Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : VAI : Regole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 24/11/2005 @ 12:33:41, in Regole, visitato 7021 volte)
Anti_Discrimination

La Commissione Europea Network of Legal Experts in non-discrimination ha pubblicato un'analisi comparata delle leggi antidiscriminatorie nei 25 Stati Membri - dedicando un documento ad ogni paese. Il rapporto inoltre confronta similitudini e contrasti tra le differenti leggi nazionali, identifica sviluppi ed aspetti comuni. [...]

Il rapporto è disponibile in lingua inglese, francese e tedesca.

Rimedi e sanzioni nelle leggi non discriminatorie

Il network di esperti ha poi pubblicato un nuovo rapporto esaminando il concetto di "sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive" - con quanto comportano nello sviluppo di Direttive sull'Uguaglianza Razziale e nell'Impiego. Sullo sfondo, il rapporto affronta lo sviluppo e il significato del concetto in Europa di legge sull'uguaglianza dei sessi (comprese le sue origini storiche) e sulla legislazione europea in generale. Di seguito affronta gli standard legislativi del diritto internazionale; per terminare coi rimedi e le sanzioni previste nel quadro specifico delle direttive EU, con i relativi conguagli e risarcimenti.

Attualmente questa parte è disponibile in inglese. A breve seguiranno le versioni in francese e tedesco.

Tommaso Vitale e Daniele segnalano anche questo articolo di Repubblica

stor_6383317_57290
Lo sgombero di un campo
nomadi in Italia

Il rapporto integrale è scaricabile qui:

Il resoconto annuale indica i nomadi e gli ex cittadini sovietici
come le popolazioni più soggette a violenza ed emarginazione
Razzismo, il rapporto della Ue
"I Rom sono i più discriminati"
di CRISTINA NADOTTI

ROMA - Sono i Rom la popolazione più discriminata in Europa, subito dietro a loro i cittadini dell'ex Unione Sovietica. Il rapporto annuale dell'European Monitoring Centre on Racism and Xenophobia, l'organismo dell'Unione Europea che ha il compito di fornire agli stati membri informazioni e dati sul razzismo, la xenofobia, l'islamofobia e l'antisemitismo, e di formulare piani di intervento per contrastarli, denuncia oggi che i Rom, che il rapporto indica come zingari, sono il gruppo etnico che deve affrontare maggiori discriminazioni nel lavoro, nell'alloggio e nell'istruzione. I Rom, scrive il rapporto, sono vittime di continue violenze razziste.

Il rapporto sottolinea che "La storia particolare e le caratteristiche della popolazione degli stati membri dell'Unione" sono tra le cause di questa avversione nei confronti di questo popolo e degli ex cittadini sovietici. Il rapporto include una valutazione generale in cinque aree di ricerca: la legislazione, l'occupazione, l'accoglienza, l'istruzione, la violenza e i crimini razziali. "Ci sono - si legge nella relazione - alcuni esempi di "buone pratiche" sia degli stati nucleo della Ue che dei nuovi membri, ma è chiaro che molti stati rimangono molto indietro".

I bambini Rom esclusi dall'istruzione. Sono la Repubblica Ceca, la Spagna e l'Ungheria i paesi che discriminano maggiormente i Rom, che in questi stati hanno maggiori difficoltà a essere accolti. Ma in molti paesi, sottolinea il rapporto, nelle scuole i bambini Rom sono concentrati in classi speciali, con la tendenza a bollarli come non adatti alla scolarizzazione o con difficoltà di apprendimento"

La nuova Ue e le etnie. Gli esperti europei sottolineano che con l'allargamento dell'Unione la composizione etnica dell'Europa è mutata, e con essa anche le vittime delle discriminazioni. Si fa distinzione tra i paesi occidentali, che hanno una lunga tradizione di migranti e di razzismo, xenofobia e discriminazione, e quelli orientali, dove c'è una maggiore omogeneità etnica. Questo spiega in parte il triste primato dei Rom, che hanno una lunga storia di migrazione ( e discriminazione) anche nei nuovi stati membri dell'Ue, quali la Repubblica Ceca, l'Ungheria e la Slovacchia.

