Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 03/04/2012 @ 09:42:33, in Kumpanija, visitato 3378 volte)

Desideriamo invitarvi a partecipare alla serata "LE COMUNITA' "ZINGARE" E I BEDUINI DELLA PALESTINA" con la proiezione dei documentari: UP FRONT, Media Sadaa - Alternative Information Center e JAHALIN - Co-diretto e prodotto da Talya Ezrahi, Lewie Kerr & Kamal Jafari - Alternative Information Center - organizzata dall'Associazione La Conta, che ci sarà, con ingresso libero e gratuito, giovedì 5 aprile 2012 alle 21,00, alla CGIL - Salone Di Vittorio in Piazza Segesta 4 con ingresso da Via Albertinelli 14 (discesa passo carraio) a Milano.
Parteciperà all'incontro Gabriella Grasso del Gruppo ISM Milano (International Solitarity Movement) che presenterà i documentari UP FRONT e JAHALIN e ci parlerà, tra l'altro, del rischio che corrono i beduini della Palestina di essere scacciati per sempre dalle valli del deserto tra Gerusalemme e Gerico ed ERICA RODARI, scrittrice e studiosa, che coordinerà la serata. Introduce Fabrizio Casavola.

UN FRONT Media Sadaa - Alternative Information Center
Tre donne, di diversa età, luoghi e ambiente, che sono comunque collegate dal loro potere, dalla loro indipendenza e soprattutto - dalla forte volontà di creare un cambiamento. Amoun Sleem, una delle tre donne, appartiene ai Domari, comunità degli zingari di Gerusalemme.

JAHALIN - Co-diretto e prodotto da Talya Ezrahi, Lewie Kerr & Kamal Jafari - Alternative Information Center
I beduini Jahalin vivono nelle valli del deserto tra Gerusalemme e Gerico, dediti all'allevamento di ovini e caprini, la loro principale risorsa economica. A metà degli anni 1990, una decisione del governo israeliano di espandere l'insediamento di Ma'ale Adumim, ha portato ad una serie di sgomberi che minacciavano di spostare 3000 persone, forti dalla loro casa nel deserto e distruggere il loro modo di vita tradizionale. Il film racconta la storia della loro lotta per rimanere sulla loro terra.

 
Di Marylise Veillon (del 08/04/2012 @ 09:57:06, in Kumpanija, visitato 1522 volte)



La fortuna, la provvidenza, il destino o come lo si voglia chiamare, ha fatto sì che fossi presente a Londra, nella settimana dell'otto aprile 1971. Da allora, ne è passata di acqua sotto i ponti. Sono trascorsi 41 anni. Ero quasi un bambino. Il mio viaggio a Londra, appena dopo il franchismo, fu il mio battesimo riguardo alla conoscenza della realtà gitana mondiale, della quale fino allora, avevo soltanto vaghe conoscenze.

Gitani e gitane provenienti da 25 paesi si erano dato appuntamento a Londra. Ci sono andato senza conoscere nessuno, e senza avere ben chiaro in mente di cosa trattava quella riunione. La mia prima sorpresa fu di constatare che quelle giornate erano state convocate, programmate e dirette dai gitani stessi. Neanche un solo "gachó" (payo) intervenne nei dibattiti, né assolutamente condizionò gli accordi lì presi. I ricordi vengono alla mia memoria con la stessa forza con la quale appaio nelle foto che accompagnano questo commento, le quali mi sono state regalate l'anno scorso, nel Regno Unito.

L'otto aprile del 1971, sapevo che nel mondo vivevano più gitani di quelli che conoscevo in Andalusia, però non li avevo mai visti. L'otto aprile 1971 ho sentito parlare per la prima volta in romanì. A casa mia, la mia famiglia chiacchierava in gergo. Non era lo stesso, ma era simile. Ho potuto scoprire stupito, come gitani che vivevano dietro la cortina di ferro - gitani che non si erano mai neanche sognato che le autorità comunista del loro paese avrebbero potuto mai autorizzarli a uscire verso il mondo capitalista - si capivano perfettamente con gli altri gitani arrivati dalla Francia, dalla ex Iugoslavia, o dalla temuta Germania. L'otto aprile 1971, sono stato invaso da brividi di commozione quando ho sentito sulla mia pelle i baci calorosi di tanti gitani che mi abbracciavano, emozionati per avere trovato il figlio perduto, il fratello sconosciuto che veniva dalla vecchia Spagna dove - loro lo sapevano - vivevano centinaia di migliaia di gitani separati dal resto del loro popolo, disperso in milioni per tutto il mondo.

