Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 04/10/2008 @ 09:36:34, in scuola, visitato 1276 volte)

Da Hungarian_Roma

Parigi, 29 settembre 2008 - La Presidenza Francese del Consiglio dell'Unione Europea [ha tenuto] un secondo summit sull'uguaglianza a Parigi il 29 e 30 settembre. Lívia Járóka MEP (EPP-ED) ha puntualizzato che la segregazione prevalente e la discriminazione costante affrontata dai bambini Rom, impatta negativamente sul loro futuro e sulla capacità di trovare un impiego remunerativo quando cresceranno.

Escludere i bambini Rom dalla scuola, come pure segregarli dalle scuole principali, li depriva del diritto fondamentale all'istruzione ed ostacola direttamente la loro capacità di continuare verso una più alta istruzione o di accedere a migliori lavori pagati che potrebbero essere messi a loro disposizione, e propaga l'esclusione sociale ed economica che oggigiorno caratterizza così tante comunità Rom. La continuata marginalizzazione della gioventù Rom causerà alla società la perdita di una fonte significativa di creatività e contribuzione sociale. Il costo del mantenimento delle scuole segregate, assieme all'ingiusto trattamento discriminatorio verso i Rom, avranno conseguenze negative nel lungo termine per i governi europei. "Per questa ragione, investire nell'istruzione dei Rom non è soltanto moralmente giusto, ma aiuta anche al rafforzamento dell'Economia Europea," ha dichiarato Járóka.

Livia Járóka ha anche sottolineato l'importanza del livello di coinvolgimento europeo riguardo l'impegno a lavorare per desegregare le scuole, ed ha evidenziato il ruolo strategico in questo processo della Commissione Europea. Ha richiesto una campagna d'azione per un'istruzione giusta e di qualità. Ha dichiarato: "Le direttive UE devono servire soprattutto a questo scopo. Il circolo vizioso di istruzione sotto gli standard, ghettizzazione nell'alloggio e disoccupazione cronica, sono evidentemente collegati. Se questo circolo dev'essere rotto, i giovani Rom devono avere, almeno, pari accesso alle scuole e alle università, e dev'essere dato loro il giusto posto nella società.

For further information:
Járóka Lívia (EPP-ED/Fidesz) , T.: 0032 2 28 45215
Vera Stricki GSM.: 0032 472 90 27 34
http://fidesz-eu.hu/

Hölvényi György
sajtótanácsos/ press councillor
sajtóosztály/Press Service
EPP-ED Group - képviselőcsoport
Európai Parlament/European Parliament
Tel: +322/284 23 93 (BRU), +33/3881 73718 (STR)

 
Di Fabrizio (del 27/09/2008 @ 08:50:20, in scuola, visitato 1405 volte)

Da Bulgarian_Roma

17 settembre 2008 COMUNICATO STAMPA

Sofia, Bulgaria. Il 15 settembre segna l'inizio di un nuovo anno scolastico in Bulgaria e la fine della segregazione scolastica per circa 200 studenti Rom a Blagoevgrad. Gli studenti, che frequentavano la scuola elementare speciale N° 1 a Blagoevgrad, saranno spostati in diverse scuole cittadine dove avranno una migliore istruzione e per i primi tempi impareranno in un ambiente integrato con i loro pari di altri gruppi etnici.

Gli sforzi di desegregazione scolastica furono lanciati un anno fa a Blagoevgrad attraverso un progetto, appoggiato dal Fondo Educazione Rom che pilotò l'integrazione di cinquanta studenti Rom in scuole miste cittadine e sollevarono il fine della segregazione. L'iniziativa portò alla decisione municipale di chiudere la scuola elementare segregata N° 1 nel marzo 2008, che fu approvata a maggio dal Ministro dell'Istruzione. Secondo il vice sindaco di Blagoevgrad, Dr. Valentin Vasilev, "la bassa qualità dell'istruzione nella scuola e l'alto livello di assenteismo sono state tra le principali ragioni della decisione".

Il comune ha già presentato con successo un progetto per l'integrazione istruttiva dei bambini Rom, tramite i Fondi Strutturali UE. Secondo il vice sindaco, il progetto creerà opportunità d'impiego per alcuni degli insegnanti della scuola segregata che sarà chiusa.

Tobian Linden, il nuovo direttore del Fondo Educazione Rom ha accolto con favore questa iniziativa del comune e si è impegnato a continuare a fornire supporto agli sforzi desegrazionisti a Blagoevgrad e nel resto della Bulgaria. "Educazione integrata significa migliore istruzione per tutti i bambini", ha detto.