"E' anche per questo che la maggior parte dei rapporti dei dieci nuovi stati dell'Ue si concentra principalmente o unicamente sulla questione dei Rom", scrive il resoconto e bisogna tenere in considerazione che la Commissione Europea ha imposto ai nuovi membri di migliorare i diritti e l'accoglienza delle minoranze Rom come requisito per entrare nella Ue".

(23 novembre 2005)


La segnalazione della REUTERS (in inglese)
 
Di Fabrizio (del 27/11/2005 @ 08:05:37, in Regole, visitato 2061 volte)
StramieriInItalia
La sentenza
È romeno? Non può essere espulso
Giudice di pace di Torino annulla decreto d'espulsione. "La Romania entrerà nell'Ue, non si applica il Testo Unico"

Non ha il permesso di soggiorno, ma dal momento che è un cittadino romeno e il suo Paese entrerà a far parte dell'Unione Europea, non può essere espulso.

Ai più il ragionamento suonerà nuovo, probabilmente forzato. Eppure è quello seguito qualche giorno fa dal giudice di pace di Torino Francesco Sibilla per annullare un decreto d'espulsione a carico di Costantin Nechifor.

Nechifor era entrato in Italia per motivi turistici e quindi, in base agli accordi tra Ue e Romania, non aveva dovuto chiedere alcun visto alle nostre autorità consolari. Giunto nel capoluogo piemontese, non si era presentato in Questura per farsi rilasciare un permesso di soggiorno per turismo e aveva trovato un impiego in nero come operaio specializzato.

La sua avventura da sans papier è durata poco: all'inizio di ottobre è stato fermato dalle forze dell'ordine, che gli hanno rifilato un decreto d'espulsione. Prima di prendere la via del ritorno, Nechifor si è però rivolto ad un avvocato e ha presentato ricorso. Una mossa che si è rivelata vincente.

"Citando alcuni precedenti, - spiega l'avv. Davide De Bartolo - ho sostenuto che la disciplina sull'immigrazione, e quindi anche l' espulsione, non può applicarsi ai cittadini degli Stati candidati ad entrare nell'Ue. Non dimentichiamo che per la Romania è stata fissata una data certa e che il Paese ha già sottoscritto una regolamentazione sulla libera circolazione"

Una tesi condivisa dal giudice di pace Francesco Sibilla. "La Romania - si legge nella sentenza - farà parte dell'Unione europea al giorno 1.1.2007 ed ha già stipulato con gli altri partner europei un regolamento che contiene anche le norme sulla libera circolazione delle persone, senza menzionare poi i dettami della nuova carta costituzionale europea firmata dai 25 paesi membri dell'Ue ed anche dai paesi candidati fra i quali la Romania"

Secondo il giudice Sibilla "la normativa del d.lgv. 286/98 [il testo unico sull'immigrazione, n.d.r.] non si dovrebbe applicare ai cittadini candidati dell'unione Europa così come non si applica ai cittadini già membri dell'Ue". Di qui l'annullamento del decreto di espulsione.

Per l'avv. De Bartolo, ovviamente, la sentenza "è ottima", ma è meglio non fomentare false illusioni: "Questa è l'interpretazione di un giudice di pace di Torino. Per chi ha la sfortuna di finire dinanzi ad altri che la pensano diversamente non andrà così…". Forse però vale la pena provarci: la fortuna aiuta gli audaci.

Ecco la sentenza: Leggi   Scarica

(25 novembre 2005)

Elvio Pasca



     
 
Di Fabrizio (del 28/11/2005 @ 06:33:50, in Regole, visitato 1809 volte)

da Roma_Francais

Tassa sul nomadismo?

24 novembre 2005: Nel contesto psico-socio-politico post-violenze urbane, dove "l’altro" fa paura o è da eliminare, il deputato Jérôme Chartier (UMP) ha modificato il bilancio 2006 per istituire una tassa annuale "simbolica" sui caravan di più 4m2 (1).

Una misura che riguarda direttamente le gens du voyage poiché il suo ricavato, stimato in 50 milioni di euro, sarà incassato dai sindaci del luogo di sosta, e "permetterà di finanziare la costruzione ed il funzionamento delle di parcheggio di sosta finora evidentemente insufficienti" (2).