L'otto di aprile 1971 mi sono sentito più libero che mai. Ho partecipato alla votazione che ha ufficializzato la nostra bandiera e poi ho percepito la liberazione che si prova tenendo come tetto l'azzurro del cielo e come pavimento il verde dei campi. Poi ho capito con chiarezza assoluta perché mio nonno Agapito ci augurava sempre salute e libertà.

L'otto aprile 1971 ho visto per la prima volta una balalaica. Ho ascoltato il suo suono nelle mani di Jarko Jovanovic. Alla sua melodia si è unita la musica soave, triste e melancolica di alcuni violini, e mentre dalle corde della balalaica saltano fuori le note infuriate, che imitano il crepitio delle fiamme assassine che hanno distrutto la vita di tanti innocenti nei campi nazisti, i violini con la loro dolce melodia, fanno strada a fiumi di lacrime, mentre giocano con il ricordo di tanti anziani ingiustamente gasati, decine di migliaia di bambini massacrati e centinaia di uomini e donne che, nel fior della vita, non capirono mai perché li svestirono prima di introdurli nelle camere a gas. Così è nato il "Gelem Gelem".

L'otto aprile 1971, come lo sbocciare di un fiore, nella vecchia Europa è apparso il germe di una coscienza collettiva addormentata per tanti secoli. Gitani e gitane provenienti da 25 stati, residenti nei paesi comunisti dell'eterno freddo, o nella geografia spesso disumana del capitalismo più feroce, hanno messo al di sopra di qualsiasi ideologia il rispetto per la nostra comune condizione di gitani. Poi ci siamo resi conto che eravamo un popolo, che aveva saputo conservare leggi e costumi e che dovevano essere difesi. Il rispetto verso le persone più grandi, l'autorità indiscussa degli anziani, il valore della parola data, la venerazione suprema della famiglia, sono l'espressione palpabile della nostra massima istituzione e dell'amore supremo e incorruttibile nei confronti della libertà.

Oggi non ci sembra il giorno adatto per parlare delle nostre miserie. Dell'emarginazione della quale siamo vittime e degli attacchi razzisti che patiamo. Per denunciare queste situazioni abbiamo tutti i giorni dell'anno, e così facciamo. L'otto aprile è la Giornata Internazionale del Popolo Gitano è ha una vocazione di fraternità e di rispetto per tutto il mondo. Così come in questo giorno i gitani e le gitane del pianeta si avvicinano ai fiumi per depositare sulle loro acque le candele del ricordo e i fiori della libertà, nelle quali sta il simbolo del nostro desiderio di convivere con il resto dei cittadini in pace e armonia, in quanto una celebrazione che racchiude il ricordo del passato e l'amore per la libertà dovrebbe essere patrimonio di tutta l'umanità.

Juan de Dios Ramírez Heredia
Presidente de Unión Romani
Abogado y periodista

 
Di Sucar Drom (del 11/04/2012 @ 09:03:25, in Kumpanija, visitato 1270 volte)

E' venuta a mancare prematuramente Giuseppina "Rumanì" Ciarelli, romnì italiana tra le prime a Milano a diventare mediatrice culturale e attivista per i diritti dei rom e dei sinti. Rumanì ha iniziato il suo impegno come mediatrice a favore delle donne e dei minori rom e sinti nei consultori famigliari, insieme ai mediatori e alle mediatrici di Sucar Drom alla fine degli Anni Ottanta. E' stata una delle prime mediatrici sanitarie italiane, ci mancherà il suo sorriso e ci mancheranno le sue capacità. Pubblichiamo il ricordo della Consulta Rom e Sinti di Milano a firma di Giorgio Bezzecchi, Dijana Pavlovic e Paolo Cagna Ninchi

"Noi siamo belli", questo diceva Rumanì di noi rom, questo è quello che sentiva, che pensava e che diceva quando incontrava, anche in incontri ufficiali i "gagi". Questo ci ha insegnato Rumani, a credere che i rom sono belli, perché liberi, perché portano qualcosa di bello in questo mondo con il loro modi di vedere la vita, con la gioia capace di esprimersi in ogni momento, anche il più difficile.

Rumanì era libera e capace di raccontare la LIBERTA', capace di cancellare i pregiudizi con le sue parole semplici e forti. Traduceva il suo nome RUMANI' in "donna libera". Così noi pensiamo a lei, sorridente e orgogliosa.

