Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/06/2010 @ 09:42:10, in media, visitato 1668 volte)

Da Slovak_Roma (NB tutti i link sono in lingua straniera)

The Advocacy Project by Tereza Bottman

06/06/2010 - Circa 400 miglia a est di Praga, nella confinante Slovacchia, che si separò pacificamente dalla Repubblica Ceca non molto tempo fa, si trovano le due comunità profilate nel documentario "In a Cage" della Roma Press Agency.

Secondo l'agenzia stampa ceca Mlada Fronta, la Slovacchia ha oltre 800 insediamenti romanì, isolati dalla comunità maggioritaria. Secondo il giornale slovacco Sme.sk, il conto sarebbe di circa 700.

[Chmiňanské Jakubovany, Eastern Slovakia. Photo credit: Lukáš Houdek]

Questi insediamenti di solito hanno tassi molto alti di disoccupazione (in alcuni casi vicino al 100%) e mancano di servizi basici come acqua corrente, fognature, elettricità, gas o raccolta dei rifiuti.

Gli insediamenti presentati nel documentario del 2006 "In a Cage", sono il villaggio di Rankovce, vicino alla città di Kosice, e la comunità di Podskalka.

[Chmiňanské Jakubovany, Eastern Slovakia. Photo credit: Lukáš Houdek]

Ci che mi ha impressionato è che nonostante l'isolamento, la mancanza di opportunità e la povertà profonda dei residenti, hanno trovato modi per preservare la loro dignità, di stabilire l'auto-governo e la routine quotidiana, e focalizzarsi nella speranza per il futuro, specialmente riguardo l'istruzione per le giovani generazioni.

Direttrice-produttrice del documentario è Kristína Magdolenová, giornalista per i diritti umani ed editrice capo di Roma Press Agency. Il suo scopo è di aprire porte ed abbattere le barriere di pregiudizio tra la popolazione maggioritaria ed i Rom, ma anche suonare un allarme sulla grave situazione dei Rom che vivono segregati. Ha detto Magdolenová:

"Il nostro scopo era di aprire la porta al mondo dei Rom. Per mostrare loro che la maggioranza non li conosce, attraverso i loro problemi giornalieri, gioie e preoccupazioni. Per mostrare la loro faccia reale senza pregiudizi, senza paura della loro alterità, senza fraintesi. Per mostrare che la società slovacca gioca con la comunità rom, li spinge sempre più al margine di questo gioco troppo pericoloso. Un gioco con potenziale umano, che può anche essere rivolto contro di loro. Il film vuole puntualizzare che siamo vicini alla mezzanotte e che dobbiamo smetterla di giocare questo gioco pericoloso."

Anche la Repubblica Ceca, dove andrò per la mia borsa di studio, ha seri problemi riguardo la segregazione abitativa. I Rom sono discriminati nel mercato del lavoro ed in quello della casa. Ma di questo parlerò in un altro post.

L'eccellente documentario "In a Cage" sulle comunità rom isolate isolate, si può vedere QUI.

 
Di Fabrizio (del 08/06/2010 @ 16:30:24, in media, visitato 1434 volte)

Immagine tratta da ale1980italy.wordpress.com

E' di ieri la notizia del tentato rapimento di un neonato dall'ospedale di Nocera Inferiore. Tentativo per fortuna conclusasi col ritrovamento del bambino, e col solito giro di controllo nei campi nomadi, col solito corollario dei media (immagine).

Perché si sa, anche se tutte le ricerche in tal senso hanno sempre smentito questa voce, che gli zingari rapiscono i bambini, basta leggere i commenti alle pagine dei giornali.

Oggi, un altro caso a Prato, dove addirittura un gruppetto di 3, forse 4 persone, riesce ad allontanarsi indisturbato. Naturalmente per i testimoni erano dei Rom, anche se non si capisce in base a cosa. Intanto i soliti controlli nei vari campi ed i primi riconoscimenti non hanno portato a nessun risultato. Insomma, il tutto mi sembra un caso tipico di isteria collettiva.

Nel frattempo. come scrivevo sopra, si è risolto positivamente il precedente rapimento di Nocera Inferiore. La colpevole è stata colta in flagranza di reato, non era rom e così si è aperta la gara a trovare tutte le ragioni e le giustificazioni possibili che l'abbiano condotta a quel gesto. Un trattamento, umano per carità, che mai verrà riservato a nessun rom.

 
Di Fabrizio (del 30/05/2010 @ 09:10:47, in media, visitato 2052 volte)

Segnalazione di Maria Gabriella De Luca

Terre di Confine e FareReteCatanzaro presentano

6 GIUGNO -ore 21.30
c/o IL CAFFE' DELLE ARTI Centro Polivalente per i Giovani - via Fontana Vecchia - Catanzaro
Breve viaggio nella storia e nella cultura Rom

Proiezione del video
"Seppellitemi in piedi"
La voce del popolo Rom

"Nessuno libera nessuno, nessuno si libera da solo, gli uomini si liberano insieme" (Paulo Freire)

 
Di Fabrizio (del 25/05/2010 @ 09:56:25, in media, visitato 1446 volte)

Segnalazione di Franco Marchi, anche se qualcuno si interroga quanto sia lecito sostituire uno stereotipo negativo con uno romantico...

