\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Bosnia Herzegovina
Di Fabrizio (del 30/11/2005 @ 10:08:56, in Regole, visitato 2861 volte)
Minority Rights Group International

COMUNICATO STAMPA 17 Novembre 2005 (estratto)

La Bosnia 10 anni dopo: La nuova Constituzione deve incorporare i diritti delle minoranze per superare le divisioni etniche

All'alba del decimo annivesario degli accordi di pace di Dayton, i negoziati sulla nuova Costituzione di Bosnia ed Herzegovina devono stabilire definitivamente i diritti delle minoranze e riformare il sistema elettorale che discriminando favorisce le divisioni etniche. Minority Rights Group International (MRG) vuole che sia intrapresa un'azione [...] dove tutte le minoranze esistenti possano partecipare alla vita pubblica.

Le strutture politiche disegnate secondo linee erniche dalla Costituzione post-Dayton 10 anni fa, hanno ricevuto riprovazione per aver aumentato le divisioni etniche. Inoltre, MRG sottolinea che i diritti delle minoranze sono stati largamente misconosciuti, e sono stati implementati nel contesto di una struttura stabilita con la fine della guerra. MRG suggerisce [...] di adottare gli standards internazionali come previsto nella Convenzione Quadro del Consiglio d'Europa per la Protezione delle Minoranze Nazionali (FNCM), come soluzione che offra stabilità, eguaglianza e per costruire la fiducia tra tutti i gruppi etnici. Secondo MRG l'enfasi verso i diritti individuali deve accompagnarsi [...] alla protezione di tutti i gruppi più vulnerabili e marginalizzati. Occorre riformare un sistema elettorale segregazionista, [...] per arrivare ad un processo di coesione sociale e politica.

MRG, con la partnership della Benjamin N. Cardozo School of Law e di European Roma Rights Center (ERRC), sta impegnandosi per cambiare il sistema elettorale, che viola i diritti di molti cittadini a partecipare su basi paritaria alla vita pubblica ed istituzionalizza la politica dei confini etnici. Solo i tre "popoli costituenti" - Bosniaci, Croati e Serbi, possono partecipare alla Camera dei Popoli o alle elezion presidenziali, escludndo così le minoranze come i Rom o gli Ebrei. Inoltre, la possibilità di voto è ristretta all'etnicità: soltanto un Serbo può essere eletto dalla Republika Srpska o soltanto un Bosniaco o un Croato dalla Federazione. Queste restrizioni escludono di fatto quanti di etnia mista rifiutino di scegliere tra un'identità etnica costituente e l'altra. Ciò in violazione del diritto di scegliere se essere trattato o no come minoranza nazionale, pena una situazione di trattamento svantaggioso (FNCM art. 3).

Clive Baldwin, per conto dell'Ufficio Legale Internazionale di MRG, afferma: "I diritti delle minoranze godono di cattiva fama in Bosnia, [...] mentre altrove, lungi dal creare divisioni, si sono mostrati una delle più efficaci misure nella prevenzione dei conflitti e per un sviluppo equilibrato. Ora la Bosnia sta iniziando il processo di transizione da un governo straniero a uno bosniaco, e la comunità internazionale deve assistere e supportare questo obiettio, anche attraverso un pieno processo consultivo costituzionale".

[...]

MRG