E' stata una delle prime attiviste e leader del movimento per i diritti Civili di Rom e Sinti a Milano. Ciarelli Giuseppina nata Avezzano il 7 Giugno 1957, detta "Rumanì" dalle donne delle Comunità Rom e Sinti di Milano.

Rumanì è stata una delle prime attiviste dell'Opera Nomadi di Milano, iniziava la sua attività già alla fine degli anni '80, nei primi anni '90 seguì un corso di Mediatori Sanitari andando a lavorare per anni nel Consultorio familiare di via Fantoli svolgendo la propria importantissima funzione a favore

Nella prima metà degli anni '90 ritirò a nome dell'Opera Nomadi di Milano l'Ambrogino d'Oro testimoniando orgogliosamente e caparbiamente il desiderio delle Comunità rom e sinte di superare le difficoltà legate alla lotta alla discriminazione e al riconoscimento dei propri diritti. Aveva un grande ruolo all'interno della Comunità e per noi era un punto di riferimento, non solo una grande amica.

 
Di Fabrizio (del 16/04/2012 @ 09:34:24, in Kumpanija, visitato 2651 volte)

La provincia pavese - Casteggio, sinti da tutto il Nord Italia per i funerali del leader di Piazzale Europa di Anna Ghezzi

CASTEGGIO. Sinti ce n'erano almeno ottocento a riempire la piazza della chiesa di Casteggio, ma tra loro anche i pavesi - e non solo - che con Paolo Casagrande hanno lavorato, condiviso un pezzo di strada, progettato nuove sfide per far vivere il campo di piazzale Europa e l'integrazione con la città. Le serate di conoscenza, i progetti per i più piccoli, lui era il contatto con istituzioni e le associazioni.

Settanta corone di fiori rossi, bianchi, gialli, viola, arancio da cui, nel corteo lunghissimo, verso il cimitero, sono stati tolti i fiori, e gettati per terra, secondo la tradizione. Cappelli tradizionali,secchi di petali che le ragazze gettavano in terra al passaggio del feretro di paolo Casagrande, 52 anni, diretto successore della regina Mafalda e leader del campo nomadi di piazzale Europa. È morto potando un albero pericolante sopra la roulotte della suocera, lasciando nello sconforto tutta la comunità.

La chiesa piena, i bambini del campo vestiti da chierichetti sull'altare a cantare sulle note della chitarra dell'amico Davide Gabrieli di Trento. Sull'altare c'era don Vittorio Pisotti, parroco del Sacro Cuore: «È il nostro parroco - spiega Aurora Casagrande, la decana della famiglia, sorella di Paolo - ci vuole bene. Ha celebrato tutti i nostri funerali». Da lui un saluto commosso: «Era una persona così attenta, così piena di fede. Lascia un ricordo speciale, era sempre disponibile ad aiutare prima di tutto la sua comunità, ma non solo». A fianco di fra Franco Marocchi di Canepanova anche padre Rafaelangel Radice: «Con Paolo, chiunque arrivasse al campo era accolto come un fratello», ricorda il frate, che ora è a Busto Arsizio ma spesso tornava a Pavia. C'era anche don Massimo Mostioli, una figura di riferimento: «È uno di noi, parla la nostra lingua», raccontano amici e parenti. All'uscita dalla chiesta un corteo di fiori e canti, la musica della banda di Noceto (Parma) che scandiva il ritmo con canzoni funebri alternati a canti popolari come "Rose rosse per te". Fino al cimitero: davanti alla bara la foto di Paolo con Papa Benedetto XVI, la lettera di saluto inviata al campo dopo l'incontro a Roma. E poi la corona di rose screziate con il nome con cui lo conoscevano tutti i sinti: Zito.

 
Di Fabrizio (del 30/04/2012 @ 09:39:18, in Kumpanija, visitato 1579 volte)

Da Roma_Daily_News

Mykawartha.com Presentazione della storia degli zingari del luogo. L'istallazione sulle Storie Dimenticate dell'artista JoEllen Brydon: gli zingari a Bethany nel 1909

[...] (BETHANY) Grazie ad Hollywood, la maggior parte della gente vede gli zingari come romantici lettori di sfere di cristallo o ladri criminali. La premiata artista JoEllen Brydon sa che non è così.

