Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Daniele (del 11/02/2006 @ 10:44:35, in Kumpanija, visitato 1727 volte)
swiss-news
May Bittel e Daniel Huber si battono per i diritti dei nomadi svizzeri
May Bittel e Daniel Huber si battono per i diritti dei nomadi svizzeri (swissinfo)
Il presidente della Commissione federale contro il razzismo chiede alle autorità elvetiche di riconoscere appieno la cultura e i bisogni dei nomadi.
Facendosi portavoce del disappunto della comunità jenisch, Georg Kreis chiede più spazi di transito e soggiorno per l'unica minoranza nomade di nazionalità svizzera.
ALTRI SVILUPPI
Articolo
Articolo
Articolo
«Siamo ancora molto lontani da un incoraggiamento attivo del modo di vita scelto dagli jenisch, che pure sono parte integrante della realtà svizzera», ha affermato senza mezzi termini George Kreis, presidente della Commissione federale contro il razzismo (CFR).

Davanti al Club svizzero della stampa, Kreis ha sottolineato che «mancano delle aree di transito e di soggiorno in numero sufficiente, manca un vero e proprio riconoscimento della cultura jenisch, una promozione della lingua, un sostegno alle donne e ai giovani».

«Abbiamo il diritto di viaggiare, ma non abbiamo più il diritto di fermarci», commenta dal canto suo May Bittel, fondatore del Forum dei Rom e dei nomadi.
L'esempio dei Grigioni
Per Bittel, pastore protestante di Ginevra che è tra i leader della comunità zingara svizzera, i nomadi sono confrontati con delle difficoltà in tutto il paese.

Solo un cantone, quello dei Grigioni, sembra aver trovato un terreno di dialogo con i nomadi. Secondo Daniel Huber, presidente della Radgenossenschaft, l'Associazione svizzera degli jenisch, nei Grigioni sono state attrezzate delle aree per i nomadi locali ed è stato messo a disposizione dello spazio per i nomadi in transito.

In altre parti della Svizzera, il dialogo è più difficile. «Quando ci fermiamo, spesso è l'inizio di una lotta», fa notare May Bittel.

Stando a Bittel, i problemi dei nomadi non sono affatto cambiati dagli anni Settanta, quando la Svizzera abbandonò la sua politica volta a "fermare" la comunità jenisch.
L'ombra del passato
Tra il 1926 e il 1973, seicento bambini jenisch sono stati strappati alle loro famiglie per essere affidati a chi li poteva allevare secondo uno stile di vita "più consono" alla Svizzera. Non si trattava solo di altre famiglie, ma anche di orfanotrofi e di asili psichiatrici. A spingere in questa direzione è stata la fondazione svizzera Pro Juventute.

Scosso dallo scandalo, il governo svizzero ha presentato le sue scuse nel 1986 per aver contribuito finanziariamente a questo tipo di operazioni.

Oggi, i circa 35'000 jenisch, di cui solo un decimo è ancora nomade, chiedono alle autorità svizzere di impegnarsi maggiormente per la loro causa.

Si aspettano dal governo elvetico un ripensamento del rifiuto di aderire alla convenzione 169 dell'Organizzazione internazionale del lavoro relativa ai popoli indigeni. Si tratta di una decisione che deve ancora essere confermata dal parlamento.
Difficoltà
Berna ritiene di non essere in grado di rispettare appieno alcune disposizioni contenute nella convenzione, come l'accesso alla scuola o la protezione della lingua jenisch.

«Per gli jenisch», sottolinea il loro avvocato Henri-Philippe Sambuc, «questa convenzione è il solo modo per ottenere un modello d'azione collettivo sul piano giuridico».

In attesa di un sostegno da parte delle autorità, gli jenisch non perdono la speranza. Tra i giovani della comunità, conclude May Bittel, si riscontra un rinnovato interesse nei confronti della vita nomade.

swissinfo, Frédéric Burnand, Ginevra
(traduzione e adattamento, Doris Lucini)
 
Di Fabrizio (del 10/02/2006 @ 09:47:49, in Kumpanija, visitato 1802 volte)
Ce n'è per tutti (o quasi, gli esclusi non se la prendano con me), lunar_rainbow e luludi hanno raccolto QUI oltre 200 icone di celebrità Romanì.

Fonte: Roma (Gypsies) and Friends
 
Di Fabrizio (del 08/02/2006 @ 14:19:56, in Kumpanija, visitato 2684 volte)

Ricevo da: Giada Valdannini

Nell’ambito della decade “ROMA REALE, ROMA PLURALE. LAICITA’: TUTELA E GARANZIA DELLE DIVERSITA” promossa da Franca Eckert Coen, consigliera delegata del sindaco alle Politiche della Multietnicità del Comune di Roma

Le associazioni Arci e Them Romanò

PRESENTANO

La Due-giorni Romanì” Incontro con la cultura Rom

da un’idea della romanologa Giada Valdannini (autrice del libro "Carovane tra le pagine" - Gaffi Editore) in collaborazione con l’etnomusicologo Guido Gaito

Venerdì 10 febbraio ’06 - Ore 10 – 14.30 / Discoteca di Stato – Auditorium – via Caetani 32 (Roma)

Sabato 11 febbraio ’06 - Ore 16 – 23.30 / Santa Maria della Pietà – Ex Lavanderia (pad. 31) p.zza Santa Maria della Pietà (Roma)

10 febbraio ’06: Una mattina dedicata alla cultura romanì all’interno della splendida cornice dell’Auditorium della Discoteca di Stato. Un’occasione per conoscere i vincitori del concorso artistico internazione “Amico Rom”, vedere filmati prodotti dalla sinergia di Rom e Gagè (non Rom) nonché ascoltare la musica di “Alexian” Santino Spinelli, Rom abruzzese polistrumentista, docente di Lingua e cultura romanì all’Università di Trieste. E' previsto l'intervento dello scrittore rom, Najo Adzovic (autore di Rom. Il popolo invisibile) e dell'artigiana Sevla Sejdic (cooperativa Bosnia Herzegovina). Al termine concerto dei Lautari rumeni, abili musicisti d’origine Rom.