Nel campo profughi di Formelli (Sandro Weltin/©Council of Europe) Repubblica.it

"Chimere assenti" è il cortometraggio che la popolare attrice francese ha finito di girare nei pressi di Roma. E' la storia di una bambina zingara alla quale viene negata la mensa perché troppo povera di GABRIELLA BIANCHI

"GLI ZINGARI, è una fortuna averli. Noi vogliamo mettere il mondo in una scatola, loro ci offrono la fantasia e la liberta'". Risplende Fanny Ardant, dal tavolino appartato incorniciata dal decor art nouveau del bar dell'Hotel Locarno, mentre presenta il suo ultimo lavoro: un cortometraggio che ha appena finito di girare vicino a Roma che narra le vicende di una bambina Rom. Bellissima e chic, vestita di nero, una gonna di tafta', una camicia sobria, una cascata di capelli castani e gli occhi sfavillanti. Ma soprattutto è appassionata, questa famosa interprete che si ripropone come regista dopo aver esordito due anni fa con "Cenere e Sangue", presentato fuori concorso al Festival di Cannes.

I VOLTI SUL SET 1

Nato da un progetto delle Nazioni Unite per promuovere i diritti umani attraverso l'arte, "Chimere assenti", un film di 6 minuti che denuncia l'intolleranza e l'esclusione scolastica dei bambini Rom, è stato commissionato dal Consiglio d'Europa in collaborazione con l'ONG Art for the World. Il film verrà presentato oggi in anteprima al Cinesesc di San Paolo in Brazile per poi partecipare il 27, assieme ad altri 14 cortometraggi realizzati da registi internazionali, al Forum delle Nazioni Unite sull'Alleanza delle Civiltà a Rio de Janeiro.

"E' un vero mistero perché lo abbiano chiesto a me", si schernisce l'icona del cinema francese. In realtà la Ardant ha recentemente accettato di patrocinare la campagna Dosta! (Basta! In lingua romanesque) promossa dal Consiglio d'Europa per combattere i pregiudizi e gli stereotipi nei confronti della comunità Rom. "Sono sempre stata molto interessata al problema degli zingari che vivono nell'Europa occidentale. Io amo profondamente gli zingari da sempre e l'ingiustizia mi ha sempre scandalizzato soprattutto quando è istituzionalizzata", spiega la Ardant che si è recata a più riprese nel campo Rom di Via della Cesarina, alla periferia della capitale, per scegliere i protagonisti del film. "Non frequento Rom, né mi sono formata una conoscenza tramite documentari o film, ma mi affascinano" e aggiunge, "è un grande onore per me rappresentare gli zingari, ed è anche la prova che si può avere delle radici diverse."

Il cortometraggio è stato girato nella zona di Formello, a nord di Roma, con attori professionisti tra i quali Francesco Montanari e Paolo Triestino e attori Rom. "Le nostre comunità occidentali, in Italia e in Francia, ma in generale tutta l'Europa sono conformiste e parlano di tolleranza". precisa la Ardant. "Io detesto il termine "tolleranza", in fondo è un termine dispregiativo se ci pensa: 'ci sta bene che tu stia qua a condizione però che stai zitto'. Questo termine non ha lo stesso significato per tutti", s'infervora l'artista. "Ecco questo mio film cerca di descrivere questi due mondi paralleli che potrebbero incontrarsi. E' la storia di una bambina zingara alla quale viene negata la mensa perché è troppo povera. Queste cose sono successe davvero e non solo in Italia". Il mio non è un discorso strutturato, faccio parlare la mia immaginazione..."

La Ardant interpreta Malvina, un'insegnante di musica che tiene una lezione ad una scolaresca svogliata mentre, nel suo ufficio, il preside rimprovera un'anziana zingara che non è in grado di pagare la mensa alla sua nipotina, Sonietchka. Finita la scuola, sulla via di casa, l'insegnante viene attratta dal suono della musica zigana proveniente dal campo Rom. Il giorno successivo, la bambina, esclusa dalla scuola, ascolta a sua volta le melodie che escono dalla classe. Ad un tratto, si presenta nella scuola un Rom infuriato che prende a sassate le finestre della classe. Il preside chiama la polizia e gli zingari fuggono. Ma fugge anche l'insegnante. La ritroveremo circondata da bambini Rom seduti intorno ad un fuoco che studiano Eschilo mentre le musiche di Gluck si mischiano a motivi zigani.

"Le nostre civiltà sono ricche di certezze, di dogmi, sono appiattite, politicamente corrette. Questo modo di vedere le cose crea molti danni perché eliminano le differenze, i punti di vista diversi, sull'arte, sulla scuola, l'educazione", commenta con passione la Ardant. "In tutte le forme di razzismo sono la stupidità e la paura che dettano i comportamenti e questo non vale solo per la nostra generazione ma è vero anche del passato. La paura comunque è la cosa peggiore".

Magdalena, una Rom rumena del campo di via della Cesarina ha fatto la comparsa nel film. "Avevano ricostruito un campo Rom in un bosco", racconta, "era bellissimo, proprio come era una volta, c'era tutto, le roulotte, i tappeti, le pentole, i vestiti appesi ad asciugare. Dovevamo dare l'impressione di essere poveri ma felici". Per Magdalena tuttavia il film dà "un'immagine un po' fantasiosa dei Rom". "Io comunque, preferirei vivere in un appartamento".