L'arte della residente di Mount Pleasant racconta le storie delle persone che incontra - amici, vicini, stranieri - delle radici dei suoi antenati a County Tyrone, Irlanda del Nord, e della gente nelle amate Cavan hills.

Nei suoi lavori ha anche ritratto con uno sguardo unico gli zingari, che verranno presentati durante l'incontro annuale della Manvers Township Historical Society, sabato 21 aprile nella sala da tea di Laura a Bethany.

La presentazione mette in mostra la sua installazione su larga scala, Storie Dimenticate: Gli zingari nel 1909, illustrata con immagini dei suoi dipinti e con fotografie storiche.

[Alcuni zingari] presero parte ad una migrazione di massa in Nord America alla fine del 1800 ma non ricevettero un caldo benvenuto, nota la signora Brydon. Forestieri dalla strana lingua, spesso venivano cacciati dai negozi, anche quando avevano i soldi. Molti furono costretti a rubare, aggravando la loro "cattiva reputazione".

Un gruppo poi emigrato negli USA ed in Messico, si trovò a passare la frontiera a Sault Ste. Marie, arrivando alle Kawarthas nelle 1909.

"Inizialmente finirono a Bobcaygeon," dice la signora Brydon, notando che presto venne chiesto loro di andarsene, e allora presero la strada per Peterborough.

Le autorità li intercettarono a Fowlers Corners. Gli uomini vennero arrestati. Donne e bambini si accamparono a Morrow Park mentre gli uomini andavano in tribunale. In seguito il gruppo lasciò Peterborough, seguendo la ferrovia e la linea del telegrafo verso Pontypool, dove si sistemarono in un grande insediamento in quella che oggi è Telecom Road. Brydon non saprebbe niente di tutto ciò, se non avesse trovato una foto nell'archivio del museo di Peterborough. Volendo saperne di più, si rivolse ai giornali. Alla fine contattò Ronald Lee, Rom di nascita, autorità sulla cultura rom ed oggi professore in pensione dall'università di Toronto.

"C'è voluto un anno per mettere tutto assieme," dice Brydon, che ha molto apprezzato il suo aiuto. "E' stato così interessante. C'è stata una grande copertura mediatica. Raramente si vede qualcosa emergere in questa maniera."

Lee  ha poi introdotto Brydon ad alcuni dei discendenti di quel gruppo sotto assedio.

Lei poi sviluppò l'installazione su larga scala che include 22 dipinti.

Brydon spera che quanti parteciperanno all'evento possano ottenere una migliore comprensione dei Rom.

"Ho imparato tutto. Prima del progetto non sapevo niente," dice. "Spero che la gente possa avere una migliore comprensione del mio lavoro e della cultura rom."

[...] Il sito di JoEllen Brydon.

 
USA
Di Fabrizio (del 04/05/2012 @ 09:31:54, in Kumpanija, visitato 1460 volte)

Da Hungarian_Roma

Roma Buzz Monitor Autoemancipazione di una donna rom ungherese di Laura Rahman

Non molti conoscono la differenza tra razza, nazionalità ed etnia. Molti di noi considerano queste tre parole come similari. Sono nata e cresciuta all'interno di un ghetto zingaro urbano in Ungheria. Nacqui che mia madre aveva 16 anni. Mio padre era un giovane delinquente. I suoi genitori erano scomparsi ad Auschwitz e lui crebbe in affido. Non si è curato troppo della sua origine etnica. Aveva adottato la vita dei Rom dove aveva famiglia e amici. In Ungheria, parlavo ungherese e non avevo religione, causa il periodo comunista. Ho frequentato le scuole ungheresi, imparato la letteratura e la storia degli Ungheresi, ma vivevo nel ghetto zingaro di Budapest. Attorno a me c'erano povertà e crimini, ma anche amore e molta arte in forma di musica e balli. A 20 anni, emigrai negli USA. All'inizio, ero persa. Non parlavo inglese, non avevo famiglia, e neanche una religione che mi collegasse a qualche gruppo. Andai a scuola per imparare l'inglese. Con me frequentava gente di tutti i tipi, ognuno parlava la sua lingua e frequentava la propria gente. Mi chiedevano da dove venissi. Dall'Ungheria, rispondevo. Poi mi chiedevano dov'è l'Ungheria. Nell'Europa dell'Est. Volevano anche sapere che lingua parlavamo. Dicevo loro che in Ungheria si parlava ungherese, e sentivo un orgoglio nazionale perché la gente voleva conoscere il mio paese. Non mi è mai maturato di poter essere di altra nazionalità che ungherese. Cinque anni dopo sono diventata cittadina naturalizzata USA. Vivo a New York, sposata con un Indiano musulmano, con mio marito ed i miei figli parliamo inglese, seguiamo l'Islam, vivendo come qualsiasi ordinario cittadino USA. Americani medi, con una casa in periferia, che guidano sempre per andare al negozio di alimentari, all'ufficio postale, a fare la spesa settimanale nei grandi supermercati, che mangiano hamburger ed inzuppano ciambelle. Mi sono pienamente adeguata alla nuova vita negli Stati Uniti. Ora i bambini sono cresciuti e non richiedono più la mia totale attenzione. La mia vita sociale ruotava attorno a loro. Andavo alle riunioni scolastiche, li portavo alle attività extracurriculari come corsi artistici, nuoto e tennis, incontrandomi e socializzando coi genitori dei loro amici. Ora che ho tempo per me stessa, mi sto facendo domande sullo spirito. Mi sono trovata in crisi d'identità. Così sono tornata al college, cercando di diventare una persona importante, in grado di fare la differenza. E lì ho imparato alcune cose importanti. Ho imparato che apparteniamo tutti ad un'unica razza umana, che in qualche modo siamo tutti interconnessi, e che la nazionalità e l'etnia sono fattori secondari della nostra identità umana.

