in serbo da parte delle istituzioni kosovare, sta avendo un impatto negativo sui bambini gorani," dice.

Trovando una soluzione

Nel tentativo di disinnescare le tensioni, nel novembre 2007 la Missione OCSE ha organizzato tavole rotonde per raggiungere la consapevolezza tra i partners, il ministero in particolare, sui bisogni e problemi delle minoranze.

"Il nostro scopo era di identificare i suggerimenti e assistere il PISG nello sviluppare misure per integrare le minoranze e preservare la loro identità," dice Shok. Il testo sarà presto disponibile.

Halili dice che la tavola rotonda con i Gorani è stata molto positiva. "Abbiamo discusso apertamente il problema coi rappresentanti del ministero - abbiamo fatto le nostre proposte e discusso le soluzioni possibili," dice, aggiungendo: "Il fatto che le scuole primarie stiano già funzionando è un successo."

Mancano i libri di testo

Anche altri gruppi di minoranza affrontano problemi simile. Bosniaci e Turchi, per esempio, sono senza libri di testo nella loro lingua.

"Non sono disponibili libri di testo per il quinto grado, mentre sono in preparazioni quelli per il terzo, quarto e ottavo grado," dice Shok. "Per l'istruzione secondaria non ci sono libri di testo disponibili."

Anche quando i libri sono disponibili, la qualità spesso è povera. La traduzione dall'albanese è stata fatta da chi parla la lingua ma non conosce la materia, la fisica, ad esempio," aggiunge. "Così, la terminologia è spesso sbagliata." Per aiutare a colmare il gap, nel 2007 la Missione ha donato 2.800 libri alla Biblioteca Cittadina di Prizren per i 2.500 Bosniaci del Kosovo.

La Missione ha anche aiutato le comunità più marginalizzate - Rom, Askali ed Egizi -a migliorare la loro istruzione. Grazie alla Missione, 1.800 bambini e ragazzi sono stati in grado di raggiungere il livello scolare richiesto dalla scuola maggioritaria primaria e secondaria.

Scolarizzazione parallela per i Serbi

Mentre queste comunità combattono per migliori condizioni di istruzione, gli studenti serbi frequentano un sistema scolastico parallelo sotto l'autorità del Ministero Serbo della Scienza ed Educazione.. La Missione ha sviluppato un numero di progetti per aiutare anche queste scuole.

Per esempio, aiutando a modernizzare il laboratorio di ingegneria della Scuola Tecnica di Mitrovica Nord, installando nuovi computers, stampanti, scanners ed altri equipaggiamenti. Ha fornito autobus scolastici agli studenti serbi delle scuole nella regione di Peje/Pec, assicurando loro libertà di movimento.

Il nuovo Governo ha di fronte un gran numero di vecchi problemi. "La Missione OCSE ha però fiducia che la leadership porrà più attenzione ai bisogni delle minoranze e alla loro istruzione," dice Shok.

"Questo tema sarà al culmine della nostra agenda nel 2008."

Written by Mevlyde Salihu and Nikola Gaon

Source: OSCE

 
Di Fabrizio (del 22/01/2008 @ 08:41:10, in scuola, visitato 2069 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Il seguente quaderno operativo "Parole per giocare 2" insieme al quaderno "Parole per giocare 1", al software e agli altri giochi (tombola e memory), costituisce uno dei sussidi didattici del Kit relativo all’acquisizione della lettura-scrittura, attraverso un percorso interculturale.

Una didattica interculturale contempla non solo il piano dei contenuti e della conoscenza di una cultura diversa, ma anche il piano della metodologia delle discipline.

Nel caso specifico, l’apprendimento della lettura e della scrittura, si connota come percorso interculturale per i seguenti motivi :

  1. conoscenza, attenzione e rispetto dello stile educativo dei bambini rom e sinti nel loro contesto socio-culturale
  2. rilevazione della competenza in lingua italiana, come L2 e rapporto con la lingua romanés
  3. attenzione e rispetto per un popolo che ha uno stile cognitivo orale
  4. scelta di attività socializzanti e di apprendimento cooperativo
  5. percorso personalizzato

Il quaderno operativo "Parole per giocare" si riferisce alla seconda unità di apprendimento del percorso interculturale, riporta le immagini DELL’AREA 2 del CD "Parole per giocare" ed è suddiviso in quattro sezioni per un totale di 68 schede