Diva anticonformista, la Ardant due anni fa venne duramente criticata per aver dichiarato al settimanale 'A' di ritenere Renato Curcio "un eroe" e di "aver sempre considerato il fenomeno delle Brigate Rosse come appassionante e accattivante". Dovette poi scusarsi pubblicamente con le vittime del terrorismo. "I guai non mi fanno paura, ai giornalisti piace fare andare i loro tamburi" spiega sorridendo la diva: "Ho sempre detto quello che pensavo a mio rischio. Io non cerco niente, non ho degli interessi nascosti, interessi politici, elettorali, nulla di tutto questo".
(23 maggio 2010)

 
Di Fabrizio (del 24/05/2010 @ 12:21:22, in media, visitato 1612 volte)

Finite le violenze dopo gli scontri nel campo di Triboniano, è già iniziata la guerra sporca dell'informazione. Domenica pomeriggio era previsto un incontro tra gli abitanti del campo e gli antirazzisti, al campo stesso. Domenica sera ricevo questa breve mail dalla Federazione Anarchica Torinese:

Milano. La polizia impedisce l’assemblea e porta via gli antirazzisti

Domenica 23 maggio. La polizia sta cercando di impedire l’assemblea al campo rom di via Triboniano. Dopo le violente cariche http://piemonte.indymedia.org/article/8837 di giovedì 20 gli abitanti della baraccopoli alle spalle del cimitero maggiore avevano deciso di fare oggi un’assemblea. La polizia ha bloccato l’ingresso, imprigionando gli abitanti all’interno dell’area del campo. Gli antirazzisti sono stati tenuti lontani e poi portati via di peso dalla polizia.
Uno dei loro ha cercato invano di resistere, gridando a chi lo allontanava con la forza “fascisti!”.
Difficile trovare una definizione migliore per quanto sta accadendo.
Persino riunirsi in assemblea e discutere è vietato. Se sei rom, povero devi tacere ed accettare in silenzio la deportazione.
Quella che stanno rubando ai rom di Triboniano è la dignità e la libertà di noi tutti.
Seguiranno aggiornamenti.

Sorprendete, per chi ha letto sopra, la ricostruzione del Giornale:

Blitz degli autonomi: ma neanche i nomadi li stanno ad ascoltare
di Enrico Silvestri I no global provano a sfondare i cordoni della polizia. Poi chiedono ai rom un incontro al Torchiera: disertato

Anche ieri Triboniano è finito sotto assedio, causa Centri sociali in missione di agit-prop al campo nomadi dove volevano organizzare una assemblea. Ma si sono trovati davanti a un massiccio schieramento di agenti che li ha respinti al mittente. Di peso. Qualcuno s’era infatti sdraiato a terra ed è stato sollevato e portato via a braccia. Dopo un lungo conciliabolo è stato deciso un incontro al vicino Centro sociale Torchiera. A cui i nomadi, si sono ben guardati dal partecipare.
Dopo i violenti scontri di giovedì dunque, da tre giorni sembra essere tornata la calma allo storico campo nomadi, passato dall’abusivismo selvaggio a una parvenza di legalità. Da anni infatti in quell’area dietro il cimitero maggiore si erano accampati zingari e profughi vari dai Balcani. Arrivati in certi momenti fino a mille. Creando una zona franca, fuori da ogni controllo. Poi nel 2007 il patto di legalità: il Comune organizzava condizioni minime di vivibilità, allacciamenti di acqua, luce, fogne, ma dentro ci sarebbero finiti solo i regolari, incensurati e che mandavano i figli a scuola. E nel momento di trasferimento dal campo abusivo, gli esclusi scatenarono scontri feroci, con incendi, sassaiole e bambini branditi a mo’ di clava.
Poi la situazione si avviò alla normalità, anche se non sono mancati in questi anni i momenti di tensione. L’ultimo la settimana scorsa quando lo sgombero di una famiglia proprietaria di una casa finì in tafferugli. Una tensione destinata a salire. Sul campo ballerebbe infatti uno sgombero da effettuare entro il 30 giugno, perché quell’area è interessata a lavori per l’Expò. Giovedì un gruppo di rom si apprestava a marciare verso Palazzo Marino per chiedere quali fossero le intenzioni della Giunta, trovando la strada sbarrata dalle forze dell’ordine. Subito bersagliate da una fitta sassaiola. Gli agenti hanno risposto serrando i ranghi e ricacciato i nomadi dentro il campo.
In quella, come in tutte le altre occasioni, però non erano mancati i «suggerimenti» di alcuni esponenti dell’area antagonista, in particolare gli «Antirazzisti milanesi» di Fabio Zerbini che anche ieri alle 15 si sono presentati in Triboniano per riprendere la loro azione di «agitazione e propaganda». Venendo rimbalzati da polizia e carabinieri, che ne hanno alzati diversi di peso, portati a 500 metri di distanza e mollati in mezzo alla strada, dove sono rimasti guardati a vista. Ma subito dopo anche dagli stessi rom. Non essendo possibile entrare al campo, i nomadi venivano invitati ad un incontro al Torchiera. «Si, si ora veniamo» hanno risposto. Senza poi farsi vedere. Preferendo rimanere sulle verande dello loro roulotte a fumare e chiacchierare. E verso le 19, dopo quattro ore di attesa sotto un sole cocente, gli «antirazzisti» se ne sono andati delusi. Cacciati alla fin fine non dalla polizia, ma dal «2 di picche» rimediato dagli zingari.

Lascio a voi decidere chi mente e perché, a questo punto riporto un'ulteriore lunga mail di stamattina del gruppo EveryOne