For additional information about this press release, please contact Toni Tashev, Country Facilitator for the Roma Education Fund, at tel. +359886797272 or via email at tashev@romaeducationfund.org.

 
Di Fabrizio (del 20/09/2008 @ 09:35:29, in scuola, visitato 1449 volte)

Forum sociale europeo. Una scuola per rom a Malmo di Paolo Rizzi [17 Settembre 2008]

A Malmo dal 17 settembre si svolge il quinto Forum Sociale Europeo. Uno dei luoghi di coordinamento dei volontari si trova in città in via Annelundsgatan al 55, ed è lì che mi presento per prendere istruzioni come volontario. Sbaglio la porta di ingresso e mi trovo al terzo piano in un locale sulle cui pareti sono affisse molte immagini di rom; incuriosito rimango e cerco informazioni.

Ho la fortuna di incontrare uno dei due coordinatori, Djura Ivanov, e gli chiedo se posso fargli domande, in quanto sono tristemente testimone della nuova repressione in atto da noi in Italia. Djura mi sorride ed inizia a parlare italiano: nella sua infanzia è stato a Verona ed ora da 20 anni vive qui in Svezia. Conosce perfettamente la situazione italiana, guarda con attenzione la nostra tv ed è molto preoccupato per il suo popolo.

Mi fornisce documenti in danese, non conosco la lingua ma capisco che si tratta di una scuola per zingari che proprio quest’anno celebra 10 anni di attività. La scuola si chiama IRIS, Internationella Romer i Samverkan, e “Samverkan” significa Lavorare insieme.

Gli propongo un’intervista, voglio capire e lui mi aiuta con entusiasmo: «Se può servire ad aiutare i miei amici Rom italiani, sediamoci e parliamone».

La scuola è statale, finanziata dal governo e dalla città di Malmo, riservata ad adulti che abbiano compiuto 20 anni: oggi sono iscritti 70 rom adulti. Djura mi racconta che quando arrivò in Svezia venne sottoposto ad un test di lingua e cultura, che non superò, precludendosi molte possibilità offerte ai nativi [in Svezia per avere il permesso di soggiorno è obbligatorio imparare la lingua]. Cominciò comunque a lavorare, a costruire una comunità di rom ed a dialogare con le istituzioni.

Dieci anni fa un cittadino svedese gli disse: «Perché non apri una scuola per Rom, perché non abbiano a incontrare le tue stesse difficoltà?». Quel sogno impossibile incominciò: il primo anno gli studenti furono 32, nel secondo 200. Attualmente ci lavorano 5 insegnanti, 2 supervisori, 1 tecnico, 1 addetto all’inserimento dopo la scuola, tutti pagati dallo stato che paga anche l’affitto, le strutture dell’edificio ed un contributo in base agli iscritti.

A Malmo abitano circa 280 mila persone, il 20 per cento di loro è straniero e ci sono interi quartieri cosmopoliti. La manifestazione del 20 settembre del Forum sociale europeo darà un segno d’integrazione partendo dal quartiere di Rosengard, abitato al 90 per cento da extracomunitari. Chiedo a Djura quanti zingari abitano a Malmo: mi risponde che sono registrati circa 7 mila, ma forse sono di più, dato che non tutti dichiarano di essere rom perché è comunque penalizzante nel cercare lavoro.

In Svezia dovrebbero essere circa 60 mila e lo scorso anno è stata aperta una seconda scuola per Rom a Goteburg.

Gli ricordo la legge italiana Bossi-Fini ed i problemi legati alle chiamate degli imprenditori, unica possibilità per entrare in Italia. Queste modalità si scontrano con lo sfruttamento dei migranti nella maggior parte dei casi lavoratori «in nero».

Qui in Svezia, mi spiega, per avere il permesso di soggiorno bisogna dichiarare un salario minimo mensile di 13.800 corone [circa 1.500 euro] ed i datori di lavoro non possono quindi dartene di meno.

Anche lo stato contribuisce poi a sostenere l´integrazione: infatti un adulto che voglia frequentare l’università è sovvenzionato con una borsa di studio di circa 800 euro al mese, riceve circa 7 mila corone, di cui 5 mila a fondo perduto, mentre le altre 2 mila le restituirà quando avrà un lavoro con un automatismo che trattiene il 4 per cento del salario.