11 febbraio ’06: Una giornata dedicata all’arte romanì con esposizione di manufatti: abiti, collane e accessori realizzati dalle romnià dei campi sosta di Roma. Mostre con gli scatti dei fotografi Stefano Montesi e Stéphanie Gengotti. Proiezione di filmati. Concerto serale di musica romanì.

(A breve verrà inoltrato il programma dettagliato)

 
Di Fabrizio (del 08/02/2006 @ 11:08:39, in Kumpanija, visitato 2307 volte)
Ciao, mi chiamo Alessandra Genovesi-Bogicevic, ho sentito parlare di te da Ciccio di Burekeaters, scusa se mi permetto di scriverti senza conoscerti, ma visto che entrambi siamo attivisti per i diritti di Rom e Sinti, chiedo il tuo aiuto per Fatima. E' una bambina di 6 anni che vive a Prokuplje, in Serbia, i cui genitori sono originari del Kosovo (Vucitrn) che è nata in Italia (Bologna) e lì è vissuta fino a che non è stata espulsa con la sua famiglia (Peja-Mustafovic); l'altro ieri si è orribilmente ustionata, la famiglia è poverissima, non hanno nè un letto nè abiti, l'ustione si è infettata a causa della mancanza d'igiene del tugurio dove vivono fra i rifiuti; hanno rifiutato di ospitalizzarla, i genitori non possono neanche comprarle le medicine.
Io e ed altri volontari stiamo cercando di aiutare come possiamo, ma qui è dura per tutti. So che ha ancora dei parenti in Italia, forse li si potrebbero cercare...
Se vuoi e se puoi aiutarmi, scrivimi.
Non sono una persona che vuole specularci sopra, non cerco pubblicità.
Se vuoi sapere qualcosa di più di quello che faccio vai al mio Blog:
http://blog.libero.it/Zajedno/

Grazie della tua attenzione
Alessandra Genovesi-Bogicevic


Aggiornamento:
La nostra idea è di continuare a seguire la famiglia e a portarle periodicamente aiuti, verificando che non vengano venduti; adeguare la loro baracca con un letto e una stufa-forno non pericolosa e accompagnare in ospedale Fatima quando è necessario; quando sarà guarita cercheremo poi di integrarla nel gruppo dei bambini dell'asilo e di cominciare un percorso. Per la raccolta avevo pensato di cercare i parenti della madre in Italia, ammesso che vogliano o possano aiutare e fare qualche appello, utilizzando la reti come ad es. conares e le reti personali. Noi come ong abbiamo un progetto in corso, ma non possiamo utilizzare finanziamenti destinati ad altro e per farlo c'è una procedura da seguire, bisogna aspettare l'eventuale risposta positiva dell'ente, inoltre, qualora si spargesse la voce che coi soldi della ong (rom) abbiamo comprato loro delle cose, si moltiplicherebbero gli "incidenti" nelle mahale.
Che ne pensi ? Ti prego, se hai qualche suggerimento da darmi...io qui in serbia sono ancora un po' spiazzata, in italia (soprattutto a pisa) avrei facilmente trovato aiuto, ma qui la situazione è molto diversa.
Un'ultima cosa: mandare un pacco fino a 20 kg costa 67 € circa con poste italiane ed è pensabile per biancheria, medicine, piccoli giochi.
Per il letto (a castello, in modo che sopra possa dormire Fatima, lontano dalla polvere del pavimento, e sotto i suoi due fratellini) e il forno-stufa, invece servirebbero circa 30.000 dinari, cioè 340 €.
Grazie ancora per il tuo interessamento
Alessandra
 
Di Daniele (del 02/02/2006 @ 08:19:44, in Kumpanija, visitato 2812 volte)
Segnalazione originale su Daily-News.Ro
Romnià competono in una gara di bellezza
di Denisa Maruntoiu

Miss Piranda 2006, la competizione di bellezza per giovani donne Rom, ha riunito lo scorso fine settimana (21-22 gennaio 2006, ndt) migliaia di ammiratori della bellezza alla sala polivalente di Bucarest.