Cosa significa essere zingaro? E' natura o educazione ("nature or nurture?" nella versione originale ndr.)? Nasciamo per essere zingari o lo diventiamo per fattori sociali ed ambientali? C'è molta speculazione sul patrimonio ereditario zingaro. Non è di questo che voglio discutere. Il mio dilemma è cosa sia essere uno zingaro nel mondo d'oggi. Sono necessari determinati requisiti? Quali? E chi è l'autorità che ci dice se siamo zingari o no? Essere zingari per fattori genetici non basta. Alcuni di noi hanno solo una percentuale di sangue rom nelle vene, ma rimaniamo zingari. Noi popolo romanì siamo in viaggio da 1000 anni. Questo significa che abbiamo viaggiato nel mondo e ci siamo mischiati con tutti i popoli incontrati per strada. Inoltre, un fatto impopolare è che in Europa siamo stai schiavi per circa 500 anni. Significa, che le zingare erano violentate, usate come schiave del sesso. Anche i bambini nati in quest'ambiente diventavano schiavi. Se proveniamo dall'India, perché tra di noi ci sono Rom biondi e con gli occhi azzurri?

Gli zingari sono una razza? La risposta è no. C'è soltanto una razza Umana, cioè l'Homo sapiens. La razza è un trucco della genetica. La popolazione umana mondiale condivide il 99,9% della genetica. La razza è natura e l'etnia è educazione; cioè, caratteristiche di nascita contro patrimonio culturale. Lo 0,1% di variazione genetica è responsabilità delle differenti caratteristiche umane, come il colore dei capelli e la struttura del corpo, il colore degli occhi e della pelle. Ma lo stesso colore della pelle è fortemente influenzato da fattori ambientali, quali la somma delle radiazioni solari. Ci sono tre distinte razze umane e trenta sottorazze. I Rom appartengono alla categoria degli Ariani, perché discendono dagli Indiani e parlano una lingua indo-europea.

  1. Razze caucasiche; Ariani che parlano lingue indo-europee
    Camiti, discendenti dalla progenia di Noè
    Semiti-Ebrei, Arabi
  2. Razze mongole; Mongoli nordici, Cinesi ed Indo-Cinesi
    Giapponesi, Coreani, Tibetani, Malesi, Polinesiani, Maori Micronesiani
    Eschimesi, Indo-Americani
  3. Razze negroidi; Africani, Ottentotti, Papua/Melanesiani, "Negritos"
    Australiani, Dravidi

Queste razze hanno sviluppato considerevoli variazioni fisiche tra una popolazione e l'altra. Le caratteristiche fisiche di popolazioni ed individui sono un prodotto dell'interazione tra geni ed ambiente. Per esempio: i propri geni predispongono ad un particolare tono di pelle, ma il colore della pelle di ognuno è fortemente influenzato da fattori ambientali quali la quantità di radiazioni solari. La razza definisce anche le relazioni sociali. Tutti gli esseri umani possono accoppiarsi tra di loro e mischiarsi, quindi siamo una sola razza. Ho sentire dire degli zingari che vivono in mezzo a chi non lo è, che è come mettere un asino in una mandria di zebre, all'asino no cresceranno le strisce. Certo che no! Un giorno morirà, nessuna zebra si prenderà cura di lui, sarà preso a calci e cacciato. Sarà respinto dal branco di zebre, perché l'asino non è uno di loro. L'asino è di una razza differente dalla zebra.