Poiché i deputati s’immaginano che i gitani sono tutti molto ricchi, la tassa è stato fissata a 75 euro per metro quadro. Questa tassa proibitiva ha causato ieri la rabbia delle associazioni vicine alle gens du voyage.

A Ca se passe comme ca, non si è contrari all'idea di tassare i caravan gitani. Ma ridiamo di fronte a tanta demagogia buona appena a fornire una manciata di euro. Sembra che il legislatore - sempre più staccato della Francia reale - non abbia mai messo piede in un campo per ipotizzare misure tanto inapplicabili! Infatti, creare una tassa è facile, incassarla è cosa diversa. Chi andrà sul posto (preferibilmente prima che il "contribuente" sia già partito) a realizzare recuperi che si immaginano così massicci ? Il segretario del sindaco ? Il piccolo agente del tesoro ?

Ah ma no! certamente, se ne incaricheranno i CRS (3) dove si aveva la testa?!

Articolo originale e forum commenti

(1) fonte : Les Echos, n° 19547, 24/11/2005.

(2) Si segnala un "contro-emendamento" del deputato Augustin Bonrepaux (PS) per limitare queste entrate ai soli sindaci che rispettino i loro obblighi in materia. Quindi i comuni che non hanno istituito aree di sosta o non intendono non potrebbero usufruire del gettito di questa tassa applicata solo su una parte della popolazione.

(3) Così dopo i Crs nell'Île-de-France, avremo Crs-agenti esattori, il Crs-vigile di supermercato, Crs-del DGCCRF, ecc.. ?

 
Di Fabrizio (del 30/11/2005 @ 10:08:56, in Regole, visitato 2949 volte)
Minority Rights Group International

COMUNICATO STAMPA 17 Novembre 2005 (estratto)

La Bosnia 10 anni dopo: La nuova Constituzione deve incorporare i diritti delle minoranze per superare le divisioni etniche

All'alba del decimo annivesario degli accordi di pace di Dayton, i negoziati sulla nuova Costituzione di Bosnia ed Herzegovina devono stabilire definitivamente i diritti delle minoranze e riformare il sistema elettorale che discriminando favorisce le divisioni etniche. Minority Rights Group International (MRG) vuole che sia intrapresa un'azione [...] dove tutte le minoranze esistenti possano partecipare alla vita pubblica.

Le strutture politiche disegnate secondo linee erniche dalla Costituzione post-Dayton 10 anni fa, hanno ricevuto riprovazione per aver aumentato le divisioni etniche. Inoltre, MRG sottolinea che i diritti delle minoranze sono stati largamente misconosciuti, e sono stati implementati nel contesto di una struttura stabilita con la fine della guerra. MRG suggerisce [...] di adottare gli standards internazionali come previsto nella Convenzione Quadro del Consiglio d'Europa per la Protezione delle Minoranze Nazionali (FNCM), come soluzione che offra stabilità, eguaglianza e per costruire la fiducia tra tutti i gruppi etnici. Secondo MRG l'enfasi verso i diritti individuali deve accompagnarsi [...] alla protezione di tutti i gruppi più vulnerabili e marginalizzati. Occorre riformare un sistema elettorale segregazionista, [...] per arrivare ad un processo di coesione sociale e politica.

MRG, con la partnership della Benjamin N. Cardozo School of Law e di European Roma Rights Center (ERRC), sta impegnandosi per cambiare il sistema elettorale, che viola i diritti di molti cittadini a partecipare su basi paritaria alla vita pubblica ed istituzionalizza la politica dei confini etnici. Solo i tre "popoli costituenti" - Bosniaci, Croati e Serbi, possono partecipare alla Camera dei Popoli o alle elezion presidenziali, escludndo così le minoranze come i Rom o gli Ebrei. Inoltre, la possibilità di voto è ristretta all'etnicità: soltanto un Serbo può essere eletto dalla Republika Srpska o soltanto un Bosniaco o un Croato dalla Federazione. Queste restrizioni escludono di fatto quanti di etnia mista rifiutino di scegliere tra un'identità etnica costituente e l'altra. Ciò in violazione del diritto di scegliere se essere trattato o no come minoranza nazionale, pena una situazione di trattamento svantaggioso (FNCM art. 3).