Esiste anche il salario sociale [ma il nuovo governo sta restringendone la fruizione] di circa 300 euro e settimanalmente bisogna presentarsi per rispondere alle offerte di lavoro, pena la sospensione.

Concludo la visita e ringrazio Djura che mi invita a tornare. Sono contento di aver sbagliato porta e di averne aperta un’altra nella direzione di un altro mondo possibile che qui, come in Africa, in India e in America latina, stiamo costruendo insieme. Questo mio incontro vuol essere la testimonianza di uno splendido esempio di civiltà e integrazione: non ci sono altri casi al mondo di scuole specializzate per persone adulte zingare.

Aggiungo solo che i bambini rom che frequentano le scuole dell’obbligo purtroppo non sono aiutati con corsi speciali, il che a volte li penalizza; ma nel caso non riuscissero sanno che dopo i 20 anni hanno sempre la possibilità di ricominciare a studiare grazie a questa scuola. Djura ha solo la licenza elementare, non ha avuto tempo per continuare gli studi, ma ha dedicato il suo tempo agli studi degli altri.

Per informazioni www.irisskolan.se, info@irisskolan.se

 
Di Fabrizio (del 10/09/2008 @ 08:41:41, in scuola, visitato 1226 volte)

Da La voix des Rroms

PETIZIONE

da PARADA FRANCE All'attenzione di: Monsieur Olivier Dubault - Sotto Prefetto di la Seine Saint-Denis

Bianca ha otto anni. L'anno scorso era in una classe CLIN a Saint-Ouen e la sua insegnante era onorata del suo lavoro. Fa parte delle famiglie rom che si sono battute perché i loro figli potessero andare a scuola. Bianca doveva rientrare nel CE1 nella sua nuova scuola di Saint-Ouen. L'accampamento che abitava fino a lunedì scorso è chiuso ed alcune famiglie sono state selezionate per essere integrate in un villaggio d'inserimento, la scolarizzazione era uno dei criteri. Bianca e sua madre sono stati trattenuti, ma la sua famiglia comprende anche i nonni, che sono troppo anziani per essere integrati nel villaggio. In conseguenza di ciò, Bianca raggiungerà i nonni in un altro accampamento che è difficile da raggiungere da qui. La sua scolarità verrà interrotta e tutti quelli come lei saranno esposti all'obbligo di lasciare permanentemente il territorio.

A dispetto di tutte le convenzioni internazionali sul diritto all'infanzia, sulla libertà di circolazione dei cittadini europei, rischia quindi di essere reinviata in Romania perché la sua famiglia vuole restare unita. Bianca è arrivata in Francia all'età di due anni, non conosce il rumeno.

BIANCA DEVE RESTARE IN FRANCIA CON LA SUA FAMIGLIA E CONTINUARE AD ANDARE ALLA SCUOLA DI SAINT-OUEN !

http://www.myspace.com/paradafrance

Pour faire un lien vers cette pétition, cliquez-ici

 
Di Fabrizio (del 05/09/2008 @ 12:14:06, in scuola, visitato 1609 volte)

Da Il Giornale

di Maria Sorbi - La scuola si prepara ad accogliere la valanga di alunni stranieri: oltre 160 etnie. E, a sorpresa, si scopre che i problemi più grossi non sono causati dai bambini rom. Bensì da cinesi, arabi e magrebini. Non ci saranno le classi ghetto ma l’integrazione non sarà facile. Soprattutto perché gli scolari cinesi o arabi non spiccicano una parola di italiano. Ogni scuola si sta organizzando come può.

L’istituto Cadorna di via Dolci, dove gli stranieri iscritti sono quasi la metà, si è inventato dei corsi di italiano per le mamme dei bimbi stranieri. «Č importante che i bambini parlino italiano anche a casa di pomeriggio - spiega il dirigente scolastico Giovanni Del Bene - Per questo coinvolgiamo anche le mamme. I problemi minori li abbiamo proprio con i rom che già a sei anni conoscono l’italiano abbastanza bene».