  1. la prima sezione comprende le immagini per l’acquisizione delle parole e per le esercitazioni fonetiche corrispondente al gioco "tiro a segno oggetti"
  2. nella seconda sezione sono predisposte le esercitazioni per la scrittura che richiamano il gioco del "beng" sempre dell’area 2 del CD
  3. la terza sezione può essere utilizzata sia come verifica di lettura delle prime parole e sia come esercitazione e si riferisce al gioco "tiro a segno parole"
  4. nella quarta sezione c’é la corrispondenza tra lo stampato maiuscolo e quello minuscolo e riprende il gioco del "memory"

Per ulteriori approfondimenti si prega di contattare

Maria Grazia Dicati
0499702573
e-mail madidicati2001@yahoo.it

 
Di Fabrizio (del 16/01/2008 @ 09:01:10, in scuola, visitato 1529 volte)

Da Primonumero

Si è concluso lunedì nella sartoria di via Ruffini il corso di taglio e cucito per ragazze di etnia rom finanziato dal Comune di Termoli al posto del sussidio di mantenimento. Le partecipanti, tutte giovani, ne approfittano per raccontare qualcosa di se stesse e della comunità ‘zingara’ di Termoli, che conta circa 200 persone. “Ci sentiamo termolesi, e rispetto alle nostre madri abbiamo altri desideri, come aprire una sartoria di moda qui in città”. Un progetto dalla duplice finalità: favorire l’integrazione sociale e creare una possibilità occupazionale salvando un mestiere in via di estinzione

di Monica Vignale

 

Termoli. C’è un antico detto cinese che recita così: “Dai un pesce a un uomo e lo farai mangiare per un giorno. Insegna a pescare a un uomo e l’avrai sfamato per tutta la vita”. E’ più o meno quello che ha cercato di fare il Comune di Termoli quando ha finanziato il corso di taglio e cucito per ragazze di etnia rom invece di erogare, come ogni anno, un sussidio sociale alle loro famiglie. Niente soldi in mano, ma piuttosto un’occasione per imparare un «mestiere in via di estinzione», come ricorda l’insegnante Maria, che da quarant’anni, armata di pazienza e di una discreta dose di severità («che fa sempre bene») tramanda conoscenze tecniche e metodi di sartoria a giovani apprendiste.
 
Lunedì 14 gennaio, nei centralissimi locali di via Cleofino Ruffini, le dieci iscritte hanno sostenuto gli esami e ottenuto i diploma della scuola Sitac. Un anno di lezioni, due volte a settimana, divise fra il tavolo da cartamodello, righe, squadre e centimetri, forbici e macchine da cucire. Il risultato è appeso sulle quattro pareti della stanza centrale: abiti da sera con inserti di paillettes, gonne lunghe e svolazzanti di chiffon, corpetti ricamati, camicette a motivi floreali, giacche con inserti decorati. Il gusto e lo stile sono quelli dei rom, i colori sgargianti testimoniano l’abbigliamento etnico che caratterizza il popolo degli zingari, come qualche volta, con un accenno di biasimo, vengono definite le famiglie rom.
 
A Termoli la comunità è grande: duecento persone circa, divise in 25 nuclei familiari. Con un problema, più o meno diffuso fra tutti: non lavorano e, di conseguenza, non sono abbastanza integrati con il tessuto sociale. Una limitazione non da poco, per la quale il progetto sponsorizzato dall’Assessore alle Politiche Sociali Antonio Russo vuole essere un tentativo di risposta. Lui, accompagnato dal consigliere Giuditta e dall’assistente sociale del Municipio, viene accolto con un applauso e subito s’informa sui progressi delle ragazze, che non si fanno ripetere due volte le domande e si lanciano in un racconto entusiastico dell’avventura sartoriale, iniziata il 16 gennaio dell’anno scorso. Due volte a settimana lezioni di cartamodello e cucito: per tutte un’opportunità di acquisire gli strumenti di un mestiere prezioso e sempre meno diffuso.
Per molte anche l’unica occasione per uscire di casa durante la settimana, come racconta con garbo Giovina, una delle partecipanti, che non ha problemi a parlare della mentalità rom e cerca di far quadrare l’affetto per i genitori, ancora molto legati alla tradizione, con la voglia di sentirsi termolese a tutti gli effetti e quindi sicuramente più indipendente. «All’inizio non è stato per niente facile convincere mio padre a darmi il permesso di frequentare questo corso. Eppure io faccio parte di una delle famiglie più aperte fra quelle rom, e frequento addirittura l’università! (è iscritta a Giurisprudenza a Campobasso, ndr). Poi però, un po’ alla volta, ha capito... e adesso è molto contento per me». Complice il coraggio di questa venticinquenne, che si è messa in testa di ‘educare’ i genitori a una maggiore apertura verso la società, «perchè magari mamma e papà temono che quando esco di casa posso incorrere in tanti pericoli, e invece le cose sono sicuramente più tranquille. Termoli è un paese...» Un paese dove i rom, anche quelli di seconda o terza generazione, sono ancora visti con un po’ di sospetto.
 