Braccia e ventri nudi stanno girando, curvando e ondeggiando, mentre donne rosse, dorate, gialle e verdi stanno unendosi insieme in un meraviglioso gioco di colori e sussurri. Diciassette giovani donne ballano nella loro maniera per farsi notare nell'annuale finale di bellezza e danza del ventre per giovani donne Rom, "Miss Piranda 2006".
È l'ultimo giorno della gara di bellezza che ha avuto luogo sabato e domenica sera alla sala polivalente di Bucarest.
Le diciassette coppie di occhi neri-bruni stanno brillando, provocanti monete d'oro, lustrini rosa e collane che coprono le loro fronti, colli e braccia. Le donne, tra i 14 e i 25 anni, sono state selezionate fra 70 candidate che volevano avere la possibilità di vincere il primo premio da 2000 dollari, oltre l'ammirazione di tutti gli uomini Rom.
"Piranda significa una bella moglie o ragazza. Ma non possiamo chiedere alle ragazze di assomigliare alle top-model. La cosa più importante per loro è danzare con grazia e talento", dice Nicky Costescu, il presentatore dello spettacolo.
Vestito con un abito brillante, ricamato con migliaia di lustrini variopinti, Costescu accoglie il pubblico e promette una serata che non scorderanno mai.
La sala è molto affollata, dal momento che il contesto è la celebrazione della tradizionale cultura Rom. Inoltre i 5000 spettatori non volevano perdere l'occasione di cantare e ballare insieme alle più popolari cantanti "manele" (Musica popolare gitana).
E siccome gli organizzatori non volevano deluderli, il concorso di bellezza è stato preceduto da un autentico spettacolo "manele" che ha eccitato l'atmosfera e spronato le giovani contendenti ad ammaliare il pubblico con sorprendenti movimenti del corpo e bellissimi sorrisi.
Per circa quattro ore gli spettatori hanno danzato, cantato, fischiato, urlato e si sono dedicati canzoni gli uni con gli altri. Di tanto in tanto, una star "manele" come Relu Pustiu (Relu la bambina), Sorin Copilul de Aur (Sorin il bambino d'oro), e Catalin Arabu (Catalin l'Araba), crea il caos totale tra gli spettatori, i quali camminano sui piedi degli altri per avvicinarsi al palcoscenico e prendere una foto dei loro idoli.
Finalmente, la competizione ufficiale ha inizio e le ragazze indossano i loro luccicanti abiti lunghi. E' il primo test e le bellezze non hanno fatto nessuno sforzo per far rimanere senza fiato la giuria: abiti trasparenti e vaporosi, corpi sbrilluccicosi, gioielli stravaganti, labbra rosa, lucide e lunghi capelli setati. Le ragazze si portano sulla passerella e la folla va in delirio.
"Venite più vicino! Siete così belle!" o "Ruotate, ruotate per mostrarci tutto ciò che avete!", sono solo alcune delle espressioni usate dal pubblico maschile per mostrare la loro esaltazione.
Ma le giovani donne si sono allenate per tante notti e gli uomini non riescono a renderle nervose. Sono fiere di condividere la loro bellezza con gli spettatori e i loro occhi mostrano solo confidenza e determinazione.
La sfilata è seguita da un'altra serie di recitals "manele" durante i quali i contendenti vengono invitati a danzare e a svelare i loro talenti. Le monete d'oro cominciano a vibrare e l'intera sala sta risuonando tra le ballerine.
Il pubblico è estasiato e i giovani uomini salgono sulle loro sedie sperando di avere una veduta migliore sulle sensuali giovani donne che conquistano il palco.
Dopo circa 30 minuti di movimenti sorprendenti, la giuria chiede che la musica venga fermata.
"La giuria ha ottenuto un verdetto", annuncia l'anchorman con tono solenne.
La vincitrice del titolo più ambito, Miss Piranda, è Alina Grigore di 16 anni, una bellissima bruna che indossa un abito orientale argentato. La ragazza è eccitata e i suoi occhi lacrimano. Lei ha sempre sognato questo momento e ora il sogno è divenuto realtà.
La competizione di Miss Piranda dello scorso anno ha radunato una folla impressionante desiderosa di votare per la più bella ragazza Rom. Comunque, la competizione è stata un po' più rilassante , visto che solo 14 ragazze hanno avuto il coraggio di mostrare i loro talenti di fronte alla giuria. Miss Piranda 2005 è stata vinta dalla 17-enne Stefania Petrache che ha ricevuto una corona e 500 dollari, quattro volte meno rispetto alla vincitrice di quest'anno.

A questo punto, per completezza di cronaca, un "diverso parere" dell'estate scorsa, e l'unica foto della vincitrice disponibile in Internet:
piranda
 
Di Fabrizio (del 27/01/2006 @ 10:24:53, in Kumpanija, visitato 1815 volte)

su Mundo_Gitano il 23 gennaio sono apparsi 4 articoli sui Gitani in Colombia, a cura di:

PROTSESO ORGANIZATSIAKO LE RROMANE NARODOSKO KOLOMBIAKO / PROCESO ORGANIZATIVO DEL PUEBLO ROM (GITANO) DE COLOMBIA, (PROROM)Organización Confederada a Saveto Katar le Organizatsi ay Kumpeniyi Rromane Anda´l Americhi, (SKOKRA)

Ecco una piccola selezione.


In principio erano conosciuti come “egiziani”, parola che si trasformò poi in "gitanos". I Rom, il vero nome di questa comunità, arrivarono nelle Americhe già nel 1492 quando quattro di loro si imbarcarono con Cristoforo Colombo. Le migrazioni proseguirono in epoca coloniale. La popolazione crebbe ancora all'epoca delle due guerre mondiali, quando dall'Europa fuggivano al razzismo e alle persecuzioni nazifasciste. Molte carovane seguirono la rotta Caracas-Bogotá-Quito-Lima-Buenos Aires installandosi dove si trovavano meglio. In Colombia si contano circa seimila gitani raggruppati in Kumpanias. Le più famose sono quella di Girón a Santander, di Cúcuta (una delle più grandi, con circa mille Rom) e quella di Bogotá, con 250 persone. Hanno una legislazione proria per la risoluzione dei conflitti sulla base del dialogo e dell'accordo. Così, in caso di processi, si riunisce la Kriss Romaní, una specie di tribunale interno dei gitani più anziani, che discutono il problema e cercano come risolverlo, sulla base di una accordo pacifico tra ambo le parti. “Odiamo la guerra, non usiamo armi, siamo pacifisti totali”, dice Miriam.

Il problema

“No signora, crede di poter fare ciò che vuole perché lei è gitana?” Non può. I suoi documenti non sono a posto” disse le rettrice del collegio dove voleva studiare uno dei figli di Jenny. Ma i documenti erano completi e compilati, con un unico problema: loro erano gitani.