Da quest’anno si prevedono meno assenze da parte degli alunni che abitano nei campi nomadi. «L’obbligo di mandare i figli a scuola - spiegano i volontari della Casa della Carità, che «gestiscono» il campo di via Triboniano - è proprio una delle condizioni del patto che i nomadi hanno firmato con il Comune per poter rimanere dove sono». Ogni mattina un bus accompagnerà gli scolari dalle baracche a scuola e ogni pomeriggio i volontari daranno una mano ai bambini a fare i compiti. In tutto sono più di cento gli scolari delle elementari e una cinquantina i ragazzi delle medie. Un meccanismo già collaudato che l’anno scorso ha pure dato i suoi risultati. Una bimba rom, Lavinia, è stata una delle alunne che a giugno ha ottenuto una delle migliori pagelle. I volontari daranno una mano al corpo insegnanti delle scuole dove si riversa il maggior numero di rom: dalle elementari di via Console Marcello, all’istituto Filzi, dalla scuola Bruno Munari a quella di via Cilea. Senza contare gli istituti di Baranzate e Rho. Per gli studenti meno diligenti, verrà applicata una misura particolare: tre giorni a scuola e due giorni nei laboratori di meccanica, falegnameria e informatica con gli educatori.

Nella scuola elementare Russo, vicino al campo rom di via Idro, le maestre si sono attrezzate per aiutare i bambini nomadi a mantenere condizioni igieniche dignitose. Hanno comprato una lavatrice e ogni settimana fanno il bucato con i vestiti sporchi degli alunni rom. Per loro diventa così anche più facile essere accettati dai compagni. Qualche altro istituto mette a disposizione le docce.

Il dirigente scolastico della scuola di via Dolci, dove circa l’8 per cento degli iscritti è rom, vede di buon occhio le classi miste: «Le scuole - commenta - sbagliano a rifiutare i bambini stranieri per paura di perdere iscritti italiani e la preoccupazione dei genitori è ingiustificata. Più volte ho visto bambini italiani imparare parole cinesi e favole arabe fuori dalle aule. C’è un travaso di culture molto proficuo, un valore aggiunto nella formazione scolastica».

 
Di Fabrizio (del 30/08/2008 @ 09:09:06, in scuola, visitato 2044 volte)

Da Roma_Daily_News

I Rom combattono per un'istruzione più giusta

Per generazioni, milioni di Rom e Sinti - spesso chiamati zingari - sono stati esclusi dalle scuole regolari in Europa. Ma la Corte Europea dei Diritti Umani l'anno scorso ha stabilito che questa è una discriminazione, contro la più grande minoranza etnica del continente.

Ray Furlong della BBC esamina quale impatto ha avuto il giudizio

Non c'è senso di vittoria nel piccolo appartamento di Berta Cervenakova.

I quattro figli, dai 13 ai 18 anni, vivono ancora nella stessa camera da letto di otto anni fa, quando lei iniziò il suo ultimo ricorso di successo contro la Repubblica Ceca. Il cadente blocco di appartamenti è ora un edificio condannato.

Berta Cervenakova

L'anno scorso la Corte Europea riconobbe che la figlia di Berta, Nikola - ora di 18 anni, aveva sofferto di discriminazione essendo stata mandata in una scuola speciale per bambini disabili mentali, anche se non c'era niente di sbagliato in lei.

"La presero da parte per un test psicologico. Mi dissero di aspettare fuori."

"Poi mi diedero qualcosa da firmare, e firmai. Diceva che era ritardata mentalmente - ma non avevo idea di cosa significasse," ricorda.

Ha ricevuto un indennizzo di 4.000 €u. "Ma ciò non la ricompensa per gli anni persi - gli anni dove impari a leggere, scrivere, far di conto. Non posso mandarla a fare compere. Tutto quello che può fare ora è un lavoro manuale."

Ma il verdetto è stato visto dai gruppi Rom come uno strumento importante per combattere una pratica che è comune in Europa - sono seguiti ricorsi in Grecia e Croazia, mentre altri paesi hanno preso misure verso le classi desegregate.

Attitudini

Nonostante ciò, il vero cambiamento è lento da filtrare. I cechi hanno abolito le scuole speciali nel 2006, quando sono cresciute le critiche attorno ai casi in tribunale.

I critici dicono che l'unico cambiamento è nel nome sulla targa della porta -ed una visita ad un'ex scuola speciale di Ostrava sembra confermarlo.

"Nel primo grado di una scuola normale, i bambini sanno contare sino a 20. Qui, arrivano solo a 5 - anche se vogliamo insegnargli i numeri sopra il 10," dice il direttore Jindrich Otzipka della scuola Ibsen.

Mi porta in giro. Nell'ottavo grado, una classe di quattordicenni, c'è un colorato alfabeto sul muro.