«Questa scuola di cucito ci dà finalmente la possibilità di dimostrare che anche noi sappiamo fare qualcosa di buono!» si sfoga Giusy, anche lei – come tutte del resto – con occhi scuri e lunghi capelli neri che scendono sulle spalle. Si chiamano Giovina, Giusi, Donatina, Antonietta, Loredana, Rosetta, Fernanda, Antonella, Barbara, e ancora Antonietta. I cognomi sono sempre quelli: Cirelli, De Rosa, De Guglielmo. Le storie personale cambiano di poco: tutte nate a Termoli, sono cresciute nella famiglie allargate dei rom, destinate a sposarsi e a mettere al mondo figli esattamente come le loro madri. «Ma noi abbiamo altre aspirazioni – interviene Antonella, al quarto anno di scuola di confezione, ormai stilista esperta – Il mio per esempio è aprire una sartoria, con l’aiuto magari di altre ragazze. Voglio lavorare,e voglio fare quello che faccio oggi: creare abiti».
Un sogno nel cassetto che accomuna diverse ragazze. Tanto che la richiesta all’assessore Russo è unanime: premere perchè il Comune continui a finanziare il corso.
 
«All’inizio c’è stata un po’ di resistenza da parte della Giunta – ammette l’assessore, mentre ammira un abito da sposa in miniatura – perchè era difficile da capire la finalità del progetto. Di solito per il taglio e cucito ci sono i corsi professionali, e gli altri assessori non si spiegavano come mai dovesse essere il Comune a finanziarli». Fuori dai microfoni, quando arriva anche il direttore generale Petrosino, che Russo presenta alle ragazze come «il vero capo del Comune, perchè è quello che sgancia i soldi», c’è tempo per ricordare che la delibera di finanziamento del corso taglia e cuci è dovuta approdare tre volte in Giunta prima di avere l’ok. Un aneddoto che diverte il segretario: «Bisogna riconoscere che l’oggetto, quel ‘taglia e cuci’ scritto in grassetto sotto lo stemma del Comune, faceva sorridere...».
 
«Il fatto è – spiega l’assistente sociale – che queste ragazze non avrebbero mai potuto sostenere la selezione per un corso professionale. Molte di loro non hanno nemmeno la terza media, e non hanno alcuna conoscenza di matematica». E l’insegnante Maria ricorda di quando, un anno fa, si è armata di santa pazienza per insegnare alle allieve a fare le addizioni e le moltiplicazioni, «se no, come facevano a prendere le misure e a fare i cartamodelli?».
Magari coi numeri non ci vanno troppo d’accordo, ma sull’attualità sono ferrate. Rispondono senza esitazione ai quesiti dell’assessore Russo, che indaga sulle loro conoscenze politiche e sulle preferenze partitiche. Diplomatiche, ma senza esagerare. «Prodi o Berlusconi? Veltroni o Casini? Meglio farebbero tutti a mantenere le promesse che fanno agli italiani!».
Fernanda ne approfitta per ricordare che «anche il Comune ci ha fatto una promessa, ha detto che ci avrebbe aiutato. Per ora l’ha mantenuta, ma ricordatevi di finanziare anche il secondo anno di scuola!»
E mentre si scartano piatti di dolci rigorosamente preparati in casa dalle ragazze, si chiacchiera sulla fattibilità di avviare una cooperativa di sarte. La moda, coi suoi meccanismi creativi e leggeri, svincolata dai pregiudizi assai più che altri ‘rami occupazionali’ per quell’estro poliedrico che la caratterizza, si presta a favorire l’integrazione. Magari tra qualche anno vedremo le dame della borghesia termolese indossare abiti scintillanti lungi alla caviglia e ragazze rom girare in minigonna. Un capo che, almeno per il momento, è rigorosamente bandito dal ventaglio di creazioni stilistiche di via Ruffini. Ma non è detta l’ultima parola.  