Succede che non la facciano entrare nei negozi. “Il commesso vede una donna vestita da gitana e le proibisce di entrare, perché pensa che ruberà. Noi compriamo, come tutti gli altri! Perché dovremmo rubare? Colpa di quanti si spacciano per noi per darci la colpa”, protesta Kolya.

Le loro speranze ora sono poste nelle promesse del 23 gennaio: sistema sanitario con uno schema ispirato alle caratteristiche del loro popolo, riconoscimento dell'etnia rom – con documenti che permettano lo sviluppo dei commerci tradizionali e della vita nomadica, negozi e officine dedicate alle loro attività, tra l'altro.

“Siamo in tanti, colombiani come tutti gli altri, ma i nostri costumi e tradizioni sono differenti. Non siamo maiali o bruti, niente di tutto ciò. Abbiamo bisogno di aiuto perché quando qualcuno di noi si ammala, non sappiamo come curarlo”, dice Jenny.

Il merito dell'essere stati inseriti nel Piano Nazionale di Sviluppo e del riconoscimento come colombiani, va a Prorom (Proceso Organizativo del Pueblo Rom de Colombia), organismo formato da loro stessi, che si occupa dei diritti di queste 6.000 persone e dei rapporti tra le comunità e le autorità comunali e statali.

“Nel frattempo, molti di noi sono partiti per il Perù, gli Stati Uniti o l'Ecuador. Se la situazione continua a peggiorare, ci toccherà andarcene e la Colombia rimarrà senza gitani”, continua Jenny.

La sera si avvicina e un gruppo attacca a suonare canti in romanès e melodie orientali. Valentina balla, si muove e fa roteare le mani. Resta solo una domanda: com'è stato possibile mantenere la tradizione in tutto questo tempo? La risposta di Jenny è di una semplicità disarmante: “Non lo so, i bambini sanno di essere gitani, a loro piace e non facciamo niente per convincerli. Non è difficile, essere Rom è un orgoglio per tutti noi”.



Popolazione vulnerabile

Non vivono più nei carri, ma in case di cemento e mattoni: sono sedentari. Mantengono l'idioma, parente stretto del sanscrito, e osservano leggi proprie, amministrata e tramandata dalla kriss degli anziani. Si tramandano saperi e mestieri di generazione in generazione. Gli uomini artigiani del rame e commercianti di cavalli e scarpe. Il potere della casa poggia sugli uomini, mentre alcune donne si dedicano alla lettura della mano.

Dalila Gómez è una gitana fuori dagli schemi: ha studiato all'università per coordinare gli sforzi governativi per la scolarizzazione dei Rom. Si veste di seta, con colori vivi e monili. Secondo lei, il suo gruppo etnico si caratterizza per [un concetto di] frontiere più esteso di quello della società maggioritaria, però giudica importante l'impegno dello stato perché “prima di essere un gruppo etnico, siamo una popolazione vulnerabile, e cerchiamo che i politici si rivolgano a noi e ai nostri bambini in maniera etno-educativa”.

Vénecer Gómez, un giovane gitano che non differisce in niente da un qualsiasi studente universitario, riconosce che “ci sono molte storie attorno al popolo gitano. Alcune vere, altre totalmente false. Mi sono reso conto che questo era il momento di farci conoscere”.

Una decisione che l'ha portato a studiare diritto all'università di Bucaramanga. Dice che la cosa più dura è stata accettare il fermarsi per anni nello stesso posto. Ricorda di aver passato l'infanzia di villaggio in villaggio, e di aver frequentato le elementari in diverse scuole. “Mi stufa rimanere fermo in un posto” dice. Andai a a scuola con i documenti di viaggio sotto braccio. I miei genitori vedevano che non c'era lavoro e allora ci si spostava.

Gli ultimi gitani

Le tre sorelle Gómez vivono in casa nel barrio El Poblado di Girón (Santander). Condividono un grande salone ben arredato e con dei grandi divani che nessuno o quasi adopera. Il loro tempo trascorre sedute all'aperto, bevendo e osservando loro fratello Roberto che si fuma quattro pacchetti di sigarette al giorno. L'unica differenza con le vicine è quando rispondono al telefono, in romanès, perché nonostante il cognome e il tetto sulla testa sono gitane purissime.

Loro padre, Matei Bolochoc, arrivò in Colombia dal Venezuela all'inizio secolo. Proveniva da Parigi e si sposò con Ana Teotiste Santos una colombiana che così acquisì gli usi di uno dei popoli più antichi della terra.

Matei mutò il suo nome in Alfonso Gómez e assieme ad Ana Teotiste rapidamente si mise in marcia, rincorrendo con un carro trainato da cavalli i mezzi che da Medellín arrivavano a San Cristóbal, in Venezuela. Le sue figlie e Roberto, che poi avrebbe rifatto lo stesso mestiere con un camion Silverado e la sua famiglia, vissero quegli anni di polvere e pioggia come i più felici della loro vita. Lo conferma Consuela a mezza voce: “Arrivavamo in un paese e all'ingresso montavamo le tende. A volte durava giorni, oppure settimane. Tutto dipendeva se eravamo graditi al prete. Uno disse che eravamo ladri e malfattori, ci presero a sassate, ma non importava. Eravamo libero e potevamo sempre andare dove si voleva.” Il posto dove furono trattati meglio è stato Armenia. Gli abitanti del villaggio li accolsero nel mezzo di una tempesta, che ancora mette paura a ricordarla.