Normalmente, i bambini lo imparerebbero durante il quarto rado. Ma questi bambini dimenticano le cose, quindi bisogna continuare a ripeterle," dice.

"Rimprovero i genitori. Non leggono ai loro bambini. I Rom non apprezzano che ci si debba applicare per riuscire. Vivono alla giornata." Immagini simili sono un luogo comune nella Repubblica Ceca, e mi sono state espresse anche da altri insegnanti. Il Ministro dell'Istruzione, Ondrej Liska, dice che cambiare gli atteggiamenti è la sfida più grande.

"Non possiamo dire a quanti insegnano così: dovete andare. Porterebbe al collasso del sistema scolastico."

"Voglio vedere in due anni che gli insegnanti nelle scuole con un'alta percentuale di bambini Rom abbiano una formazione appropriata e voglio vedere un cambiamento in queste scuole - ma non posso dire: domani dovete cambiare la filosofia con cui avete insegnato per 20 anni."

Scelte

Ma i membri della comunità Rom mi dicono che i anche i genitori devono assumersi più responsabilità per come i loro bambini proseguono a scuola.

Radek Bhanga, rapper Rom

"Non sono andato alla scuola speciale perché i miei genitori sono stati rigorosi con me," dice Radek Bhanga, un rapper Rom che ha ottenuto un vasto pubblico interraziale - mischiando  l'hip-hop con i suoni tradizionali zingari.

E' diventato famoso per aver sfidato quello che chiama la "mentalità vittimistica" dei Rom cechi.

"Il popolo ceco è razzista e xenofobo. Ma molti Zingari sono peggio. Non mandano i figli a scuola perché non vogliono che diventino "bianchi". E' un grosso errore. Possiamo parlare di razzismo. Ma viviamo in un paese democratico e ognuno può scegliere."

Sinti

Dopo aver parlato con Radek, mi dirigo in Germania - dove ci sono stati problemi simili nel mandare i bambini Sinti nelle scuole regolari. Voglio vedere che effetto hanno avuto 30 anni di sforzi stridenti per l'integrazione.

La mia visita alla scuola speciale di Straubing, Baviera, è più ottimistica della visita alla scuola di Ostrava. Le lezioni che vedo sembrano molto più esigenti. Ma ancora. i Sinti sono sotto rappresentati in maniera massiccia.

"Le famiglie Sinti vedono questa scuola come la loro scuola," dice il direttore Wolfgang Steinbach.

"Ci mandano i loro bambini, e noi cerchiamo di inserirli nella scuola normale. Ma loro preferiscono che i loro bambini siano in una scuola dove ci sono altri Sinti."

Assistenti Sinti agli insegnanti come Manuela e Nadia aiutano i bambini ad entrare nel circuito scolastico regolare

Frequentano classi speciali con assistenti Sinti per prepararli a rientrare nella scuola principale.

In una classe , ho incontrato Leo - che sarà  trasferito l'anno prossimo nella scuola normale.

Leo ha un carattere insolente e divertente, con le guancie tozze e capelli sparati neri.

Dice che il lavoro in questa scuola è frustrante e che le assistenti Sinti nella nuova scuola lo faranno sentire come a casa. Ma c'è voluto un anno per persuadere i suoi genitori a trasferirlo.

L'esperienza qui è un ammonimento a chiunque si aspetti cambiamenti rapidi nella Repubblica Ceca dopo la decisione di Strasburgo.

Ma Jim Goldston, l'avvocato che rappresenta Berta Cervenakova, dice che quel giudizio è tuttora un momento cruciale.

"I genitori dei bambini nelle scuole speciali o sotto gli standard sono loro stessi i prodotti di uno sviluppo istruttivo discriminatorio. Questo interesserà le scelte dei loro figli."

"Così ci sono problemi con molte delle comunità coinvolte, ma la difficoltà principale resta che il governo renda chiaro che la discriminazione deve finire."

Published: 2008/08/28 00:19:51 GMT
Read the comments

 
Di Fabrizio (del 26/08/2008 @ 09:04:04, in scuola, visitato 1608 volte)

Da Mundo_Gitano

ETNIAS DE COLOMBIA - ACTUALIDA ETNICA Il significato dell'educazione etnica per la Colombia
Por: María Fernanda Garzón Arias (Guiaacademica.com)

Bogotá, 21 /08/2008. Indigeni, afrocolombiani e gitani compongono la ricchezza intangibile del paese, nondimeno, la discriminazione ha segnato la convivenza di questi popoli, a tal proposito lavorano iniziative accademiche.