Clive Baldwin, per conto dell'Ufficio Legale Internazionale di MRG, afferma: "I diritti delle minoranze godono di cattiva fama in Bosnia, [...] mentre altrove, lungi dal creare divisioni, si sono mostrati una delle più efficaci misure nella prevenzione dei conflitti e per un sviluppo equilibrato. Ora la Bosnia sta iniziando il processo di transizione da un governo straniero a uno bosniaco, e la comunità internazionale deve assistere e supportare questo obiettio, anche attraverso un pieno processo consultivo costituzionale".

[...]

MRG
 
Di Fabrizio (del 02/12/2005 @ 03:26:04, in Regole, visitato 5716 volte)
Noi, capifamiglia della comunità Rom di via Idro 62,
in merito ad alcune notizie apparse sulla stampa nazionale
PRECISIAMO
  • Non è avvenuto alcun arresto o alcun fermo nel campo comunale di via Idro, che è sempre stato abitato da cittadini italiani di etnia Rom Harvati.
  • I carabinieri e la polizia sanno chi sono i residenti del campo, tramite un controllo costante dei gruppi famigliari. Sono anche a conoscenza di tutti gli insediamenti provvisori di Rom e cittadini stranieri, che si sono sviluppati attorno al nostro campo.
  • Alcuni di questi insediamenti sono tollerati come “soluzione provvisoria” da parte dello stesso comune, che da un verso procede agli sgomberi e dall’altro deve trovare luoghi lontano dalla città, dove far sostare gli sgomberati.
  • Le forze di sicurezza e le autorità sono a conoscenza che in una simile situazione di tensione e di miseria, che coinvolge TUTTE le comunità Rom, siamo noi i primi a non poter tollerare insediamenti di persone e famiglie di altri gruppi. Tra cui, possono esserci sia persone oneste che criminali.

Ribadiamo: siamo cittadini italiani, residenti in questa zona da oltre 30 anni. Nessuno di noi si è mai macchiato di crimini come quelli commessi nel Lecchese, che sono quanto di più lontano dalla nostra tradizione e dai nostri comportamenti.

Comportamenti che sono distanti da qualsiasi ipotesi di convivenza civile. PER QUESTO RITENIAMO MOLTO GRAVE aver coinvolto la nostra comunità in fatti a cui siamo assolutamente estranei. Mettetevi nei panni di quanti di noi lavorano e devono tener nascosto di essere Rom o di abitare in questo campo: com’è possibile per noi ottenere il rispetto o impegnarci per aver un rapporto col quartiere dove viviamo e dove molti di noi sono nati e sono andati a scuola?

Vi invitiamo, serenamente, a verificare le notizie prima di scriverle, con noi i diretti interessati, perché ogni vostra parola è importante per una convivenza civile.

Per questo, vi invitiamo presso il nostro campo di via Idro 62 – MILANO ad una conferenza stampa, venerdì 2 novembre 2005 alle ore 15.30

Le famiglie della comunità Rom di via Idro
 
Di Sucar Drom (del 13/12/2005 @ 19:22:14, in Regole, visitato 1632 volte)

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Serie generale, n. 286 del 9 dicembre 2005 - sezione Atti amministrativi, è stato pubblicato un Avviso per la presentazione di progetti di analisi dei fattori, dei processi e delle buone prassi connesse con la discriminazione su base etnica e razziale, rivolto alle associazioni e fondazioni senza fini di lucro.

L’iniziativa, che si inserisce nell’ambito delle attività istituzionali dell’UNAR – così come individuate nel Quadro generale di riferimento - finalizzate alla promozione di azioni positive e volte ad eliminare situazioni di svantaggio dovute alla razza o all’origine etnica, si rivolge ad associazioni e fondazioni senza fini di lucro che svolgono la loro attività nel campo della lotta alla discriminazione.

Le associazioni o fondazioni, che possono partecipare sia come soggetti proponenti sia come partner, dovranno sviluppare proposte progettuali nell’ambito dei seguenti assi di intervento:

- Asse I Strumenti e pratiche di contrasto alla discriminazione razziale nel mondo del lavoro pubblico e privato.