I nuclei principali di gitani si trovano nei quartieri Atalaya (Cúcuta), Galán, San Rafael, La Igualdad, Primavera, Puente Aranda, Nueva Marsella, La Francia y Patio Bonito (Bogotá), Santa María (Itagüí), Jardín (Cali), Santa Inés (Sogamoso) e naturalmente El Poblado, a Girón.

Nei dintorni di Bucaramanga, dove frequentemente piantavano gli accampamenti, si stabilirono quando la violenza nelle campagne fu tale da rendere impossibile il viaggiare oltre. Erano proprietari del miglior locale della zona, il Bar Nebraska, che aveva un'immensa barra tappezzata di rosso.

Oggi sono circa 150 i gitani che vivono in questa località della zona di Santander. La maggioranza di loro mostra sulle finestre un cartello “in vendita”, come simbolo del loro vagabondare. Nel momento di accendere la quinta sigaretta e con la terza tazza di caffé in mano in meno di venti minuti (questo li distingue da quelli arrivati dall'Europa Orientale, che consumano te nella medesima quantità), Roberto spiega il perché del cartello: “Serve a mantenere l'illusione che un giorno tutti potremo rimetterci in cammino un'altra volta”.

Lui, secondogenito di una famiglia di dieci, viaggia da solo. Qualche volta si sposta verso Boyacá, dove costruisce forni per fusione e scappa da suo figlio Venecer, che lo rimprovera preoccupato ogni sigaretta che si accende.

Occhi azzurri e statura considerevole, Venecer Gómez Fuentes appartiene alla seconda generazione di una famiglia che ha fatto la sua piccola fortuna sviluppando il mestiere tradizionale della forgia del rame. Frequenta il quinto semestre di Diritto nell'Università Industriale di Santander ed è portavoce ufficiale del popolo Rom, come loro si definiscono.

Venecer non ha viaggiato con le tende, però conosce il piacere e anche le scomodità che accompagnano l'essere nomade della sua famiglia. “Con la Silverado abbiamo percorso chissà quante strade, portando con noi solo i cinque piatti per mangiare. Ognuno aveva con sé un sacco di piume d'oca per ripararsi dal freddo e dalla pioggia”. Naturalmente parla il romanès e nelal stanza canta canzoni gitane che ha scaricato da internet. “La maggior parte sono tristi all'inizio, come questa: Zia, prestami il tuo grembo per riposare la mia testa pazza e stanca”.

Ma lo stesso è partecipe della tradizione. A 27 anni non è stato ancora protagonista di uno dei riti fondamentali: el abiao o matrimonio.

Per i gitani fondare una famiglia è uno degli scopi della vita e molti lo fanno in giovine età. Senza dubbio, le norme per sposarsi sono rigide. Gli uomini preferiscono sposare una donna della loro etnia invece che una gadyi. In compenso, le donne devono fidanzarsi con un gitano, pena l'espulsione dalla comunità.

In silenzio, Venecer sembra opporre resistenza a sposarsi. Il compito di portavoce che ha assunto lo ossessiona. Sa che se non lavorerà per i loro diritti, i gitani di Colombia spariranno definitivamente.


 
Di Fabrizio (del 27/01/2006 @ 10:02:17, in Kumpanija, visitato 2201 volte)

Cari amici, ho il piacere di informarvi che le OnG dei Rom in Turchia hanno deciso di riunirsi come Federazione delle Associazioni dei Rom di Turchia (TROMDEF -Türkiye Roman Dernekleri Federasyonu), email edcinkay@mynet.com .

Di seguito trovate ulteriori riferimenti e un articolo pubblicato di recente

ANA OPRISAN, M.A., Programme Manager

IBC - INTERNATIONAL BLUE CRESCENT RELIEF AND DEVELOPMENT FOUNDATION
ULUSLARARASI MAVI HILAL INSANI YARDIM VE KALKINMA VAKFI TURKEY Office

Bostancı mah., Cami sok., Cesur apt. no 11 / 3,
Bostanci, IstanbulWeb: www.bluecrescent.net
Tel.: 0090 216 464 68 82Fax: 0090 216 361 57 45 PAKISTAN Office
House no B 270, street 22, Sector E – 7, Islamabad
E-mail: ana@bluecrescent.net Tel./fax: 0092 51 265 43 96 - Mobile: 00923015982075

/logo_redux

Mercoledì, 25 gennaio 2006

LE ORGANIZZAZIONI ROM CONTRO I PREGIUDIZI IN TURCHIA
Yigal Schleifer 7/22/05

Non hanno ancora il telefono o il computer, alla nuova Fondazione per il Supporto, la Cultura, la Scolarizzazione e l'Autoaiuto dei Rom a Muratli, piccola città 100 Km. circa a ovest di Istanbul, ma l'attività ferve già. E' aperto da quando Yasar Atessacan, presidente dell'associazione, ha finalmente più tempo libero dal suo lavoro che lo porta nei campi attorno alla città.

Atessacan assieme a un piccolo gruppo di Rom di Muratli, hanno presentato la loro associazione due mesi fa, autotassandosi per affittare e risistemare un piccolo magazzino di una stanza. Il quarantanovenne Atessacan, fisico segaligno contornato da baffi sale-e-pepe, racconta che lui e i suo compagni hanno smesso di fumare e reinvestito il denaro risparmiato in questa nuova impresa. La maggior parte di loro, lo stesso Atessacan, campano di agricoltura o caricando balle di fieno sui camion in attesa.

Già da bambino, racconta Atessacan, si immaginava questa fondazione e che potesse difendere i diritti dei Rom di Muratli. “Ci sono famiglie che a fatica possono permettersi di mandare i bambini a scuola. Molti giovani sono senza lavoro. Abbiamo bisogno di case – attualmente un alloggio solo serve a due o tre famiglie”.

