Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : VAI : Regole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 30/11/2009 @ 10:21:13, in Regole, visitato 3559 volte)

di Giancarlo Ranaldi - 27 novembre 2009




Ieri Angelica (vedi QUI e QUI ndr) ha compiuto 17 anni: gli ultimi due vissuti da detenuta nel carcere minorile di Nisida.

Angelica viene da Bistrita-Nasaud in Transilvania (Romania Nord Occidentale).

Era arrivata in Italia da pochi mesi (presumibilmente inizi di aprile 2008) in compagnia del giovane marito (21 anni) Emiliano, del fratello di lui con sua moglie ed il loro figlio di otto anni. La figlia, Alessandra Emiliana (3 anni) è rimasta, invece, con i nonni paterni in Romania. Non conoscevano nessuno. Vivevano sopratutto di elemosina ma anche di piccoli furti.

Il 25 aprile del 2008, infatti, Angelica è sorpresa con un paio di orecchini, probabilmente, rubati in una casa sempre a Ponticelli. Viene fermata e “messa” in una casa famiglia dalla quale scappa subito dopo.
Pochi giorni dopo, il 10 maggio, l’accusa “infamante” di aver tentato di rubare una neonata. Viene rinchiusa a Nisida.

In tutti e due i casi subisce due tentativi di linciaggio, “provvidenzialmente” salvata dalla polizia. Nessuno dei suoi aggressori è stato mai identificato.

Il processo: tutto si basa sul racconto della Sig.ra Flora Martinelli. Nessuno ha visto Angelica con la bambina in braccio se non la Martinelli. Oggettivamente il racconto della mamma è poco verosimile. Non credo sia stata effettuata una “perizia tecnica” sui luoghi: se fatto si sarebbe facilmente potuto verificare:
- per entrare in quella casa, senza essere vista, si sarebbero dovute verificare tutta una serie di circostanze favorevoli: cancello d’ingresso al cortile aperto, portone d’ingresso del fabbricato aperto, porta di casa con serratura di sicurezza aperta;
- le distanze sono così minime che Angelica si doveva muovere al rallentatore per poi ritrovarsi, immobile, sull’uscio della casa con la bambina in braccio senza, tra l’altro, opporre alcuna reazione o minaccia alla mamma di lei;
- si è giudiziariamente accertato che era da sola e, quindi, se anche fosse riuscita ad allontanarsi dall’abitazione dei Martinelli con la bambina in braccio avrebbe dovuto percorrere a piedi circa 2 km per raggiungere il campo più vicino rendendosi “invisibile” alla gente del quartiere.

L’accusa si fonda anche sulla testimonianza di un poliziotto al quale lei avrebbe riferito che voleva prendere la bambina per venderla in Romania. Probabilmente voleva solo dire che aveva una figlia in Romania e c’è, dall’altro canto, una testimonianza della mediatrice culturale che accerta che all’epoca dei fatti Angelica non era in grado di parlare e capire l’italiano, anche se oggi dopo quasi due anni di detenzione riesce ad esprimersi molto bene.

Tutto si basa, quindi, sul racconto della mamma e non è stato tenuto in nessun conto che la Martinelli ha precedenti giudiziari per “falso ideologico” ed anche il padre di lei, Ciro Martinelli detto ‘O Cardinale, nel 1999 condannato a nove mesi per associazione a delinquere. è un “collaboratore” del Clan Sarno, come riferiscono Marco Imarisio del Corriere della Sera e Miguel Mora de El Pais.

Tutti sanno che i Rom a Ponticelli vivevano in un clima di sottomissione e nessuno si sarebbe mai sognato di fare un’azione del genere in un quartiere interamente gestito dalla camorra. E’ vero, invece, che i terreni dovevano essere liberati al più presto, servivano per un piano urbanistico di recupero (Ospedale, parco e centro commerciale a firma dell’Architetto Renzo Piano), con un finanziamento pubblico di milioni di euro e proprio là dove era il campo “bruciato” dai camorristi sull’onda dell’emozione popolare per il tentato rapimento, si realizzerà un grandissimo centro commerciale o Città della Musica (Palaponticelli).

