Triboniano: gli scontri continuano sull'informazione - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : Articolo
Triboniano: gli scontri continuano sull'informazione
Di Fabrizio (del 24/05/2010 @ 12:21:22, in media, visitato 1569 volte)

Finite le violenze dopo gli scontri nel campo di Triboniano, è già iniziata la guerra sporca dell'informazione. Domenica pomeriggio era previsto un incontro tra gli abitanti del campo e gli antirazzisti, al campo stesso. Domenica sera ricevo questa breve mail dalla Federazione Anarchica Torinese:

Milano. La polizia impedisce l’assemblea e porta via gli antirazzisti

Domenica 23 maggio. La polizia sta cercando di impedire l’assemblea al campo rom di via Triboniano. Dopo le violente cariche http://piemonte.indymedia.org/article/8837 di giovedì 20 gli abitanti della baraccopoli alle spalle del cimitero maggiore avevano deciso di fare oggi un’assemblea. La polizia ha bloccato l’ingresso, imprigionando gli abitanti all’interno dell’area del campo. Gli antirazzisti sono stati tenuti lontani e poi portati via di peso dalla polizia.
Uno dei loro ha cercato invano di resistere, gridando a chi lo allontanava con la forza “fascisti!”.
Difficile trovare una definizione migliore per quanto sta accadendo.
Persino riunirsi in assemblea e discutere è vietato. Se sei rom, povero devi tacere ed accettare in silenzio la deportazione.
Quella che stanno rubando ai rom di Triboniano è la dignità e la libertà di noi tutti.
Seguiranno aggiornamenti.

Sorprendete, per chi ha letto sopra, la ricostruzione del Giornale:

Blitz degli autonomi: ma neanche i nomadi li stanno ad ascoltare
di Enrico Silvestri I no global provano a sfondare i cordoni della polizia. Poi chiedono ai rom un incontro al Torchiera: disertato

Anche ieri Triboniano è finito sotto assedio, causa Centri sociali in missione di agit-prop al campo nomadi dove volevano organizzare una assemblea. Ma si sono trovati davanti a un massiccio schieramento di agenti che li ha respinti al mittente. Di peso. Qualcuno s’era infatti sdraiato a terra ed è stato sollevato e portato via a braccia. Dopo un lungo conciliabolo è stato deciso un incontro al vicino Centro sociale Torchiera. A cui i nomadi, si sono ben guardati dal partecipare.
Dopo i violenti scontri di giovedì dunque, da tre giorni sembra essere tornata la calma allo storico campo nomadi, passato dall’abusivismo selvaggio a una parvenza di legalità. Da anni infatti in quell’area dietro il cimitero maggiore si erano accampati zingari e profughi vari dai Balcani. Arrivati in certi momenti fino a mille. Creando una zona franca, fuori da ogni controllo. Poi nel 2007 il patto di legalità: il Comune organizzava condizioni minime di vivibilità, allacciamenti di acqua, luce, fogne, ma dentro ci sarebbero finiti solo i regolari, incensurati e che mandavano i figli a scuola. E nel momento di trasferimento dal campo abusivo, gli esclusi scatenarono scontri feroci, con incendi, sassaiole e bambini branditi a mo’ di clava.
Poi la situazione si avviò alla normalità, anche se non sono mancati in questi anni i momenti di tensione. L’ultimo la settimana scorsa quando lo sgombero di una famiglia proprietaria di una casa finì in tafferugli. Una tensione destinata a salire. Sul campo ballerebbe infatti uno sgombero da effettuare entro il 30 giugno, perché quell’area è interessata a lavori per l’Expò. Giovedì un gruppo di rom si apprestava a marciare verso Palazzo Marino per chiedere quali fossero le intenzioni della Giunta, trovando la strada sbarrata dalle forze dell’ordine. Subito bersagliate da una fitta sassaiola. Gli agenti hanno risposto serrando i ranghi e ricacciato i nomadi dentro il campo.
In quella, come in tutte le altre occasioni, però non erano mancati i «suggerimenti» di alcuni esponenti dell’area antagonista, in particolare gli «Antirazzisti milanesi» di Fabio Zerbini che anche ieri alle 15 si sono presentati in Triboniano per riprendere la loro azione di «agitazione e propaganda». Venendo rimbalzati da polizia e carabinieri, che ne hanno alzati diversi di peso, portati a 500 metri di distanza e mollati in mezzo alla strada, dove sono rimasti guardati a vista. Ma subito dopo anche dagli stessi rom. Non essendo possibile entrare al campo, i nomadi venivano invitati ad un incontro al Torchiera. «Si, si ora veniamo» hanno risposto. Senza poi farsi vedere. Preferendo rimanere sulle verande dello loro roulotte a fumare e chiacchierare. E verso le 19, dopo quattro ore di attesa sotto un sole cocente, gli «antirazzisti» se ne sono andati delusi. Cacciati alla fin fine non dalla polizia, ma dal «2 di picche» rimediato dagli zingari.