L'etnia si riferisce all'identificazione sociale degli individui basata sul loro patrimonio culturale e su caratteristiche comuni. I gruppi etnici possono condividere antenati, lingua, cultura, nazionalità o religioni comuni, o un misto di questi fattori. Per esempio, ci sono due tribù in Ruanda - gli Hutu e i Tutsi. I componenti di entrambe le tribù si assomigliano, parlano lo stesso gergo... Ma il governo belga etichettò i Tutsi (che allevavano bovini) come superiori agli Hutu (che erano agricoltori), e questo ha portato a scontri sanguinosi. Il punto è che gente della stessa razza ma con differenzi culturali può dirsi appartenente a differenti etnie. Ecco un altro esempio: quando gli Indiani migrano negli USA per studio o lavoro, sono etichettati tutti come "Indiani", anche se provengono da parti differenti dell'India, con tutte le differenze culturali e fisiche (per esempio: i nati nell'India del Nord hanno caratteristiche fisiche differenti dai nati nell'India del Sud - e anche se sono di etnie differenti, negli USA sono tutti etichettati semplicemente come "Indiani"). Lo stesso succede al popolo romanì, anche se sembrano, agiscono, parlano differentemente, anche se vengono da retroterra etnico diverso, sono tutti etichettati solo come "zingari". La razza non si può cambiare. Ma l'etnia, sì. Inoltre, l'etnia è influenzata da fattori culturali ed anche dalla geografia. Abbiamo visto sopra  come gli Indiani, che in India sono differenziati etnicamente, siano considerati un popolo della medesima etnia in un altro paese. Lo stesso nel caso degli zingari. Un gruppo etnico ha una sua propria cultura separata. Chi appartiene ad una razza, lo è indipendentemente da quali possano essere le sue differenze culturali. L'etnia è principalmente per "cultura similare", mentre la razza è tutto quanto va riferito a caratteristiche fisiche/biologiche.

Nazioni e Stati-Nazione

La nazionalità si riferisce semplicemente al paese dove sei nato. La nazioni sono gruppi di persone culturalmente omogenee, più grandi di una sola tribù o comunità. Condividono lingua, istituzioni, religione ed esperienze storiche.

Quando una nazione di persone ha uno stato o un paese proprio, viene chiamato stato-nazione. Francia, Egitto, Germania, Giappone sono eccellenti esempi di stati-nazione. Ci sono alcuni stati che hanno due nazioni, come il Canada e il Belgio. Anche una società multiculturale come gli Stati Uniti sono uno stato-nazione.

Stati e paesi indipendenti

Iniziamo col definire uno stato o un paese indipendente. Uno stato indipendente:

  • Ha spazio o territorio i cui confini sono internazionalmente riconosciuti (possono esserci controversi e di confini).
  • Ha popolazione che ci vive su base continuativa.
  • Ha attività economica ed un'economia organizzata. Commercio nazionale regolato, sia interno che estero. Emette moneta.
  • Gestisce l'ingegneria sociale, come l'istruzione.
  • Ha un sistema di trasporti per trasferire merci e persone.
  • Ha un governo che fornisce servizi e ordine pubblico.
  • Ha sovranità. Nessun altro stato può esercitare l'autorità sul territorio del paese.
  • Ha riconoscimento esterno. Un paese "votato nel club" dagli altri paesi.

Nel mondo ci sono attualmente 196 stati indipendenti. Territori all'interno di un paese o parti individuali di un paese, non sono paesi a sé stanti. Ci sono nazioni senza stato come i Curdi. Per i Rom essere una nazione non è proprio possibile a causa della loro dispersione nel mondo. I Rom non sono un popolo omogeneo come i Curdi. I Rom non condividono le stessa storia, lingua, costumi, cultura. Ogni suo gruppo etnico ha la propria identità culturale, di ciò che chiamano la loro cultura.

Altre temi caldi tra Rom e non-rom sono l'assimilazione e l'integrazione. Assimilazione significa assorbire le minoranze, che devono adottare lingua, costumi e "valori" della maggioranza.