Angelica giudiziariamente è una “minore non accompagnata”. Il legislatore ritiene che un minore di età debba rimanere in Istituto il minor tempo possibile, favorendo tutte le possibilità di reinserimento sociale, ed Angelica è detenuta dal maggio 2008. Non le è stata mai concessa alcuna misura alternativa la carcere. Diverse sono, quindi, le opportunità fra un minore a rischio italiano ed un minore a rischio straniero, anche se in un primo momento Angelica era stata affidata ad una casa famiglia ma, evidentemente, senza nessun serio “progetto” di sostegno: semplicemente parcheggiata.

Non le è stata concessa “la messa alla prova”, un importante istituto giudiziario che pone come alternativa al carcere un “percorso” di studio e lavoro. Paradossalmente, infatti, è difficile trovare un giudice minorile che disponga un simile “azione” se non in presenza dell’ammissione della colpa, ed Angelica ha sempre detto e sostenuto con convinzione che quella bambina proprio non la voleva “rubare”. Vale a dire che se uno si dichiara innocente non ha possibilità di essere messo alla prova (ma questo vale per tutti).

Nonostante la sua condizione di minore non accompagnata in evidente difficoltà, in un paese straniero non le è stata concessa alcuna attenuante anzi, per il fatto che secondo l’accusa la mamma si trovava nell’altra stanza e la neonata era quindi da sola, le è stata data l’aggravante della “minorata difesa della persona offesa” che in verità viene riconosciuta soltanto in presenza di particolari requisiti di tempo e spazio, come nel caso di un reato commesso di notte e in un luogo isolato. Senza questa aggravante, probabilmente, sarebbe già potuta uscire dal carcere.

Non le è stato possibile capire bene in quale situazione si trovava perché nessun atto d’imputazione le è stato tradotto nella sua lingua ed, in ultimo, non le è stato concesso il “patrocino gratuito” perché era impossibile stabilire le sue condizioni “finanziarie” in Romania (ma anche questo pare un fatto comune a tanti altri casi).

A dicembre il giudizio di Cassazione…

 
Di Fabrizio (del 20/11/2009 @ 09:42:44, in Regole, visitato 1313 volte)

NEWS (Osservatorio razzismo) - 19-11-2009
Razzismo, divieto di comizi per il sindaco Tosi
Verona, la pena accessoria della Cassazione alla condanna per l’offesa ai sinti: niente interventi pubblici per tre anni
la Repubblica (edizione cartacea), giovedì 19 novembre 2009 PAOLO BERIZZI

VERONA - Tosi come Gentilini. Dopo la condanna (istigazione al razzismo) inflitta al fumantino vicesindaco di Treviso, tocca ora al primo cittadino leghista di Verona subire l’onta e le conseguenze di un provvedimento definitivo (propaganda razzista) per i suoi eccessi contro gli immigrati. In questo caso i cittadini sinti che nel 2001, con una campagna muscolare fatta di slogan martellanti, Tosi voleva cacciare dalla città che oggi amministra. Anche per lui, oltre a due mesi di reclusione (pena sospesa), i giudici hanno stabilito, in via definitiva, il divieto di partecipare a comizi politici per tre anni. Una pena accessoria di fatto congelata, ma che - sul piano politico - fissa dei paletti.

È tutto contenuto nelle motivazioni, depositate il 30 ottobre, della sentenza della Corte di Cassazione. Dieci pagine nelle quali si fa riferimento al reato per il quale Flavio Tosi è stato punito: «Propaganda di idee fondate sulla discriminazione e l’odio razziale». L’inciampo del sindaco veronese, pupillo del ministro degli Interni Maroni, risale al 2001. Assieme alla sorella Barbara e ad altri quattro dirigenti della Lega (tutti condannati, tra loro il deputato Matteo Bragantini e l’assessore comunale Enrico Corsi) Tosi diffuse dei volantini con scritte tipo «Firma anche tu per cacciare i sinti», «Sgombero immediato! Via gli zingari da casa nostra», e dichiarazioni stampa come «dove arrivano loro ci sono i furti». Che quei sinti accampati nel quartiere di Borgo Venezia fossero iscritti all’anagrafe e veronesi da generazioni, al gruppo capeggiato da Tosi importava niente. Sollevate barricate contro i campi nomadi, lanciate petizioni per farli sloggiare, promesso che la Lega ne avrebbe impedito l’insediamento «in qualsiasi altra area del territorio», Tosi, dopo gli esposti di un gruppo di associazioni antirazziste, si trovò a dover rispondere di tutto questo in tribunale: non smentì nulla. Si giustificò dicendo che la sua era una battaglia per il ripristino della legalità. Il processo istruito dal procuratore di Verona, Guido Papalia, culminò con una condanna in secondo grado a due mesi di reclusione. La Cassazione, inizialmente, annullò con rinvio la condanna, sentenziando, in sostanza, che se sono ladri è legittimo discriminare i nomadi («La discriminazione per l’altrui diversità è cosa diversa da quella per l’altrui criminosità»). Poi però è arrivato il giudizio definitivo. Che inchioda Tosi ad un comportamento «non rivolto al ripristino della legalità quanto alla discriminazione». Federica Panizzo e Lorenzo Picotti sono i legali dei sinti costituitisi parte civile. «Dopo otto anni - dicono - si mette la parola fine su un processo nel quale è emersa tristemente l’attualità e la pericolosità di un "razzismo contemporaneo" che, anche per il solo fatto di essere propagandato pubblicamente, è in grado di scalfire la pacifica convivenza dei cittadini. Tutti, senza distinzioni».