- Asse II Strumenti e pratiche di contrasto alla discriminazione nell’accesso all’assistenza sanitaria e all’alloggio

- Asse III Tutela dei diritti fondamentali e contrasto alla discriminazione delle comunità Rom e Sinti

- Asse IV Pratiche per l’effettività degli strumenti di tutela delle vittime di discriminazione nell’accesso al sistema di giustizia.


Il termine per la presentazione dei progetti, che dovrà avvenire secondo le modalità previste nell’Avviso e nei relativi allegati A (Domanda di Candidatura) e B (Scheda di Presentazione del Progetto), scade il 7 febbraio 2006.

Riferimenti: Ufficio Nazionale Anti Discriminazioni Razziali

_2330446

 
Di Fabrizio (del 16/12/2005 @ 05:47:45, in Regole, visitato 1715 volte)
doc-30520
Articolo precedente:

"Gens du voyage": Esclusi ma tassati
 
Parigi, lunedì 5 dicembre. La "gens du voyage" ha manifestato da Place de la Republique alla Bastiglia, contro l'emendamento adottato dall'Assemblea Nazionale il 22 novembre 2005, che ha istituito una tassa del valore di 75 Euro a mq per chi abita in una casa mobile, che si traduce in grossomodo 1.000 euro se è un caravan di medie dimensioni. L'emendamento, che dovrà essere nuovamente poratto in commissione, potrebbe portare a una mobilitazione nazionale.

"Latche drom" in lingua zigana significa "buon viaggio". La nozione di nomadismo fa parte integrante della cultura o dei bisogni delle popolazioni gitane e zigane raggruppate sotto il nome di "gens du voyage". Il nomadismo non significa movimento perpetuo o viaggio senza sosta, e anche i non sedentari hanno bisogno di scuole, servizi sanitari e lavoro. Etichettati come SDF (senza fissa dimora) sulla carta d'identità e sul libretto di circolazione, da far vistare ogni mese dalla gendarmerie, la gens du voyage si ritrova in una empasse sociale dove naviga tra legalità e illegalità per aprofittare di quei diritti elementari a cui tutti i cittadini hanno accesso (sanità, scuola alloggio). Un emendamento votato dall'Assemblea Nazionale settimana scorsa, li obbliga a una tassa d'abitazione di 75 Euro a mq, che per una carovana di medie dimensioni può quindi essere compresa tra i 750 e i 1.000 euro, sotto forma di bollo, somma da versare ai comuni che hanno previsto l'approntamento di aree di sosta specifiche.

La legge Besson del 5 luglio 2000 chiede ai comuni con più di 5.000 abitanti definiti secondo uno schema dipartimentale, a prevedere ed attrezzare aree di sosta di lunga durata e aree di passaggio "valutando preventivamente bisogni ed offerta esistenti, annotando frequenze e durata del soggiorno, possibilità di scolarizzazione dei bambini, accesso alle cure ed esercizio di attività economiche", questo entro due anni dalla pubblicazione dello schema dipartimentale, e ottenendo in questo tempo le autorizzazioni prefettizie per l'acquisizione dei terreni e il realizzo delle aree d sosta a nome e per conto del comune.

Col solito immobilismo, la data attuativa è stata continuamente rinviata e nessuna sanzione è stata richiesta. Per favorire la creazione di queste aree, il governo finanzia il 70% dei lavori, di una somma spesso considerata inferiore al vero. Ulteriori aiuti per finanziamenti, investimenti e gesione arrivano dal Consiglio Generale, e altre facilitazioni per la presenza di minori. Come contropartita, la legge Besson permette ai comuni che abbiano realizzato aree di sosta, di proibire la sosta alla gens du voyage sul resto del territorio, ricorrendo alle forze dell'ordine per espellere i contravventori e verbalizzare l'infrazione della legge Sarkozi 2004. Questa legge considera l'istallazione illecita di una casa mobile, come passibile di 6 mesi di carcere, 3.750 euri di multa, confisca del mezzo e sopensione della patente per 3 anni.