I diritti dei lavoratori Rom di Muratli, sono solo un esempio del risveglio civico tra i Rom della Turchia. Negli ultimi due anni, le loro associazioni hanno aperto uffici in cinque città, e in altre cinque apriranno a breve. Dopo decenni di vita ai margini della società turca, sembra che qualcosa possa cambiare.

“Penso a qualcosa di simile all'Europa negli anni '70, quando iniziò a svilupparsi il movimento per i diritti dei Rom” dice la ricercatrice Elin Strand Marsh, che insegna cultura Romanì all'università Bilgi di Istanbul. “Ora sembra che qualcosa del genere possa partire anche in Turchia”.

Ufficialmente, ci sono circa 500.000 Rom in Turchia. Gli attivisti delle comunità dicono che queste cifre risalgono a censimenti ormai datati e ribattono che il loro numero reale sarebbe di 2 milioni. Strand Marsh, assieme ad altri puntualizza che in Turchia i Rom non subiscono gli stessi aperti pregiudizi di altre parti d'Europa, ma la discriminazione è tuttora persistente. Le leggi risalenti al 1930 permettono al governo di rifiutare la cittadinanza e danno poteri alla polizia per controllare “quegli zingari che non abbiano un'occupazione definita”.

Gli attivisti per i diritti umani dicono che i Rom turchi fronteggiano di continuo problemi nell'accesso alla scuola, alla sanità e all'alloggio. Ad Istanbul, secondo un rapporto dell' European Roma Rights Center del 2003, il municipio aveva costruito un quartiere di alloggi popolari per i Rom, circondandolo con un muro alto due metri, che li isolava dal resto della città. Eppure, già questo era un miglioramento per Istanbul, dove i Rom si sistemano in case abbandonate o in aree industriali dismesse.

Atecassan dice che a Muratli la discriminazione nel lavoro è comune, adesso che i raccolti di fieno e di girasole attorno alla città stanno lasciando il posto alle industrie tessili. “I nostri giovani bussano alle fabbriche in cerca di lavoro, ma non lo ottengono a causa della loro origine” dice. “Rimane il lavoro stagionale dei campi. Ma questo non da nessuna sicurezza sociale”.

Così, se l'apparire di queste nuove organizzazione rappresenta un cambio importante, nella loro organizzazione persistono ostacoli significativi. “Abbiamo grandi esigenze. Anche se si sono organizzati, i Rom mancano di esperienza nella gestione di un'OnG, nel raccogliere fondi” dice Ana Oprisan, coordinatrice del progetto di International Blue Crescent riguardo alla comunità Rom.

E' partito un nuovo progetto, un corso di formazione sui diritti umani – a Edirne, con lo scopo di colmare il gap esistente. E' sviluppato dall'OnG turca “Assemblea dei Cittadini di Helsinky, dall'università Bilgi e dall' European Roma Rights Center di Budapest. Intende formare personale che si occupi dei diritti umani partendo dalle situazioni locali. Vi parteciperà anche Edcinkay, un'associazione per i diritti dei Rom che conta un anno di vita.

“Negli ultimi anni, abbiamo notato un miglioramento generale sul tema dei diritti umani in Turchia. Abbiamo potuto osservare immensi progressi riguardo la discussione su questi argomenti, ma i Rom non sono parte di questo progresso” dice Sinan Gokcen di Assemblea dei Cittadini di Helsinky. Aggiunge: “Non hanno alcuna forma di assistenza legale in questo paese”.

Erdinc Cekic, presidente di Edcinkay, spiega che proprio questa è stata la ragione per cui ha fondato la sua organizzazione. “Sappiamo che il problema degli -zingari- dovrà essere discusso [nell'Unione Europea, di cui la Turchia spera di diventare parte], così siamo coscienti che è un tema importante”. Cekic è un piccolo uomo d'affari, attivo nella politica comunale prima di fondare Edcinkay.

E' cresciuto nel quartiere rom di Edirne, ma l'identità familiare non è mai stata messa in discussione. I suoi genitori smisero di parlare il romanès in casa. “La ragione per cui sento di riaffermare la mia identità è politica”, ci dice Cekic, che ha un corpo da orso e una faccia da bambino, durante un incontro nella sede di Edcinkay. “I politici si sono sempre presentati nei nostri quartieri, facendo promesse che non avrebbero mai potuto mantenere, o usando termini umilianti, che mai avrebbero adoperato da nessun'altra parte. Questa è stata la spinta a lavorare per la mia comunità”.

Anche nel suo gruppo, fervono attività ed iniziative. All'inizio di maggio hanno ospitato un simposio sui Rom in Turchia e iniziato a a stabilire contatti con esponenti della politica e delle OnG. Inoltre intendono promuovere borse di studio per giovani.

“Uno dei nostri obiettivi, è formare 10 avvocati, 10 dottori e 10 giudici Rom,” ci dice Cekic. “Allora saremo in grado di cambiare la mentalità delle persone. Non abbiamo altra possibilità, se vogliamo riuscire... La prima cosa da fare sarà cancellare tutti i pregiudizi che la gente ha quando sente la parola -zingaro-”

Editor’s Note: Yigal Schleifer is a freelance journalist based in Istanbul.

1_front

4_front Yasar Atessacan, presidente della nuova Associazione Rom di Muratli.