La risposta su Libero-News

Verona, 19 nov. (Adnkronos) - ''Ho dato incarico ai miei legali di querelare il giornalista Paolo Berizzi del quotidiano la Repubblica per l'articolo pubblicato oggi con il titolo ''Razzismo, divieto di comizi per il sindaco Tosi, corredato da un occhiello che dice ''niente interventi pubblici per tre anni''. Tutti sanno, tranne Berizzi che volutamente ignora la realta' dei fatti, che non esiste nei miei confronti alcun divieto di comizi o alcuna limitazione di interventi pubblici, tant'e' che ne faro' uno anche domattina in un'emittente televisiva nazionale (Mattino 5, La Telefonata con Maurizio Belpietro)''. Lo annuncia, in una nota, il sindaco di Verona, Flavio Tosi'.

''D'altra parte, a Verona, si e' gia' avuto modo di notare quanto poco accurato e scrupoloso sia il signor Berizzi nelle sue cronache, specie riguardanti la nostra citta': in un suo libro ha persino sbagliato, tra le tante cose, la data dell'uccisione del giovane veronese Nicola Tommasoli'', conclude Tosi.


Su http://www.cestim.it/ potete leggere il testo integrale della Motivazione della Sentenza, e il commento degli Avvocati di parte civile.

 
Di Fabrizio (del 27/10/2009 @ 09:47:21, in Regole, visitato 1763 volte)

I fatti a cui si riferisce l'articolo erano stati trattati (tra l'altro) QUI e QUI

26 ottobre 2009

Il prosindaco di Treviso non potrà fare comizi per tre anni

Aveva tuonato davanti alla sua platea più congeniale, i militanti del Carroccio alla Festa dei Popoli Padani a Venezia, ma le frasi usate da Giancarlo Gentilini, lo `sceriffo´ prosindaco di Treviso, gli sono costate prima un’inchiesta per istigazione all’odio razziale e oggi una condanna. Il Gup di Venezia Luca Marini, al termine del rito abbreviato, ha condannato Gentilini a 4.000 euro di multa e al divieto per tre anni di partecipare a comizi politici, con la sospensione di entrambe le pene.

A sostenere l’accusa il procuratore della Repubblica Vittorio Borraccetti che ha chiesto il massimo della pena, 6.000 euro di multa, pari a un anno e 5 mesi di reclusione, e non il carcere vista l’età dell’imputato. razzismo inflittagli, in primo grado, dal Tribunale di Venezia. Alla festa della Lega a Venezia, il 14 settembre del 2008, il prosindaco trevigiano era salito sul palco infiammando il popolo del Carroccio.

Con voce tuonante e piglio deciso, aveva toccato tutti i temi `caldi´ già trattati in altre occasioni, con relativa apertura di polemiche e prese di posizione, come quando aveva deciso di togliere le panchine o provocatoriamente aveva detto di travestire gli immigrati da `leprotti´ per addestrare i cacciatori. A Venezia erano state così lanciate frasi pesanti sull’immigrazione clandestina, sulle presenze di nomadi, fino alle possibili realizzazioni di moschee in territorio veneto. «Voglio eliminare - aveva detto - i campi nomadi, voglio eliminare dalle strade quei bambini che vanno a rubare in casa degli anziani» ed ancora «voglio una rivoluzione contro chi vuole aprire moschee e tempi islamici», dicendosi pronto «ad aprire una fabbrica di tappeti per regalarli agli islamici perché vadano a pregare nel deserto e non a casa nostra».