Le immagini nella galleria fotografica

 
Di Fabrizio (del 13/01/2008 @ 09:19:33, in scuola, visitato 1901 volte)

Dal Corriere della Sera

ROMA - Apartheid su via Palmiro Togliatti? Ieri il consiglio del VII Municipio di Roma, uno dei caposaldi «rossi» della cintura a cavallo tra Prenestina e Casilina, ha approvato a maggioranza una mozione presentata da Rifondazione comunista (votata da Sinistra democratica, più tutto il centro destra, contrario il Pd) in cui si chiede all'assessore comunale alla scuola di valutare la richiesta di tornare a separare i bimbi rom dagli altri bimbi sugli scuolabus, richiesta avanzata da un gruppo di genitori mobilitati dopo un litigio avvenuto tra ragazzini. Secca la replica dell'assessore Maria Coscia (Pd): «Sapevo che nel VII Municipio c'era stato qualche problema, ma pensavo che fosse stato governato. Nel senso di includere e non di escludere... Mica possiamo tornare ai tempi di Rosa Louise Parks...». Eppure da quel comprensorio di case popolari e di ex borgate che si chiamano Centocelle, Prenestino, Quarticciolo, Alessandrino o La Rustica, insomma la settima circoscrizione della città, rischia di spuntare all'alba del 2008 un po' grottescamente quell'autobus giallo del '55 a Montgomery. Epicentro è il 117 circolo didattico di Roma, alla Rustica. Ad accendere la miccia nel parlamentino del VII retto da un presidente, Roberto Mastrantonio, unico rappresentante dei Comunisti Italiani tra i diciannove minisindaci di Roma, è stato Lucio Conte di Rifondazione Comunista.

Più cautamente Mastrantonio si è tenuto alla larga dall'auletta al momento della votazione, comportamento adottato anche dalla consigliera verde Mariani. Presi in contropiede i rappresentanti del Pd, costretti poi in sei, i presenti al momento della votazione, a restare in minoranza. Due i punti messi nero su bianco: col primo si chiede di valutare la richiesta avanzata dai genitori di rivedere il sistema attuale di trasporto, il secondo suggerisce invece di contribuire a un migliore sostegno scolastico dentro la scuola per i bimbi rom. «Premesso che durante il trasporto il comportamento vivace di alcuni bambini rom nei confronti degli altri bambini ha determinato le proteste dei loro genitori — recita la mozione approvata — e che anche la presenza sul pullman di due accompagnatori non ha fatto rientrare le preoccupazioni dei genitori che hanno chiesto di far portare a scuola i loro figli su un pullman senza la presenza dei bambini rom, visto che i genitori hanno chiesto che questa situazione venga rimossa e si torni alla situazione degli anni precedenti in cui si raggiungeva la scuola su pullman diversi... il Consiglio del Municipio VII chiede al Presidente di sottoporre all'assessore comunale alla scuola nell'ambito della prevista valutazione dello stato del progetto di trasporto scolastico la richiesta dei genitori del 117 circolo...». Seguono poi le richieste di un maggior sostegno scolastico all'insegna dei «diritti universali riconosciuti a tutti i bambini».

«Mozione imbarazzante? E perché mai...— reagisce il consigliere del Prc —. I problemi vanno affrontati, i cittadini sentiti. Oltre a quel litigio tra bambini qua si è messo in moto qualcosa di più. Così sono andato dal presidente e con lui ho concordato questa mozione...». Il capogruppo del Pd Marinucci allarga le braccia. Dice: «Se è per questo ha avuto anche l'adesione dei due di Sinistra Democratica. E poi si è sentita la capogruppo di An che diceva: "Ma perché non l'abbiamo proposta noi?". Qua, se non stiamo attenti, torniamo alle carrozze in treno per soli negri...». Il presidente Mastrantonio obietta. «Io sono per il mantenimento del servizio, certo, ma se si determinano condizioni di ingovernabilità che facciamo?».

Paolo Brogi
12 gennaio 2008

 
Di Fabrizio (del 03/01/2008 @ 08:53:00, in scuola, visitato 2325 volte)

MaximsNews Network 

NAZIONI UNITE - Secondo un rapporto di Open Society Institute (OSI), nonostante anni di promesse governative, i bambini rom in molti paesi europei rimangono esclusi dall'educazione di qualità.

Segregati in classi di soli Rom, o in scuole speciali per disabilità intellettuale, affollati in classi decrepite e lasciati ad insegnanti con scarsa preparazione, gli studenti rom affrontano serie sfide per completare l'educazione di base.

I Rom sono la più grande minoranza d'Europa e parte chiave del suo futuro.