3_front

2_front Erdinç Çekiç (presidente dell'Associazione Rom di Edirne – EDÇÝNKAY), eletto presidente della Federazione delle Associazioni Rom di Turchia



 
Di Fabrizio (del 23/01/2006 @ 10:23:22, in Kumpanija, visitato 2109 volte)

Il giorno della memoria, con il suo strascico di orrori e carneficine...
Mi ricordo i racconti di mia mamma: la guerra, la fame, le persecuzioni, hanno anche un loro lato di inquietante normalità. Anche chi non è passato dai campi d sterminio, ne ha portato il segno.
Dijana Pavlovic', nella sua intervista, raccontava della ricerca svolta per vedere quegli anni con lo spirito di un bambino, che era anche Rom.
Ma cosa accadde realmente in Italia ai nostri nonni? Chi lo visse racconta, e non sembri strano se recupero la memoria di un saltimbanco... un pagliaccio, da un libro che ha il grande pregio di un linguaggio perfettamente comprensibile anche ai bambini. Un libro scritto, come se fosse raccontato a voce, e che proprio così, con la sua grammatica colloquiale, ci introduce nella vita dei Sinti del sanguinoso secolo XX.

Da
STRADA, PATRIA SINTA (U DROM MENGRO CIACIO GAUV) di Gnugo De Bar edizioni FATATRAC
...Mio nonno era Jean De Bar, un sinto valcio che in lingua nostra vuol dire "francese". Scese in Italia a piedi nel 1900.
Lasciò i genitori in Francia e venne a tentare la fortuna, senza niente, a quindici anni, solo con qualche costume da saltimbanco.
Era uno dei più bravi contorsionisti del mondo, ma era bravo anche a fare i salti di scimmia, in altre parole i salti mortali al tappeto: ne faceva sei, sette o anche otto.
I De Bar sono una famiglia di saltimbanchi da sempre.
Anche mio nonno aveva imparato a guadagnarsi la vita così.
Lui posteggiava, che nella nostra lingua significa proprio fare i numeri di saltimbanco all'aperto, davanti alle chiese, nei mercati e nelle fiere.

...
Poi venne il 1939, un bruttissimo anno. L'Italia e la Germania avevano rotto il patto di non belligeranza con la Francia.
Era autunno e la mia famiglia s'era appena fermata al Bacino di Modena per fare la sosta dopo la stagione delle fiere.
Da noi s'usa così infatti. Quando si lavora la famiglia si divide, poi d'inverno ci si ferma tutti insieme.
Quell'anno la famiglia s'era fermata appunto nella Strada Bacino, che oggi credo si chiami Due Canali e c'erano insieme al nonno, lo zio Noti e la zia Mariettina con tutti i propri figli. Lo zio Carlo era invece ancora a fare la stagione in Lombardia e per lui fu una vera fortuna.
Mio padre aveva appena conosciuto la mamma Albertina, detta Gonia, che veniva da una famiglia che girava con le giostre.
Un mattino che piovigginava, mi hanno raccontato, molto presto hanno sentito bussare alle carovane, si sono svegliati e hanno visto le carovane circondate da militari, carabinieri, questura.
Dicevano che si doveva fare quello che volevano loro e che avevano l'ordine di sparare se qualcuno si fosse opposto.
Piantonarono tutto il giorno e la notte intera, prendendo il nome e il cognome a tutti, poi, il mattino seguente, condussero tutti quanti nel campo di concentramento di Prignano e ci portarono via tutti i muli e i cavalli che avevamo.
In Italia con le leggi razziali, fecero molti campi di concentramento per sinti, che nell'intenzione dovevano servire per smistare le nostre famiglie verso la Germania e la Polonia.
So per certo che ce ne erano a Berra di Ferrara, a Fossa di Concordia, a Pescara, e anche un paio nel bolognese che non ricordo più i nomi.
Se una deportazione di sinti non c'è stata, è stato solo per grazia della Regina Elena (che veniva dal Montenegro) che nel 1941 ci difese e impedì quello che poteva avvenire. C'era anche il campo di concentramento di Fossoli per gli ebrei, ma questo lo si conosce. Gli ebrei dopo la guerra hanno avuto il coraggio di parlare, di ricordare.
Noi sinti no. Io, per esempio, mi sono sempre vergognato di dire d'essere nato in un campo di concentramento.
Molti di noi ricordando di Prignano parlano dicendo "quando ci misero da quel contadino...". Ma quale contadino? Quello era un campo di concentramento fatto per sinti, e io ho trovato il coraggio di raccontarlo solo dopo che ho parlato con degli altri gitani spagnoli e altri sinti tedeschi e francesi.
Nella nostra lingua, mi hanno detto che nei loro Paesi dopo la guerra hanno potuto raccontare le loro storie, giornalisti e scrittori si sono preoccupati di quelle violenze che avevano subito e hanno scritto molte cose.
In Italia no, non si trova il coraggio; ma io credo invece che sia giusto raccontare.

PRIGNANO

A Prignano c'era il filo spinato e qualche baracca. poche perché noi avevamo le nostre carovane. Tutto era controllato da carabinieri e militari che nei primi giorni non ci facevamo mai uscire.
Poi, dopo un po' di tempo, decisero che dal campo potevano uscire quelli che volevano andare a spaccare le pietre per le strade a cinque lire al giorno. Così tutti andavano, anche per poter avere qualcosa da mangiare.
Le guardie due volte al giorno facevano l'appello e il contrappello. C'erano dei turni di un'ora e mezza in cui le donne potevano andare in paese a fare la spesa. I carabinieri erano i più cattivi e vigilavano anche all'osteria, tanto che non si riusciva nemmeno a fare una bevuta di un bicchiere di vino in santa pace. Dopo un mese che s'era nel campo venne un ordine del Ministero della Guerra: presero mio nonno Giovanni e lo portarono nel campo di concentramento a Civitella del Tronto perché fu riconosciuto detenuto politico, per il solo fatto di essere cittadino francese. Lì passò sacrifici e miserie insopportabili. Nel 1940 nasco io. Mio padre chiede ai carabinieri di portare la mamma all'ospedale di Sassuolo, ma dicono di no. Così nasco al freddo dentro una carovana al lume di candela.
E' un anno in cui tutti piangevano il nonno per morto, perché non si sapeva dove l'avevano portato e se fosse ancora vivo. Solo nell'autunno del 1940 concessero al nonno di scrivere una lettera. Nessuno ha ancora capito perché il nonno venisse considerato prigioniero politico, mentre poi hanno obbligato i suoi figli a servire la patria andando in guerra. Dal 1941, infatti, dopo l'intercessione della Regina, cominciarono a considerarci non più deportabili ma arruolabili, per cui iniziarono a far partire scaglionati e a forza tutti gli uomini in età.