Un discorso documentato dalla Digos ma anche da tanta gente con videocamara tanto da far diventare il suo intervento - per breve tempo - un video `cult´ su youtube.

Da parte sua, la procura di Venezia aveva avviato un’inchiesta che oggi è giunta al suo primo risultato in aula con la sentenza di condanna. Il difensore di Gentilini, l’avv. Luigi Ravagnan del Foro di Venezia, ha respinto con forza la decisione del Gup e ha annunciato - in attesa delle motivazioni della sentenza - il ricorso in appello.

Per il legale, nelle frasi di Gentilini, «non c’era nessuna maliziosità contro le razze, bensì il sostegno ad idee ben note del mio assistito finalizzate all’integrazione tra etnie diverse». Per nulla turbato lo `sceriffo´, che con la voce robusta e risata sorniona, come quelle che accompagnano i suoi interventi pubblici, dice che le accuse mossegli sono state fatte «ad un uomo che, per le proprie idee, è abituato ad andare all’assalto e ad esporsi al fuoco nemico porgendo il proprio petto mentre qualcuno è pronto a spararmi alle spalle».

 
Di Fabrizio (del 13/10/2009 @ 09:54:14, in Regole, visitato 1336 volte)

Da Slovak_Roma

Il proprietario di un bar a Lucenec chiede scusa ad un Rom per discriminazione

Košice, Slovacchia: Il 5 ottobre 2009 un altro caso di discriminazione riguardo l'origine etnica è stato portato in discussione in Slovacchia. Il caso si è concluso con un accordo amichevole.

Il fatto è successo il 14 luglio 2008, quando Jan Danco visitò il bar  "Piccollo" di Lucenec (una cittadina della Slovacchia meridionale) con sua nipote. Entrato nel bar di cui era un cliente abituale, gli è stato improvvisamente rifiutato di servirlo da un cameriere, con la spiegazione che il padrone del locale non avrebbe più servito i Rom. Il caso apparve anche sulla TV privata Markiza. L'uomo discriminato decise, con la cooperazione di un'OnG  di Kosice, il Centro per i Diritti Civili ed Umani, di rivolgersi al tribunale civile appellandosi alla Legge Antidiscriminazione Slovacca.

"Il comportamento del cameriere è stato per me offensivo ed umiliante. Io stesso alcuni anni fa ho lavorato come cameriere, e non mi sono mai permesso di discriminare un mio cliente per il colore della sua pelle. Ho fatto causa per mostrare chiaramente che questo tipo di trattamento è dannoso ed illegale, e che è possibile resistervi. Sono lieto che il padrone del bar si sia scusato..." ha dichiarato Danco alla decisione della corte.

Il proprietario del bar ha espresso il proprio rammarico per l'incidente, espresso pubbliche scuse per la discriminazione e pagato un risarcimento a Danco, oltre alle spese processuali.

Chi volesse più informazioni sul caso, può contattare:

Poradňa pre občianske a ľudské práva
(Centro per i Diritti Civili ed Umani)
Krivá 23, Slovakia.
Tel./fax.: +421 55 68 06 180
E-mail: poradna@poradna-prava.sk

 
Di Fabrizio (del 12/10/2009 @ 09:45:40, in Regole, visitato 1461 volte)

Da Baxtalo's Blog

[...] I presunti assassini di Petru Birladeanu (vedi QUI ndr), il musicista rom rumeno che suonava la fisarmonica nella stazione Cumana di Montesanto, assassinato la notte del 26 maggio, sono stati arrestati a Torremolinos, vicino a Malaga, dagli agenti della brigata mobile di Napoli, con la collaborazione della polizia spagnola

Si tratta di Maurizio e Salvatore Forte, presunti appartenenti alla Camorra, secondo fonti informative della polizia napoletana.

I due arrestati, rispettivamente di 29 e 31 anni, erano assieme e la cattura da parte della giustizia italiana accade dopo alcuni mesi che furono accusati di omicidio aggravato.

Petru Birladeanu, il musicista rom assassinato dalla Camorra.