Con l'arrivo di Cristoforo Colombo nel 1492, l'America divenne una terra colma di ibridi culturali tra nativi, mori, spagnoli, gitani ed africani.

La conosciuta epoca della "conquista" per qualcuno non fu niente più che un'invasione nelle credenze autoctone, per cui le comunità indigene trovarono la forma di mantenere la loro essenza e reinventarono la forma di convivere, attraverso le difese indigene o le kumpanias (gli spazi urbani dove vivono i rom).

Secondo il Dipartimento Amministrativo Nazionale di Statistica (DANE), sulla base del Censimento realizzato durante il 2005, i gruppi etnici che tuttora permangono sono:

  • Indigeni, che corrispondono a circa il 3,43% della popolazione nazionale.
  • Afrocolombiani, con circa il 10,62%, incluse le comunità razziali di San Andrés y Providencia e quella di San Basilio de Palenque.
  • Rom o gitani, che corrispondono allo 0,01%.

Sin dall'arrivo degli europei, la Colombia ha guardato con malcelata superiorità a questi popoli ancestrali, come dimostrato dalla Legge 089 del 25 novembre 1890, che determinava "che i 'selvaggi' dovessero essere ridotti a incorporarsi nella vita civilizzata".

Con la Costituzione del 1991 si riconobbe l'importanza di queste comunità minoritarie nella conformazione di un paese plurietnica e perciò furono elaborati vari articoli per proteggere l'integrità culturale e patrimoniale della nazione.

Però, Gloria Amparo Rodríguez, professoressa e studiosa della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università del Rosario, afferma che queste parole sono rimaste sulla carta e non sono diventate realtà.

"Considero che manca il riconoscimento (di queste comunità), ed inoltre, di strategie accademiche e del Governo per preservare l'essenza etnica", aggiunge.

Sulla base di questo panorama, varie istituzioni educative superiori han deciso di prendere misure a proposito.

Per esempio, l'Università del Rosario ha un programma di borse di studio destinate a coprire il 90% delle spese di una matricola appartenente ad una comunità etnica.

In questo senso, Rodriguez spiega che aprire questo spazio non è stato un compito facile perché l'incontro di due culture è complicato da assumere.

"All'inizio l'impatto di vedere gli indigeni nell'università, non era così semplice, incluso per i professori; ad esempio, un giorno un docente mi disse che uno studente aruhaco stava prendendo coca in classe, riferendosi all'utilizzazione del poporo (implementando in una forma dove si mescolano varie sostanze organiche e che tiene un significato vitale) invece dei quaderni per plasmare le sue conoscenze", commenta.

Così Rodriguez ha deciso di fondare la Cattedra Viva Interculturale, che intende mostrare la cultura etnica agli studenti tradizionali.

"Impariamo molto sulle comunità minoritarie, in questa materia ogni studente etnico ci mostra come pensa, vive e percepisce il mondo, perché sono le altre conoscenze, quelle dei nostri antenati, che dobbiamo conoscere", sottolinea.

Nel contempo, l'Università in collaborazione col Ministero degli Interni accoglie queste comunità nella pre-università, dove ricevono consigli per scegliere la carriera che più si adatta al loro profilo.

"E' un'opportunità di crescita accademica tanto per gli alunni delle etnie che per quelli tradizionali", spiega Myriam Ochoa, decana della Facoltà di Educazione.

Come recita uno dei punti del Piano Decennale di Istruzione, è necessario generare "autonomia per il riconoscimento della diversità culturale e del rispetto per la differenza, guardando alla convivenza pacifica".

Gli studenti parlano

Kasokaku Busintana, alunno aruhaco, arrivò dalla Sierra Nevada di Santa Marta e cercare strumenti validi nella società attuale per aiutare la sua comunità.

Spiega: "Lavoro e progetti ambientali, guardando al cammino politico e sociale per proteggere i patrimoni vivi che siamo noi popoli indigeni".

Kasokaku che attualmente frequenta il settimo semestre di Giurisprudenza dell'Università del Rosario, afferma che nell'università ha trovato spazi per insegnare la sua cultura.

"E' importante che la società capisca che la Colombia è un paese di differenze, di comunità multiple; non è come una mostra del museo, giorno a giorno si lavora duro perché sia una realtà e non qualcosa di fittizio", enfatizza.