L'integrazione, invece, richiede l'accettazione delle leggi di un paese, dei diritti umani come la libertà di parola, e dei diritti democratici fondamentali, ma non richiede lo sradicamento di tutte le differenze culturali o identità di gruppo: si concepisce come un processo a due vie, in cui si influenzano e si modificano l'un l'altra tanto la maggioranza che la minoranza, ed in cui le differenze possono convivere pacificamente fintanto esiste un comune impegno a vivere assieme. La maggior parte dei Rom è già assimilata, molti i Rom integrati persino nei loro paesi d'origine. Per molti, assimilazione ed integrazione sono ancora una lotta. Una manciata di leader rom si oppongono ad entrambe. Se i Rom vogliono sopravvivere nel prossimo millennio, assimilazione ed integrazione sono un dovere. I Rom devono prendere un posto nella loro comunità, essere parte del tessuto vitale del paese ospitante. Senza, saranno sempre vulnerabili ai conflitti tra paesi ospitanti e stati confinanti.

Io, Laura Rahman, nata in Ungheria, cittadina naturalizzata degli Stati Uniti, dichiaro che, io, appartengo alla razza Umana e sono di etnia Rom. La conoscenza mi ha emancipato dall'avere qualsiasi dubbio sulla mia identità. Dopo questa ricerca, chiaramente vedo le differenze tra nazionalità, etnia e razza.

 
Di Fabrizio (del 12/05/2012 @ 09:02:59, in Kumpanija, visitato 1840 volte)

Capita, di sentire paragonare la situazione di Rom e Sinti in Europa a quella dei nativi americani. Una delle cose che può unirli, è la conoscenza dell'erboristeria tradizionale, conoscenza che col tempo sta sparendo tra le comunità romanì. Non conosco approfonditamente la situazione dei nativi americani, ma vedo che tra loro questa memoria viene tramandata come identità culturale.

Indian country By ICTMN Staff May 4, 2012 RSS - Pat Gwin, direttore alle Risorse naturale della Nazione Cherokee, discute sulle piante con Cathy Monholland, storica delle tribù e specialista del curriculum culturale, in preparazione della seconda conferenza annuale etnobotanica  della Nazione Cherokee. La conferenza si terrà il 24-25 maggio. (Courtesy of Cherokee Nation)

Imparare come i Cherokee usavano le piante tradizionale come medicina, cibo, riparo, armi e altro ancora prima del Trail of Tears (l'esodo forzato dalle terre native ndr.) e di come alcuni componenti delle tribù stanno operando per preservare le tradizionali conoscenze ecologiche, e coltivare giardini con queste piante  importanti per gli Cherokee. Poi si andrà a piedi verso Rocky Ford, a nord di Tahlequah, Oklahoma, per osservare queste antiche piante crescere nel loro ambiente naturale e ascoltare come iniziare il proprio giardino cherokee.

La seconda conferenza annuale etnobotanica  della Nazione Cherokee si terrà il 24-25 maggio. Il primo giorno, gli oratori condivideranno alcune conoscenze tradizionali riguardo le piante della Riserva Cherokee del complesso tribale W.W. Keeler a Cherokee, Oklahoma. La conferenza si concluderà con la visita guidata a Rocky Ford.

"Scopo della nostra conferenza è far crescere la consapevolezza e l'apprezzamento per le piante cherokee, che ci fornivano non solo da mangiare ma anche medicina," dice Cathy Monholland, storica delle tribù e specialista del curriculum culturale per la Nazione Cherokee, in un comunicato stampa. "In molti hanno interesse ma non la competenza riguardo a queste piante, quindi vogliamo insegnare di più su queste piante che ancora sono importanti nella vita dei Cherokee, ed il nostro cammino nella natura ha lo scopo di permettere alle persone di osservare alcune di queste piante nel loro habitat naturale."

Clint Carroll (Courtesy of the University of Minnesota)

Il primo giorno l'oratore ospite Clint Carroll, della Nazione Cherokee, evidenzierà le diverse sfide contemporanee che il suo popolo deve affrontare nel preservare la conoscenza ambientale degli indiani americani e le sue pratiche, col discorso: "Cosa sappiamo su ciò che vive nel mondo selvatico: la conoscenza ambientale cherokee attraverso le epoche". Carroll è dottore associato in studi degli indiani americani all'università di Minnesota–Twin Cities ed ha lavorato come tecnico all'ambiente e alle risorse naturali per la Nazione Cherokee.