L'arresto è avvenuto ieri notte (26 settembre ndr). I due delinquenti vivevano in un appartamento e si erano anche segnalati per lo stile di vita che conducevano e per i contatti con altri delinquenti. Uno dei due, Maurizio Forte, è stato fatto uscire grazie ad uno stratagemma e catturato di fronte alla porta stessa di casa. La cattura è accaduta in queste circostanze perché la legislazione spagnola non permette alla polizia di entrare nei domicili privati senza un ordine giudiziale. Il fratello di Maurizio, Salvatore Forte, è stato catturato poco dopo, mentre faceva ritorno a casa.

Le autorità italiane ritengono che entrambe parteciparono allo scontro armato tra clan rivali nei quartieri spagnoli di Napoli dello scorso 26 maggio, in cui venne ucciso un musicista di strada di nazionalità rumena e risultò ferito un adolescente di 14 anni.

Per questo omicidio era già stato arrestato lo scorso luglio Mario Ricci, 27 anni, considerato uno dei più importanti membri del clan Ricci della camorra.

Secondo gli investigatori, i fratelli Forte possono aver collegamenti con altri due clan, quello di Mariano-Ricci e quello D’Elia, entrambi localizzati nei quartieri spagnoli di Napoli.

La vedova di Petru ed i suoi figli abbandonarono l'Italia dopo il tragico assassinio

LA CAMORRA NAPOLETANA UCCIDE UN MUSICISTA ROM

La vedova di Birladeanu, che è rientrata in Romania assieme ai suoi due figli, ha denunciato il trattamento ricevuto dal pronto intervento. "Se fossimo stati italiani non avrebbero atteso tanto", dice affermando che si è prestata attenzione solo al minore italiano ferito.

COSI' UCCIDE LA CAMORRA

Nei quartieri spagnoli di Napoli, il 26 maggio del 2009, i componenti di due bande malavitose della camorra napoletana entrano in scena a bordo di varie motociclette con l'obiettivo di segnare il loro territorio, si tratta di un regolamento di conti tra due famiglie.

Petru Birladeanu, musicista rom che per vivere suona la fisarmonica sui treni, si dirige assieme a sua moglie verso la stazione della metropolitana della Cumana, con una borsa in una mano ed il suo mezzo di sussistenza nell'altra.

La vittima riceve due colpi mortali alla gamba ed al torace, mentre tenta di rifugiarsi nella vicina stazione della metropolitana. Cade al suolo prima di raggiungere i tornelli.

Solo sua moglie tenta di aiutarlo, davanti all'indifferenza del resto dei passanti. I viaggiatori fuggono dalla stazione e lei rimane completamente sola col marito agonizzante.

Muore poco dopo, davanti all'impotenza di sua moglie. Rimane ferito anche un giovane italiano, minore di età, raggiunto alla spalla però con una sorte migliore del musicista.

Durante il tempo che aspettava i servizi di emergenza, una mezz'ora, Petru è morto. L'ospedale più vicino stava a soli 100 metri.

Tre videocamere di sicurezza installate sul luogo dei fatti hanno registrato quanto accaduto. Le immagini che ora si diffondono in diversi media italiani sono a disposizione della Direzione Antimafia del Distretto, che investiga sul caso.

FONTE: Estratto da diversi periodici che se ne fecero eco

 
Di Fabrizio (del 24/09/2009 @ 09:45:34, in Regole, visitato 2838 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