Nella stessa maniera Arukin Torres, studente di Relazioni Internazionali all'Università del Rosario, riferisce come l'istituzione si è convertita in un luogo di interscambio o "baratto" di conoscenze.

"Sono venuto a costruire un mutuo conoscimento di permanenza culturale per tracciare un cammino definito per i nostri popoli. (...) Perché, come dice mia mamma: gli uccelli possono cambiare le piume ma, mai il canto", aggiunge.

 
Di Fabrizio (del 17/08/2008 @ 08:50:04, in scuola, visitato 1526 volte)

Da Czech_Roma

Breclav, Sud Moravia, 11 agosto (CTK) - Il sindaco ha detto a CTK che il municipio di Breclav e la branca locale della governativa Agenzia per l'Integrazione Sociale vogliono selezionare studenti tra i bambini Rom che frequenteranno le scuole secondarie a Brno, nello sforzo di aumentare il numero degli ex studenti tra i Rom.

Attualmente, solo 36 sui giovani Rom del posto hanno istruzione secondaria o hanno completato il ciclo di studi. Ha detto il sindaco Dymo Piskula che l'anno prossimo, gli insegnanti nelle scuole locali selezioneranno gli studenti Rom che frequenteranno le scuole secondarie a Brno.

L'agenzia governativa ha iniziato le sue attività a Breclav questa primavera. Opera in altre 11 città in Boemia e Moravia.

La coesistenza con i Rom è un frequente argomento di discussione tra i residenti e i politici di Breclav.

Il consigliere cittadino Tomas Nepras (Scelta per la Città) è stato criticato l'anno scorso per le sue dichiarazioni poco lusinghiere sui Rom. Durante un incontro in municipio descrisse i Rom come "neri plebei". Più tardi si scusò per le sue dichiarazioni dicendo che era stato frainteso.

Le autorità di Breclav stanno preparando diversi progetti con l'aiuto dell'Unione Europea che vuole soprattutto focalizzarsi sull'istruzione dei giovani.

"Le assenze senza giustificazione pongono un grande problema. Oltre il 50% dei bambini sotto i 15 anni hanno molte ore di assenze ingiustificate," ha detto Piskula.

Janicek ha aggiunto che i genitori sono largamente responsabili della frequenza scolastica dei loro figli e che il municipio e le agenzie impegnate vogliono lavorare anche con i genitori. Si aspettano che li aiutino a sviluppare il progetto di istruzione secondaria per i Rom.

Piskula ha detto che il comune spera che i genitori siano illuminati abbastanza da non proibire ai loro figli di andare a Brno per frequentare le scuole secondarie.

Janicek ha detto che ci saranno degli assistenti per aiutare l'istruzione dei bambini Rom nelle scuole elementari. D'altro canto, il comune non ha ancora deciso come lavorerà questo sistema. Intende consultare i direttori scolastici sul problema, ha detto Janicek.

 
Di Fabrizio (del 10/08/2008 @ 09:49:48, in scuola, visitato 1465 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

05 Agosto 2008 14:11:57 GMT Fonte: UNHCR

PODGORICA, MONTENEGRO - All'età di sette anni, finalmente Adnan Behuli esiste legalmente. Anche se il giovane rifugiato era nato in ospedale, sinora era ufficialmente "invisibile" in Montenegro, perché la sua nascita non era mai stata registrata.

Ora, con l'aiuto dei partner di aiuto legale dell'UNHCR, Servizi di Assistenza Cattolici (CRS)/Centro Legale, il ragazzo ha un certificato di nascita - un'identità legale che gli permetterà questo settembre di iscriversi alla scuola elementare.

Adnan è uno dei 4.338 rifugiati Rom, Ascali ed Egizi che vivono in Montenegro, che lasciarono il Kosovo nel conflitto del 1999. A volte chiamati Zingari, compongono quasi un quinto dei 24.000 rifugiati dell'ex Yugoslavia che tuttora vivono in Montenegro. In questi giorni 220 famiglie Rom, Ascali ed Egizie vivono nel campo rifugiati Konik di Podgorica, che è gestito dal partner di attuazione dell'agenzia dei rifugiati ONU, la Croce Rossa del Montenegro. Il padre di Adnan combatte per far vivere i suoi nove figli con i 200 € che guadagna ogni mese come spazzino.