Lascio a voi decidere chi mente e perché, a questo punto riporto un'ulteriore lunga mail di stamattina del gruppo EveryOne

Triboniano: dobbiamo recuperare fiducia e umanità

Milano, 24 maggio 2010. Ieri pomeriggio, dalle 15, alcuni operatori umanitari, difensori dei Diritti Umani ed esponenti del movimenti di critica globale hanno trascorso alcune ore nei pressi dell'insediamento. Era previsto un incontro fra il Comitato Antirazzista Milanese, che da tempo offre il suo sostegno ai Rom di via Triboniano, ed altre ong, fra cui il Gruppo EveryOne. Dopo i recenti scontri, la questura però ha impedito lo svolgersi dell'assemblea all'interno del campo, considerata anche la presenza di bambini e persone malate. L'ingresso dell'insediamento è stato bloccato da un cordone di agenti, ma è stato possibile durante tutto il pomeriggio un dialogo con i rappresentanti delle forze dell'ordine. Alcuni attivisti si sono opposti alle operazioni di blocco dell'accesso al Triboniano attuando una resistenza nonviolenta, che hanno proseguito di fronte all'invito da parte degli agenti ad allontanarsi fino a una distanza di circa 200 metri dall'entrata. Gli attivisti, dietro disposizione del funzionario di polizia che coordinava le operazioni, sono stati spostati a braccia - per amor del vero senza alcuna brutalità - dagli agenti. Roberto Malini, Dario Picciau e Steed Gamero di EveryOne hanno intrattenuto un dialogo sereno con il funzionario della polizia di Stato, finalizzato ad evitare qualsiasi tensione e a prevenire, grazie al confronto di esperienze, futuri tumulti. "Da parte mia," ha detto nel corso della conversazione il funzionario, "mi rendo perfettamente conto che il problema di questo insediamento è la povertà delle famiglie che vi abitano. I Rom chiedono l'elemosina e commettono qualche furto, ma a volte mi chiedo: e se fossi io a trovarmi, con moglie e figli, nelle loro condizioni, come mi comporterei? E' vitale aiutare queste famiglie, che hanno tanti bambini, ad inserirsi. Se potessero vivere in appartamenti e i loro giovani potessero pensare solo a studiare e non a lottare per sopravvivere, avremmo risolto gran parte di questa emergenza".
Non vi era alcuna ostilità, negli sguardi dagli agenti, molti dei quali assai giovani. "Quel ragazzino sembra il mio fratellino," esclamava un poliziotto indicando un monello Rom dagli occhi chiari e vivacissimi. Un clima umano, in cui gli attori di un dramma metropolitano che dura da troppo tempo riuscivano, anche grazie alla presenza di alcuni operatori sociali che seguono da tre anni i bambini e gli adolescenti del campo, a guardarsi negli occhi senza inimicizia. Questa era l'aria che si avvertiva ieri al Triboniano, dove qualcuno, è vero, ipotizzava nuovi scontri e nuove barricate, ma dove è ora tempo di riflettere per ritrovare la via del dialogo e della solidarietà. "Il nostro Gruppo rispetta le scelte effettuate da alcuni Rom del Triboniano," commentano gli attivisti di EveryOne, "ma sta cercando di promuovere il recupero di un clima sereno, perché si formi una piattaforma di fiducia reciproca da cui ricominciare. E' evidente che il progetto del Comune di sbarazzarsi di 600 persone Rom, con tanti bambini e malati, senza attuare tutte le procedure di sostegno sociale necessarie è un progetto disumano, che porterà solo nuova violenza e intolleranza. Sfrattare famiglie inermi con i più disparati pretesti, essere causa di drammi umanitari senza via di uscita, instillare odio nei giovani Rom contro la nostra città e il nostro Paese è una politica palesemente sbagliata, come dimostrano tutte le persecuzioni etniche nella Storia. E' altrettanto evidente che proseguire in una lotta senza quartiere - anche se è comprensibile e giustificato persino dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che sancisce la liceità della ribellione di fronte all'emergenza sociale - è una strada pericolosa e lontana dalle migliori esperienze nel campo della difesa dei Diritti Umani. I Rom sono un popolo, non una classe sociale, e ognuno di loro ha gli stessi obiettivi di tutti gli altri cittadini: essere felici, avere una famiglia, svolgere un lavoro soddisfacente, godere della libertà e dei beni che offre la vita".