Non c'e' riduzione in schiavitu' nel caso in cui il baby accattonaggio viene praticato in "part-time", in tal caso si puo' solo configurare un'ipotesi meno grave di reato: quella di maltrattamento in famiglia. E' quanto afferma la Corte di Cassazione che ha fatto rilevare come l'impiego di minori da parte degli adulti nella richiesta di elemosina se ridotto ad uno spazio breve della giornata costituisce un'ipotesi di reato meno grave. Nella motivazione della sentenza (n. 44516/2008) la quinta Sezione penale spiega che l'adulto che sia dedito "alla mendicita' per le necessita' della sua famiglia e si dedichi a tale attivita' per alcune ore del giorno portando con se i figli" non puo' essere condannato per il reato di riduzione in schiavitu' perche' giacche' "e' ben possibile che, dopo avere esercitato la mendicita' nelle ore del mattino, nella restante parte della giornata" la madre che si dedica all'accattonaggio "si prenda cura dei figli in modo adeguato cercando di venire incontro alle loro necessita' e consentendo loro di giocare e frequentare altri bambini". Sulla scorta di tale principio la Corte ha prosciolto una nomade che era stata sorpresa due volte a mendicare con in grembo una bambina e con un figlio di 4 anni che elemosinava nei paraggi per poi consegnare i soldi a sua madre. La donna veniva condannata dalla Corte d'Assise di Santa Maria Capua Vetere a ben 6 anni di reclusione avendo ipotizzato sia il reato di riduzione in schiavitu' sia quello di maltrattamenti in famiglia. I giudici di prime cure avevano sostenuto che la donna avrebbe approfittato "di una situazione di inferiorita' psichica del minore costretto all'accattonaggio con finalita' di sfruttamento economico". Stessa decisione era stata adottata dalla Corte d'Assise d'Appello di Napoli che pero' ridimensionava la pena a 5 anni di reclusione ritenendo non ravvisabile il delitto di maltrattamenti. La donna contro una condanna cosi' pesante si e' dunque rivolta agli ermellini che ribaltando le due precedenti decisioni ha chiaramente affermato che non si puo' criminalizzare "il 'mangel' usualmente praticato dagli zingari". La donna quindi, dovra' essere condannata solo per maltrattamenti in famiglia e non per riduzione in servitu'. Deve escludersi - spiega la Corte - che la donna "facesse parte di una organizzazione volta allo sfruttamento dei minori perche' l'uomo arrestato insieme a lei, al quale la donna avrebbe versato il denaro guadagnato dal figlio con l'attivita' di accattonaggio, e' stato assolto per non avere commesso il fatto". Nella decisione a quanto pare e' stata determinante la modalita' in cui si svolgeva l'accattonaggio che veniva praticato dalle 9 del mattino fino alle 13. Proprio per questo i supremi giudici hanno evidenziato come "dalla ricostruzione dei fatti operata dai giudici del merito non emerge quella integrale negazione della liberta' e dignita' umana del bambino che consente di ritenere che versi in stato di completa servitu'".

(Data: 01/12/2008 10.01.00 - Autore: Roberto Cataldi)

 
Di Fabrizio (del 15/09/2009 @ 09:18:38, in Regole, visitato 1420 volte)

Da Roma_Italia, leggi anche la notizia di riferimento

Egregio sig. Prefetto,

Nel settembre 2008 sono stato tra i 7 membri di una delegazione del Parlamento Europeo in visita in Italia per una missione investigativa. La ragione della nostra visita erano gli eventi nei "campi Nomadi", il censimento e i decreti d'emergenza.

L'idea dell'indagine nasceva a giugno 2008, quando il Parlamento Europeo accettava una Risoluzione contro la profilazione etnica dei Rom tramite raccolta di impronte digitali e di informazioni sulla religione.

L'interesse nella missione era alto: circa 30 Membri del Parlamento Europeo (MEPs) avevano visitato l'Italia, assieme al Presidente del comitato LIBE per la Giustizia. In Italia ci furono incontri col Senato, il Garante, il Ministro Maroni e altri. La nostra delegazione visitò anche campi come il Casilino 900 e Campo Salone.

Nella conferenza stampa della delegazione del Parlamento Europeo, le condizioni dei campi furono descritte come degradanti, dove i "Rom" sembravano essere nomadi che non si muovevano. Ma ad alcuni membri della delegazione era anche sembrato che l'Italia volesse tentare di rendere le proprie leggi nuovamente compatibili con la Legislazione Europea.

La preparazione delle autorità cittadine di Milano a sgomberare di forza circa 200 Rom che vivono nell'area Rubattino ad est della città, sembra la prova del contrario. Gli sgomberi forzati sono illegali. Ogni stato membro della UE e - come uno degli stati fondatori - l'Italia dovrebbe essere d'esempio agli altri, e notificare singole ingiunzioni ai futuri sgomberati, che così possono fare ricorso.

Mi appello urgentemente a lei per il rispetto del diritto dei nostri co-cittadini di opporsi in tribunale alle decisioni su basi individuali, come in ogni stato costituzionale.

In fede,

Els de Groen
MEP from 2004-2009
els.degroen@europarl.europa.eu

 
Di Fabrizio (del 27/08/2009 @ 09:44:22, in Regole, visitato 2049 volte)

Ricevo da Federazione Romanì

Comunicato 26 Agosto 2009

Due ristoranti di Silvi Marina rifiutano di far pranzare nel loro esercizio pubblico un gruppo di 14 alunni di Roma e 5 accompagnatori, perché sono di etnia Rom (vedi QUI ndr).