A tutto il 2005, la quasi totalità degli schemi dipartimentali è stata pubblicata, restano da creare 1.460 area di sosta e da ristrutturarne 260, mancano 360 area di passaggio e ci sono 7.000 piazzola su 30.000 previste. In alcuni comuni terreni semi attrezzati sono in corso di completamento, ma ci sono anche quelli che non hanno applicato la legge ed espellono sistematicamente i nomadi dopo due giorni di sosta. La legge su sicurezza e sanità pubblica li autorizza ad usare le forze dell'ordine per sloggiare i nomadi dai terreni insalubri che [le autorità stesse] lasciano a loro disposizione, relegati lontano dagli agglomerati ai margini delle autostrade o nei pressi di discariche. La limitazione della durata della sosta comporta difficoltà d'inserimento nel lavoro, la scolarizzazione, l'accesso a cure intensive. Nelle aree attrezzate la durata della sosta è di massimo due mesi, inframmezzati da almeno un mese di assenza e il numero dei posti è limitato. I campeggi municipali o privati in genere sono loro esclusi, quindi la soluzione adottata è di sistemarsi su terreni lontani, spesso inondati o insalubri, o cambiare dipartimento ogni due mesi. Ma il nomadismo non significa essere erranti, perché queste persone hanno un lavoro, stagionali, commercianti ambulanti, artigiani... La scolarizzazione dei figli, spesso relegati in fondo alle aule, avviene in un contesto di cambio incessante di residenza scolare che demotiva i genitori, e priva gli scolari di un adeguato percorso scolastico. Il caravan,oggi considerato come abitazione da tassare, non costituisce un indirizzo valido per lapertura di un'impresa, così chi sulla carta d'identità e sul libretto di circolazione figura come ambulante, da artigiano deve trasformarsi in dipendente di un'impresa terza. Le compagnie assicurative chiudono le loro porte o annullano i contratti. L'accesso al credito per finanziare l'acquisto del caravan è possibile solo con l'intermediazione privata, che ha tassi due volte superiori a quelli bancari.

Nella lotta contro la discriminazione, ingaggiata dal governo e confermata dal capo di stato all'indomani dlle violenze urbane, l'integrazione della Gens du voyage è al di là della popolazione delle banlieues. Dopo sette secoli di stigmatizzazione passiva tramite l'esclusione e l'etichettatura etnica, oggi proibita dalla legge, il governo applica la nozione di discriminazione positiva, ma applicata solo alle finanze statali.

Segnalazione da Roma_Francais (traduzione mia)
Le foto sono tratte da Indymedia Paris - Ile de France

doc-30518
 
Di Fabrizio (del 18/12/2005 @ 14:53:13, in Regole, visitato 1554 volte)
Raga, quando volete liberare un posto in treno, spruzzatelo col disinfettante, lasciate stare i cazzotti.
pidocchio
Nella foto (lapelle.it): altri passeggeri fastidiosi
 
Di Fabrizio (del 03/01/2006 @ 10:22:36, in Regole, visitato 1701 volte)

fena_log

SARAJEVO, 26 dicembre (FENA) – Il 22 dicembre il governo ha deciso di istituire un'autorità incaricata di proteggere i diritti delle minoranze nazionali. In questo corpo saranno presenti rappresentanti di tutte le minoranze presenti nell'FBiH. L'elezione dei relativi membri è organizzata dalla Commissione governativa sui diritti umani, delle minoranze nazionali, della società civica e dell'ordinamento giudiziario. Questo organismo dovrebbe riunirsi ogni due anni, o se necessario anche più di frequente. Il progetto di legge è stato preparato conformemente agli impegni della BiH verso l'integrazione europea. In BiH vivono minoranze come i Rom, gli ebrei, i macedoni, gli sloveni ed altri. La condizione dei diritti delle minoranze nazionali nella federazione BiH è ad un basso livello, testimoniato da vari rapporti interni ed esteri. (cfr. precedente ndr.)

 
Di Fabrizio (del 05/01/2006 @ 09:43:31, in Regole, visitato 1751 volte)

irish.examiner

Il Ministro di Giustizia e il filosofo

Nel 1964 l'arresto dell'attivista dei diritti dei Nomadi e Viaggianti Grattan Puxon fu controverso, racconta Ryle Dwyer.