"Oltre alla povertà estrema ed ai livelli generalmente bassi di scolarizzazione, la mancanza di documenti personali e/o registrazione civile rappresenta un serio ostacolo all'integrazione dei rifugiati Rom, Ascali ed Egizi nella società maggioritaria montenegrina, dice Serge Ducasse, rappresentante dell'UNHCR in Montenegro. "A molti dei loro bambini è negata l'iscrizione alla scuola e non possono ottenere un lavoro appropriato o il pieno accesso ai servizi sociali. Senza documenti adeguati, i rifugiati Rom, Ascali ed Egizi non sono riconosciuti come persone dalla legge e spesso sono senza patria effettivi. Questa condizione viene trasmessa alle generazioni future".

Spesso i Rom non registrano la nascita dei loro figli. La mancanza di documenti porta ad una "reazione a catena" dove gli individui non possono assicurare altri documenti e finiscono senza nessun diritto di base. I movimenti della popolazione in decenni di conflitti nei Balcani hanno esacerbato questo problema, i documenti sono andati persi e le famiglie separate.

Uno studio di inizio anno del CRS/Centro Legale ha trovato che circa il 46% dei rifugiati Rom, Ascali ed Egizi che vivono nel campo di Konik e lì attorno sono a rischio di apolidia.

Per risolvere il problema, l'UNHCR sta mettendo enfasi nell'assicurare rappresentazione legale per aiutare i rifugiati Rom, Ascali ed Egizi dal Kosovo in Montenegro a navigare tra le transenne legali e registrarsi, in una scala mai vista prima. Questo attraverso un progetto regionale dell'Unione Rom Europei sviluppato in Serbia, Bosnia e Herzegovina, Macedonia, Montenegro e Kosovo.

"Speriamo che assistendo un gran numero di casi, aiuteremo a determinare cambiamenti sistematici e rendere più facile portare avanti questi temi in un futuro senza avvocati," ha spiegato Ducasse.

Quella del piccolo Adnan Behuli è una delle prime storie di successo."Ora sono così contento," dice suo padre, Behrim, che ha perso un figlio più grande durante la guerra in Kosovo e non ha nessuna voglia di tornarci. A differenza degli altri bambini che frequentano la scuola del campo, Adnan avrà ora la possibilità di andare alla scuola fuori dal campo, dove la qualità dell'istruzione è migliore, ed avrà quindi più opportunità di integrarsi nella più vasta società montenegrina.

"In tutti questi anni mi sono sentito colpevole," dice Behrim, "ma ora mio figlio inizierà la scuola e sarà in grado di avere un'educazione e spero avrà un buon lavoro, non come suo padre."

By Charlotte Lyne and Gordana Popovic
in Podgorica, Montenegro

 
Di Fabrizio (del 05/08/2008 @ 09:33:21, in scuola, visitato 1312 volte)

Da Polska_Roma

By MONIKA SCISLOWSKA - WARSAW, Poland (AP) - Il Ministro dell'Istruzione ha programmato di chiudere le classi per soli Zingari, a seguito delle proteste per cui sarebbero discriminatorie.

"Non ci sarà più assolutamente alcuna forma di classi separate per i bambini Rom" ha detto venerdì Katarzyna Hall a radio Tok FM. "Dobbiamo porre una fine a questo".

Nel 2004, il Consiglio d'Europa si era appellato alla Polonia e ad altre nazioni con una minoranza Rom, di porre una fine alle classi segregate.

Ma il giornale polacco Dziennik ha riportato questa settimana che, secondo dati del Ministero degli Interni, ci sono state classi separate quest'anno in cinque città meridionali ed orientali.

I bambini Zingari erano spediti in classi separate col pretesto che non parlavano polacco, riporta il giornale, anche se molti lo parlavano fluentemente.

Una scuola aveva persino ingressi separati per Zingari e Polacchi, secondo il giornale.

Krzysztof Stanowski, delegato alla Camera, ha detto all'Associated Press che dal 1 settembre tutti i bambini saranno messi insieme, indipendentemente dall'etnia.

"Il ministro sta parlando con tutte le autorità locali dell'istruzione coinvolte e ha detto che a partire da quest'anno scolastico non saranno più formate classi separate per i Rom," ha detto Stanowski.

Ha detto che il Ministero dell'Istruzione si è opposto ad ogni tipo di discriminazione, ed elogiato il giornale per aver sollevato la questione.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


29/03/2020 @ 10:04:08
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3946 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< marzo 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
Ciao Hai bisogno di finanziamenti per la tua casa,...
26/03/2020 @ 11:24:51
Di gian
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, ch...
21/03/2020 @ 14:35:25
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source