La denuncia pubblica della Federazione romanì per la grave discriminazione razziale subita a Silvi Marina dagli alunni rom di Roma in visita guidata in Abruzzo con il progetto scolarizzazione, attivato da XI° Dipartimento del comune di Roma e gestito da Casa dei Diritti sociali in collaborazione con l’associazione Romà onlus, aveva la finalità il sollecitare una reazione dell’opinione pubblica e della politica contro ogni forma di discriminazione razziale e razzismo, infatti tanti cittadini residenti e ospiti presenti in città hanno incontrato i ragazzi rom per manifestare la loro solidarietà, gesto che i ragazzi rom e tutto il gruppo Romano hanno molto apprezzato.

La denuncia pubblica di questo fatto era doveroso per la sua gravità in una città sempre accogliente e tollerante, per storia e cultura, come Silvi Marina, in cui vivono 32 diverse etnie, più di 1300 persone di cultura diversa (circa 10% della popolazione totale residente), compresi una decina di famiglie rom Italiani, comunitari ed immigrati.

Spiazza il silenzio dell’amministrazione comunale e di tutte le forze politiche di Silvi a fronte di un atto di discriminazione razziale tanto grave. Un silenzio preoccupante che dimostra l’assenza di una volontà politica a percepire i cambiamenti in atto e programmare la sicurezza sociale, culturale ed economica di tutti i cittadini.

Quella sicurezza tanto "propagandata" dalla politica nazionale e locale per contrastare la "paura" dei cittadini, la "paura" che è diventata lo strumento della politica per ricercare il potere e molto pericolosamente per la cancellazione di reazioni umanitarie.

Se la politica oggi non è LIBERA di esprimere pubblicamente la propria indignazione a fronte di gravi atti di discriminazione razziale e di razzismo (negare di un pasto caldo ad innocenti bambini, perché di etnia rom, è crudele) allora significa che la "fabbrica della paura" può produrre nelle persone solo la morte sociale e culturale.

Ma … non è mai troppo tardi per sperare in un intervento pubblico degli amministratori e delle forze politiche di Silvi Marina per condannare la grave discriminazione razziale subita dai bambini rom ed esprimere loro la solidarietà

Il presidente
Nazzareno Guarnieri

FEDERAZIONE ROMANI'
Sede legale e segreteria: Via Altavilla Irpinia n. 34 - 00177 Roma
Codice fiscale 97322590585 – Email: federazioneromani@yahoo.it
Tel. 0664829795 – fax 0664829795 Web: http://federazioneromani.wordpress.com
Presidenza 3277393570 - Coordinamento 3331486005 - Segreteria 3483915709

 
Di Fabrizio (del 31/07/2009 @ 23:34:57, in Regole, visitato 1913 volte)

Questa segnalazione arriva da Todo Cambia

Un comune campano contro la legge sulla sicurezza. Ronde vietate e tasse sui rinnovi a carico del primo cittadino

Roma – 24 luglio 2009 - La risposta alle ordinanze anti immigrati dei sindaci leghisti arriva da Sicignano degli Alburni, poco più di tremila abitanti in provincia di Salerno.

In questo paese, dove il 10% dei residenti sono immigrati, si vive secondo il sindaco Alfonso Amato "una vera integrazione". E in nome della convivenza pacifica e dell'uguaglianza dei diritti tra italiani e stranieri a Sicignano non si applicheranno tre punti chiave della nuova legge sulla sicurezza.

È scritto in altrettante ordinanze firmate dal sindaco ai primi di luglio, subito dopo il via libera alla legge in Parlamento.

"Per l'intero territorio comunale – recita la prima – è categoricamente vietato ogni e qualsivoglia ricorso alle ronde". Una scelta giustificata dal fatto che Sicignano "si è sempre distinto per l'assoluta civiltà dei suoi abitanti (cittadini italiani e cittadini-fratelli stranieri)" e quindi "non ha bisogno alcuno né di ronde né di delegare a privati l'imprescindibile funzione di tutela della convivenza civile".