Dopo il discorso di Carroll, i maestri giardinieri Tony e Carra Harris presenteranno alle 13.30 "Se le piante potessero parlare: una relazione cherokee". La coppia ha coltivato una delle più grandi collezioni nella nazione di piante significative per i Cherokee. Tony illustrerà come le piante erano usate per medicina, cibo, ripaqro, armi, strumenti e a scopo cerimoniale, prima del Trail of Tears. Carra presenterà idee e risorse per iniziare un proprio giardino cherokee.

La giornata conclusiva vedrà una passeggiata guidata di due ore nella natura, durante la quale i relatori della conferenza ed i rappresentanti del dipartimento alle Risorse Naturali illustreranno alcune delle piante presentate nella conferenza.

"Portiamo i partecipanti dove possono vedere crescere le piante, cosa che normalmente non è proponibile in un ambiente suburbano," ha detto Pat Gwin, guida alla camminata e direttore alle Risorse Naturali della Nazione Cherokee. "L'ambiente naturale dell'altopiano di Ozark assomiglia all'ambiente più a est dove vivevano i Cherokee."

La conferenza è gratuita ed aperta al pubblico. Per la passeggiata nella natura, verrà data precedenza ai primi arrivati. Informazioni sulla Conferenza Etnobotanica della Nazione Cherokee, contattare Monholland (001) 918-453-5389.

 
Di Sucar Drom (del 25/05/2012 @ 13:11:20, in Kumpanija, visitato 1928 volte)

Erasmo Formica (ultimo a destra)

Un grave lutto ha colpito la comunità sinta italiana, ieri sera è mancato Erasmo Formica, Presidente dell'associazione Sinti Italiani di Pavia e Tesoriere nazionale della Federazione Rom e Sinti Insieme.

Tutta Sucar Drom si stringe alla famiglia in questo momento di grande dolore.

Ciao Erasmo, rimarrai sempre nei nostri cuori
Yuri, Carlo, Barbara, Davide, Bernardino, Luca, Denis, Vittoria, Stefano, Elena, Matteo, Melody, Giulio e Manuel


    Mi unisco al dolore di Sucar Drom e di tutta la comunità pavese. Erasmo era davvero una persona aperta e intelligente. Chi ha potuto conoscerlo è stato fortunato.
    Fabrizio Casavola
 
Di Fabrizio (del 27/05/2012 @ 09:23:27, in Kumpanija, visitato 1765 volte)

Una rassegna gastronomica rom-balcanica promossa dagli allievi del corso organizzato dalla Fondazione Anna Ruggiu onlus.

I piatti della tradizione Rom balcanica per conoscere e integrare la comunità presente a Cagliari. È l'iniziativa che, per tre giovedì consecutivi a partire dal 30 maggio, vedrà protagonisti nel capoluogo sardo un gruppo di donne e ragazze rom, a conclusione di un lungo corso organizzato dalla Fondazione Anna Ruggiu onlus che comprendeva, tra l'altro, un seminario in materia di confronto culinario interculturale realizzato con l'Istituto alberghiero Antonio Gramsci di Monserrato.

La manifestazione, che si svolgerà in via Carloforte 76, vedrà proposto un menu con specialità balcaniche: dagli antipasti (salame bovino, carne secca bovina, formaggi, parica farcita con verza), ai primi (pita con spinaci e ricotta, pita con cipolla, patate e carne, oppure ancora pita con patate e cipolla). Poi per secondo il gulash e per dolce l'hurmasice capavce. Un menu tipico della cultura rom, accompagnato da bevande del commercio equo e solidale, fornite dalla Bottega di Sucania.

Per Lusia Milia, una degli gli organizzatori, si tratta di "sperimentare un approccio non convenzionale con gli appartenenti a questa antica cultura. Approccio inconsueto e sicuramente più interessante rispetto allo stereotipo che accompagna la presenza degli appartenenti a questa etnia nella nostra città".

(Red.)

 
Di Fabrizio (del 29/05/2012 @ 09:23:01, in Kumpanija, visitato 1729 volte)

Con immenso dolore informiamo che [ieri] a causa di un infarto è morto Umberto Spada, rom di Frosinone, giornalista sportivo, noto attivista dell'associazionismo rom ed uno dei fondatori promotore della Fondazione romanì Italia.

Fondazione romanì Italia
Via Zoe Fontana n. 220
00131 ROMA
Email: info@fondazioneromani.it

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/09/2022 @ 15:55:41
script eseguito in 74 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3256 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source