Triboniano: dobbiamo recuperare fiducia e umanità

Milano, 24 maggio 2010. Ieri pomeriggio, dalle 15, alcuni operatori umanitari, difensori dei Diritti Umani ed esponenti del movimenti di critica globale hanno trascorso alcune ore nei pressi dell'insediamento. Era previsto un incontro fra il Comitato Antirazzista Milanese, che da tempo offre il suo sostegno ai Rom di via Triboniano, ed altre ong, fra cui il Gruppo EveryOne. Dopo i recenti scontri, la questura però ha impedito lo svolgersi dell'assemblea all'interno del campo, considerata anche la presenza di bambini e persone malate. L'ingresso dell'insediamento è stato bloccato da un cordone di agenti, ma è stato possibile durante tutto il pomeriggio un dialogo con i rappresentanti delle forze dell'ordine. Alcuni attivisti si sono opposti alle operazioni di blocco dell'accesso al Triboniano attuando una resistenza nonviolenta, che hanno proseguito di fronte all'invito da parte degli agenti ad allontanarsi fino a una distanza di circa 200 metri dall'entrata. Gli attivisti, dietro disposizione del funzionario di polizia che coordinava le operazioni, sono stati spostati a braccia - per amor del vero senza alcuna brutalità - dagli agenti. Roberto Malini, Dario Picciau e Steed Gamero di EveryOne hanno intrattenuto un dialogo sereno con il funzionario della polizia di Stato, finalizzato ad evitare qualsiasi tensione e a prevenire, grazie al confronto di esperienze, futuri tumulti. "Da parte mia," ha detto nel corso della conversazione il funzionario, "mi rendo perfettamente conto che il problema di questo insediamento è la povertà delle famiglie che vi abitano. I Rom chiedono l'elemosina e commettono qualche furto, ma a volte mi chiedo: e se fossi io a trovarmi, con moglie e figli, nelle loro condizioni, come mi comporterei? E' vitale aiutare queste famiglie, che hanno tanti bambini, ad inserirsi. Se potessero vivere in appartamenti e i loro giovani potessero pensare solo a studiare e non a lottare per sopravvivere, avremmo risolto gran parte di questa emergenza".
Non vi era alcuna ostilità, negli sguardi dagli agenti, molti dei quali assai giovani. "Quel ragazzino sembra il mio fratellino," esclamava un poliziotto indicando un monello Rom dagli occhi chiari e vivacissimi. Un clima umano, in cui gli attori di un dramma metropolitano che dura da troppo tempo riuscivano, anche grazie alla presenza di alcuni operatori sociali che seguono da tre anni i bambini e gli adolescenti del campo, a guardarsi negli occhi senza inimicizia. Questa era l'aria che si avvertiva ieri al Triboniano, dove qualcuno, è vero, ipotizzava nuovi scontri e nuove barricate, ma dove è ora tempo di riflettere per ritrovare la via del dialogo e della solidarietà. "Il nostro Gruppo rispetta le scelte effettuate da alcuni Rom del Triboniano," commentano gli attivisti di EveryOne, "ma sta cercando di promuovere il recupero di un clima sereno, perché si formi una piattaforma di fiducia reciproca da cui ricominciare. E' evidente che il progetto del Comune di sbarazzarsi di 600 persone Rom, con tanti bambini e malati, senza attuare tutte le procedure di sostegno sociale necessarie è un progetto disumano, che porterà solo nuova violenza e intolleranza. Sfrattare famiglie inermi con i più disparati pretesti, essere causa di drammi umanitari senza via di uscita, instillare odio nei giovani Rom contro la nostra città e il nostro Paese è una politica palesemente sbagliata, come dimostrano tutte le persecuzioni etniche nella Storia. E' altrettanto evidente che proseguire in una lotta senza quartiere - anche se è comprensibile e giustificato persino dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che sancisce la liceità della ribellione di fronte all'emergenza sociale - è una strada pericolosa e lontana dalle migliori esperienze nel campo della difesa dei Diritti Umani. I Rom sono un popolo, non una classe sociale, e ognuno di loro ha gli stessi obiettivi di tutti gli altri cittadini: essere felici, avere una famiglia, svolgere un lavoro soddisfacente, godere della libertà e dei beni che offre la vita".
Anche qualora si ritenga necessario proseguire con gli squilli di rivolta, vi sono numerosi operatori sociali e difensori dei Diritti Umani convinti che non esista via di uscita se non si prosegue contemporaneamente ogni possibile tentativo di dialogo con le Istituzioni e con tutte le componenti della struttura sociale, politica e umanitaria della città, del Paese e delle realtà oltre i nostri confini.
"Il popolo Rom pone i bambini e le donne in cima ai valori da difendere," prosegue EveryOne. "Ad Auschwitz, dove le famiglie Rom e Sinte potevano restare unite in attesa delle camere a gas, migliaia di genitori morirono di stenti, perché rinunciavano al poco cibo disponibile per nutrire i loro bambini. Nel campo del Triboniano, durante gli scontri, bambini e donne si sono posti in prima fila, armati di sassi e bastoni, come prevedono certe tecniche di guerriglia o resistenza violenta. Ripetiamo che, di fronte alla persecuzione, non possono essere considerate illegittime, tuttavia snaturano la cultura di pace che da ottocento anni caratterizza i Rom e i Sinti in Europa, tanto che gli anziani di questi popoli affermano con fierezza di essere 'l'unico popolo al mondo che non ha mai fatto guerre'. Non è una debolezza, ma una straordinaria virtù di questa gente. Non togliamola loro, neanche per una causa che riteniamo giusta. Non rendiamo i Rom siimili ai loro aguzzini".
Verso le 19.30m i Rom hanno tenuto una riunione all'interno del campo, manifestando timore per il futuro. Gli operatori umanitari e i difensori dei Diritti Umani non hanno potuto incontrare i capifamiglia, per una decisione che nasce da precedenti opzioni e che gli attivisti presenti vicino al campo hanno responsabilmente accettato. "Abbiamo tuttavia parlato con alcuni giovani Rom," conclude EveryOne, "che si augurano di vivere in pace il prima possibile. Non chiedono la luna, ma solo un posto dove vivere, una sicurezza minima da cui partire per trovare un lavoro e avere la possibilità di provvedere alle famiglie. Si sentono traditi da tante promesse e hanno assistito all'espulsione di tanti loro fratelli, colpevoli di aver ospitato parenti 'non autorizzati' o di possedere un rudere inabitabile, definito 'appartamento' da persone in cattiva fede. Si sentono diversi dagli altri cittadini, perché devono obbedire a un regolamento speciale, pieno di norme che non toccano gli altri. Anche un cane può ricevere la visita di un suo simile, ma i Rom del Triboniano no. Se lo fanno e non sono 'autorizzati', vengono messi in mezzo alla strada, condannati al randagismo. Se vogliamo, unendo le forze di tutte le persone di buona volontà, recuperare la fiducia dei Rom e contemporaneamente la nostra umanità, dobbiamo stracciare le regole e gli inganni del passato e ripartire dalla solidarietà. In caso contrario, avremo perso tutti. Avremo perso tutto".