Le altre due ordinanze sono invece dedicate ai nuovi contributi sulle domande per la cittadinanza (200 euro) e per il rilascio dei permessi di soggiorno (da 80 a 200). Tasse, recitano i provvedimenti, "assolutamente spropositate e smoderatamente esose", che potrebbero addirittura ostacolare la presentazione delle domande da parte dei "fratelli stranieri".

La soluzione? Gli immigrati non sborseranno un euro, perché le tasse su permessi e cittadinanze verranno versate "tramite prelievo dall'indennità di carica del sindaco". Il primo cittadino ha deciso insomma di tagliarsi lo stipendio pur di non far pagare gli immigrati contributi che ritiene ingiusti.

Al di là della sostenibilità dell'iniziativa (l'indennità del sindaco di un paesino non è certo milionaria…), la battaglia di Sicignano non finisce qui. Amato vuole coinvolgere anche altri sindaci e lanciare un referendum abrogativo contro il reato di immigrazione clandestina: "Un'offesa - dice - alla cultura giuridica del nostro Paese, incriminare una persona perché è nata in Africa anzichè in Italia è una bestialità".

 
Di Fabrizio (del 30/07/2009 @ 09:46:55, in Regole, visitato 1910 volte)

Segnalazione di Demetrio Gomez

ADRA (ALMERÍA), 28 luglio

La giunta andalusa, attraverso il servizio Giochi e Spettacoli, ha decretato la chiusura provvisoria del chiringuito "Garfield" situato sulla spiaggia di levante nella località almeriense di Adra per "aver infranto la normativa vigente riguardo il diritto di ammissione", dopo che lo stabilimento è stato denunciato dall'associazione culturale gitana "El callí abderitano", la quale afferma che si negava l'ingresso a persone di etnia gitana.

Fonti della giunta andalusa hanno specificato ad Europa Press che la misura si mantiene "in forma cautelare" sin quando il locale non possa comprovare di aver sanato le deficienze della denuncia, tra le quali, secondo la segnalazione dell'associazione, il pagamento di 20 euro per le persone gitane per conseguire un'identificazione personalizzata con la firma del gerente che permetta loro di passare il recinto, quando l'entrata è gratuita.

Secondo la relazione sui fatti da parte dell'associazione, i guardiani del locale "pongono qualsiasi scusa, sia i vestiti o che sia in corso una festa privata" per impedire di passare alle persone di etnia gitana, motivo per cui si è rivolta al Consiglio comunale di Adra (PP), alla Giunta di Andalusia e alla Sottodelegazione del Governo in Almería per denunciare i fatti.

L'associazione segnala anche che è stata informata dei fatti anche l'Unità del Corpo della Polizia ascritta alla Comunità Autonoma di Andalusia che, affermano, si sono presentati lo scorso 10 luglio nel locale dove "scoprirono deficienze in materia di sicurezza", secondo la versione dell'associazione.

"El callí abderitano" aveva già formulato denunce e reclami amministrativi su questo locale prima di rilevare che il chiringuito non ammetteva il passaggio di persone di etnia gitana nel locale, da cui i suoi membri accusarono tanto il gerente che i portieri del chiringuito di reato di discriminazione.

I membri dell'associazione ricordano così che lo scorso 30 maggio si presentarono attorno all'1.00 nello stabilimento per comprovare se si verificavano i fatti in seguito segnalati. Al loro arrivo, osservarono che il locale era quasi vuota e che all'ingresso c'erano dei controllori che, secondo le loro dichiarazioni, negavano l'ingresso solamente a persone di etnia gitana, adducendo che c'era una "festa privata".

"Non era segnalata né c'era alcuna traccia di tale festa privata",  ha indicato il denunciante, il quale ha assicurato che insistendo con i guardiani perché gli spiegassero il motivo per cui non li lasciavano entrare, questi lo guardarono in modo "intimidatorio", al ché sollecitò il foglio dei reclami dello stabilimento, che pure furono negati, da cui la denuncia.

Con la presenza della polizia sul luogo dei fatti, l'associazione ha interposto nuovi reclami amministrativi, un reclamo penale ed ha ottenuto di denunciare anche la presenza di un minore di 15 anni dentro il locale. "E' inaudito che se neghi l'ingresso ad una persona di etnia gitana di 40 anni e si permetta di accedere ad un minore di 15 anni", ha detto uno dei portavoce nelle dichiarazioni a Europa Press.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


24/05/2022 @ 10:22:29
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 259 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source