Fintanto che i leaders europei si crogioleranno nelle loro promesse, l'Europa pagherà caramente il perdere un'altra generazione di bambini Rom discriminati e negletti.

La situazione dei bambini rom nella scuola è dettagliata nella serie di rapporti Equal Access to Quality Education for Roma.

Il volume include uno sguardo globale all'Europa e rapporti specifici su Croazia, Macedonia, Montenegro e Slovacchia.

OSI ha poi rilasciato all'aprile di quest'anno rapporti nazionali su Bulgaria, Ungheria, Romania e Serbia.

I rapporti forniscono una profonda prospettiva ed evidenziano le azioni politiche necessarie per affrontare un'allarmante situazione.

La parlamentare europea Viktória Mohácsi dice: "Il rapporto OSI conferma che la segregazione dei bambini rom non è basata soltanto sul colore della loro pelle, ma anche fornendo educazione di bassa qualità ai nostri bambini. L'Europa non dovrebbe accettare discriminazioni così serie.

L'Ungheria è stato il primo paese a creare le basi legali per la desegregazione.

Almeno una dozzina di stati membri EU dovrebbero seguire questi passi".

La segregazione dei Rom a scuola, recentemente condannata dalla Corte Europea dei Diritti Umani nel caso D.H. ed altri contro la Repubblica Ceca, è pervasiva ma non riconosciuta in Slovacchia, Macedonia, Croazia e Montenegro.

Ci sono rapporti affidabili e disponibili sulla segregazione, tuttavia i governi continuano a negare che i bambini rom siano rinchiusi in scuole e classi separate e di bassi standard.

In tutti i paesi monitorati, c'è un significativo gap tra i dati ufficiali e quelli raccolti dalle OnG nelle loro ricerche.

In Macedonia, dati non ufficiali pongono la popolazione Rom nel paese oltre tre volte il numero indicato dai censimenti nazionali.

In Slovacchia le scuole non riportano i casi di abbandono scolastico.

Le politiche educative non possono essere effettivamente indirizzate senza questi dati di base, o su informazioni frammentate o incomplete.

I governi devono anche assistere alle deficienze fondamentali nei sistemi scolastici nazionali.

In Montenegro, mancano posti nella pre-scuola e i bambini i cui genitori lavorano entrambe hanno la priorità nell'assegnazione. Dato che la disoccupazione è diffusa tra le famiglie rom, molti dei loro bambini perdono perciò la possibilità di frequentare la pre-scuola.

In Croazia, i  costi scolastici sono il maggiore ostacolo per le famiglie rom, e anche se alcune municipalità allocano risorse per aiutare ad incontrare questi corsi, non esiste un programma per assicurare a tutti i bambini materiale scolastico appropriato.

Gli insegnati delle regioni monitorate dovrebbero ricevere maggiore supporto.

Gli insegnanti nelle scuole con una maggioranza di studenti rom hanno di rado accesso ai programmi che li preparino a lavorare con una classe diversa, i programmi di studio inflessibili limitano la loro capacità di adeguare alle lezioni i bisogni degli allievi.

I rapporti oggi rilasciati danno anche esempi dei notevoli progressi raggiunti nei paesi monitorati, spesso col supporto EU.

Questi includono l'Iniziativa Educazione Rom in Montenegro e il programma comunitario delle OnG in Macedonia, che ha aiutato a forgiare collegamenti don le famiglie rom.

Passo significativo, ognuno dei paesi monitorati ha sottoscritto il Decennio dell'Inclusione Rom 2005-2015, iniziativa internazionale che stabilisce un approccio coordinato  per migliorare la situazione dei Rom in Europa.

D'altra parte, gli esempi positivi e gli impegni da soli sono insufficienti per assicurare miglioramenti significativi.

Open Society Institute richiama i governi e l'Unione Europea a portare un cambiamento significativo: dove così non fosse,  i governi devono prendere coscienza e proibir la segregazione.

A livello europeo, le politiche di formazione devono richiamare la segregazione razziale ed il livello disuguale ed inadeguato per i Rom.

Per compiere gli impegni attuali verso l'uguaglianza per tutti, l'EU deve articolare un quadro chiaro e generale per progredire, promulgando le politiche che possono promuovere efficacemente l'inclusione sociale delle comunità Rom attraverso l'Europa.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


09/04/2020 @ 02:21:57
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Usten Romalen!... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 6143 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Offerta libera del prestito senza problemaSono un ...
08/04/2020 @ 15:53:28
Di nathalie
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source