Contatti:
Gruppo EveryOne
+39 393 4010237 :: 39 331 3585406
info@everyonegroup.com :: www.everyonegroup.com

 

Segnalazione di Giancarlo Ranaldi

Video di C6.tv (purtroppo non riesco a caricarlo)

Milano. Sono ormai settimane che il campo rom di Triboniano aspetta di sapere il suo futuro e per questo gli abitanti di via Barzaghi avevano organizzato un presidio davanti a Palazzo Marino. Sono le 16.15 quando dal campo nomadi cento cinquanta persone circa si muovono per raggiungere il Comune. La polizia blocca il corteo ed effetua una carica di alleggerimento all'angolo di via Barzaghi. Dopo il primo contatto i rom rientrano al campo barricandosi nelle loro case. Le forze dell'ordine isolano Triboniano bloccando gli accessi, impedendo anche ai giornalisti di entrare. Inizialmente da lontano si vedono le fiamme di una macchina che brucia e un enorme nube nera. In centinaia le forze dell'ordine in tenuta anti sommossa fronteggiano la situazione. Tre i feriti tra i rom al termine degli scontri: un bambino con il volto irritato dal gas lacrimogeno, una bambina di 7 anni colpita da una manganellata al braccio destro e un uomo colpito alla testa. Quattro i feriti tra gli agenti di plizia. Noi siamo riusciti, nel tardo pomeriggio, ad accedere e raccogliere alcune testimonianze dirette degli abitanti. Qui vi proponiamo una PRIMA parte delle immagini dei disordini e tutte le interviste realizzate nel campo. Tra queste anche quella di una signora (che ha scelto di non farsi riprendere in viso) che dall'esterno ha cercato di entrare nel campo rom per portare soccorso ed è stata bloccata. Servizo di Teo Todeschini (milanox.eu) e Angela Nittoli (c6.tv)

 
Di Fabrizio (del 15/05/2010 @ 09:04:59, in media, visitato 2126 volte)

Segnalazione di Roberto Malini

Milano, 13 maggio 2010. «Bambini rom costretti a rubare» è un'inchiesta sulla vita dei bambini Rom prodotta da Bbc This World (2009) e realizzata da Liviu Tipurita, che sarà trasmessa su Current Tv domenica 16 maggio alle ore 23. Si tratta di un documentario-farsa, preparato a tavolino per rinfocolare pregiudizi atavici nei confronti del popolo Rom. Come faccio ad affermarlo? Semplice: la produzione mi contattò più volte, prima di girarlo. Il reporter romeno aveva maturato l'idea di realizzare un'inchiesta-choc dopo aver preso visione di un articolo apparso sul Corriere della Sera (articolo che ho già commentato) dove si vedono bambini Rom (fra i quali il famoso "Bobi") in posa davanti all'obiettivo di un fotografo, nell'atto di compiere - ora con la mano destra, ora divenendo improvvisamente mancini - borseggi nei pressi della Stazione Centrale di Milano, davanti ai passanti che osservano quelle "performance" senza manifestare il minimo turbamento. Dopo l'arresto, il piccolo "Bobi", secondo le autorità e il giornalista del Corriere, avrebbe chiesto di essere allontanato dai genitori-aguzzini e affidato a una brava famiglia italiana. Nella realtà, il piccolo è stato sottratto alla famiglia e affidato a comunità in attesa di essere inserito in nuclei familiari italiani per ben trenta volte (sic!), ma ogni volta è fuggito per tornare dai suoi, preferendo la povertà di una baracca - ma insieme ai suoi cari - agli agi promessi dalle assistenti sociali e dai tanti amici della "legalità". Ho spiegato con chiarezza alla produzione la mia perplessità sulle foto apparse sul quotidiano italiano, così come sui numerosi casi in cui persone di etnia Rom venivano accusate di crimini efferati, al fine di provocare intolleranza nel popolo italiano e rendere possibile la grande operazione di pulizia etnica che avrebbe successivamente ridotto i Rom in Italia da circa 180 mila agli attuali 40 mila. Ho spiegato all'entourage di Tipurita che i Rom solo in casi rari di devianza picchiano i loro bambini e che l'elemosina era il solo mezzo con cui le famiglie potevano procurarsi mezzi di sopravvivenza. Ho proposto loro di incontrare la famiglia di "Bobi", che si trovava in un insediamento a Pioltello, e di intervistare alcune giovani Rom costrette dalla povertà e dall'emarginazione a vivere mendicando. I responsabili di produzione, però, non accoglievano alcuna delle mie proposte. "Vogliamo qualcosa di diverso," mi chiedevano. "Non potrebbe consentirci di incontrare Rom che comprano e vendono bambini, genitori Rom che seviziano i figli per costringerli a mendicare, prostitute Rom minorenni o ladruncoli Rom?". Erano inutili i miei tentativi di spiegare loro che il popolo Rom presenta la stessa percentuale di ladri e di genitori indegni che hanno gli altri popoli, che nei campi avrebbero trovato indigenza, malattie, esclusione sociale, ma anche tanta solidarietà, una grande unione, uno spirito pacifico e un amore infinito per i bambini. A tale proposito, riportai loro un proverbio conosciuto dai Rom di tutto il mondo: "Tanti bambini, tanta gioia". Ho offerto ai collaboratori di Tipurita tutto il materiale relativo ai nostri studi sui Rom ("Grazie, non si dia pena di inviarcelo") e l'opportunità di conoscere personaggi che danno lustro al popolo più discriminato d'Europa: Santino Spinelli, Rebecca Covaciu, Dijana Pavlovic, Goffredo Bezzecchi e altri. "Se questa è la sua posizione," mi rispondevano, "non è di nostro interesse incontrarla. Noi abbiamo un'altra visione riguardo ai Rom". E chiudevano così la conversazione. La loro "visione" è diventata una delle più oscene calunnie mai diffuse dai media. La conosceremo nei dettagli domenica prossima.