30/12/05 - DOCUMENTI rilasciati ora dal Dipartimento di Giustizia includono i dati sull'arresto nel 1964 di Grattan Puxon, attivista a favore dei diritti degli Itineranti irlandesi. Il tema di controversia diede origine ad uno scambio di corrispondenza tra il filosofo Bertrand Russell e il Ministro della Giustizia, Charles Haughey.

Grattan Puxon era giunto in Irlanda agli inizi degli anni '60. Si coinvolse nella lotta dei Viaggianti irlandesi e li aiutò ad organizzarsi per resistere agli sgomberi. Viveva nell'area di Cherry Orchard a Dublino, dove era stata fondata la prima scuola per nomadi, l'area venne allora completamente sgomberata e rasa al suolo dalla Dublin Corporation, perché i Nomadi e Viaggianti l'avevano occupata senza permesso.
Durante la successiva contrapposizione, Puxon venne arrestato e Russell il 7 aprile 1964, scrisse al Ministero della Giustizia, chiedendo che Puxon fosse scagionato.

“Sono sicuro” scriveva “che l'Irlanda non vuole appannare il proprio buon nome con un [nuovo] caso Sacco e Vanzetti.” [...] i due anarchici italiani arrestati a Boston nel 1927, accusati, condannati e giustiziati per omicidio, anche se avevano un alibi.

Haughey rispose che sarebbe stata una perdita di tempo comprendere perché Puxon potesse essere innocente.

Russell rispose a sua volta: “Considero la persecuzione degli zingari e degli itineranti come vergognosa per una comunità civile.

Penso che continuare a perseguire questi individui perché si accampano sui possedimenti cittadini e continuare a minacciarli, non ottenga nessun beneficio ed in particolare, penso che le misure contro il signor Puxon siano persecutorie.”

Replicà Haughey il 5 maggio: “Grattan Puxon non è un nomade.

E' un cittadino inglese che dice di essere giornalista. Ha scritto regolarmente per la stampa di Dublino. E' accusato di possesso illegale di esplosivi ed ammutinamento, perciò è stato arrestato su richiesta della Dublin Metropolitan District Court. Avrà, naturalmente, tutte le possibilità di difendersi in tribunale.”

Russell accettò questo e rispose: “Dalle informazioni in mio possesso, che ritengo accurate, il signor Puxon è stato prima dissuaso e poi minacciato da componenti dei corpi speciali della polizia irlandese, a causa della sua campagna di sostegno agli Itineranti.”

Tredici studenti della Queen’s University il 7 maggio scrissero a Haughey per protestare contro il trattamento riservato alle famiglie Nomadi e Viaggianti. Nella loro lettera, sottolineavano che le famiglie protestavano per “aree di sosta con acqua corrente e servizi igienici, facilitazione per la scolarizzazione dei loro figli e per aver accesso ai servizi sociali”. Erano richieste portate avanti senza violenza e “l'arresto di Grattan Puxon, un noto pacifista, era stata una carica di dinamite”. Infine chiedevano la fine di questa “illogica persecuzione”.
Haughey rispose: “La domanda da porsi non è se le aree di sosta debbano essere attrezzate, ma se i nomadi abbiano il diritto di accedere alle proprietà private o a quelle requisite (a volta obbligatoriamente) dalle autorità municipali per farne alloggi o altri servizi essenziali, ed occupare definitivamente dette aree”. Aggiungeva che “questi giornalisti stranieri” erano più preoccupati dei bisogni dei nomadi che delle “ingenuità” del Governo.

Scrisse quindi a Russell il 200 maggio, di aver formato una commissione nel 1960, come Segretario del Parlamento, per indagare sulle condizioni dei Viaggianti e “promuovere la loro assimilazione nella comunità generale”.

Replicò Russell: “Non capisco perché gli itineranti debbano essere assorbiti. Ho sempre pensato che gli inconvenienti potrebbero essere evitati fornendo loro delle facilitazioni.”

Puxon fu arrestato e ripetutamente gli venne chiesto di scegliere tra lasciare il paese o finire in prigione. Divenne poi uno dei leaders della lotta dei diritti dei Viaggianti in Gran Bretagna. Ha sempre dichiarato che gli esplosivi furono portati dalle guardie della sicurezza.


Fonte: British_Roma

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


05/10/2022 @ 11:34:16
script eseguito in 68 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1973 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source