Anche qualora si ritenga necessario proseguire con gli squilli di rivolta, vi sono numerosi operatori sociali e difensori dei Diritti Umani convinti che non esista via di uscita se non si prosegue contemporaneamente ogni possibile tentativo di dialogo con le Istituzioni e con tutte le componenti della struttura sociale, politica e umanitaria della città, del Paese e delle realtà oltre i nostri confini.
"Il popolo Rom pone i bambini e le donne in cima ai valori da difendere," prosegue EveryOne. "Ad Auschwitz, dove le famiglie Rom e Sinte potevano restare unite in attesa delle camere a gas, migliaia di genitori morirono di stenti, perché rinunciavano al poco cibo disponibile per nutrire i loro bambini. Nel campo del Triboniano, durante gli scontri, bambini e donne si sono posti in prima fila, armati di sassi e bastoni, come prevedono certe tecniche di guerriglia o resistenza violenta. Ripetiamo che, di fronte alla persecuzione, non possono essere considerate illegittime, tuttavia snaturano la cultura di pace che da ottocento anni caratterizza i Rom e i Sinti in Europa, tanto che gli anziani di questi popoli affermano con fierezza di essere 'l'unico popolo al mondo che non ha mai fatto guerre'. Non è una debolezza, ma una straordinaria virtù di questa gente. Non togliamola loro, neanche per una causa che riteniamo giusta. Non rendiamo i Rom siimili ai loro aguzzini".
Verso le 19.30m i Rom hanno tenuto una riunione all'interno del campo, manifestando timore per il futuro. Gli operatori umanitari e i difensori dei Diritti Umani non hanno potuto incontrare i capifamiglia, per una decisione che nasce da precedenti opzioni e che gli attivisti presenti vicino al campo hanno responsabilmente accettato. "Abbiamo tuttavia parlato con alcuni giovani Rom," conclude EveryOne, "che si augurano di vivere in pace il prima possibile. Non chiedono la luna, ma solo un posto dove vivere, una sicurezza minima da cui partire per trovare un lavoro e avere la possibilità di provvedere alle famiglie. Si sentono traditi da tante promesse e hanno assistito all'espulsione di tanti loro fratelli, colpevoli di aver ospitato parenti 'non autorizzati' o di possedere un rudere inabitabile, definito 'appartamento' da persone in cattiva fede. Si sentono diversi dagli altri cittadini, perché devono obbedire a un regolamento speciale, pieno di norme che non toccano gli altri. Anche un cane può ricevere la visita di un suo simile, ma i Rom del Triboniano no. Se lo fanno e non sono 'autorizzati', vengono messi in mezzo alla strada, condannati al randagismo. Se vogliamo, unendo le forze di tutte le persone di buona volontà, recuperare la fiducia dei Rom e contemporaneamente la nostra umanità, dobbiamo stracciare le regole e gli inganni del passato e ripartire dalla solidarietà. In caso contrario, avremo perso tutti. Avremo perso tutto".

Contatti:
Gruppo EveryOne
+39 393 4010237 :: 39 331 3585406
info@everyonegroup.com :: www.everyonegroup.com

Articolo Articolo Commenti Oppure (1) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


10/12/2019 @ 15:28:33
script eseguito in 33 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 7249 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:16:50
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source