Link correlato: http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_maggio_13/current-bambini-rom-costretti-rubare-1703012864280.shtml
 

Per ulteriori informazioni:

Gruppo EveryOne
+39 393 4010237 :: 39 331 3585406
 
Di Fabrizio (del 13/05/2010 @ 23:59:54, in media, visitato 1900 volte)

Il Centro nazionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza e la Biblioteca Innocenti-Library Alfredo Carlo Moro, insieme all'Istituto Stensen e con la collaborazione di Fabula Film, hanno il piacere di invitarLa alla proiezione del film "Sotto il Celio Azzurro" di Edoardo Winspeare che si terrà venerdì 14 maggio alle ore 21 presso l'Auditorium Stensen (viale Don Minzoni 25, Firenze).

Il film, presentato fuori concorso all'ultima edizione del Festival del film di Roma, racconta quattro stagioni in una scuola per l'infanzia del quartiere Celio di Roma frequentata da 45 bambini di 32 paesi diversi. Winspeare, già autore di altre opere dedicate ai più piccoli, racconta un'esperienza di integrazione e intercultura per molti versi straordinaria, dando conto però della quotidianità della vita scolastica, seguendo con attenzione tanto le storie dei bambini quanto quelle dei genitori e degli educatori, non eliminando problemi e difficoltà, ma sottolineando le loro abilità pedagogiche, lo spirito comunitario e le convinzioni che guidano i loro passi. Sotto il Celio Azzurro è un film che entra nel vivo delle dispute sul mondo della scuola che stanno animando in questi mesi il dibattito pubblico e politico italiano.

Al termine della proiezione interverranno:
Enzo Catarsi, Professore Ordinario di Pedagogia Generale nella Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Firenze
Massimo Guidotti, responsabile Celio Azzurro
Paolo Carnera, direttore della fotografia di Sotto il Celio Azzurro

Fabrizio Colamartino
Consulente
Centro Nazionale di documentazione e analisi sull'infanzia e l'adolescenza
Istituto degli Innocenti
50122 Firenze
p.za SS. Annunziata, 12
tel. 340 7718927
tel. 055 20371

 
Di Fabrizio (del 08/05/2010 @ 17:05:29, in media, visitato 1304 volte)
viaemilianet.it Un'immagine della comunità sinti di Reggio Emilia

Appartengono alla comunità rom proveniente da India e Pakistan che abita a Reggio Emilia. E, con una macchina usa e getta in mano, hanno fotografato la loro quotidianità. Questi scatti sono ora riuniti in una mostra collegata a "Fotografia europea 2010", che punta a smontare alcuni stereotipi

REGGIO EMILIA, 7 MAG. 2010 - Siamo abituati a vederli immortalati tra le baracche, in immagini che diventano spesso il simbolo del degrado e dell'emarginazione, ma la vita dei sinti, i rom provenienti da India e Pakistan, non è riconducibile unicamente a questo contesto. Le numerose foto che li ritraggono, quasi sempre realizzate nei campi nomadi, spesso non restituiscono la realtà della vita quotidiana in queste aree considerate “marginali” alla città. Chi vi abita, molte volte non si è sentito rappresentato da queste immagini, poiché il campo è un luogo di vita, fatto di tante persone, momenti e situazioni, difficili da rendere in pochi scatti.

Per questo l’Assessorato comunale alle Politiche sociali di Reggio Emilia
ha deciso di utilizzare la fotografia come veicolo di maggiore conoscenza e, in collaborazione con SpaceLab, ha promosso un laboratorio nel corso del quale i giovani sinti hanno imparato a fotografare e hanno sperimentato le proprie capacità, con l'aiuto di macchine ‘usa e getta’. Nancy, Nico, Sharon, Wendy, Donovan, Justine, Kevin, Simon, Nicola, Johnny, Tania, Giosuè, Daniel, Dani, Tibi – questi i nomi dei fotodilettanti sinti - si sono messi all’opera, hanno scelto chi, cosa e come fotografare e hanno prodotto molte immagini del campo nel quale vivono.

Ne è uscita una mostra che restituisce un luogo di relazioni e legami tra giovani, adulti, bambini e anziani, di vita di una comunità. Un luogo poco conosciuto della città. L'esposizione, dal titolo “Ia divas sucar du Sinti” ("Un giorno bello dei Sinti"), è tra le esposizioni collegate a "Fotografia europea 2010" e sarà inaugurata [domani], sabato 8 maggio, alle ore 11, nello Spazio km 129. Resterà aperta sino a domenica 13 giugno con i seguenti orari: da lunedì a giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 - venerdì dalle 9 alle 13 - sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17 alle 19.30 - domenica dalle 17 alle 19.30. L’ingresso è gratuito.
 