...
Poi venne il famoso 8 settembre 1943, quando l'Italia fece l'armistizio con gli Alleati.
A Prignano quel giorno vennero i carabinieri e dissero: "Siete liberi di nuovo", ma nessuno ci credeva veramente. E il maresciallo disse: "Potete andare via come facevate prima", ma la nonna, che era il riferimento di tutta la famiglia rimasta, non sapeva più dove andare senza figli e senza il nonno. Così che mentre tutti gli altri sinti si rimettevano in viaggio e lasciavano quel posto maledetto, la nostra famiglia rimase lì ad aspettare che succedesse qualcosa.

IL RITORNO DEL NONNO

Un bel giorno dell'ottobre 1943 videro tornare a casa mio nonno, liberato perché i francesi erano di nuovo amici e ci furono momenti di allegria e di gioia, ma anche di passione per i figli al fronte. Poi mio nonno venne giù a Modena e andò dall'amico commerciante di cavalli, Tullio Pellicani. Quando gli raccontò ciò che aveva subito nel campo di prigionia, il Pellicani si mise a piangere e gli diede a credito un mulo e un cavallo per tornare a fare gli spettacoli: "Scegliti quelli che vuoi, me li pagherai quando avrai i soldi". Poi il nonno tornò a Prignano.

Quando i carabinieri videro il nonno con i due animali lo accusarono subito di furto e telefonarono all'allevatore di Modena che disse: “Io a Giovanni ne avrei dati anche di più, ma lui si è accontentato di quelle due bestie!”

Allora il maresciallo dei carabinieri si scusò con il nonno, gli strinse la mano e lo considerò persona degna di fiducia e di stima.

Dopo qualche giorno la mia famiglia lasciò definitivamente Prignano e si fermò a Modena. Qui si trovarono tutti i figli rimasti della zia Mariettina, dello zio Noti e del nonno, andarono a manghel un po' di vino (manghel significa “andare a chiedere”) e una sera fecro una grande festa d'addio. Al mattino infatti le tre famiglie si divisero: la zia Mariettina con i suoi figli cominciarono a girare nella zona di Milano, lo zio Noti verso Ferrara e la Romagna (poi nel bolognese), noi nel mantovano e nel modenese. Continuavamo a posteggiare, anche se gli uomini nello spettacolo erano pochi perché i figli del nonno erano tutti al fronte.

Visto che mancava anche il toni (il pagliaccio ndr.) per un periodo fu mia mamma a ricoprire quel ruolo. Il suo nome era il più buffo e strano mai sentito in una pista da circo: “Conserva”. Vestita da toni faceva anche le entrate.

....


... e il racconto continua, con la Resistenza, il dopoguerra, la crisi del circo. Se riuscite a trovarlo leggetelo, altrimenti qualche altro brano lo ritroverò in seguito.

 
Di Fabrizio (del 20/01/2006 @ 01:08:28, in Kumpanija, visitato 2520 volte)
Trovo una recensione sul weblog di Babsi Jones:

Stavo parlando in questi giorni con Mr. Calavera del 17° Trieste Film Festival; chi transita in zona ha qualche serata di pellicole balcaniche da vedere, e rischia di valerne la pena. Registi come Boris Mitić escono da questi festival, a volte sopportare qualche eccentrico cortometraggio è necessario per godersi scoperte straordinarie. Ho visto Lepa Dijana (Pretty Dyana) e confermo le mie impressioni: Mitić è il degnissimo erede del grande mago pazzo Kusturica, con qualche vantaggio generazionale: strafavorevole alla diffusione di copie pirata e DVX (al punto di ospitare sul suo sito un apposito volantino pro-pirateria), il giovane regista serbo chiude il cortometraggio (che dura 45 minuti) con un esplicito messaggio: colonna sonora e DVX disponibili “at your nearest pirate records”. E-mule vi attende, sappiatelo. Lepa Dijana è un documentario...
continua qui

Per chi se le fosse perse, le segnalazioni su Pirori di marzo e di aprile 2005 (come vola il tempo!)

1940817r 1865911
 
Di Daniele (del 13/01/2006 @ 10:37:08, in Kumpanija, visitato 1674 volte)
Fabrizio e Cicciosax, nonostante le promesse, quest'anno non sono passati dal GucaFestival...
Visto che la sezione foto in Mahalla è sguarnita, eccone una fatta da me in loco (le altre le trovate su Gustomania):
uno
è pieno di bimbi rom che vanno in giro come tutti a divertirsi... sono uno più bello di un'altro e simpaticissimi. ecco il motivo dello scatto. ne avevo altri tre o quattro del genere ma non li ritrovo più... anzi, adesso che ci ripenso, due di quelle che non ritrovo le regalai ad una mia amica che studia a roma...
e volendo c'è anche questa:
due
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/05/2022 @ 22:58:17
script eseguito in 88 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 817 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source