\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Sul preannunciato sgombero a Rubattino (MI)
Di Fabrizio (del 15/09/2009 @ 09:18:38, in Regole, visitato 1301 volte)

Da Roma_Italia, leggi anche la notizia di riferimento

Egregio sig. Prefetto,

Nel settembre 2008 sono stato tra i 7 membri di una delegazione del Parlamento Europeo in visita in Italia per una missione investigativa. La ragione della nostra visita erano gli eventi nei "campi Nomadi", il censimento e i decreti d'emergenza.

L'idea dell'indagine nasceva a giugno 2008, quando il Parlamento Europeo accettava una Risoluzione contro la profilazione etnica dei Rom tramite raccolta di impronte digitali e di informazioni sulla religione.

L'interesse nella missione era alto: circa 30 Membri del Parlamento Europeo (MEPs) avevano visitato l'Italia, assieme al Presidente del comitato LIBE per la Giustizia. In Italia ci furono incontri col Senato, il Garante, il Ministro Maroni e altri. La nostra delegazione visitò anche campi come il Casilino 900 e Campo Salone.

Nella conferenza stampa della delegazione del Parlamento Europeo, le condizioni dei campi furono descritte come degradanti, dove i "Rom" sembravano essere nomadi che non si muovevano. Ma ad alcuni membri della delegazione era anche sembrato che l'Italia volesse tentare di rendere le proprie leggi nuovamente compatibili con la Legislazione Europea.

La preparazione delle autorità cittadine di Milano a sgomberare di forza circa 200 Rom che vivono nell'area Rubattino ad est della città, sembra la prova del contrario. Gli sgomberi forzati sono illegali. Ogni stato membro della UE e - come uno degli stati fondatori - l'Italia dovrebbe essere d'esempio agli altri, e notificare singole ingiunzioni ai futuri sgomberati, che così possono fare ricorso.

Mi appello urgentemente a lei per il rispetto del diritto dei nostri co-cittadini di opporsi in tribunale alle decisioni su basi individuali, come in ogni stato costituzionale.

In fede,

Els de Groen
MEP from 2004-2009
els.degroen@europarl.europa.eu