Per informazioni contrattare lo Spazio km 129,
in Piazza Prampolini 1/F. Telefono: 0522 456711, e-mail: alfa.strozzi@municipio.re.it 

 
Di Fabrizio (del 07/05/2010 @ 09:25:37, in media, visitato 1672 volte)

Due segnalazioni di Agostino Rota Martir

05/05/10 | autore: Francesca Parra – dal sito web PISA NOTIZIE

"Incitamento all'odio razziale. Chiudere i gruppi della vergogna" 

Si prefigura il reato di incitamento all'odio razziale e diffamazione per i post dei 2 gruppi di Facebook contro le case a Coltano per le famiglie rom. Filippeschi: "Affermazioni molto gravi, minacciose e a cui bisogna prestare attenzione". Callaioli: "Un esposto alla Procura della Repubblica, che per reati di questo tipo deve procedere d'ufficio, consentirebbe di intervenire sui gestori affinché procedano alla chiusura del sito".

Incitamento all'odio razziale e diffamazione a mezzo internet. Sono questi secondo l'avvocato Andrea Callaioli i reati che si configurano per alcuni dei post di commento dei 2 gruppi di Facebook, ("Il comune di Pisa regala ville ai rom (con i nostri soldi): OPPONIAMOCI!!", "Contro la costruzione delle palazzine ai Rom a Coltano GRATIS !!!") nati in con lo scopo di opporsi all'assegnazione delle villette di Coltano realizzate per i rom e che raccolgono discussioni e proposte attraversate da sentimenti xenofobi.  
I commenti di alcuni utenti non lascerebbero alcun dubbio: "Lanciafiamme sul campo di Coltano.. così disinfettiamo pure l'aria!!!!!!", è solo uno dei molti post che suggeriscono di "risolvere il problema" attraverso l'eliminazione definitiva di persone che vengono etichettate, in accordo con i luoghi comuni più biechi e diffusi, ladri, stupratori e "zecche".

"Un esposto alla Procura della Repubblica - spiega l''avvocato Callaioli - che per reati di questo tipo deve procedere d'ufficio, consentirebbe di intervenire sui gestori affinché procedano alla chiusura del sito. E allo stesso tempo metterebbe in moto un procedimento di identificazione degli autori dei commenti e degli stessi amministratori delle due pagine, responsabili per quanto su di esse viene pubblicato". 
L'istigazione all'odio razziale infatti, come si legge sul sito dell'associazione costituzionalisti, è ritenuta "non solo come possibile fonte di disordini e di violenze, ma anche come causa della perdurante inferiorità di fatto in cui versano determinati gruppi".

E al prefigurarsi di un reato di siffatta gravità si aggiunge, come spiega Andrea Callaioli, la diffamazione a mezzo internet che colpisce non solo la comunità  rom, ma la stessa amministrazione comunale, l'ex sindaco Paolo Fontanelli e quello attuale Marco Filippeschi, bersagli inoltre di proposte violente: "Du' passaggi di napalm...uno a Coltano e uno sulla casa del sindaco!" scrive uno degli utenti di "Il comune di Pisa regala ville ai rom (con i nostri soldi): OPPONIAMOCI!!", una pagina amministrata da Ezra Pound, Forza Nuova e dal suo coordinatore provinciale Ettore Profeti, dove si invitano gli iscritti a votare Forza Nuova.

Non mancano infatti false informazioni in merito alla gestione della costruzione delle palazzine di Coltano da parte dell'amministrazione e dei due sindaci, come dimostrano affermazioni di questo tipo: "Il comune di Pisa ha costruito case 'popolari' magari usando qualche fondo speciale della comunità europea, e poi sicuramente le venderà ai rom al doppio di quello che le ha pagate"; " Il sindaco ha fatto una scelta del genere motivata da qualcosa, le cose sono 2... o gliel'ha date con l'accordo che non vadano più a rubare nelle case oppure con l'accordo che il sindaco si prende il 40% su tutti i furti che fanno gli zingarelli". 
Su questo aspetto l'avvocato Callaioli non ha dubbi: "Affermazioni di questo tipo ledono l'onorabilità del Sindaco, è auspicabile che lo stesso presenti una querela per diffamazione".

E il sindaco Marco Filippeschi ha così commentato all'Ansa i contenuti delle 2 pagine: "Affermazioni molto gravi, minacciose, alle quali bisogna prestare attenzione", sottolineando l'infondatezza dell'assunto che sta alla base dei 2 gruppi di Facebook: che il Comune cioè consegnerà gratuitamente le abitazioni alle famiglie rom. "Niente di più falso - ha dichiarato Filippeschi - perché chi entra in quelle case deve avere condizioni per pagarsi le utenze e accederà agli alloggi chi non ha carichi pendenti, chi aderisce a un patto rigoroso e sia in grado di adempiere agli obblighi contrattuali per avere quel tipo di residenza." E sui presunti fondi sottratti alle politiche abitative destinate ai cittadini pisani in favore della comunità rom, il Sindaco è chiaro: "Sono affermazioni infondate. L'intervento riguarda la concessione di case di 50 metri quadri o forse meno, realizzate con fondi specifici per le politiche di integrazione degli immigrati, in questo caso rom, e non sono affatto sottratte a nessun'altra politica abitativa pubblica. Semmai lo sforzo è di superare gli accampamenti abusivi riducendo notevolmente il numero degli insediati nel Comune".

Villette, quelle di Coltano, che rientravano all'interno di un programma più ampio di integrazione, "Le città sottili", di cui negli ultimi mesi è stata annunciata la chiusura. "Se oggi le abitazioni di Coltano - ha commentato Stefano Gallo di Africa Insieme - vengono additate dalla destra come pietra della vergogna, ciò è dovuto soprattutto al venir meno di un programma articolato di integrazione". Una scelta che, insieme ai continui sgomberi dei campi rom, secondo Stefano Gallo, allinea le politiche dell'amministrazione pisana a quella di Comuni governati dalla destra: "L'accanimento contro gli accampamenti ricalca quello del sindaco di Roma Gianni Alemanno e di Milano Letizia Moratti. Ma se gli sgomberi in queste 2 città hanno sollevato proteste indignate, lo stesso non è accaduto a Pisa. Come se il fatto che certe pratiche siano messe in atto da un'amministrazione di sinistra in qualche modo le giustificasse".

"Scelte politiche di questo tipo - conclude Stefano Gallo - che segnano un'inversione di rotta dalla precedente amministrazione, che sulle politiche sociali si allineava a quelle della Regione Toscana dando vita a progetti d'avanguardia come quello di "Le città sottili" - non aiutano certo a creare un clima di tolleranza e integrazione".

Leggi anche:

- Il razzismo corre su Facebook 


Pregiudizi, intolleranza e luoghi comuni sono duri a morire, e nell'era della (dis)informazione sul web e dei social network, dove ognuno può diffondere e condividere contenuti e opinioni, a trovare eco non è solo una vasta diffusione delle conoscenze. E anche su temi locali non mancano esempi di questo tipo. 
Sono 2 i gruppi su Facebook, animati da una forte opposizione, per usare un eufemismo, alla costruzione a Coltano di abitazioni che verranno consegnate ad alcune delle famiglie della comunità rom locale, nell'ambito del progetto "Le città sottili". Gruppi, uno dei quali legato a Forza Nuova ("Il comune di Pisa regala ville ai rom (con i nostri soldi): OPPONIAMOCI!!"), dove si rincorrono commenti che lasciano spazio ad aperti sfoghi di intolleranza e di razzismo.

"Via dall'Italia!! Questi sporchi, assassini sfruttatori di bambini!!"; "La benzina costerà tanto... però ne vale lo stesso la pena anche per chi ci vuole far rovinare da queste bestie che io li manderei prima di bruciarli in casa a chi li vuole in Italia e a chi dice che non sono un problema....."; "senegalesi, polacchi, ucraini al 85% sono bravi lavoratori, ma i rom sono ladri e vagabondi, è nella loro natura, non sono qui per lavorare, sono sporchi, puzzano, rubano, vendono bambini, ci sono risse tutti i giorni, se incontrano una donna la violentano, perché è cosi che loro vivono". Questi sono solo alcuni dei commenti postati sulla pagina del gruppo, che si spingono fino a suggerire l'uso di napalm per risolvere il "problema".  
Parole farcite di un'intolleranza spesso violenta e nostalgica della pagina meno gloriosa della storia italiana: "Vanno buttati fuori, la razza e' razza...e bisogna fare pulizia...", suggerisce qualcuno, mentre un utente che si identifica con una foto del Duce sembra non avere dubbi sui responsabili: "La colpa è dei comunisti che gli hanno dato tutti questi diritti, gli avete votati ora ciucciateveli".

E se non tutti condividono le aperte prese di posizione razziste farcite di rigurgiti nazi-fascisti, il filo rosso che lega i diversi utenti sembra essere intessuto di ignoranza e frustrazione. "Perché costruire casa per la comunità rom quando molte delle famiglie italiane faticano ad arrivare a fine mese, fra mutui e bollette da pagare?" si chiedono gli aderenti ai 2 gruppi. Una domanda che si contorna di luoghi comuni: l'equivalenza fra rom, nomadismo e delinquenza, la convinzione che le famiglie in questione non desiderino in realtà una casa.

"Contro la costruzione delle palazzine ai Rom a Coltano GRATIS !!!" (oltre 3 mila gli iscritti) si presenta così: "Vi sembra giusto che la Comunità Europea finanzi questi lavori e che il Comune di Pisa faccia costruire queste strutture che poco hanno da invidiare a costose villette? A Voi la parola". E nei post si rincorrono discussioni fondate su informazioni errate, in primis sull'assunto che le case verranno consegnate alle famiglie a titolo gratuito e che le utenze saranno a carico dell'amministrazione e dunque dei cittadini che pagano le tasse. Convinzione errata dato che la consegna delle abitazioni prevederà il pagamento di un canone concordato e delle bollette di luce, acqua e gas a carico degli assegnatari. Si parla poi di presunti, e vorremmo sottolineare inesistenti, sussidi che lo Stato assegnerebbe ad ogni rom, pari - secondo un utente apparentemente informatissimo - a 30 euro giornalieri a persona.

Sulla stesa linea anche il gruppo "Il comune di Pisa regala ville ai rom (con i nostri soldi): OPPONIAMOCI!!", che raccoglie 1.065 iscritti, amministrato da Ezra Pound, Forza Nuova Pisa e dal coordinatore provinciale di Forza Nuova Ettore Profeti, dove se pur meno frequenti non mancano "suggerimenti" per risolvere la questione: "Bisognerebbe dare fuoco a quelli zingaracci di merda insieme a quel cazzo di sindaco Fontanelli!!!". 
Ma è in questo gruppo che maggiormente si discute sulle responsabilità e sulle motivazioni della scelta di costruire abitazioni per alcune delle famiglie rom di Pisa: "Colpa dell'amministrazione che privilegia questa categoria di persone". Un'affermazione che, se non si inserisse nel contesto di una tragica dimostrazione di ignoranza e razzismo, farebbe quasi sorridere alla luce degli sgomberi dei campi rom degli ultimi mesi.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/09/2020 @ 17:37:00
script eseguito in 57 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 85 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Hai bisogno di un prestito urgente oggi?Possiamo a...
31/08/2020 @ 15:35:47
Di montesana
Que faire si vous avez été victime d'une arnaque s...
20/08/2020 @ 04:38:04
Di sucre
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source